Jump to content

Recommended Posts

Sì, dio è un campo. Non un campo di balle, quelle che usano gli allevatori di mucche, è un campo elettro-magnetico e spiego il perché. 

La mente che in genere è rappresentata dal colore blu è elettrica perché produce campi elettrici, il cuore invece che generalmente è rappresentato dal colore rosso è magnetico perché produce campi magnetici. 

Quindi la loro unione/allineamento produce il cosiddetto campo elettro-magnetico e in quel modo si possono aprire delle percezioni.

Lo stesso parallelismo che si farebbe con uomo - donna ( blu e rosa) in cui l uomo rappresenta per la donna la mente, la parte elettrica mentre la donna rappresenterebbe per l uomo il cuore  la parte magnetica. 

Allo stesso modo dell atomo e dei suoi elettroni che per essere tale deve coesistere in campo, appunto il campo elettromagnetico.

Quindi in teoria Dio si trova anche nell'atomo in quell'attimo in cui le due cariche si trovano allineate nel modo giusto e da lì scaturisce un fenomeno, una scintilla, un amore, una creatura, un figlio. Che è un pó sempre la stessa cosa..

  • Love 1
  • Like 1

"S'immerse all'interno della vasca riponendo totale fiducia nel potere della piena opera.
Nel vento e nel suo farsi moto;
Nella terra e nella sua conduttività;
Nel fuoco e nel suo calore;
Nell'acqua e nel suo essere corrente. 
Intonó un canto e dalla parola fu trasportato e con solenne attesa si dispose a ricevere i doni e la grazia offerti dal calice del suo stesso altare. 
Di unico suono tutto il tempio si rivestì e la grande divinità si sollevò in cielo. Così mise i suoi abiti, e colmo di regalità salutó il popolo in segno di rispetto e gratitudine, e verso l'orizzonte pregno d'immortalità si ridiresse."

Link to comment
Share on other sites

Il 20/8/2023 at 06:35, ShamanArt ha scritto:

Sì, dio è un campo. Non un campo di balle, quelle che usano gli allevatori di mucche, è un campo elettro-magnetico e spiego il perché. 

La mente che in genere è rappresentata dal colore blu è elettrica perché produce campi elettrici, il cuore invece che generalmente è rappresentato dal colore rosso è magnetico perché produce campi magnetici. 

Quindi la loro unione/allineamento produce il cosiddetto campo elettro-magnetico e in quel modo si possono aprire delle percezioni.

Lo stesso parallelismo che si farebbe con uomo - donna ( blu e rosa) in cui l uomo rappresenta per la donna la mente, la parte elettrica mentre la donna rappresenterebbe per l uomo il cuore  la parte magnetica. 

Allo stesso modo dell atomo e dei suoi elettroni che per essere tale deve coesistere in campo, appunto il campo elettromagnetico.

Quindi in teoria Dio si trova anche nell'atomo in quell'attimo in cui le due cariche si trovano allineate nel modo giusto e da lì scaturisce un fenomeno, una scintilla, un amore, una creatura, un figlio. Che è un pó sempre la stessa cosa..

Bellissima la tua idea di Dio che poi coincide con la mia: Dio scaturisce dall'unione degli opposti diventando Uno.

Dio scompare quando siamo nelle dualità e ricompare quando ne siamo fuori quando siamo nell'unità, nell'unione.

Link to comment
Share on other sites

@ShamanArt rispetto la tua idea e quella di @cincin ma se uno non crede in Dio, perché filosofarci sopra ? 🤔 Questo al contrario invece lo trovo assolutamente e totalmente irrispettoso verso i credenti che per loro Dio è realmente una persona. Come disse il grande Mike Bongiorno, io devo difendere pure l'altra parrocchia che non la pensa come voi e non fa tutti questi strani ragionamenti 😑 

Dio non è un'idea, quando lo capirete ? 🤨 

Edited by tornado
😝
Link to comment
Share on other sites

innanzitutto la parola dio per me è una parola mistificatrice perchè non significa niente

a meno che non viene usata per divertimento nei videogiochi

però se vogliamo parlare della parola divino che può essere un sinonimo cambia tutta la situazione

e il divino per i religiosi può essere un campo

che a livello più scientifico è un campo di frequenze

ora queste cose però vanno sperimentate

ma io noto una cosa

ogni volta che io scrivo una cosa riguardo questi argomenti mi blocco nel praticare

tornado sai perchè si parla di campo? Lo puoi sperimentare praticando la meditazione

quando si fa questa pratica prendi energia o meglio potere dagli altri ai loro patti

cioè ricambiando

e questo già da l'idea di essere un campo dove c'è uno scambio di energie 

quindi tornado non pensa al campo come energia

ma pensa che l'uomo sia solo carne ed ossa senza strati più sottili

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, tornado ha scritto:

@ShamanArt rispetto la tua idea e quella di @cincin ma se uno non crede in Dio, perché filosofarci sopra ? 🤔 Questo al contrario invece lo trovo assolutamente e totalmente irrispettoso verso i credenti che per loro Dio è realmente una persona. Come disse il grande Mike Bongiorno, io devo difendere pure l'altra parrocchia che non la pensa come voi e non fa tutti questi strani ragionamenti 😑 

Dio non è un'idea, quando lo capirete ? 🤨 

Eh attenzione però, quà il pensiero dipende ancora da quello di qualcun altro. 

E poi Mike Bongiorno è tuo amico non il mio. La vita in diretta e la Mediaset non la guardo più, non  vorrai mica pensare troppo e fare questi strani ragionamenti? Perché se pensi troppo o non fai il vaccino lo sai che tipo di persona sei poi no? Cattiva cattiva 🙂 

Ti do un piccolo consiglio: la chiesa non ha come scopo quello di farti conoscere veramente dio ma ti propone cose scadenti così che tu continui ad andare in chiesa nell attesa che ti converta nel bravo cittadino modello che va in chiesa, prega, rispetta la legge, il padrone e non fa domande, perché la Chiesa.. Shh te lo confesso sotto voce.. non è amica a dio o a te come vuole farti credere ma è amica agli interessi comuni. 

Se hai visto il film equals non è molto lontano dalla realtà. 

Edited by ShamanArt

"S'immerse all'interno della vasca riponendo totale fiducia nel potere della piena opera.
Nel vento e nel suo farsi moto;
Nella terra e nella sua conduttività;
Nel fuoco e nel suo calore;
Nell'acqua e nel suo essere corrente. 
Intonó un canto e dalla parola fu trasportato e con solenne attesa si dispose a ricevere i doni e la grazia offerti dal calice del suo stesso altare. 
Di unico suono tutto il tempio si rivestì e la grande divinità si sollevò in cielo. Così mise i suoi abiti, e colmo di regalità salutó il popolo in segno di rispetto e gratitudine, e verso l'orizzonte pregno d'immortalità si ridiresse."

Link to comment
Share on other sites

23 minuti fa, ShamanArt ha scritto:

Eh attenzione però, quà il pensiero dipende ancora da quello di qualcun altro. 

E poi Mike Bongiorno è tuo amico non il mio. La vita in diretta e la Mediaset non la guardo più, non  vorrai mica pensare troppo e fare questi strani ragionamenti? Perché se pensi troppo o non fai il vaccino lo sai che tipo di persona sei poi no? Cattiva cattiva 🙂 

Ti do un piccolo consiglio: la chiesa non ha come scopo quello di farti conoscere veramente dio ma ti propone cose scadenti così che tu continui ad andare in chiesa nell attesa che ti converta nel bravo cittadino modello che va in chiesa, prega, rispetta la legge, il padrone e non fa domande, perché la Chiesa.. Shh te lo confesso sotto voce.. non è amica a dio o a te come vuole farti credere ma è amica agli interessi comuni. 

Se hai visto il film equals non è molto lontano dalla realtà. 

 

Ricordo che per i cristiani, Dio si è fatto uomo, in Gesù Cristo vero Dio.  I cristiani riconoscono Dio in Spirito e in Carne, Anima e Corpo.  Il Credo è la prima cosa che si impara al catechismo, il resto non vale nulla 😐 

 

Credo

Credo in un solo Dio,
Padre onnipotente,
Creatore del cielo e della terra,
di tutte le cose visibili e invisibili.

Credo in un solo Signore, Gesù Cristo,
unigenito Figlio di Dio,
nato dal Padre prima di tutti i secoli:
Dio da Dio, Luce da Luce,
Dio vero da Dio vero,
generato, non creato,
della stessa sostanza del Padre;
per mezzo di lui tutte le cose sono state create.
Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo,
e per opera dello Spirito Santo
si è incarnato nel seno della Vergine Maria
e si è fatto uomo.
Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato,
mori e fu sepolto.
Il terzo giorno è risuscitato,
secondo le Scritture, è salito al cielo,
siede alla destra del Padre.

E di nuovo verrà, nella gloria,
per giudicare i vivi e i morti,
e il suo regno non avrà fine.

Credo nello Spirito Santo,
che è Signore e dà la vita,
e procede dal Padre e dal Figlio.
Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato,
e ha parlato per mezzo dei profeti.

Credo la Chiesa,
una santa cattolica e apostolica.
Professo un solo Battesimo
per il perdono dei peccati.
Aspetto la risurrezione dei morti
e la vita del mondo che verrà.
Amen.

 

Link to comment
Share on other sites

4 hours ago, Karver said:

non significa niente

La ricerca di dio è la ricerca della coscienza o essenza di dio non certo della sua forma. Una volta che hai trovato la coscienza che tu sei, hai trovato "Divinità" (sorgente) perché la creatura e il creatore sono la stessa cosa, come struttura dell'essere. Anche se ognuno ha una idividualità e un DNA o "anima" differente. La parola dio non esiste nella bibbia originale, è un'invenzione della teologia, quindi dell'uomo primitivo. Si trovano parole e nomi come "YHWH" e "ELOHIM", che in nessun caso può essere tradotto con ternine "dio".  La parola divino potrebbe assumere vari significati, a seconda del contesto ad esempio lo stato d'Essere ottimale, originario, la nostra vera natura (in quel senso anche "campo energetico"), oppure un evento inspiegabile - che non è necessariamente mistico e sovranaturale ma potrebbe benissimo essere extraterrestre o che deriva da una scienza con coscienza molto evoluta e diversa da quella terrestre e ufficiale. La coscienza si basa sull'amore e quello scaturisce dalla "giustizia" (= equilibrio), amare è comunicare e comunicare è amare, l'empatia, e telepatia, ergo un campo di frequenze o vibrazioni sempre in movimento, vivente appunto. Le scritture antiche "sacre" spesso adoperano la parola "spirito" e "santo" (= sano) per descrivere tutto ciò.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, G.a.b.r.i.e.l ha scritto:

La ricerca di dio è la ricerca della coscienza o essenza di dio non certo della sua forma. Una volta che hai trovato la coscienza che tu sei, hai trovato "Divinità" (sorgente) perché la creatura e il creatore sono la stessa cosa, come struttura dell'essere. Anche se ognuno ha una idividualità e un DNA o "anima" differente. La parola dio non esiste nella bibbia originale, è un'invenzione della teologia, quindi dell'uomo primitivo. Si trovano parole e nomi come "YHWH" e "ELOHIM", che in nessun caso può essere tradotto con ternine "dio".  La parola divino potrebbe assumere vari significati, a seconda del contesto ad esempio lo stato d'Essere ottimale, originario, la nostra vera natura (in quel senso anche "campo energetico"), oppure un evento inspiegabile - che non è necessariamente mistico e sovranaturale ma potrebbe benissimo essere extraterrestre o che deriva da una scienza con coscienza molto evoluta e diversa da quella terrestre e ufficiale. La coscienza si basa sull'amore e quello scaturisce dalla "giustizia" (= equilibrio), amare è comunicare e comunicare è amare, l'empatia, e telepatia, ergo un campo di frequenze o vibrazioni sempre in movimento, vivente appunto. Le scritture antiche "sacre" spesso adoperano la parola "spirito" e "santo" (= sano) per descrivere tutto ciò.

io a parte la mia coscienza

sono in ricerca di anima gemella

cioè una controparte femminile che mi possa completare

però secondo me l'anima gemella verrà solo quando sarai pulito con la coscienza

Link to comment
Share on other sites

23 minuti fa, Freya ha scritto:

No, Dio non può essere un campo, perché è preesistente a qualunque forza. Si può dire che è anche nelle forze naturali, ma non che ne sia il prodotto. Dai, l'abc almeno.

Questo è vero. L'essere campo è da riferirsi alla matrice fisica che costituisce l'esistente, all'unita originaria che si è divisa in forze opposte e complementari e che logicamente appare proprio come necessario in questo piano lo scomporsi per poter funzionare. Una batteria o qualsiasi altro strumento che va a corrente elettrica ha bisogno di due poli di carica opposta altrimenti non funziona. Nello specifico riguarderebbe più che altro le facoltà superiori di una coscienza non ordinaria che tramite l'acquisizione e lo sviluppo dei corpi più sottili è in grado di percepire mondi superiori.

Detto così comunque allora dio si può conoscere anche tramite esperienze di sofferenza costatando che esiste qualcosa anche se non ben palpabile, che guida la propria esistenza e che si fa vivo attraverso le esperienze, i segnali o le sincronicità come le si voglia chiamare. Ci sono molti modi in cui si può manifestare.

Edited by ShamanArt

"S'immerse all'interno della vasca riponendo totale fiducia nel potere della piena opera.
Nel vento e nel suo farsi moto;
Nella terra e nella sua conduttività;
Nel fuoco e nel suo calore;
Nell'acqua e nel suo essere corrente. 
Intonó un canto e dalla parola fu trasportato e con solenne attesa si dispose a ricevere i doni e la grazia offerti dal calice del suo stesso altare. 
Di unico suono tutto il tempio si rivestì e la grande divinità si sollevò in cielo. Così mise i suoi abiti, e colmo di regalità salutó il popolo in segno di rispetto e gratitudine, e verso l'orizzonte pregno d'immortalità si ridiresse."

Link to comment
Share on other sites

21 minutes ago, Freya said:

perché è preesistente a qualunque forza

Quello di dio non è lo stesso concetto in tutte le culture e in tutti i mondi.
Può essere tante cose:
Preesistente a tutto quindi alla materia/ energia.
Preesistente all'infinito come lo conosciamo noi.
Preesistente a questo universo locale.
Preesistente a questo sistema solare.
Preesistente alla Terra.
Preesistente alla vita su questo pianeta.
Preesistente ai Mammiferi.
Preesistente ai Primati.
Preesistente al Homo Sapiens.
Preesistente a questa civiltà attuale.
Prodotto della mente umana.
Insomma quando si racconta di un dio "preesistente" (generico) si è imprecisi, o, potrebbe trattarsi "solo" di simboli e ciarle poetiche. Intendo quando ne parlano testi sacri.

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, G.a.b.r.i.e.l ha scritto:

Quello di dio non è lo stesso concetto in tutte le culture e in tutti i mondi.
Può essere tante cose:
Preesistente a tutto quindi alla materia/ energia.
Preesistente all'infinito come lo conosciamo noi.
Preesistente a questo universo locale.
Preesistente a questo sistema solare.
Preesistente alla Terra.
Preesistente alla vita su questo pianeta.
Preesistente ai Mammiferi.
Preesistente ai Primati.
Preesistente al Homo Sapiens.
Preesistente a questa civiltà attuale.
Prodotto della mente umana.
Insomma quando si racconta di un dio "preesistente" (generico) si è imprecisi, o, potrebbe trattarsi "solo" di simboli e ciarle poetiche. Intendo quando ne parlano testi sacri.

Io sto parlando dell'Assoluto. Se parliamo di Dei, spiriti, entità di varia natura, il discorso cambia. Certamente in ogni cultura il Principio è sempre preesistente a tutto e non potrebbe essere diversamente.

  • Folded Hands 1
Link to comment
Share on other sites

Basterebbe l'osservazione della natura e dell'universo, e del modo in cui ogni cosa è organizzata e si organizza che si può dedurre che esiste un'intelligenza di tipo computazionale "autocosciente" e per me già il fatto che esiste e si può vedere non mi fa sorgere il dubbio che prima c'era il nulla e poi dal nulla si è generato il tutto. Per me questa cosa qui è preesistente, che chiamo conoscenza, sapere o anzi meglio coscienza.  Per me questo significa che dio è onniscente e onnipresente. Il campo ,le forze ecc. ne sono l'espressione che è resa come evidente in questo piano di fisicità.

Edited by ShamanArt

"S'immerse all'interno della vasca riponendo totale fiducia nel potere della piena opera.
Nel vento e nel suo farsi moto;
Nella terra e nella sua conduttività;
Nel fuoco e nel suo calore;
Nell'acqua e nel suo essere corrente. 
Intonó un canto e dalla parola fu trasportato e con solenne attesa si dispose a ricevere i doni e la grazia offerti dal calice del suo stesso altare. 
Di unico suono tutto il tempio si rivestì e la grande divinità si sollevò in cielo. Così mise i suoi abiti, e colmo di regalità salutó il popolo in segno di rispetto e gratitudine, e verso l'orizzonte pregno d'immortalità si ridiresse."

Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, ShamanArt said:

Basterebbe l'osservazione della natura e dell'universo, e del modo in cui ogni cosa è organizzata e si organizza che si può dedurre che esiste un'intelligenza di tipo computazionale "autocosciente" e per me già il fatto che esiste e si può vedere non mi fa sorgere il dubbio che prima c'era il nulla e poi dal nulla si è generato il tutto. (...)

Dal nulla nasce nulla. Una mela che cade dall'albero verso il suolo o il centro della Terra e non vola verso "alto", non è un evento intelligente-cosciente, semmai automatico (= inevitabile). La Necessità o Anánkē è un archetipo superiore a tutti gli altri. Quello che è necessario non deve avere una ragione particolare per accadere, accade e basta. Le leggi fisiche sono automatiche ovvero una caratteristica degli Elementi, non hanno bisogno di essere pensate, concepite, sistemate da qualche Divinità. Sono quelle, relative allo spaziotempo in questione. Diverso è per la presenza della vita complessa su un pianeta, quello non è un avvenimento automatico e necessario, anzi, la programmazione e costruzione del DNA quindi ha bisogno di un creatore per apparire in un determinato periodo nella storia di un corpo celeste. Osservazione della realtà ci suggerisce che un conto è l'agire o il  movimento dell'infinito, sempre quello e uguale, altra cosa è l'agire e il movimento degli esseri umani, ogni volta diverso; non vengono "guidati" dalla stessa forza o "sorgente". Non possono avere la medesima origine, sono completamente differenti.

1 hour ago, Freya said:

Io sto parlando dell'Assoluto. Se parliamo di Dei, spiriti, entità di varia natura, il discorso cambia. Certamente in ogni cultura il Principio è sempre preesistente a tutto e non potrebbe essere diversamente.

Quando chiedi delucidazioni ad un Cattolico sulla loro Divinità, non è che parlano di due Entità uno che amministra l'universo e l'altro che amministra la società umana, piuttosto per loro c'è un unico Dio Padre che si occupa di tutto. La separazione tra divinità maggiori e minori non esiste in molte religioni e sarebbe un'eresia per loro. Tra gli Etruschi invece so che c'era la credenza in due tipologie di divinità, c'era un "mostro gigante" (potrebbe riferirsi all'universo locale che è vivente ma non cosciente di noi) e c'erano dèi locali antropomorfi come in ogni politeismo. Questi "dèi" parlano di se stessi in ogni cultura come una "sorgente" tuttavia di quale sorgente parliamo? Sorgente di materia energia o sorgente della vita sulla Terra? Difficile da stabilire dato che parlano in simboli, il loro non è un trattato scientifico ma solamente un messaggio spirituale e "motivazionale", rivolto ai "primitivi", che nemmeno capivano quello che gli mostravano e dicevano.

38 minutes ago, tornado said:

Il Signore dice 🙏🏼

🙏🏼 Io sono l'Alfa e l'Omega, il Primo e l'Ultimo, il principio e la fine 🙏🏼

Il signore intende che è stato il primo a scendere sulla Terra dall'Astronave e che sarà l'ultimo a lasciare il pianeta dopo aver "rapito" 144.000 Eletti.

  • wow 1
Link to comment
Share on other sites

45 minuti fa, G.a.b.r.i.e.l ha scritto:

Dal nulla nasce nulla. Una mela che cade dall'albero verso il suolo o il centro della Terra e non vola verso "alto", non è un evento intelligente-cosciente, semmai automatico (= inevitabile). La Necessità o Anánkē è un archetipo superiore a tutti gli altri. Quello che è necessario non deve avere una ragione particolare per accadere, accade e basta. Le leggi fisiche sono automatiche ovvero una caratteristica degli Elementi, non hanno bisogno di essere pensate, concepite, sistemate da qualche Divinità. Sono quelle, relative allo spaziotempo in questione. Diverso è per la presenza della vita complessa su un pianeta, quello non è un avvenimento automatico e necessario, anzi, la programmazione e costruzione del DNA quindi ha bisogno di un creatore per apparire in un determinato periodo nella storia di un corpo celeste. 

Si volevo dirlo, automatico. L organizzazione ed il movimento della materia/energia nello spaziotempo è automatico.

Però non mi è chiaro quello che hai detto. L'inseminazione/costruzione di un dna umano sul pianeta può essere un ipotesi plausibile però resta sempre il fatto che supponendo come supponi tu che ci debba stare un creatore che crea una specie su un pianeta, allora chi ha creato lui? Sono partito dal fatto che se ricordo bene sei "seguace" del movimento raeliano quindi i creatori sarebbero specie aliene,giusto? E queste specie chi le ha create? 

Edited by ShamanArt
  • Like 1

"S'immerse all'interno della vasca riponendo totale fiducia nel potere della piena opera.
Nel vento e nel suo farsi moto;
Nella terra e nella sua conduttività;
Nel fuoco e nel suo calore;
Nell'acqua e nel suo essere corrente. 
Intonó un canto e dalla parola fu trasportato e con solenne attesa si dispose a ricevere i doni e la grazia offerti dal calice del suo stesso altare. 
Di unico suono tutto il tempio si rivestì e la grande divinità si sollevò in cielo. Così mise i suoi abiti, e colmo di regalità salutó il popolo in segno di rispetto e gratitudine, e verso l'orizzonte pregno d'immortalità si ridiresse."

Link to comment
Share on other sites

48 minutes ago, ShamanArt said:

che ci debba stare un creatore che crea una specie su un pianeta, allora chi ha creato lui?

Se noi creassimo gli uomini su Marte partendo da atomi e molecole, questi si chiederebbero se noi abbiamo creato loro chi ha creato noi? E quelli che i futuri Marziani avrebbero creato altrove, decine di millenni dopo anche questi si chiederebbero: se i futuri Marziani hanno creato loro, chi ha creato i futuri Marziani? E così via. L'unica risposta possibile è che ogni civiltà quando giunge ad un livello spirituale e scientifico sufficiente - crea un'altra civiltà e questa crea un'altra ancora etc. Il ciclo delle creazioni è infinito come infinito è universo nello spazio e nel tempo, rappresentato anche dallo swastika in diverse culture, anche il Buddha aveva questo simbolo antico e importante.

Quote

Sono partito dal fatto che se ricordo bene sei "seguace" del movimento raeliano quindi i creatori sarebbero specie aliene, giusto?

Sul pianeta degli 'Elohim' situato in un altro sistema solare della nostra galassia ci sarebbero 7 razze, che avrebbero creato altrettante razze originari sulla Terra (neri, gialli, rossi, bianchi etc). Tuttavia loro si sono mescolati e si considerano un unico popolo. La loro civiltà quindi sarebbe stata creata da un'altra civiltà venuta dallo spazio progredita quanto loro (25.000 anni avanti a noi) se non di più. Non esiste il primo creatore in un infinito. Se si chiede a un credente in dio chi lo ha creato, il suo dio, non hanno risposta, eppure dal nulla nasce nulla e niente può essere "più grande" dell'infinito per fabbricare l'infinito stesso. Dal momento che per me universo è infinito, non posso credere in nessuna forma di divinità, tra l'altro l'infinito non possiede un centro, dove immaginare Dio. Ho accettato la teoria/ rivelazione sul ciclo infinito delle creazioni (scientifiche) perché mi sembra la più logica tra tutte quelle in circolazione.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, G.a.b.r.i.e.l ha scritto:

Sul pianeta degli 'Elohim' situato in un altro sistema solare della nostra galassia ci sarebbero 7 razze, che avrebbero creato altrettante razze originari sulla Terra (neri, gialli, rossi, bianchi etc). Tuttavia loro si sono mescolati e si considerano un unico popolo. La loro civiltà quindi sarebbe stata creata da un'altra civiltà venuta dallo spazio progredita quanto loro (25.000 anni avanti a noi) se non di più. Non esiste il primo creatore in un infinito. Se si chiede a un credente in dio chi lo ha creato, il suo dio, non hanno risposta, eppure dal nulla nasce nulla e niente può essere "più grande" dell'infinito per fabbricare l'infinito stesso. Dal momento che per me universo è infinito, non posso credere in nessuna forma di divinità, tra l'altro l'infinito non possiede un centro, dove immaginare Dio. Ho accettato la teoria/ rivelazione sul ciclo infinito delle creazioni (scientifiche) perché mi sembra la più logica tra tutte quelle in circolazione.

La creazione di una specie si intesta alla natura allora, al "principio di intelligenza automatica" di cui si parlava prima. Nell'infinito tempo e nelle infinite possibilità questa intelligenza ha avuto modo di partire da un organismo semplice per arrivare ad uno complesso. Tipo la scimmia che ha mangiato il fungo allucinogeno ed ha sviluppato coscienza ,una cosa del genere. Che poi non ha senso neanche chiederselo allora se il creatore ed il creato sono la stessa cosa, ed il creatore è contenuto nel creato e viceversa. Ahh in gergo si dice "accanna". Lol

"S'immerse all'interno della vasca riponendo totale fiducia nel potere della piena opera.
Nel vento e nel suo farsi moto;
Nella terra e nella sua conduttività;
Nel fuoco e nel suo calore;
Nell'acqua e nel suo essere corrente. 
Intonó un canto e dalla parola fu trasportato e con solenne attesa si dispose a ricevere i doni e la grazia offerti dal calice del suo stesso altare. 
Di unico suono tutto il tempio si rivestì e la grande divinità si sollevò in cielo. Così mise i suoi abiti, e colmo di regalità salutó il popolo in segno di rispetto e gratitudine, e verso l'orizzonte pregno d'immortalità si ridiresse."

Link to comment
Share on other sites

23 minutes ago, ShamanArt said:

La creazione di una specie si intesta alla natura allora, al "principio di intelligenza automatica" di cui si parlava prima.

Che cos'è natura? Tutto quello che noi non abbiamo creato? Quindi corpi celesti uomini animali e piante? Però quando sulla Terra non c'erano uomini animali e piante, la natura era solo aria acqua e continente unico, la pangea. E prima ancora? La natura era una palla di fuoco distaccatasi dal Sole. Se andiamo ancora più indietro, la natura non prevedeva la Terra infatti questo sistema stellare nemmeno c'era. In quale istante del continuum spaziotemporale collocare l'inizio della natura? Quindi la parola natura è relativa al contesto e il suo significato è una convenzione umana. Può voler dire tutto e il contrario di tutto. Ad esempio in un tempo "era naturale" avere schiavi, oggi è un crimine. Il futuro uomo sintetico o "robot" biologico prima sarà considerato contro-natura, poi sarà considerato perfettamente naturale dato che anche noi, un giorno, siamo stati fabbricati in modo al 100% sintetico dagli elementi della tavola periodica di Mendeleev. Il primo uomo nell'universo non può esistere perché c'era sempre qualcuno che è esistito prima di lui... 🙂

Comunque qualcuno disse che Dio è l'insieme degli Esseri. Dunque una civiltà evoluta potrebbe essere vista come Divinità da qualcuno che non appartiene a quella civiltà evoluta.

Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, G.a.b.r.i.e.l ha scritto:

Che cos'è natura? Tutto quello che noi non abbiamo creato? Quindi corpi celesti uomini animali e piante? Però quando sulla Terra non c'erano uomini animali e piante, la natura era solo aria acqua e continente unico, la pangea. E prima ancora? La natura era una palla di fuoco distaccatasi dal Sole. Se andiamo ancora più indietro, la natura non prevedeva la Terra infatti questo sistema stellare nemmeno c'era. In quale istante del continuum spaziotemporale collocare l'inizio della natura? Quindi la parola natura è relativa al contesto e il suo significato è una convenzione umana. Può voler dire tutto e il contrario di tutto. Ad esempio in un tempo "era naturale" avere schiavi, oggi è un crimine. Il futuro uomo sintetico o "robot" biologico prima sarà considerato contro-natura, poi sarà considerato perfettamente naturale dato che anche noi, un giorno, siamo stati fabbricati in modo al 100% sintetico dagli elementi della tavola periodica di Mendeleev. Il primo uomo nell'universo non può esistere perché c'era sempre qualcuno che è esistito prima di lui... 🙂

Comunque qualcuno disse che Dio è l'insieme degli Esseri. Dunque una civiltà evoluta potrebbe essere vista come Divinità da qualcuno che non appartiene a quella civiltà evoluta.

Per natura mi riferivo all' intelligenza cosmica, agli algoritmi che mandano avanti il creato, non la natura in senso lato, la terra, gli alberi..ecc. Non so quali termini potrei usare ma credo si capisca. Ora che ci penso, lontanamente percepisco che in qualche modo informazioni di qualità superiori che nelle quali l'uomo accede sono correlate a qualche sorta di agglomerato intelligente, e avviene tramite telepatia, tipo la leggenda degli elfi o delle fate che  in realtà sono un aggregato di forme pensiero elementali che  hanno sviluppato una saggezza propria. E questo appare essere un fenomeno di correlazione quantistica ma in ultima analisi non è da attribuire specificatamente a esseri superiori o quant altro, ma al prodotto risultante di un insieme di informazioni coerenti (pacchetti) provenienti dall'etere cosmico, e che è determinato da tutte le forze esistenti compresi essere senzienti che fanno esperienza e fenomeni naturali/cosmici, come per esempio anche il sole se considerato come un entità/essere che "supporta" l'evoluzione della coscienza umana su questa pianeta. E poi boh, mi sono un attimo perso di cosa si sta discutendo, comunque non è necessario sapere chi o cosa ha creato chi e perchè, infondo cio che ci serve è esperienza e conoscere il funzionamento dell'energia. Se sono su una palla che ruota attorno ad un altra palla infuocata per me vuol dire qualcosa. E questo si rifà a tutte le correnti di pensieri quali Platone ecc... Per il resto non si può averne certezza assoluta..

Edited by ShamanArt
  • Like 1

"S'immerse all'interno della vasca riponendo totale fiducia nel potere della piena opera.
Nel vento e nel suo farsi moto;
Nella terra e nella sua conduttività;
Nel fuoco e nel suo calore;
Nell'acqua e nel suo essere corrente. 
Intonó un canto e dalla parola fu trasportato e con solenne attesa si dispose a ricevere i doni e la grazia offerti dal calice del suo stesso altare. 
Di unico suono tutto il tempio si rivestì e la grande divinità si sollevò in cielo. Così mise i suoi abiti, e colmo di regalità salutó il popolo in segno di rispetto e gratitudine, e verso l'orizzonte pregno d'immortalità si ridiresse."

Link to comment
Share on other sites

io nella mia esperienza fino a qui posso dire che nel campo solo l'atto fisico può dirigere l'attenzione

e l'atto fisico deve scaturire dal pensiero chiaro e non dal credere

ecco perchè quando iniziai con the secret caddi anche io nell'errore del cieco

bisogna stare attenti a come si alimentano le azioni

a dove si dirigono e da dove di preleva l'energia e per quanto tempo la possiamo mantenere

un mio amico su facebook che iniziò con castaneda disse che lui fu sfavorito all'epoca

amico per dire

potrebbe essere mio padre o mio nonno

ha un'età abbastanza avanzata

mi ha detto che io sono fortunato perchè ho la tecnologia e i videogiochi che mi aiutano

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, G.a.b.r.i.e.l ha scritto:

Dal nulla nasce nulla. Una mela che cade dall'albero verso il suolo o il centro della Terra e non vola verso "alto", non è un evento intelligente-cosciente, semmai automatico (= inevitabile). La Necessità o Anánkē è un archetipo superiore a tutti gli altri. Quello che è necessario non deve avere una ragione particolare per accadere, accade e basta. Le leggi fisiche sono automatiche ovvero una caratteristica degli Elementi, non hanno bisogno di essere pensate, concepite, sistemate da qualche Divinità. Sono quelle, relative allo spaziotempo in questione. Diverso è per la presenza della vita complessa su un pianeta, quello non è un avvenimento automatico e necessario, anzi, la programmazione e costruzione del DNA quindi ha bisogno di un creatore per apparire in un determinato periodo nella storia di un corpo celeste. Osservazione della realtà ci suggerisce che un conto è l'agire o il  movimento dell'infinito, sempre quello e uguale, altra cosa è l'agire e il movimento degli esseri umani, ogni volta diverso; non vengono "guidati" dalla stessa forza o "sorgente". Non possono avere la medesima origine, sono completamente differenti.

Quando chiedi delucidazioni ad un Cattolico sulla loro Divinità, non è che parlano di due Entità uno che amministra l'universo e l'altro che amministra la società umana, piuttosto per loro c'è un unico Dio Padre che si occupa di tutto. La separazione tra divinità maggiori e minori non esiste in molte religioni e sarebbe un'eresia per loro. Tra gli Etruschi invece so che c'era la credenza in due tipologie di divinità, c'era un "mostro gigante" (potrebbe riferirsi all'universo locale che è vivente ma non cosciente di noi) e c'erano dèi locali antropomorfi come in ogni politeismo. Questi "dèi" parlano di se stessi in ogni cultura come una "sorgente" tuttavia di quale sorgente parliamo? Sorgente di materia energia o sorgente della vita sulla Terra? Difficile da stabilire dato che parlano in simboli, il loro non è un trattato scientifico ma solamente un messaggio spirituale e "motivazionale", rivolto ai "primitivi", che nemmeno capivano quello che gli mostravano e dicevano.

Il signore intende che è stato il primo a scendere sulla Terra dall'Astronave e che sarà l'ultimo a lasciare il pianeta dopo aver "rapito" 144.000 Eletti.

Quando parli con un Cattolico, Dio è il Principio Assoluto, ma amministra il cosmo e la vita sulla terra attraverso arcangeli e angeli. La gerarchia degli angeli, ricostruita attraverso la lettera agli efesini e i colossesi, è piuttosto dettagliata ed evidenzia tantissime entità intermedie fra Dio e l'uomo. Gli Elohim, fra l'altro, non sono nemmeno in cima alla gerarchia. Anzi, diciamo che stanno nel mezzo (seconda gerarchia, potestà). 

Fra gli etruschi non so di mostri, ma vi era una divinità, Tinia, con funzioni del tutto simili a quelle di Giove. Posto a capo degli Dei e padre di questi, era a capo del consiglio celeste. 

Laddove c'è un padre, ci sono sempre entità minori che agiscono sotto il suo impulso. 

Non so come parlino di sè stessi, anche se non mi risulta che si indichino come sorgenti, almeno non in tutti i casi. Questo comunque non dimostra affatto che siano extraterrestri. Chi crede esista esclusivamente questo universo crederà che siano entità fisiche come noi, provenienti da un altro sistema stellare. Chi crede o sperimenta personalmente l'esistenza di altre dimensioni, penserà che provengano da lì. Ciò, ovviamente, non esclude il fatto che possano avere tecnologie superiori. 

Edited by Freya
Link to comment
Share on other sites

Comunque per chi non avesse capito, siamo intrappolati in un'atmosfera elettromagnetica. È questo non solo vale per l universo che conosciamo ma anche per la Matrix.  E il campo prodotto dall interazione delle cariche che crea l impressione di solidità o realtà nel caso di Matrix. Sono fotoni, tutto è luce. 

 

Questa sarebbe la terra. 

Screenshot_2023-08-21-18-37-47-22_f69139cffc4d135a71392e13634f144a_1.jpg

Edited by ShamanArt

"S'immerse all'interno della vasca riponendo totale fiducia nel potere della piena opera.
Nel vento e nel suo farsi moto;
Nella terra e nella sua conduttività;
Nel fuoco e nel suo calore;
Nell'acqua e nel suo essere corrente. 
Intonó un canto e dalla parola fu trasportato e con solenne attesa si dispose a ricevere i doni e la grazia offerti dal calice del suo stesso altare. 
Di unico suono tutto il tempio si rivestì e la grande divinità si sollevò in cielo. Così mise i suoi abiti, e colmo di regalità salutó il popolo in segno di rispetto e gratitudine, e verso l'orizzonte pregno d'immortalità si ridiresse."

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Who's Online   0 Members, 0 Anonymous, 9 Guests (See full list)

    • There are no registered users currently online
  • Recently Browsing

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...