Jump to content

Un viaggio a sorpresa


Recommended Posts

L'Agenzia Africa Mia era specializzata in viaggi nell'Asia selvaggia e parzialmente incontaminata.

La regione più ambita dagli avventurosi turisti è quella del Borneo, una vasta regione naturale ancora in piccola parte sconosciuta…

 

"Ancora qualche chilometro, signore e signori, siamo quasi arrivati."

Nel fuoristrada faceva un caldo umido soffocante a causa della vicinanza fisica dei passeggeri e dell'aria torrida della giungla!

Non si vedeva nessuna strada, nessun sentiero, il mezzo procedeva lentamente facendosi strada tra la bassa vegetazione.

L' autista sapeva il fatto suo e il viaggio, tutto sommato, era stato abbastanza gradevole e interessante!

Il sole si stava abbassando nel cielo verso un tramonto che avrebbe colorato ponente filtrando la luce attraverso i rami degli alberi.

"Ecco, siamo arrivati" esclamò il conducente con uno strano sorriso, ecco il villaggio dei Nohay, una delle ultime tribù nomadi del Borneo!Nessuno studioso è mai stato accettato da loro, tutti sono stati respinti da una avanguardia sparsa nella giungla e questa tribù si sposta in continuazione per non essere trovata.

"Come mai accettano noi?"

"Perché noi siamo gli unici pochissimi che, per puro caso, li hanno contattati dieci anni fa grazie ad un sorvolo casuale.Una volta identificati, abbiamo paracadutato due dei nostri con doni di cibo e acqua in un momento in cui rischiavano di morire a causa di una improvvisa siccità e un caldo infernale.

Alcuni di loro erano malati e noi li abbiamo guariti:da

quel giorno siamo diventati amici e noi ne abbiamo approfittato per creare la nostra agenzia di viaggi!"

"Che bella cosa!" esclamò uno del gruppetto rivolgendosi agli altri

"Si, hai ragione, una bella cosa, da non credere!"

"Si ma… perché hanno respinto tutti gli altri?" chiese il più vecchio dei turisti, un uomo allampanato dallo sguardo un tantino spiritato

"Si dice che loro posseggano pietre preziose raccolte qua e là nella grotte della giungla, forse è solo una leggenda ma, se fosse vero, si capirebbe il motivo del loro rifiuto!"

"Aah… certamente… commentò l'anziano senza dire altro quindi si sistemó meglio sullo scomodo sedile.

Mentre si svolgeva questa conversazione, il fuoristrada era arrivato a destinazione circondato dai guerrieri e dagli altri membri della tribù.

Il conducente scese dal mezzo e toccò sulla spalla il capo il quale rispose alzando la lancia verso il cielo.

"Bene" disse l'uomo" adesso potete scendere e salutare, fatelo porgendo loro le mani unite palma su palma:alcuni di loro metteranno dei rametti attorno ai vostri polsi e così sarete accettati come si deve!"

"Oh… eccitante… " esclamò una delle due turiste piuttosto grassoccie porgendo per prima le mani seguita poi da tutti gli altri.

Alcuni giovani guerrieri si avvicinarono avvolgendo loro i polsi con fasci di foglie verdi per poi ritirarsi nel gruppo.

"Ahi… stringe un po' troppo questo rametto!" si lamentò una delle signore cercando inutilmente di allargarlo, quindi si rivolse al conducente dicendo:"E adesso che succede?"

L' uomo la guardò con una strana smorfia poi sorrise e rispose:"Beh, è ora di cena no?"

"Ah bene… allora si mangia… ho una fame da lupo… " esclamò uno dei turisti

" E che si mangia?" chiese la signora dal rametto stretto

Il conducente la guardò quindi rispose, ridendo:

"Voi!"

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Who's Online   0 Members, 0 Anonymous, 5 Guests (See full list)

    • There are no registered users currently online
  • Recently Browsing

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...