Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Intelligenza artificiale vs. stupidità naturale


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
144 risposte a questa discussione

#41 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 9392 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 06:16

Secondo me, ma lo so per certo che non è solo secondo me, l'uomo, compie il 99,9% di azioni in trance, sempreeeee. Non c'entra la catena di montaggio, nè lo scroll sullo smartphone.

 

Mi sembra allucinante questa teoria della tecnologia che induce l'uomo a fare cose in trance.

 

Noi siamo così per natura, noi al 99,9% rispondiamo (senza essere consapevoli) a stimoli di cui neanche siamo consapevoli. Abbiamo per natura ''algoritmi'' che escludono milioni di informazioni al secondo, roba che neanche percepiamo. Abbiamo però il coraggio di dire che se siamo più deficienti è per colpa della tecnologia.

 

Non è colpa di fb se siamo coglioni: fb è lo specchio che ci fa vedere quanto siamo coglioni.

 

Le azioni ripetitive, si possono svolgere anche consapevolmente; la consapevolezza non può importela nè levartela nessuno. Puoi farti 8 ore di meditazione anche su una catena di montaggio. Tant'è vero, che sti bendetti monaci si facevano due ....a copiare testi per giorni o a disporre granelli di sabbia che alla prima botta di vento.... addio.


  • Anarko e Frèyja piace questo



#42 Guest_GufoOscuro_*

Guest_GufoOscuro_*
  • Ospiti

Inviato 31 marzo 2021 - 06:27

Colpa mia che che avevo escluso a priori l'ipotesi cazzeggio all'interno della discussione sull'intelligenza.

Come fai a escluderla? Hai letto il post principale?
Qui non si parla di quanto sia figa la IA. Io ad esempio sono moderatamente entusiasta sul potenziale; in ambito informatico, medico e aziendale è assolutamente la strada da intraprendere. Il problema è che buona parte della IA sta venendo sfruttata anche per marketing, gli algoritmi sono fatti per prendere informazioni e darti ricerche precotte. In più i software hanno risentito di un appiattimento generale, la volontà di renderli user friendly di per sé non è negativa, ma è oggettivo che ha creato dei danni in chi prima d'ora collegava l'immagine del computer solo al cervellone in garage. La volontà di spingere sul entry level a ogni costo, di riflesso - nell'informatica - ha reso tutto così semplice che i più non sanno manco fare una pulizia dati dello smartphone.
La maggioranza delle persone molto probabilmente ignora anche come registrarsi o interagire su questo forum, oltre al fatto che non hanno interesse perché tanto "c'è Instagram". Molti di questi sono anche i cosiddetti nativi digitali, che imparano giusto finché è una questione ludica, per il resto, alla prima difficoltà, mollano tutto. E ne vedo parecchi ogni giorno anche nel mio settore che è considerato quello "più nerd". La cosa è preoccupante. Quando mi pongono domande del tipo "ma per fare le animazioni devo disegnarne una a una? Non fa tutto il computer"... Detto da un 20enne, mi cadono le braccia.

Secondo me, ma lo so per certo che non è solo secondo me, l'uomo, compie il 99,9% di azioni in trance, sempreeeee. Non c'entra la catena di montaggio, nè lo scroll sullo smartphone.
 
Mi sembra allucinante questa teoria della tecnologia che induce l'uomo a fare cose in trance.
 
Noi siamo così per natura, noi al 99,9% rispondiamo (senza essere consapevoli) a stimoli di cui neanche siamo consapevoli. Abbiamo per natura ''algoritmi'' che escludono milioni di informazioni al secondo, roba che neanche percepiamo. Abbiamo però il coraggio di dire che se siamo più deficienti è per colpa della tecnologia.
 
Non è colpa di fb se siamo coglioni: fb è lo specchio che ci fa vedere quanto siamo coglioni.
 
Le azioni ripetitive, si possono svolgere anche consapevolmente; la consapevolezza non può importela nè levartela nessuno. Puoi farti 8 ore di meditazione anche su una catena di montaggio. Tant'è vero, che sti bendetti monaci si facevano due ....a copiare testi per giorni o a disporre granelli di sabbia che alla prima botta di vento.... addio.


Tutto, ma proprio tutto, OGGETTIVAMENTE sbagliato. Vai a leggere gli studi sulla gamification e come vengono implementati in modo che siano adctive, per incollarti allo schermo. La tua è una semplificazione senza alcun senso.
  • Ombra gitana piace questo

#43 Il Morto

Il Morto

    Pandemio

  • Utenti
  • 21377 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 06:36

malia la tecnologia non ha nessuna colpa.
Samsara 1 - Nirvana 0

#44 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 31 marzo 2021 - 06:42

Secondo me, ma lo so per certo che non è solo secondo me, l'uomo, compie il 99,9% di azioni in trance, sempreeeee. Non c'entra la catena di montaggio, nè lo scroll sullo smartphone.

 

Mi sembra allucinante questa teoria della tecnologia che induce l'uomo a fare cose in trance.

 

Noi siamo così per natura, noi al 99,9% rispondiamo (senza essere consapevoli) a stimoli di cui neanche siamo consapevoli. Abbiamo per natura ''algoritmi'' che escludono milioni di informazioni al secondo, roba che neanche percepiamo. Abbiamo però il coraggio di dire che se siamo più deficienti è per colpa della tecnologia.

 

Non è colpa di fb se siamo coglioni: fb è lo specchio che ci fa vedere quanto siamo coglioni.

 

Le azioni ripetitive, si possono svolgere anche consapevolmente; la consapevolezza non può importela nè levartela nessuno. Puoi farti 8 ore di meditazione anche su una catena di montaggio. Tant'è vero, che sti bendetti monaci si facevano due ....a copiare testi per giorni o a disporre granelli di sabbia che alla prima botta di vento.... addio.

 

Ci hai mai lavorato in catena di montaggio?

 

Stai continuando a rispondere come se le tesi della discussione fossero: "si stava meglio quando si stava peggio". Peccato che nessuno stia dicendo ciò :tajo: .



#45 Il Morto

Il Morto

    Pandemio

  • Utenti
  • 21377 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 06:45

aggiungo che come è stato pensato facebook all'arrivo dei like è un esempio di induzione al refresh perenne ed allo stare ore a vedere se un tuo post ha suscitato delle reazioni.

forse l'attenzione andrebbe spostata non sulla tecnologia ma sul marketing che è subdolo e forse anche peggio di subdolo.


poi è chiaro che sta a noi cascarci o meno. ma quello non è il sistema ma il singolo
Samsara 1 - Nirvana 0

#46 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6019 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 07:26

aggiungo che come è stato pensato facebook all'arrivo dei like è un esempio di induzione al refresh perenne ed allo stare ore a vedere se un tuo post ha suscitato delle reazioni.
forse l'attenzione andrebbe spostata non sulla tecnologia ma sul marketing che è subdolo e forse anche peggio di subdolo.
poi è chiaro che sta a noi cascarci o meno. ma quello non è il sistema ma il singolo


Vero. Ma penso che la questione posta da malia stia più alla radice.
Come può facebook indurti a stare ore appiccicato a uno schermo, se non hai a prescindere una serie di automatismi mentali che ti inducono a farlo?
Ci stai, a rincoglionirti, se sei già predisposto ad essere rincoglionito.

#47 Guest_GufoOscuro_*

Guest_GufoOscuro_*
  • Ospiti

Inviato 31 marzo 2021 - 07:43

Vero. Ma penso che la questione posta da malia stia più alla radice.
Come può facebook indurti a stare ore appiccicato a uno schermo, se non hai a prescindere una serie di automatismi mentali che ti inducono a farlo?
Ci stai, a rincoglionirti, se sei già predisposto ad essere rincoglionito.

A parte che non capisco come questo possa essere meno grave (a maggior ragione allora andrebbero controllati determinati meccanismi di marketing).
Ma tutte le meccaniche addictive fanno uso consapevole per stimolare certe aree del cervello. Secondo te perché le software house ingaggiano psicologi e testano su migliaia di persone i loro programmi? Addirittura scansionano il movimento della pupilla per vedere come si comporta con le varie dashboard/interfaccie.

Boh, mi sembrano quei ragionamenti da boomer per semplificare processi complessi. Sarebbe come bollare come coglione tutti quelli che sono drogati, alcolizzati, ludopatici, fumatori ecc ecc. Che la cosa in sé sia stupida ok, ma guardiamo anche le cause e soprattutto i risvolti. Non per forza se finisci a fare certe cose sei coglione, semplicemente ci vieni anche portato da fattori esterni. Su internet poi... tutti si concentrano sui like (per fare l'esempio del morto) perché sembrano una cosa innocente, i social te li fanno vedere come cosa positiva, bella. E la maggior parte della IA lavora su questo, abbinato poi anche alla scarsa comprensione dell'utente medio.
  • Ombra gitana piace questo

#48 Il Morto

Il Morto

    Pandemio

  • Utenti
  • 21377 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 07:45

Freyja

anche.
ma di ricade nel caso singolo.

la relazione con lo strumento è personale del resto.

La questione ha due lati.
Samsara 1 - Nirvana 0

#49 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 31 marzo 2021 - 07:53

Parliamo di cambiamenti epocali, di un orizzonte globale. È come se analizzando cause, motivi, ragioni e torti della 2 Guerra Mondiale, si dicesse "se l'hanno fatta saranno stati predisposti a farla". Senz'altro, ma quindi?


  • Ombra gitana piace questo

#50 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6019 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 07:59

A parte che non capisco come questo possa essere meno grave (a maggior ragione allora andrebbero controllati determinati meccanismi di marketing).
Ma tutte le meccaniche addictive fanno uso consapevole per stimolare certe aree del cervello. Secondo te perché le software house ingaggiano psicologi e testano su migliaia di persone i loro programmi? Addirittura scansionano il movimento della pupilla per vedere come si comporta con le varie dashboard/interfaccie.
Boh, mi sembrano quei ragionamenti da boomer per semplificare processi complessi. Sarebbe come bollare come coglione tutti quelli che sono drogati, alcolizzati, ludopatici, fumatori ecc ecc. Che la cosa in sé sia stupida ok, ma guardiamo anche le cause e soprattutto i risvolti. Non per forza se finisci a fare certe cose sei coglione, semplicemente ci vieni anche portato da fattori esterni. Su internet poi... tutti si concentrano sui like (per fare l'esempio del morto) perché sembrano una cosa innocente, i social te li fanno vedere come cosa positiva, bella. E la maggior parte della IA lavora su questo, abbinato poi anche alla scarsa comprensione dell'utente medio.


Il mio era un discorso generico. Magari uno ha determinate inclinazioni che lo portano a rincoglionirsi su Facebook, altri hanno altre caratteristiche che li portano a rincoglionirsi in altri modi.
Il livello medio di consapevolezza dell'essere umano credo ti sia noto. Per questo motivo sono d'accordo con chi crede che la colpa non sia della tecnologia in sé, ma a monte.
A dire il vero è proprio il boomer a incolpare la tecnologia, di solito. Ma diciamo pure vecchio cagacazzo, che questi inglesismi non rendono.

#51 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6019 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 08:02

Parliamo di cambiamenti epocali, di un orizzonte globale. È come se analizzando cause, motivi, ragioni e torti della 2 Guerra Mondiale, si dicesse "se l'hanno fatta saranno stati predisposti a farla". Senz'altro, ma quindi?


E quindi, se invece di perdere tempo girando intorno ai problemi, incolpando questo e quello, cominciassimo a indagare con umiltà la nostra natura, probabilmente certe esperienze non le ripeteremmo più.
  • malia piace questo

#52 Guest_GufoOscuro_*

Guest_GufoOscuro_*
  • Ospiti

Inviato 31 marzo 2021 - 08:08

Il mio era un discorso generico. Magari uno ha determinate inclinazioni che lo portano a rincoglionirsi su Facebook, altri hanno altre caratteristiche che li portano a rincoglionirsi in altri modi.
Il livello medio di consapevolezza dell'essere umano credo ti sia noto. Per questo motivo sono d'accordo con chi crede che la colpa non sia della tecnologia in sé, ma a monte.
A dire il vero è proprio il boomer a incolpare la tecnologia, di solito. Ma diciamo pure vecchio cagacazzo, che questi inglesismi non rendono.


Ma chi ha incolpato la tecnologia? Io ho dei dubbi su come sta venendo usata la IA, mica mi fa schifo la tecnologia in sé (anzi, ho specificato più volte i pro e i contro). Difendere la tecnologia e la sua implementazione anche quando gli scopi sono meramente commerciali e finalizzati al massimo solo per il bene di singole aziende, per me è puro fanboysmo. La IA nel mondo del marketing - ergo della vita digitale della gente "comune"- sta impattando in modo decisamente negativo, a questo si aggiunge una scarsa conoscenza delle basi del software e hardware. Ben venga la tecnologia, quando si ha la consapevolezza di come funzione (almeno le basi).
D'altronde le grandi aziende mica sono stupide a investire miliardi in algoritmi per indurti a comprare su uno store. Se lo fanno, è perché vogliono pescare anche al di là dei coglioni.
  • Ombra gitana piace questo

#53 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6019 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 08:14

Ma chi ha incolpato la tecnologia?


Chi ha aperto questo thread si chiede se la tecnologia abbia un impatto negativo sul qi. Ed io rispondevo a questo.
La questione del marketing non l'ho nemmeno toccata.

#54 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 31 marzo 2021 - 08:25

E quindi, se invece di perdere tempo girando intorno ai problemi, incolpando questo e quello, cominciassimo a indagare con umiltà la nostra natura, probabilmente certe esperienze non le ripeteremmo più.

 

Sei liberissima di riflettere sulla tua natura, per non ripetere certe esperienze, penso tuttavia non sia questo il tema della discussione e nemmeno che si possa imporre agli altri per forza una linea intimista che non ha niente a che fare col taglio dei ragionamenti altrui.



#55 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6019 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 08:31

Sei liberissima di riflettere sulla tua natura, per non ripetere certe esperienze, penso tuttavia non sia questo il tema della discussione e nemmeno che si possa imporre agli altri per forza una linea intimista che non ha niente a che fare col taglio dei ragionamenti altrui.


Fosse una discussione sui motivi della guerra, avresti ragione. Metterla sul piano della natura umana corrotta sarebbe di una banalità assoluta. Ma parlando di rincoglionimento generale della popolazione, mi sembra assurdo voler negare ragionamenti più "intimistici".
Al massimo, se proprio non ti sta bene, sei libera di ignorarmi, come io di riflettere sulla mia natura.

#56 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 31 marzo 2021 - 08:36

Ovvio. Però si discute perché un giornalista, invece di riflettere su se stesso, ha fatto una riflessione di tipo sociologico. Cioè, di cosa stiamo parlando :tajo: ?



#57 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6019 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 08:41

Ovvio. Però si discute perché un giornalista, invece di riflettere su se stesso, ha fatto una riflessione di tipo sociologico. Cioè, di cosa stiamo parlando :tajo: ?


Finché si è in topic, credo che ognuno sia libero di discutere su un certo argomento nel modo che ritiene più opportuno.
Ora che ho preso atto del fatto che per te questo tipo di riflessioni sono una cagata off-topic, posso continuare a discutere come pare a me o devo chiedere qualche permesso speciale?

#58 Guest_GufoOscuro_*

Guest_GufoOscuro_*
  • Ospiti

Inviato 31 marzo 2021 - 08:46

Chi ha aperto questo thread si chiede se la tecnologia abbia un impatto negativo sul qi. Ed io rispondevo a questo.
La questione del marketing non l'ho nemmeno toccata.


Quello si può sapere solo tramite studi specifici.
Il mio intento era semplicemente portare fatti conclamati riguardo a come in certi settori si impiegano determinate tecnologie; magari non abbassano il QI, di certo non è neanche loro intento dare strumenti all'utente per capire certi meccanisni. Mi sembra necessario per fare un discorso più ampio, al limite la prossima volta parteciperò solo a sondaggi con risposta "sì" o "no" per non sbagliare.
  • Ombra gitana piace questo

#59 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 31 marzo 2021 - 09:19

Finché si è in topic, credo che ognuno sia libero di discutere su un certo argomento nel modo che ritiene più opportuno.
Ora che ho preso atto del fatto che per te questo tipo di riflessioni sono una cagata off-topic, posso continuare a discutere come pare a me o devo chiedere qualche permesso speciale?

 

A te e a @malia ho risposto tranquillamente esponendo il mio punto di vista, rileggi, non ho usato termini come "cagate" , poi se magari volete che siano gli altri a chiedervi il permesso speciale per esprimersi, non so, sarà un gioco di specchi un po' assurdo a sto punto.


  • Ombra gitana piace questo

#60 Ombra gitana

Ombra gitana

    Super Utente

  • Utenti
  • 4645 messaggi

Inviato 31 marzo 2021 - 09:56

Il mio era un discorso generico. Magari uno ha determinate inclinazioni che lo portano a rincoglionirsi su Facebook, altri hanno altre caratteristiche che li portano a rincoglionirsi in altri modi.
Il livello medio di consapevolezza dell'essere umano credo ti sia noto. Per questo motivo sono d'accordo con chi crede che la colpa non sia della tecnologia in sé, ma a monte.
A dire il vero è proprio il boomer a incolpare la tecnologia, di solito. Ma diciamo pure vecchio cagacazzo, che questi inglesismi non rendono.

 

Mi sembra paradossale che per negare un eventuale fattore specifico di rincolglinimento si affermi che ci sono innumerevoli fattori di rincoglionimento - per poi precisare che comunque il rincoglionimento non dipende da questo o quel fattore, ma da una vocazione personale di ciascuno.

 

Quello che tu e Malia equivocate è che non si vuole affatto negare il valore della tecnologia, contrapponendola a una specie di "felice stato di naturale ignoranza", ma contrapponendola semmai a un uso corretto della tecnologia - riflettendo sul suo uso scorretto, o inutile, o esasperato, che provoca un "felice stato di innaturale e inconsapevole stupidità", tanto più inconsapevole quanto più si sposa con l'efficienza.

 

Ma a parte, o forse è il caso di dire a monte di tutto questo, l'impostazione per cui "è sempre stato così" (qualunque sia il così e il sempre) è assurda, e senza senso.

Più che altro, mi sembra dovuta alla resa di fronte alla velocità ed enormità dei cambiamenti - come dicevo a Malia - per cui ci si sta abituando a vivere questi cambiamnti in modo fideistico, fatalistico e mentalmente passivo, soprattutto evitando di porsi problemi che vadano al di là degli effetti superficiali - anzi, negando anche gli effetti superficiali, se questi rischiano di svilupparsi in problematiche insidiose.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi