Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Noi classe '70 ... sopravvissuti per caso?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
39 risposte a questa discussione

#21 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 10008 messaggi

Inviato 02 settembre 2020 - 04:06

ste discussioni sono pericolose primo perchè parte poi la vena nostalgica, secondo perchè arriva sempre qualche vecchiaccio a dirci che ci è andata pure bene perchè ai suoi tempi cascavano le bombe. la cosa divertente è che accadrà pure tra 20 anni...

suggerisco la visione di questi documentari https://www.raiplay....i/ibambinienoi per meglio comprendere il contesto, c'erano pure dei docufilm rai a tema, fatti da un altro regista di cui però adesso mi sfugge il nome, però ogni tanto li passano su raistoria, sicuramente ci sono su raiplay.

un appunto sulle foto sopra, la prima foto dovrebbe essere quella di un bambino che lavorava nelle miniere di carbone in usa a inizio 900, lo stile della composizione sembra quello di lewis hine , tuttavia sta foto NON me la ricordo e potrebbe essere di qualcun altro, la seconda NON me la ricordo affatto, mi sembrava di dorothea lange, ma il colletto del signore tipicamente belle epoque è antecedente i suoi lavori, inoltre la scritta coney island lascia pochi dubbi, quindi dovrebbe trattarsi di uno di quei famigerati zoo umani che tra la fine dell'800 e inizio 900 imperversavano tra nord america e gran bretagna, voluti dai suprematisti e cattolici, tra le altre cose, ance per propagandare l'opera "pia e giusta" del colonialismo occidentale. la terza invece è della londra degli anni 30, quando si credeva che la salute dei bambini si fortificava con il freddo, per cui furono incoraggiate, da taluni medici di allora, queste "soluzioni urbane".

quel che vien da chiedere è cosa c'entrino con la discussione, ma appunto come dicevo prima, c'è sempre qualcuno che deve ricordarci che ai suoi tempi cadevano le bombe.

 

i fotografi che ho citato sono tra i più grandi del 900, spesso sottostimati e dimenticati, perchè molti dei loro scatti, iconici, erano forse "troppo" per il politically correct imperante. ho inserito i link dei siti ad essi dedicati, le loro foto devono essere viste e ricordate. 

infine questa è una delle cose che facevo da ragazzo e che faccio ancora oggi, ossia intrufolarmi, anche senza autorizzazione, in cantine e soffitte di case altrui o abbandonate per trovare documenti dell'epoca, spesso fotografie, ma anche giornali o riviste, qualsiasi cosa fosse stampata prima del mio arrivo in questo mondo. l'odore della carta stantia, tra muffe e ragnatele nei meandri bui, mi attira come il polline per le api, credo che pochi abbiano riportato poi a casa tanta polvere addosso ai vestiti come me, ovviamente NON confessavo nulla nemmeno sotto tortura.

poi volendo essere nostalgici, perchè cavolo oggi la moda impone vestiti così stupidi e ridicoli, quando ai nostri tempi si usavano quelle comodissime e colorate salopette. e dove diavolo sono finiti i pantaloni di velluto a coste?


  • malia piace questo

tumblr_o2z1nr3FQ51qmob6ro1_400.gif




#22 Ombra gitana

Ombra gitana

    Super Utente

  • Utenti
  • 4645 messaggi

Inviato 02 settembre 2020 - 04:31

ste discussioni sono pericolose primo perchè parte poi la vena nostalgica,

...

quel che vien da chiedere è cosa c'entrino con la discussione, ma appunto come dicevo prima, c'è sempre qualcuno che deve ricordarci che ai suoi tempi cadevano le bombe.

 

 

Questo thread è nato esattamente e dichiaratamente come vena nostalgica.

 

Le foto sono servite come minimo a indurre te a regalarci la tua augusta opinione.

 

E a te per informarti sui grandi fotografi del 900.



#23 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 10008 messaggi

Inviato 02 settembre 2020 - 05:30

...

E a te per informarti sui grandi fotografi del 900.

guarda, mo me lo segno. tu nel frattempo ricordati che stiamo parlando della generazione nata negli anni 70.


tumblr_o2z1nr3FQ51qmob6ro1_400.gif


#24 silvya

silvya

    kkkhhh??

  • Utenti
  • 10678 messaggi

Inviato 03 settembre 2020 - 05:04

concordo molto con quello che dice Ana :asdsi:
purtroppo non sono un fan della relazione alla pari.
perché a livello proprio di dati di fatto non è paritaria come relazione.
hai una certa responsabilità perché ndevi fare in modo di proteggerli e starci attento. non puoi essere alla pari.
credo che magari la cosa cambi da più grandi quando cominci a confrontarti :arg:

non penso che funziona così, il rapporto di sangue genitori figli, non lo so, ma è sempre una cosa alla pari, un rapporto alla pari altrimenti sarebbe due persone che la pensano in modo uguale, un clone magari; e io non sono d accordo!!! _ esistono altrettanti ruoli che servono ad essere raggirati per dire

...d.dd..ddddddd.d .    .
z.d


#25 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1713 messaggi

Inviato 03 settembre 2020 - 08:34

Oggi bambini in giro da soli non se ne vedono,


Perché vengono considerati un'appendice dei genitori, e non individui. Trovo questa fusione forzata pericolosa ovvero deresponsabilizzante per il bambino - il quale ha bisogno di esperienze anche autonome, per trovare il suo ruolo nell'infinito. Ci si chiede però se i giovanissimi di oggi hanno ancora un cervello ben funzionante (dopo l'avvento di "telefoni intelligenti", i social, e le console per i videogiochi cosiddetti "realistici"), il sistema immunitario intatto o comunque decente (dopo l'attacco farmacologico e chimico dappertutto), il coraggio (dopo le sedute dallo psichiatra dell'ASL), saggezza (dopo un indottrinamento massiccio scientista e religioso-bigotto allo stesso tempo); ci si chiede se hanno le capacità psicofisiche e spirituali di quelli delle generazioni precedenti che hanno vissuto molto più a contatto con la natura, o almeno con la strada. Ci si chiede se questi, di oggi, sarebbero sopravvissuti alle esperienze di quelli di prima. Probabilmente no. E non è un progresso ma un evidente regresso. Oggi c'è il mito della (finta) "sicurezza" - come se questa fosse molto più importante della vita stessa e della sua qualità, nella sua integrità, in ogni suo aspetto. L'automazione che la moderna scienza permette di progettare, dovrebbe essere finalizzata a incoraggiare e promuovere le virtù dell'essere umano. Invece spesso viene usata come scorciatoia per saltare le esperienze esistenziali indispensabili e per facilitare l'accesso alle attività deleterie. Non è un caso, che i genitori siano condiscendenti, perché hanno paura dei figli (grave errore) e perché non hanno idea di come educare le nuove generazioni, già inserite in un contesto differente.
 
94317593_1480325472131543_82242124187340
("Un bambino ben educato impara a far dipendere la sua felicità dall'amore che ha per se stesso e non dall'affetto degli altri". Rael)



#26 Ombra gitana

Ombra gitana

    Super Utente

  • Utenti
  • 4645 messaggi

Inviato 03 settembre 2020 - 09:20

Perché vengono considerati un'appendice dei genitori, e non individui. Trovo questa fusione forzata pericolosa ovvero deresponsabilizzante per il bambino - il quale ha bisogno di esperienze anche autonome, per trovare il suo ruolo nell'infinito. Ci si chiede però se i giovanissimi di oggi hanno ancora un cervello ben funzionante (dopo l'avvento di "telefoni intelligenti", i social, e le console per i videogiochi cosiddetti "realistici"), 

...Ci si chiede se questi, di oggi, sarebbero sopravvissuti alle esperienze di quelli di prima. Probabilmente no.

 

 

Ma nemmeno noi saremmo sopravvissuti al lavoro in miniera, che ho mostrato in quelle foto.

 

L'educazione tende - per osmosi - a preparare le persone per il mondo che esiste hic et nunc, approssimativamnte - un'approssimazione tutta da discutere e interpretare.

 

I genitori, gli educatori professionali stessi rappresentano un passato che è impegnato a capire il presente, avendo un'idea alquanto vaga del futuro.

Questo gioco di gap temporali è diventato più arduo, adesso, perché la velocità e la profondità del cambiamnto sono maggiori.

 

Un educatore-genitore nato negli anni 20, e cresciuto a maturità negli anni 40, doveva certamente affrontare un mondo diverso negli anni 60 e 70, ma anche molto uguale in certi fondamentali, e comunque si trattava di una transizione avvenuta lentamnte, proprio sul piano dei meccanismi psichici e dei valori razionalmnte trasmissibili.

 

Tra l'altro, si studiava spesso su testi scritti diversi anni prima, e l'impianto strutturale dei programmi era assai simile a quello dei nostri padri.

Contenuto, stile e in parte anche l'estetica dei testi e delle scuole stesse ci facevano, di fatto, vivere in epoche diverse nello stesso momento.



#27 Guest_GufoOscuro_*

Guest_GufoOscuro_*
  • Ospiti

Inviato 04 settembre 2020 - 11:23

Classe 1984.

Torino ha sempre fatto schifo. Quando ero bambino andavo a scuola da solo, ma non era tanto per la sicurezza (c'erano un mucchio di drogati e spacciatori, i marciapiedi erano ricolmi di siringhe, oggi, vivvadio perlomeno la gente sceglie di uccidersi con polveri ed acidi, il massimo che incontri è lo spaccino che "amigo, vuoi qualcosa?")... Dicevo, non era sicurezza delle strade, più che altro i genitori di una volta erano meno nevrotici e apprensivi, molto più fatalisti. Non c'era quella merda di "una mamma per amica" e roba simile, ed era già molto per fare capire che un figlio può farsi male, può morire e amen. Se non muore, cresce, ri-amen. Ma in generale la situazione in una grande città come Torino era lo stesso una merda come oggi. Anche peggio forse, perché perlomeno ora godiamo di tecnologie e servizi che una volta non c'erano. Ti capita qualcosa, hai un cellulare. Anzi, smartphone. Per fare un esempio.

#28 silvya

silvya

    kkkhhh??

  • Utenti
  • 10678 messaggi

Inviato 04 settembre 2020 - 01:47

Ma Le sale giochi erano come il circoletto delle partite a carte dei pensionati di quartiere, che erano quelli che giocavano ma si fidavano meno di loro stessi, tra i tre potevano bere un solo bicchiere di acqua se no rischiavano la morte, era uguale tra ragazzi, solo che si inventavano malattie per passare le file o per avere fatto mosse astutissime...

...d.dd..ddddddd.d .    .
z.d


#29 Ombra gitana

Ombra gitana

    Super Utente

  • Utenti
  • 4645 messaggi

Inviato 06 settembre 2020 - 04:39

"Avrò avuto quindici o sedici anni e un giorno mia madre indicò un cassetto della stanza dove dormivo. Questo è tuo, disse, ci puoi fare quello che vuoi, metterci quello che vuoi, né io né tuo padre lo apriremo mai. Ci mettevo le sigarette che avrei fumato di nascosto, le copie delle lettere d’amore spedite alle ragazze, il libretto delle giustificazioni truffaldino per marinare la scuola (ogni tanto penso ai ragazzi di oggi, coi loro registri elettronici, la segnalazione delle assenze in tempo reale, i voti online un’ora dopo, penso al cassetto di mia madre estratto e sbatacchiato dalla tecnologia come in una visita notturna della Stasi, penso a quanto mi sia servito a crescere la violazione delle regole, nascondere un’insufficienza e studiare per recuperarla, decidere di non andare a scuola e assumermene il rischio e la responsabilità, penso ai nostri figli sterilizzati nel controllo digitale perenne, all’annullamento del loro libero arbitrio in nome della sorveglianza a fin di bene, all’ansimante ricerca della sicurezza a discapito della libertà, il vero onnivoro tratto del nostro presente). ..."

 

https://www.huffingt...ref=it-homepage


  • G.a.b.r.i.e.l piace questo

#30 silvya

silvya

    kkkhhh??

  • Utenti
  • 10678 messaggi

Inviato 06 settembre 2020 - 05:18

Io questi giovani, rispetto a noi, non più ragazzini li vedo persi, nella inquinamento, che ormai inquina tutto, una mollica di pane nel gabinetto, e se la butti al mare..perché non e bello farsi il bagno dove sai che c'è una mollica di pane, al tovagliolino che potresti buttare o perdere come se stessi parlando di copertoni bruciati, e poi magari muoiono se un giorno non hanno il dentifricio* 'W'

...d.dd..ddddddd.d .    .
z.d


#31 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 06 settembre 2020 - 10:10

"Avrò avuto quindici o sedici anni e un giorno mia madre indicò un cassetto della stanza dove dormivo. Questo è tuo, disse, ci puoi fare quello che vuoi, metterci quello che vuoi, né io né tuo padre lo apriremo mai. Ci mettevo le sigarette che avrei fumato di nascosto, le copie delle lettere d’amore spedite alle ragazze, il libretto delle giustificazioni truffaldino per marinare la scuola (ogni tanto penso ai ragazzi di oggi, coi loro registri elettronici, la segnalazione delle assenze in tempo reale, i voti online un’ora dopo, penso al cassetto di mia madre estratto e sbatacchiato dalla tecnologia come in una visita notturna della Stasi, penso a quanto mi sia servito a crescere la violazione delle regole, nascondere un’insufficienza e studiare per recuperarla, decidere di non andare a scuola e assumermene il rischio e la responsabilità, penso ai nostri figli sterilizzati nel controllo digitale perenne, all’annullamento del loro libero arbitrio in nome della sorveglianza a fin di bene, all’ansimante ricerca della sicurezza a discapito della libertà, il vero onnivoro tratto del nostro presente). ..."
 
https://www.huffingt...ref=it-homepage


È sopravvissuto a essere il figlio di Feltri, questo sì che è stupefacente!

#32 silvya

silvya

    kkkhhh??

  • Utenti
  • 10678 messaggi

Inviato 07 settembre 2020 - 08:59

Il sito spia per eccellenza doveva essere Tik tok, Non penso che trump da politico abbia fatto qualcosa di azzardato" comunque ci hanno provato..a questo ora ci saranno tanti video non caricati,che spiegano la falsa riga di come ti manipolano il neuroncello, che poi doveva essere un app per giovani questo alla italiana. Perché qualcuno ha pensato che certi giochi li possono fare solo ragazzini tecnologici di una certa dimestichezza tecnologica, #.#

...d.dd..ddddddd.d .    .
z.d


#33 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 9392 messaggi

Inviato 11 settembre 2020 - 07:57

"Avrò avuto quindici o sedici anni e un giorno mia madre indicò un cassetto della stanza dove dormivo. Questo è tuo, disse, ci puoi fare quello che vuoi, metterci quello che vuoi, né io né tuo padre lo apriremo mai. Ci mettevo le sigarette che avrei fumato di nascosto, le copie delle lettere d’amore spedite alle ragazze, il libretto delle giustificazioni truffaldino per marinare la scuola (ogni tanto penso ai ragazzi di oggi, coi loro registri elettronici, la segnalazione delle assenze in tempo reale, i voti online un’ora dopo, penso al cassetto di mia madre estratto e sbatacchiato dalla tecnologia come in una visita notturna della Stasi, penso a quanto mi sia servito a crescere la violazione delle regole, nascondere un’insufficienza e studiare per recuperarla, decidere di non andare a scuola e assumermene il rischio e la responsabilità, penso ai nostri figli sterilizzati nel controllo digitale perenne, all’annullamento del loro libero arbitrio in nome della sorveglianza a fin di bene, all’ansimante ricerca della sicurezza a discapito della libertà, il vero onnivoro tratto del nostro presente). ..."

 

https://www.huffingt...ref=it-homepage

Bah, boh. A me non sembra che oggi i nostri figli siano sterilizzati nel controllo digitale, penso al cyberbullismo, il revenge porn, le webcam zozzine per raccattare due soldi e comprarsi le borsa firmata.

Cioè, forse mia figlia non può nascondermi un brutto voto a scuola, ma i p. in mondovisione li può fare benissimo...oh, sempre esperienza è :arg:, il suo ''libero arbitrio'' in questo senso non mi sembra annullato, nè il libero arbitrio del suo eventuale fidanzatino che decide di  condividere cosine con gli amici dell'inoltro.



#34 Ombra gitana

Ombra gitana

    Super Utente

  • Utenti
  • 4645 messaggi

Inviato 11 settembre 2020 - 09:34

Bah, boh. A me non sembra che oggi i nostri figli siano sterilizzati nel controllo digitale, penso al cyberbullismo, il revenge porn, le webcam zozzine per raccattare due soldi e comprarsi le borsa firmata.

Cioè, forse mia figlia non può nascondermi un brutto voto a scuola, ma i p. in mondovisione li può fare benissimo...oh, sempre esperienza è :arg:, il suo ''libero arbitrio'' in questo senso non mi sembra annullato, nè il libero arbitrio del suo eventuale fidanzatino che decide di  condividere cosine con gli amici dell'inoltro.

 

Un pompino in mondovisione è qualcosa che non si limita a confermare la tesi di Feltri, ma va perfino al di là - un mondo "social" in cui esibire ciò che si era abituati a considerare privato, o almeno riservato, o tutt'al più raccontato confidenzialmente attraverso le parole, e che ora viene mostrato direttamnte in immagine.

Il libero arbitrio di cui parla Feltri riguarda soprattutto la facoltà di graduare, elaborare le "informazioni" e di costruire situazioni, conservandone in qualche modo il controllo.

Fenomeni di questo genere non si misurano sul fatto che i "confini" siano scomparsi - perché qualche genere di confine esiste sempre - ma sul fatto che siano spostati in modo significativo.



#35 silvya

silvya

    kkkhhh??

  • Utenti
  • 10678 messaggi

Inviato 13 settembre 2020 - 02:23

Il mondo visione dei ragazzi non è stato intaccato o forse si, dipende..per come la vedo io se escludiamo quelle presenze, che sono di fare niente più, neanche darsi un genere sessuale, rimangono i giovani, tra cui qualche suicidio anche, perché come chi è più giovane, ha usato il web con un intento, e c'è sempre un intento per rendere qualcosa interessante, il fatto che, poi la mondovisione ti ha giudicato, nella vita' non sapendo nessuno da quando c'è il web come si deve comportare sempre;ha fatto solo avere ripensamenti catastrofici da ragazzi depressi 'nati', arrivare così alla sensibilità di chi può essere più fragile, così è grave, e secondo me, perché si sa bene la legge come funziona, e chi non lo spiega è persino meglio di chi se ne abusa sui sociale xe' È molto di moda" io mi ricordo ad es. Che oltre le uscite selvatiche ecc, e tornare a mangiare a tutti i costi oppure le ferite che sembravano più una cosa zozza tipo mo ti butto in lavatrice, c era anche la febbre con l aggiunta di un bel ma quanto rompi, di nuovo, ahhe' '.'<
Sei sicuro.

...d.dd..ddddddd.d .    .
z.d


#36 byrus

byrus

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 875 messaggi

Inviato 13 settembre 2020 - 03:49

Così a pelle ricordo quando per telefonare a casa era necessario usare i gettoni nelle cabine telefoniche.

 

Internet l'avevano in pochi e c'era la scocciatura che collegando il modem non potevi ricevere telefonate, ed era meglio collegarsi in certi orari serali per risparmiare sulla bolletta.

 

I primi cellulari e gli scemi che li facevano suonare apposta durante le lezioni a scuola per creare disturbo.

 

La moda dei loghi per il cell e delle suonerie con quello spot insopportabile ripetuto spesso in TV. Ricordo che il tipo che inventò questa moda (e gli spot) si arricchì non poco, ma venne riconosciuto per strada da qualcuno che lo detestava e pestato. 

 

Halloween era qualcosa di strano e lontano, legato solo agli Usa e UK.



#37 silvya

silvya

    kkkhhh??

  • Utenti
  • 10678 messaggi

Inviato 19 settembre 2020 - 02:23

Halloween è stata una bella moda diciamo, qui carnevale non si è mai visto se non tra asilo e compleanni, le maschere sono teatrali e si scherzava manco' niente di veneziano. Halloween a me piace, però coincide con o festeggi o ti mascheri bho

...d.dd..ddddddd.d .    .
z.d


#38 Karver

Karver

    Utente Full

  • Utenti
  • 1222 messaggi

Inviato 19 settembre 2020 - 09:55

ste discussioni sono pericolose primo perchè parte poi la vena nostalgica, secondo perchè arriva sempre qualche vecchiaccio a dirci che ci è andata pure bene perchè ai suoi tempi cascavano le bombe. la cosa divertente è che accadrà pure tra 20 anni...

suggerisco la visione di questi documentari https://www.raiplay....i/ibambinienoi per meglio comprendere il contesto, c'erano pure dei docufilm rai a tema, fatti da un altro regista di cui però adesso mi sfugge il nome, però ogni tanto li passano su raistoria, sicuramente ci sono su raiplay.

un appunto sulle foto sopra, la prima foto dovrebbe essere quella di un bambino che lavorava nelle miniere di carbone in usa a inizio 900, lo stile della composizione sembra quello di lewis hine , tuttavia sta foto NON me la ricordo e potrebbe essere di qualcun altro, la seconda NON me la ricordo affatto, mi sembrava di dorothea lange, ma il colletto del signore tipicamente belle epoque è antecedente i suoi lavori, inoltre la scritta coney island lascia pochi dubbi, quindi dovrebbe trattarsi di uno di quei famigerati zoo umani che tra la fine dell'800 e inizio 900 imperversavano tra nord america e gran bretagna, voluti dai suprematisti e cattolici, tra le altre cose, ance per propagandare l'opera "pia e giusta" del colonialismo occidentale. la terza invece è della londra degli anni 30, quando si credeva che la salute dei bambini si fortificava con il freddo, per cui furono incoraggiate, da taluni medici di allora, queste "soluzioni urbane".

quel che vien da chiedere è cosa c'entrino con la discussione, ma appunto come dicevo prima, c'è sempre qualcuno che deve ricordarci che ai suoi tempi cadevano le bombe.

 

i fotografi che ho citato sono tra i più grandi del 900, spesso sottostimati e dimenticati, perchè molti dei loro scatti, iconici, erano forse "troppo" per il politically correct imperante. ho inserito i link dei siti ad essi dedicati, le loro foto devono essere viste e ricordate. 

infine questa è una delle cose che facevo da ragazzo e che faccio ancora oggi, ossia intrufolarmi, anche senza autorizzazione, in cantine e soffitte di case altrui o abbandonate per trovare documenti dell'epoca, spesso fotografie, ma anche giornali o riviste, qualsiasi cosa fosse stampata prima del mio arrivo in questo mondo. l'odore della carta stantia, tra muffe e ragnatele nei meandri bui, mi attira come il polline per le api, credo che pochi abbiano riportato poi a casa tanta polvere addosso ai vestiti come me, ovviamente NON confessavo nulla nemmeno sotto tortura.

poi volendo essere nostalgici, perchè cavolo oggi la moda impone vestiti così stupidi e ridicoli, quando ai nostri tempi si usavano quelle comodissime e colorate salopette. e dove diavolo sono finiti i pantaloni di velluto a coste?

tra vent'anni cascheranno le bombe? Il terrorismo è stato sconfitto, i servizi segreti non sono più deviati

ci sarà il terrorismo straniero ma in italia proprio perchè i servizi segreti sono forti non c'è pericolo



#39 silvya

silvya

    kkkhhh??

  • Utenti
  • 10678 messaggi

Inviato 23 settembre 2020 - 08:09

Altro che nostalgia u.u
però come processo mentale esiste sia in privato che no alle donne è più facile esternare...

...d.dd..ddddddd.d .    .
z.d


#40 tnt74

tnt74

    utente perverso

  • Utenti
  • 6335 messaggi

Inviato 25 settembre 2020 - 09:31

Io ricordo la mia scuola, la chiusero quando stavo in terza elementare a causa di una epidemia di peste portata da navi saracene.
  • Il Morto piace questo




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi