Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

La mappa del mondo di Tolomeo


  • Per cortesia connettiti per rispondere
33 risposte a questa discussione

#1 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 17 febbraio 2017 - 11:26

tolomeo.jpg

 

 

Il planisfero di Tolomeo è una mappa del mondo così come si presume venisse visto e rappresentato nel II secolo d. C. dalla Civiltà Occidentale. Esso venne realizzato sulla descrizione contenuta nel libro di TolomeoGeographia, scritto nel 150 circa d.C. Sebbene le mappe autentiche non siano mai state trovate, la Geographia contiene migliaia di riferimenti di varie parti del mondo, con in più le coordinate, le quali hanno permesso ai cartografi di ricostruire la visione del mondo di Tolomeo, quando il manoscritto venne riscoperto intorno al 1300 d.C.

Quella di Tolomeo è la più antica opera superstite che adoperi osservazioni astronomiche per determinare la latitudine e la longitudine delle località, inserendole così in un reticolato geografico, metodo che l'astronomo greco aveva ereditato dai suoi predecessori d'età ellenistica Eratostene di Cirene ed Ipparco di Nicea, le cui opere originali sono tuttavia disgraziatamente andate perdute.

Quando la Geographia fu tradotta dal greco all'Arabo nel IX secolo e in seguito in latino nell'Europa Occidentale all'inizio del XV secolo, l'idea di un sistema globale di coordinate rivoluzionò l'opinione geografica islamica medievale ed europea ponendola sopra una base scientifica e numerica.

Da Wikipedia

 

Se guardate con attenzione sulla destra della mappa del mondo di Tolomeo potete osservare i segni zodiacali. In basso si scorgono i segni del Sagittario e del Capricorno, un po' più in alto lo Scorpione, ci sono tutti e dodici i segni zodiacali.

Qualcuno se ne potrebbe meravigliare, pensando che i segni zodiacali siano qualcosa che abbia a che fare con il cielo, e quindi domandarsi che cosa ci facciano su una carta del mondo.

Ma in realtà i segni zodiacali non sono in connessione con il cielo, ma con la Terra, ed è quindi giusto disegnarli su una carta geografica come aveva fatto Tolomeo, o qualcun altro ispirandosi a lui.

Oggi i segni zodiacali non si disegnano più sulle carte geografiche, fatta eccezione per due segni, che sono il Cancro e il Capricorno, di cui ancora vi è traccia sulle carte geografiche dove viene tracciata le linee che rappresentano il tropico del Cancro e quello del Capricorno.

I segni zodiacali non vanno cercati nel cielo, ma qui sulla Terra, perché dipendono solo dalla Terra e dalla inclinazione del suo asse di rotazione rispetto al piano della sua orbita.

I segni zodiacali non solo non dipendono dalle costellazioni zodiacali, ma nemmeno dal Sole, se non indirettamente, anche se è possibile parlare del Sole per spiegare che cosa siano.

In genere chi parla di segni zodiacali si riferisce al Sole nei segni zodiacali, perché l'astrologia basata sui segni zodiacali solari è quella più conosciuta e popolare. Però gli astrologi non si occupano soltanto dei segni solari, ma considerano anche la presenza della Luna e dei pianeti nei segni.

Per cui i segni zodiacali non sono qualcosa di strettamente connesso con il Sole, ma debbono intendersi come degli spazi in cui si possono collocare sia il Sole che i pianeti e la Luna.

Questi spazi sono determinati dalla stessa Terra, per cui dalla semplice osservazione di un mappamondo possiamo capire dove si trova il grado 0° del segno del Cancro, e da questo il punto di inizio e di fine di ciascun segno, che hanno tutti la stessa estensione di 30°. Basta osservare in che direzione punta il Polo Nord dell'asse terrestre,e  proiettarla sul piano dell'eclittica - il piano in cui giace l'orbita terrestre, e con buona approssimazione anche quella dei pianeti e della Luna - per sapere che in quel punto inizia il segno del Cancro, e che ad esso in senso antiorario seguono tutti gli altri segni.

Credo che sia importante capire che i segni zodiacali siano una emanazione della Terra e di come si combinano i suoi moti, quello di rotazione intorno al proprio asse, e quello di rivoluzione intorno al Sole.

Rendersi conto di questo rende l'astrologia immediatamente più credibile, perché questo significa che i supposti influssi astrologici non dipendono dalle stelle lontanissime, ma è piuttosto un fenomeno locale e che ci riguarda da vicino.

In fisica la distanza conta moltissimo, ad esempio la forza di gravità è inversamente proporzionale al quadrato della distanza, e questo significa che la forza di gravità diminuisce molto rapidamente all'aumentare della distanza. 

Ma anche chi non sa nulla di fisica, sa che se tiene il suo dito indice ad un metro di distanza da un fornello acceso, non succede nulla. Ma se poi avvicina la punta del suo dito ad una distanza di 5 centimetri dalla fiamma del fornello, le cose cambiano. E questo avviene perché le cose vicine hanno una maggiore possibilità di influire rispetto alle cose lontane.

Per cui sfatare questa falsa credenza che l'astrologia sia qualcosa che abbia a che fare con le stelle lontanissime.  

Qualcuno potrebbe obbiettare che si parla comunque di cose lontane, e che i pianeti siano distanti, e che se la Luna è a circa 400.000 km, Nettuno è ad una distanza da noi di circa 4 miliardi di km.

Ma qui è la stessa astronomia che ci viene in aiuto per chiarirci le idee, e per farci capire le dimensioni delle quantità in gioco. Quattro miliardi di km sebbene possano sembrare tantissimi sono una inezia in termini di misure astronomiche.

La stella Proxima Centauri che è la stella a noi più vicina dopo il Sole, è ad una distanza che è 270.000 volte quella che ci separa dal Sole.

Gli antichi immaginavano che le stelle fossero lontane, ma non così tanto, pensavano che fossero appena oltre i pianeti. Adesso sappiamo che le stelle sono a delle distanze che non riusciamo nemmeno a comprendere perché sono al di là della nostra esperienza. 

Possiamo comprendere la distanza della Luna, perché i chilometri che ci separano da essa possono essere percorsi da un rappresentante che viaggi molto in qualche anno. Ma non riusciamo nemmeno a comprendere la distanza delle stelle perché non abbiamo termini di paragone nella nostra vita quotidiana.

Queste enormi distanze ci separano dal resto della galassia, è come se il nostro sistema solare fosse un isola. Qualcuno che osservasse il Sole da Proxima Centauri vedrebbe i pianeti e la Terra a ridosso del Sole, e l'intero sistema solare come una unica entità, così come in effetti è. I pianeti ci stanno addosso, o addirittura sono dentro di noi.

Il sistema solare è il nostro piccolo mondo, e al di la di questo non c'è più nulla, nulla di interessante per noi in termini pratici, ed è per questo che Plutone si chiama così, è il guardiano dell'Ade, del mondo dei morti, e delle tenebre, perché la luce del Sole li vi giunge a stento.

Non conta molto quello che è al di là di Plutone, ma conta molto quello che è all'interno del sistema solare.

 

lozodiaco2.gif

 

 

 

Se i segni zodiacali sono sulla Terra, e se il Sole, la Luna e i pianeti sono nei segni, nulla ci vieta di disegnare anche loro sulla mappa del mondo.

 

Cliccando sull'immagine si apre una nuova immagine con le posizioni degli astri aggiornate al momento presente.

 

Ecco dove sono i segni zodiacali, sono dati da quella curva sinusoidale.

 

A sinistra c'è il segno della Bilancia in cui il Sole inizia il suo cammino nell'emisfero sud, e a seguire ci sono tutti gli altri segni.

 

Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Aquario, Pesci, Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone, Vergine.

 


  • Bobbg piace questo



#2 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 17 febbraio 2017 - 04:05

Sbaglierò, ma, quindi in un giorno (la terra gira su sè stessa in un giorno) tutti i pianeti passano tutti i segni zodiacali? O si determina ad una certa ora del giorno la sua posizione in un segno? .....questo schema/immagine che hai postato ce l'ho anche nel mio softweare di astrologia ma non mi dà i segni...  devo partire sapendo che inizia con la bilancia e calcolo 30 gradi per segno....?



#3 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 17 febbraio 2017 - 04:48

Sbaglierò, ma, quindi in un giorno (la terra gira su sè stessa in un giorno) tutti i pianeti passano tutti i segni zodiacali? 

 

No, assolutamente.

 

La posizione nei pianeti nei segni, è indipendente dalla posizione in cui ci si trova sulla Terra, e dalla sua rotazione.

 

Nella data e ora indicati, i pianeti erano in quelle posizioni e lo erano per tutti, sia per i londinesi, che per gli aborigeni australiani.

 

Devi pensare che l'eclittica-zodiaco rimane fermo, e che la Terra sotto di esso scorre verso est.

 

Pensa al mappamondo, ho scritto che il sostegno del mappamondo indica la demarcazione tra il segno dei Gemelli e quello del Cancro. Il sostegno del mappamondo è fisso, mentre la Terra gira sotto di esso.

 

La rotazione della Terra riguarda la cosiddetta domificazione dell'oroscopo, e si prende quindi in considerazione quando si tratta di calcolare l'ascendente e la posizione dei pianeti nelle case nelle 24 ore.

 

Credo che volessi dire un software di astronomia.

 

Da dove devi partire dipende da come è rappresentata l'eclittica-zodiaco.

 

Io ho scelto di mettere il grado 0° dell'Ariete al centro dell'immagine, ma si può fare in altri modi. 

 

Il tuo programma astrologico ti mostra l'eclittica, ma sotto di essa ti mostra la Terra come nella mia immagine, o ti mostra le stelle?

 

Io sul mio sito do la possibilità di scegliere le due opzioni, nella versione in cui si vedono le stelle il segno della Bilancia si trova alla destra dell'immagine e poi i segni proseguono verso sinistra, sempre a una distanza di 30° gradi, perché appunto i segni sono le 12 partizioni dell'eclittica di 30° ciascuno.

 

Se su un pezzo di carta velina disegni un pallino vicino ad un bordo, se lo guardi  da un lato vedi il pallino a destra, se lo guardi dalla parte opposta lo vedi a sinistra.

 

Io preferisco la prospettiva in cui si vede la Terra, perché l'astrologia si interessa delle cose che accadono sulla Terra. 

 

Delle stelle non mi importa, le stelle non c'entrano con la astrologia, e le lasciamo tutte alla Hack, e ai suoi amici.



#4 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 17 febbraio 2017 - 06:23

Forse ho troppo l'ottica dell'astrologia classica e mi confonde. Il tuo sito è Astromauh? Leggo un pò là agli inizi (..nel 2008) cosi ti lascio un pò in pace qui e cerco di capire dai tuoi scritti. Grazie Astro!

 

 

 

Dimenticavo: il softweare che uso è astrolog e l'immagine è.....  se riesco ad inserirla.....    no, con firefox non riesco ad inserire l'immagine . Comunque si vede la cartina mondiale sotto.

 

 

 



#5 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 17 febbraio 2017 - 07:43

Forse ho troppo l'ottica dell'astrologia classica e mi confonde. Il tuo sito è Astromauh? Leggo un pò là agli inizi (..nel 2008) cosi ti lascio un pò in pace qui e cerco di capire dai tuoi scritti. Grazie Astro!

 

 

 

Dimenticavo: il softweare che uso è astrolog e l'immagine è.....  se riesco ad inserirla.....    no, con firefox non riesco ad inserire l'immagine . Comunque si vede la cartina mondiale sotto.

 

Se debbo interpretare un oroscopo, preferisco anch'io guardare il classico cerchietto con i segni. 

Però se confronti i due grafici, o anche se semplicemente passi il mouse sui pianeti,

non puoi non capire.

 

Ci sono altri programmi che mostrano dei grafici con una cartina mondiale sotto, ma fanno qualcosa di diverso,

non ricordo bene cosa, ma non mi va di scaricare astrolog per togliermi questa curiosità.



#6 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 17 febbraio 2017 - 08:09

Sul softweare c'è scritto che apro la "astrocartografia" ma, c'è anche grafico mandala rettangolare; griglia aspetti e punti medi; orizzonte locale; settori di Gauquelin; e altro ancora. E' un softwear libero, gratuito. Era nato per linux e chi voleva ampliare il programma ci metteva i suoi studi ma poi lo hanno aggiornato anche per windows....  è un programma vecchio, ma ben fornito di diversi calcoli e studi. Capisco che non hai voglia di istallarlo... ma se un giorno non sai cosa fare, provalo che ne vale la pena! Specialmente per un professionista come te. ....c'è pure i bioritmi se vuoi :glee: !

 

Puoi dare un'occhiata:   https://www.google.i...iw=1855&bih=951

 

E se ti gira...:     http://www.astrolog....log/astfile.htm

 

 

In google c'è l'immagine che non riuscivo a postarti...  provo a linkartelo:  http://img.brotherso...2-158393-4.jpeg



#7 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 17 febbraio 2017 - 10:02

Naturalmente astrolog lo conosco da tempo, solo che non lo utilizzerei e quindi non mi va di scaricarlo.

 

Avevo immaginato che alludessi a quelle immagini con la cartina della Terra,

che però non so a cosa servino, tu lo sai?

 

Quelle linee non rappresentano il cammino dei pianeti, perché i pianeti seguono tutti il cammino del Sole, e quindi sono sempre molto vicini all'eclittica, eccetto Plutone che in certi periodi se ne allontana anche parecchio.

 

I pianeti sono sempre nella fascia compresa tra i due tropici compresa quindi tra i 23.5° gradi nord e i 23.5° sud, o un pochino di più.  Per cui non so che rappresentano quei grafici con delle linee che partono da sopra il Regno Unito, comunque si tratta di immagini che avevo già visto, anche se non ho capito che cosa rappresentino, e non ho mai avuto la curiosità di scoprirlo.

 

Per quanto riguarda le mie immagini, forse ho saltato qualche passaggio nello spiegarle.

 

Sia l'equatore celeste che l'eclittica devi immaginarli come dei cerchi, come avevo mostrato con questa immagine.

 

odifreddi.gif

 

 

Proiettando l'eclittica sulla quella  particolare carta delle Terra essa assume la forma di una sinusoide.

 

Se questa cartina che è stata fatta con una proiezione cilindrica (mi pare che si dica così), invece di essere basata sui poli terrestri, si fosse basata sui poli dell'eclittica, allora vedresti l'eclittica come una linea retta al centro del disegno, e l'equatore assumere la forma di una sinusoide. In questo caso però anche i continenti assumerebbero una forma diversa da quella che sei abituato a vedere, e ti sembrerebbero deformati.

 

Anche quelli che vedi attualmente sono deformati, perché ad esempio i poli non li vedi come dei punti, ma come delle linee che si estendono per tutta la larghezza della mappa. Queste deformazioni ci saranno sempre perché non è possibile riprodurre la Terra che ha una forma sferica su una superficie piana, senza deformarla.

 

Quei puntini colorati che si vedono sulla carta della Terra, rappresentano i Sole, la Luna e i pianeti.

Se un pianeta è sopra una certa zona della Terra, questo vuol dire che chi si trova in quella località vedrebbe il pianeta allo zenit di quel luogo, ossia lo vedrebbe esattamente sopra la propria testa.

 

Oppure potresti immaginare che un osservatore al centro della Terra veda i pianeti guardando attraverso i pallini che in questo caso sarebbero delle finestrelle circolari.

 

O magari immagina una linea che parta dal centro di un pianeta e che arrivi al centro della Terra. Questa linea passerebbe attraverso il pallino che simboleggia il pianeta. 

 

Forse quest'altra immagine in cui si vedono i pianeti muoversi potrebbe aiutarti a capire meglio di cosa parliamo.

 

novdic.gif

 

 

Qui la Terra sembra ferma, ma in realtà fa una rotazione su se stessa ad ogni scatto.

Si ottiene questo effetto impostando un step di 1436 minuti che è all'incirca la durata di un giorno siderale,

ossia il temo che impiega la Terra per compiere un giro completo su se stessa rispetto alle stelle. Quattro minuti in meno del giorno tropico che è di 1440 minuti ossia di 24 ore.

 

cielo.gif

 

Quest'altra immagine è l'immagine speculare della prima, è solo cambiata la prospettiva, e si vedono i pianeti

camminare lungo l'eclittica sullo sfondo delle costellazioni e delle stelle.

 

Io preferisco nettamente l'immagine con la Terra, perché le stelle non hanno alcuna funzione nella astrologia

occidentale, non è da lì che provengono gli influssi astrologici, perché l'astrologia è un fenomeno locale, che

si occupa dei fatti di casa nostra.

 

Non so, magari a qualcuno farebbe piacere sentirsi in sintonia con l'intero universo, e se lo desidera può 

continuare a pensarlo, però le nostre vite si rispecchiano con ciò che avviene all'interno del sistema solare

e non al di fuori di esso.

 

Naturalmente questo non significa che si possa escludere l'influsso di qualcosa al di fuori del sistema solare, come potrebbe essere il movimento dell'intero sistema solare intorno al centro della nostra galassia.

 

Però in questo caso il ritmo di questo movimento è talmente lento che facendo l'oroscopo di uomo ci si accorgerebbe che è uguale a quello di un dinosauro vissuto miliardi di anni prima o quasi.

 

Voglio dire che essendo la nostra vita così breve, quello che ci interessa è la connessione associata ai veloci ritmi dei pianeti. E ritenere Plutone un pianeta veloce, è già dura, considerando che il suo periodo di rivoluzione è di quasi due secoli e mezzo. 


  • Bobbg piace questo

#8 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 18 febbraio 2017 - 08:56

Astro, ho letto un pò in giro ed ho pensato un pò.....  Praticamente tu usi il cielo classico per fare gli oroscopi ma, tieni conto dei dati delle posizioni dei pianeti in base a come sono visti sulla terra e non rispetto alle costellazioni.  Ho dedotto che il tuo metodo è consono al fatto che da qui si può determinare tutto quello che è .."terreno". Salute fisica, luoghi, punti di nascita (terreni), eccetera. E' un pò come dire che guardando invece agli astri in cielo si guarda al lato anima (sò che và contro il tuo pensiero ma...  prova a pensarci), cioè eventi che non possiamo controllare con la logica, tutto quello che riguarda anima e spirito, la psicologia più profonda di una persona. Giustamente, come intendi tu, gli umori, i malesseri o altro sono determinati da umidità, secchezza, calore, freddo che possono cambiare il nostro stato di salute e infondere anche l'istinto di essere guidati istintivamente da questi elementi. Marte, umidità, rimuginazioni, infiammazioni...  Saturno, paura, freddo, dolori...  Sole, calore, unione, mancamenti....  sono esempi ma, il tuo concetto è logico e giusto. Tra l'altro è in linea con la filosofia dell'agopuntura di cui sono appassionato. Mi sorge un dubbio: ma tu, quando fai un oroscopo, guardi ai pianeti rispetto alla terra o guardi anche tu in un oroscopo ai pianeti rispetto al cielo? Mi è venuto il dubbio perchè hai parlato che anche tu fai oroscopi circolari classici e non in un cielo di triangoli su carta.

 

Se mi è entrato in zucca il tuo pensiero, allora basterebbe avere le effemeridi degli astri visti sulla terra e, sapendo a cosa comporta, il perchè funziona cosi, si potrebbe mettere in atto il tuo pensiero senza scervellarsi troppo. Praticamente fare un'oroscopo circolare classico ma con i dati di posizioni planetarie Tolomeiche, terrene appunto.  ....stò pensando se è giusto pensare che i pianeti sulla terra sono più terreni, più yin e viceversa per i pianeti in cielo. Cosa ne dici? ....il pensiero di avere effemeridi "terreni" senza capire come girano i pianeti però è giusto. Ci sono queste effemeridi in giro? E le case astrologiche????? Sono come quelle classiche o cambiano anche queste?



#9 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 19 febbraio 2017 - 01:20

Astro, ho letto un pò in giro ed ho pensato un pò.....  Praticamente tu usi il cielo classico per fare gli oroscopi ma, tieni conto dei dati delle posizioni dei pianeti in base a come sono visti sulla terra e non rispetto alle costellazioni.  Ho dedotto che il tuo metodo è consono al fatto che da qui si può determinare tutto quello che è .."terreno". Salute fisica, luoghi, punti di nascita (terreni), eccetera. E' un pò come dire che guardando invece agli astri in cielo si guarda al lato anima (sò che và contro il tuo pensiero ma...  prova a pensarci), cioè eventi che non possiamo controllare con la logica, tutto quello che riguarda anima e spirito, la psicologia più profonda di una persona. Giustamente, come intendi tu, gli umori, i malesseri o altro sono determinati da umidità, secchezza, calore, freddo che possono cambiare il nostro stato di salute e infondere anche l'istinto di essere guidati istintivamente da questi elementi. Marte, umidità, rimuginazioni, infiammazioni...  Saturno, paura, freddo, dolori...  Sole, calore, unione, mancamenti....  sono esempi ma, il tuo concetto è logico e giusto. Tra l'altro è in linea con la filosofia dell'agopuntura di cui sono appassionato. Mi sorge un dubbio: ma tu, quando fai un oroscopo, guardi ai pianeti rispetto alla terra o guardi anche tu in un oroscopo ai pianeti rispetto al cielo? Mi è venuto il dubbio perchè hai parlato che anche tu fai oroscopi circolari classici e non in un cielo di triangoli su carta.

 

Se mi è entrato in zucca il tuo pensiero, allora basterebbe avere le effemeridi degli astri visti sulla terra e, sapendo a cosa comporta, il perchè funziona cosi, si potrebbe mettere in atto il tuo pensiero senza scervellarsi troppo. Praticamente fare un'oroscopo circolare classico ma con i dati di posizioni planetarie Tolomeiche, terrene appunto.  ....stò pensando se è giusto pensare che i pianeti sulla terra sono più terreni, più yin e viceversa per i pianeti in cielo. Cosa ne dici? ....il pensiero di avere effemeridi "terreni" senza capire come girano i pianeti però è giusto. Ci sono queste effemeridi in giro? E le case astrologiche????? Sono come quelle classiche o cambiano anche queste?

 

Mi pare che sono stato il primo a parlare di astrologia classica intendendo l'astrologia occidentale contemporanea, di uso comune e corrente.

 

Però in realtà l'astrologia classica è un'altra cosa, e con una semplice ricerca sul web scoprirai che l'astrologia classica non è quella contemporanea ma quella classica, ovvero legata al passato, e non più in uso se non marginalmente.

 

Secondo l'astrologia classica (quella vera), non bisognerebbe tener conto nell'oroscopo di Urano, Nettuno, e di Plutone, perché questi pianeti sono stati scoperti solo in era telescopica, ossia da quando è stato inventato il telescopio.

 

E quindi i cultori dell'astrologia classica non tengono conto di questi pianeti. A me la cosa sembra un'assurdità, perché io gli effetti di questi pianeti nell'oroscopo delle persone li vedo, e sarebbe per me inconcepibile interpretare un oroscopo senza tener conto anche di questi pianeti.

 

Se tu hai Nettuno forte nel tuo oroscopo, si vede, e lo stesso se si tratta di Urano o di Plutone.

 

Qualche tempo fa ho avuto un lungo scambio di idee con un persona che si occupa di astrologia classica.

Debbo dire che sono rimasto molto favorevolmente impressionato da questa persona, e anche se non ci scriviamo più, conservo di lui un buon ricordo, e ritengo che sia una persona proprio per bene, oltre che molto colta tanto in materie umanistiche che scientifiche.

 

I fautori dell'astrologia classica non considerano questi nuovi pianeti, perché nell'antichità non erano conosciuti. Però dopo sono stati scoperti e secondo me, ma anche secondo tantissimi altri, vanno inseriti nell'oroscopo.

 

Io non capisco come ci possano essere delle differenze di vedute così marcate, e questo è il problema centrale dell'astrologia. Dico in generale, non sto parlando nello specifico di questa questione dei pianeti nuovi.

 

E' per questo che l'astrologia non è una scienza. Un fisico giapponese, crede alle stesse cose che crede un fisico italiano, o uno americano, magari possono avere delle opinioni contrastanti su qualche teoria di frontiera, come potrebbe essere quello della fusione fredda, ma sono concordi sulle cose basilari.

 

C'è qualcosa che non funziona nei metodi degli astrologi.

 

Per quanto riguarda l'astrologia "terrestre" contrapposta ad una astrologia delle "stelle", credo che tu mi abbia frainteso.

 

Io non ho nulla di nuovo da proporre. Volevo solo chiarire che il sistema di riferimento degli astrologi (occidentali) è lo stesso di quello degli scienziati della NASA. Qualcuno si diverte a dire il contrario, con la faccenda di Ofiuco, e lo slittamento delle costellazioni zodiacali rispetto ai segni, ma queste sono delle false obiezioni, e chi parla di queste cose lo fa solo per ignoranza. 

 

Sia gli astronomi che gli astrologi definiscono la posizione dei pianeti nello stesso modo, e il sistema di riferimento usato da entrambi è basato sulla Terra, e sulla inclinazione del suo asse rispetto al piano della sua orbita.

 

Le due immagini che ho postato qui sopra, sono speculari, e come se guardassi un foglio trasparente prima da una parte e poi dall'altra. Quello che c'è disegnato sopra è sempre lo stesso.

 

Io ho detto di preferire l'immagine con la Terra piuttosto che quella con le stelle, perché le stelle non c'entrano con l'astrologia, e quindi è meglio toglierle per evitare di fare confusione. Ma dicendo questo non dico nulla di nuovo o di originale, perché queste cose sono già implicite nel sistema adottato.

 

Non c'è nessuna differenza tra l'oroscopo circolare, e le ultime due immagini che ho postato, tutte e tre indicano la stessa cosa, ossia la posizione dei pianeti rispetto alla Terra. Io per interpretare un oroscopo preferisco ancora avere davanti un oroscopo circolare, perché per tanti anni li ho fatti così, e perché in questo tipo di grafici si notano meglio i rapporti angolari tra i pianeti. Però se ho tempo guardo anche l'oroscopo con la Terra, perché si vede anche la latitudine eclittica dei pianeti oltre che la loro longitudine eclittica. Se un pianeta è perfettamente sulla eclittica allora la sua latitudine eclittica è zero, ma di solito sono un po' sopra l'eclittica o un po' sotto l'eclittica, e queste cose si possono osservare nelle due immagini con le stelle o la Terra, ma non si vedono nell'oroscopo circolare. Non so se osservare queste sottigliezze sia utile nell'interpretazione dell'oroscopo, ci sto ancora pensando non ho un'idea precisa in merito, però se non si guarda un grafico che mostri queste cose di certo non ci si può fare un'opinione in proposito. Per spiegarmi meglio, nell'oroscopo circolare vedi che due pianeti sono in congiunzione, ma se guardi gli stessi pianeti xon uno di quei due grafici, ti potresti accorgere che quei due pianeti non sono poi così vicini l'uno con l'altro, perché magari uno è un po' più a nord dell'eclittica e uno è un po' più a sud. Fa differenza? Difficile dirlo. Io credo che la cosa fondamentale sia la longitudine eclittica ossia il grado zodiacale dove si trovano i pianeti, e che può variare da 0° a 360°. Mentre se si parla di latitudine eclittica si parla di variazioni di pochi gradi. Però se due pianeti in congiunzione oltre ad avere più o meno la stessa longitudine eclittica, hanno anche più o meno la stessa latitudine eclittica, formano tra loro una congiunzione molto più stretta, e quindi (forse) anche più importante ai fini dell'interpretazione. Analogamente a come si fa distinzione tra congiunzioni strette e larghe a livello della sola longitudine eclittica. 

 

Inoltre in questo tipo di grafici si può osservare anche la declinazione o latitudine dei pianeti se guardi l'immagine con la Terra.

 

Credo che la declinazione fosse tenuta in gran conto dagli astrologi antichi, mentre oggi viene quasi da tutti ignorata.

 

Insomma forse queste mappe permettono di avere una visione più dettagliata della posizione dei pianeti, e la cosa non guasta, anche se la cosa fondamentale rimane sempre il cerchio di 360°.



#10 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 19 febbraio 2017 - 02:18

Se mi è entrato in zucca il tuo pensiero, allora basterebbe avere le effemeridi degli astri visti sulla terra e, sapendo a cosa comporta, il perchè funziona cosi, si potrebbe mettere in atto il tuo pensiero senza scervellarsi troppo. Praticamente fare un'oroscopo circolare classico ma con i dati di posizioni planetarie Tolomeiche, terrene appunto.  ....

 

Ma è già così, le comuni effemeridi astrologiche riportano gìà la posizione degli astri visti dalla Terra e visti sulla Terra.

 

Lo fanno in modo implicito, perché se dici che Giove è a 17° 31' dei Pesci stai riferendo la sua posizione alla Terra, anche se non ad una specifica località della Terra, ma alla Terra nel suo insieme. 

 

Va beh, nel mio sito: astrionline.it ho messo anche dei link in cui una volta che ti sei fatto il tuo oroscopo, puoi anche vedere dove si trovavano i pianeti con Google-Map nel momento in cui sei nato tu, e non conosco nessun altro sito dove si facciano cose del genere. Io ad esempio ho la Luna in Nigeria, Plutone in Algeria, e il Sole in oceania tra due isolette che si chiamano Apia e Papeete. Però non sono il propugnatore di un tipo nuovo di astrologia in cui si interpretano le posizioni terrestri dei pianeti, anche se a qualcuno potrebbe venire in mente di provarci.

 

La mia Luna in Nigeria significa che la Luna era nel segno della Vergine e quindi un po' sopra l'equatore sia celeste che terrestre, e che l'orientamento della Terra nell'ora in cui sono nato era tale che in quel momento i nigeriani vedevano la Luna esattamente sopra le loro teste.

 

Ma non c'è bisogno di inventare una nuova astrologia, perché questa è sempre la vecchia astrologia.

 

Secondo me tu non hai ben capito come faccia la Terra che gira su se stessa ad essere il riferimento per stabilire la posizione di una stella o di un pianeta. Tu pensi che siccome gira su se stessa, questo gli impedisca di essere un riferimento.

 

Te lo spiegherò meglio un'altra volta, magari ripartendo da quel disegnino che aveva postato qualcuno nell'altra discussione, dove si vedono le quattro terre intorno al Sole.



#11 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 19 febbraio 2017 - 08:49

Ah...   io pensavo che l'astrologia classica cambiasse tutti i modi di vedere pianeti e zodiaci. No, ti sei spiegato bene qui, infatti, finchè non capisco il meccanismo di una teoria sparo anche cavolate io! Anzi, mi si semplifica tutto il tuo pensiero che, volevo capire...!

 

No, non è che non capisco come fare riferimento ai pianeti con la terra in movimento, pensavo che ci fossero calcoli diversi dove poteva cadere la loro influenza sulla terra...  pensavo infatti ci fossero effemeridi diverse in base a dove colpivano. Vedendo nel web che facevano gli oroscopi quadrati con triangoli invece che cerchio e case astrologiche, credevo ci fossero altri riferimenti oltre al vedere semplicemente i pianeti dove cadevano. Quello che mi incuriosiva di più era sapere come mettevi in pratica tu questa astrologia classica e, mi immaginavo una cosa complicata, invece no. Ho capito come funziona e nel costruire un cielo terrò in mente anche questa astrologia classica. Anche le cose che ho visto nel web, le immagini e le loro spiegazioni me le tengo presenti in futuro. Ho ampliato la visuale dell'astrologia. So dove vedere i pianeti sulla terra ad una certa data, ma anche nell'web, ho visto le influenze planetarie sul comportamento e salute sull'umanità e il singolo. I venti e come può cambiare il tempo. Certo che, se non fosse per te Astro, nessuno si immaginerebbe che l'astrologia avesse in antichità altri metodi interessanti. Nessuno và a cercare pensando che l'astrologia di oggi sia già quella che praticavano in antichità.



#12 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 19 febbraio 2017 - 12:03

Tra gli oroscopi quadrati e quelli circolari non c'è una differenza sostanziale, e copiando le cose che si vedono in un oroscopo quadrato lo si può trasformare in un oroscopo circolare, e viceversa.

 

Gli oroscopi quadrati mettono molto in evidenza le case che appaiono tutte di uguale misura e che sono quei triangolini

che si vedono nel disegno. Ma siccome l'estensioni delle case non sono uguali, disegnandole in quel modo si deforma lo zodiaco.

 

Non so se mi spiego, se le seconda casa è più grande della terza, ma le disegni grandi uguali, vuol dire che hai rimpicciolito l'estensione dei gradi zodiacali della seconda casa, e dilatato quella dei gradi zodiacali della terza casa.

 

In pratica gli oroscopi quadrati mettono molto in evidenza le case astrologiche, per cui se si vuole sapere se una persona avrà successo nella vita, si considera quello che si vede nella decima casa.

 

Anche per me le case hanno molto importanza, però non le utilizzo in modo schematico, perché ad esempio il successo non è indicato esclusivamente dalla decima casa, ma dall'insieme di quello che si legge in un oroscopo.

 

Inoltre c'è un problema di carattere pratico, le case dipendono dall'ora di nascita, e l'ora di nascita è spesso incerta, 

per cui non mi va di demarcare le case in modo assoluto, e preferisco indicare l'inizio delle case con un semplice puntino.

 

Invece, in molti oroscopi moderni e quindi circolari le case vengono disegnate come dei settori, però bisognerebbe tenere sempre presente, che un errore dell'orario di nascita, può spostare un pianeta da una casa ad un'altra.

 

Nell'oroscopo circolare si vedono meglio gli aspetti tra i pianeti, perché se vedi due pianeti uno di fronte all'altro sono evidentemente in opposizione. Nell'oroscopo quadrato per sapere se due pianeti che si trovano in case opposte sono anche in opposizione, devi leggere le loro posizioni, perché il colpo d'occhio non è più sufficiente.



#13 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 20 febbraio 2017 - 09:55

Si, vero quello che dici.

Sai, chiedevo se ci fossero delle effemeridi particolari perchè, nel web, un sito spiegava che i pianeti si influenzano anche fra loro e, se marte, ad esempio, fosse in una casa astrologica e vicino ci fosse un'altro pianeta magari nella casa astrologica vicina, l'influsso di marte cambiava la posizione dell'altro pianeta spostandolo anche nella sua casa di sosta. La cosa mi spaventava un pò, ma, mi hai tranquillizzato nel tuo penultimo post.



#14 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 21 febbraio 2017 - 12:48

I pianeti rimangono lì dove si trovano. C'è qualcuno che sostiene che se due pianeti sono in aspetto, e se c'è un terzo pianeta che è vicino ad uno dei due, anche se non è in aspetto con l'altro, deve essere interpretato come se lo fosse.

 

Io non condivido molto questa cosa, anche se non posso dire che sia del tutto sbagliata.

 

Per me contano sempre le posizioni reali dei pianeti. Ad esempio se qualcuno ha il suo Sole di nascita a 29°59'59.99" in un segno, per me questa persona è e rimane di quel segno, anche se, se fosse nata solo alcuni secondi più tardi sarebbe stata del segno seguente.

 

In questi casi io mi chiedo: "Ma se questa persona avesse desiderato essere del segno successivo, perché non l'ha fatto? Gli sarebbe bastato nascere solo alcuni secondi dopo, per essere di quell'altro segno, eppure non l'ha fatto".

 

Per cui concludo che se la persona in questione è nata con il Sole a  29°59'59.99" di un segno, è proprio perché voleva nascere di quel segno e non di quell'altro.

 

Oppure diciamo che voleva nascere con il Sole a cavallo tra due segni, ma l'ha fatto scegliendo di avere il Sole da un lato invece che dall'altro. 

 

Se si accetta il principio di base dell'astrologia, ossia quello di una corrispondenza tra le posizioni degli astri e le vicende umane, penso che bisognerebbe tener conto delle reali posizioni degli astri.

 

Detto questo, bisogna tener conto che il passaggio tra i 29°59'59.99" di un segno a 0°0'0.00" di quello successivo, avviene in qualche frazione di secondo, per cui, in questi casi limite, è praticamente impossibile stabilire di che segno sia una persona, perché gli orari di nascita hanno una approssimazione fisiologica di circa 10 minuti, per cui tranne casi rarissimi, non è possibile conoscere il minuto di nascita, e tanto meno il secondo di nascita.

 

Tornando all'esempio che facevi tu.

 

ad esempio, fosse in una casa astrologica e vicino ci fosse un'altro pianeta magari nella casa astrologica vicina, l'influsso di marte cambiava la posizione dell'altro pianeta spostandolo anche nella sua casa di sosta.    

 

Io considererei sia il fatto che quest'altro pianeta per poco non si trovava nella stessa casa in cui si trova Marte, e sia il fatto che in realtà non vi si trovi.

 

Insomma credo che ogni interpretazione debba partire dalla reale posizione dei pianeti, e che tutti gli aspetti debbano essere soppesati e valutati.

 

Come considereresti il caso in cui questo pianeta sia invece proprio nella casa in cui si trova Marte?

 

Non puoi interpretare allo stesso modo una configurazione che si realizza, con un'altra che è solo una approssimazione di questa configurazione. Anche se bisogna tener conto di una configurazione, anche se è solo approssimata.

 

Insomma, il tuo modo di esprimerti mi è sembrato un po' troppo categorico, mentre l'interpretazione dell'oroscopo è fatta di sfumature. E' possibile che la presenza di Marte in una certa posizione, sensibilizzi l'area in cui si trovi, per cui un pianeta in questi gradi zodiacali si associ a Marte. E' quello che accade normalmente nelle congiunzioni, ma dire che Marte cambia la posizione del pianeta spostandolo da un'altra parte, mi pare eccessivo.



#15 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 22 febbraio 2017 - 12:03

Sono d'accordo con te, infatti stò cercando di capire come funziona e ho capito che è più semplice di quel che si legge nel web. Infatti, la storia di marte che sposta le posizioni degli altri pianeti mi aveva spaventato un pò da voler tralasciare di capire ma, come dici tu, sono cose da sapere ma in pratica è meglio fare un'oroscopo normale. Praticamente è utile per capire come è nato e cresciuto lo studio dell'oroscopo. Leggendoti poi, e leggendo sui vecchi scritti nell'web, si vede che i calcoli di un oroscopo di oggi è ben calcolato e ben studiato. E' più vicino alla logica e realtà delle cose ma, se uno chiede del segno di ofiuco? Ora sappiamo perchè non ha motivo di esistere. Se ci chiediamo perchè marte è portatore di infiammazione o contusioni? Ora si sà che è uno stimolatore di umidità  e quindi infiammazioni e, nello stesso tempo, l'elemento umidità coinvolge la milza che è l'organo del pensiero logico...  influenzando tramite l'umidità il pensiero logico è ovvio che siamo distratti e quindi più facili a sbadataggini e a urti. Astro, ho capito il tuo pensiero. All'inizio, pensavo avevi un'atro modo di fare un oroscopo ma ho capito dopo che ne stai solo informando della sua storia e collocazione dei tanti perchè di un'oroscopo che oggi lo facciamo ma non ...sappiamo.



#16 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 22 febbraio 2017 - 01:33

Sono d'accordo con te, infatti stò cercando di capire come funziona e ho capito che è più semplice di quel che si legge nel web. Infatti, la storia di marte che sposta le posizioni degli altri pianeti mi aveva spaventato un pò da voler tralasciare di capire ma, come dici tu, sono cose da sapere ma in pratica è meglio fare un'oroscopo normale. Praticamente è utile per capire come è nato e cresciuto lo studio dell'oroscopo. Leggendoti poi, e leggendo sui vecchi scritti nell'web, si vede che i calcoli di un oroscopo di oggi è ben calcolato e ben studiato. E' più vicino alla logica e realtà delle cose ma, se uno chiede del segno di ofiuco? Ora sappiamo perchè non ha motivo di esistere. Se ci chiediamo perchè marte è portatore di infiammazione o contusioni? Ora si sà che è uno stimolatore di umidità  e quindi infiammazioni e, nello stesso tempo, l'elemento umidità coinvolge la milza che è l'organo del pensiero logico...  influenzando tramite l'umidità il pensiero logico è ovvio che siamo distratti e quindi più facili a sbadataggini e a urti. Astro, ho capito il tuo pensiero. All'inizio, pensavo avevi un'atro modo di fare un oroscopo ma ho capito dopo che ne stai solo informando della sua storia e collocazione dei tanti perchè di un'oroscopo che oggi lo facciamo ma non ...sappiamo.

 

Non ho mai sentito dire che Marte sia un pianeta umido, l'ho sempre sentito definire un pianeta secco.

Comunque non ho mai dato importanza a questo tipo di categorizzazioni, molto amate dagli astrologi del passato,

ma anche da alcuni contemporanei come André Barbault. 

 

Se definisci Marte un pianeta secco, devi poi spiegare in cosa consiste la secchezza, e quali caratteristiche sono ad essa associate.

 

Tutto questo mi sembra una cosa abbastanza inutile, e preferisco concentrarmi direttamente sul pianeta e la casa che occupa.

 

C'era un tipo che conoscevo da ragazzo, questo ogni volta che l'incontravo per strada mi faceva vedere la suola delle sue scarpe, perché mi salutava con una mossa di karate simulando di volermi dare un calcio in faccia.

 

Le ragioni di questo suo comportamento un po' particolare, secondo me andavano ricercate nel suo Marte in Pesci congiunto all'ascendente. Marte rappresenta la lotta, i Pesci i piedi, e l'ascendente il modo in cui ci mostriamo al mondo. Questi calci in bocca, fortunatamente solo simulati, erano il suo bigliettino da visita.

 

Ora il fatto che Marte sia un pianeta secco, o magari umido come dici tu, è qualcosa che non aggiunge lumi all'interpretazione di un oroscopo, e a mio parere è solo una inutile sovrastruttura.

 

Anche altri tipi di categorizzazione non hanno a mio parere molta importanza, ad esempio dire che la Bilancia è un segno cardinale come l'Ariete, il Cancro e il Capricorno, non è qualcosa che mi aiuta a definire meglio quelle che sono le caratteristiche della Bilancia, che sono diversissime da quelle dei segni citati. 

 

Questo è già un caso diverso, perché astronomicamente questi segni qualcosa in comune ce l'hanno, perché sono i quattro segni che iniziano le stagioni, e sono nei punti cardine dell'orbita della Terra.

 

In realtà magari qualcosa in comune ce l'hanno, sono dei segni persistenti, le remissiva Bilancia, forse non lo è veramente come potrebbe apparire da una analisi superficiale, così come un Cancro può essere più testardo di un Capricorno. Però questo viene dopo, perché penso sia meglio concentrarsi sulle caratteristiche dei singoli segni, piuttosto che raggrupparli in categorie, anche se in questo caso si tratta di categorie, che originano da una posizione astronomica reale, e non si tratta di categorie astratte come quelle del secco e dell'umido, del caldo e del freddo ed ecc.ecc..

 

Insomma, tu potresti dirmi che il Sole e Giove sono dei pianeti caldi, ma le caratteristiche del Sole e di Giove sono comunque diverse, anche se in un certo senso possiamo considerare Giove come una stella mancata.

 

Piuttosto che ricercare in che cosa questi astri potrebbero assomigliarsi, preferisco notare in che cosa si differenziano, ossia concentrarmi su quelle che sono le caratteristiche peculiari dell'uno e dell'altro.

 

Le categorizzazioni potrebbero forse essere utili ad un principiante, per orientarsi nel simbolismo dei pianeti, ma approfondendo lo studio dell'astrologia, ti accorgi che ogni astro ha delle caratteristiche uniche, e che sono difficilmente accostabili a quelle degli altri. 

 

Certo, la Luna potrebbe assomigliare un po' a Nettuno, ma la Luna è la Luna, e Nettuno è Nettuno.



#17 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 22 febbraio 2017 - 03:02

Marte E' un pianeta di elemento fuoco ma, in base alle teorie di Tolomeo, se lo accosti al clima terrestre, questo genera umidità. Poi, se invece guardo alla mia esperienza, è il sole che "secca" l'umidità (che in sè sarebbe elemento della luna)...  Il metodo di marte di agire sul clima è quello di usufruire dell'umidità per generare "energia perversa", malattia. Marte nell'astrologia di oggi, di per sè, è il pianeta del vento che tra calore (sole) e freddo (saturno) questo si genera (vento).

Ovviamente ognuno ha il suo metodo ma, mi pare di capire che tu ne estrai solo il comportamento individuale che può generare un aspetto, ma, chi và oltre a questo, può indicare anche la salute, individuare erbe o cristalli o valutare determinati luoghi o ....ci sono tanti modi di indagare con l'astrologia tanto più che è la base di tutte le altre tipologie di cure alternative. Dire "astratto" è un giudizio superficiale di chi non sà come funziona ma, ripeto, ci sono molti modi di interpretare cieli astrali e io raccolgo più notizie possibili per ampliare il mio bagaglio che mi conferma oltre che il carattere e il comportamento delle persone, anche la salute o il motivo di determinati eventi, come ripararvi e scoprire pure i meccanismi della magia pura...  per esempio vanificare le cosiddette fatture. Gli elementi dei pianeti e tutti le loro caratteristiche, una volta provate e verificate nella realtà e non, ti dimostrano che non sono solo motivo di vanità per astrologi o astronomi ma qualcosa che può portarti a capire l'intera creazione divina.



#18 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 22 febbraio 2017 - 05:13

Se proprio devi usare queste categorie, almeno usa quelle giuste.

 

In questa pagina si legge che Marte è un pianeta secco.

 

L'astrologia non ha effetti solo sulla nostra psiche, ma anche sui nostri corpi.

 

Quando penso ai segni zodiacali, non penso a delle cose astratte, ma a dei pezzi del corpo umano,

e alle funzioni fisiologiche ad essi associate.

 

Se penso al segno dell'Ariete non posso pensare ad esso senza pensare alla testa, ed alle funzioni ad essa associate.

 

Non si può comprendere la psicologia del segno della Bilancia, ignorando che questo segno è collegato ai reni, e alla funzione che questi organi esercitano nel corpo umano.

 

Però è bene che si occupi di medicina solo chi è autorizzato a farlo altrimenti si corre il rischio di diventare dei ciarlatani. Mentre un medico che formuli le sue diagnosi oltre che con i mezzi che la scienza gli mette

a disposizione, anche con l'astrologia, non mi dispiacerebbe.

 

Chi interpreta una carta del cielo, si fa una idea del tipo di malattie in cui potrebbe incorrere un soggetto, 

ma riguardo alla possibilità di curare con gli astri sono decisamente scettico, è necessario andare da un medico.

 

Per quanto riguarda il vanificare le fatture con l'astrologia, bisognerebbe per prima cosa credere nell'efficacia delle fatture, e io personalmente non ci credo, non basta desiderare il male di qualcuno per fargli del male, altrimenti saremmo già tutti morti da un pezzo, per fare del male a qualcuno bisogna attivarsi concretamente per cagionare questo male. Non è sufficiente desiderarlo o fare un rito magico.



#19 Bobbg

Bobbg

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 700 messaggi

Inviato 22 febbraio 2017 - 06:22

Si, ma vedi, gli elementi naturali dedotti da ippocrate fino al medioevo, sono 4 e non c'è fra essi il "secco". Il "fuoco" può essere inteso in diverse tipologie compreso il "secco" o canicola o afa o dilatazione per calore, fino a brace sotto le ceneri e cosi via.

 

 

..........nel riflettere, ho cancellato ciò che avevo scritto precedentemente perchè non mi tornava una cosa (con l'opzione modifica). Sono arrivato a pensare che in effetti, l'azione più consona di marte è il "secco". Ma, non saprei dove andare a cercare che ho passato decine e decine di pagine web dove, si diceva che marte portava umidità secondo tolomeo. La cosa mi pareva giusta pensando che con l'umidità si arrivano ad acciacchi dovuti a infiammazioni...  marte.

 

Avranno sbagliato a pensare a marte con l'umidità. Ma continuo a pensare che l'elemento sia fuoco di base che poi si valorizza anche con il "secco".

 

Astro, per esempio, guarda nella stessa pagina che mi hai postato. In fondo si parla degli scritti di Tolomeo e fà partire la primavera (ariete marte) con l'umido...  caldo umido...! Mi stò confondendo.....  aristotele dice marte secco e tolomeo parla di marte umido!  .........che confusione! La primavera in effetti che parte con aprile che è il mese delle piogge, temporali....



#20 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 22 febbraio 2017 - 07:16

Non voglio essere trascinato in questa discussione sui pianeti secchi, umidi, freddi o caldi, perché come ti ho detto, non seguo questo tipo di classificazioni. Però il fatto che tu associ Marte al vento mi sembra un'eresia.

 

Sono i segni d'aria che sono associabili all'aria e quindi al vento, che c'entra Marte?

 

Da qualche parte ho letto che quando si celebrano i matrimoni i marinai non vanno per mare perché i matrimoni alzano il vento e provocano le burrasche. Ora non è che io creda a delle cose del genere, però ritengo che questo sia molto più credibile delle cose che dici tu.

 

Va beh, chiunque in astrologia può dire la sua, ed è per questo che non la si può considerare una scienza, però se si guarda con attenzione si trova che gli astrologi anche se non dicono esattamente le stesse cose e alla stessa maniera, molto spesso dicono delle cose simili. Io non so quale siano le fonti delle cose che dici, e mi sembra che provengano dalla tua immaginazione.   

 

Ma secondo me l'immaginazione non c'entra con l'astrologia, perché non si tratta di immaginare delle cose, ma di trovare delle reali correlazioni tra gli astri e ciò che fanno e dicono le persone.

 

Secondo me tu hai un interesse superficiale per l'astrologia che accosti ad altre cose che non c'entrano nulla come il malocchio e le fatture, ma non hai una esperienza come lettore di oroscopi, altrimenti non diresti le cose che dici.

 

Se ti interessa l'astrologia prova a leggere degli oroscopi e osserva la reazione che le tue interpretazioni provocano nelle persone, altrimenti l'astrologia diventa un parlare a vuoto, privo di riscontri dalla realtà. 






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi