Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

L'omonimia tra segni e costellazioni


  • Per cortesia connettiti per rispondere
25 risposte a questa discussione

#1 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 14 febbraio 2017 - 09:07

Ri- propongo la domanda.
Se l'astrologia degli oroscopi non si basa su stelle e costellazioni, come mai i segni zodiacali sono ricavati da costellazioni?

 

La tua è una domanda molto intelligente, e che merita una risposta, che finora non ti è stata data.

 

Perché erano la stessa cosa.

 

Mi spiego meglio, il fenomeno della precessione è stato scoperto da Ipparco nel II secolo a.C..

 

Scoprire la precessione significa capire che le stelle si muovono molto lentamente rispetto al punto vernale che corrisponde al grado 0° del segno dell'Ariete. 

 

Ipparco scoprì la precessione confrontando la posizione delle stelle indicata da un astronomo che l'aveva preceduto qualche secolo prima, con la posizione delle stelle che vedeva lui con i suoi stessi occhi, e si è accorto che queste posizioni differivano.

 

Ma cose si intende per posizione di una stella?

 

Attualmente le coordinate delle stelle si chiamano Ascensione Retta e Declinazione, e sono le coordinate che permettono di stabilire la posizione delle stelle sulla volta celeste, analogamente a come avviene sulla Terra con la latitudine e longitudine per definire la posizione di una località geografica.

 

La Declinazione è analoga alla latitudine ed infatti la declinazione di una stella può essere sia nord che sud. a secondo che si trovi al di sopra, o al di sotto dell'equatore celeste che è la proiezione nello spazio dell'equatore terrestre.

 

La stella Vega si trova nell'emisfero nord e ha quindi una declinazione nord, la stella Canopo si trova nell'emisfero sud e quindi a una declinazione sud, proprio come Toronto ha una latitudine nord e Sidney ha una latitudine sud.

 

Per cui nel caso della declinazione e della latitudine abbiamo un riferimento naturale che è dato dall'equatore.

 

Ma per quanto riguarda la longitudine questo riferimento naturale non c'è, per cui è stato arbitrariamente stabilito che il meridiano zero dovesse essere il meridiano passante per l'osservatorio di Greenwich. 

 

Non è stato sempre così, perché ad esempio Tolomeo aveva stabilito che il meridiano zero fosse quello passante per le isole Canarie che erano le località più a est del mondo allora conosciuto.

 

Anche per l'Ascensione Retta che come ho detto è l'equivalente celeste della longitudine la scelta è stata almeno in parte arbitraria, però non tanto arbitraria perché tra tutti i punti che si sarebbero potuti arbitrariamente scegliere, ce ne sono due particolari e che sono i due punti di intersezione tra l'equatore celeste e l'eclittica.

 

Con il termine eclittica si intende sia il piano dell'eclittica su cui giace l'orbita della Terra e con qualche approssimazione anche le orbite di quasi tutti i pianeti fatta eccezione per Plutone. Si può immaginare il sistema solare come un disco appiattito con il Sole al centro. Ma con il termine eclittica si chiama anche l'orbita descritta dal moto apparente del Sole sulla volta celeste.

 

E' la stessa cosa, ed è per questo che il nome è lo stesso. L'orbita apparente del Sole sulla volta celeste è la proiezione del piano dell'eclittica sulla volta celeste.

 

Il fatto che l'asse terrestre non sia perpendicolare al piano dell'eclittica, fa si che nel corso dell'anno il Sole sia per 6 mesi una stella con declinazione nord e per sei mesi una stella di declinazione sud.

 

Per cui questi due punti dell'orbita del Sole sono subito sembrati un po' speciali.

 

L'arbitrarietà della scelta del punto Vernale come punto di origine del sistema delle coordinate celeste è relativa, perché il solo altro punto possibile sarebbe stato quello del punto opposto, che corrisponde al grado 0° del segno della Bilancia.

 

Forse mi sto dilungando un po', ma questi preamboli mi sembrano necessari.

 

Sia Ipparco che l'astronomo che l'aveva preceduto qualche secolo prima, usavano già entrambi come origine del sistema di coordinate celesti il punto vernale, che come spiegato è il punto del passaggio del Sole da una latitudine sud ad una latitudine nord, e che attualmente avviene intorno al 20 marzo, e che da inizio alla primavera nell'emisfero nord.

 

Ipparco si è accorto che sebbene usasse lo stesso sistema di coordinate del suo predecessore le coordinate delle stelle non erano più le stesse riportate nel catalogo dell'altro. Ed ha quindi capito che a spostarsi era stato il punto vernale, che non occupava più la stessa posizione sulla volta celeste che occupava quando aveva compiuto le sue osservazioni il suo predecessore.

 

Aveva quindi capito che questo punto di incrocio tra l'equatore celeste e l'eclittica retrocede lentamente nel tempo rispetto alla volta celeste, e ha quindi scoperto la precessione degli equinozi (Il punto Vernale è l'equinozio di primavera).

 

Si parla di precessione che viene da precedere, perché questo movimento avviene in direzione contraria alla direzione del moto apparente del Sole. Il Sole passa dall'Ariete al Toro ai Gemelli, mentre il punto vernale va in senso contrario e quindi dai Gemelli, al Toro e all'Ariete.

 

Veniamo al punto della tua domanda, una volta che Ipparco aveva capito tutte queste cose, che cosa avrebbe dovuto fare?

 

Avrebbe dovuto chiamare in modo diverso i segni dello zodiaco per distinguerli dalle costellazioni?

 

Non ne ha sentito la necessità, perché quando ha vissuto lui i segni avevano già un nome che  era quello delle costellazioni che li occupavano. Non aveva la necessità di chiamare i segni in un modo diverso, perché se parlava dell'Ariete nel senso della costellazione dell'Ariete indicava la stessa porzione di cielo in cui si trovava il segno dell'Ariete.

 

Non aveva bisogno di creare dei nomi nuovi, e probabilmente se l'avesse fatto non sarebbe stato in grado di imporli ai suoi contemporanei. Ha lasciato che di questo se ne occupassero i posteri.

 

I segni zodiacali hanno preso i nomi delle costellazioni zodiacali che li occupavano quando si è capito per la prima volta che i segni zodiacali non corrispondevano alle costellazioni, ma nel momento della scoperta la posizione dei segni e delle costellazioni ancora corrispondevano, ed è per questo che i segni zodiacali hanno ereditato i nomi dalle costellazioni che in quel momento li occupavano.

 

Naturalmente una sovrapposizione perfetta tra segni zodiacali e costellazioni zodiacali non poteva esserci, perché mentre i segni zodiacali hanno tutti una estensione di 30° gradi l'estensione delle costellazioni è variabile.

 

Il segno dell'Ariete ha preso il nome della costellazione dell'Ariete, perché quando Ipparco ha scoperto la precessione,

il segno dell'Ariete era occupato dalla costellazione dell'Ariete, e lo stesso per tutti gli altri segni e costellazioni.

 

Non c'era bisogno di inventare dei nuovi nomi per i segni zodiacali, perché un nome già ce l'avevano ed è rimasto quello. 

 

Ipparco.gif

 

 

L'immagine qui sopra mostra l'ingresso del Sole nel Segno dell'Ariete nella primavera del 160 a.C. quando Ipparco aveva 40 anni (non so quando abbia scoperto la precessione e ho quindi scelto una età intermedia tra la sua nascita e la sua morte).

 

Nell'immagine si vede che il Sole è sul punto vernale a 0° gradi del segno dell'Ariete, e nello stesso tempo è anche all'inizio della costellazione dell'Ariete.

 

I confini delle costellazioni sono indicati da quelle linee in verdino.

 

Naturalmente potrebbe essere che ai tempi di Ipparco i confini delle costellazioni non siano esattamente gli stessi che sono stati stabiliti nel secolo scorso, però questi confini sono stati stabiliti per essere il più possibile corrispondenti a quelli dell'antichità.

 

Spero di essermi spiegato...


  • Bobbg, arjanedda e RustyinEno piace questo



#2 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7527 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 12:08

Spiegazione chiara.
Sto guardando un atlante del cielo della Giunti, e so che molte stelle erano conosciute e nominate fin dall'antichità e non esisteva il telescopio.
Immagino quei cieli limpidi!
Con le eclittiche ho sempre bisogno di ricordare che,non le stelle,non il sole, girano,ma la terra.
Che complicato,però!
Non so se ho capito bene.
Praticamente chi nasce ora, non ha il sole in acquario?
Perché non abbandonare lo zodiaco siderale per uno terrestre?
Sono nata ad ottobre e mi ritrovo le caratteristiche di un periodo che amo, autunno, vendemmia,i colori della terra più caldi,arancio e rosso.
Ma lo scenario da un'altra parte sicuramente non è così, in Norvegia, ad esempio, credo.
Ma essendo da ragazzina convinta di essere una bilancia, ritrovavo in me giustizia, amore per l'arte e altre caratteristiche.
Ieri pensavo di avere una bilancia in testa, per i pesi e le misure vado a occhio e se non ci azzecca, lo scarto è minimo, ma queste cose me le dicevano anche da piccola, non mi sono autoconvinta, credo.
Poi,ho provato ad attribuire a me stessa, un oroscopo diverso, e più lo facevo,più capivo che non c'era un grande senso nel pronostico.
Poteva andar bene per tutti.
Perché non si è abbandonato lo zodiaco?
Me lo chiedo è la risposta non piacerà.
Erano conosciuti i maghi e gli astrologi, che facevano la loro fortuna con le loro previsioni alla corte di faraoni,principi,re, tutti volevano conoscere il proprio destino.
Ma se avessero trovato un diverso modo con diversi nomi,sarebbe stato lo stesso,
La gente accetta sempre di buon grado i cambiamenti di rotta, se c'è una seria spiegazione.
Il destino dipende da noi, da come mangiamo,come vestiamo, come pensiamo....
Certo è che essendo collegati a tutto, una certa influenza da sole luna e stelle c'è.
Ma anche la terra ci influenza.
L'aria.
Tante variabili per una previsione esatta o scientifica.

Se l'astrologia,non sarà troppo astratta,
Potrà diventare un gioco interessante,fare previsioni anche importanti su fenomeni che accadono.
Penso.

#3 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 08:09

Arjanedda,

sei un po' contraddittoria perché mi dici che la spiegazione è stata chiara,

ma anche che non sai se hai capito bene.

 

In effetti le cose sono un po' complicate, e non si possono spiegare così su due piedi.

 

Qui stiamo parlando della precessione che è il terzo moto della Terra per importanza, e che non si può capire

bene se non si conoscono le basi dell'astronomia.  

 

Io ricordo di aver studiato geografia astronomica allo scientifico, ma a scuola le cose non me le avevano spiegate bene,

e le ho capite solo molti anni dopo quando le ho studiate per conto mio.

 

Praticamente chi nasce ora, non ha il sole in acquario?

 

Chi nasce oggi ha il Sole nel segno dell'Aquario, ma nella costellazione del Capricorno.

 

Chi nascerà tra qualche giorno però avrà sia il Sole nel segno dell'Aquario, che nella costellazione dell'Aquario.

 

In generale c'è uno sfasamento di quasi un segno tra segni zodiacali e costellazioni zodiacali, per cui se sei di

un certo segno, il Sole dovrebbe trovarsi nella costellazione precedente.

 

Però siccome le costellazioni non hanno una estensione fissa, a differenza dei segni zodiacali che hanno sempre una estensione di 30°, per sapere  esattamente in che costellazione si trovi il Sole, bisogna guardarci, usando un programma astronomico, o magari utilizzando delle tabelle che indicano i giorni dell'anno in cui avviene il passaggio da una costellazione ad un altra.

 

Ma ti dico subito che a noi astrologi occidentali di sapere in che costellazione si trovi il Sole non ce ne importa proprio nulla, perché non è questo il nostro sistema di riferimento, che è invece basato sui segni zodiacali.

 

Su questa questione c'è una grande disinformazione perché alcuni usano questo slittamento tra segni e costellazioni per sostenere che gli astrologi sbagliano e che le stesse premesse dell'astrologia sono false.

 

Ma non è affatto così.

 

Gli astrologi non usano un sistema diverso da quello degli astronomi, perché utilizzano esattamente dello stesso sistema. 

 

Anche gli astronomi usano il sistema dei segni zodiacali, non si basano mica sulle costellazioni.

 

Diciamo che gli astronomi questa cosa la tengono un po' nascosta, forse se ne vergognano, perché hanno paura di essere scambiati per astrologi, e per questo, di solito, non parlano direttamente di segni zodiacali, ma si esprimono usando altri termini, come longitudine eclittica, ascensione retta, declinazione. Ma quando utilizzano questi termini stanno parlando di segni zodiacali, anche se apparentemente non sembra. Naturalmente le conoscenze astronomiche sono molto cambiate dai tempi di Ipparco e Tolomeo, ad esempio sappiamo che è la Terra che gira intorno al Sole e non il contrario, però non è cambiato il sistema di riferimento con cui viene definita la posizione dei corpi celesti che è sempre la stessa e che gli astronomi moderni hanno ereditato da questi grandi astrologi del passato.

 

Perché avviene questo?

 

Perché sia gli astronomi che gli astrologi vivono sulla Terra, e per definire la posizione delle stelle, si basano sulla stessa Terra.

 

mappamondo.jpg

 

Hai detto che sei della Bilancia, ossia che hai il Sole nel segno della Bilancia.

 

Sapresti indicare da che parte si trovava il Sole quando sei nata rispetto alla Terra rappresentata in questa immagine?

 

Non credo che tu sappia rispondere, ma non preoccuparti di fare qualche brutta figura, perché a questa domanda sono pochissimi quelli che saprebbero rispondere.

 

Praticamente tutti conoscono il proprio segno zodiacale, e moltissimi sanno di avere la Luna in un certo segno, Venere in un altro ecc. ecc.. Però se gli si domanda: che significa avere Venere in Gemelli?

 

Non sanno rispondere, non sanno indicare da che parte si trova Venere rispetto alla Terra.

 

Eppure mi pare che questa nozione dovrebbe essere basilare, perché non si può sproloquiare su quelle che sarebbero le caratteristiche di una persona con Venere in Gemelli, senza avere la benché minima idea di cosa significhi avere Venere in Gemelli. Ossia di dove si dovrebbe trovare Venere rispetto alla Terra, perché si possa dire che si trovi nel segno dei Gemelli.

 

Da notare che in questa immagine non si vedono delle stelle, ma non servono per sapere dove si trovava il Sole, ti assicuro che hai tutti gli elementi che ti servono.

 

Importante:

 

Non fare caso alla illuminazione della Terra, la parte a sinistra è più luminosa di quella a destra, ma quella che l'illumina non è la luce del Sole, è la luce che proviene da una fonte di luce diversa, dal lampadario di casa.

 

E non fare nemmeno caso ai continenti, all' africa e all'india, ecc.

 

Nel tempo di un mese la Terra compie una trentina di rotazioni su se stessa, per cui non possono essere le località della Terra ad indicarti la posizione del Sole nel segno della Bilancia, perché il Sole rimane nel segno per circa un mese, mentre la rotazione della Terra fa cambiare la posizione dei continenti rispetto allo spazio nel giro di 24 ore.

 

 

 

Naturalmente queste domande non sono rivolte ad arjanedda in particolare, ma a chiunque voglia rispondere.

 

arjanedda non sembra nemmeno particolarmente interessata all'astrologia, per cui se non sa rispondere è giustificata. La domanda è rivolta maggiormente a chi si interessa di astrologia.

E' chi parla del significato di Venere in Capricorno che dovrebbe sapere da che parte sta Venere, quando diciamo che è in Capricorno. Però il 90% delle persone che si dicono interessate all'astrologia probabilmente non lo sanno.


  • arjanedda piace questo

#4 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 503 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 09:41

In pratica i segni sono fissi e le costellazioni si muovono con la precessione degli equinozi ? In pratica io sono nato col sole nel segno del leone e nella costellazione del cancro. Se fossi nato nel 20 a.c. avrei avuto il sole nello stesso segno della costellazione.

Quindi quello che conta è il segno e non la costellazione, fra 1000 anni chi nascerà con il sole nel segno del leone avrà lo stesso sole nella costellazione dei gemelli.

Ho capito bene? Tuttavia non ho ancora capito come mai i segni sono fissi.

#5 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7527 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 10:13

La tua spiegazione è chiara, ma io ho dubbi in ogni caso,
Ho abbandonato l'astrologia riguardante gli umani tanti anni fa, quando comprammo il giardino dove abito, cercai altri interessi come il calendario lunare delle semine e dei lavori nell'orto, le ricerche dei biodinamici su fenomeni ritmici e sugli influssi cosmici.
Lessi dispense di un corso per agricoltori interessati a un'agricoltura biologico- dinamica di Rudolf Steiner.
I lavori di Maria Thunche decise di considerare anche l'aspetto zodiacale dei ritmi lunari.
Ma lo abbandonai perché la luna era così bella e chiara e tornai alle fasi lunari.
Annotavo i lavori di potatura delle viti da eseguire in luna calante per evitare che la vite piangesse...
E piange davvero.

#6 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 10:23

Si RedRose, hai capito bene.

 

Comunque un Leone nato nel 3017 d.C. può avere sia il Sole nella costellazione dei Gemelli che nella costellazione del Cancro.

 

Dipende dal giorno di nascita esatto, i nati all'inizio del segno avranno il Sole nella costellazione dei Gemelli, quelli

nati verso la fine del segno avranno il Sole nella costellazione del Cancro.

 

Se non hai capito ancora perché i segni sono fissi, è perché ancora non hai capito da che parte del mappamondo si trovava il Sole quando sei nato/a.

 

Tra poco capirai anche questo. 

 

Aspettiamo un po', voglio vedere se qualcuno sa rispondere al mio piccolo quiz,

prima di dare la soluzione.



#7 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7527 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 10:55

Dov'era il sole quando sono nata?
So che l'inclinazione se raggi non era tanto accentuata e sicuramente un pochino di luce c'era anche da me!
Ho scoperto di essere nata di domenica.
Ma era solo un giorno, poi c'è tutta una
la vita .

#8 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 11:50

Nascentes morimur, finisque ab origine pendet.
 
Nascendo moriamo, e la fine dipende dal principio.
 
 
Marco Manilio astrologo "poeta" vissuto dal 29 .C. al 14 d.C. 
e autore dello Astronomicon, aveva una visione della cose leggermente diversa dalla tua.


#9 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7527 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 12:21

Non ne dubito.
Avrei voluto essere astrologa, per un certo periodo.
Avrei trovato, anzi, ne ho trovato, caratteristiche valide per i segni zodiacali.
Differenze e tanto altro.
Ma poi, il destino si è mostrato con la sua imprevedibilità e non per colpa di pianeti negativi o nodi contrastanti.
O forse, se io avessi insistito, magari avrei trovato invece delle cause astrologiche, aspettando che ce ne fosse una più favorevole.
Questo è certo.
Ma preferisco indagare su molteplici cause.
Prima di tutto il mio atteggiamento di fronte agli eventi, anche spiacevoli.
Il mio tema natale è splendido.
Ma appena nata non respiravo e per qualche minuto credevano fossi morta.
Mia madre raccontava di aver pregato intensamente finché non l'ho guardata.
C'era il sole nel mio segno?
Boh!
Chi può prevedere questa nascita per un bambino?
Si può prevedere una difficoltà, ma non come essa si manifesti.

#10 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 503 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 12:43

Non ne dubito.
Avrei voluto essere astrologa, per un certo periodo.
Avrei trovato, anzi, ne ho trovato, caratteristiche valide per i segni zodiacali.
Differenze e tanto altro.
Ma poi, il destino si è mostrato con la sua imprevedibilità e non per colpa di pianeti negativi o nodi contrastanti.
O forse, se io avessi insistito, magari avrei trovato invece delle cause astrologiche, aspettando che ce ne fosse una più favorevole.
Questo è certo.
Ma preferisco indagare su molteplici cause.
Prima di tutto il mio atteggiamento di fronte agli eventi, anche spiacevoli.
Il mio tema natale è splendido.
Ma appena nata non respiravo e per qualche minuto credevano fossi morta.
Mia madre raccontava di aver pregato intensamente finché non l'ho guardata.
C'era il sole nel mio segno?
Boh!
Chi può prevedere questa nascita per un bambino?
Si può prevedere una difficoltà, ma non come essa si manifesti.


Non ci sono temi natali splendidi e temi natali brutti, e quello che succede non dipende solo dal tema natale e dai transiti. Ogni tema é unico ed é efficiente per i suoi scopi, ognuno hai i suoi piccoli o grandi che siano. Certo alcuni temi evidenziano più difficoltà, ma anche quello sarà funzionale a qualcosa. Tutto nella natura é funzionale a qualcosa, forse alla natura stessa e al sua mantenimento, forse ad altro.

#11 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 15 febbraio 2017 - 01:36

Da dove lo si guarda quel mappamondo? Da fuori del sistema solare? Come dicevi di solito l'astrologia è geocentrica, si ragiona degli astri visti dalla terra. In quel senso all'alba il Sole sarà sempre a Est, al tramonto a Ovest, a "mezzogiorno" (si fa per dire) a Sud, a "mezzanotte" a Nord. Quindi dipende a che ora è nata @arjanedda, se era l'alba lo avrà visto (se aveva già gli occhietti aperti ) a Est ad esempio.

Se guardi quel mappamondo diciamo da fuori del sistema solare, all'equinozio d'autunno, periodo del segno Bilancia, il sole sarebbe dietro il mappamondo guardando lo schermo, o no?



#12 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 02:02

Il mio tema natale è splendido.
Ma appena nata non respiravo e per qualche minuto credevano fossi morta.
Mia madre raccontava di aver pregato intensamente finché non l'ho guardata.
C'era il sole nel mio segno?
Boh!
Chi può prevedere questa nascita per un bambino?
Si può prevedere una difficoltà, ma non come essa si manifesti.

 

Mi pare che hai frainteso la frase di Manilio.

 

Dicendo che nascendo moriamo, intendeva dire che nascendo incominciamo a morire, 

ma non che si debba morire proprio subito, ossia da neonati, anche se per qualcuno è così.

 

Con la nascita inizia quel processo che ci porterà inevitabilmente alla morte.

 

Se si nasce si dovrà anche morire, per cui la nascita è il primo passo di quella concatenazione di eventi che ci porterà alla morte.

 

Speriamo che la morte avvenga il più tardi possibile, e fate pure tutti i riti i propiziatori del caso (io ho appena provveduto :glee: ).

 

Fin qui il pensiero di Manilio è universalmente riconosciuto, anche da chi crede nella vita dopo la morte, solo che in questo caso la morte sarebbe quella del corpo fisico e non una morte assoluta. Ma anche se credi che dopo che sei morto andrai in paradiso, sai comunque che dovrai abbandonare il tuo corpo fisico.

 

Però Manilio si spinge oltre, e dice che anche le modalità della morte, che come abbiamo detto inizia subito dopo la nascita - e che quindi deve intendersi come tutta la durata della vita, e non solo l'istante finale - dipende dalle circostanze della nascita.

 

Manilio era un astrologo e la sua visione è astrologica. 

 

In pratica sta dicendo che dalla carta del cielo di nascita dipende il nostro destino futuro, e tutto ciò che faremo o che ci accadrà nel corso della nostra vita, dipende da questo primo istante in cui siamo nati.

 

Mo non è che devi prendere la cosa alla lettera, non c'è scritto veramente tutto in un tema natale, perché ci sono circostanze e casi che possono influenzare il nostro destino, e quindi farci prendere una strada invece che un'altra.

 

Ma sostanzialmente ha ragione Manilio, ossia io la penso come lui.

 

E' su questo principio che si basa l'astrologia, ed io sono un astrologo.

 

Però questo non significa che sia un astrologo fatalista. Io credo che il destino in qualche modo esista,

e che gli eventi futuri siano in un certo senso già accaduti, e che il tempo stesso sia un'illusione. Però

questo destino non si può leggere da nessuna parte, nemmeno in una carta del cielo.

 

E' una distinzione che faccio io, gli altri in genere preferiscono credere che il destino non esista,

per me esiste, ma non si può conoscere, per cui ai fini pratici è come se non esistesse.

 

E' una mia fisima filosofica, una mia pignoleria, una distinzione che mi piace fare,

ma poi nella pratica non vivo diversamente da come vivi tu, mi comporto esattamente come se pensassi che il destino non esistesse.

 

Io sono sia convinto che il destino esista sia che sia assolutamente impossibile conoscerlo.

 

Qualcuno è portato a pensare che se una cosa non si può assolutamente conoscere allora non esiste,

ma io che ho la Luna in Vergine e che sono un po' puntiglioso, non la vedo così. 

 

Il nostro destino è scritto in un libro, ma ha nessuno è dato di poter leggere questo libro.

 

Sottigliezze filosofiche...

 

Però in realtà l'enfasi del discorso la pongo maggiormente sulla assoluta impossibilità di leggere il destino 

che nella sua esistenza, per cui sono tutt'altro che fatalista.

 

Interpretare un oroscopo non significa prevedere quello che poi accadrà, ma suggerire delle possibilità,

aiutare il consultante a ragionare sulla sua vita, e ad aiutarlo a scegliere meglio tra le strade che potrebbe intraprendere. Ma poi è sempre lui che sceglie. Io mi limito ad offrirgli dei punti di vista diversi da quelli che potrebbe avere lui, o i suoi familiari e amici, offrendogli un parere spassionato e indipendente.

 

Non ti dico quello che ti accadrà, ma quello che potrebbe accaderti in base alle tue scelte.

 

O almeno ci provo, poi non è detto che ci riesca, ma l'impostazione di base è assolutamente di tipo non fatalistico.


  • arjanedda piace questo

#13 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 02:38

 

Importante:

 

Non fare caso alla illuminazione della Terra, la parte a sinistra è più luminosa di quella a destra, ma quella che l'illumina non è la luce del Sole, è la luce che proviene da una fonte di luce diversa, dal lampadario di casa.

 

E non fare nemmeno caso ai continenti, all' africa e all'india, ecc.

 

Nel tempo di un mese la Terra compie una trentina di rotazioni su se stessa, per cui non possono essere le località della Terra ad indicarti la posizione del Sole nel segno della Bilancia, perché il Sole rimane nel segno per circa un mese, mentre la rotazione della Terra fa cambiare la posizione dei continenti rispetto allo spazio nel giro di 24 ore.

 

 

Da dove lo si guarda quel mappamondo? Da fuori del sistema solare? Come dicevi di solito l'astrologia è geocentrica, si ragiona degli astri visti dalla terra. In quel senso all'alba il Sole sarà sempre a Est, al tramonto a Ovest, a "mezzogiorno" (si fa per dire) a Sud, a "mezzanotte" a Nord. Quindi dipende a che ora è nata @arjanedda, se era l'alba lo avrà visto (se aveva già gli occhietti aperti ) a Est ad esempio.

Se guardi quel mappamondo diciamo da fuori del sistema solare, all'equinozio d'autunno, periodo del segno Bilancia, il sole sarebbe dietro il mappamondo guardando lo schermo, o no?

 

Avevo suggerito di non guardare le località della Terra, i continenti ecc.

 

Quindi il fatto che Arjanedda (presumibilmente) sia nata in Italia, e a che ora sia nata, per il momento non ci interessa.

 

Quello che è certo è che un bambino che sia nato nello stesso istante in cui è nata lei è sicuramente del segno della Bilancia, indipendentemente dalla località della Terra in cui è nato.

 

Come istante di nascita consideriamo il Tempo Universale, non ci interessa l'ora locale, e quindi se era l'alba, il tramonto, notte, o giorno.

 

Il segno della Bilancia sta effettivamente dalla parte che non si vede.   :approved:

 

Ma puoi essere un po' più precisa?

 

E poi dovresti anche spiegare perché è così.

 

Solo così si vince il premio.

 

:glee:  Sto scherzando, non si vince nessun premio. 

 

 

 

O. T.

@ Arjanedda, per caso sei nata in Sardegna?  :icon_smile:

 

Curiosità mia, non c'entra con il quiz.



#14 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7527 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 03:22

Sì. In Sardegna
Quando sono nata, Era finita la guerra da soli sei anni, e c'erano pochi medici, poche le strutture funzionanti.
Molti bambini e molte madri morivano durante il travaglio.
Cronache di paese.
Ps. Mi piace l'idea della morte. Si siamo strettamente abbracciate.
So che non è un pensiero amato, così le offro un caffè ogni tanto.

#15 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 03:56

Sì. In Sardegna
Quando sono nata, Era finita la guerra da soli sei anni, e c'erano pochi medici, poche le strutture funzionanti.
Molti bambini e molte madri morivano durante il travaglio.
Cronache di paese.
Ps. Mi piace l'idea della morte. Si siamo strettamente abbracciate.
So che non è un pensiero amato, così le offro un caffè ogni tanto.

 

Ho indovinato Arja perché sei della Bilancia e nedda perché sei sarda.

 

Va beh, era abbastanza facile indovinare.

 

Ma cambiamo la domanda del quiz, lasciando da parte Arjanedda.

 

Dove si trova il segno della Bilancia nell'immagine?

 

Oppure vogliamo cambiare anche il segno?

 

Vogliamo fare che la domanda del quiz consiste nell'indicare dove si trova il segno dei Gemelli?

 

Aiutino: il segno dei Gemelli è dalla parte di chi guarda, e non dall'altra parte della Terra, dove si trova il segno della Bilancia, come aveva detto purple.

 

Dove si trova il segno dei Gemelli nell'immagine?



#16 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 15 febbraio 2017 - 04:23

Non saprei spiegarlo con parole mie sinceramente. Magari con lo schemino dei solstizi ed equinozi che si studia al liceo appunto  :D  .

 

20141227104812_EquinoziSolstizi.jpg

 

Noi (la Terra) giriamo in senso antiorario intorno al Sole, da Ovest a Est. Quindi se ci troviamo a Ottobre, guardando il tuo mappamondo, il Sole sarà nel segno della Bilancia, poi in senso antiorario troveremo il segno dello Scorpione, il Sagittario, il Capricorno (a sinistra del mappamondo), Aquario, Pesci, Ariete (davanti al mappamondo ad eclissarcelo alla vista in pratica), Toro a destra, poi i Gemelli, da 30° a 60° a destra del mappamondo, poi il Cancro a tutta destra.

Ho detto qualche cavolata?

 



#17 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 04:58

Non saprei spiegarlo con parole mie sinceramente. Magari con lo schemino dei solstizi ed equinozi che si studia al liceo appunto  :D  .

 

20141227104812_EquinoziSolstizi.jpg

 

Noi (la Terra) giriamo in senso antiorario intorno al Sole, da Ovest a Est. Quindi se ci troviamo a Ottobre, guardando il tuo mappamondo, il Sole sarà nel segno della Bilancia, poi in senso antiorario troveremo il segno dello Scorpione, il Sagittario, il Capricorno (a sinistra del mappamondo), Aquario, Pesci, Ariete (davanti al mappamondo ad eclissarcelo alla vista in pratica), Toro a destra, poi i Gemelli, da 30° a 60° a destra del mappamondo, poi il Cancro a tutta destra.

Ho detto qualche cavolata?

 

Mi pare di no, ma facciamo una verifica.

 

Mi dici qual è il segno che si trova dove ho messo il rettangolino rosso?

 

Appena prima del sostegno che regge la Terra?

 

Il sostegno metallico fa da confine tra due segni, 

uno lo vedi e l'altro no, quali sono questi segni?

 

 

 

gemelli.jpg



#18 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 15 febbraio 2017 - 05:17

Dove il rettangolino rosso il Cancro (sul tropico del Cancro), dietro (invisibile) il Leone? Però io nella mia testa me li immagino "fuori" i segni, tipo in 3d, non proiettati sulla terra. Ho visto delle carte natali disegnate in quel modo, non ricordo come si chiamino, ma non so con quale tecnica si proietti la posizione del pianeta sulla Terra.



#19 astro

astro

    Utente Full

  • Utenti
  • 2069 messaggi

Inviato 15 febbraio 2017 - 06:49

Dove il rettangolino rosso il Cancro (sul tropico del Cancro), dietro (invisibile) il Leone? Però io nella mia testa me li immagino "fuori" i segni, tipo in 3d, non proiettati sulla terra. Ho visto delle carte natali disegnate in quel modo, non ricordo come si chiamino, ma non so con quale tecnica si proietti la posizione del pianeta sulla Terra.

 

No. Dove c'è il rettangolino rosso c'è il segno dei Gemelli e dall'altra parte c'è il Cancro.

 

Comunque ci sei andata molto vicina. Hai capito che da quelle parti c'era il segno del Cancro, però 

il Cancro sta dopo il sostegno, che è il confine tra i Gemelli e il Cancro.

 

Penso che ti sei confusa un po' perché non hai tenuto conto del fatto che i segni hanno una estensione.

 

Nel tuo disegno gli equinozi e solstizi indicano il grado 0° dei segni Cancro, Bilancia, Capricorno, e Ariete.

 

(e non nel centro dei segni come forse potresti aver immaginato tu.)

 

Per cui il segno del Cancro inizia con la prima figura a destra della Terra nel tuo disegno, ma poi per circa un mese il Sole continua a stare in Cancro. Per cui se riconti visualmente i segni partendo da quel punto, vedi che passando dal Cancro, al Leone, alla Vergine, alla Bilancia, fino ad arrivare ai Gemelli.

 

Considera quelle frecce blu che l'autore ha messo per indicare il senso di rotazione della Terra come se fossero invece dei segni.

 

Però brava comunque, perché ti sei avvicinata molto alla soluzione.

 

Per farlo ti sei servito di quel disegno che abbiamo visti tutti a scuola, ma non solo al liceo, anche alle scuole medie.

 

Perfetto, hai seguito la traccia giusta!

 

Ma adesso lascia perdere le tue 4 terre e torniamo al mappamondo.

 

Se io ti dicessi che in una certa data Saturno era nei Gemelli hai bisogno di conoscere la posizione del Sole

per sapere da che parte sta Saturno?

 

NO.

 

Adesso che abbiamo chiarito che il segno dei Gemelli è dove ho posizionato il rettangolino rosso,

se ti dico che Saturno è in Gemelli sai da che parte lo devi cercare.

 

Devi immaginare di posizionarti nel centro della Terra, e di guardare il rettangolino come se fosse una finestra,

in quella finestra vedrai Saturno.

 

Quindi anche se tu per cercare di trovare una risposta, ti sei servita del Sole, il Sole non c'entra, ovvero servirebbe solo se fossi interessata alla posizione del Sole nei segni. Ma a noi astrologi non interessa solo la posizione del Sole, ma anche quella della Luna, e dei pianeti, escluso Paolo Fox che si limita a parlare dei segni zodiacali solari.

 

Ma i segni zodiacali non dipendono dal Sole, appartengono alla Terra stessa.

 

Abbiamo appena visto che dipendono dal sostegno del nostro mappamondo, che definisce il grado 0° del segno del Cancro, e di conseguenza di tutti gli altri segni, perché ogni segno ha un'ampiezza di 30 gradi.

 

Per cui, adesso che lo sai, ogni volta che vedrai un mappamondo, vedrai anche i segni zodiacali.

 

Naturalmente la Terra, quella vera, non si regge, su un sostegno, ma mi spiegherò meglio più avanti,

adesso vado a cenare.

 

Magari commentate se vi va, a dopo.


  • arjanedda piace questo

#20 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 15 febbraio 2017 - 09:51

 

 

Penso che ti sei confusa un po' perché non hai tenuto conto del fatto che i segni hanno una estensione.

 

Nel tuo disegno gli equinozi e solstizi indicano il grado 0° dei segni Cancro, Bilancia, Capricorno, e Ariete.

 

(e non nel centro dei segni come forse potresti aver immaginato tu.)

 

 

 

No, è molto peggio di così   :lol: , mi ha mandato in tilt il fatto che, per come è fatto quel sostegno del mappamondo, non riuscivo a capire se è messo di piatto rispetto all'osservatore o spostato di una trentina di gradi rispetto al piano della fotografia. Ma in quel caso ovviamente avrei dovuto spostare i segni di 30 gradi verso destra e non verso sinistra  :bb: . Saranno i valori Vergine pure nel mio caso, quando c'è un dettaglio che non mi torna mi si incricca il cervello  :tajo:  . Però il tuo discorso se non sbaglio vuol dire che il sostegno in ogni caso indica il punto 0 del Cancro, però il motivo non mi è chiaro.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi