Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Pianeti in esilio


  • Per cortesia connettiti per rispondere
20 risposte a questa discussione

#1 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 05 giugno 2016 - 07:01

Cosa significa esattamente che un pianeta è in "esilio"? 

E' una cosa che non sono mai riuscita ad afferrare del tutto. In astrologia classica si dice genericamente che il pianeta è debole e si comporta come una persona in esilio. Ma come si comporta una persona in esilio? Boh! Ha nostalgia della patria, si fa i fatti suoi, se la spassa senza responsabilità? 

Voi come lo interpretate questo concetto? Avete elaborato uno schema o una immagine mentale per capire la natura di un pianeta esiliato?

 

Alcuni dicono anche che è un concetto teorico che alla fin fine non è necessario nell'interpretazione pratica. Basta capire come agisce quel pianeta in quel determinato segno e basta, senza porsi il problema se sia in esilio (detrimento) o in caduta. Però se gli antichi sostenevano fosse un segno di debolezza ci sarà un motivo... A volte ci sono delle quadrature ai pianeti ospitati nei domicili del pianeta stesso e la cosa ha un senso (ad esempio io ho Giove in esilio Vergine che quadra il Sole in Sagittario, quindi lì si capisce dove sta la "gabola": potrebbe esprimersi anche non malaccio in segno di Mercurio, ma se va a fare una quadratura al Sole che governa, crea comunque per sua struttura un aspetto di tensione). Ma se invece il pianeta esiliato non quadra o si oppone ad alcun altro pianeta?





#2 Guest_hohe_*

Guest_hohe_*
  • Ospiti

Inviato 05 giugno 2016 - 07:13

Da manuali sapevo che la  caratteristica del pianeta viene sminuita, e agisce nel senso controcorrente perché, seguendo la legge zodiacale degli opposti, ciò che risplende da un lato si smorza e si attenua nell’altro.

Vi e' poi la possibilità di ricezione scambievole degli opposti, trigoni quadrature ... (es Marte in Bilanca, Venere in Ariete nal caso di opposizione)  che presenta uno scambio di domicilio fra due pianeti, rafforzando la loro posizione e l’effetto reciproco.

Diventa un punto di importanza del tema natale, a parte Asc e Mc

 



#3 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 06 giugno 2016 - 07:15

seguendo la legge zodiacale degli opposti, ciò che risplende da un lato si smorza e si attenua nell’altro.

 

 

Spiegazione sintetica ma efficace. Quindi, riflettendo sugli opposti, la forza del pianeta è proprio diminuita a favore di altri punti più energetici della carta, non è presente ma latente o "prigioniera" (come nel caso dei pianeti in domicilio ma senza aspetti per esempio), giusto?

 

Interessante anche il discorso sulla mutua ricezione... Prendendo le coppie di esilio reciproco, cioè Sole/Luna-Saturno, Giove-Mercurio, Marte-Venere, si trova quindi che quando sono entrambi in esilio, sono anche in "aspetto tipico", cioè formano gli stessi aspetti che formerebbero se fossero invece nei propri domicili: 

-Sole/Luna- Saturno: opposizione o quinconce;

-Giove-Mercurio: opposizione o quadrato;

-Marte-Venere: opposizione o segni adiacenti (disgiunti).

 

Quindi pur nell'esilio, essendo in aspetto tipico e in mutua ricezione, possono diventare un punto forte, capito... 

 

Però forse si trovano anche fuori dalla propria triplicità... dovrei verificare...



#4 hermione89

hermione89

    Utente Full

  • Utenti
  • 2081 messaggi

Inviato 06 giugno 2016 - 08:38

Penso pure io che sicuramente vanno approfondite queste cose ma che restano teoriche in parte. Esempio: marte è in esilio in toro eppure sappiamo quanto funzioni alla grande visto che marte in toro comporta molta robustezza..fisica è vero però è in generale un marte tosto.

Inoltre aggiungiamo che per quanto riguarda le esaltazioni scuole diverse fanno affermazioni diverse. Perciò ritengo i concetti vadano presi con le pinze a meno che proprio non ci si trovi molto a proprio agio con una determinata scuola.

Mettiamoci poi che anche il concetto che gira a volte di pianeta in esilio diventa sfortunato e simili comporta un pò una spiegazione semplicistica a mio parere. Un venere in scorpione è in esilio eppure una tale venere sarà ricca di amore e passionalità.Venere amore a parte indica il sapersi godere le cose,il relax e certio una venere in scorpione non è che si rilassi troppo ma anzi ama il rischio.

In ogni caso ti porto un esempio trovato tempo fa che secondo me chiariva abbastanza il concetto di domicilio,esilio,caduta ed esaltazione. Venivano paragonate persona che vanno a una festa.

Io ti invito a una festa dove conosci me e l'ambiente è piacevole. Ti trovi bene..ti senti a "casa". Questo è il domicilio. Se si trovi particolarmente bene, sei affine alle persone presenti alla festa sei in esaltazione. Se invece l'atmosfera non ti fa impazzire e ti trovi a disagio sei nella condizione di esilio.Infine se proprio non c'è alchimia con la gente festaiola e vuoi andartene da lì ti ritrovi in caduta. Detta in soldoni

Per quanto riguarda trigoni,quadrature ecc poi se si vogliono vedere molte sfumature magari si vede anche se lo sono effettivamente due pianeti con i gradi oltre che per natura. Ad esempio sole in sagittario e giove in vergine effettivamente sono in quadratura simbolicamente quindi qualcosa vorrà sempre dire però ad esempio una persona a me cara ha il sole in sagittario che trigona con giove in vergine (per altro quest'ultimo pianeta congiunto a un altro) quindi la cosa funziona teoricamente meglio anche se credo che qualche piccola tensione tra pianeti in quei segni resti magari...


«Non temo la morte. Dalla vita non ne esci vivo, disse qualcuno: siamo tutti destinati a morire. Da cattolico, provo curiosità, piuttosto: la curiosità di sbirciare oltre, come il ragazzino che smonta il giocattolo per vedere come funziona. Naturalmente è una curiosità che non ho alcuna fretta di soddisfare, ma non vivo nell'attesa e nel timore. C'è una mia canzone che racchiude bene la mia filosofia: “Futtetenne”, ovvero fregatene. E ridici su».Bud Spencer


#5 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 06 giugno 2016 - 09:53

Significa che si comporta in un modo opposto rispetto alle sue naturali caratteristiche. Non è detto che sia debole, anzi (dipende dagli aspetti), più che altro manifesta le simbologie opposte a quelle che gli sono proprie. Il pianeta è una funzione psicologica/psichica e ha il compito di filtrare le caratteristiche del segno in cui si trova.

 

Per esempio, Mercurio, insieme a Giove, rappresenta l'intelletto. Questi due pianeti, nello schema zodiacale, si trovano sempre opposti nei domicili e nelle esaltazioni, e insieme formano il cosiddetto "asse della mente". Mercurio ha il compito di prendere le informazioni, confrontarle, nominarle, mentre Giove ha il compito di elaborarle, sintetizzarle e farle proprio dando loro un senso profondo. Per esempio, nello studio, usiamo Mercurio per ricordare nomi, date, fatti, aneddoti, mentre Giove ci serve a trasformare tutte queste cose in consapevolezza. Un po' come quando a scuola ci interrogavano: prima ci chiedevano la data della rivoluzione francese e gli avvenimenti, poi ci chiedevano: "Che cosa ha significato quella rivoluzione per la libertà umana?".

 

Ora, quando Mercurio si trova in Gemelli, è bravissimo a ricordare ogni cosa, conosce tutti gli aneddoti, compresi i pettegolezzi di corte, però ha difficoltà a trovare una morale nelle cose. Gli sfugge il fatto che, al di là di tutto, la rivoluzione francese ha rappresentato un passo in avanti per la parità sociale; magari lo sa perché glielo hanno detto, però non è un insegnamento che riesce a trarre autonomamente quando studia. Del resto questo è compito di Giove, e non di Mercurio.

 

Quando invece Mercurio è in Sagittario, è bravissimo a trovare un senso in ciò che legge, però tende a bypassare completamente l'analisi dei fatti. Non tiene a mente le date, la successione degli eventi, va direttamente al punto centrale. Ovviamente in questo modo perde la capacità di analizzare in modo critico, perché è intuitivo e filosofico. In realtà può comunque essere un Mercurio intelligentissimo, però impara in un modo tutto suo.

 

Ad esempio, conosco una persona con Mercurio in sagittario, bravissima nelle lingue: ottima padronanza dell'italiano, latino, greco, inglese. Questa persona dà ripetizioni ai ragazzi delle scuole superiori, e mi spiegava che trova difficile insegnar loro le varie regole grammaticali e la costruzione delle frasi, perché lui semplicemente leggendo le frasi ha "intuito" la loro struttura e ha imparato a replicarla in modo spontaneo. Eppure il suo uso delle lingue e le sue traduzioni sono impeccabili, tendenzialmente superiori alla media. 


  • hermione89 piace questo

"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#6 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 08 giugno 2016 - 08:23

 

Io ti invito a una festa dove conosci me e l'ambiente è piacevole. Ti trovi bene..ti senti a "casa". Questo è il domicilio. Se si trovi particolarmente bene, sei affine alle persone presenti alla festa sei in esaltazione. Se invece l'atmosfera non ti fa impazzire e ti trovi a disagio sei nella condizione di esilio.Infine se proprio non c'è alchimia con la gente festaiola e vuoi andartene da lì ti ritrovi in caduta. Detta in soldoni

 

 

Il paragone rende l'idea! Anche gli altri esempi che fai, infatti se si pensa anche a Venere in Scorpione, come può cambiare se appartiene a una persona di segno Bilancia, Sagittario oppure Scorpione... Sì, semplificare e schematizzare lascia un po' il tempo che trova da un certo punto di vista, come non bisogna focalizzarsi troppo sul "positivo" o "negativo" di una certa posizione o aspetto ma guardare in modo più organico il tema, penso.

 

Significa che si comporta in un modo opposto rispetto alle sue naturali caratteristiche. Non è detto che sia debole, anzi (dipende dagli aspetti), più che altro manifesta le simbologie opposte a quelle che gli sono proprie. Il pianeta è una funzione psicologica/psichica e ha il compito di filtrare le caratteristiche del segno in cui si trova.

 

 

 

Grazie anche della tua spiegazione @Anthony!

Infatti io a scuola, con Giove in Vergine, sono sempre stata: "poca spesa, tanta resa", studiavo il minimo e andavo sempre bene  :fox: .


  • Anthony Van De Boer piace questo

#7 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 811 messaggi

Inviato 09 giugno 2016 - 09:20

Beata te! Io con Giove in Pesci andavo a ispirazione, a volte il massimo, a volte meno del minimo :D


"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#8 Preferiscovivere

Preferiscovivere

    Inniò

  • Utenti
  • 10571 messaggi

Inviato 09 giugno 2016 - 09:50

anch'io son sempre stata "poca spesa, tanta resa" eppure ho mercurio e giove in leone.

qualcuno mi spiega la differenza?


Was helffen fakeln licht oder briln, so die leut nicht sehen wollen

#9 Guest_hohe_*

Guest_hohe_*
  • Ospiti

Inviato 09 giugno 2016 - 09:58

anch'io son sempre stata "poca spesa, tanta resa" eppure ho mercurio e giove in leone.

qualcuno mi spiega la differenza?

 

Se sono in bell'aspetto l'intelligenza mercuriale aiuta Giove nell'espansione di sé. Il poca spesa tanta resa e' dovuto magari anche dall'asc Vergine come mi hai detto ieri in un altro post che tende ad andare al sodo e a concretizzare molto nella prudenza ragionata.

Poi bisognerebbe guardare le case e gli aspetti ma a botta direi cosi'

 

Mercurio in Leone porta a voler emergere e l'intelligenza dell'asc Vergine , che tra l'altro governa mercurio da' quel tocco di prudenza all'esuberanza leonina mitigando anche magari i famosi tratti orgogliosi del segno di fuoco.

Leone-Vergine e' un bel mix secondo me, orgoglio e ambizione con ragionevolezza e prudenza. Essere troppo uniformi e a senso unico non e' sempre un bene


  • Preferiscovivere piace questo

#10 hermione89

hermione89

    Utente Full

  • Utenti
  • 2081 messaggi

Inviato 09 giugno 2016 - 08:37

Significa che si comporta in un modo opposto rispetto alle sue naturali caratteristiche. Non è detto che sia debole, anzi (dipende dagli aspetti), più che altro manifesta le simbologie opposte a quelle che gli sono proprie. Il pianeta è una funzione psicologica/psichica e ha il compito di filtrare le caratteristiche del segno in cui si trova.

 


 

 

Ecco con una frase hai reso bene il concetto (marte in toro ad esempio).

 

 

 

 

Il paragone rende l'idea! Anche gli altri esempi che fai, infatti se si pensa anche a Venere in Scorpione, come può cambiare se appartiene a una persona di segno Bilancia, Sagittario oppure Scorpione... Sì, semplificare e schematizzare lascia un po' il tempo che trova da un certo punto di vista, come non bisogna focalizzarsi troppo sul "positivo" o "negativo" di una certa posizione o aspetto ma guardare in modo più organico il tema, penso.

 

 

.

 

Contenta che il paragone ti abbia aiutato :)

 

A proposito di mercurio in sagittario la Morpurgo aveva rilevato difficoltà a leggere e amore per le immagini o qualcosa del genere...non ho il libro adesso.Poi riguardo meglio e in effetti ci sta

 

Una cosa secondo me interessante da studiare anche se si tratta di una sfumatura è il sottotono. Ne parla Arroyo o Hades non ricordo. Se ad esempio prendiamo un mercurio in sagittario guardiamo il governatore del sagittario che è giove e guardiamo in che segno si trova.Se si trova in vergine il sottotono di mercurio sarà vergine quindi un mercurio un pò più analitico anche se ovviamente l'intuizione resta

 

Ho aspetti vari che chiaramente modificano il tutto ma il mio mercurio si trova in scorpione mentre giove in cancro. Come interpretereste voi la cosa?Con mercurio ancora me la cavo perchè va a scavare ciò si trova in profondità. La persona cerca di apprendere quello che ritiene il fulcro della cosa approfondendo quanto più è possibile. Lo scorpione guarda si i dettagli ma solo per comprendere aspetti non visibili,nascosti e più approfonditi. Giove però a indicare il bagaglio culturale e quanto appreso sopra in questo segno come si potrebbe leggere?Mi viene da dire che fa riferimento a quanto appreso nel menage familiare o nell'infanzia quindi ricerca il senso del "tutto" facendo riferimenti a certi valori.Potrebbe essere?


«Non temo la morte. Dalla vita non ne esci vivo, disse qualcuno: siamo tutti destinati a morire. Da cattolico, provo curiosità, piuttosto: la curiosità di sbirciare oltre, come il ragazzino che smonta il giocattolo per vedere come funziona. Naturalmente è una curiosità che non ho alcuna fretta di soddisfare, ma non vivo nell'attesa e nel timore. C'è una mia canzone che racchiude bene la mia filosofia: “Futtetenne”, ovvero fregatene. E ridici su».Bud Spencer


#11 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 10 giugno 2016 - 09:23

Beata te! Io con Giove in Pesci andavo a ispirazione, a volte il massimo, a volte meno del minimo :D

 

Eh, fa quasi pena effettivamente quel Giove lì, tipo che ogni volta che esci di casa trovi qualche biglietto da 50 euro in terra  :frog: ??? [invidia mode off] 

 

 

anch'io son sempre stata "poca spesa, tanta resa" eppure ho mercurio e giove in leone.

qualcuno mi spiega la differenza?

 

Oltre a quello che diceva giustamente @hohe, ci metterei pure il fatto che i segni di fuoco (come il tuo Leone, ma anche il mio Sagittario e l'Ariete), in generale, si vendono piuttosto bene e non hanno paura di sfoggiare quel che sanno (o che sono o hanno). Difficilmente sono di quelli particolarmente emotivi o timidi che durante un'esame, per dire, vanno in palla e non si ricordano nemmeno più come si chiamano. Anzi all'occasione tirano fuori una discreta faccia tosta, rimescolano quelle tre nozioni che hanno per farle sembrare 20.000 e si arrampicano sugli specchi con estrema nonchalance  :icon_biggrin: .

Par contre, in configurazioni o periodi negativi, rischiano un po' l'effetto "pallone gonfiato", per cui possono esser visti facilmente come "quelli che sembra tanto e poi invece...". [ a torto naturalmente  :D ]

 

 

 

 

Ho aspetti vari che chiaramente modificano il tutto ma il mio mercurio si trova in scorpione mentre giove in cancro. Come interpretereste voi la cosa?

 

 

Anch'io ho Mercurio in Scorpione, e a prima vista così la tua configurazione mi fa venire in mente la cosiddetta "intelligenza emotiva". Mercurio in Scorpione di per sè può dare (oltre ai famosi investigatori che si leggono in tutti i siti di astrologia, manco fosse il mestiere più comune della storia), anche una mente tendenzialmente sospettosa e leggermente paranoica (si tratta pur sempre di un segno d'acqua che non sfugge perciò ad oscillazioni emotive). Giove in Cancro (sede di esaltazione nell'astrologia classica), potrebbe dargli secondo me una dimensione di equilibrio emotivo, da ricondursi appunto ad un' armonico sviluppo di fiducia e valori, nella famiglia e nell'entourage della famiglia stessa. Essendo i due anche potenzialmente in trigono, a me fa pensare che Giove così (ben) piazzato, aiuta il Mercurio profondo ma diffidente dello Scorpione, a trovare uno sbocco armonioso anche nei rapporti affettivi e sociali in generale oltre al nozionismo in sè.


  • Preferiscovivere piace questo

#12 hermione89

hermione89

    Utente Full

  • Utenti
  • 2081 messaggi

Inviato 13 giugno 2016 - 09:06

Si infatti il mio dubbio era più su giove che è un pianeta che sta circa un anno in un segno quindi l'hanno in molti e come tale a volte mi viene difficile da interpretare!
Si fai conto che (come ahimè ho capito avanti nel tempo e che già ero all'università...l'avessi capito prima avrei fatto meno fatica a scuola) imparo quando qualcosa mi colpisce emotivamente,sono ispirata e sopratutto tramite immagini. Daltronde la mia terza casa è in pesci.

eh già caratteristiche mercuriali quelle in scorpione infatti tipiche in scorpione. Mettiamoci che fa congiunzione con sole e plutone pure loro in scorpione e tutti congiunti tra loro governanti la mia ottava casa il tema plutonico si fa più forte.


«Non temo la morte. Dalla vita non ne esci vivo, disse qualcuno: siamo tutti destinati a morire. Da cattolico, provo curiosità, piuttosto: la curiosità di sbirciare oltre, come il ragazzino che smonta il giocattolo per vedere come funziona. Naturalmente è una curiosità che non ho alcuna fretta di soddisfare, ma non vivo nell'attesa e nel timore. C'è una mia canzone che racchiude bene la mia filosofia: “Futtetenne”, ovvero fregatene. E ridici su».Bud Spencer


#13 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 14 giugno 2016 - 12:37

Sì, io ho risposto così "astrattamente" sul Giove in Cancro in relazione a Mercurio in Scorpione, però giustamente, come dici, un po' tutti quelli "della leva", dello stesso anno, hanno un Giove simile... per cui entrano in gioco le case...e i pianeti veloci come appunto Mercurio.

 

Se hai la terza in Pesci, forse Giove è in ottava? O in settima?  Se fosse in 8, e magari la congiunzione Sole-Plutone-Mercurio in Scorpione ( :ufetto: giusto un po' di "plutonismo"!) in 12a, il tutto prenderebbe una tinta più... misteriosa???



#14 Preferiscovivere

Preferiscovivere

    Inniò

  • Utenti
  • 10571 messaggi

Inviato 23 giugno 2016 - 03:56

oltre a quello che diceva giustamente @hohe, ci metterei pure il fatto che i segni di fuoco (come il tuo Leone, ma anche il mio Sagittario e l'Ariete), in generale, si vendono piuttosto bene e non hanno paura di sfoggiare quel che sanno (o che sono o hanno). Difficilmente sono di quelli particolarmente emotivi o timidi che durante un'esame, per dire, vanno in palla e non si ricordano nemmeno più come si chiamano. Anzi all'occasione tirano fuori una discreta faccia tosta, rimescolano quelle tre nozioni che hanno per farle sembrare 20.000 e si arrampicano sugli specchi con estrema nonchalance :icon_biggrin: .
Par contre, in configurazioni o periodi negativi, rischiano un po' l'effetto "pallone gonfiato", per cui possono esser visti facilmente come "quelli che sembra tanto e poi invece...". [ a torto naturalmente :D ]

grazie della risposta.
dunque, vero che partendo da due nozioni base mi capitava di riuscire comunque a rispondere, ma più che altro arrivandoci per logica e deduzione. non sono mai stata capace di alcuna faccia tosta o di arrampicarmi sugli specchi, l'ho sempre trovato disonesto e cmq ero incapace a farlo; quando ero ben conscia di non sapere un'acca -perché non avevo aperto il libro- lo ammettevo e piuttosto facevo scena muta (è successo veramente)
Was helffen fakeln licht oder briln, so die leut nicht sehen wollen

#15 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 24 giugno 2016 - 12:37

grazie della risposta.
dunque, vero che partendo da due nozioni base mi capitava di riuscire comunque a rispondere, ma più che altro arrivandoci per logica e deduzione. non sono mai stata capace di alcuna faccia tosta o di arrampicarmi sugli specchi, l'ho sempre trovato disonesto e cmq ero incapace a farlo; quando ero ben conscia di non sapere un'acca -perché non avevo aperto il libro- lo ammettevo e piuttosto facevo scena muta (è successo veramente)

 

Sì, la mia era una ultra-generalizzazione (quindi al limite della caxxata via  :lol: ), riguardante solo il segno. Il trigono di fuoco è retto dal Sole e da Giove, quindi in modo ultra-generale indica persone "solari" e generose. Chiaramente, come si dice sempre, ogni persona è unica anche astrologicamente, fatta di tanti fattori che sono pianeti, case, aspetti, dominanti e configurazioni varie... Già nel tuo caso l'ascendente Vergine è di pasta più posata, riflessiva e scrupolosa rispetto al Leone. Dà anche una intelligenza diversa e più profonda e catalogatrice (Mercurio) rispetto al Leone,che pure, essendo sede del Sole, non è certo stupido, in quanto rappresenta anche (da un certo punto di vista) la mente come intelligenza maschile "apollinea" e l'armonia della ragione.

Poi da piccoli-giovani, c'è anche il condizionamento familiare, per cui può darsi anche che in alcuni casi il vero carattere esca fuori dopo, con l'emancipazione della famiglia. Io sono Sagittario, ma come te, a ripensarci, se non sapevo a scuola facevo scena muta e magari mi mettevo pure a frignare  :cwm:. Ero anche timida. Il lato Sagittario, più espansivo e leggero, è uscito fuori dai 18-20 anni in poi, quando sostanzialmente mi sono liberata dalle "paturnie" familiari.  

Forse pensavo anche, rispondendoti, a un ragazzino che seguivo a ripetizioni, Leone asc. Vergine come te, che nelle materie umanistiche non studiava mai nulla e prendeva sempre 7 e 8, venendomi poi a raccontare le sue peripezie alle interrogazioni  :look: . Però ripensandoci, c'è anche da dire, come dici tu, che aveva (oltre alla faccia tosta del Leone nel suo caso) davvero delle buone sinapsi e un'ottima memoria. Leggeva una volta le cose la mattina in pullman e se le ricordava. Poi c'è da dire che i maschi spesso accettano molto meno le regole scolastiche, e che le generazioni attuali hanno una considerazione diversa della scuola, meno fiducia... insomma mi pare che pensino a togliersela dai piedi in fretta e diplomarsi per trovare un lavoro, saltando a piè pari l'idea di fare l'università. Qualche anno fa era molto diverso credo, avevamo più fiducia nell'istituzione scuola, ma forse è solo una mia impressione parziale, non so.


  • Preferiscovivere piace questo

#16 Preferiscovivere

Preferiscovivere

    Inniò

  • Utenti
  • 10571 messaggi

Inviato 05 luglio 2016 - 03:57

Forse pensavo anche, rispondendoti, a un ragazzino che seguivo a ripetizioni, Leone asc. Vergine come te, che nelle materie umanistiche non studiava mai nulla e prendeva sempre 7 e 8, venendomi poi a raccontare le sue peripezie alle interrogazioni  :look: . Però ripensandoci, c'è anche da dire, come dici tu, che aveva (oltre alla faccia tosta del Leone nel suo caso) davvero delle buone sinapsi e un'ottima memoria. Leggeva una volta le cose la mattina in pullman e se le ricordava.

peripezie nelle interrogazioni no, come ti dicevo, ma per il resto ero uguale: anch'io leggevo una volta, spesso la mattina, e ricordavo; questo mi ha sempre facilitata molto.

il rovescio della medaglia però era che tanto velocemente memorizzavo e tanto velocemente poi dimenticavo: quello che apprendevo infatti lo ricordavo per qualche giorno ma dopo una settimana già me ne ero completamente dimenticata.

anche a quel ragazzino succedeva lo stesso (pura curiosità)?


Was helffen fakeln licht oder briln, so die leut nicht sehen wollen

#17 hermione89

hermione89

    Utente Full

  • Utenti
  • 2081 messaggi

Inviato 05 luglio 2016 - 05:50

Sì, io ho risposto così "astrattamente" sul Giove in Cancro in relazione a Mercurio in Scorpione, però giustamente, come dici, un po' tutti quelli "della leva", dello stesso anno, hanno un Giove simile... per cui entrano in gioco le case...e i pianeti veloci come appunto Mercurio.

 

Se hai la terza in Pesci, forse Giove è in ottava? O in settima?  Se fosse in 8, e magari la congiunzione Sole-Plutone-Mercurio in Scorpione ( :ufetto: giusto un po' di "plutonismo"!) in 12a, il tutto prenderebbe una tinta più... misteriosa???

 

 

Giove e in settima :)


«Non temo la morte. Dalla vita non ne esci vivo, disse qualcuno: siamo tutti destinati a morire. Da cattolico, provo curiosità, piuttosto: la curiosità di sbirciare oltre, come il ragazzino che smonta il giocattolo per vedere come funziona. Naturalmente è una curiosità che non ho alcuna fretta di soddisfare, ma non vivo nell'attesa e nel timore. C'è una mia canzone che racchiude bene la mia filosofia: “Futtetenne”, ovvero fregatene. E ridici su».Bud Spencer


#18 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 06 luglio 2016 - 04:23

peripezie nelle interrogazioni no, come ti dicevo, ma per il resto ero uguale: anch'io leggevo una volta, spesso la mattina, e ricordavo; questo mi ha sempre facilitata molto.

il rovescio della medaglia però era che tanto velocemente memorizzavo e tanto velocemente poi dimenticavo: quello che apprendevo infatti lo ricordavo per qualche giorno ma dopo una settimana già me ne ero completamente dimenticata.

anche a quel ragazzino succedeva lo stesso (pura curiosità)?

 

Non lo so con certezza, ma credo che se leggeva una volta di fretta, se lo scordava entro un paio di giorni.. Se leggeva due volte, con calma a casa, già i punti salienti gli rimanevano in mente per mesi. Lo studiare vero e proprio, raro, gliele fissava in testa per anni.

 

Giove e in settima :)

 

Ok  :arg: , meglio così, meno mistero e più svago!



#19 hermione89

hermione89

    Utente Full

  • Utenti
  • 2081 messaggi

Inviato 06 luglio 2016 - 08:06

In effetti ho già troppe componenti scorpioniche xd per quanto le adori talvolta sono troppo drammatiche..mi salva l'scendente sagittario che mi rende un pò giocherellona e ottimista.Inoltre giove fa da pianeta guida a una configurazione il che solleva dai miei tanti aspetti plutoniani e capricorniani (entrambi duretti)


«Non temo la morte. Dalla vita non ne esci vivo, disse qualcuno: siamo tutti destinati a morire. Da cattolico, provo curiosità, piuttosto: la curiosità di sbirciare oltre, come il ragazzino che smonta il giocattolo per vedere come funziona. Naturalmente è una curiosità che non ho alcuna fretta di soddisfare, ma non vivo nell'attesa e nel timore. C'è una mia canzone che racchiude bene la mia filosofia: “Futtetenne”, ovvero fregatene. E ridici su».Bud Spencer


#20 Guest_purple_*

Guest_purple_*
  • Ospiti

Inviato 07 luglio 2016 - 07:36

Ma dici che il pianeta guida è rafforzato? Che configurazione se posso chiedere? 

 

Io sono una Sagittario ascendente Scorpione  :cin: .






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi