Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Quale libro state leggendo e/o qual'è il vostro ultimo libro acquistato?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1725 risposte a questa discussione

#121 Guest_Tunom_*

Guest_Tunom_*
  • Ospiti

Inviato 03 aprile 2010 - 05:31

Sto rileggendo per la tredicesima volta il Silmarrillion:è strano definirlo libro,è più che altro un lavoro postumo che riunisce in se tutta la cronologia della Terra di Mezzo(e non solo,anche di Valinor,Valmar,Tol Eressea,Numenor e cosi via) che va di pari passo con la vita di Tolkien.È infatti una sorta di "bibbia" fantasy ,ma molto condensata e riassunta,di molte delle storie che sono scaturite dalla mente di Tolkien.
Non è affatto di facile lettura,pochissimi i discorsi in prima persona,abbastanza sono le descrizioni sul mondo,sulle razze(stirpe degli Edain,degli Eldar,a loro volta suddivisi in molte altre sottocategorie,come i Vanyar,Noldor,Teleri,degli orchi,dei nani,eccetera)sulle battaglie.
I nomi da ricordare sono una valanga,e solo dopo molte letture è possibile farsi un'idea generale del tutto.

Alcune delle storie principali sono(in ordine da me sparso):la caduta di Gondolin,il racconto della stirpe di Hurin,Beren e Luthien,Numenor,la Nauglafring,la reazione del mondo,ecc...

Lo consiglio agli appassionati del genere,ma solo per chi ha molta,molta pazienza.Io l'ho dovuto leggere una dozzina di volte per comprenderlo quasi a pieno.


Racconti Perduti,Racconti Ritrovati: sono prevalentemente narrazioni di come furono in principio ideati i personaggi,le razze,i luoghi e le avventure di Arda.qui si può scoprire come ,ad esempio,personaggi come Sauron erano concepiti come un "semplice" gatto,o che Beren fosse un elfo,invece che un umano,e molte altre cose.
Ci sono più scritti in prima persona rispetto al Silmarrillion,il che farebbe pensare che sia di più facile lettura,invece no.Paradossalmente,data la vastità di schemi che cono presenti e descritti dal figlio di Tolkien nel libro,è più facile più avantineltempo ,confondere i nomi ultimati,con quelli postumi(cioè che Tolkien aveva inizialmente scelto.Ad esempio Earendel invece che Earendil,Solosimpi invece che Teleri,Tinwelinto invece che Thingol,Tevildo invece di Sauron,e molti,molti altri con nomi diversi).
Sono presenti molte poesie.

Racconti Incompiuti:un bel libro per chi volesse approfondire tematiche specifiche,riguardanti ad esempio il lignaggio dei discendenti di Elros,il fratello di Elrond nonchè primo Re di Numenor,la storia dei Palantiri,ci sono anche degli scorci qua e là,dai quale si può apprendere molto sul passato dei Nazgul,la storia di Celeborn e Galadriel,e molte altre cose.
È un libro che riguarda nello specifico avvenimenti più vicini alla seconda e alla terza era,ma si parla anche di Tuor che arriva a Gondolin.
È un libro di più facile comprensione rispetto ai precedenti,nonostante non segua un filo cronologico specifico.

I figli di Hurin:il libro di più facile comprensione riguardante gli avvenimenti della terra di mezzo.Ci sono tantissimi scritti in prima persona,e coem dal titolo,riguarda la storia della stirpe di Hurin,nonchè della sofferenza patita da Turin.È un romanzo estrapolato dai vari manoscritti che possiede il figlio di Tolkien.Per questo motivo è possibile leggere alcuni paragrafi che sono uguali a quelli che si potrebbero trovare nei racconti Incompiuti e nel Silmarrillion.Ma con molti più approfondimenti e racconti in prima persona.
Quindi,probabilmente,credo che un giorno uscirà anche un romanzo riguardante interamente la caduta di Gondolin,o di Beren e Luthien,o della Nauglafring,ecc..

Il Signore degli Anelli:un classico del Fantasy,c'è poco da dire

Atlante della terra di mezzo:un ottimo libro scritto da Karen Fonstad per chi vuole approfondire bene la geografia di Arda,con i suoi territori quali il Beleriand,Numenor,Angband,Mordor,Tol Eressea,il Nargothrond,la Contea,Gondor,Rohan e chi più ne ha più ne metta;non solo,è possibile farsi anche un'idea molto più precisa e dettagliata riguardo gli spostamenti e le marcie delle varie razze presenti in Arda,sia durante le battaglie,che durante le spedizioni(come quella dei Noldor per rivendicare i Silmaril),e cosi via.


È bello leggerli contemporaneamente di tanto in tanto,anche se sto ultimamente riapprofondendo il Silmarrillion.
Dimenticavo,complimenti per i libri da voi letti,pare che molti di voi siano buongustai(Ken Follett rulez).

Ho letto che si discuteva di Licia Troisi...bah,ho letto la prima trilogia,ma forse essendo cresciuto con Tolkien mi ha deluso un pò(un bel pò)..



#122 marcostraz

marcostraz

    Utente Senior

  • Utenti
  • 441 messaggi

Inviato 04 aprile 2010 - 08:10

Ho appena finito di leggere Né di Eva né di Adamo di Amélie Nothomb…avevo già letto due romanzi di questa scrittrice, e mi erano piaicuto molto entrambi…questo, più che un romanzo, è una sorta di guida personale del Giappone…probabilmente per apprezzarlo al 100% andrebbe letto dopo avev visitato il paese nipponico…

#123 stefanino

stefanino

    Utente Senior

  • Utenti
  • 484 messaggi

Inviato 05 aprile 2010 - 08:30

Appena finito " il simbolo perduto" di Dan Brown.
L'ho trovato molto interessate e piuttosto scorrevole.
Anche l'argomento di cui tratta è abbastanza intrigante, trattandosi della ricerca da parte del protagonista Robert Langdon, del modo di decriptare una serie di simboli massonici, per poter arrivare a scoprire un segreto custodito per centinaia di anni dai massoni americani.

Il tutto condito da un'action thriller discretamente architettato dall'autore, con la classica sorpresa finale..
A volte è meglio dare l'impressione di essere stupidi....che aprir bocca e togliere ogni dubbio....

#124 TeNeBrAdEnTrO

TeNeBrAdEnTrO

    Utente Junior

  • Utenti
  • 83 messaggi

Inviato 07 aprile 2010 - 08:24

Io sto leggendo Lulù Delacroix Di Isabella Santacroce.. Ma il lavoro non mi offre mai tempo per leggere seriamente..

Parla di una bambina che nasce a Perfect City, la città dove tutto è perfetto.. dove tutto è sempre giusto.
E quando nasce Lulù, una bambina strana.. pelata, dagli occhi grandi e bruttina, sentono che qualcosa sta per cambiare, diciamo.
Lulù è disprezzata da tutti, maltrattata anche dagli stessi genitori, caduti nella tristezza per via di questa strana bambina.
Diventa vittima dei crudeli giochi delle sue sorelle gemelle, troppo belle per avere una sorellina cosi brutta, cosi strana, cosi sbagliata.

Per me, nonostante abbia letto non molto, ultimamente, sembra un uovo capolavoro della Santacroce.
E' il secondo della saga che stra scrivendo. Se V.m 18 era l'Inferno, questo è il Paradiso.

Fu un altro, colui al quale imposero la corona di spine. E io ridevo della loro ignoranza.

Eresia Christi


#125 marcostraz

marcostraz

    Utente Senior

  • Utenti
  • 441 messaggi

Inviato 12 aprile 2010 - 11:12

Appena finito di leggere Veracruz, di Valerio Evangelisti...libro bellissimo, come sempre quando riguarda il "maestro"...un bel libro d'avventura, come si facevano ai bei tempi...libro scorrevole e piacevolissimo da leggere, senza che questo ne infici la qualità...insomma si conferma come sempe Evangelisti, uno dei nostri migliori scrittori...

#126 Fede94

Fede94

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 17 messaggi

Inviato 12 aprile 2010 - 11:25

Appena finito " il simbolo perduto" di Dan Brown.
L'ho trovato molto interessate e piuttosto scorrevole.
Anche l'argomento di cui tratta è abbastanza intrigante, trattandosi della ricerca da parte del protagonista Robert Langdon, del modo di decriptare una serie di simboli massonici, per poter arrivare a scoprire un segreto custodito per centinaia di anni dai massoni americani.

Il tutto condito da un'action thriller discretamente architettato dall'autore, con la classica sorpresa finale..


Quelli di Dan Brown sono bellissimi!!Ho la collezione a casa e non mi stanco mai di leggerli...Li consiglio a tutti :D



#127 stefanino

stefanino

    Utente Senior

  • Utenti
  • 484 messaggi

Inviato 13 aprile 2010 - 07:12

Dopo aver visto le prime puntate della serie " la spada della veritò" su un canale sky, incuriosito ho preso il primo volume di questa saga epico/ fantasy, L'assedio delle tenebre,il primo di una quindicina se non erro, e mi ha appassionato abbastanza, tra maghi, eroi, bellissime donne, mostri e incantesimi, è abbastanza interessante...

Nessun'altro ha letto parte della saga?
A volte è meglio dare l'impressione di essere stupidi....che aprir bocca e togliere ogni dubbio....

#128 kikka_4

kikka_4

    Utente Senior

  • Utenti
  • 396 messaggi

Inviato 14 aprile 2010 - 05:14

Attualmente sto leggendo " Le ceneri di Angela" di Frank McCourt.
Racconta la storia autobiografica di un bambino, fino ( credo perché non l´ho ancora finito) all´etá adulta che vive in una poverissima famiglia irlandese, alle prese con la fame piú nera, alcolismo, bigottismo cattolico e miseria pura!
Un libro che fa comprendere quanto siamo fortunati!

Da questo romanzo ha tratto anche un film.
Leggetelo, che ne vale la pena!!!
..... Que no te compren por menos de nada,que no te vendan amor sin espinas....

#129 stefanino

stefanino

    Utente Senior

  • Utenti
  • 484 messaggi

Inviato 14 aprile 2010 - 07:47

Quelli di Dan Brown sono bellissimi!!Ho la collezione a casa e non mi stanco mai di leggerli...Li consiglio a tutti :D


Beh onestamente, dopo aver letto il codice da vinci, e il simbolo perduto, mi manca angeli e demoni, ma ho visto il film.... ora sto leggendo crypto e la verità del ghiaccio, e non mi sembrano al livello degli altri.

A me sembrano un pò forzati nella storia, non che non siano interessanti da leggere, ma gli altri mi sembrano superiori nella storia raccontata, specie per il simbolo perduto.
A volte è meglio dare l'impressione di essere stupidi....che aprir bocca e togliere ogni dubbio....

#130 Guest_stereojack_*

Guest_stereojack_*
  • Ospiti

Inviato 15 aprile 2010 - 03:58

io sto leggendo un libro molto bello di giovanni ricci

SARDEGNA CRIMINALE.

questa e la descrizione del libro.

Un viaggio lungo trecento anni nella storia criminale della Sardegna, ripercorsa con meticolosità tra editti, "pregoni", atti giudiziari e rapporti delle forze dell'ordine. Dal banditismo del periodo spagnolo ai provvedimenti di polizia imposti dai regnanti sabaudi, il brigantaggio sardo si presenta come una risposta alle precarie condizioni economiche in cui versa l'isola e dà corpo ai sogni irredentisti della popolazione. Un percorso doloroso scandito da tappe memorabili: l'ammutinamento della Gallura e la "Notte di San Bartolomeo", il conflitto di Morgogliai e le "disamistades" di Aggius, Orgosolo e Sedilo. Il libro racconta il passaggio dalle "bardane" - sorta di rapine e assalti che colpivano interi villaggi - alle grandi rapine stradali, con i nomi tristemente famosi degli orgolesi Liandru e Tandeddu. Ancora più tragiche le vicende che, nella seconda metà del Novecento, inaugurano la stagione dei rapimenti con l'Anonima sequestri e Graziano Mesina, l'Anonima gallurese, la Superanonima. Tra i rapiti molti appartengono al jet-set della Costa Smeralda, alcuni sono personaggi famosi come i cantanti Fabrizio De Andrè e Dori Ghezzi, o lo diventano, loro malgrado, come il piccolo Farouk Kassam. Fino ai complessi intrecci tra malavita e politica, dando spazio alle stagioni del MAS e di Barbagia Rossa: un'epopea infausta che ha prodotto decine di vittime.

#131 Gringus89

Gringus89

    Utente Junior

  • Utenti
  • 70 messaggi

Inviato 19 aprile 2010 - 08:40

io sto leggendo un libro molto bello di giovanni ricci

SARDEGNA CRIMINALE.

questa e la descrizione del libro.

Un viaggio lungo trecento anni nella storia criminale della Sardegna, ripercorsa con meticolosità tra editti, "pregoni", atti giudiziari e rapporti delle forze dell'ordine. Dal banditismo del periodo spagnolo ai provvedimenti di polizia imposti dai regnanti sabaudi, il brigantaggio sardo si presenta come una risposta alle precarie condizioni economiche in cui versa l'isola e dà corpo ai sogni irredentisti della popolazione. Un percorso doloroso scandito da tappe memorabili: l'ammutinamento della Gallura e la "Notte di San Bartolomeo", il conflitto di Morgogliai e le "disamistades" di Aggius, Orgosolo e Sedilo. Il libro racconta il passaggio dalle "bardane" - sorta di rapine e assalti che colpivano interi villaggi - alle grandi rapine stradali, con i nomi tristemente famosi degli orgolesi Liandru e Tandeddu. Ancora più tragiche le vicende che, nella seconda metà del Novecento, inaugurano la stagione dei rapimenti con l'Anonima sequestri e Graziano Mesina, l'Anonima gallurese, la Superanonima. Tra i rapiti molti appartengono al jet-set della Costa Smeralda, alcuni sono personaggi famosi come i cantanti Fabrizio De Andrè e Dori Ghezzi, o lo diventano, loro malgrado, come il piccolo Farouk Kassam. Fino ai complessi intrecci tra malavita e politica, dando spazio alle stagioni del MAS e di Barbagia Rossa: un'epopea infausta che ha prodotto decine di vittime.


Mooooolto bello questo libro! Io circa sullo stesso filone nonchè il mio preferito..appena finito di leggere:

CONFESSIONI DI UN KILLER DELLA MAFIA di Philip Carlo

Descrizione: La professione del protagonista è l'omicidio su commissione: un lavoro che al servizio della mafia americana - l'uomo è in grado di eseguire con estrema precisione. Lo chiamano "The Ice Man" perché uno dei modi che predilige per impartire la morte è quello di rinchiudere le sue vittime in un congelatore, sbarazzandosi dei corpi soltanto dopo un lungo periodo di ibernazione. Ma la vera specialità di "The Ice Man" consiste nell'accontentare sempre i desideri della sua committenza e, quando la mafia desidera far morire un uomo tra le sofferenze più atroci, sa che l'omicida non si farà scrupoli nell'uccidere i malcapitati nei modi più terrificanti che una mente criminale è in grado di immaginare. Più efferata di un libro dell'orrore, la biografia di Philip Carlo si immerge nei meandri della vita del più spietato degli assassini.

Molto bello come libro specialmente (e chiaramente visto il mio vecchio nickname.. :smoke:) per come vengono descritti certi fatti.. :look:

Poi ho acquistato altri due libri, uno che ho appena ieri iniziato a leggere è:

LE FAMIGLIE DI COSA NOSTRA di Selwyn Raab

Descrizione: Un'opera monumentale che si concentra sui clan Genovese, Gambino, Bonanno, Colombo e Lucchese, i componenti delle dinastie più potenti nella storia della mafia in America. Una storia che parte dai colpi di lupara per culminare nei palazzi del potere, i luoghi dove la criminalità organizzata intreccia ambigue alleanze con i rappresentanti della politica. Fin dai tempi del fascismo, l'infiltrazione della mafia negli Stati Uniti fu favorita dall'idea di predisporre una micidiale "quinta colonna" nel cuore del paese. Ma la capacità di Cosa Nostra di reggersi sulle proprie gambe e di muoversi con interessi autonomi divenne evidente quando, nel corso del secondo conflitto mondiale, si scoprì controllava tutti i principali porti di New York e che aveva accumulato una fortuna con i dazi e le estorsioni oltre che con gli alcolici, il gioco d'azzardo e la prostituzione. Dopo la guerra, la mafia americana si modernizza e, grazie al traffico degli stupefacenti, ingigantisce il suo giro d'affari. Questo volume illustra questi passaggi con dovizia di particolari, dando grande spazio alla vita quotidiana, alle abitudini e alle manie dei diversi protagonisti della mafia italo-americana.

e l'altro:

I PADRINI di Giuseppe Carlo Marino che devo ancora iniziare a leggere appena terminato quello descritto sopra!

Descrizione: Da Vito Cascio Ferro a Lucky Luciano, da Calogero Vizzini a Stefano Bontate, la mafia ha avuto sempre nei suoi padrini i registi fondamentali. Ma chi erano veramente questi uomini ritenuti degni di assoluto onore e rispetto, capaci di imporsi con il fascino del mito? A quale funzione assolvevano i padrinati? Questo volume, frutto di un lavoro di ricerca basato su fatti e documenti storici, offre un'analisi approfondita del fenomeno mafioso attraverso le sconcertanti vicende dei suoi protagonisti. Articolato in una serie di biografie e di "racconti-verità", presenta una inquietante successione di vite criminali all'interno di una complessa esperienza mafiosa, nata in Sicilia, esportata negli USA dove si trasforma con la nascita di Cosa Nostra e, da lì rinviata alla Sicilia e ai suoi rapporti con l'intera realtà italiana ed europea. Com'è ovvio, si tratta di protagonisti immorali - appunto, i padrini, opportunamente distinti dai semplici boss della più cruda ed elementare criminalità - rivisitati da vicino, spesso nel loro "privato", nel dramma del loro pervertimento in demoni del "puro potere". Se ne coglie così, con le abiezioni, il fascino sinistro. La memoria storica li restituisce al senso tragico e paradossale di una particolare tradizione culturale, indagata a fondo dall'Italia all'America, su una linea interpretativa segnata dalla vocazione dell'autore di favorire drastiche rotture ai fini di una "rivoluzione culturale" contro la mafia.

:D
http://forum.cosenas...line=1286008265....we're all going to the hell anyway....Vietnam - Qui Nhon 67-68....

#132 Excalibur

Excalibur

    Utente Senior

  • Utenti
  • 345 messaggi

Inviato 20 aprile 2010 - 09:57

Riguardo al filone mafioso posso consigliare sicuramente:
Nel covo dei gangster di J. Hoover

Questo post è molto interessante perchè permette di indagare su molti libri che magari non neteremmo in libreria e magari anche di leggerli!

Io ultimamente ho letto i libri di Evangelisti riguardo l'inquisitore Eymerich e posso dire che sono grandiosi!

#133 Death

Death

    Utente Full

  • Utenti
  • 1463 messaggi

Inviato 21 aprile 2010 - 07:08

Da ieri sera sto leggendo questo libro:
IL SANTO GRAAL una catena di misteri lunghi duemila anni di M.Baigent-R.Leigh-H. Lincoln.
Dirvi di cosa tratta mi sembra superfluo...Me lo ha prestato un mio collega in quanto il libro é vecchiotto (ha un anno in più di me)...E' un saggio ed é scritto molto bene ; talmente bene che ti rapisce, cosa che non mi é mai capitata con un libro di questo genere! Questa mattina ho dovuto chiuderlo per froza di cose , altrimenti sarei arrivato tardi a lavoro!
Tratta della storia del cristianesimo, in una maniera differente passando dagli anitchi Romani ai Cavalieri Templari, Cavalieri Teutonici,Catari ,Vaticano ecc.. dando una interpretazione diversa sulla verità nascosta del Santo Graal!
Da quello che mi ha accennato il mio collega, Gesù era un capo militare!
Non vedo l'ora di finirlo!:D
COBRA :" Tu sei il male, io sono la cura ! " LOOL :D

#134 majjhimanikaya

majjhimanikaya

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3602 messaggi

Inviato 21 aprile 2010 - 11:23

"Vita di Apollonio di Tiana" di Flavio Filostrato


Il libro prende parecchio spunto dagli appunti di Damis, accompagnatore fedele di Apollonio che dopo aver conosciuto il pensiero di quest'ultimo decide di apprendere qualcosa e trascrivere ai posteri quelle che secondo lui erano parole che non dovessero cadere nel nulla.

Il libro ricorda le avventure di Gurdjieff nei più incredibili meandri asiatici. Duemila anni prima anche Apollonio fu in certi luoghi.

Saranno gli stessi luoghi? :)

C'è da dire che Apollonio fosse già un grande filosofo, maestro della logica, ancor prima di giungere in Asia e c'è da dire anche che conoscesse abbastanza bene gli Dei.

Dubitare di tutto o credere in tutto sono due soluzioni ugualmente semplici perché dispensano dal riflettere. (H.Poincaré)


#135 black mamba

black mamba

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 4 messaggi

Inviato 25 aprile 2010 - 06:24

ciao a tutti!
io ho appena finito di leggere "INFEDELE" di AYAN HIRSI ALI.

vi cito una parte della recensione: "la biografia di una donna che ha fatto della propria esistenza uno strumento di critica sociale e di difesa dei diritti delle donne, che ha il coraggio di parlare di Islam senza censure.."

"nel 2004 ha girato un film per il quale il regista olandese è stato ucciso da un estremista islamico e lei attualmente vive blindata e sotto scorta.
con questo libro denuncia la condizione delle donne musulmane, intrappolate nella "gabbia mentale" del proprio credo e si batte per una libertà di parola che numerose fatwa vorrebbero negarle."

penso che "oggi" sia un documento molto importante da leggere, lei è fantastica e il libro è scritto molto bene.
ci si rende conto a volte di quante poche cose si conoscano di persone per le quali spesso riserviamo dei giudizi "preconfezionati" ma che in realtà soffrono soffocati dalla loro società e dalla scarsa cultura!

dopo questo libro ho cambiato opinione su molte cose ma non su una: in nome di "dio" vengono commessi tanti crimini ingiustifcati!
abbiamo bisogno di più cultura per un mondo migliore!!

#136 troppoluka

troppoluka

    Utente Junior

  • Utenti
  • 63 messaggi

Inviato 04 maggio 2010 - 06:07

Sera a tutti,
io sto terminando la lettura dell'ultima fatica di Dan Brown:Il simbolo perduto.
A questo riguardo vorrei sottolineare che, al di là della sempre intrigante e piacevole vena narrativa riconducibile all'autore, il libro in questione difetta di quella ormai consueta trama di ricerca che, sia pure in chiave romanzesca e di fantasia, ha in diversi casi (primo fra tutti "Il Codice Da Vinci") intessuto la sua personalità di scrittore.
Insomma, il lavoro di Brown non credo possa consigliarsi a chi intenda avere un quadro più "illuminato" sulle vere radici, sui significati profondi e gli scopi ultimi della massoneria, ma tant'è.
Di contro, non posso che consigliarlo vivamente a chi voglia trascorrere qualche sera all'insegna della fluidità della lettura, della suspance e di rapidi colpi di scena che, da sempre, incarnano il tessuto connettivo dell'intera opera dell'acclamato romanziere.

#137 heyjude

heyjude

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 25 messaggi

Inviato 05 maggio 2010 - 06:44

Ho iniziato da poco a leggere il 7 libro di una saga letteraria che seguo da ben 3 anni. Forse ne avrete sentito parlare, si tratta de Il Diario del Vampiro, da cui hanno preso spunto per una serie televisiva che stanno trasmettendo da poco sul canale Mya del digitale terrestre.


Il Diario del Vampiro - L'anima nera
Lisa Jane Smith

A Fell’s Church le cose non sono mai come sembrano: la verità è sempre ammantata di mistero, e anche le più consolidate certezze possono crollare sotto i colpi dell’amore, della passione e della vendetta. Elena, contesa dai due fratelli vampiri, è tornata dal mondo dei morti con nuovi, incredibili poteri. Stefan è scomparso e adesso Damon, il vampiro malvagio, ha campo libero: ora che la creatura che lo possedeva è stata sconfitta e il fratello non può più frapporsi tra lui ed Elena, sembra che il suo trionfo sia vicino. Ma tutto può cambiare, se anche il più crudele dei vampiri si scopre capace di piangere, e rivela dei sentimenti che non credeva di poter provare… Dubbi che non hanno risposta, normali ragazze che trovano nel loro animo la forza di combattere le battaglie più spaventose, amicizie che confinano pericolosamente con la passione: il bene e il male sono sempre più simili tra loro, e il volto del vero amore, per Elena, è celato da una fitta nebbia.

Se vi interessa, gli altri libri della saga sono (in ordine d'uscita):

Il Diario del Vampiro - Il risveglio
Il Diario del Vampiro - La lotta
Il Diario del Vampiro - La furia
Il Diario del Vampiro - La messa nera
Il Diario del Vampiro - Il ritorno
Il Diario del Vampiro - Scende la notte

E poi appunto; Il Diario del Vampiro - L'anima nera


Hey Jude, don’t make it bad. Take a sad song and make it better.
Remember, to let her into your heart, than you can start to make it better.

#138 marcostraz

marcostraz

    Utente Senior

  • Utenti
  • 441 messaggi

Inviato 07 maggio 2010 - 02:54

Appena finito "La strada che scende nell'ombra" di Chiara Strazzulla...và dato atto che scrivere 800 pagine a 18 anni non è per nulla semplice, quindi per questo tanto di cappello...per il resto a me il fantasy non piace e questo libro non mi ha fatto cambiare idea: gradevole in qualche passaggio, abbastanza noioso per la gran parte...ovviamente c'è molto di peggio, però diciamo che se già partivo "preoccupato", andando avanti con la lettura le mie preoccupazioni non sono state "placate"...


#139 Alessandra

Alessandra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 691 messaggi

Inviato 11 maggio 2010 - 08:17

Attualmente sto leggendo la vita degli animali di J.M.Coetzee.
Un'animalista convinta approfitta di una conferenza a lei dedicata per descrivere il rapporto uomo-animali.
E' fortemente afflitta dalla poca empatia che il genere umano affre al mondo animale...ma proprio mentre si arriva al culmine dell'esposizione, in cui serve una soluzione, accade una cosa inaspettata.

non ve la dico,leggetelo :D
Un libro-romanzo davvero interessante, stimolo di altrettanti riflessioni.
Qualora qualcuno decidesse di leggerlo, sarò felice di scambiare opinioni :)

Messaggio modificato da cincin, 12 maggio 2010 - 05:49
spaziare dopo la punteggiatura.

Non esistono fatti,ma solo interpretazioni.

#140 Guest_Pink_*

Guest_Pink_*
  • Ospiti

Inviato 12 maggio 2010 - 10:06

Mooooolto bello questo libro! Io circa sullo stesso filone nonchè il mio preferito..appena finito di leggere:





LE FAMIGLIE DI COSA NOSTRA di Selwyn Raab

Descrizione: Un'opera monumentale che si concentra sui clan Genovese, Gambino, Bonanno, Colombo e Lucchese, i componenti delle dinastie più potenti nella storia della mafia in America. Una storia che parte dai colpi di lupara per culminare nei palazzi del potere, i luoghi dove la criminalità organizzata intreccia ambigue alleanze con i rappresentanti della politica. Fin dai tempi del fascismo, l'infiltrazione della mafia negli Stati Uniti fu favorita dall'idea di predisporre una micidiale "quinta colonna" nel cuore del paese. Ma la capacità di Cosa Nostra di reggersi sulle proprie gambe e di muoversi con interessi autonomi divenne evidente quando, nel corso del secondo conflitto mondiale, si scoprì controllava tutti i principali porti di New York e che aveva accumulato una fortuna con i dazi e le estorsioni oltre che con gli alcolici, il gioco d'azzardo e la prostituzione. Dopo la guerra, la mafia americana si modernizza e, grazie al traffico degli stupefacenti, ingigantisce il suo giro d'affari. Questo volume illustra questi passaggi con dovizia di particolari, dando grande spazio alla vita quotidiana, alle abitudini e alle manie dei diversi protagonisti della mafia italo-americana.

e l'altro:

I PADRINI di Giuseppe Carlo Marino che devo ancora iniziare a leggere appena terminato quello descritto sopra!

Descrizione: Da Vito Cascio Ferro a Lucky Luciano, da Calogero Vizzini a Stefano Bontate, la mafia ha avuto sempre nei suoi padrini i registi fondamentali. Ma chi erano veramente questi uomini ritenuti degni di assoluto onore e rispetto, capaci di imporsi con il fascino del mito? A quale funzione assolvevano i padrinati? Questo volume, frutto di un lavoro di ricerca basato su fatti e documenti storici, offre un'analisi approfondita del fenomeno mafioso attraverso le sconcertanti vicende dei suoi protagonisti. Articolato in una serie di biografie e di "racconti-verità", presenta una inquietante successione di vite criminali all'interno di una complessa esperienza mafiosa, nata in Sicilia, esportata negli USA dove si trasforma con la nascita di Cosa Nostra e, da lì rinviata alla Sicilia e ai suoi rapporti con l'intera realtà italiana ed europea. Com'è ovvio, si tratta di protagonisti immorali - appunto, i padrini, opportunamente distinti dai semplici boss della più cruda ed elementare criminalità - rivisitati da vicino, spesso nel loro "privato", nel dramma del loro pervertimento in demoni del "puro potere". Se ne coglie così, con le abiezioni, il fascino sinistro. La memoria storica li restituisce al senso tragico e paradossale di una particolare tradizione culturale, indagata a fondo dall'Italia all'America, su una linea interpretativa segnata dalla vocazione dell'autore di favorire drastiche rotture ai fini di una "rivoluzione culturale" contro la mafia.

:D


Anche io ho questi due libri e li ho letti quando ho deciso di approfondire un pò l'argomento "mafia", oltre a questi da te citati che anche io ho trovato molto interessanti, ho letto "Storia della mafia" di Marino che è un bel mattone ma sicuramente tutto inizia da lì se vuoi avere una panoramica generale dell'argomento, ricalcando quello che sono le prime forme di brigantaggio e l'evoluzione dei primi padrini per passare alla Cosa nostra americana e poi quella siciliana.
Mi è piaciuto molto un saggio "Il boss dei Boss" la vera storia di Bernardo PRovenzano, anche quello molto dettagliato, ma naturalmente anche aiutato dalla Fiction (che tra l'altro ricalca bene il libro con una splendida interpretazione di Gioè) c'è "Il Capo dei Capi" la vita e carriera criminale di Totò Riina. Invece ho trovato molto diverso sotto certi aspetti ma interessantissmo "La Mafia ha vinto" un intervista a Tommaso Buscetta, dopo il suo rientro dal Brasile e dopo l'omicidio di tutti i suoi parenti da parte dei Corleonesi.
In ogni caso so che ci sono moltissimi altri libri interessanti in merito al fenomeno "mafia" ma per il momento ho cambiato genere!! :)




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi