Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

C'è qualcosa che accomuna tutte le religioni?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
35 risposte a questa discussione

#1 Crispus73

Crispus73

    Utente Senior

  • Utenti
  • 321 messaggi

Inviato 01 novembre 2021 - 09:44

Ormai sono molti anni che ho intrapreso una ricerca di insegnamenti alternativi alla religione cattolica (nella quale sono cresciuto) e non mi identifico più in essa. Ritengo inoltre che il desiderio di appartenere ad un gruppo (inteso come organizzazione religiosa) sia un desiderio egoistico. Credo che si possa chiamare il nostro ego esteriore. Cioè quello in cui ci si identifica. Sono italiano, cattolico, eccetera. Un limite che va superato, a mio modo di vedere. E comunque sono molti i maestri che lo dicono. 

Mi sono sempre chiesto però, se dietro a tutte le religioni, sette, eccetera, ci sia qualcosa che le accomuna. Cioè, se noi facessimo un confronto fra tutte le religioni, mi chiedo quali sono i punti in comune con tutte quante. Credo che esista uno studio simile. 
Voi non ve lo siete mai chiesto? Che cosa ne pensate?





#2 Tryptamine

Tryptamine

    Runner

  • Utenti
  • 1627 messaggi

Inviato 01 novembre 2021 - 12:27

Rivolgere gli intenti per soddisfare uno scopo, alcuni contaminati altri più puri.
La chiave di tutto è nascosta nel linguaggio. Tutto ciò che ci circonda è un linguaggio. Se si conoscono le parole di cui è fatto il mondo si può fare quello che si vuole.

Non si può fare la rivoluzione senza amore.

#3 skynight

skynight

    darkness exists to make light truly count

  • Utenti
  • 11882 messaggi

Inviato 01 novembre 2021 - 02:35

Ormai sono molti anni che ho intrapreso una ricerca di insegnamenti alternativi alla religione cattolica (nella quale sono cresciuto) e non mi identifico più in essa. Ritengo inoltre che il desiderio di appartenere ad un gruppo (inteso come organizzazione religiosa) sia un desiderio egoistico. Credo che si possa chiamare il nostro ego esteriore. Cioè quello in cui ci si identifica. Sono italiano, cattolico, eccetera. Un limite che va superato, a mio modo di vedere. E comunque sono molti i maestri che lo dicono. 

Mi sono sempre chiesto però, se dietro a tutte le religioni, sette, eccetera, ci sia qualcosa che le accomuna. Cioè, se noi facessimo un confronto fra tutte le religioni, mi chiedo quali sono i punti in comune con tutte quante. Credo che esista uno studio simile. 
Voi non ve lo siete mai chiesto? Che cosa ne pensate?

 

se già  sai la risposta perchè te la chiedi? 


I love listening to lies when i know the truth


#4 flyzmarco

flyzmarco

    Utente Senior

  • Utenti
  • 2322 messaggi

Inviato 01 novembre 2021 - 04:16

Certo, tutte le religioni che non siano quella cattolica sono state inventate da Satana.



#5 Menkalinan

Menkalinan

    quark charm

  • Utenti
  • 3302 messaggi

Inviato 01 novembre 2021 - 04:42

Il principio che accomuna le religioni è l' immortalità degli animi, la morte segna il passaggio ad un' altra dimensione,  "un altrove"  che ovviamente varia dal credo professato.

 

 


  • Ombra gitana piace questo

La scienza non può svelare il mistero fondamentale della natura. E questo perché, in ultima analisi, noi stessi siamo parte dell'enigma che stiamo cercando di risolvere. (Max Planck)


#6 Pandora

Pandora

    il coperchio!!!

  • Moderatore
  • 14215 messaggi

Inviato 01 novembre 2021 - 06:22

penso che ciò che accomuna le religioni sia la struttura mentale umana, predisposta per la spiritualità, riscontrabile in ogni cultura ed in ogni società tranne la nostra, che spesso ne prende le distanze e la liquida con disprezzo, come se non fosse “una cosa seria”, come se non fosse connaturata all’essere umano.
  • G.a.b.r.i.e.l piace questo

<p>si cambia e poi si cambia ancora


#7 Karver

Karver

    Utente Full

  • Utenti
  • 1534 messaggi

Inviato 01 novembre 2021 - 06:29

Certo, tutte le religioni che non siano quella cattolica sono state inventate da Satana.

ah si e su quali basi? Poi dipende

il buddhismo non è una religione è una filosofia

l'ebraismo è la madre del cristianesimo

infatti di satana si parla nella cabala ebraica prima che della bibbia cattolica

lo sciamanesimo è pura scienza antica non è una religione



#8 Spinoza

Spinoza

    Utente in stand-by

  • Utenti
  • 5767 messaggi

Inviato 02 novembre 2021 - 02:38

Ormai sono molti anni che ho intrapreso una ricerca di insegnamenti alternativi alla religione cattolica (nella quale sono cresciuto) e non mi identifico più in essa. Ritengo inoltre che il desiderio di appartenere ad un gruppo (inteso come organizzazione religiosa) sia un desiderio egoistico. Credo che si possa chiamare il nostro ego esteriore. Cioè quello in cui ci si identifica. Sono italiano, cattolico, eccetera. Un limite che va superato, a mio modo di vedere. E comunque sono molti i maestri che lo dicono. 

Mi sono sempre chiesto però, se dietro a tutte le religioni, sette, eccetera, ci sia qualcosa che le accomuna. Cioè, se noi facessimo un confronto fra tutte le religioni, mi chiedo quali sono i punti in comune con tutte quante. Credo che esista uno studio simile. 
Voi non ve lo siete mai chiesto? Che cosa ne pensate?

 

Dipende dal punto di partenza delle tue analisi.

 

Se cerchi risposte dal punto di vista metafisico, abbandona pure la ricerca, perderesti il tuo tempo.

 

Se le cerchi dal punto di vista evoluzionistico/sociologico ti consiglio questo libro:

 

Spoiler



#9 Menkalinan

Menkalinan

    quark charm

  • Utenti
  • 3302 messaggi

Inviato 03 novembre 2021 - 04:09

Miracoli e prodigi sono  altri elementi che accomunano le religioni, quindi bisognerebbe fare qualche riflessione in più...


La scienza non può svelare il mistero fondamentale della natura. E questo perché, in ultima analisi, noi stessi siamo parte dell'enigma che stiamo cercando di risolvere. (Max Planck)


#10 flyzmarco

flyzmarco

    Utente Senior

  • Utenti
  • 2322 messaggi

Inviato 06 novembre 2021 - 11:59

ah si e su quali basi? Poi dipende

il buddhismo non è una religione è una filosofia

l'ebraismo è la madre del cristianesimo

infatti di satana si parla nella cabala ebraica prima che della bibbia cattolica

lo sciamanesimo è pura scienza antica non è una religione

 

Miracoli e prodigi sono  altri elementi che accomunano le religioni, quindi bisognerebbe fare qualche riflessione in più...

Non mi stupirebbe se fanno tante evocazioni. Ma il cattolicesimo ha la "medicina".



#11 Tryptamine

Tryptamine

    Runner

  • Utenti
  • 1627 messaggi

Inviato 06 novembre 2021 - 03:01

Il mistero.
La chiave di tutto è nascosta nel linguaggio. Tutto ciò che ci circonda è un linguaggio. Se si conoscono le parole di cui è fatto il mondo si può fare quello che si vuole.

Non si può fare la rivoluzione senza amore.

#12 barthez

barthez

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 342 messaggi

Inviato 09 novembre 2021 - 12:18

Dio. Un unica entità o "ente"..

#13 majjhimanikaya

majjhimanikaya

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3603 messaggi

Inviato 09 novembre 2021 - 09:09

Ormai sono molti anni che ho intrapreso una ricerca di insegnamenti alternativi alla religione cattolica (nella quale sono cresciuto) e non mi identifico più in essa. Ritengo inoltre che il desiderio di appartenere ad un gruppo (inteso come organizzazione religiosa) sia un desiderio egoistico. Credo che si possa chiamare il nostro ego esteriore. Cioè quello in cui ci si identifica. Sono italiano, cattolico, eccetera. Un limite che va superato, a mio modo di vedere. E comunque sono molti i maestri che lo dicono. 

Mi sono sempre chiesto però, se dietro a tutte le religioni, sette, eccetera, ci sia qualcosa che le accomuna. Cioè, se noi facessimo un confronto fra tutte le religioni, mi chiedo quali sono i punti in comune con tutte quante. Credo che esista uno studio simile. 
Voi non ve lo siete mai chiesto? Che cosa ne pensate?

 

se non sappiamo rispondere su cosa abbiano in comune, possiamo sempre chiederci cos'è che le divide

 

comunque sia appartenere a un gruppo ci conforta e ci rende meno pesanti le fatiche della vita, per molte cose ha senso (ludicità, passatempo, confronto di opinioni e dunque crescita) per la spiritualità ha molto meno senso, è sufficiente un maestro che poi ti insegni a camminare da solo perchè il passo finale del processo spirituale lo si deve fare necessariamente da soli


  • Crispus73 piace questo

Dubitare di tutto o credere in tutto sono due soluzioni ugualmente semplici perché dispensano dal riflettere. (H.Poincaré)


#14 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1827 messaggi

Inviato 14 novembre 2021 - 10:55

Certo, tutte le religioni che non siano quella cattolica sono state inventate da Satana.


Prendo spunto da flyzmarco per dire la mia. Ovvero.
"Tutte le religioni se praticate superficialmente portano a Satana".
Di questo, sono convintissimo, al 100%.
E il diavoletto si compiace grandemente di tutti costoro.
Prove alla mano...
Poi, ci sarebbe da aggiungere alcune cosette:
Una religione non scelta o scelta a caso ti fa regredire e ti rende facile preda del Regime che ti manipola tramite i suoi (falsi) profeti che certo non mancano.
L'unica religione che ti protegge dalle tentazioni del nostro tempo è quella che ci viene suggerita "nello Spirito" dalla Sorgente... Non è la stessa per ognuno. E, alcuni, non hanno bisogno della religione. Per gli altri è indispensabile, invece, dipende dal contesto dentro e fuori e dallo spaziotempo dove siamo stati catapultati.
Ad esempio in Paradiso non si ha bisogno di una religione. In un inferno sì. La Terra attualmente assomiglia ad un inferno, dal punto di vista spirituale. Dipende, innanzitutto, se uno ha dentro paradiso o inferno, le condizioni di vita esterne sono secondarie.
 

un desiderio egoistico. Credo che si possa chiamare il nostro ego esteriore. Cioè quello in cui ci si identifica. Sono italiano, cattolico, eccetera. Un limite che va superato, a mio modo di vedere. E comunque sono molti i maestri che lo dicono.


Assolutamente sì. Niente identificazione del branco. Non serve. La religione dovrebbe dare risposte (veritiere) ad alcune tue domande, e basta. Non deve fare altro. Non deve ingabbiarti. E' importante rendersi conto dei limiti della religione vissuta male, come fa la stragrande maggioranza, e che non porta niente di buono.
 

Mi sono sempre chiesto però, se dietro a tutte le religioni, sette, eccetera, ci sia qualcosa che le accomuna. Cioè, se noi facessimo un confronto fra tutte le religioni, mi chiedo quali sono i punti in comune con tutte quante. Credo che esista uno studio simile.


Indicare una via adatta ad un target specifico, non universale. Direttive che in teoria dovrebbero aiutare l'Adepto ad elevarsi al di sopra dello spirito d'opposizione che è in ognuno di noi, in un Cattolico, in un Buddhista, etc. Sono esercizi spirituali a volte anche materiali che dovrebbero generare nell'uomo un approccio costruttivo nei confonti delle circostanze il che apre il canale di comunicazione esclusivo con la Sorgente la quale ti comunica la vera Dottrina ("vera" significa adatta e comprensibile a te - non necessariamente corrispondente alla Realtà) non presente nel canone/ "sacre" scritture di nessuna religione. Da non confondere Misteri Minori con Misteri Maggiori.


  • Crispus73 piace questo

#15 byrus

byrus

    Utente Full

  • Utenti
  • 1020 messaggi

Inviato 20 novembre 2021 - 09:34

Ogni religione, o meglio, ogni cammino spirituale prende in esame una piccola parte della Verità. Viste tutte insieme potrebbero essere associate ad una grande orchestra che suona la stessa sinfonia.

 

Il problema è che le "Religioni" sono tutte state manipolate per dividere le popolazioni, riuscire a controllarle e governarle.

 

E' un ottima idea aprirsi anche ad altri culti, le differenze culturali sono proprio i pezzi che ci mancano per comprendere meglio il quadro che abbiamo davanti.

 

Un libro che mi sento di consigliare è "I Quattro Maestri" di Vito Mancuso. L'autore prende in esame 4 grandi maestri della storia: Socrate, Buddha, Confucio e Gesù Cristo, visti in ambiti rispettivamente di: educatore, medico, politico e profeta. Quattro personaggi che nel loro insieme prefigurano un itinerario collettivo, quello interiore.

 

Penso che lo scopo ultimo sia proprio quello di coltivare e scoprire l'interiorità, il lato spirituale che purtroppo abbiamo perso. Non servono le religioni, ma servono i Maestri che le hanno originariamente ispirate. Lasciate perdere le minchiate politiche del Papa, leggete Cristo e anche i vangeli apocrifi. Poi passate ad altri maestri. Tornando all'esempio dell'orchestra: avete suonato finora la chitarra? Passate alla batteria, poi al basso, e al piano. Coglierete sfumature che prima vi siete persi, e soprattutto cercate personalmente il vostro cammino, così non sarete più schiavi delle idee imposte da gente che in vita sua non ha mai lavorato...


  • Crispus73 piace questo

Passano le costellazioni, dopo l'Ariete, i Pesci. E poi arriverà il segno dell'Acquario. Allora l'uomo scoprirà che i morti sono vivi e che la morte stessa non esiste. - Tommaso

 

21 GIORNI DI FESTA [ 11 dicembre 2021 - 01 gennaio 2022 ]

# Sospendiamo il lavoro

# Acquistiamo consapevolmente (No Amazon)

# Ridiamo spiritualità al Natale 


#16 Ombra gitana

Ombra gitana

    Super Utente

  • Utenti
  • 4873 messaggi

Inviato 01 dicembre 2021 - 10:15

Si dice religione, ma s'intendono molte cose diverse.

 

C'è la religione in quanto stupore e istinto a dare una spiegazione del mondo e collocazione dell'esistenza umana sotto il cielo pieno di stelle - e della fragile precarietà di questa esistenza.

Questa accomuna tutti gli esseri umani, in quanto tali, ossia a prescindere da etnie e storie diverse.

Può essere descritta anche spiritualità, ovvero coscienza di sé e di appartenenza a una stessa specie pensante, che si specchia e si riconosce e si pone domande alle quali cerca di dare risposte.

Da qui nasce la scienza.

 

C'è la religione in quanto complesso di miti, leggende e tradizioni.

Il complesso accomuna, i miti e le tradizioni divergono, secondo luoghi, tempi ed etnie.

Da qui nasce la poesia e la letteratura.

 

C'è la religione come dottrina e prescrizioni, e questa è  - può essere - sia cemento sociale, sia instrumentum regni, più spesso entrambe le cose, talvolta nessuna delle due, ma soltanto una serie di paletti segnaletici vincolanti e intimamente coercitivi ad opera di una casta sacerdotale parallela alla casta di potere.

La funzione accomuna, le regole e i paletti divergono - anche se sono comuni gran parte degli oggetti di queste regole, cioè il valore da dare alla vita umana, ai morti, ai nati, al sesso, alla morte stessa, alla violenza e alla diversità.

Da qui nasce la legge e la politica.

 

Possiamo discutere dove collocare il tantum religio potuit suadere malorum di Lucrezio Caro



#17 Pandora

Pandora

    il coperchio!!!

  • Moderatore
  • 14215 messaggi

Inviato 01 dicembre 2021 - 12:12

Si dice religione, ma s'intendono molte cose diverse.

C'è la religione in quanto stupore e istinto a dare una spiegazione del mondo e collocazione dell'esistenza umana sotto il cielo pieno di stelle - e della fragile precarietà di questa esistenza.
Questa accomuna tutti gli esseri umani, in quanto tali, ossia a prescindere da etnie e storie diverse.
Può essere descritta anche spiritualità, ovvero coscienza di sé e di appartenenza a una stessa specie pensante, che si specchia e si riconosce e si pone domande alle quali cerca di dare risposte.
Da qui nasce la scienza.

C'è la religione in quanto complesso di miti, leggende e tradizioni.
Il complesso accomuna, i miti e le tradizioni divergono, secondo luoghi, tempi ed etnie.
Da qui nasce la poesia e la letteratura.

C'è la religione come dottrina e prescrizioni, e questa è - può essere - sia cemento sociale, sia instrumentum regni, più spesso entrambe le cose, talvolta nessuna delle due, ma soltanto una serie di paletti segnaletici vincolanti e intimamente coercitivi ad opera di una casta sacerdotale parallela alla casta di potere.
La funzione accomuna, le regole e i paletti divergono - anche se sono comuni gran parte degli oggetti di queste regole, cioè il valore da dare alla vita umana, ai morti, ai nati, al sesso, alla morte stessa, alla violenza e alla diversità.
Da qui nasce la legge e la politica.

Possiamo discutere dove collocare il tantum religio potuit suadere malorum di Lucrezio Caro

Le cose che prendi in considerazione sono tutte materiali, io penso invece che sia molto difficile capire davvero cosa sia una religione se si esclude a priori l’esperienza umana della trascendenza e delle visioni mistiche, che non sono riconducibili semplicemente al sentimento di stupore verso la grandezza dell’universo ed al cielo di stelle: eppure sono vere e proprie esperienze. E non riconoscerne l’esistenza secondo me non rende il quadro realistico, perché ne manca l’unica componente che da’ significato a tutto il resto. Se si trattasse di un’automobile, significherebbe escludere la possibilità possa accendersi e viaggiare portandoci in un altro luogo, fermandosi a commentare la carrozzeria o il fatto ci si sieda dentro, che è solo la forma di contorno.
Più o meno.

<p>si cambia e poi si cambia ancora


#18 Ombra gitana

Ombra gitana

    Super Utente

  • Utenti
  • 4873 messaggi

Inviato 01 dicembre 2021 - 03:15

Le cose che prendi in considerazione sono tutte materiali, io penso invece che sia molto difficile capire davvero cosa sia una religione se si esclude a priori l’esperienza umana della trascendenza e delle visioni mistiche, che non sono riconducibili semplicemente al sentimento di stupore verso la grandezza dell’universo ed al cielo di stelle: eppure sono vere e proprie esperienze. E non riconoscerne l’esistenza secondo me non rende il quadro realistico, perché ne manca l’unica componente che da’ significato a tutto il resto. Se si trattasse di un’automobile, significherebbe escludere la possibilità possa accendersi e viaggiare portandoci in un altro luogo, fermandosi a commentare la carrozzeria o il fatto ci si sieda dentro, che è solo la forma di contorno.
Più o meno.

 

Le visioni mistiche etc appartengono a un'altra sfera di attività, che eventualmente si va a inserire nella sfera religiosa.

Nel migliore dei casi sono attività mentali - tutt'altro che immateriali, simili in questo all'ubriachezza, o alle visioni indotte dalla droga - che essendo per lo più incontrollate, o illogiche, possono apparire provenienti da un (misterioso) esterno, falsamente trascendente.

In realtà, la visionarietà e il misticismo dionisiaco non sono affatto attività particolarmente "spirituali".

L'esperienza umana della trascendenza è quella che, appunto, mette in connessione il cielo, la terra e la propria esistenza, cioè trascende i dati sensibili e li trasforma in domande.

 

 

Ho dimenticato, prima, di nominare la religione come culto di una o più divinità.

Nella gran parte dei casi si tratta di quella che sembra una memoria umana condivisa, di un'età antica in cui avvenne una lotta - che ebbe un'entità vincente e una perdente - tra entità che si contendono potere e dominio - entità potenti, quindi da da ammorare e vebnerare come superiori.

In altri casi la divinità è profetica o messianica, connessa al valore consolatorio della speranza, ovvero all'ipotesi di un fenomeno risolutivo estraneo al corso normale degli eventi.



#19 Frèyja

Frèyja

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 7667 messaggi

Inviato 01 dicembre 2021 - 03:25

Le visioni mistiche etc appartengono a un'altra sfera di attività, che eventualmente si va a inserire nella sfera religiosa.
Nel migliore dei casi sono attività mentali - tutt'altro che immateriali, simili in questo all'ubriachezza, o alle visioni indotte dalla droga - che essendo per lo più incontrollate, o illogiche, possono apparire provenienti da un (misterioso) esterno, falsamente trascendente.
 
Ho dimenticato di inserire, prima, la religione come culto di una o più divinità personificate.
Nella gran parte dei casi si tratta di quella che sembra una memoria umana condivisa, di un'età antica in cui avvenne una lotta - che ebbe un'entità vincente e una perdente - tra entità che si contendono potere e dominio.
In altri casi la divinità è profetica o messianica, connessa al valore consolatorio della speranza, ovvero all'ipotesi di un fenomeno risolutivo estraneo al corso normale degli eventi.


Immagino che per aver deciso che tutte le esperienze mistiche siano attività mentali, tu ne abbia letto a iosa, e soprattutto fatto esperienza personale, di modo da poterle analizzare personalmente e perfino scientificamente fino ad escludere qualsiasi fonte trascendente.
Su quale numero del Time trovo la tua foto? Perché è una scoperta grandiosa, che finalmente mette il punto finale a diatribe millenarie.

#20 Pandora

Pandora

    il coperchio!!!

  • Moderatore
  • 14215 messaggi

Inviato 01 dicembre 2021 - 03:29

Le visioni mistiche etc appartengono a un'altra sfera di attività, che eventualmente si va a inserire nella sfera religiosa.
Nel migliore dei casi sono attività mentali - tutt'altro che immateriali, simili in questo all'ubriachezza, o alle visioni indotte dalla droga - che essendo per lo più incontrollate, o illogiche, possono apparire provenienti da un (misterioso) esterno, falsamente trascendente.


Insomma prima di parlarne le vuoi spiegare, riportandole alla materia e gia’ hai stabilito che il trascendente sia falso.
Esistono insetti che vedono colori che dipingono un mondo che non sappiamo nemmeno immaginare, eppure non riusciamo ad uscire dalla prospettiva che tutto ciò che vediamo e tocchiamo noi esiste, ed il resto siccome non lo vediamo e tocchiamo noi, no.
Eppure ti ho solo chiesto di prendere come elemento fondante della religione le esperienze della dimensione trascendente e mistica.
Ma lungi dal riuscire ad accettarle come un dato fondante, senti innanzitutto il bisogno di delegittimare questo tipo di esperienze.
Eppure non è stato chiesto se ci credi o no, e neanche se sono fenomeni autentici o no: ti è stato solo detto che non puoi eliminarle da un discorso religioso.
Che pazienza
  • Crispus73 piace questo

<p>si cambia e poi si cambia ancora





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 visitatori, 0 utenti anonimi