Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

L' aria che tira


  • Per cortesia connettiti per rispondere
41 risposte a questa discussione

#1 florinda

florinda

    Utente Junior

  • Utenti
  • 51 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 03:01

Non so quanti di voi si ricordino di me,mi iscrissi a questo forum nel 2012 e poi tornai per varie capatine negli anni a venire. Il mio nick più longevo fu Hirania.
Quando sono arrivata la prima volta qui, attraversavo un periodo di risveglio energetico/spirituale (che mi sono resa conto ha toccato diverse persone negli stessi anni) e questo posto ha rappresentato per me una potente fucina di scoperta e confronto.
Sono tornata adesso perché speravo di trovare in mezzo al caos che impera nel mondo l'Avalon che avevo conosciuto un tempo, seppure con tutte le sue contraddizioni e futilità, ma sempre brillante e viva.
Mi rattrista constatare che l'aria di pestilenza si è abbattuta anche qui, che null'altro resta se non l'onnipresente diatriba tra pro e no..
Vorrei sapere che ne è stato degli spiriti che ho conosciuto? A che punto siete del vostro percorso?
Comprendo che quello che sta accandendo ci tocca tutti e non è possibile ignorarlo, ma davvero non c'è più spazio per altro?
Forse questo forum come tutto il resto vive di cicli, e ora attraversa inevitabilmente una fase di ritiro e resistenza preapocalittica.
Però ecco, volevo dirvi che vi ho pensato, e spero che sotto la cenere arda ancora il fuoco della ricerca e la sete di confronto.
  • Menkalinan, malia, Crispus73 e un altro piace questo
"Se da questo universo nascono i fiori, allora ho fiducia"
(Matsuo Basho)



#2 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 3661 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 05:54

ciao florinda, ben-ritrovata,

ti faccio due appunti birichini

1 i giardini rigogliosi non si concimano da soli

2 non penso che attualmente esista una "Avalon"; un paradiso perduto, una "via di fuga", se non nella centratura in sé stessi e nel proprio operare ed essere in servizio.

le oasi di fuga spirituale sono andate a farsi friggere, e secondo me è un bene. per me questo è il momento di operare sul campo, per preparare il nuovo che verrà ed aiutare tutti nella transizione. 

 

per quanto riguarda me, sul mio percorso ci sono più che mai. sto approfondendo le pratiche dello sciamanesimo e su questo penso abbiamo punti in comune, dato che ho visto che citavi castaneda. tu?


  • goodlie e florinda piace questo

Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#3 Frèyja

Frèyja

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 7249 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 06:32

Beh, dietro l'onnipresente diatriba c'è ben altro. Le forze in gioco, per chi ha percezioni sottili, per chi è abituato a dare significati spirituali al mondo, sono di natura spirituale. Questo è vero sempre ed è ancora più evidente adesso.
Per il resto sono d'accordo con Lamia. Non esiste un luogo in cui rifugiarsi, semmai esistono tanti livelli di lettura e discussione sulla stessa cosa.
Noi abbiamo provato ad effettuare anche un'analisi esoterica sulla questione, per quanto alcuni l'abbiano trovata fuoriluogo. Invece è essenziale, secondo me, che il praticante si focalizzi su questo livello per comprendere gli eventi ed agire in maniera opportuna. Al contrario non farlo significa essere tagliati fuori, mettere da parte i "talenti" anziché usarli in una situazione in cui sono richiesti.
  • florinda piace questo

#4 florinda

florinda

    Utente Junior

  • Utenti
  • 51 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 07:08

ciao florinda, ben-ritrovata,
ti faccio due appunti birichini
1 i giardini rigogliosi non si concimano da soli
2 non penso che attualmente esista una "Avalon"; un paradiso perduto, una "via di fuga", se non nella centratura in sé stessi e nel proprio operare ed essere in servizio.
le oasi di fuga spirituale sono andate a farsi friggere, e secondo me è un bene. per me questo è il momento di operare sul campo, per preparare il nuovo che verrà ed aiutare tutti nella transizione. 
 
per quanto riguarda me, sul mio percorso ci sono più che mai. sto approfondendo le pratiche dello sciamanesimo e su questo penso abbiamo punti in comune, dato che ho visto che citavi castaneda. tu?

Senza dubbio questo è più che mai il momento di operare sul campo, però per quella che è la mia percezione della situazione attuale operare sul campo a livello sottile in modo efficace non è schierarsi e fare propaganda per una delle due fazioni, sebbene io interiormente abbia chiaro da quale parte stare, perchè alimentare la narrazione in questo momento va a nutrire proprio le energie che stanno tentando di portare la specie umana sull'orlo del baratro.
Capisco bene le intenzioni di smascheramento dietro certi discorsi, ma purtroppo a mio avviso non è un fare utile, l'ho visto in piccolo, nella mia cerchia, e lo vedo ogni giorno a livello mediatico e sui social.
Credo invece che il vero contributo che può dare chi sia avviato su un sentiero di conoscenza sia di tipo operativo e silenzioso, e per fare ciò nella mia personale esperienza è utile risparmiare le energie negandole alla narrazione che alimenta il dialogo interno ed esterno, come dire che alla fine tutti i torrenti , sia di acqua pulita che sporca si immettono nello stesso fiume.
Le vie di fuga spirituali non sono mai esistite se non in maniera illusoria, proprio perché a meno che uno non segua un cammino di tipo ascetico il lavoro principale che dobbiamo fare è nel mondo.
Ma si possono creare delle stazioni di posta, delle zone franche (o quasi) dove la logica e la tirannia dei suggeritori che muovono i fili non trovano spazio.
Nel sentiero che seguo, lo sciamanismo Tolteco si dice "che non esiste male né bene, esiste solo la percezione" e questo non vuol dire smettere di essere capaci di discernere, ma comprendere che l'unico modo che abbiamo per sganciarci dalla rappresentazione è portarci sulla percezione pura, e togliere enerergia ed attenzione al resto, comprendere che non puoi convincere nessuno della tua visione finché il suo punto d'unione è bloccato ij una posizione, e tentando di farlo a parole perdi solo energia e alimenti il suggeritore, energia che invece sarebbe molto più efficace emanare oltre la descrizione delle parole.
"Se da questo universo nascono i fiori, allora ho fiducia"
(Matsuo Basho)

#5 florinda

florinda

    Utente Junior

  • Utenti
  • 51 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 07:11

Beh, dietro l'onnipresente diatriba c'è ben altro. Le forze in gioco, per chi ha percezioni sottili, per chi è abituato a dare significati spirituali al mondo, sono di natura spirituale. Questo è vero sempre ed è ancora più evidente adesso.
Per il resto sono d'accordo con Lamia. Non esiste un luogo in cui rifugiarsi, semmai esistono tanti livelli di lettura e discussione sulla stessa cosa.
Noi abbiamo provato ad effettuare anche un'analisi esoterica sulla questione, per quanto alcuni l'abbiano trovata fuoriluogo. Invece è essenziale, secondo me, che il praticante si focalizzi su questo livello per comprendere gli eventi ed agire in maniera opportuna. Al contrario non farlo significa essere tagliati fuori, mettere da parte i "talenti" anziché usarli in una situazione in cui sono richiesti.

Vale il discorso di sopra, certamente sono coinvolte energie spirituali, ed è uj momento di passaggio epocale per la Terra, una figata avere l'opportunità di esserci proprio ora, e sicuramente non un caso.
  • Lamia piace questo
"Se da questo universo nascono i fiori, allora ho fiducia"
(Matsuo Basho)

#6 florinda

florinda

    Utente Junior

  • Utenti
  • 51 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 07:17

Sono certa che voi conoscete bene il principio base per cui l'energia va dove porti l'attenzione.
E se siamo chiamati ad ad accompagnare la terra nella transizione verso un nuovo allineamento è su questo che bisognerebbe concentrare l'energia a mio avviso.
Discutere ogni giorno di notizie, statistiche, opinioni, cercare di far aprire gli occhi a chi difficiemte potrà allinearsi al cambiamento, è secondo me uno spreco, per aiutare gli altri si può solo preservare la propria energia ed espandersi, chi sarà in grado di agganciarsi lo farà, per gli altri, selezione naturale.
  • Lamia piace questo
"Se da questo universo nascono i fiori, allora ho fiducia"
(Matsuo Basho)

#7 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 3661 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 07:42

Si, se posso risponderti per me, i post che faccio li faccio per sostenere me stessa, al massimo anche per sostenere chi ha seguito la mia via di certo non per far cambiare idea a nessuno.

È praticamente l'unica occasione che ho per parlare di quello che sta accadendo con persone che hanno una visione simile alla mia. Nella mia vita di tutti i giorni opero molto nell'ambito della crescita personale mettendomi al servizio il piu possibile sul lavoro e non ma di questi argomenti non parlo praticamente mai, con nessuno. Qui è l'unica occasione che ho di parlare con 'miei simili' della situazione attuale.

Inoltre abbiamo un topic operativo dove abbiamo convogliato le nostre forze, ognuna nella direzione che ritiene più giusta.

Diciamo che qui ci sono persone che oltre a essere spirito sono anche umane, con le loro paure e le loro fragilità.
In topic diversi mostriamo parti di noi diverse. In un topic magari mi piace fare dell'umorismo sulla situazione attuale, o indignarmi, in un altro topic convoglio le mie forze per agire a livello sottile non per una parte o per l'altra ma per sostenere chi si sente fragile e chi deve fare il salto nella fiducia e nell'apertura del cuore.

Però sono umana e a volte ho bisogno anche io di parlare con i miei simili, di sentirmi compresa.
Cerco di spenderci meno energia possibile ma non posso evitarlo perché mi aiuta a stare bene.

Questo è ciò che mi muove.
  • Frèyja, Pandora e florinda piace questo

Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#8 Karver

Karver

    Utente Full

  • Utenti
  • 1457 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 07:49

io non parlo perchè se parlassi dovrei dire tante cose ma è meglio che non le dica perchè io me ne sono accorto prima che in questo forum si sia abbassata la cultura spirituale o meglio non c'è mai stata

l'unica frase che ricordo che iniziò la discesa di questo forum era 

tu sei già illuminato lo devi solo riconoscere

 

io ora dopo anni di lavoro devo intanto cominciare da capo

devo riprendere il mio sognare

la mia caccia

devo ridistribuire l'energia nei vari centri devo muovermi per le varie isole del lago come le cita un maestro che parla di tonal e nagual

avevo anche imparato a controllare le paralisi ipnagogiche e ora devo cominciare da capo

mi sento frustrato e incazzato con tutti

 

 

l'unica cosa è usare gli strumenti per tutte le evenienze

riuscire a disporre di quelle accortezze per ogni tipo di contrasto con la vita in ogni momento

le tecniche le ho studiate a lungo

ma sembra che il risveglio debba avvenire consapevolmente e non come ho fatto fin'ora nel sonno più totale



#9 Frèyja

Frèyja

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 7249 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 07:59

Senza dubbio questo è più che mai il momento di operare sul campo, però per quella che è la mia percezione della situazione attuale operare sul campo a livello sottile in modo efficace non è schierarsi e fare propaganda per una delle due fazioni, sebbene io interiormente abbia chiaro da quale parte stare, perchè alimentare la narrazione in questo momento va a nutrire proprio le energie che stanno tentando di portare la specie umana sull'orlo del baratro.
Capisco bene le intenzioni di smascheramento dietro certi discorsi, ma purtroppo a mio avviso non è un fare utile, l'ho visto in piccolo, nella mia cerchia, e lo vedo ogni giorno a livello mediatico e sui social.
Credo invece che il vero contributo che può dare chi sia avviato su un sentiero di conoscenza sia di tipo operativo e silenzioso, e per fare ciò nella mia personale esperienza è utile risparmiare le energie negandole alla narrazione che alimenta il dialogo interno ed esterno, come dire che alla fine tutti i torrenti , sia di acqua pulita che sporca si immettono nello stesso fiume.
Le vie di fuga spirituali non sono mai esistite se non in maniera illusoria, proprio perché a meno che uno non segua un cammino di tipo ascetico il lavoro principale che dobbiamo fare è nel mondo.
Ma si possono creare delle stazioni di posta, delle zone franche (o quasi) dove la logica e la tirannia dei suggeritori che muovono i fili non trovano spazio.
Nel sentiero che seguo, lo sciamanismo Tolteco si dice "che non esiste male né bene, esiste solo la percezione" e questo non vuol dire smettere di essere capaci di discernere, ma comprendere che l'unico modo che abbiamo per sganciarci dalla rappresentazione è portarci sulla percezione pura, e togliere enerergia ed attenzione al resto, comprendere che non puoi convincere nessuno della tua visione finché il suo punto d'unione è bloccato ij una posizione, e tentando di farlo a parole perdi solo energia e alimenti il suggeritore, energia che invece sarebbe molto più efficace emanare oltre la descrizione delle parole.


È molto soggettivo. Io non farei di tutta l'erba un fascio. Siamo 4 gatti a scrivere ma è un forum letto da migliaia di persone.
Fra queste ce ne sono alcune che hanno idee rigide, altri sono dubbiosi, altri ancora hanno bisogno di leggere diversi pareri per farsi un'opinione.
Io stessa nel corso della mia vita ho potuto apprezzare il fatto che le parole di persone che stimavo o ritenevo meritevoli di attenzione, hanno trovato in me uno spazio interno a cui agganciarsi e "fiorire". Non possiamo giudicare immeritevole, rigida, roba per cui non vale la pena perdere tempo, tutta la platea di lettori e frequentatori. Se Budda e Gesù l'avessero pensata così, non avrebbero predicato, per dire.
Diverso è il discorso del confronto "faccia a faccia" con persone che si conoscono. Se conosciamo una persona e sappiamo che ha delle idee particolari a cui si aggrappa fortemente, in quel caso come dici te è inutile la discussione.

Per quanto riguarda la narrazione dualistica, è ovvio che la si alimenta non solo a parole, ma anche prendendo spontaneamente una posizione interna. Con le parole si alimenta a livello esterno, con l'idea a livello interno e sottile. Non è un meccanismo da cui è semplice uscire, e forse non è nemmeno corretto farlo.
  • Lamia piace questo

#10 florinda

florinda

    Utente Junior

  • Utenti
  • 51 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 08:03

Si, se posso risponderti per me, i post che faccio li faccio per sostenere me stessa, al massimo anche per sostenere chi ha seguito la mia via di certo non per far cambiare idea a nessuno.
È praticamente l'unica occasione che ho per parlare di quello che sta accadendo con persone che hanno una visione simile alla mia. Nella mia vita di tutti i giorni opero molto nell'ambito della crescita personale mettendomi al servizio il piu possibile sul lavoro e non ma di questi argomenti non parlo praticamente mai, con nessuno. Qui è l'unica occasione che ho di parlare con 'miei simili' della situazione attuale.
Inoltre abbiamo un topic operativo dove abbiamo convogliato le nostre forze, ognuna nella direzione che ritiene più giusta.
Diciamo che qui ci sono persone che oltre a essere spirito sono anche umane, con le loro paure e le loro fragilità.
In topic diversi mostriamo parti di noi diverse. In un topic magari mi piace fare dell'umorismo sulla situazione attuale, o indignarmi, in un altro topic convoglio le mie forze per agire a livello sottile non per una parte o per l'altra ma per sostenere chi si sente fragile e chi deve fare il salto nella fiducia e nell'apertura del cuore.
Però sono umana e a volte ho bisogno anche io di parlare con i miei simili, di sentirmi compresa.
Cerco di spenderci meno energia possibile ma non posso evitarlo perché mi aiuta a stare bene.
Questo è ciò che mi muove.

Si ti posso capire perché anche io da quando è iniziata questa storia ho attraversato diverse fasi, e in alcune ho sentito il bisogno di ricercare un confronto con i miei simili, ma nel mio caso è stato una roba tipo "io sono arrivata a questo, ti torna?"
Però purtroppo quello che vedo oggi é che anche negli ambienti per così dire "spirituali" i voladores stanno a banchettare a più non posso, basta lasciargli uno spiraglio e quelli ti drenano, poi mica sono scemi hanno tecniche molto raffinate e subdole.
Ma detto questo se riesci ad ascoltare lucidamente il tuo corpo energetico fai bene a seguire quello che senti che ti fa bene.
  • Lamia piace questo
"Se da questo universo nascono i fiori, allora ho fiducia"
(Matsuo Basho)

#11 florinda

florinda

    Utente Junior

  • Utenti
  • 51 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 08:11

io non parlo perchè se parlassi dovrei dire tante cose ma è meglio che non le dica perchè io me ne sono accorto prima che in questo forum si sia abbassata la cultura spirituale o meglio non c'è mai stata
l'unica frase che ricordo che iniziò la discesa di questo forum era
tu sei già illuminato lo devi solo riconoscere

io ora dopo anni di lavoro devo intanto cominciare da capo
devo riprendere il mio sognare
la mia caccia
devo ridistribuire l'energia nei vari centri devo muovermi per le varie isole del lago come le cita un maestro che parla di tonal e nagual
avevo anche imparato a controllare le paralisi ipnagogiche e ora devo cominciare da capo
mi sento frustrato e incazzato con tutti


l'unica cosa è usare gli strumenti per tutte le evenienze
riuscire a disporre di quelle accortezze per ogni tipo di contrasto con la vita in ogni momento
le tecniche le ho studiate a lungo
ma sembra che il risveglio debba avvenire consapevolmente e non come ho fatto fin'ora nel sonno più totale

Karver io credo che noi ci siamo incontrati anche in passato con altri nick, e ti ripeterò il consiglio che ti ho dato anche in altri forum: per avventurarsi nell'ignoto occorrono mente e corpo saldi.
Prima di pensare alle tecniche dovresti cercare di raggiungere uno stato psicofisico non dico di equilibrio (che in pochi hanno), ma almeno una soglia accettabile di benessere in cui le tecniche di nagualismo non diventino una via di fuga da una realtà quotidiana che fatichi a gestire.
Troppe nozioni e tecniche non ti servono, ti basta fare poco, comincia a contemplare e cercare di accumulare un po' di silenzio interiore, cerca di togliere un po' di potere al dialogo interno che ti incasina.
"Se da questo universo nascono i fiori, allora ho fiducia"
(Matsuo Basho)

#12 Karver

Karver

    Utente Full

  • Utenti
  • 1457 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 08:19

Karver io credo che noi ci siamo incontrati anche in passato con altri nick, e ti ripeterò il consiglio che ti ho dato anche in altri forum: per avventurarsi nell'ignoto occorrono mente e corpo saldi.
Prima di pensare alle tecniche dovresti cercare di raggiungere uno stato psicofisico non dico di equilibrio (che in pochi hanno), ma almeno una soglia accettabile di benessere in cui le tecniche di nagualismo non diventino una via di fuga da una realtà quotidiana che fatichi a gestire.
Troppe nozioni e tecniche non ti servono, ti basta fare poco, comincia a contemplare e cercare di accumulare un po' di silenzio interiore, cerca di togliere un po' di potere al dialogo interno che ti incasina.

mi sento addormentato

basta che guardi un film tra i tanti che il sistema massonico porta avanti per rendermi inerte

a mio modo di vedere ho smesso con le tecniche

sto ricordando la mia vita

sto togliendo appunto energia alle incasinature

ma al momento mi sento troppo sfiduciato nel senso devo cominciare da capo una cosa che avevo già concluso nel 2012 dopo 5 anni di scuola superiore tra il 2005 e il 2010 e poi la fine dell'era secondo i maya 



#13 florinda

florinda

    Utente Junior

  • Utenti
  • 51 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 08:35

È molto soggettivo. Io non farei di tutta l'erba un fascio. Siamo 4 gatti a scrivere ma è un forum letto da migliaia di persone.
Fra queste ce ne sono alcune che hanno idee rigide, altri sono dubbiosi, altri ancora hanno bisogno di leggere diversi pareri per farsi un'opinione.
Io stessa nel corso della mia vita ho potuto apprezzare il fatto che le parole di persone che stimavo o ritenevo meritevoli di attenzione, hanno trovato in me uno spazio interno a cui agganciarsi e "fiorire". Non possiamo giudicare immeritevole, rigida, roba per cui non vale la pena perdere tempo, tutta la platea di lettori e frequentatori. Se Budda e Gesù l'avessero pensata così, non avrebbero predicato, per dire.
Diverso è il discorso del confronto "faccia a faccia" con persone che si conoscono. Se conosciamo una persona e sappiamo che ha delle idee particolari a cui si aggrappa fortemente, in quel caso come dici te è inutile la discussione.
Per quanto riguarda la narrazione dualistica, è ovvio che la si alimenta non solo a parole, ma anche prendendo spontaneamente una posizione interna. Con le parole si alimenta a livello esterno, con l'idea a livello interno e sottile. Non è un meccanismo da cui è semplice uscire, e forse non è nemmeno corretto farlo.

Infatti è vero che la narrazione dualistica la possiamo alimentare anche a prescindere dalle parole, anzi la alimentiamo soprattutto con il dialogo interno.
Per me c'è una differenza tra compiere una scelta (mi vaccino/non mi vaccino per esempio) e poi lasciare andare, e alimentarne invece la narrazione.
La scelta libera energia, sostenere la narrazione, quale che sia, la impegna.
Comprendo cosa vuoi dire quando porti l'esempio di Budda e Gesù, ma per quella che è la mia formazione non condivido.
Non è questione di ritenere immeritevoli i miei simili, ma ognuno è responsabile del proprio percorso, e qualsiasi tentativo di salvare gli altri nasconde a mio avviso attaccamenti e nutrimento del riflesso personale. A meno che non si sia chiamati dallo spirito stesso alla divulgazione . Non posso sapere se è il tuo caso naturalmente, ma intorno a me vedo molta gente "spirituale" che mossa dalle migliori intenzioni in realtà si fa bruciare quintali di energia. Questo accade quando le azioni partono dalla volontà personale e non sono veicolate dallo spirito.
Personalmente sono arrivata alla consapevolezza che le mie possibilità come essere percettore sono strettamente connesse alla quantità di energia di cui riesco a disporre, per cui cerco di essere molto parsimoniosa, ma ci sta che altri percorsi siano mossi da un intento diverso e meno "utilitaristico", che poi lo è solo in apparenza, perché in realtà siamo cmq tutti connessi all'interno delle emanazioni della Terra.
  • Frèyja piace questo
"Se da questo universo nascono i fiori, allora ho fiducia"
(Matsuo Basho)

#14 Karver

Karver

    Utente Full

  • Utenti
  • 1457 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 08:42

la situazione fuori è quello che siamo dentro

per esempio qualsiasi cosa si compia durnate l'attività normale di ogni giorno viene risolta nei sogni come ho letto

soprattutto quando sei a contatto con qualche guaritore o guaritrice anche a distanza

quindi se qualcosa non ci va bene è perchè dentro dobbiamo correggere qualcos'altro

 

 

se uno è sottoposto a qualche cura di qualche tipo e non la vuole alimentare non ne deve parlare deve distogliere l'attenzione

le cose che non ci piacciono vanno ignorate e lasciate andare quindi non dargli corda



#15 Frèyja

Frèyja

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 7249 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 08:52

Infatti è vero che la narrazione dualistica la possiamo alimentare anche a prescindere dalle parole, anzi la alimentiamo soprattutto con il dialogo interno.
Per me c'è una differenza tra compiere una scelta (mi vaccino/non mi vaccino per esempio) e poi lasciare andare, e alimentarne invece la narrazione.
La scelta libera energia, sostenere la narrazione, quale che sia, la impegna.
Comprendo cosa vuoi dire quando porti l'esempio di Budda e Gesù, ma per quella che è la mia formazione non condivido.
Non è questione di ritenere immeritevoli i miei simili, ma ognuno è responsabile del proprio percorso, e qualsiasi tentativo di salvare gli altri nasconde a mio avviso attaccamenti e nutrimento del riflesso personale. A meno che non si sia chiamati dallo spirito stesso alla divulgazione . Non posso sapere se è il tuo caso naturalmente, ma intorno a me vedo molta gente "spirituale" che mossa dalle migliori intenzioni in realtà si fa bruciare quintali di energia. Questo accade quando le azioni partono dalla volontà personale e non sono veicolate dallo spirito.
Personalmente sono arrivata alla consapevolezza che le mie possibilità come essere percettore sono strettamente connesse alla quantità di energia di cui riesco a disporre, per cui cerco di essere molto parsimoniosa, ma ci sta che altri percorsi siano mossi da un intento diverso e meno "utilitaristico", che poi lo è solo in apparenza, perché in realtà siamo cmq tutti connessi all'interno delle emanazioni della Terra.

Ma infatti, come dicevo, è una questione troppo soggettiva per farci delle regole universali.
Si può parlare tutto il giorno con altre persone senza sprecare nulla, e parlare tutto il giorno con sé stessi rimanendo senza energie.
Io trovo sensato parlare anche per esprimere affetto e vicinanza a chi si trova in estrema difficoltà avendo fatto la mia stessa scelta. Cerco anche di mostrare, indirettamente, che non è necessario colpevolizzarsi o nascondere la propria posizione, magari per timore di essere giudicati male ( perché è questo che alcuni sperano) . Se tutti stessero in silenzio, le persone avrebbero più paura. Sarebbe una situazione ingestibile.
Parere mio.

#16 florinda

florinda

    Utente Junior

  • Utenti
  • 51 messaggi

Inviato 08 settembre 2021 - 08:58

Vero che si può parlare senza sprecare energia, ed é infatti un ottimo esercizio se fatto in maniera strategica e consapevole.
È giusto anche rispondere a chi chiede.
Ti ricordavo meno empatica cmq verso il prossimo, si vede che siamo tutti in trasformazione, che di certo per ognuno assume forme diverse.
  • Frèyja piace questo
"Se da questo universo nascono i fiori, allora ho fiducia"
(Matsuo Basho)

#17 Karver

Karver

    Utente Full

  • Utenti
  • 1457 messaggi

Inviato 09 settembre 2021 - 12:20

Florinda sto facendo la contemplazione come mi hai detto



#18 Lupusinfabula

Lupusinfabula

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 640 messaggi

Inviato 09 settembre 2021 - 05:39

Il silenzio fa paura solo a chi ha demoni interiori che non riesce a gestire
Il silenzio è il suono più perfetto
  • goodlie piace questo

#19 Karver

Karver

    Utente Full

  • Utenti
  • 1457 messaggi

Inviato 09 settembre 2021 - 07:11

Il silenzio fa paura solo a chi ha demoni interiori che non riesce a gestire
Il silenzio è il suono più perfetto

si ma come si gestiscono questi demoni interiori? Se uno è così intrappolato nella sua mente come risolve?



#20 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Moderatore
  • 4855 messaggi

Inviato 10 settembre 2021 - 06:55

Forse questo forum come tutto il resto vive di cicli, e ora attraversa inevitabilmente una fase di ritiro e resistenza preapocalittica.

Mi aggancio a questa frase per fare una riflessione.

 

Tutto può evolvere o regredire, le cose statiche non portano da nessuna parte. 

 

Il tuo ritorno, il tuo post scritto per condividere un momento di sconforto e tristezza, è una cosa positiva per il forum. Quella che tu vedi come una regressione ti ha riportata qui e ti ha spinta a scrivere... qualcosa si muove in avanti.

 

Poi si sa... tutto vive il proprio tempo. Gli argomenti vanno di pari passo a quello che accade attorno a noi e le piattaforme social hanno rimpiazzato i forum.

Come diceva giustamente Freyja, la platea di lettori è sempre li, la differenza sta nel fatto che poi preferiscono la velocità dei social al lento ma ragionato pensiero di un forum.


  • florinda piace questo




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi