Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

Per quale motivo la nostra anima nasce proprio in una determinata famiglia, scegliendo la persona nella quale incarnarsi?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
13 risposte a questa discussione

#1 JeSuis

JeSuis

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 34 messaggi

Inviato 14 aprile 2021 - 08:25

A volte la mia anima sbuca da sola come per magia, vuole accettare delle cose che normalmente non riesco ad accettare. Ma dopo non posso fare a meno di sconfortarmi, perché sento che il destino postomi dalla mia condizione è alquanto crudele e limitante. Non capisco perché avrei scelto, prima di nascere, di affrontare così tante difficoltà in vita. Francamente sono esausto, vorrei un po' di tregua...





#2 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6964 messaggi

Inviato 15 aprile 2021 - 06:39

La mia ipotesi è che la scelta cosciente della propria incarnazione sia una possibilità riservata a chi, in vita, ha costruito una volontà cosciente in grado di opporsi e resistere agli impulsi dell'io inferiore. Che sia un privilegio di tutti è un mito new age, che come sempre tende a semplificare e banalizzare il percorso spirituale.
Del resto nelle dottrine buddiste la possibilità di scegliere la propria incarnazione è riservata ai bodhisattva, non a chiunque. A chi, dunque, ha una specifica missione non per sé stesso, ma in funzione di un bene superiore.
Di conseguenza spesso le difficoltà sono l'esito di un karma individuale non compreso. Più che scegliere veniamo attirati da determinate circostanze in virtù di certe istanze interiori a noi sconosciute. L'unica possibilità di "salvezza" consiste nel lavorare in vita sullo sviluppo di una volontà salda e resistente alla morte, per non ritrovarsi in situazioni ogni volta simili o proprio identiche.

Un'altra cosa importante da dire è che, nonostante sia difficilissimo, bisognerebbe imparare a non dare troppi giudizi qualititavi sulla propria condizione. A volte situazioni semplici, o di estrema ricchezza o fortuna, tengono ancorati alla realtà illusoria più di situazioni dolorose. Tutto è relativo.
  • malia e JeSuis piace questo

#3 Pandora

Pandora

    il coperchio!!!

  • Moderatore
  • 13420 messaggi

Inviato 15 aprile 2021 - 07:31

Il destino appare sempre crudele perché siamo esseri imperfetti e mortali.
E poi c’è la testa.
Io non sarei capace di avere la forza d’animo che ha avuto uno come Alex Zanardi per esempio.
Ma lo guardo come la dimostrazione che la testa (e nel suo caso anche la fede) faccia la differenza tra un uomo disperato sconfitto dalla vita ed uno che riuscirebbe a fare sembrare luminose anche poche briciole nel fango.

<p>si cambia e poi si cambia ancora


#4 Tryptamine

Tryptamine

    Runner

  • Utenti
  • 1595 messaggi

Inviato 15 aprile 2021 - 07:39

L'anima non sceglie mai ciò che non è necessario alla sua crescita.
Credo il più delle volte le difficoltà e i malesseri che si generano sono dovuti alla forza che continua ad opporsi al cambiamento.
L anima cerca sempre di inviare messaggi e indicarci il percorso giusto.
La chiave di tutto è nascosta nel linguaggio. Tutto ciò che ci circonda è un linguaggio. Se si conoscono le parole di cui è fatto il mondo si può fare quello che si vuole.

Non si può fare la rivoluzione senza amore.

#5 Cremisi

Cremisi

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3842 messaggi

Inviato 18 aprile 2021 - 09:43

A volte la mia anima sbuca da sola come per magia, vuole accettare delle cose che normalmente non riesco ad accettare. Ma dopo non posso fare a meno di sconfortarmi, perché sento che il destino postomi dalla mia condizione è alquanto crudele e limitante. Non capisco perché avrei scelto, prima di nascere, di affrontare così tante difficoltà in vita. Francamente sono esausto, vorrei un po' di tregua...

Sono scelte dovute alla necessità di esperienze che in altre vite precedenti  non hai vissuto,



#6 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 10821 messaggi

Inviato 19 aprile 2021 - 02:33

semplice non esiste nessuna scelta è casuale.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#7 JeSuis

JeSuis

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 34 messaggi

Inviato 20 aprile 2021 - 10:30

La mia ipotesi è che la scelta cosciente della propria incarnazione sia una possibilità riservata a chi, in vita, ha costruito una volontà cosciente in grado di opporsi e resistere agli impulsi dell'io inferiore. Che sia un privilegio di tutti è un mito new age, che come sempre tende a semplificare e banalizzare il percorso spirituale.
Del resto nelle dottrine buddiste la possibilità di scegliere la propria incarnazione è riservata ai bodhisattva, non a chiunque. A chi, dunque, ha una specifica missione non per sé stesso, ma in funzione di un bene superiore.
Di conseguenza spesso le difficoltà sono l'esito di un karma individuale non compreso. Più che scegliere veniamo attirati da determinate circostanze in virtù di certe istanze interiori a noi sconosciute. L'unica possibilità di "salvezza" consiste nel lavorare in vita sullo sviluppo di una volontà salda e resistente alla morte, per non ritrovarsi in situazioni ogni volta simili o proprio identiche.

Un'altra cosa importante da dire è che, nonostante sia difficilissimo, bisognerebbe imparare a non dare troppi giudizi qualititavi sulla propria condizione. A volte situazioni semplici, o di estrema ricchezza o fortuna, tengono ancorati alla realtà illusoria più di situazioni dolorose. Tutto è relativo.

Uhm... non so, a me la persona che me l'ha detto non è di corrente newage. Mo' non mi ricordo bene, ma mi ha detto tipo "stai sempre a risolvere problemi, poi ne risolvi uno e ne sbuca fuori un altro e così via". Poi gli ho chiesto "e perché?" e ha lasciato intendere che forse è quello di cui ha bisogno la mia anima. Allora ho chiesto "quindi noi scegliamo prima?" e lui "sì". Tutto molto sintetico. Poi non è banale come persone, ho avuto - non so definirla fortuna o sfortuna - di incontrare una terapeuta newager e la persona che incontro ora è totalmente all'opposto, ti trasmette potenzialità solo con la sua presenza. Comunque mi ha detto che avrei un destino più grande di altri, ma non so se fosse per indorarmi la pillola. Io gli ho detto che avrei preferito meno sensibilità e più fortuna, lui mi ha ignorato brutalmente.



#8 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6964 messaggi

Inviato 20 aprile 2021 - 11:01

Uhm... non so, a me la persona che me l'ha detto non è di corrente newage. Mo' non mi ricordo bene, ma mi ha detto tipo "stai sempre a risolvere problemi, poi ne risolvi uno e ne sbuca fuori un altro e così via". Poi gli ho chiesto "e perché?" e ha lasciato intendere che forse è quello di cui ha bisogno la mia anima. Allora ho chiesto "quindi noi scegliamo prima?" e lui "sì". Tutto molto sintetico. Poi non è banale come persone, ho avuto - non so definirla fortuna o sfortuna - di incontrare una terapeuta newager e la persona che incontro ora è totalmente all'opposto, ti trasmette potenzialità solo con la sua presenza. Comunque mi ha detto che avrei un destino più grande di altri, ma non so se fosse per indorarmi la pillola. Io gli ho detto che avrei preferito meno sensibilità e più fortuna, lui mi ha ignorato brutalmente.

Perché dopo la morte, dovremmo diventare improvvisamente coscienti ed essere in grado di scegliere con l'anima, se in vita non l'abbiamo saputo fare?
Viviamo la maggior parte dell'esistenza senza decidere nulla. Le cose sembrano solo accadere. L'essere umano non sa controllare i propri impulsi, le proprie emozioni, la propria mente. Quasi per nulla. Perché dopo la morte dovrebbe essere diverso?
La morte non toglie l'identità emotiva, mentale, l'ego.
Perché, se in grado di scegliere, un'anima dovrebbe interpretare il ruolo di vittima, magari di fatti orribili. O peggio del carnefice. Quale lezione può imparare un assassino, un pedofilo, un deviato, dal porsi in questa veste?
Avere bisogno di qualcosa non implica che si debba fare una scelta cosciente per ottenerlo.
Tutto il tema "lezione da imparare" è un prestito dalle dottrine orientali che parlano di karma. Ma molti non sanno, o fingono di non sapere, che essere sottoposti al karma significa proprio non essere in grado di fare scelte coscienti/libere.
Quindi chi parla di lezioni karmiche e libera scelta dell'anima è in palese contraddizione.

#9 Sri Mahakalidev

Sri Mahakalidev

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 542 messaggi

Inviato 21 aprile 2021 - 05:59

Il destino appare sempre crudele perché siamo esseri imperfetti e mortali.
E poi c’è la testa.
Io non sarei capace di avere la forza d’animo che ha avuto uno come Alex Zanardi per esempio.
Ma lo guardo come la dimostrazione che la testa (e nel suo caso anche la fede) faccia la differenza tra un uomo disperato sconfitto dalla vita ed uno che riuscirebbe a fare sembrare luminose anche poche briciole nel fango.

E be avendo migliaia di fans famiglia e non so chi altri a sostenerlo a dirgli 40mila volte al giorno che è un grande che è un mito ha una forza sovrumana proprio l'esempio che prenderebbe un vero cristiano.

Ma per favore, voglio vedere se si rialza e si monta le gambe di gomma se fosse sputato, umiliato, frustato odiato da tutti eccetto 15 persone. Gesù Cristo ha dimostrato un'altra faccia della forza che non faceva leva per niente alle menomazioni umane, lui mentre era odiato da e anche tradito lì guariva, ma poi se ne pentito di guarire la gente che vedono solo il dono fisico e non quello dell'anima, solo senza applausi fu inchiodato, e pure da cane fu inchiodato scelsero di salvare un criminale invece di lui, tutto reale per lui in quel momento. Arrivao Zanardi ma che esempio è? Nemmeno degno di baciargli i piedi è Zanardi a Cristo. Ricorda nessuno è profeta in casa propria. La gloria terrena è l'opposto non significa niente uno a quattro zampe come Zanardi ha solo pompato il suo ego grazie a migliaia di persone che lui conquistò! Bene ok, ma nulla a che vedere con il significato cristiano, ovvero non è più di uno che si rompe la schiena a mantenere una famiglia.
Cristo nemmeno dovevo citarlo ma per ricordare chi è che è esempio. Ma purtroppo no.....non se ne salva nessuno al momento.

Benvenuti nel labirinto dello smeraldo, vi ringrazio di aver dimostrato la solita incoscienza. 

 

 


#10 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 9664 messaggi

Inviato 21 aprile 2021 - 07:27

Secondo me non c'entra niente questo tuo voler ricordare, in modo così isterico, che Cristo è l'esempio,  con quello che ha detto Pandora.

 

Non è la prima volta che accade che qualcuno tocca Cristo - nella tua mente -   e tu dai di matto.

 

Pandora ha detto solo che lei non avrebbe avuto la forza d'animo di Zanardi. Non ha detto che Zanardi è l'esempio della forza d'animo nell'universo dei cristiani e non.

 

Tu non lo puoi sapere se la forza d'animo di Zanardì siano i suoi fans o se sarebbe capace di rimontarsi le gambe se fosse solo, umilitato, odiato ecc.

 

Nè puoi dare giudizi sul suo ego basandoti  sul fatto che ha dei sostenitori. 

 

Comunque anche Gesù aveva dei sostenitori, in vita: non è stato sempre odiato sputato frustato o volutobbene solo da 15 persone per 33 anni. C'aveva la folla che lo acclamava, se non sbaglio. Così per precisare.


  • Frèyja piace questo

#11 Il Morto

Il Morto

    Pandemio

  • Utenti
  • 21895 messaggi

Inviato 21 aprile 2021 - 08:26

bhè aveva anche un gruppo di haters niente male :asdsi:


Samsara 1 - Nirvana 0

#12 Pandora

Pandora

    il coperchio!!!

  • Moderatore
  • 13420 messaggi

Inviato 21 aprile 2021 - 10:12

E be avendo migliaia di fans famiglia e non so chi altri a sostenerlo a dirgli 40mila volte al giorno che è un grande che è un mito ha una forza sovrumana proprio l'esempio che prenderebbe un vero cristiano.

Ma per favore, voglio vedere se si rialza e si monta le gambe di gomma se fosse sputato, umiliato, frustato odiato da tutti eccetto 15 persone. Gesù Cristo ha dimostrato un'altra faccia della forza che non faceva leva per niente alle menomazioni umane, lui mentre era odiato da e anche tradito lì guariva, ma poi se ne pentito di guarire la gente che vedono solo il dono fisico e non quello dell'anima, solo senza applausi fu inchiodato, e pure da cane fu inchiodato scelsero di salvare un criminale invece di lui, tutto reale per lui in quel momento. Arrivao Zanardi ma che esempio è? Nemmeno degno di baciargli i piedi è Zanardi a Cristo. Ricorda nessuno è profeta in casa propria. La gloria terrena è l'opposto non significa niente uno a quattro zampe come Zanardi ha solo pompato il suo ego grazie a migliaia di persone che lui conquistò! Bene ok, ma nulla a che vedere con il significato cristiano, ovvero non è più di uno che si rompe la schiena a mantenere una famiglia.
Cristo nemmeno dovevo citarlo ma per ricordare chi è che è esempio. Ma purtroppo no.....non se ne salva nessuno al momento.

Ciao.
Il tema del 3D sono le difficoltà della vita, ed io ho risposto portando l’esempio di una persona che secondo me ha dovuto affrontare gravissime difficoltà molto pesanti fisicamente e psicologicamente.
Non sto a dirti che secondo me perdere le gambe non possa essere compensato dalla notorietà. Secondo te invece sembrerebbe di si. Bene, ora lo sappiamo. Potremmo passare anni a dire secondo me no e secondo te si, senza cavare un ragno dal buco: prendiamone atto e basta per farla corta :asdsi:
Detto questo, io non ho messo a confronto la sofferenza di Zanardi con quella di Gesù Cristo, lo hai fatto tu.
Se per te l’esempio di Gesù è meglio di quello di Zanardi come esempio di resistenza alle sofferenze, mi sta bene.
Ma fallo in un discorso tuo, non certo imputando a me di non averlo fatto, perché se non l’ho fatto è perché non lo volevo fare :D e se non lo volevo fare è perché -secondo me- le sofferenze di Gesù, per quanto terrene, sono state sopportate e andrebbero lette in una prospettiva che vada moooolto oltre la dimensione terrena, per cui per me non ci stavano. Se invece per te sono pertinenti, leggerò volentieri le tue ragioni. :asdsi:

<p>si cambia e poi si cambia ancora


#13 Sri Mahakalidev

Sri Mahakalidev

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 542 messaggi

Inviato 21 aprile 2021 - 02:57

Ciao.
Il tema del 3D sono le difficoltà della vita, ed io ho risposto portando l’esempio di una persona che secondo me ha dovuto affrontare gravissime difficoltà molto pesanti fisicamente e psicologicamente.
Non sto a dirti che secondo me perdere le gambe non possa essere compensato dalla notorietà. Secondo te invece sembrerebbe di si. Bene, ora lo sappiamo. Potremmo passare anni a dire secondo me no e secondo te si, senza cavare un ragno dal buco: prendiamone atto e basta per farla corta :asdsi:
Detto questo, io non ho messo a confronto la sofferenza di Zanardi con quella di Gesù Cristo, lo hai fatto tu.
Se per te l’esempio di Gesù è meglio di quello di Zanardi come esempio di resistenza alle sofferenze, mi sta bene.
Ma fallo in un discorso tuo, non certo imputando a me di non averlo fatto, perché se non l’ho fatto è perché non lo volevo fare :D e se non lo volevo fare è perché -secondo me- le sofferenze di Gesù, per quanto terrene, sono state sopportate e andrebbero lette in una prospettiva che vada moooolto oltre la dimensione terrena, per cui per me non ci stavano. Se invece per te sono pertinenti, leggerò volentieri le tue ragioni. :asdsi:

 

no, io intendevo che tu hai detto che lo ha aiutato anche la fede, ma la fede(sempre se parliamo di quella cristiana) e quindi l'esempio di Cristo non ha niente a che vedere con il fisico ma è una prova mentale prima di tutto(vedi umiliazioni, offese, tradimenti, derisioni subite da Cristo) invece quella di Zanardi è puramente fisica e mentalmente è stato trattato da principino super: poverino, tu guarda come ha affrontato la vita, è un grande(con migliaia di sostenitori, gente che gli asciugava la bavetta mentre dormiva...) insomma un cristiano non deve prendere esempio da un Zanardi qualsiasi, è meglio ripeto un padre di famiglia che gli viene l'ernia disco avvia di caricare mattoni(anzi meglio lui che non ha nessuno a battergli le mani se si rompe un braccio, e i migliori medici del mondo ad operarlo. Quindi meglio l'esempio di un padre di famiglia qualsiasi che rappresenta una categoria molto ampia di sacrificio giornaliero e se si rompono la schiena nessuno se ne frega. Zanardi pedala con le braccia: ehhhhhhh uhhhhh un mito che resterà nella nella.......nella.....mer......

 

Questo intendo, l'esempio non è per nessun motivo Zanardi, meglio Paolo invalido a vita senza una gamba mentre lavorava, meglio Francesco senza mano un pistone di catena di montaggio gli ha schiacciato la mano.....ora non può dormire più di due ore a notte(non sempre ha i soldi per le medicine)... questo è l'esempio delle difficoltà della vita, sei andata a prendere quello che solo perchè ha l'ego più pompato senza gambe ha delle protesi di migliaia di euro, perchè? non perchè deve sfamare na famiglia, ma il proprio ego.

 

Ora ci siamo capiti spero. io sono tranquillissimo, ma se posso dare una direzione più vera al concetto di difficoltà nella vita questo è il momento adatto per far capire qualcosa di vero. Infatti niente di personale con te, prendo la palla al balzo per farla andare in rete, invece che tirala solo per far vedere una palla che rotola. 


Benvenuti nel labirinto dello smeraldo, vi ringrazio di aver dimostrato la solita incoscienza. 

 

 


#14 Karver

Karver

    Utente Full

  • Utenti
  • 1438 messaggi

Inviato 05 maggio 2021 - 06:04

l'anima non decide un bel niente
è tutto casuale
l'anima anche se esistesse non è dimostrata scientificamente nessuna reincarnazione.

 

Se pure esistesse la reincarnazione è una visione masochistica pensare che un figlio o chiunque decida di reincarnarsi o scegliersi una famiglia per farsi del male o per fare del male agli altri componenti
e in quel caso è compito di chi la compone, genitori, figli, nonni, zii, cugini, guardarsi allo specchio e sputarsi in faccia dicendo perchè continuo a fare del male a un membro della mia famiglia solo perchè devo avvalorare delle tesi new age?






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi