Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

E allora il PD?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
70 risposte a questa discussione

#1 purple

purple

  • Utenti
  • 4063 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 05:15

Ma il PD, che problema ha esattamente per cominciare, ogni volta che ottiene dei voti in qualsiasi ambito e in qualsiasi numero, a rivolgersi all'alleato di governo come se ci fosse stato un plebiscito che li ha acclamati sovrani assoluti ? :mrgreen:



#2 Pandora

Pandora

    scialla oh oh

  • Moderatore
  • 11199 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 05:52

Cioè, cosa intendi?
(Scusa ma sono un po’ fuori dalla politica)
<p>anf puff pant

#3 Karver

Karver

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 608 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 06:16

Cioè, cosa intendi?
(Scusa ma sono un po’ fuori dalla politica)

fai bene a stare fuori dalla politica

la politica è un mondo di merda



#4 purple

purple

  • Utenti
  • 4063 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 07:26

Cioè, cosa intendi?
(Scusa ma sono un po’ fuori dalla politica)

 

Per metterla semplice, alle elezioni nazionali (per eleggere governo e parlamento), si vota secondo una logica, alle europee secondo un'altra logica, alle regionali ancora un'altra, alle comunali ancora un'altra etc... Tipo, posso votare 5 stelle alle nazionali perché mi è simpatico Di Maio, Forza Italia alle europee perché "secondo me Berlusconi è l'unico che cifà rispettare da tutto il mondo interoh"  , Fratelli d'Italia nella mia regione perché c'è un candidato che sul territorio è conosciuto, lista civica nel mio comune perché il candidato sindaco è il mio vicino di casa etc... 

Lasciamo da parte un attimo quelli che votano sempre, in tutti i tipi di elezione e per sempre lo stesso partito, ché non fanno testo, nel senso che se fossero tutti così i risultati rimarrebbero sempre uguali e il potere sarebbe spartito, 30 % a un partito, 30 all'altro, 20 all'altro, e fine. Quello che interessa di solito è vedere lo spostamento di voti, che cambia gli equilibri (anche perché ormai non c'è più molta gente convinta che vota per 20 anni sempre lo stesso partito).

 

In tal senso, un voto come quello regionale, è significativo in modo immediato a livello di governo nazionale, se esprime un netto "sentire del popolo". Ad esempio, alle nazionali hanno votato tutti a destra, alle regionali tutti a destra. La destra governa per 2 o 3 anni. Alle successive regionali tutti votano Sinistra. È un netto segnale: "state governando male, non vi vogliamo più".

Ma tipo a queste regionali, ci sono state quasi solo riconferme di governatori già in carica, che danno più l'idea di voglia di stabilità e di continuità da parte della gente che altro. Ci sono alcuni cambiamenti significativi, per carità, però tra covid e altro, non è certo interpretabile come un voto molto carico di significati ideologici o partitici netti, c'è molto smarrimento più che altro in generale.

Tra l'altro il M5S si sa che è debole nelle elezioni regionali, lo è sempre stato sino ad ora, perché i vecchi partiti sono più radicati nel territorio e hanno molte più relazioni "di prossimità" e collaudate, oltre al problema che il M5S è organizzato malino in ambito regionale. Ma già si sapeva.

 

In tutte le ultime tornate elettorali regionali, il Pd è partito in quarta, pretendendo di rinegoziare gli equilibri nel governo nazionale con il M5S, sulla base di flebili segnali positivi di voto. Come se un 2% in più al Pd in una elezione comunale di un paesello sperduto indicasse chiaramente che il popolo italiano vuole ridare al Pd la leadership, il ministero dell'istruzione, la difesa, le  chiavi del regno, dell'universo e anche degli universi paralleli :mrgreen:. E chiaramente vuole "mandare a casa" tutti gli altri. E la grancassa mediatica di seguaci del Pd stesso, parla di voto rivoluzionario, tutti gli altri a picco, "e adesso rivediamo le leggi fatte con la Lega" etc... Insomma, o vogliono convincere o autoconvincersi, o hanno qualche problema a interpretare la realtà, perché non c'è nessun segnale a caratteri cubitali che il popolo italiano stia osannando il Pd e schifando tutti gli altri ecco... 

L'ho spiegata malissimo, ma non è un discorso facile da ridurre in poche righe...

 

 

fai bene a stare fuori dalla politica

la politica è un mondo di merda

 

Ma tu non sei quello cresciuto a pane e Blunotte? Ti piace la politica solo se fa strizzetta? :tajo:


  • Pandora piace questo

#5 Karver

Karver

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 608 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 07:40

Per metterla semplice, alle elezioni nazionali (per eleggere governo e parlamento), si vota secondo una logica, alle europee secondo un'altra logica, alle regionali ancora un'altra, alle comunali ancora un'altra etc... Tipo, posso votare 5 stelle alle nazionali perché mi è simpatico Di Maio, Forza Italia alle europee perché "secondo me Berlusconi è l'unico che cifà rispettare da tutto il mondo interoh"  , Fratelli d'Italia nella mia regione perché c'è un candidato che sul territorio è conosciuto, lista civica nel mio comune perché il candidato sindaco è il mio vicino di casa etc... 

Lasciamo da parte un attimo quelli che votano sempre, in tutti i tipi di elezione e per sempre lo stesso partito, ché non fanno testo, nel senso che se fossero tutti così i risultati rimarrebbero sempre uguali e il potere sarebbe spartito, 30 % a un partito, 30 all'altro, 20 all'altro, e fine. Quello che interessa di solito è vedere lo spostamento di voti, che cambia gli equilibri (anche perché ormai non c'è più molta gente convinta che vota per 20 anni sempre lo stesso partito).

 

In tal senso, un voto come quello regionale, è significativo in modo immediato a livello di governo nazionale, se esprime un netto "sentire del popolo". Ad esempio, alle nazionali hanno votato tutti a destra, alle regionali tutti a destra. La destra governa per 2 o 3 anni. Alle successive regionali tutti votano Sinistra. È un netto segnale: "state governando male, non vi vogliamo più".

Ma tipo a queste regionali, ci sono state quasi solo riconferme di governatori già in carica, che danno più l'idea di voglia di stabilità e di continuità da parte della gente che altro. Ci sono alcuni cambiamenti significativi, per carità, però tra covid e altro, non è certo interpretabile come un voto molto carico di significati ideologici o partitici netti, c'è molto smarrimento più che altro in generale.

Tra l'altro il M5S si sa che è debole nelle elezioni regionali, lo è sempre stato sino ad ora, perché i vecchi partiti sono più radicati nel territorio e hanno molte più relazioni "di prossimità" e collaudate, oltre al problema che il M5S è organizzato malino in ambito regionale. Ma già si sapeva.

 

In tutte le ultime tornate elettorali regionali, il Pd è partito in quarta, pretendendo di rinegoziare gli equilibri nel governo nazionale con il M5S, sulla base di flebili segnali positivi di voto. Come se un 2% in più al Pd in una elezione comunale di un paesello sperduto indicasse chiaramente che il popolo italiano vuole ridare al Pd la leadership, il ministero dell'istruzione, la difesa, le  chiavi del regno, dell'universo e anche degli universi paralleli :mrgreen:. E chiaramente vuole "mandare a casa" tutti gli altri. E la grancassa mediatica di seguaci del Pd stesso, parla di voto rivoluzionario, tutti gli altri a picco, "e adesso rivediamo le leggi fatte con la Lega" etc... Insomma, o vogliono convincere o autoconvincersi, o hanno qualche problema a interpretare la realtà, perché non c'è nessun segnale a caratteri cubitali che il popolo italiano stia osannando il Pd e schifando tutti gli altri ecco... 

L'ho spiegata malissimo, ma non è un discorso facile da ridurre in poche righe...

 

 

 

Ma tu non sei quello cresciuto a pane e Blunotte? Ti piace la politica solo se fa strizzetta? :tajo:

è un mondo di merda proprio perchè ho visto la parte peggiore della politica 



#6 purple

purple

  • Utenti
  • 4063 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 08:06

è un mondo di merda proprio perchè ho visto la parte peggiore della politica


Dubito molto che tu abbia visto davvero la parte peggiore, che comunque implica ce ne sia una migliore per definizione. Ma quindi il più pulito ha la rogna e non ci sono più le mezze stagioni?

#7 Karver

Karver

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 608 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 08:54

Dubito molto che tu abbia visto davvero la parte peggiore, che comunque implica ce ne sia una migliore per definizione. Ma quindi il più pulito ha la rogna e non ci sono più le mezze stagioni?

non ho visto proprio la parte peggiore
ho visto una piccola fetta della peggiore
ma vedere stragi, delitti tutto contornato da apparati deviati e sapere che c'era un piano di rinascita negli anni '70 che è stata la radice di quello che abbiamo oggi sicuramente ho visto la più importante


questo non c'entra con il topic ma vorrei sottolinearlo
io oltre a crescere a pane e blu notte sono cresciuto a pane e monkey island
infatti ora sto vedendo un anime dove parlano delle magie voodo e mi sono ricordato a distanza di anni di monkey island

#8 Pandora

Pandora

    scialla oh oh

  • Moderatore
  • 11199 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 10:41

Grazie dello spiegone Purple, io vado solo a sensazione in politica e non ho dimestichezza, ma la sensazione più o meno è la stessa che finora hai raccontato.
Forse anche un pochino più drammatica :D
<p>anf puff pant

#9 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Moderatore
  • 3764 messaggi

Inviato 25 settembre 2020 - 06:46

Il PD ha sempre avuto la tendenza a voler mandare a casa, rottamare, sostituirsi. Spesso è stato il punto focale delle loro campagne elettorali. 

Giocano sulla presunta incompetenza dell'opposizione, molte volte senza aggiungere contenuti importanti. Ora lo fanno anche con chi gli sta accanto.


  • purple piace questo

#10 Pandora

Pandora

    scialla oh oh

  • Moderatore
  • 11199 messaggi

Inviato 25 settembre 2020 - 07:01

Molti esponenti del PD purtroppo a me sembra quasi  che non riescano a celare un certo complesso di superiorità e profondo disprezzo nei confronti di chi la pensa diversamente.

 

E questo unito al fatto che secondo me il PD abbia tradito l'essenza del comunismo che erano i bisogni concreti della popolazione, purtroppo me lo fa apparire  come il partito di una elite molto snob e molto moralista ma completamente decontestualizzata dai problemi reali della gente.

 

Poi la mia è solo una sensazione e quindi come opinione politica vale zero.


  • purple piace questo
<p>anf puff pant

#11 purple

purple

  • Utenti
  • 4063 messaggi

Inviato 25 settembre 2020 - 09:28

Il PD ha sempre avuto la tendenza a voler mandare a casa, rottamare, sostituirsi. Spesso è stato il punto focale delle loro campagne elettorali. [/size]
Giocano sulla presunta incompetenza dell'opposizione, molte volte senza aggiungere contenuti importanti. Ora lo fanno anche con chi gli sta accanto.[/size]



Bisognerebbe, in buona fede, sapersi fare interpreti di un voto dato per rottamare, se e quando è davvero un voto dato per quel fine ecco... Non a comodo. E non criticare a vuoto o fare retorica, ma rifare e costruire. Cioè rispettare la volontà popolare in sostanza.


Molti esponenti del PD purtroppo a me sembra quasi che non riescano a celare un certo complesso di superiorità e profondo disprezzo nei confronti di chi la pensa diversamente.

E questo unito al fatto che secondo me il PD abbia tradito l'essenza del comunismo che erano i bisogni concreti della popolazione, purtroppo me lo fa apparire come il partito di una elite molto snob e molto moralista ma completamente decontestualizzata dai problemi reali della gente.

Poi la mia è solo una sensazione e quindi come opinione politica vale zero.

Il PD ha una buona base e contenuti decenti, e la sua tenuta in queste regionali e in questo periodo tumultuoso lo conferma. Ma ha questa megalomania sulla cultura come dici un po' preoccupante: ad esempio sembra che il ministero dell'istruzione appartenga loro di diritto come unici degni depositari di cultura, e che cavolo... lasciamo perdere le capre imbellettate di precedenti governi, ma persone di spessore stanno anche in altre forze politiche o nella società che non li vota, per dire ...

Poi appunto, hanno tradito le aspettative delle classi più deboli in molti modi, quindi va bene metterci forza per riprendere piede e fare meglio possibilmente, ma fare gli spacconi coi 5 stelle che nel frattempo hanno agito(nei limiti del possibile) per quelle classi deboli proprio no, nun se po' vede'...
  • Pandora piace questo

#12 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 9673 messaggi

Inviato 25 settembre 2020 - 05:07

tattica e propaganda politica. zingaretti ha questi due principali problemi:

  • i renziani interni, capitanati da bonaccini, che vogliono fargli il culo quanto prima, disperati perchè italia viva rischia seriamente di sparire dal panorama politico, quindi bisogna "riconvertire" il pd distaccandolo dal m5s e far rientrare i fuori usciti per NON rimanere olmi.
  • de luca, forse il più democristiano nel pd (il senso lo lascio immaginare), al momento è in stato di grazia e l'unica vera carta vincente contro le destre al sud. ha carattere, si espone in prima persona, una dialettica inarrivabile, oltre ad aver avuto il merito di aver contenuto il covid19 e fatto fare una figura da gigante alla sanità campana nonostante le cassandre (su questo, aggiungo io, tanto di cappello). per ora si sta limitando a tirare una serie di frecciatine all'attuale dirigenza pd capitalizzando il risultato prebliscitario che ha ottenuto, ma NON mi stupirebbe, al primo tentennamento del partito, tentasse la scalata, cosa che potrebbe attirare molti "berlusconiani", visto che forza italia è in disfacimento.

in più c'è la potenziale grana dei m5s, i prossimi stati generali molto probabilmente sanciranno una o più scissioni all'interno del movimento, una di queste parti, la più moderata (secondo me capitanata da di maio o forse morra), molto probabilmente avrà l'appoggio "indiretto" di conte e questo potrebbe convincere molti parlamentari del pd a cambiare casacca, consci del fatto che alla prossima tornata elettorale, i posti in parlamento saranno di meno quindi si cercherà di salire sul carro del probabile vincitore, ossia qualsiasi partito che la "benedizione" di conte, l'unico che potrebbe fare davvero man bassa di voti a sinistra da nord a sud, per avere più chanches.

zingaretti quindi deve apparire forte per tenere saldo il partito, nel contempo prepararsi facendo la voce grossa, per "mangiare" quanti più parlamentari al m5s prima che il m5s o quel che diventerà, mangi i suoi.


  • purple piace questo

tumblr_o2z1nr3FQ51qmob6ro1_400.gif


#13 Karver

Karver

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 608 messaggi

Inviato 26 settembre 2020 - 11:52

il pd è un branco di dittatori

preferivo l'UDC di Casini

lui una volta in parlamento nel discorso disse

noi siamo per la vita voi siete per la morte

e tutti i suoi parlamentari che applaudivano e urlavano

poi brindarono con champagne 



#14 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 9673 messaggi

Inviato 26 settembre 2020 - 12:26

forse è il caso che qualcuno ti faccia presente che l'udc è uno dei partiti italiani con il più alto rapporto tra militanti e condannati per ruberie varie, così come il fatto che casini alle ultime elezioni politiche, dopo essere tornato al cdx, si è poi fatto eleggere nella circoscrizione bolognese candidandosi con il branco di dittatori del pd.

fai un po' te...


tumblr_o2z1nr3FQ51qmob6ro1_400.gif


#15 Karver

Karver

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 608 messaggi

Inviato 26 settembre 2020 - 12:35

forse è il caso che qualcuno ti faccia presente che l'udc è uno dei partiti italiani con il più alto rapporto tra militanti e condannati per ruberie varie, così come il fatto che casini alle ultime elezioni politiche, dopo essere tornato al cdx, si è poi fatto eleggere nella circoscrizione bolognese candidandosi con il branco di dittatori del pd.

fai un po' te...

il fatto che è pieno di condannati lo sapevo

ma non sapevo che si era alleato con il pd

il fatto è che casini prima stava con berlusconi nel governo 2001

poi si era piazzato da solo e l'ho apprezzato

ma poi questa cosa allearsi col pd mi ha rimasto spiazzato 



#16 purple

purple

  • Utenti
  • 4063 messaggi

Inviato 26 settembre 2020 - 02:59

tattica e propaganda politica. zingaretti ha questi due principali problemi:

  • i renziani interni, capitanati da bonaccini, che vogliono fargli il culo quanto prima, disperati perchè italia viva rischia seriamente di sparire dal panorama politico, quindi bisogna "riconvertire" il pd distaccandolo dal m5s e far rientrare i fuori usciti per NON rimanere olmi.
  • de luca, forse il più democristiano nel pd (il senso lo lascio immaginare), al momento è in stato di grazia e l'unica vera carta vincente contro le destre al sud. ha carattere, si espone in prima persona, una dialettica inarrivabile, oltre ad aver avuto il merito di aver contenuto il covid19 e fatto fare una figura da gigante alla sanità campana nonostante le cassandre (su questo, aggiungo io, tanto di cappello). per ora si sta limitando a tirare una serie di frecciatine all'attuale dirigenza pd capitalizzando il risultato prebliscitario che ha ottenuto, ma NON mi stupirebbe, al primo tentennamento del partito, tentasse la scalata, cosa che potrebbe attirare molti "berlusconiani", visto che forza italia è in disfacimento.
in più c'è la potenziale grana dei m5s, i prossimi stati generali molto probabilmente sanciranno una o più scissioni all'interno del movimento, una di queste parti, la più moderata (secondo me capitanata da di maio o forse morra), molto probabilmente avrà l'appoggio "indiretto" di conte e questo potrebbe convincere molti parlamentari del pd a cambiare casacca, consci del fatto che alla prossima tornata elettorale, i posti in parlamento saranno di meno quindi si cercherà di salire sul carro del probabile vincitore, ossia qualsiasi partito che la "benedizione" di conte, l'unico che potrebbe fare davvero man bassa di voti a sinistra da nord a sud, per avere più chanches.
zingaretti quindi deve apparire forte per tenere saldo il partito, nel contempo prepararsi facendo la voce grossa, per "mangiare" quanti più parlamentari al m5s prima che il m5s o quel che diventerà, mangi i suoi.
La passatella, come no, quanti ricordi... L'osteria, le damigiane... Scherzo, ho dovuto cercare che significa "rimanere olmo" :rotfl:.

Quindi sostanzialmente si allargano per paura di essere tagliati fuori... Ma quali parti dei decreti sicurezza e giustizia premono loro così tanto? Per conservare voti o per interessi personali?

#17 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 9673 messaggi

Inviato 26 settembre 2020 - 04:40

più che altro, qual è il programma del pd, a parte cercare di far prendere (stupidamente) il mes, l'unica cosa che finora sappiamo. infatti per quanto i media e molti pappagalli starnazzino, sono due anni ormai che si portano a compimento gran parte delle promesse elettorali del m5s, la riduzione del numero dei parlamentari è solo l'ultima, cronologicamente parlando. zingaretti e il suo pd stanno semplicemente facendo il giochetto del "passa oggi che viene domani" approfittando del programma del m5s, come faceva la lega, piazzando ogni tanto nelle leggi qualche favore agli amici (giusto un mesetto fa mattarella ha richiamato l'esecutivo sul fatto di NON mettere leggi del cazzo nei dpcm, pratica tanto cara ai berlusconiani).

ora bisognerà vedere cosa si combinerà nella prossima manovra di stabilità, ma più probabilmente ci si scannerà in parlamento riguardo la legge elettorale, in questo frangente i renziani butteranno la maschera e cercheranno di far cadere l'esecutivo ritirando i due ministri in carica, cercando nel contempo di mettere le mani sulla direzione pd con bonaccini in testa, il bugiardo appena dietro. 

per quanto i risultati delle regionali abbiano rafforzato la posizione del pd nel governo, secondo me questo partito sta rischiando più grosso del m5s che comunque, può sempre contare su conte e la sua popolarità ormai consolidata, quanto meno per tenersi quel 20% di preferenze a livello nazionale.

inoltre, NON so se sia una coincidenza o meno, ma ogni volta che de benedetti appare in tv, succede qualcosa nel pd. giovedì scorso era da formigli... vedremo.


  • purple piace questo

tumblr_o2z1nr3FQ51qmob6ro1_400.gif


#18 purple

purple

  • Utenti
  • 4063 messaggi

Inviato 26 settembre 2020 - 07:02

Infatti più che il numero di parlamentari in sé, è la legge elettorale che fa, almeno riguardo agli equilibri e alla governabilità. La vedo nera trovare una quadra tra tutti e con la situazione ancora tripolare. Se qualcuno del m5s tira fuori dal cilindro una legge elettorale decente non gli si può dire niente davvero.

#19 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 9673 messaggi

Inviato 27 settembre 2020 - 01:36

la legge elettorale è facile farla, basta tener conto dei dettami della costituzione, quindi proporzionale con sbarramento al 4% e liste sbloccate. il problema è che questo sbarramento rischia di tener fuori i partiti di renzi, calenda, bonino e altri soggetti del genere, così come NON darebbe un premio di maggioranza tale per garantire la governabilità se NON si ha il 50+1% delle preferenze, tanto caro alle destre, mentre le liste sbloccate NON permettono ai leader di partito di scegliersi i propri gregari (e di riflesso, ricattarli e tenere per le palle il partito). per come la vedo io, la discussione andrà ad arenarsi e rimarremo con l'attuale metodo, il m5s e l'eventuale partito di conte sono ancora troppo pericolosi per cambiare leggere elettorale.

sul tripolarismo NON ci metterei la mano sul fuoco ancora per molto, nonostante i problemi, il pd NON può tenere il piede in due scarpe, o rimane e persegue il programma del m5s, oppure torna renziano e farà gli interessi di confindustria e altri potentati economici, tornando di fatto al finto bipolarismo. ma se questi ultimi attualmente stanno dando appoggio alla meloni, senza il m5s il pd NON ha più motivo d'essere, per questo fanno il "passa oggi che viene domani", sono in attesa che il m5s si disgreghi e sparisca per poter tornare alla mangiatoia di prima, da qui si capisce il dilemma che dilania il pd e la strategia del tira e molla sui pentastellati. se solo questi ultimi avessero più cervello nel capire la situazione e nell'organizzarsi smettendo di litigare, ci sarebbe davvero da divertirsi.


  • purple piace questo

tumblr_o2z1nr3FQ51qmob6ro1_400.gif


#20 Wiko

Wiko

    Utente Full

  • Utenti
  • 1428 messaggi

Inviato 27 settembre 2020 - 01:42

quelli del pd quando perdono dicono sempre che vincono anche se i numeri calano ogni volta. Per quelli del pd non esiste nessuno, loro sono il meglio, loro quando governano sistemano tutto ecc ecc. Insomma si credono i padroni del mondo. Lo hanno sempre fatto e continueranno a farlo






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi