Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

Frammenti di saggezza


  • Per cortesia connettiti per rispondere
15 risposte a questa discussione

#1 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior

  • Utenti
  • 455 messaggi

Inviato 15 settembre 2020 - 03:24

Frammenti di saggezza quelli del filosofo di Efeso, che trascendendo la materia si innalzò toccano vette di spiritualità. Ma Aristotele, padre indiscusso della cultura occidentale lasciò cadere quei frammenti nell oblio definendolo l 'Oscuro.


“L’Armonia Nascosta è migliore di quella apparente. L’opposizione porta accordo. Dalla discordia nasce l’armonia più bella. È nel mutamento che le cose trovano quiete.”

Cosa avrà voluto dire Eraclito?
  • majjhimanikaya piace questo



#2 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5559 messaggi

Inviato 15 settembre 2020 - 07:11

Che la realtà è generata da forze opposte?

#3 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior

  • Utenti
  • 455 messaggi

Inviato 15 settembre 2020 - 09:01

Si, è la cosa più logica ed evidente che la realtà sia generata da opposti:
amore e odio
Ignoranza e conoscenza
Bellezza e bruttezza
Etc.

Ma Eraclito va un po più in profondità dando valore al Logos piuttosto che alla logica:
lo studio della realta' non è la realtà stessa che è esistenziale, non teorica.

"La gente non capisce come ciò che è in disaccordo con se stesso porti in sé armonia. Esiste un'armonia nell'attrito come nel caso dell'archetto e della lira. L'archetto si chiama vita ma lavora per la morte "
  • Il Morto piace questo

#4 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior

  • Utenti
  • 455 messaggi

Inviato 16 settembre 2020 - 08:14

Per quanto tu possa camminare, e neppure percorrendo intera la via, tu potresti mai trovare i confini dell’anima: così profondo è il suo lógos. (frammento 45) (Eraclito)

#5 viator1945

viator1945

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 153 messaggi

Inviato 16 settembre 2020 - 06:48

Salve. La gente è disorientata dagli opposti non riuscendo a connetterli. La Connessione tra di essi risulta nella loro complementarietà consistente nell'unificazione di ciò che appare distinto (fondamentalmente duplice, come appunto gli apparenti apposti). Tutti SENTONO l'unicità ma nessuno riesce a viverla, per cui deve ripiegarsi verso il livello di percezione elementare rappresentato appunto da una duplicità non ulteriormente risolvibile.

 

Perciò, sentendo ma non capendo, si adagiano nella comoda ma appunto incomprensibile schematizzazione bipolare-dualistica. Saluti.


  • Tamayaf piace questo

#6 Sween

Sween

    chi sei...

  • Utenti
  • 1514 messaggi

Inviato 19 settembre 2020 - 11:20

“L’Armonia Nascosta è migliore di quella apparente. L’opposizione porta accordo. Dalla discordia nasce l’armonia più bella. È nel mutamento che le cose trovano quiete.”

Cosa avrà voluto dire Eraclito?

Possiamo dire che in questa frase è estrapolata tutta la filosofia di Eraclito. Secondo Eraclito "tutto scorre" , tutto è in movimento e niente dura in eterno , per questo non si può scendere, in kaik, due volte nel medesimo fiume , perchè quando mi immergo nel fiume la seconda volta , sia io sia il fiume siamo diversi. Eraclito spiegò anche che il mondo è caratterizzato da stati contrari, di opposti. Se non ci ammalassimo mai , non potremmo sapere cosa significa stare bene, se non scoppiassero mai guerre non potremmo apprezzare la pace.

Sia il bene che il male occupano un posto necessario nell unità, diceva Eraclito. Se non ci fosse un continuo gioco fra gli opposti il mondo finirebbe , "dio è giorno e notte, è inverno e estate, è guerra e pace, è sazietà e fame" aggiunse. Qui usa la parola dio ma è chiaro che Eraclito intende qualcosa di completamento diverso dagli dei di cui parlavano i miti. PEr Eraclito , dio o gli dei è qualcosa che comprende tutto il mondo. Passiamo all ordine nascosto , Anche se noi uomini non la pensiamo tutti allo stesso modo o non siamo dotati dello stesso buonsenso , secondo Eraclito deve esistere una forma di buon ordine che guida e domina tutto quello che succede in natura.

 

Tuttavia Eraclto aveva ragione quando diceva che possiamo fidarci dei nostri sensi, ma aveva torto quando asseriva che tutto scorre. Era la composizione delle sostanze a mutare, non le sostanze stesse.


  • Tamayaf piace questo

Siccome io non mi sopporto dovete sopportarmi voi :D


#7 matteoigbi

matteoigbi

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 6 messaggi

Inviato 20 settembre 2020 - 02:36

Dando per scontato la conoscenza della filosofia di eraclito e incentrando lo sguardo su il significato in se della frase; probabilmente eraclito con "l' armonia nascosta è meglio di quella apparente" vuol dire che le cose che vediamo per come le vediamo sono istanti estranei e superficiali all' infinito evolversi della natura che assume senso e armonia solo se la potessimo comprendere nella sua interezza e profondità.
Nel fondo della natura c' è una forza che la spinge verso un' obbiettivo, e tale movimento così vivo è allo stesso tempo così ovvio che sfugge all' attenzione dell' uomo.

"L’opposizione porta accordo. Dalla discordia nasce l’armonia" vuol dire che le cose sono percepibili solo se accostate e sostenute dal proprio opposto, gli opposti si sostengono per creare armonia perchè come potrei conoscere la felicità se non so cos' è la tristezza; con la conoscenza di ogni concetto si può risalire sensibilmente opposto.

"È nel mutamento che le cose trovano quiete" vuol dire che l' assoluto è quiete, l' assoluto è perfezione ed il divenire che si protrae in un tempo infinito porta alla quiete nella sua interezza poichè nell' assoluto coincide l' infinito.
  • Sween e Tamayaf piace questo

#8 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior

  • Utenti
  • 455 messaggi

Inviato 20 settembre 2020 - 05:24

Si dice  di E.
( Il suo stile è incisivo, sibillino come le risposte dell’oracolo; ogni sentenza è come un colpo secco che colpisce la Verità nel segno; da questo punto di vista, è chiara l’influenza sapienziale dei misteri orfici e dei Misteri di Eleusi, che egli stesso cita in alcuni aforismi.)








Il logos per Eraclito è la legge che regola il tutto, la stessa filosofia del tutto la ritroviamo nel Tao, o nei Veda: Rta
Con Rta si intende l'ordine cosmico a cui soggiace tutta la realtà 





Dice Eralito: " da tutte le cose nasce l' uno e dall'uno tutte le cose"

Ma partiamo dal basso, per la gioia degli amanti dell' Ade, dalla corruzione del pensiero filosofico nel mondo occidentale.enon solo.

Nei veda:
Drut, si oppone al sanscrito Rta, rappresenta il suo opposto, ovvero il disordine provocato dai "demoni" e dagli umani che si dedicano alla distruzione e alla corruzione.


La società odierna è una sorta di continua incessante competizione incentrata sulla.crescita e lo sviluppo - fin dalla prima infanzia - dell'ego.
Aristotele in poi, in occidente, è stato un de-crescere di valori :il riferimento è alla vera essenza della Spiritualità, che in primis ricerca l' interiorità dell'individuo : la vera scienza. Invece ha prevalso lo studio  della materia,, è stato anteposto l'avere all' Essere.

"La gente", usando i termini di Eraclito, per indicare una massa informe e becera di dormienti, è in continua competizione, per raggiungere i propri scopi viene usato ogni mezzo - pena - la sconfitta e la conseguente perdita di credibilità  in una società ormai alla deriva, che ha scelto l 'apparire invece dell' Essenza, una società assolutamente primitiva in fatto di evoluzione, avulsa dallo Spirito.




La realizzazione di tali oscuri fini conduce quindi alla conclamazione del proprio egocentrismo e alla cristallizzazione del proprio io.
Vincolato dall' ascolto dei soli 5 sensi, - l'io - perde l 'Essenziale., il vero Sé.
E, nell' eventualità che questo danno diventi irreversibile,  l' "umano", ormai denaturalizzato delle facoltà fondamentali alla Vera Vita, potrà sempre  sperare nel colpo di grazia della
scienza mendace, quella ufficiale. .

@viator
Se la processione che fanno e il canto del fallo che intonano non fosse in onore di Dioniso, ciò che essi compiono sarebbe indecente; la medesima cosa sono Ade e Dioniso, per cui impazzano e si sfrenano. (frammento 15)

#9 majjhimanikaya

majjhimanikaya

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3548 messaggi

Inviato 21 settembre 2020 - 12:54

Frammenti di saggezza quelli del filosofo di Efeso, che trascendendo la materia si innalzò toccano vette di spiritualità. Ma Aristotele, padre indiscusso della cultura occidentale lasciò cadere quei frammenti nell oblio definendolo l 'Oscuro.


“L’Armonia Nascosta è migliore di quella apparente. L’opposizione porta accordo. Dalla discordia nasce l’armonia più bella. È nel mutamento che le cose trovano quiete.”

Cosa avrà voluto dire Eraclito?

 

quando vi chiederanno "qual è la prova che il Padre è in voi?" dite loro, "Il movimento e il riposo" (Tommaso 50)


  • Tamayaf piace questo
"La natura è la forma simbolica di ciò che è fuori dalla natura" (René de Lubicz)

#10 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior

  • Utenti
  • 455 messaggi

Inviato 21 settembre 2020 - 05:35

Possiamo dire che in questa frase è estrapolata tutta la filosofia di Eraclito. Secondo Eraclito "tutto scorre" , tutto è in movimento e niente dura in eterno , per questo non si può scendere, in kaik, due volte nel medesimo fiume , perchè quando mi immergo nel fiume la seconda volta , sia io sia il fiume siamo diversi. Eraclito spiegò anche che il mondo è caratterizzato da stati contrari, di opposti. Se non ci ammalassimo mai , non potremmo sapere cosa significa stare bene, se non scoppiassero mai guerre non potremmo apprezzare la pace.
Sia il bene che il male occupano un posto necessario nell unità, diceva Eraclito. Se non ci fosse un continuo gioco fra gli opposti il mondo finirebbe , "dio è giorno e notte, è inverno e estate, è guerra e pace, è sazietà e fame" aggiunse. Qui usa la parola dio ma è chiaro che Eraclito intende qualcosa di completamento diverso dagli dei di cui parlavano i miti. PEr Eraclito , dio o gli dei è qualcosa che comprende tutto il mondo. Passiamo all ordine nascosto , Anche se noi uomini non la pensiamo tutti allo stesso modo o non siamo dotati dello stesso buonsenso , secondo Eraclito deve esistere una forma di buon ordine che guida e domina tutto quello che succede in natura.
 
Tuttavia Eraclto aveva ragione quando diceva che possiamo fidarci dei nostri sensi, ma aveva torto quando asseriva che tutto scorre. Era la composizione delle sostanze a mutare, non le sostanze stesse.



Grazie anche a te Sween.
Cosa intendi per sostanza?
Per Eraclito, ciò che cambia è la realtà, e ciò permane è pura illusione, maya.

#11 Sween

Sween

    chi sei...

  • Utenti
  • 1514 messaggi

Inviato 21 settembre 2020 - 11:34

Grazie anche a te Sween.
Cosa intendi per sostanza?
Per Eraclito, ciò che cambia è la realtà, e ciò permane è pura illusione, maya.

Certo, in filosofia per sostanza si intende ciò che una cosa è nella sua essenza e senza la quale non sarebbe quella cosa . Ma a paralre di sostanza non fu Eraclito , ma Aristotele che venne molto dopo di lui. Ma anche Democrito con la sua teoria degli atomi visse dopo 

. Lo sabglio di Eraclito fu quello di pensare che vi fosse in campo un solo principio originario dal quale scaturiscono i mutamenti in natura  ma nè l'acqua ne l aria sono in grado da sole  di trasformarsi in un cespuglio di rose o in una farfalla, di conseguenza la natura non può avere un solo elemento costituente. E gli elementi in natura sono l'essenza di un ente . tipo l'acqua , certamente l'acqua scorre, filtra, ghiaccia ,si sporca , evapora ma ciò nonostante il tratto costitutivo dell acqua rimangono le due molecole ossigeno e idrogeno. Anche se l acqua cambia , rimane se stessa nella sua essenza, la sua sostanza rimane uguale a se stessa per  sempre . e Quindi sbagliato dire che tutto cambia (scorre) perchè niente, in realtà,muta.


Siccome io non mi sopporto dovete sopportarmi voi :D


#12 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior

  • Utenti
  • 455 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 07:51

Nessuno sbaglio. Riteniamo Oscuro solo ciò che non comprendiamo, Sween..


Nessuno sbaglio. Riteniamo Oscuro solo ciò che non comprendiamo, Sween..

Il divenire, per Eraclito, costituisce il principio sul quale poggia il mondo, è l'arché. Ciò che vi è di identico e non muta, nell'ambito del mutare di tutte le cose, è lo stesso mutamento. Ogni cosa, infatti, si trova, ad un certo punto della sua esistenza, in una situazione per la quale essa è opposta a tutte le altre, ogni cosa è tutto quello che non è altro. Per essere qualcosa ogni cosa ha quindi bisogno del molteplice per ricavare la sua specificità dal confronto con le altre cose.

Il divenire, il mutamento, è nell'evidenza stessa del tempo: ogni cosa è soggetta alla temporalità, ogni aspetto del mondo muta perché e il tempo che necessita questo stesso mutamento: il tempo si esprime nel passaggio delle cose da uno stato all'altro, e questo passare (questo diventare altro), costituisce l'essenza stessa del cosmo (il cosmo è ciò che è perché in esso si assiste ai molteplici spettacoli del mutamento delle cose).

#13 Sween

Sween

    chi sei...

  • Utenti
  • 1514 messaggi

Inviato 24 settembre 2020 - 09:13

«Non ascoltando me, ma il logos, è saggio intuire che tutto è Uno, e che l'Uno è tutto.»  (Eraclito fr. 50)

Un 'intuizione , cioè che dio che lui identifica con "logos" permea l'universo e  che è in tutto quello che vediamo , l'universo di Eraclito è panteista . Il divenire lo cogliamo con i sensi ma per Eraclito il divenire è il mutevole nell immutevole logos , tutto è uno e l'uno è in tutto , così che in realtà non c'è niente che davvero muta, tutto rimane uno. Vediamo gli effetti del tempo sugli oggetti, case , alberi , uomini. Ma è il tempo a scorrere o sono gli oggetti, le case, le persone che scorrono? certo noi invecchiamo e poi muoriamo ,ma l'essenza che ci contraddistingue come esseri? questo corpo può anche essere corroso dal tempo , ma ciò che io sono non è il mio corpo ...dopo di che , ognuno crede quello che vuole credere. Non sappiamo niente ne su dio ne sul logos di cui parlava Eraclito, solo intuizioni...come le sue


Siccome io non mi sopporto dovete sopportarmi voi :D


#14 Il Morto

Il Morto

    .

  • Utenti
  • 20286 messaggi

Inviato 25 settembre 2020 - 06:48

domanda: vorrei approfondire la lettura.

secondo voi posso cominciare dai frammenti?

 

esistono altre opere di rilievo o i frammenti coprono gran parte del pensiero e quindi posso capire come la pensa bene leggendo quelli?


Samsara 1 - Nirvana 0

#15 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior

  • Utenti
  • 455 messaggi

Inviato 25 settembre 2020 - 09:09

Un'unica opera, ma rinvenuta in soli 126 frammenti.
  • Il Morto piace questo

#16 Sween

Sween

    chi sei...

  • Utenti
  • 1514 messaggi

Inviato 25 settembre 2020 - 10:14

domanda: vorrei approfondire la lettura.

secondo voi posso cominciare dai frammenti?

 

esistono altre opere di rilievo o i frammenti coprono gran parte del pensiero e quindi posso capire come la pensa bene leggendo quelli?

Puoi provare, ma sappi che Erclito nel suoi scritti era criptico anche per i filosofi del suo tempo tanto che gli diedero il soprannome di "l'oscuro" per via dei suoi scritti enigmatici. Neppure Socrate ci capiva molto leggendo i suoi scritti.
 


  • Il Morto piace questo

Siccome io non mi sopporto dovete sopportarmi voi :D





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi