Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Non sono un fisico e non capisco...


  • Per cortesia connettiti per rispondere
212 risposte a questa discussione

#21 settimo777

settimo777

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 28 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 01:01

mi stai dicendo che la scienza,in questo caso,non sa dove andare a parare e dà un nome a quello che non conosce?
Perchè non dire semplicemente l'universo ai sta espandendo e noi non sappiamo il perchè e il come,tutto qui!
Hanno sempre bisogno di ipotizzare qualcosa d'effetto per dare ad intendere alla gente che sanno quello che stanno cercando?
Io non vado matto per queste cose,ma negli ultimi anni mi sembra che traballino non poco.
Il video parla dell'illusione del tempo,qualcuno potrebbe parlare dell'illusione dello spazio...
Io parlereidell'illusione di questi tempi in cui c'è spazio per ogni genere di cose al punto che una cantina in disordine apparirebbe ordinata.
Io ho questa impressione in attesa che qualcuno e qualcosa la smentisca.
  • celestino e G.a.b.r.i.e.l piace questo



#22 inmezzoalcielo

inmezzoalcielo

    Uovo Utente

  • Utenti
  • 1110 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 01:53

mi stai dicendo che la scienza,in questo caso,non sa dove andare a parare e dà un nome a quello che non conosce?

 

No, questa è una sciocchezza che stai dicendo tu e per favore non barare stravolgendo quello che non comprendi.

 

 

Perchè non dire semplicemente l'universo ai sta espandendo e noi non sappiamo il perchè e il come,tutto qui!

 

Noi chi scusa? Cartomanti e astrologi? Poi cosa c'entra che luniverso si espande con la pretesa di voler viaggiare alla velocità della luce, anzi secondo te superarla. 

La questione di pensare di poter viaggiare alla velocità della luce è semplice: non è possibile perché la luce è una velocità costante.

 

Io parlereidell'illusione di questi tempi in cui c'è spazio per ogni genere di cose al punto che una cantina in disordine apparirebbe ordinata.
Io ho questa impressione in attesa che qualcuno e qualcosa la smentisca.

 

Secondo me faresti bene ad andare in biblioteca e inziare a comprendere un po' di basi di fisica così capiresti che la scienza non è un punto di vista o un concetto a cui arrivi perché ti sei svegliato una mattina di buon umore o meno.

 

Che poi ci siano delle cose per noi esseri umani incomprensibili o senza un apparente senso questo è un altro discorso e che comunque col tempo troverà almeno le spiegazioni o una comprensione migliore di come stanno le cose.


Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza.

Oscar Wilde


#23 settimo777

settimo777

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 28 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 02:20

senti,se vuoi avviare una polemica fallo da solo.
È evidente che per te ripetere nozioni è più importante che discuterle.
Io non ho bisogno di sicurezze,preferisco i dubbi.

#24 inmezzoalcielo

inmezzoalcielo

    Uovo Utente

  • Utenti
  • 1110 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 02:38

Per quanto riguarda l'espansione dell'universo,le microonde possono subire accelerazioni,espandersi,essere influenzate da qualche forma di energia?

 

No. Ti è stato spiegato che la luce ha una velocità costante, le onde radio cioè una parte dello spettro, si propagano alla stessa velocità. In una condizione ideale. Non è possibile aumentare la velocità delle onde radio, per quanto prive di massa, al massimo si possono rallentare.

E ribadisco che anche se l'universo si espandesse a una velocità doppia della luce questa viaggerebbe sempre alla stessa velocità, quindi anche le onde radio non potranno ma superare se stesse.


Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza.

Oscar Wilde


#25 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 9772 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 02:43

...
Io non ho bisogno di sicurezze,preferisco i dubbi.

a posto, ce ne possiamo andare tutti a casa.


  • inmezzoalcielo piace questo

tumblr_o2z1nr3FQ51qmob6ro1_400.gif


#26 settimo777

settimo777

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 28 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 03:34

cosa centra la velocità della luce con la mia domanda sulle microonde che poi ho cancellato?

@ignorante
chi non ha dubbi è un ignorante

#27 Wiko

Wiko

    Utente Full

  • Utenti
  • 1709 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 04:03

se viaggi in autostrada diciamo a 100 km/h e lanci dal finestrino, in direzione di marcia, un oggetto, questo oggetto viaggerà a 100 km/h + la velocità che tu gli hai dato lanciandolo. Ma questo non è valido per la velocità della luce perché non è il risultato di una legge fisica che lo dimostra ma è proprio l'universo che lo impedisce: la luce ha una velocità costante.

Considera poi che i fotoni, particelle prive di massa, viaggiano a una velocità più bassa della luce perché i famosi 299.792.458 m/s sono un valore raggiunto in una condizione ideale, un laboratorio, un acceleratore di particelle, nello spazio qualsiasi attrito impedirà di raggiungere questa velocità e uno degli attriti è proprio la materia oscura di cui conosciamo quasi nulla.

Viaggiare alla velocità della luce non è possibile oggi e non lo sarà mai, Einstein è riuscito a capire questo formulando un'equazione molto complessa che dimostra questo "impedimento".
Nessuno però è mai riuscito a spiegare, o capire, perché proprio 299.792.458 m/s e non 300.000.000 m/s o di meno?
Forse un giorno lo capiremo.

Per facilitarti la comprensione devi considerare che per lanciare un piccola biglia di vetro alla velocità delle luce hai bisogno di un'energia superiore a tutta quella che potresti raccogliere in tutto l'universo ma realtà non ti basterebbe nemmeno.
Oltre a un certa velocità il valore di energia occorrente diventa sempre più esponenziale.

Nella fantasia di Star Trek sono stati usati molti espedienti narrativi, per esempio l'astronave non ha mai viaggiato più veloce della luce, in realtà questa piega, curva lo spazio intorno ad essa. E qui si sono creati una bella serie di paradossi e contraddizioni, ad esempio com'è possibile che comunicano via radio in tempo reale a distanze inimmaginabili? E così si sono inventati le trasmissioni radio sub-luce, un altro espediente narrativo.

Oggi non siamo in grado di curvare lo spazio per raggiungere distanze enormi in poco tempo, in futuro forse saremo in grado di farlo perché teoricamente nessuna legge fisica ce lo impedisce, al massimo l'impedimento è tecnologico. In Star Trek le astronavi hanno motori a curvatura che funzionano con cristalli di Dilitio ma questo Dilitio è un minerale immaginario anche questo inventato come espediente narrativo, noi forse scopriremo un altro sistema.
Ma viaggiare alla velocità della luce questo non succederà mai.

altre forme di vita potrebbero viaggiare oltre la velocità della luce, non possiamo dire non sia possibile per loro. Potrebbero esistere forme di vita che si spostano nello spazio tramite il pensiero e si materializzano in un determinato posto.

#28 settimo777

settimo777

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 28 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 04:25

@wiko
è possibile,esseri dimensionali potrebbero farlo anche senza ufo!
Ho ricevuto oggi questa email da un mio amico fisico che lavora al Politecnico federale svizzero:
"....
mi hai chiesto se esiste qualcosa nell'universo che possa viaggiare più veloce della luce: si,esiste anche se non sappiamo come funzioni in realtà.
Il fenomeno si chiama entanglement e la "cosa" che viaggia in quel caso più veloce della luce si chiama informazione.
Te lo sto spiegando in un linguaggio semplice:
ci sono due particelle,una sulla terra e l'altra su Marte.
Queste particelle interagiscono tra di loro scambiando il loro stato orbitale istantaneamente,
contemporaneamente,senza problemi di distanza e di tempo!
Si dice che sia l'informazione,il segnale
informatico o meglio quantistico,ad essere contemporaneo ed istantaneo,dunque infinitamente più veloce della luce.
....."
Non ci ho capito molto ma mi sembra di aver capito che esiste un'informazione tra particelle,un segnale,un contatto libero dallo spazio,dal tempo,dalla distanza,che non ha bisogno di onde,energia infinita e astronavi per funzionare.

#29 inmezzoalcielo

inmezzoalcielo

    Uovo Utente

  • Utenti
  • 1110 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 04:35

Potrebbero esistere forme di vita che si spostano nello spazio tramite il pensiero e si materializzano in un determinato posto.

 

Quello che hai scritto è interessante riguardo la possibilità che esista qualcosa di più veloce della luce, in effetti esiste ed è il pensiero. Però il pensiero è una costruzione mentale astratta, non è utilizzabile praticamente ed è anche questo soggetto a una legge universale, o limite: cervello, neuroni, segnali elettrici, anche questi viaggiano a una velocità molto alta ma non potranno mai superare quella della luce. Si verificherebbe il paradosso di pensare a qiualcosa prima di pensare a qualcosa.

Poi il pensiero non ha una massa ma chi lo genera ce l'ha, un conto è pensare di essere altrove, un altro e fare in modo di pensarci e andarci realmente.

Ho seri dubbi.


Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza.

Oscar Wilde


#30 inmezzoalcielo

inmezzoalcielo

    Uovo Utente

  • Utenti
  • 1110 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 04:38

Il fenomeno si chiama entanglement e la "cosa" che viaggia in quel caso più veloce della luce si chiama informazione.

 

Stai entrando nel mondo della fisica quantistica ma entaglement non dimostra che si può viaggiare a velocità superiore a quella della luce ma che 2 particelle separate e che si trovano anche a enorme distanza sono in qualche modo "collegate", o interagiscono tra di loro.


Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza.

Oscar Wilde


#31 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1377 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 05:54

Conta, conta. Spesso si confonde massa e peso. E' il peso che non esiste in assenza di gravita'.


Sì, il valore del peso della massa non conta in assenza di gravità, ma è diverso se " l'assenza " di gravità la ottieni semplicemente posizionandoti in un punto preciso dell'orbita attorno ad un pianeta, utilizzando il metodo "caduta libera", oppure annullandola a monte a livello atomico. Nel primo caso un astronauta non sente il suo peso (a parte, il fenomeno della microgravità) ma sente accelerazioni e decelerazioni. Invece nel secondo caso non solo il peso ma anche il valore della massa smette di contare, niente sensazione di accelerazione, di decelerazione, di schiacciamento fisico.
 

riesci a descrivere, con parole tue, cosa significa "velocità della luce"?

Solo se ti è chiaro cosa sia puoi comprendere supposizioni articolate.


Sarebbe la velocità dei fotoni, ma anche una "convenzione" "scientifica". Noi qui parliamo di oggetti in generale non di soli fotoni. Se un oggetto si muove ad una velocità superiore, tu non lo vedi più ma l'oggetto continua ad esistere.
 

se lo spazio si stende più veloce della luce,anche il tempo si stende o no?
Se si stende insieme allo spazio,che cosa succede al tempo?


Quello che chiamano il "tempo", a tali velocità anch'esso viene influenzato.
 

Quando io leggo di queste cose penso che la scienza non sia molto scientifica.
Per questo io continuo a dubitare


Infatti prima parlano della velocità costante e di concetti assoluti poi dicono che fotoni nella realtà quotidiana "viaggiano" a velocità diverse inferiori etc.
 

Riguardo a cosa ti interessa saperlo? Se si tratta della relatività, c'è la moda, da tempo, di volerla far conoscere a tutti,


A proposito di relatività, la velocità massima raggiungibile da un oggetto nell'infinito è appunto relativa al contesto.
 

Per questo mi piace l'idea di poter viaggiare nell'universo,io passo ore a guardare il cielo stellato d'estate.
G.a.b.r.i.e.l,cosa intendi per raggio traente che andrebbe più veloce della luce?


Conosci i raggi, "cosmici" ad esempio? Ce ne sono anche quelli cui velocità è superiore a quella della luce. Anche di molto. Possono essere sfruttati per "portare" un'astronave alla loro stessa velocità.

Ti riporto qualche riga dal libro "Accogliere gli extraterrestri" di Rael:
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
"Nulla di costante nel tempo e nello spazio

Domanda: A pagina 114 del primo messaggio è scritto che il pianeta degli Elohim è situato a un po’ meno di un anno luce, cioè la distanza che può percorrere la luce in un anno, oppure novemila miliardi di chilometri circa dal momento che la luce si sposta a circa trecentomila chilometri al secondo. Gli scienziati terrestri di oggi dicono che la stella più vicina al di fuori del nostro sistema solare è situata a circa quattro anni luce. Come spiegare questa differenza?

Risposta: Gli Elohim non vogliono assolutamente che noi sappiamo dov’è situato il loro pianeta (dato l’accanimento distruttore degli uomini possiamo comprenderli anche se il livello di conoscenza sulla Terra è ancora molto primitivo…). Tutto ciò sarà rivelato esattamente quando essi verranno ufficialmente nell’ambasciata che noi dobbiamo edificare per accoglierli. Nell’attesa, non possiamo fare altro che porci delle domande. Alcuni scienziati membri del nostro Movimento hanno ipotizzato che la distanza tra il loro pianeta ed il nostro sarebbe proprio di quattro anni luce seguendo la luce che si sposta seguendo una curva molto pronunciata, ma sarebbe soltanto di un anno luce se non si segue più la curvatura delle onde luminose ma una traiettoria lineare. Ciò è possibile.

Aggiungerei che la luce non si sposta alla stessa velocità in tutti gli strati dell’universo, poiché nulla è costante nel tempo e nello spazio. E siamo qui di fronte ad uno degli errori più importanti dei nostri scienziati di oggi, vale a dire partire da una osservazione eseguita in un tempo ridotto per trarre delle conclusioni riguardanti i millenni passati o a venire, o su di uno spazio ridotto per trarre delle conclusioni che riguardano lo spazio infinito. L’uomo ha sempre commesso l’errore di giudicare in rapporto alle sue conoscenze. La Terra era per forza piatta per coloro che si basavano sulla linea dell’orizzonte…

Questo vale anche per le datazioni effettuate dall’uomo, il quale si basa sia sul metodo del carbonio 14, sia sui metodi che poggiano sulla radioattività, il potassio argon, l’uranio-piombo-torio o su qualunque altro metodo di questo genere. D’altro canto esiste un’opera molto importante che sviluppa tutto questo molto seriamente e potrebbe interessare gli scienziati. Parlo di “Evoluzione o Creazione” (vedere bibliografia alla fine dell’opera). In breve, l’errore di questi metodi di datazione è quello di partire dal principio che il comportamento atomico attuale sia stato sempre lo stesso e, partendo da questo presupposto, fare un calcolo le cui basi sono falsate, poiché nulla è costante nell’universo, né nello spazio né nel tempo.

Per fornire un’immagine di un simile errore, si può portare l’esempio di un essere di venticinque anni di cui si misurerebbe la crescita in un anno, vale a dire un millimetro circa per alcuni soggetti; partendo da qui, si potrebbe considerare che l’uomo in questione ha millesettecentocinquanta anni poiché egli è alto un metro e settantacinque… Ci si dimenticherebbe così che la crescita di questo giovane non è mai stata costante, il primo anno più di cinquecento millimetri (dal suo concepimento), tra quattro e cinque anni solamente sessanta millimetri, tra sette ed otto anni soltanto trenta millimetri, ma tra i quattordici e i quindici anni nuovamente ottanta millimetri! Come potete vedere, non esiste alcuna costante e qualsiasi tentativo per definire l’età del soggetto partendo da un’osservazione parziale della crescita sarebbe un fallimento totale… Si può anche notare che se partissimo dai sessanta centimetri del primo anno di crescita per calcolare l’età del soggetto fra ventuno anni in ragione di una tale crescita ogni anno, potremmo prevedere che quest’individuo sarà alto dodici metri e sessanta a ventuno anni…"
¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯
Ti riporto anche un secondo scritto di Marcel Terrusse, ingegnere chimico contenuto sempre nello stesso libro:
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
(...) "Appare infatti chiaro che tutto quello che noi consideriamo come facente parte di nozioni scientifiche acquisite, riposa in realtà su ipotesi fragili e facilmente contestabili. Trovo inoltre che ci siano contraddizioni insormontabili nell’attuale insegnamento scientifico. Da parte mia, ho sempre pensato che tutti i fenomeni della natura suscettibili di essere appresi nell’universo sono coerenti, e che tutti dipendono gli uni dagli altri in modo più o meno complesso. Lo sviluppo di uno strumento matematico sempre più astratto, ha orientato la fisica verso una strada stranamente logica, ma al di fuori delle realtà materiali. È così che Einstein ha enunciato il postulato che la velocità della luce fosse il limite invalicabile di ogni velocità nell’universo, commettendo l’errore monumentale di stabilire il principio del vuoto uniforme dello spazio e l’identicità a se stesso in ogni punto del cosmo, al di fuori delle stelle e dei pianeti. Al di là delle nuvole che circondano il nostro pianeta, la densità delle molecole gassose diminuisce progressivamente con l’altitudine fino a raggiungere ciò che chiamiamo il vuoto. Ora, il “vuoto” interstellare è percorso da onde di ogni natura: raggi gamma, raggi x, luce infrarossa, onde radio, ecc. Ogni ondulazione implica l’esistenza di un centro che oscilla, gli spazi interstellari non sono vuoti, come fa credere l’apparenza, ma sono riempiti di una sostanza capace di oscillare: un mezzo subquantico, composto di particelle infinitesimali in rapporto alla taglia degli atomi che conosciamo. L’ondulazione implica il movimento ed il movimento l’energia. In un secolo in cui si considera come verità primaria l’equivalenza di massa ed energia, non è logico negare l’esistenza di una massa negli spazi interstellari ed intergalattici. Lo spazio è eterogeneo e le proprietà locali di questo spazio dipendono dal gradiente energetico nel punto considerato. La terra ed il sistema solare sono immersi in un mezzo energetico diffuso composto di particelle subquantiche la cui pressione è responsabile di ciò che noi chiamiamo forze d’attrazione. Lo spazio gravitazionale è assimilabile ad un’atmosfera gassosa analoga all’atmosfera aerea. La velocità di propagazione delle onde varia in funzione della densità locale dell’energia, e non della costante relativistica. Tutte le distanze cosmiche devono essere quindi nuovamente calcolate. Tutte le distanze in anni luce calcolate con i metodi tradizionali sono sopravvalutate. Le stelle che ci circondano sono molto più vicine di quanto crediamo. Inoltre, lo sviluppo di teorie che vogliono assoggettare le dimensioni dello spazio al tempo è aberrante. Il fattore tempo che è parassita di tutte le formulazioni fisiche rappresenta un elemento arbitrario. “Il tempo non ha esistenza in sé; la nozione che noi ne abbiamo è soggettiva e deriva dalla nostra organizzazione biologica e mentale. Noi lo proiettiamo sul mondo esterno e ne traiamo l’illusione irresistibile di un tempo assoluto universale”. “Il tempo scientifico è convenzionale, riposa su misurazioni fisiche suscettibili di essere coordinate sotto diverse forme, in un senso arbitrarie”. La nostra concezione del cosmo viene ad essere fondamentalmente falsata e con lei anche i nostri concetti filosofici." (...)
¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯ ¯



#32 settimo777

settimo777

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 28 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 06:15

Stai entrando nel mondo della fisica quantistica ma entaglement non dimostra che si può viaggiare a velocità superiore a quella della luce ma che 2 particelle separate e che si trovano anche a enorme distanza sono in qualche modo "collegate", o interagiscono tra di loro.


si,chi e che cosa le fa interagire?
Il medium non è un fantasma,si chiama informazione.
E l'informazione è contemporanea,istantanea,e da quel che ho capito,non è materiale ed energetica,ma un quid che nessuno ha ancora ben identificato.
Allora,se con la materia non è possibile viaggiare alla vel della luce,perchè non farlo con l'entanglement?
In teoria io penso,sarebbe possibile trasmettere e ricevere informazioni da ogni parte dello spazio!
Perchè astronavi?
In teoria potremmo comunicare con civiltà avanzate usando le particelle per trasmettere e ricevere comunicazioni in entanglement no?
Se ho capito bene,lo potremmo fare con civiltà già morte da un miliardo di anni,in barba al tempo!
Adesso lascio un momento per leggere tutta l'email e poi voglio chiedere a lui spiegazioni più chiare.
Ma l'idea mi piace:niente astronavi ma informazioni,niente "benzina" ma entanglement a palla!

#33 celestino

celestino

    Guardati e rifletti, stai intraprendendo la via peggiore

  • Utenti
  • 2185 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 06:23

.........................
 
Per facilitarti la comprensione devi considerare che per lanciare un piccola biglia di vetro alla velocità delle luce hai bisogno di un'energia superiore a tutta quella che potresti raccogliere in tutto l'universo ma realtà non ti basterebbe nemmeno. 
Oltre a un certa velocità il valore di energia occorrente diventa sempre più esponenziale.
 
.......................




Non è questione di energia, lo spiega bene Einstein con E=mc2, superando la velocità della luce, la materia/massa si trasforma in energia, per questo tu non puoi superare la velocità della luce, ti trasformeresti in energia pura, e da come ho io ipotizzato, l'universo sta incrementando notevolmente la sua velocità di rotazione intorno ad un astro enorme e sconosciuto e, avvicinandosi al perielio di questo astro, quando la sua velocità sarà massima, questa sarà tale da superare C e trasformare tutta la massa universale in energia, ed ancora, superando il perielio dell'enorme astro, la sua velocità decrescera' e l'energia si riconvertira' nuovamente in massa, questo io l'ho chiamato: Il ciclo dell'universo. Non ricordo in quale post ho già descritto tale andirivieni in maniera più dettagliata.
  • inmezzoalcielo e silvya piace questo

#34 settimo777

settimo777

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 28 messaggi

Inviato 28 luglio 2020 - 07:46

scusa Celestino,ma io mi ricordo di chiacchiere scolastiche sulla massa che diventerebbe infinita o qualcosa del genere.
L'idea che l'universo ruoti mi piace,perchè non dovrebbe ruotare visto che tutto ruota e si muove?

#35 inmezzoalcielo

inmezzoalcielo

    Uovo Utente

  • Utenti
  • 1110 messaggi

Inviato 29 luglio 2020 - 09:09

Allora,se con la materia non è possibile viaggiare alla vel della luce,perchè non farlo con l'entanglement?

 

 

L'entanglement non è come il Dilitio di Star Trek, non è una "cosa" ma una caratteristica in questo caso della luce quantistica e si dice luce quantistica semplicemente perché alcuni fenomeni non sono spiegabili con le leggi dell'elettromagnetismo.

 

 

In teoria io penso,sarebbe possibile trasmettere e ricevere informazioni da ogni parte dello spazio!

 

L'idea di trasmettere un'informazione usando la fisica quantistica è stata messa in pratica realizzando i computer quantistici. Quache tempo fa si è parlato di Sycamore, un progetto di Google.

L'informazione più piccola che un computer può elaborare ha 2 stati: 1 e 0, cioè il bit, il computer quantistico considera questo bit con stato 1, 0 ed entrambi, il Qubit.

A dirla così non ha molto senso, è una contraddizione, come può un segnale avere un valore 1 e 0 contemporaneamente? Che sarebbe come dire puoi accendere la luce della cucina ma al tempo stesso spegnerla? Nella realtà non quantistica o accendi la luce o la spegni, ma in quella quantistica questo pare essere uno stato "normale".

 

Avere a disposizione un computer quantistico risolverebbe innumerevoli limiti che oggi abbiamo perché sarebbe infinitamente più veloce di qualsiasi supercomputer attuale.

 


Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza.

Oscar Wilde


#36 settimo777

settimo777

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 28 messaggi

Inviato 29 luglio 2020 - 10:58

l'entanglement non è una caratteristica della luce,se per luce intendi i fotoni,perchè avviene anche tra elettroni:

https://www.google.c...NWcNsDVqGbHafkE

L'informazione nei PC quantici non c'entra con l'entanglement.
Inoltre,nell'entanglement
l'informazione "spin su" "spin giù non ha nessuna caratteristica dell'informazione che conosciamo,dato che è libera da spazio,tempo,dimensioni!

#37 dodecaedra

dodecaedra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 4661 messaggi

Inviato 29 luglio 2020 - 11:22

l'entanglement non è una caratteristica della luce,se per luce intendi i fotoni,perchè avviene anche tra elettroni:
https://www.google.c...NWcNsDVqGbHafkE
L'informazione nei PC quantici non c'entra con l'entanglement.
Inoltre,nell'entanglement
l'informazione "spin su" "spin giù non ha nessuna caratteristica dell'informazione che conosciamo,dato che è libera da spazio,tempo,dimensioni!

forse PRIMA bisognerebbe sapere cos'è la velocità della luce. ;)

#38 inmezzoalcielo

inmezzoalcielo

    Uovo Utente

  • Utenti
  • 1110 messaggi

Inviato 29 luglio 2020 - 12:07

L'informazione nei PC quantici non c'entra con l'entanglement.

 

Ok  :D

 

l'informazione "spin su" "spin giù non ha nessuna caratteristica dell'informazione che conosciamo,dato che è libera da spazio,tempo,dimensioni!

 

Spin su, spin giù?

Buona continuzione.


Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza.

Oscar Wilde


#39 einzweidrei

einzweidrei

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 24 messaggi

Inviato 29 luglio 2020 - 02:40

scusate se mi intrometto,sono appena entrato e forse dovrei aspettare.
Però,mi è venuta la voglia di scrivere qualcosa.
"spin up" "spin down" è un modo di dire dei fisici quantisti riferito al momento orbitale delle particelle,fotoni o elettroni,in entanglement.
L'utente ha tradotto in italiano i termini,forse avrebbe dovuto spiegarsi meglio.
Detto questo,siccome parlate di entanglement/informazione/qubit vi propongo un estratto
che vi spiega bene i termini del discorso:

"Entanglement
Supponiamo di riuscire a preparare un sistema costituito da due particelle, uno con spin up e uno con spin down (il moto di spin, pur essendo un effetto puramente quantistico, può essere immaginato come il moto di rotazione della terra intorno al proprio asse. Spin up indica il moto orario, spin down quello antiorario. Visti i precedenti e ricordando che questo è un articolo divulgativo, prego i soliti che vogliono farsi notare con post saccenti di ricordarsi che a scuola è così che il moto di spin viene spiegato, ed è così che l’ho insegnato ai miei studenti e tutti hanno capito). Supponiamo di separare a grande distanza le due particelle, e di cambiare lo spin di una delle due. Istantaneamente l’altra particella “si riaggiusta” cambiando il suo moto di spin. Questo fenomeno, seppur abbia le sue basi teoriche ben fondate, dal punto di vista pratico è tanto controintuitivo quanto importante perchè lo scambio di informazione tra le due particelle avviene a velocità infinita; è cioè indipendente dalla distanza che le separa. E’ come se esistesse un legame intrinseco tra le due particelle che elude il concetto di distanza. Questo fenomeno è alla base del teletrasporto che, a differenza di Star Trek, è solo ed esclusivamente un teletrasporto di informazione."

Inoltre:

"Nel campo dell’informazione, il moto di spin è alla base del concetto di qubit, o bit quantistico. Mentre un bit classico è rappresentato o da 1 o da 0, data la natura probabilistica della meccanica quantistica un qubit può assumere un continuo di valori compresi tra 0 e 1, potendo quindi trasportare molta più informazione rispetto ad un bit classico. Questo fenomeno è alla base della possibilità di costruire computer quantistici che sarebbero estremamente più potenti e veloci dei computer di oggi (è comunque importante notare che, come il gatto di Schrödinger è o vivo o morto quando si apre la scatola, nel momento in cui si osserva un qubit ciò che si osserva è un 1 o uno 0).
Fino ad ora il problema nell’ottenere qubit entangled nello stato solido (cioè nella matrice base per avere dispositivi elettronici) era dovuto al fatto che i qubit interagiscono con l’ambiente esterno, venendo modificati e creando disordine nel trasporto di informazione che risulta totalmente inefficiente. Recentemente, però, per la prima volta è stato realizzato un sistema di due qubit entangled non interagenti con l’ambiente esterno. L’impatto non è forte solo per futuri sviluppi tecnologici (per il teletrasporto di informazioni in primis), ma anche per una reinterpretazione della meccanica quantistica che vede, ora, nella sua intrinseca indeterminatezza, la creazione di un sistema completamente deterministico. In questo esperimento, infatti, la conservazione dello stato entangled e la sua misurazione estremamente precisa dovuta alla non interazione con l’ambiente esterno, genera un sistema quantistico deterministico. Si tratta del primo esperimento di questo tipo che dimostra la violazione del teorema (o della disuguaglianza) di Bell, che afferma che nessuna teoria fisica locale e deterministica può riprodurre le predizioni della meccanica quantistica."


L'articolo completo lo trovate su:

https://www.ilfattoq...-qubits/515778/

#40 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 9772 messaggi

Inviato 29 luglio 2020 - 03:00

bel discorso. è lecito supporre che l'entanglement superi "la barriera" della nostra dimensione esistenziale basata sulla costante della velocità della luce. un principio simile, chissà se casualmente, fu spiegato in una puntata di star trek voyager (se NON ricordo male), per spiegare le comunicazioni radio tra due navi in velocità curvatura. un altro esempio simile fu enunciato nel gioco mass effect 2 sempre per spiegare le comunicazioni in modalità superluminale, mentre nel più recente mass effect andromeda, si sfruttava lo stesso principio per osservazioni extragalattiche tramite radiotelescopi. 

fantascienza indubbiamente, tuttavia queste fattispecie possono dare un'idea dei futuri e possibili campi di applicazione delle dinamiche legate all'entanglement.


tumblr_o2z1nr3FQ51qmob6ro1_400.gif





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 visitatori, 0 utenti anonimi