Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies

Foto

L'inno di Mameli


  • Per cortesia connettiti per rispondere
11 risposte a questa discussione

#1 celestino

celestino

    Guardati e rifletti, stai intraprendendo la via peggiore

  • Utenti
  • 2146 messaggi

Inviato 25 giugno 2020 - 05:52

A molta gente l'inno di Mameli piace, a molta altra gente non piace, io sono tra quelli a cui non piace e non è mai piaciuto, non so gli altri inni di altre nazioni ma quello italiano a me non piace come testo e come melodia.

 

Il ritornello di questo inno mi ha sempre colpito e forse traumatizzato da piccolo, lo ricordo bene e mi ha sempre fatto molto pensare, lo posto così:

 

«Stringiamci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l'Italia chiamò»

(Ritornello de Il Canto degli Italiani)

 

Cioè ma cosa significa stringiamoci a corte o coorte siam pronti alla morte ?

 

E' pur vero che in guerra si rischia la morte e molti soldati muoiono pure ma, se già si parte con un inno che quasi ti conduce a morire, a quali prospettive di vittoria vuoi aspirare ?

 

Il soldato parte già quasi demoralizzato e depresso cantando che va a morire, decade ogni enfasi e slancio nell'attacco e combattimento con il nemico, si parte già con il presupposto di morire poiché il nemico magari è più forte, potente e meglio addestrato.

 

L'inno dovrebbe essere al pari di un canto Maori, l'inno dovrebbe essere già un attacco verbale che ti carica psicologicamente, l'inno dovrebbe essere un qualche cosa che dica: Adesso arriviamo noi, noi siamo quelli che vi spaccheranno in quattro le chiappe, temeteci, abbandonate le armi e fuggite solo al sentirci ruggire poiché siamo peggio dei leoni imbestialiti....... e tanto altro ancora, si, io così avrei scritto un inno specialmente in situazioni di guerra.

 

Ho letto tutto l'inno e fa veramente vomitare, si canta dell'elmo di Scipione l'africano (e delle chiome tagliate agli schiavi), si canta di una aquila austriaca che ha perduto le penne, poi, del sangue italiano e polacco bevuto con il cosacco, ma che minchiate sono queste ?

 

Io sinceramente proprio per essere buono manterrei la melodia o cantilena ma cambierei parecchio del testo, tanto credo che ad accorgersene sarebbero in pochi, escluso tutto il popolo !

 

Saluti.



#2 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 10258 messaggi

Inviato 26 giugno 2020 - 08:57

A me invece piace tantissimissimo, da quando si è cominciato a cantarlo di più mi da’ un senso di orgoglio, la trovo una bella canzone potente che da’ un senso di orgoglio patriottico.
Certo tutti quei riferimenti sono troppo antichi per riconoscercisi ma fanno comunque parte della storia italiana

anf puff pant


#3 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Moderatore
  • 3429 messaggi

Inviato 26 giugno 2020 - 09:30

Personalmente la guerra mi fa piuttosto schifo... penserei più volentieri ad un inno che vada ad elogiare la bellezza del popolo e del paese.

 

Ricordo che anni fa fu proposto di cambiare inno e utilizzare l'italiano di Toto Cutugno... con quello si che ci carichiamo a palla.


  • inmezzoalcielo piace questo

#4 inmezzoalcielo

inmezzoalcielo

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 638 messaggi

Inviato 26 giugno 2020 - 10:14

L'inno dovrebbe essere al pari di un canto Maori, l'inno dovrebbe essere già un attacco verbale che ti carica psicologicamente, l'inno dovrebbe essere un qualche cosa che dica: Adesso arriviamo noi, noi siamo quelli che vi spaccheranno in quattro le chiappe, temeteci, abbandonate le armi e fuggite solo al sentirci ruggire poiché siamo peggio dei leoni imbestialiti....... e tanto altro ancora, si, io così avrei scritto un inno specialmente in situazioni di guerra.

 

 

 

ahahahah  :mrgreen:

 

L'inno di Mameli fa abbastanza pena, è una marcettina militare alla Pappalardo. E' considerato universalmente l'inno peggiore del mondo e come dicono in molti è un "inno alla retorica", poi insomma "Fratelli d'Italia" mi pare una grande contraddizione, ma sicuramente è un inno a sfondo fascista.

 

Sono d'accordo con @Il Decimo, un inno dovrebbe elogiare la bellezza di un paese e del suo popolo, a prescindere poi che il popolo sia più o meno bello.

 

Quando mi capita, molto raramente, di vedere il calcio apena inizia l'inno nazionale cambio canale per vedere per un paio di minuti qualche televendita di Mastrota, è meno imbarazzante  :rotfl:



#5 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 10258 messaggi

Inviato 26 giugno 2020 - 10:28

Personalmente la guerra mi fa piuttosto schifo... penserei più volentieri ad un inno che vada ad elogiare la bellezza del popolo e del paese.

Ricordo che anni fa fu proposto di cambiare inno e utilizzare l'italiano di Toto Cutugno... con quello si che ci carichiamo a palla.

Nuuu Toto Cutugno nooo :rotfl:

anf puff pant


#6 celestino

celestino

    Guardati e rifletti, stai intraprendendo la via peggiore

  • Utenti
  • 2146 messaggi

Inviato 28 giugno 2020 - 04:40

Toto Cotugno no ma nemmeno Mameli va bene, chi è pagato per pensare dovrebbe pensare o meglio scrivere o far scrivere un inno alla bellezza si, mi piace, però nello stesso tempo, bisognerebbe introdurre nello stesso inno anche parole o strofe di fermezza e spirito nazionale, però dai! Cantare: Riuniamoci a coorte siam pronti alla morte, sembra un inno di rassegnazione al nemico piuttosto che un inno di difesa della patria, io partirei già demoralizzato in guerra altro che caricato (a salve forse o a scoregge).



#7 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3486 messaggi

Inviato 28 giugno 2020 - 06:30

Su wikipedia la storia dell' Inno di Mameli 

 

https://it.wikipedia..._degli_Italiani

 

Non sarà l' inno piu' bello del mondo*, ma è il nostro inno , ed è risorgimentale, con il ventennio non ha nulla di che spartire, dice wikipedia :

 

"Il canto fu molto popolare durante il Risorgimento e nei decenni seguenti[2], sebbene dopo l'unità d'Italia (1861) come inno del Regno d'Italia fosse stata scelta la Marcia Reale, che era il brano ufficiale di Casa Savoia. Il Canto degli Italiani era infatti considerato troppo poco conservatore rispetto alla situazione politica dell'epoca: Fratelli d'Italia, di chiara connotazione repubblicana e giacobina[8][9], mal si conciliava con l'esito del Risorgimento, che fu di stampo monarchico[10]."

 

 

 

*

un esempio di inno eccezionale:  l' "Himno de Riego** "

 

 

Ma l' hanno abolito ***.

 

 

 

**

Era un patriota spagnolo:

 

https://it.wikipedia...afael_del_Riego

 

 

***

https://it.wikipedia.../Himno_de_Riego


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#8 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3486 messaggi

Inviato 28 giugno 2020 - 07:43

Un altro inno storico è La Marsigliese

 

https://www.ilpost.i...la-marsigliese/

 

https://it.wikipedia.../La_Marsigliese

 

 

Su youtube vi sono varie interpretazioni, questa è degna di nota 

 

 

 

Un inno nazionale racconta le passioni che hanno portato alla nascita delle nazioni,  capirli ed apprezzarli è anche capire ed apprezzare la storia .


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#9 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3486 messaggi

Inviato 28 giugno 2020 - 07:48

Un canzone, che ha ormai piu' di un secolo (1912 ?* ) , che non ha mai raggiunto  il traguardo di essere inno nazionale è "addio della slava"

 

https://it.wikipedia...dio_della_Slava

 

 

 

E ha tutte le carte in regola per essere un inno nazionale, conserva il suo fascino dopo oltre un secolo, è passata indenne a tutte i tumultuosi eventi del suo paese. 

 

 

*

https://youtu.be/FJt_JdFwLw0

 

testo (in inglese) 

 

https://youtu.be/FJt_JdFwLw0


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#10 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3486 messaggi

Inviato 28 giugno 2020 - 07:56

A me invece piace tantissimissimo, da quando si è cominciato a cantarlo di più mi da’ un senso di orgoglio, la trovo una bella canzone potente che da’ un senso di orgoglio patriottico.
Certo tutti quei riferimenti sono troppo antichi per riconoscercisi ma fanno comunque parte della storia italiana

 

Non sono antichi, è che "non vengono coltivati"

 

Mi spiego meglio: in illo tempore  le canzoni del risorgimento venivano fatte imparare in tutte le scuole elementari e con esse si imparava la storia della nostra nazione .

 

Ora i tempi sono cambiati,  se domandi in giro de  "La bella Gigogin"  dubito che siano in molti a sapere di che si tratta .

 

Magari c'è pure il fatto che non avevamo l' equivalente della famiglia Strauss* nè un fervore "culturale" per creare un idoneo terreno fertile (vedasi la storia di G. Verdi) .

 

Ma tant'è .

 

 

*

questa la conoscono tutti

https://it.wikipedia...cia_di_Radetzky


  • dodecaedra piace questo

E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#11 Sri Makalidev

Sri Makalidev

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 943 messaggi

Inviato 02 luglio 2020 - 02:47

La cosa sorprendente è come possa essere esistito un uomo di nome Goffredo Mameli dei Mannelli. Secondo me fu l'uomo che fece nascere il bullismo oltre a un inno patriottico.

#12 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3486 messaggi

Inviato 04 luglio 2020 - 01:35

Sull' inno di Mameli :

 


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi