Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies

Foto

Ladri invisibili o entità?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
6 risposte a questa discussione

#1 Bon Scott

Bon Scott

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 15 messaggi

Inviato 21 maggio 2020 - 08:59

Buongiorno a tutti, tanti anni fa ero poco più che un bambino,era estate e i miei genitori erano già al lavoro. Io e mia sorella dormivamo ancora. Una volta svegli saremo andati da mia Zia che abitava al piano di sopra e ci avrebbe tenuto fino all'ora di pranzo. Mi svegliò il cigolio della porta del corridoio che portava alle stanze. Io mi sollevai dal letto e chiamai....Pa' sei tornato? Ma nessuna risposta,solo dei passi ben udibili che avanzano verso la camera. Io di istinto (ero pur sempre un ragazzino) mi fiondo sotto le lenzuola. Il rumore dei passi era sempre più vicino. Qualcuno era dentro la stanza (brividi in questo momento). I passi si fermarono di fianco al mio letto e ebbi non so come,il coraggio di sbirciare dalle lenzuola. Davanti a me non c'era proprio nessuno,il vuoto. Benché sentissi la presenza,era invisibile e prima di ricoprirmi gli occhi il rumore dei passi iniziò a farsi sentire. Andavano fuori dalla stanza. Si aprì la porta del bagno e dopo qualche secondo dei rumori forti di cose lanciate per aria mi fecero saltare e iniziai a piangere. Nel bagno appoggiato sulla vasca c'era un vecchio lavabo in legno della quale riconobbi il rumore dello stesso lanciato da qualche parte. Penso che il tutto sia durato qualche minuto ma sembrava una vita. La porta del bagno si riaprì e così anche quella del corridoio accompagnata dal sinistro cigolio. E poi tutto svanì come era arrivato. Mia sorella della quale non mi ero preoccupato fino a quel momento si alzò (era stata svegliata dai rumori in bagno) e mi urlò di andarcene. Ci fiondammo in bagno e vedemmo subito che qualcuno aveva spostato il lavabo,buttato a terra spazzolino e sapone,e i rubinetti dell'acqua di lavandino e vasca erano aperti. Ci siamo lavati come fanno i gatti e siamo letteralmente scappati di casa. I miei genitori non hanno dato troppo peso al nostro racconto. Io sapevo,avendo sentito di nascosto dei racconti abbastanza inquietanti di mio padre, di fatti accaduti poco tempo prima durante la notte. Parliamo di oggetti che cadono. In quella casa vivemmo per almeno altri 10 anni e fatti simili magari dovuti alla suggestione ne capitarono ancora. Io non so cosa fosse quella cosa,ma non riesco a dimenticare a distanza di anni il rumore dei passi a fianco al mio letto e al posto di vedere qualcuno davanti.....il vuoto.

#2 byrus

byrus

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 682 messaggi

Inviato 21 maggio 2020 - 07:26

Da come racconti la storia sembrerebbe trattarsi di una entità e direi che lo pensi anche tu. Questi fatti sono accaduti solo in quella casa immagino, sai nulla sul passato della casa o di particolari eventi accaduti a dei familiari? (anche altrove) Per particolari eventi non intendo per forza fatti paranormali, ma anche torti o "cose" rimaste insolute.



#3 Bon Scott

Bon Scott

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 15 messaggi

Inviato 21 maggio 2020 - 07:51

Allora,in quella casa la mia famiglia ci ha messo piede per prima essendo un edificio di nuova costruzione. Detto questo ricordando il tonfo pesante dei passi ho anche pensato a qualche disgrazia nella costruzione dello stabile. In quella casa ci sono stati sicuramente discussioni anche accese tra parenti....ma ora che ci penso...
Ero piccolo avrò avuto 4 anni al massimo (ho ricordi della mia infanzia molto lontani) e qualcuno suonò al campanello. Mia madre aprì senza domandare o vedere chi fosse. Davanti alla porta c'era un uomo che io identifico come vecchio, aveva dei grossi baffi accompagnati da una non troppo lunga barba bianca. Magari era poco più che cinquantenne ma agli occhi di un bimbo non lascia dubbi. Questo signore molto sicuro di sé iniziò a pretendere qualcosa da mia madre. Ricordo solo queste parole: allora me li procura lei signora è vero? Mia madre si affrettò a chiudere la porta e alle mie domande di molto sbrigativa. Negli anni certi flash tornano e hanno un senso. Mia madre era casalinga,cosa doveva procurare a quell'uomo vecchio e trasandato? E che quest'ultimo non abbia lanciato qualche anatema dopo essersi visto sbattere la porta in faccia? Mah.....forse ho divagato, però qualche collegamento deve esserci.

#4 byrus

byrus

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 682 messaggi

Inviato 23 maggio 2020 - 05:20

Probabilmente quell'uomo chiedeva soldi. Per quando certe cose è possibile ricordarsele, molto ce lo dimentichiamo.

Con le entità siamo abituati dai film a quelle che infestano luoghi, ma capita che alcune seguano delle persone. Però c'è anche una terza possibilità, nelle famiglie quando ci sono particolari torti, ingiustizie o verità celate per vari motivi, capita che ci siano ripercussioni nei discendenti ma non a livello per forza di presenze e spiriti, lo lessi in un libro di uno psicologo che studiò alcuni casi (non trattava di paranormale). Sinceramente non ricordo i dettagli della faccenda, è come un residuo che resta… Ma non significa sia il tuo caso. Da quel che mi sembra di capire, spesso ci sono entità che non si palesano per niente.

 

Per dovere di cronaca: la casa dei miei genitori ha molti anni alle spalle, nella stessa stanza dov'è morta mia bisnonna ho dormito pure io, e lì in passato ci sono stati torti familiari (il karma ha provveduto a sistemarli qualche anno fa), eppure lì non ho mai avuto testimonianza di alcuna entità. Non è scontato che nella costruzione di una casa nuova qualcuno muoia per forza, ma puoi fare una ricerca in proposito.

 

Piuttosto se ci sono altre presunte interazioni annotati data e ora, o filma.



#5 Bon Scott

Bon Scott

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 15 messaggi

Inviato 23 maggio 2020 - 07:22

Ok grazie per la risposta. La casa di cui ho parlato l'abbiamo lasciata nel 1997, poi dopo un anno sono andato a vivere da solo in un'altra regione. E posso già confermare quello che dici. Qualche energia è rimasta sicuramente legata alla casa,ma qualcos'altro potrebbe avermi"seguito". Perché se ci penso di fatti strani me ne sono accaduti negli ultimi 20 anni,e avendo cambiato parecchie abitazioni risulterebbe difficile oppure sarebbe una coincidenza incredibile trovare sempre un'entità in ogni casa. Anche se comunque ogni casa ha alle spalle un vissuto,emozioni,drammi etc. Io voglio associo molti fatti accaduti nei primi anni 2000 ad una persona che ha vissuto qualche anno con me. Aveva una carica emotiva pazzesca e si portava dietro un fardello non semplice con cui convivere. La media di fenomeni diciamo così, paranormali,in quegli anni era molto alta. Dopo esserci lasciati e aver cambiato città non dico che non ho assistito più a fenomeni,ma le cose sono cambiate parecchio.

#6 Pamadan

Pamadan

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 15 messaggi

Inviato 23 maggio 2020 - 07:42

Mi hai fatto ricordare un episodio di una ventina di anni fa. Mi trovavo con una missione universitaria su un'isolotto disabitato. Si trattava di una riserva naturale, collegata alla parte restante dell'isola mediante un ponte. Sull'isolotto non vi era acqua corrente (bisognava scendere più giù) nè corrente elettrica e vivevamo per quelle due settimane in una villa del '700 abbandonata e molto decadente. Alcune persone dell'isola dicevano che lì vi vivesse un fanatsma e, una ragazza che trascorreva in missione molto molto più tempo di noi, diceva di vederlo spesso.

Dormivamo in una grossa stanza ad un piano accessibile solo tramite una lunga scalinata. Questa stanza aveva due grossi finestroni, ma era impossibile salirvi (erano ad almeno 5-6 metri dal piano terra) e tutte le sere chiudevamo la porta della stanza dall'interno con un lucchetto perchè in passato era capitato che dei ragazzi fossero saliti sull'isola via mare per divertimento. Una notte sentii accanto a me una presenza, qualcuno stava rovistando in una busta accanto alla mia brandina, ero stordita, non riuscivo a capire se stessi dormendo o meno, e cominciai a chiedere "chi c'è?" ma nulla, intanto qualcuno si svegliò. Accendemmo le torce e, ovviamente in camera non c'era nessuno. Chiesi se avessero sentito qualcosa e solo una ragazza mi confermò di aver sentito dei rumori. Guardammo verso la porta ed il lucchetto era stato aperto. Non credo che qualcuno nella notte avesse voluto fare uno scherzo, il tempo per alzarsi dal letto, venire verso il mio e rientrare nel proprio letto senza fare troppo rumore sarebbe stato molto di più. A distanza di tanti anni ancora oggi, al ricordarlo, mi vengono i brividi addosso.



#7 Bon Scott

Bon Scott

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 15 messaggi

Inviato 23 maggio 2020 - 08:18

Avrei chiesto se magari non ci fosse stato qualche animaletto selvatico a rovistare ma....il lucchetto aperto apre degli spiragli abbastanza incontrovertibili.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi