Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

La particella di DIO è il fotone!


  • Per cortesia connettiti per rispondere
2 risposte a questa discussione

#1 Pasquiru

Pasquiru

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 1 messaggi

Inviato 11 maggio 2020 - 06:31

Salve a tutti, ho effettuato una riflessione sul Fotone.

Il seguente studio frutto di mie ricerche, in campo religiose e scientifico, ha riscontrato, secondo il mio umile sapere molte incongruenze su varie teorie come la relatività,il fatto che nell’universo non ha un riferimento assoluto sia dello spazio sia del tempo e le varie ricerca sulla particella di DIO. 
Perciò ho sviluppato una mia personale teoria sulle particelle e soprattutto sulla particella di DIO .

      In questa teoria tutte le particelle pulsano alternandosi da materia (massa) ad onde Elettromagnetiche(fotoni)  ad altissime frequenze nell’ordine dei raggi gamma e ancora di più, scandito da un orologio interno ai fotoni; formando così il moto e lo spazio-tempo.
Sono aperto  a qualsiasi disappunto per conoscere meglio, sempre di più, il mondo nella sua vera realtà.

 

Lo studio

 

Nella Genesi della Bibbia è scritto:

"in principio DIO creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo SPIRITO di DIO aleggiava sulle acque."

In questi versetti c'è un anticipo della creazione come sarà nel futuro la creazione dopo il primo intervento (primo giorno) divino, perché per DIO passato il futuro sono contemporanei.

DIO disse: "sia la luce e la luce fu",( la scoperta scientifica moderna ci parla del big bang).

Poi DIO vide che la luce era buona, e separò la luce dalle tenebre.

E chiamò la luce giorno e le tenebre notte e fu sera e fu mattina primo giorno (intervento).

Quindi la creazione riguarda solo la luce cioè il fotone creato dal nulla; e non parlò di etere, stelle, pianeti ecc .ecc. ma lo  osservo e disse che era buono.

In questa fase, il fotone era una cosa sola con il nulla, e il tempo non esisteva.

E DIO separò il fotone dal nulla e chiamò il fotone giorno; che cosa può significare giorno? Un giorno di luce, o piuttosto la vita, le stelle, i pianeti, il mondo o la massa. E il nulla, ciò che non è lo chiamò notte.

Che cosa può significare notte? forse un periodo di buio, oppure il vuoto lo spazio il nulla.  E cosi fu sera e poi mattina cioè lo spazio-tempo. E tutto questo nel primo giorno (intervento).  

Tutta la fisica e la chimica del nostro universo hanno origine dal fotone.

Non sono le stelle che danno origine ai fotoni, ma bensì sono i fotoni che formano le stelle e tutte le masse. Se è vero la formula E = M.C2 allora la massa è uguale all’energia, e cos’è l’energia se non il fotone?I fotoni sono come gli uccelli che formano i nidi sugli alberi(pianeti ecc) e gli stormi nel cielo (ammassi stellari)raggruppandosi in solo corpo. Quando una stella nasce è perché i fotoni si uniscono tutti in un punto così in tanti che creano l’innesco nucleare. Poi dopo un certo tempo i fotoni, per un disegno divino abbandonano la stella e la stella muore e i fotoni si riuniscono in un altro punto dello spazio formando così una nuova stella. Così si spiega l’espansione dell’universo .Le quattro forze fondamentali in natura,forza elettromagnetica, forte, debole e gravitazionale. In realtà, di tutte e quattro esiste solo la forza elettromagnetica( l’energia del fotone).

La forza debole esiste perché le particelle nel loro pulsare dalla  trasformazione da massa a fotone e da fotone massa perdono delle radiazione appunto l’energia elettrodebole. La forza forte e quella gravitazionale in realtà non sono delle forze ma bensì informazioni interne alle particelle trasmesse dai fotoni che fanno si che le particelle interagiscono tra loro attirandosi. La forte serve a costruire il mondo microscopico o quantico,invece la gravitazionale serve a costruire l’universo. Per essere precisi la forza forte tiene uniti il nucleo perché i quark quando si formano dai fotoni hanno l’informazione di stare legati. La forza gravitazionale tiene unite le masse composte da particelle che hanno avuto l’informazioni sempre dai fotoni di stare legati.

 

ORIGINE DELLO SPAZIO-TEMPO      
 

DIO creando il fotone crea  tutta la realtà che viviamo, il fotone infatti è come una identità che esiste nel  nulla senza un presunto etere.

Per potere avere lo spazio e il tempo come l’abbiamo ci vorrebbero tanti universi o dimensioni per ogni attimi nell’ordine dello spazio e del tempo di Planck, invece il fotone avendo la possibilità di manifestarsi sia come onda elettromagnetica che come massa quando sta in stato di quiete, Crea intrinsecamente lo spazio e il tempo.

Quando è onda elettromagnetica può viaggiare alla velocità della luce a circa 300000 km/s; e quindi senza un mezzo  si fonda con il nulla creando lo spazio che non è altro un campo elettromagnetico espanso. Quando invece l’onda collassa in massa siccome non può viaggiare nel nulla, l’energia cioè la massa, è ferma, poi ritorna nel fase (forse nel valore del tempo di mantenimento dello stato eccitato di un elettrone).

in onda elettromagnetica; così istante per istante avviene il movimento della massa e lo scorrere del tempo. Questo tempo è scandito da un orologio interno uguale a tutti fotoni.

Come un proiettore cinematografico, in cui la pellicola scorre fotogramma per fotogramma, si ha l’effetto del movimento e del tempo cosi le particelle passando da stato di materia a stato elettromagnetico danno origine similmente al movimento e al tempo.

 La differenza sta nel fatto che nella cinematografia sono fotogrammi della pellicola che scorrono attimo per attimo creando così il movimento nel tempo. Nella realtà delle particelle, sono esse stesse, attimo per attimo, passando da uno stato a l’altro ad ottenere lo stesso risultato.

Occorre tenere presente, che quando la particella è nella fase di massa e riceve un urto o qualsiasi modifica del  suo stato , viene riportato come informazione nella fase onda elettromagnetica , per poi essere materializzato nella fase seguente quando  la particella ridiventa massa.

Le particelle a bassa velocità hanno le fasi(massa/onda) più rapidi e sono meno massicce (pesante) rispetto alle particelle veloci, perché,  il loro tempo  è accelerato, invece le particelle ad alta velocità le fasi (massa/onda) sono più lenti e massicce(pesanti) rispetto alle particelle meno veloci ed hanno il tempo  rallentato. 

Ciò spiega la relatività di Einstein che un corpo viaggiando ad alta velocità il suo tempo rallenta.  Per esempio le particelle “muoni”prodotti dallo scontro dei raggi cosmici con l’atmosfera terrestre, viaggiando prossimi alla velocità della luce, rallentano il processo (massa /onda) di trasformazione da “muoni” a “elettroni”.
 

Nelle figure 1 e 2 di seguito è riportato l’alternarsi della particella da massa a fotone .

La prima figura è rappresentata una particella di velocità lenta,perché il tempo della fase fotonica è breve e quindi  la particella si sposta di meno nello spazio. Nella figura 2   invece la fase fotonica dura di più nel tempo e quindi  la particella  si sposta più nello spazio; tenendo presente che il tempo nella fase massa è sempre lo stesso.

 Nota: Presumo che la durata del tempo nella fase “ massa “sia uguale alla durata dello stato di eccitazione del salto quantico dell’elettrone che di  10^(-8).

 

Invece la durata della fase fotonica è dovuta alla  velocità della particella che può variare da quasi zero a quasi la velocità della luce.

 

 

-        LA  STRUTTURA  DEL FOTONE

 

Che cos’è un fotone se un quantum di energia informatizzata. Nella struttura dello spettro delle onde elettromagnetiche vediamo i fotoni con bassa energia o frequenza;

 sono solo delle onde radio, però nella aumentare l’energia o frequenza, vediamo che i fotoni assumono varie trasformazioni  cominciando dalle microonde  che eccitano le molecole  sviluppando calore, poi passando dagli infrarossi arriviamo alle onde del visibile. Così DIO ci ha dato anche la facoltà di vedere i fotoni che sono il mezzo con cui ha fatto il mondo per poterli contemplarli e osservarli. Poi passando dai raggi x arriviamo ai raggi gamma e ancora di più.    

I fotoni alle alte energie o frequenze come raggi gamma ,acquisiscono una capacità di trasformarsi in massa.

Vedi  in fisica la produzione di coppie i raggi gamma  interagendo con il nucleo di un atomo,l’energia del fotone incidente è convertita in massa, costruendo una coppia di particelle  di elettrone e positrone il positrone è un elettrone a carica positiva.  In più l’energia  eccedente la massa a riposo delle due particelle (1,02  MeV )  appare come energia cinetica della coppia e del nucleo. Questo fatto  denota  che i fotoni

hanno le capacità seguenti:

1 la capacità di costruire le particelle quando hanno la giusta energia in più hanno internamente un programma che potremmo chiamare d.n.a.  fotonico(forse le stringhe della nuova teoria).

2 I fotoni  sono come delle macchine perfette dotati pure da un meccanismo somigliante  ai compiuti quantici moderni.

3 Il fotone in stato di onda elettromagnetica ha nel suo interno a  un bagaglio di informazioni capace di poter  elaborare e interferire  con le altre particelle come se fosse un essere vivente.

4 Il fotone interloquisce volta per volta  con altri fotoni mediante il sincronismo di un orologio  interno  che stabilisce il tempo uguale per tutti i  fotoni, la fase onde elettromagnetica e la fase massa, formando così con altri fotoni le particelle (protoni i elettroni  neutroni  ecc. ).

5 I fotoni  viaggiano sempre alla stessa velocità, perché quando sono emessi  o ricevuti  dalla materia, essa sta sempre allo stato di quiete.

6 Quando la massa riceve un urto cinetico,  essa si muoverà rispetto ad un riferimento , questo succede   perché  la sua energia cinetica  fa  aumentare la permanenza  nella fase elettromagnetica e  rallenta la materializzazione così la massa in  fase successiva sarà  più avanti e però sempre a velocità zero. Così  si avrà l’effetto movimento nel tempo.

                              

QUINDI RIASSUMENDO I PUNTI DELLA TEORIA  SONO 7

 

          

1.      La particella di DIO è il fotone.

 

2.      Chi forma le particelle (la massa) sono i fotoni ad alta energia come nella formula E = m.c2

 

3.     Lo spazio non è altro che un campo elettromagnetico(fotone) espanso

 

4 .      Le particelle quando sono onde elettromagnetiche viaggiano a velocità circa 300000km/s, nell’alternarsi nello stato di quiete diventano massa.

 

5.      Anche lo spazio-tempo nasce nell’alternarsi della materia passando da fotone a  massa.

 

6..      La velocità dei fotoni è sempre uguale per un osservatore in qualsiasi  punto si trova il riferimento perché quando sono emessi  o ricevuti, la materia è sempre in stato di quiete.

 

7.          Il movimento o  velocità della materia,  è dovuto all’assorbimento di energia cinetica che nella materia  aumenta la permanenza nello stato di onde elettromagnetiche e rallenta la permanenza nella  materializzazione  e questo comporta che   anche la velocità non è continua ma è  quantizzata come per l’energia.

 

Allega File(s)

  • Allega File  fotone.png   116,22K   0 Numero di downloads




#2 dodecaedra

dodecaedra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 4658 messaggi

Inviato 13 maggio 2020 - 08:28

"Creato dal nulla" va bene -solo- se ci credi.
Il bigbang potrebbe essere solo l'atto finale della singolarità... di una sola singolarità.

#3 Pandora

Pandora

    scialla oh oh

  • Moderatore
  • 11426 messaggi

Inviato 13 maggio 2020 - 10:25

Non so cosa dire perché non maneggio la fisica quantistica, quindi potresti avere detto delle inesattezze monumentali e non me ne accorgerei.
Però trovo interessante il taglio che hai dato alla tua riflessione partendo dalla Genesi, che ho sempre ritenuto che con un linguaggio simbolico tramandasse delle antichissime informazioni sull’origine della creazione.
Ero convinta che fosse la vibrazione energetica il suono il Verbo il comando la chiave, alla luce creata prima della notte e del giorno non sapevo dare una collocazione.
Una riflessione interessante dal punto di vista non-tecnico :asdsi:
<p>anf puff pant




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi