Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies

Foto

La volontà dell'infinito o della tua anima?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
15 risposte a questa discussione

#1 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 366 messaggi

Inviato 01 maggio 2020 - 12:54

Meglio lasciare che sia l'infinito con il getto di due dati a decidere del tuo destino oppure partecipare con la tua anima?
Cosa ne pensate?



#2 byrus

byrus

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 714 messaggi

Inviato 01 maggio 2020 - 07:46

Io penso che questa vita è il risultato del destino, e ciò che facciamo ora in questo lasso di tempo terreno lo decidiamo noi.

 

Nessuno decide da chi nascere e dove nascere, di essere biondo, nascere in Cambogia o a New York o magari nascere malati, lo decide il destino in base a logiche forse legate ad esperieze da fare o a karma da smaltire (sono soluzioni che penso non avendo risposte), partendo da lì, ciò che facciamo ora è tutta una scelta nostra.


  • johnt piace questo

#3 johnt

johnt

    Moderatore

  • Moderatore
  • 4986 messaggi

Inviato 01 maggio 2020 - 08:19

tu puoi decidere tutto, ma tutte le tue decisioni sono il frutto del tuo destino  :cower:


There are no accidents


#4 john

john

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 64 messaggi

Inviato 30 maggio 2020 - 09:33

 

 

tu puoi decidere tutto, ma tutte le tue decisioni sono il frutto del tuo destino
Shmuley Boteach in un suo libro sull’ebraismo dice: “L’uomo non è un animale e di conseguenza ha sempre il controllo del proprio destino”
C’è la convinzione che forze soprannaturali controllino il nostro destino. Anche gli antichi greci erano ossessionati dall’idea che fosse assolutamente inutile avere una speranza perché l’uomo non aveva nessun potere su un destino predeterminato. Credevano che il destino degli uomini fosse deciso da dee capricciose che stabilivano sia il momento della morte sia quanto dolore e quante sofferenze avrebbe dovuto provare durante la sua vita.
La credenza del destino è diffusa anche oggi. Molti pensano che Dio abbia prestabilito l’esito di tutte le azioni umane e anche l’ora della morte. C’è poi la dottrina della predestinazione, secondo cui la salvezza o la dannazione finale di ognuno è stata preordinata da Dio. 
Vediamo che dice la Bibbia. 
Innanzitutto Dio ci ha donato il libero arbitrio perciò abbiamo la libertà di scegliere. Questo ci distingue nettamente dalle altre creature terrene. Possiamo scegliere se seguire le norme morali di Dio o no. Per questo Mosè poté dire: “Io prendo oggi a testimoni contro di voi il cielo e la terra, che io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli dunque la vita, perché possa vivere, tu e i tuoi discendenti,e possa amare l'Eterno, il tuo DIO, ubbidire alla sua voce e tenerti stretto a lui, poiché egli è la tua vita e la lunghezza dei tuoi giorni, affinché tu possa abitare nel paese che l'Eterno giurò di dare ai tuoi padri, ad Abrahamo, Isacco e Giacobbe”. — Deuteronomio 30:19, 20.
Libero arbitrio, però, non significa avere libertà assoluta ci sono le leggi fisiche e morali che Dio ha istituito per la stabilità e la pace dell’universo. 
Vi faccio un esempio. Se saltassi giù da un palazzo le possibilità di sopravivenza è molto bassa se non nulla. Invece di parlare di destino sarebbe più adatta l’espressione che leggiamo in Galati 6:7 - “…..ciò che l'uomo semina, quello pure raccoglierà”.
Inoltre Dio dichiara: Pentitevi e convertitevi … affinché non vi causi calamità.
Non avrebbe nessun senso pentirsi e a convertirsi se non si può fare assolutamente nulla per cambiare il nostro destino.
Oppure se un agricoltore non pianta una coltura nel momento giusto, deve prendersela con il destino se il raccolto va male? No
Comunque in tutti casi non possiamo predire accuratamente l’esito di tutto ciò che facciamo perché l’avvenimenti imprevisti capitano a tutti - Ecclesiaste 9:11- quindi molte volte dipende dal trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. 
Quello che posso dire in conclusione che non è il destino che è il padrone della nostra vita ma le scelte che facciamo influiscono sul nostro destino.


#5 dodecaedra

dodecaedra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 4395 messaggi

Inviato 31 maggio 2020 - 03:05

Cosa ne pensate?

Penso sia utile considerare anche l'ipotesi che ognuno di noi abbia avuto modo di scegliere la sfida della vita in cui si trova.

Un anima libera (dal corpo) che vedesse le condizioni più misere di certi terrestri potrebbe anche, mossa dalla compassione, scegliere di affrontare quella stessa sfida.
Potrebbe sceglierlo fin dalla pre-nascita perché nella sua essenza, l'anima, è intrepida e in certi contesti zelante.
  • Tuco piace questo

#6 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 366 messaggi

Inviato 31 maggio 2020 - 10:25

secondo me la bibbia

provo ad azzardare un ipotesi

dato che l'universo corrisponde alle nostre convinzioni

quelli che hanno scritto la bibbia hanno prodotto queste convinzioni e quindi ce le troviamo a vivere

ma avrebbero potuto scrivere anche diversamente e avremmo vissuto diversamente

non credo alla bibbia



#7 Tuco

Tuco

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 22 messaggi

Inviato 31 maggio 2020 - 11:08

@dodecaedra
Anch'io considero l'ipotesi che da anima disincarnata tu possa scegliere il destino, la vita da compiere su questo piano materiale.( per imparare, aiutare, provare emozioni, ecc).
Mi chiedo, però, come si possa scegliere di incarnarsi che ne so, per esempio in un serial killer o un omicida sapendo il dolore che provocherai e il karma che produrrai.
Faccio fatica a comprendere come si possa scegliere di reincarnarsi in un carnefice.
Cosa ne pensi?

#8 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 366 messaggi

Inviato 31 maggio 2020 - 11:52

la cosa è semplice

finchè non sarai tu a decidere le proprie azioni sarà il sistema a importi il proprio vivere

altro che incarnazione



#9 dodecaedra

dodecaedra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 4395 messaggi

Inviato 01 giugno 2020 - 07:37

@dodecaedra
Anch'io considero l'ipotesi che da anima disincarnata tu possa scegliere il destino, la vita da compiere su questo piano materiale.( per imparare, aiutare, provare emozioni, ecc).
Mi chiedo, però, come si possa scegliere di incarnarsi che ne so, per esempio in un serial killer o un omicida sapendo il dolore che provocherai e il karma che produrrai.
Faccio fatica a comprendere come si possa scegliere di reincarnarsi in un carnefice.
Cosa ne pensi?

non so cosa potrebbe spingere un anima a incarnarsi per causare male agli altri.
Se pero' considero che prima di nascere si ha modo di guardare alle vicende terrestri, prima di compiere la propria scelta, presumo che non tutte (le anime) si soffermino alla compassione verso i più deboli. Allo stesso modo, convinta della singolare individualita' già nei neonati, suppongo ci siano anche "anime inquiete", già in origine.

#10 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 366 messaggi

Inviato 01 giugno 2020 - 09:02

Concordo con dodecaedra



#11 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 10259 messaggi

Inviato 02 giugno 2020 - 03:04

Per rispondere al quesito iniziale, se non provi a fare del tuo meglio mettendoci del tuo, ti comporti come un relitto che si lasci trasportare dalle onde, e finisci dove ti porta la marea. Non voglio dire sia giusto o sbagliato perché ci sono delle muri invalicabili che la vita ci mette davanti ma a volte offre anche opportunità che se non cerchiamo di cogliere per non fare fatica e lasciare fare al destino, capiteranno nel destino di qualcun’altro.
Tra l’altro io sono abbastanza fatalista, però un conto è abbandonarsi al destino dopo aver cercato di cambiarlo, fare lo sforzo di accettarlo, un altro conto non fare sempre e comunque del proprio meglio per cercare di migliorare le cose, anche se fosse un tentativo ormai irrazionale.
Penso a mia mamma che è scivolata via ed io ho combattuto con tutte le mie forze fino a quando le forze sono finite e ho accettato la china degli eventi perché ormai il dolore era troppo per me, non ero in grado, non sapevo più che fare, e penso a mio papà che stava scivolando via col covid e ho chiamato la protezione civile sono riuscita a farmi prestare un saturimetro l’ho fatto ricoverare e grazie a Dio ne è uscito, ed alla foto più bella del suo sorriso al secondo tampone negativo. Non lo sai non lo potrai mai sapere nessuno lo sa se ciò che fai sarà utile, forse bisogna almeno provarci, secondo le proprie forze e possibilita’, altrimenti verrai schiacciato dalla vita, o magari potrebbe anche andarti bene e sono io che sbaglio, chi lo sa. Di certo prima o poi arriva un momento in cui ti devi arrendere e quella è la parte più dura, riconoscere i propri limiti, non possiamo tutto, abbiamo strumenti cervelli competenze relative.

anf puff pant


#12 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 366 messaggi

Inviato 02 giugno 2020 - 06:33

Per rispondere al quesito iniziale, se non provi a fare del tuo meglio mettendoci del tuo, ti comporti come un relitto che si lasci trasportare dalle onde, e finisci dove ti porta la marea. Non voglio dire sia giusto o sbagliato perché ci sono delle muri invalicabili che la vita ci mette davanti ma a volte offre anche opportunità che se non cerchiamo di cogliere per non fare fatica e lasciare fare al destino, capiteranno nel destino di qualcun’altro.
Tra l’altro io sono abbastanza fatalista, però un conto è abbandonarsi al destino dopo aver cercato di cambiarlo, fare lo sforzo di accettarlo, un altro conto non fare sempre e comunque del proprio meglio per cercare di migliorare le cose, anche se fosse un tentativo ormai irrazionale.
Penso a mia mamma che è scivolata via ed io ho combattuto con tutte le mie forze fino a quando le forze sono finite e ho accettato la china degli eventi perché ormai il dolore era troppo per me, non ero in grado, non sapevo più che fare, e penso a mio papà che stava scivolando via col covid e ho chiamato la protezione civile sono riuscita a farmi prestare un saturimetro l’ho fatto ricoverare e grazie a Dio ne è uscito, ed alla foto più bella del suo sorriso al secondo tampone negativo. Non lo sai non lo potrai mai sapere nessuno lo sa se ciò che fai sarà utile, forse bisogna almeno provarci, secondo le proprie forze e possibilita’, altrimenti verrai schiacciato dalla vita, o magari potrebbe anche andarti bene e sono io che sbaglio, chi lo sa. Di certo prima o poi arriva un momento in cui ti devi arrendere e quella è la parte più dura, riconoscere i propri limiti, non possiamo tutto, abbiamo strumenti cervelli competenze relative.

 

 

per me non è un problema combattere

per me è un problema il come combattere

una volta che so questo la strada è in discesa



#13 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 366 messaggi

Inviato 02 giugno 2020 - 07:16

nella vita devo imparare a perdere

solo dopo posso vincere

ma con le proprie forze non con i favoritismi



#14 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 10259 messaggi

Inviato 03 giugno 2020 - 03:46

per me non è un problema combattere
per me è un problema il come combattere
una volta che so questo la strada è in discesa

Se non posso sapere prima come sia meglio combattere per me, nelle diverse situazioni, figurati se lo so per gli altri.
Penso che l’unica cosa possibile sia cercare di capire cosa/chi sia veramente importante per noi, poi quale sia il problema, e poi ancora cercare uno spiraglio per provare a fare del proprio meglio per affrontarlo, tenendo presente che siamo limitati sia nella comprensione che nella risoluzione dei problemi. Io credo che in questa ricerca di risorse personali sia necessario attingere anche all’irrazionalita’, all’ispirazione all’intuito ed alla speranza soprattutto, non sempre il compitino fatto bene è la soluzione adatta.
Io ho messo anni per ascoltare l’istinto ad esempio.

anf puff pant


#15 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 366 messaggi

Inviato 03 giugno 2020 - 04:47

Se non posso sapere prima come sia meglio combattere per me, nelle diverse situazioni, figurati se lo so per gli altri.
Penso che l’unica cosa possibile sia cercare di capire cosa/chi sia veramente importante per noi, poi quale sia il problema, e poi ancora cercare uno spiraglio per provare a fare del proprio meglio per affrontarlo, tenendo presente che siamo limitati sia nella comprensione che nella risoluzione dei problemi. Io credo che in questa ricerca di risorse personali sia necessario attingere anche all’irrazionalita’, all’ispirazione all’intuito ed alla speranza soprattutto, non sempre il compitino fatto bene è la soluzione adatta.
Io ho messo anni per ascoltare l’istinto ad esempio.

io sono arrivato al punto che non devo fare più progetti

devo mettere alla prova la mia autorità sulle cose

tipo una volta facevo le tecniche per controllare gli impulsi

ho trovato utile darmi una paccata sul petto sul lato del cuore per creare stabilità 

 

si tratta di centrarsi come diceva cincin

solo che cincin invitava a centrarsi a livello di bacino

invece io lo faccio col cuore mi è più facile

vatti a vedere di cosa parlo

qui sopra

1805-4ceb42e7bd64c98667a4cfdaec0734b5890



#16 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 366 messaggi

Inviato 10 giugno 2020 - 12:47

questo topic ha fatto successo






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi