Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Anni di strani avvistamenti

abduction ufo avvistamento

  • Per cortesia connettiti per rispondere
15 risposte a questa discussione

#1 checivuoifare

checivuoifare

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 11 messaggi

Inviato 24 aprile 2020 - 07:47

Mi presento. Non voglio dire il mio nome, ma ho poco meno di trent'anni e da quando sono piccola ho visto molte cose strane. 

Da ormai due anni non mi accadeva più nulla di particolare, per lo meno in questo frangente, ma non ho mai smesso di investigare e interrogare la mia coscienza su ciò che ho visto e provato.

Qualche settimana fa, però, il mio coinquilino mi chiamò ad osservare fuori dalla finestra: eravamo già in quarantena, i locali di intrattenimento erano già tutti chiusi ( e questo l'ho poi verificato con certezza ) e lui si era affacciato al balcone per fumare una sigaretta, quando vide delle strane sfere di luce, nel buio delle 22:00 circa di sera, muoversi intorno alla nostra casa e nei paraggi ( sempre rimaste a librarsi nell'aria, senza mai avvicinarsi a terra  e compiendo traiettorie inusuali ma apparentemente intelligenti, sistemandosi a volte in una specie di schieramento triangolare, ma per la maggior parte del tempo in continuo, rapido movimento). 
Le osservai con lui, per almeno un quarto d'ora, e ne riporto qui un'immagine, in IMG1, disegnata da me con il telefono, poiché il video che abbiamo fatto ha purtroppo annullato il forte contrasto che invece ad occhio nudo era molto ben percepibile. 

attachicon.gifimg1e.jpg
IMG1

Non era la prima volta che osservavo questo fenomeno. Qualche anno fa, al primo appuntamento con un mio ex ragazzo, passammo una serata in un parco sperduto ad osservare qualcosa di molto simile. In quell'occasione mi tenni il beneficio del dubbio di pensare che potessero essere le luci di un locale. Con il COVID no. 

Qualche giorno fa invece, sempre in compagnia del mio coinquilino, abbiamo visto, mentre eravamo in divano, una luce globulare bianca cambiare forma per divenire verde, librare sulla tenda del nostro salotto ( ? ) e sparire. 

Ora faccio qualche passo indietro. 

Il primo avvistamento che io ricordi risale a quando avevo circa 6 anni. 
Allego qui di seguito, in IMG2 disegno 1, l'immagine che ho disegnato poco fa e quella che ho successivamente riprodotto sempre con il telefono ( *confronta la fotografia pubblicata da @scettico75 nella recente discussione "Cosa ho fotografato?": a mio parere sono davvero simili). 

attachicon.gifimg2e.jpg
IMG2 
attachicon.gifimg2ee.jpg

Sempre in IMG2, disegno 2, un avvistamento strabiliante in montagna, a Sottoguda, provincia di Belluno.
Sottoguda è un paesino che conta non più di un paio di centinaia di abitanti. E' situato ai piedi di un'enorme spaccatura tra due rocce alte centinaia di metri, che prosegue per circa tre km e conduce alla meravigliosa Malga Ciapela, praticamente ai piedi della Marmolada.
La mia famiglia materna aveva, fino a pochi anni fa, una meravigliosa casa ove ogni estate passavamo molto tempo.
Avvistai questo oggetto arancione luminescente dai bordi rossastri mentre stavo seduta con un'amica del posto mia coetanea. Eravamo sole e circondate dal buio, sedute sulla rampa di legno di un tabiè, illuminate da questa cosa ora sopra le nostre teste. Lei scappò. Io rimasi lì e non riesco a ricordare come quell'oggetto misterioso se ne andò.

Ecco qui in l'immagine dello stesso oggetto, ma riprodotta con un app per disegno dallo smartphone ( rende di più quella fatta a mano ): 
attachicon.gifimg3e.jpg

PROSEGUO:


IMG3

Disegno 4 ( da IMG3)
 * Avvistamento avvenuto circa 7 anni fa, ma anche qualche mese fa, in compagnia di un ragazzo con cui ho osservato il fenomeno per molti minuti, o qualcosa come un'ora. Abbiamo avuto paura perché uno degli oggetti, che volavano parecchio in alto, ad un certo punto sembrava si stesse lasciando cadere a peso morto in direzione nostra. Anche in questa occasione una sfera rosso arancione più grande, era seguita, a traiettoria tracciata, da molti altri puntini luminosi bianchi e più piccoli.

IMG4



In IMG4 disgegno 9, una luce verde intenso, brillante ed "elettrico" si è proiettata sul muro di fronte a me e a mia madre, mentre guardavamo la tv. 
La luce aveva una forma irregolare ma dai contorni regolari, non sembrava particolarmente stabile ed ha agito come una specie di strobo che si è riflessa sulle pareti prima di fronte a me, poi di fronte a mia madre. 
In seguito abbiamo interrogato mia sorella minore, in una stanza diversa della casa, e ci ha detto di aver visto delle strane luci verdi in camera sua.

Qualche tempo prima, in occasione di alcuni miei sogni insostenibili, le chiesi se ne faceva di strani anche lei, senza raccontarle niente.
La notte prima, infatti, mi ritrovavo paralizzata nel letto come da IMG4 disegno 8 e quel che è avvenuto nel sogno è stato quello che trovate in IMG5 disegno 8:


IMG5
 

In IMG5 disegno 7 invece, mi trovavo a Milano in Piazza Napoli mentre andavo a lavorare, erano le 14 circa del pomeriggio, avevo le cuffie in testa e splendeva il sole.
Un uomo che poi mi racconto essere un ufologo e che mi lasciò un biglietto da visita che però persi, mi corse incontro a metà tra il terrorizzato e l'esaltato. 
Aveva visto, diceva, passarci sopra "un paio di ufo" . Mi tolsi le cuffie per ascoltare ciò che con grande insistenza voleva condividere con me, e improvvisamente iniziarono a piovere dal cielo filamenti bianchi che il tizio mi vietò di toccare ma che io toccai, e si smaterializzarono sulla mia mano. Ore dopo, e a diversi km di distanza, mentre passeggiavo osservavo due di questi filamenti venirmi dietro. Ma forse ero suggestionata e, almeno quello, era il vento....... ( ? )

Volli credere che fossero ragnatele o cose del genere, fino a che qualche giorno fa non mi sono imbattuta sulla cronaca di quella famosa partita Fiorentina Pistoiese e quello che al tempo migliaia di persone poterono tesimoniare, mi lasciò nuovamente poco margine di dubbio. 

Conservo ancora qualche altro avvistamento da raccontare. Ho steso tutto quanto in un momento di "follia lucida" in cui ho capito che se voglio delle risposte l'unica via che può darmene è avere il riscontro di chi, magari, ha visto cose simili. 

Nei prossimi giorni vorrei raccontare dei sogni molto particolari, e se qualcuno volesse scrivermi per confrontarsi su qualcosa ha la mia disponibilità, ne sarei lieta.
Alla prossima

Allega File(s)

  • Allega File  img3e.jpg   16,38K   11 Numero di downloads
  • Allega File  img2ee.jpg   31,6K   10 Numero di downloads
  • Allega File  img2e.jpg   81,55K   10 Numero di downloads
  • Allega File  img1e.jpg   19,24K   17 Numero di downloads

  • Pandora e magnolia piace questo



#2 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5986 messaggi

Inviato 25 aprile 2020 - 06:51

Ciao, ho avuto un'esperienza con oggetti non identificati anche io.
Il mio paese natale è un borgo isolato in mezzo alle colline toscane. Avevo circa 8 anni e giocavo con una mia amica davanti casa sua.
Ad un certo punto ebbi l'impressione assai netta di essere osservata dall'alto, puntai gli occhi al cielo e a un'altezza di circa 10/15 metri (quindi molto vicino) vidi un oggetto indefinibile. Si muoveva ondeggiando ma allo stesso tempo era fermo, sembrava fatto di gelatina, era trasparente, grande un paio di metri, con una forma tipo cappello di fungo.
Immediatamente richiamai l'attenzione della mia amica che lo vide e mi chiese cosa fosse. Appena lo indicai l'oggetto si moltiplicò in altri 6/7 tutti uguali in una fila perfettamente simmetrica verso il sole. Potevano anche essere altri apparsi dal nulla. Non lo so.
Dopo pochissimo questi scomparvero e rimase solo il primo che vidi, che dopo poco iniziò a muoversi verso l'alto, scomparendo fra le nuvole.

Per quanto riguarda le ragnatele, mia madre ha avuto un'esperienza identica alla tua. Portava fuori il cane la mattina presto e piovevano ragnatele. L'erba, mi disse, era piena.

Non sono riuscita a vedere le immagini dei sogni.
Comunque, di paralisi ne ho avute molte.
Hai mai avuto modo di sognarli? Quelli che hai visto, oppure altri di natura simile?

Ti dico subito che per me non sono alieni nel senso più comune del termine. Sono un'altra cosa, anche quando appaiono solidi e metallici.
  • Il Morto, occhibianchi, Pandora e 2 altri piace questo

#3 checivuoifare

checivuoifare

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 11 messaggi

Inviato 25 aprile 2020 - 08:24

Ciao, ho avuto un'esperienza con oggetti non identificati anche io.
Il mio paese natale è un borgo isolato in mezzo alle colline toscane. Avevo circa 8 anni e giocavo con una mia amica davanti casa sua.
Ad un certo punto ebbi l'impressione assai netta di essere osservata dall'alto, puntai gli occhi al cielo e a un'altezza di circa 10/15 metri (quindi molto vicino) vidi un oggetto indefinibile. Si muoveva ondeggiando ma allo stesso tempo era fermo, sembrava fatto di gelatina, era trasparente, grande un paio di metri, con una forma tipo cappello di fungo.
Immediatamente richiamai l'attenzione della mia amica che lo vide e mi chiese cosa fosse. Appena lo indicai l'oggetto si moltiplicò in altri 6/7 tutti uguali in una fila perfettamente simmetrica verso il sole. Potevano anche essere altri apparsi dal nulla. Non lo so.
Dopo pochissimo questi scomparvero e rimase solo il primo che vidi, che dopo poco iniziò a muoversi verso l'alto, scomparendo fra le nuvole.

Per quanto riguarda le ragnatele, mia madre ha avuto un'esperienza identica alla tua. Portava fuori il cane la mattina presto e piovevano ragnatele. L'erba, mi disse, era piena.

Non sono riuscita a vedere le immagini dei sogni.
Comunque, di paralisi ne ho avute molte.
Hai mai avuto modo di sognarli? Quelli che hai visto, oppure altri di natura simile?

Ti dico subito che per me non sono alieni nel senso più comune del termine. Sono un'altra cosa, anche quando appaiono solidi e metallici.

 

Ciao Freyja, io ho cercato di dare diverse interpretazioni nel corso del tempo. 
Sono una persona estremamente analitica e logica e prima di cominciare a credere o meglio accettare che qualcosa (di qualsiasi cosa si tratti ) mi stesse accadendo, ci ho messo un bel pò.
Mi colpisce la dinamica del tuo avvistamento da bambina, così simile per alcuni aspetti al mio, e quando mi dici che ti sentivi osservata dall'alto mi risvegli numerose memorie. 

Sono molto curiosa di sapere cosa pensi che possano essere, perché ci sono stati momenti in cui non pensavo nemmeno io ad alieni nel senso più comune del termine.
Non sono una persona religiosa, ma sono sicuramente"spirituale", e molto spesso ho collegato la mia assenza di energia a questi sogni terribili che ho fatto, in cui certe entità violavano la mia volontà per servirsi proprio di questa energia, lasciandomi sfinita e spventata per giorni, mesi, e infine anni.

Le esperienze che ho raccontato nel primo post sono avvenute tutte in stato di veglia, e per questo hanno come dire un valore in più, soprattutto perché in molte occasioni c'erano dei testimoni al mio fianco.
Per quanto riguarda i sogni, avendo io un'attività onirica generalmente intensa, mi sono arrotata il diritto di fare una distinzione tra i sogni veri e propri, ( con le loro congetture irregolari e la poca razionalità presente, la mia spesso breve memoria di questi, e l'inconsistenza emotiva tipica di molti altri sogni del tipo che, anche se non sempre, tende ad accompagnarli senza lasciarmi importanti "tracce" ,oltre a un certo stupore o divertimento.

E poi ci sono i sogni come dire lucidi, razionali, perfettamente logici MA NON GUIDATI! almeno non da me.

Cerco di pubblicare anche le immagini ,proseguendo in un altro commento perché questo pesa troppo 


 


  • magnolia piace questo

#4 Pandora

Pandora

    il coperchio!!!

  • Moderatore
  • 12228 messaggi

Inviato 25 aprile 2020 - 09:17

Io volevo domandare che dimensioni avessero questi oggetti, ovviamente approssimative.
Ad esempio la luce verde che va sulla tenda la immagino come un pallone da calcio, nell’esperienza di Freya lei già parla di un paio di metri, ma in tutti gli altri avvistamenti quanto potevano essere grandi questi “oggetti”?
È per farmi un’idea, forse perché sono partita dal (pre)concetto di “navicella spaziale” con occupanti fisici più o meno delle nostre dimensioni, mentre invece la diversità delle vostre esperienze ma soprattutto della dimensione o densità fisica degli avvistamenti, un po’ mi destabilizza, anche se già avevo sentito parlare di alieni provenienti da altre dimensioni o addirittura di entità e ovviamente del concetto alieno-demone malanghiano.
Smetto di cercare definizioni perché voglio invece fare tabula rasa delle mie prefigurazioni aliene, ammesso di parli di alieni :D
Ad esempio so per certo che è possibile piovano dal cielo cose insolite, piogge di rane di formiche di semi, non ricordo per quale strano fenomeno atmosferico-fisico.
Comunque un 3D veramente interessante, seguo con interesse.
  • magnolia piace questo

<p>si cambia e poi si cambia ancora


#5 checivuoifare

checivuoifare

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 11 messaggi

Inviato 25 aprile 2020 - 09:53

Io volevo domandare che dimensioni avessero questi oggetti, ovviamente approssimative.
Ad esempio la luce verde che va sulla tenda la immagino come un pallone da calcio, nell’esperienza di Freya lei già parla di un paio di metri, ma in tutti gli altri avvistamenti quanto potevano essere grandi questi “oggetti”?
È per farmi un’idea, forse perché sono partita dal (pre)concetto di “navicella spaziale” con occupanti fisici più o meno delle nostre dimensioni, mentre invece la diversità delle vostre esperienze ma soprattutto della dimensione o densità fisica degli avvistamenti, un po’ mi destabilizza, anche se già avevo sentito parlare di alieni provenienti da altre dimensioni o addirittura di entità e ovviamente del concetto alieno-demone malanghiano.
Smetto di cercare definizioni perché voglio invece fare tabula rasa delle mie prefigurazioni aliene, ammesso di parli di alieni :D
Ad esempio so per certo che è possibile piovano dal cielo cose insolite, piogge di rane di formiche di semi, non ricordo per quale strano fenomeno atmosferico-fisico.
Comunque un 3D veramente interessante, seguo con interesse.

Grazie Pandora. Gli oggetti che ho visto avevano dimensioni molto diverse tra loro. 
Il primo in assoluto, avvistato di giorno, dall'aspetto metallico con strani cerchi rosso/arancioni intorno ( simil fuoco ), era veramente molto in alto nel cielo e sono passati tanti anni, però ti dico con una certa sicurezza che, osservato dalla mia posizione, sembrava avere le dimensioni di un aereo ( che anche qui, ne esistono di diverse dimensioni ). Era sicuramente più veloce di un aereo e dalle sembianze totalmente diverse, non emetteva suoni ne scie ( ma l'altitudine dell'oggetto potrebbe avermi anche illuso in qualche modo a riguardo).

Il secondo oggetto, quello arancio rosso che ho descritto essersi piazzato precisamente sopra la testa mia e della mia amica, era decisamente più piccolo. Stazionava sopra di noi ad un altezza di non più di 10/15 metri e l'oggetto dalla forma ovale, allungato orizzontalmente, sarà stato lungo tra i 6 e i 10 metri. Sembrava quasi liquido all'interno, io l'ho descritto alla mia mamma, al tempo, come fosse pieno di "lava liquida" gialla che si amalgamava continuamente all'interno di un contorno apparentemente più solido e rosso.

Gli oggetti che invece ho avvistato "in formazione", quindi con a capo un puntino luminoso arancio/rosso seguito da numerosissimi puntini più piccoli, bianchi, che parevano ricalcare ogni mossa del capo fila ma a distanza di qualche secondo ed in gruppo, erano invece così lontani che sembravano stelle. 
La prima volta sono stata ad osservare per molti minuti, fino a che per la paura, vedendoli avvicinarsi in traiettoria, mi sono chiusa in camera e ho sperato bene :/  ......
La seconda, con testimone, è avvenuta l'estate scorsa. Siamo rimasti almeno un'ora ad osservarli, ma erano davvero tanto lontani per poter capire qualcosa di più ad occhio nudo.

Per quanto riguarda i filamenti bianchi, sono d'accordo, ci sono diversi fenomeni naturali che in un modo o nell'altro potrebbero ricreare qualcosa del genere. 
Sono però state smentite le soluzioni scientifiche date a loro riguardo, ed avendo toccato personalmente quel materiale, seguendo la logica, escluderei una ragnatela. Ricordo che ha cominciato a "nevicare" proprio all'improvviso, proprio pochi istanti dopo che un signore stava agitandosi vivacemente perché aveva visto passare due "ufo", diceva, sopra di noi. 
I filamenti sono identici a quelli di cui si narra nella vicenda della partita che ho sopra citato ( fiorentina- pistoiese 1954 ) ed anche in quel caso abbiamo migliaia di testimoni che hanno visto librarsi in cielo questi oggetti per diversi minuti, prima della nevicata. . . 
Non voglio fidarmi a priori di una cronaca così antica, il tema ufo ha sempre venduto e incuriosito e di messe in scena, nel corso della storia, la stampa non ne ha distribuite certo poche. Credo però che, se c'è un esperienza individuale, personale, a farmi scrivere qualcosa di così simile, la cosa diventi più curiosa e meritevole di indagini!..

Tempo dopo ho sentito parlare anche di ipotetici aerei sperimentali militari che solcherebbero a nostra insaputa i cieli, e ci potrebbe anche stare per l'avvistamento di "ufo sopra di noi"  riportato dal testimone in Piazza Napoli a Milano. Ma allora quella pioggia subito dopo? 
I filamenti erano visivamente un misto tra i vetro e il cotone, e se li si toccava appena, sembravano smaterializzarsi


  • Frèyja e magnolia piace questo

#6 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5986 messaggi

Inviato 25 aprile 2020 - 10:07

Ciao Freyja, io ho cercato di dare diverse interpretazioni nel corso del tempo.
Sono una persona estremamente analitica e logica e prima di cominciare a credere o meglio accettare che qualcosa (di qualsiasi cosa si tratti ) mi stesse accadendo, ci ho messo un bel pò.
Mi colpisce la dinamica del tuo avvistamento da bambina, così simile per alcuni aspetti al mio, e quando mi dici che ti sentivi osservata dall'alto mi risvegli numerose memorie.
Sono molto curiosa di sapere cosa pensi che possano essere, perché ci sono stati momenti in cui non pensavo nemmeno io ad alieni nel senso più comune del termine.
Non sono una persona religiosa, ma sono sicuramente"spirituale", e molto spesso ho collegato la mia assenza di energia a questi sogni terribili che ho fatto, in cui certe entità violavano la mia volontà per servirsi proprio di questa energia, lasciandomi sfinita e spventata per giorni, mesi, e infine anni.
Le esperienze che ho raccontato nel primo post sono avvenute tutte in stato di veglia, e per questo hanno come dire un valore in più, soprattutto perché in molte occasioni c'erano dei testimoni al mio fianco.
Per quanto riguarda i sogni, avendo io un'attività onirica generalmente intensa, mi sono arrotata il diritto di fare una distinzione tra i sogni veri e propri, ( con le loro congetture irregolari e la poca razionalità presente, la mia spesso breve memoria di questi, e l'inconsistenza emotiva tipica di molti altri sogni del tipo che, anche se non sempre, tende ad accompagnarli senza lasciarmi importanti "tracce" ,oltre a un certo stupore o divertimento.
E poi ci sono i sogni come dire lucidi, razionali, perfettamente logici MA NON GUIDATI! almeno non da me.
Cerco di pubblicare anche le immagini ,proseguendo in un altro commento perché questo pesa troppo


Cioè ti sentivi privata di energia da entità aliene? Le hai messe in rapporto con gli avvistamenti o ritieni che queste figure possano avere un'altra origine, più sottile, inconscia?
Nei miei sogni esseri uguali e simili si sono ripresentati più volte.
In uno io mi cibavo di loro (quindi rapporti completamente invertiti rispetto alla privazione di energia).
In un altro ho avuto modo di toccare una sfera arancione sempre di un paio di metri che mi ha dato la scossa. Nel sogno lucido/obe io la andavo a cercare, mi sono addormentata con quel proposito e ha funzionato (cosa che non mi succede praticamente mai), ritrovandomi a fluttuare davanti casa e guardare una "stella" che si avvicinava verso di me. Mi sono resa conto presto che ciò che si avvicinava non era una stella ma appunto una sfera.

Più recentemente ho avuto un altro episodio di viaggio astrale. Te lo espongo così puoi indirettamente capire cosa penso che siano.
Dopo tante paralisi ho imparato a staccarmi di mia volontà mentre avvengono.
In un distacco mi sono ritrovata catapultata in una dimensione assurda. I colori e l'ambiente sembravano quelli di una nebulosa coi toni rossastri, non saprei spiegarlo meglio. Ed era piena di dischi metallici. Siccome me ne volevo andare perché non mi piaceva l'ambiente, provavo a fare dei salti in alto. E per breve tempo andavo a finire al di sopra di questa dimensione, in una zona completamente diversa, con luci bianche e un'atmosfera paradisiaca. Non riuscivo a rimanerci però, ricadevo in basso. In una di queste cadute sono atterrata su un oggetto metallico circolare di 3/4 metri fornito anche di diverse luci. E sono scappata subito. Dopo non mi ricordo se mi sono svegliata o è diventato un sogno normale.

In sostanza penso che, data anche la notevole capacità che hanno di apparire e scomparire, il fatto che numerosi avvistamenti vedano coinvolti oggetti di dimensioni relativamente piccole e non idonei e trasportare niente al loro interno, si tratti di esseri extradimensionali, con una loro precisa struttura energetica e forse anche biologica.
Facendo qualche ricerca mi sembra di aver visto che durante esperimenti con la radioattività gli avvistamenti sono più frequenti. Così come prima o dopo terremoti. Ipotizzo che per qualche ragione fisica che non conosco, ci siano attività umane o eventi naturali che creano disturbo o fratture fra questo piano fisico e il loro, rendendo più semplice il passaggio.

Attendo altre immagini.

Io volevo domandare che dimensioni avessero questi oggetti, ovviamente approssimative.
Ad esempio la luce verde che va sulla tenda la immagino come un pallone da calcio, nell’esperienza di Freya lei già parla di un paio di metri, ma in tutti gli altri avvistamenti quanto potevano essere grandi questi “oggetti”?
È per farmi un’idea, forse perché sono partita dal (pre)concetto di “navicella spaziale” con occupanti fisici più o meno delle nostre dimensioni, mentre invece la diversità delle vostre esperienze ma soprattutto della dimensione o densità fisica degli avvistamenti, un po’ mi destabilizza, anche se già avevo sentito parlare di alieni provenienti da altre dimensioni o addirittura di entità e ovviamente del concetto alieno-demone malanghiano.
Smetto di cercare definizioni perché voglio invece fare tabula rasa delle mie prefigurazioni aliene, ammesso di parli di alieni :D
Ad esempio so per certo che è possibile piovano dal cielo cose insolite, piogge di rane di formiche di semi, non ricordo per quale strano fenomeno atmosferico-fisico.
Comunque un 3D veramente interessante, seguo con interesse.

Le ragnatele possono essere un fenomeno naturale, infatti quando mia madre me l'ha raccontato non gli ho dato molta importanza. Il fatto singolare è che nel caso dell'altra utente il fenomeno si è verificato mentre c'erano oggetti non identificati nei paraggi.
  • Pandora e checivuoifare piace questo

#7 Pandora

Pandora

    il coperchio!!!

  • Moderatore
  • 12228 messaggi

Inviato 25 aprile 2020 - 10:08

Sinceramente in associazione a me viene in mente.. l’episodio della manna caduta dal cielo. Ma quella non si disfava perché viene raccontato che ne riempirono delle ceste. Quindi è un altro materiale, e in ogni caso mi guarderei dall’assaggiare dei filamenti bianchi di origine sconosciuta caduti dal cielo a seguito dell’avvistamento di due oggetti volanti, ma è sempre il mio pre-giudizio relativo a come funziona ciò che già conosco a farmi pensare a dei residui di combustione strani, tipo la fusione di due elementi chimici che diano luogo a dei filamenti che a contatto con l’atmosfera diventino instabili e si dissolvano.
Tra l’altro un tipo di carburante del genere, SE davvero desse il via a degli scarti autodissolventi, a meno che la dissoluzione lasciasse in atmosfera elementi comunque tossici, aiuterebbe non poco a risolvere i problemi di inquinamento.
Ma sto sempre facendo ipotesi basate sul mio modello di conoscenza della realtà.
  • checivuoifare e magnolia piace questo

<p>si cambia e poi si cambia ancora


#8 checivuoifare

checivuoifare

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 11 messaggi

Inviato 25 aprile 2020 - 12:03

Cioè ti sentivi privata di energia da entità aliene? Le hai messe in rapporto con gli avvistamenti o ritieni che queste figure possano avere un'altra origine, più sottile, inconscia?
Nei miei sogni esseri uguali e simili si sono ripresentati più volte.
In uno io mi cibavo di loro (quindi rapporti completamente invertiti rispetto alla privazione di energia).
In un altro ho avuto modo di toccare una sfera arancione sempre di un paio di metri che mi ha dato la scossa. Nel sogno lucido/obe io la andavo a cercare, mi sono addormentata con quel proposito e ha funzionato (cosa che non mi succede praticamente mai), ritrovandomi a fluttuare davanti casa e guardare una "stella" che si avvicinava verso di me. Mi sono resa conto presto che ciò che si avvicinava non era una stella ma appunto una sfera.

Più recentemente ho avuto un altro episodio di viaggio astrale. Te lo espongo così puoi indirettamente capire cosa penso che siano.
Dopo tante paralisi ho imparato a staccarmi di mia volontà mentre avvengono.
In un distacco mi sono ritrovata catapultata in una dimensione assurda. I colori e l'ambiente sembravano quelli di una nebulosa coi toni rossastri, non saprei spiegarlo meglio. Ed era piena di dischi metallici. Siccome me ne volevo andare perché non mi piaceva l'ambiente, provavo a fare dei salti in alto. E per breve tempo andavo a finire al di sopra di questa dimensione, in una zona completamente diversa, con luci bianche e un'atmosfera paradisiaca. Non riuscivo a rimanerci però, ricadevo in basso. In una di queste cadute sono atterrata su un oggetto metallico circolare di 3/4 metri fornito anche di diverse luci. E sono scappata subito. Dopo non mi ricordo se mi sono svegliata o è diventato un sogno normale.

In sostanza penso che, data anche la notevole capacità che hanno di apparire e scomparire, il fatto che numerosi avvistamenti vedano coinvolti oggetti di dimensioni relativamente piccole e non idonei e trasportare niente al loro interno, si tratti di esseri extradimensionali, con una loro precisa struttura energetica e forse anche biologica.
Facendo qualche ricerca mi sembra di aver visto che durante esperimenti con la radioattività gli avvistamenti sono più frequenti. Così come prima o dopo terremoti. Ipotizzo che per qualche ragione fisica che non conosco, ci siano attività umane o eventi naturali che creano disturbo o fratture fra questo piano fisico e il loro, rendendo più semplice il passaggio.

Attendo altre immagini.

Le ragnatele possono essere un fenomeno naturale, infatti quando mia madre me l'ha raccontato non gli ho dato molta importanza. Il fatto singolare è che nel caso dell'altra utente il fenomeno si è verificato mentre c'erano oggetti non identificati nei paraggi.

Nel corso del tempo ho dato le più svariate interpretazioni al fenomeno:
Ho creduto che fossero ET propriamente esistenti ( con caratteristiche sicuramente fantascientifiche rispetto alla nostra concezione terrena e umana di realtà, materia e dimensioni ). Ho creduto che fossero proiezioni inconsce di qualche mio disagio profondo che cercava d'essere elaborato ( non ho avuto una vita propriamente facile e per molti tristi avvenimenti potrei dichiararmi davvero sfigata, quindi poteva starci) . Ho creduto che fosse anche una questione spirituale, qualcosa di tipo "demoniaco", che mi ingannava travestendosi da alieno. 

Tutte queste ipotesi però sono valide solo per le più o meno vivide esperienze che ricordo con questi esseri, che ho avuto in sogno ( e che a breve riporterò in questo thread ), ma non per gli avvistamenti UFO in stato di veglia e magari in compagnia di altri testimoni. La visione di certi materiali mi perseguita.


Freyja mi ha ucciso leggere dalla tua testimonianza "nebulosa dai toni rossastri", perché in uno dei miei ultimi sogni, finché mi prendevano tutta l'atmosfera intorno a me era cosparsa di questo sottilissimo terriccio rossastro sospeso nell'aria, ma so bene che è un immaginario difficile da rendere con queste parole. 

Arrivano presto i sogni con i disegni. A più tardi 

 



#9 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 10171 messaggi

Inviato 26 aprile 2020 - 07:38

questi avvistamenti strani stanno avvenendo in tutto il mondo e di recente anche frequentemente pure in Italia, cosa siano non si sa, sembrerebbero delle sfere di energia o di plasma.

a parte diverse ipotesi come fulmini globulari, oppure i rods, nessuno sa darsi una spiegazione su cosa siano e perchè appaiano ultimamente molto spesso.

 

 

 

come pure il sentire in tutto il mondo suoni davvero strani e inquietanti, di cui una spiegazione sensata che però non convince nessuno è che sia per colpa del surriscaldamento della parte più alta dell'atmosfera.

 


  • checivuoifare e magnolia piace questo

Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#10 johnt

johnt

    Moderatore

  • Moderatore
  • 4986 messaggi

Inviato 28 aprile 2020 - 11:29

...

Per quanto riguarda le ragnatele, mia madre ha avuto un'esperienza identica alla tua. Portava fuori il cane la mattina presto e piovevano ragnatele. L'erba, mi disse, era piena.

il fenomeno delle "ragnatele" è stato più volte riscontrato in casi di avvistamenti di UFO.

 

https://giocopulito....sembro-roswell/

 

questo fu un caso con "un pochino" di testimoni...

 

ma non chiedetemi cosa possa essere (cacca di alieno forse?) :boardmod_main:


  • checivuoifare piace questo

There are no accidents


#11 checivuoifare

checivuoifare

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 11 messaggi

Inviato 28 aprile 2020 - 01:21

rieccomi qui, allego IMG4 disegno 9 che per errore è stata rimossa : https://freeimage.host/i/JRfYkN

Non ho colori adatti per rendere in modo realistico l'immagine. se state usando un mac, approssimativamente l'icona di FaceTime nella vostra barra app, nel suo punto più luminoso, è dello stesso verde.
La ripubblico perché mi colpì particolarmente e mi piacerebbe trovare qualche risposta. 

E' apparso "lampeggiando" in una frequenza irregolare e rapida, non aveva una forma definita, sembrava però avere dei bordi molto definiti e mi ha dato l'impressione che fossero "geometrici", come se il bordo di tutta l'immagine fosse composto dai lati esterni di millemila quadrati/rettangoli/ecc.

Colore brillante, intenso, saturo e omogeneo.. Sembrava bidimensionale e si è spostato da una parete all'altra, rimanendo su entrambe le pareti per circa 4 o 5 secondi l'una.
Anche mia sorella, in camera sua in un altro punto della casa, ha raccontato di aver visto delle "strane luci verdi entrarle in camera"...

Era un periodo molto intenso e sognavo tante cose assurde. Potete vedere nello stesso foglio, disegno8 pt.1, in cui sono rappresentata nel mio letto nel momento in cui una luce azzurra avvolge la mia stanza ed io paralizzata credo di impazzire dalla paura.  

Mi toccherà aprire un thread solo per questa storia poiché considero che dietro casa mia (di allora), in uno stabile abbandonato in un punto sperduto, sconosciuto e inaccessibile della mia città ( ma molto centrale! ), succedano cose alquanto strane. 
Tutto questo mi ha fatto dubitare della mia sanità mentale per anni, e ancora oggi sono costretta a farmi mille domande giornaliere per trovare un senso a tutto questo.
Ho avuto problemi di depressione, disturbi della personalità, eppure nessuno psichiatra è riuscito ad etichettarmi come psicotica, nonostante le tante allucinazioni ipnopompiche e ipnagogiche che al tempo mi diagnosticavano di continuo, quando ancora gliene parlavo... 

Allucinazioni ipnagogiche. Paralisi del sonno.

2015 circa.
Mi trovo a Milano, vivo da sola in un appartamento fuori città, è un periodo buono a livello lavorativo, sono nel mio massimo momento di salute fisica, in equilibrio.
Erano un paio di giorni che la corrente di casa mia era letteralmente impazzita. Un pomeriggio, sono tornata a casa e ho trovato gli interruttori della luce del corridoio ( da cui si regolava l'illuminazione di tutto l'appartamento ) completamente ribaltati, come se fossero stati capovolti in avanti di 45°. L'elettricista sistemò tutto, ma non seppe darmi grandi spiegazioni. Poche ore dopo.. le luci ricominciano a partire. Spengo tutto, accendo delle candele e vado in camera a leggere un pò.

Avevo una strana paura addosso, era come se percepissi distintamente una presenza dentro la casa, al punto da sentirmi a disagio. 
Così sono rimasta a letto, sveglia, finché non è sorto il sole. Le mie finestre erano irradiate ormai da una cangiante luce bianca del mattino, e sentivo correre alcuni runner sotto casa mia, ove a fianco passava il naviglio della Martesana. Ero più tranquilla, e decisi di spegnere il pc e finalmente dormire qualche ora.

Ecco.. appena ho "abbassato la guardia", ancora sveglia e con gli occhi aperti, ho visto la mia stanza diventare nera come la pece. 
Ai due dei quattro angoli opposti della stanza, si è accesa una luce fortissima, che ho identificato come riflettori, da quanto forti..ed a questo punto dell'esperienza, provavo una gran paura. La paura aumentava sempre di più mentre mi rendevo conto che ciò per cui ero stata in guardia nelle ore precedenti, era lì, in un altro angolo della stanza, confuso tra il buio ma per qualche ragione da me identificabile come di sesso maschile. 
Lo sentivo avvicinarsi, mentre paralizzata provavo ad urlare e non riuscivo, mentre dentro di me speravo solo di trovare l'energia per riuscire ad alzarmi e buttarmi già dalla finestra, dopo ciò che stavo vedendo/provando.
Ovviamente, non ci riuscivo.
La figura si avvicinò, e l'aria intorno a me tremava come se qualcuno la stesse friggendo. Ricordo quel suono abbastanza bene, non in termini di rumore ma di emozione che mi provocò. Il terrore, vero. Quando questa presenza fu al mio fianco, io percepii il mio corpo alzarsi dal letto, ma solo a partire dal settore C delle vertebre, come se questo fosse rimasto appiccicato al cuscino e il resto del mio corpo fluttuasse, arcuato in maniera distorta e innaturale, ma solamente a partire dalle vertebre T.
Avevo molta paura, pensavo fosse la mia fine e quello che percepivo nettamente era che volesse prendermi qualcosa, o infilarmi qualcosa dentro ( al corpo, o nella mente, o nell'anima ). Pensai che o facevo qualcosa per difendermi o sarei morta, così iniziai a recitare una specie di preghiera a caso ( non sono religiosa, non conosco nemmeno a memoria una preghiera probabilmente ) e mi ribellai, e questa cosa scomparve al terzo tentativo di preghiera, sempre più indebolita. Sentii il mio corpo ripiombare nel letto, la stanza tornò illuminata dal sole della mattina, ed io non ebbi nemmeno il coraggio di allungare una mano per prendere il telefono e chiamare un amico, per almeno un paio d'ore in cui rimasi attonita e incredula.

"Allucinazioni ipnopompiche".. mi dicevano i dottori quando raccontavo episodi che ormai non ricordo nemmeno più. 
Proseguo con i sogni...

 



#12 checivuoifare

checivuoifare

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 11 messaggi

Inviato 28 aprile 2020 - 01:42

Ciao, ho avuto un'esperienza con oggetti non identificati anche io.
Il mio paese natale è un borgo isolato in mezzo alle colline toscane. Avevo circa 8 anni e giocavo con una mia amica davanti casa sua.
Ad un certo punto ebbi l'impressione assai netta di essere osservata dall'alto, puntai gli occhi al cielo e a un'altezza di circa 10/15 metri (quindi molto vicino) vidi un oggetto indefinibile. Si muoveva ondeggiando ma allo stesso tempo era fermo, sembrava fatto di gelatina, era trasparente, grande un paio di metri, con una forma tipo cappello di fungo.
Immediatamente richiamai l'attenzione della mia amica che lo vide e mi chiese cosa fosse. Appena lo indicai l'oggetto si moltiplicò in altri 6/7 tutti uguali in una fila perfettamente simmetrica verso il sole. Potevano anche essere altri apparsi dal nulla. Non lo so.
Dopo pochissimo questi scomparvero e rimase solo il primo che vidi, che dopo poco iniziò a muoversi verso l'alto, scomparendo fra le nuvole.

Per quanto riguarda le ragnatele, mia madre ha avuto un'esperienza identica alla tua. Portava fuori il cane la mattina presto e piovevano ragnatele. L'erba, mi disse, era piena.

Non sono riuscita a vedere le immagini dei sogni.
Comunque, di paralisi ne ho avute molte.
Hai mai avuto modo di sognarli? Quelli che hai visto, oppure altri di natura simile?

Ti dico subito che per me non sono alieni nel senso più comune del termine. Sono un'altra cosa, anche quando appaiono solidi e metallici.

Ciao Frèyja, parto con il sogno disegno 8 pt 1 . In quel momento, a dire la verità, reputo fossi in stato di veglia. Il "sogno"  comincia poco dopo.
Puoi osservare in questo disegno ( 8 pt.2 ), l'immaginario a grandi linee: https://freeimage.host/i/JRfBkB .

Mi trovavo in una stanza, di medie dimensioni, seduta su una sedia tipo quella del dentista, ma questo lo dico solo per la posizione in cui ricordo fossi, ovvero non propriamente stesa dritta.
Ero immobilizzata, ma non avevo lacci o alcunché di fisico, a quanto ricordo, che mi trattenesse..
La scena l'ho vista inizialmente dall'alto, ma solo per pochi istanti perché poi mi trovavo ad osservarla in prima persona e le sensazioni erano forti.

Attorno a me c'erano degli esseri, e, in tutti i sogni che ho fatto, questo è forse l'unico dove li ho visti ( o li ricordo ) con sembianze davvero aliene, ovvero nettamente diverse da quelle umane. Erano quelli che più si avvicinerebbero all'immaginario collettivo di alieno.
Erano oggettivamente brutti ed inquietanti, la loro pelle era marrone chiaro o marrone grigio, una specie di color tortora un pò più scuro, e non mi sembravano eccessivamente alti, ma nemmeno alti un metro.
Non erano più di sei e facevo fatica a distinguerli tra loro. 
Avevo molta paura, e se parlavo sembravano non ascoltarmi.
Uno di loro, mi ha fatto capire, telepaticamente, che potevo esprimermi. E così ho potuto rispondergli, sempre telepaticamente.

Volevo che mi facessero andare via, urlavo e piangevo ma non serviva a niente. Erano freddi e distaccati, ed uno di loro apparentemente compassionevole mi comunicò che non avevo niente di cui preoccuparmi, che dopo aver finito il lavoro che dovevano fare, la mia vita ne avrebbe molto giovato. Non mi sembrò davvero sincero, avevo l'impressione che mi stessero prendendo in giro e continuavo a non volerne sapere. Chiesi cosa dovevano fare, e mi risposero che dovevano mettere uno di loro dentro di me.
Poi il sogno è finito, mi sono svegliata nell'inquietudine e mia madre mi ha ovviamente chiesto cosa avessi. Mi sono anche riuscita a fare due risate quando ha esclamato che quel giorno avevo proprio una cera grigia.












 



#13 checivuoifare

checivuoifare

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 11 messaggi

Inviato 28 aprile 2020 - 02:21

Ciao, ho avuto un'esperienza con oggetti non identificati anche io.
Il mio paese natale è un borgo isolato in mezzo alle colline toscane. Avevo circa 8 anni e giocavo con una mia amica davanti casa sua.
Ad un certo punto ebbi l'impressione assai netta di essere osservata dall'alto, puntai gli occhi al cielo e a un'altezza di circa 10/15 metri (quindi molto vicino) vidi un oggetto indefinibile. Si muoveva ondeggiando ma allo stesso tempo era fermo, sembrava fatto di gelatina, era trasparente, grande un paio di metri, con una forma tipo cappello di fungo.
Immediatamente richiamai l'attenzione della mia amica che lo vide e mi chiese cosa fosse. Appena lo indicai l'oggetto si moltiplicò in altri 6/7 tutti uguali in una fila perfettamente simmetrica verso il sole. Potevano anche essere altri apparsi dal nulla. Non lo so.
Dopo pochissimo questi scomparvero e rimase solo il primo che vidi, che dopo poco iniziò a muoversi verso l'alto, scomparendo fra le nuvole.

Per quanto riguarda le ragnatele, mia madre ha avuto un'esperienza identica alla tua. Portava fuori il cane la mattina presto e piovevano ragnatele. L'erba, mi disse, era piena.

Non sono riuscita a vedere le immagini dei sogni.
Comunque, di paralisi ne ho avute molte.
Hai mai avuto modo di sognarli? Quelli che hai visto, oppure altri di natura simile?

Ti dico subito che per me non sono alieni nel senso più comune del termine. Sono un'altra cosa, anche quando appaiono solidi e metallici.

Altro sogno: Comincia così.      https://freeimage.host/i/JRfxhF

Sono in casa mia, in soggiorno con mia madre. Lei sta stirando, io sono sul divano e leggo qualcosa. 
Vediamo dalla finestra le luci del cielo cambiare in maniera innaturale, come se avessero velocizzato il video nel documentario di un cielo inquadrato nello stesso punto per ore. 
Così io esco subito a guardare che succede. Sono quindi in giardino, e vedo in lontananza un grande ufo avvicinarsi alla casa. Sta venendo verso di me lentamente, non è molto alto nel cielo, ed entro pochi secondi mi raggiungerà. 
Mi ricordo che nel sogno ho pensato tra me e me qualcosa del tipo "che palle! Ancora?? Vabbè..." in un mix emotivo tra sconforto e sbruffonaggine.
Sono tornata dentro casa e ho detto a mia mamma di stare tranquilla.
Sono uscita di nuovo in giardino, non vedevo più l'ufo, ma c'era una tipa. 
Sembrava una ragazza orientale moderna, ma quando l'ho vista ho subito pensato che avesse qualcosa di strano: lo emanava, non so descriverlo.
Stava immobile li, ed io mi sono avvicinata, arrabbiata, dicendole di andarsene e di lasciare me e la mia famiglia in pace, che non avrebbero avuto più niente da noi.
Lei mi rispose telepaticamente, senza usare parole vere e proprie, qualcosa come "o vieni tu o ti prendiamo noi". 
Guardai mia mamma che nel frattempo era uscita, in lacrime, e le dissi di stare tranquilla. Sarei tornata.

Improvvisamente mi ritrovai dentro ad un enorme posto, sembrava un'arena, ma era chiusa. (vedi disegno https://freeimage.host/i/JRfzLg )
Era tutto enorme, per percorre in lunghezza tutta l'area visibile ci sarebbero volute ore di camminata forse.
L'"arena" era composta da un'ampia zona centrale, tutta sulle tonalità del giallo spento, e da degli enormi gradoni scalati, ma non ricordo il tetto, pur essendo un posto sicuramente chiuso.

Mi trovavo insieme ad un gruppetto di umani, tutti rapiti, eravamo forse un centinaio o qualche decina in meno. 
Avevo sì paura, ma ero anche ormai, come dire, abituata. Così speravo solo che il tutto si concludesse in fretta. 
Ricordo che non ero l'unica ad essere tutto sommato "tranquilla". C'erano però tra noi molte più persone spaventate a morte, piangenti e in preda al panico.
Tra di queste c'era un ragazzo che mi si accollò, in cerca di una spalla per fuggire. 
Osservavo gli individui che c'erano in giro per l'"arena", sia al centro che sui gradoni. Capivo che non erano umani, anche se le loro sembianze potevano trarre in inganno, proprio come la ragazza dall'aspetto orientale. Mi colpì che tra questi, vedevo esseri dalle sembianze umane di ogni genere: dal bambino al vecchio, qualsiasi etnia, ricordo perfino diversi handicap. Sembrava quasi che fossero vestiti da umani, nel modo più verosimile possibile. Eppure li si riconosceva.

Ero ancora in quella specie di reception, quando uno di loro, dall'aspetto di un uomo nero, piazzato e molto alto, ci venne incontro con una specie di carrello che trasportava un contenitore rettangolare ove erano posti moltissimi cilindri trasparenti, vuoti all'interno, del diametro di 2,5 cm circa, aperti su ( almeno una, ma non ricordo se entrambe ) un'estremità.
Mentre consegnava ad ognuno di noi un cilindro, ci spiegò, telepaticamente, che avremmo dovuto infilarci quell'affare nel polso, simulandone l'azione.
Mi rifiutai di farlo, e lui mi disse che non c'era problema, ci avrebbe pensato lui.
Venne dietro di me, e me lo infilò nella nuca.

Da questo momento del sogno, sono come lobotomizzata. Ovvero non riesco a intendere e volere. Mi capacito di trovarmi in un posto assurdo e di essere in pericolo, ma non riesco più ad agire in alcun modo, ne a parlare con il ragazzo disperato che contava sul mio aiuto.
Vago per qualche minuto ( ? ) nella zona centrale dell'arena, e ricordo di aver spesso pensato di volermi ammazzare, ma ero così rincoglionita da non riuscire nemmeno a mantenere un'idea stabile nel mio pensiero, non so spiegarmi diversamente.

Io ed il ragazzo finiamo in un corridoio, e poi in una stanza, che sembrava un'aula.
C'era una specie di professore, e non aveva sembianze umane.
Gli allievi sembravano invece come gli altri: finti umani.  ( chiamatemi un ambulanza, sono pazza ) e stavano studiando l'apparato digerente dell'uomo.
Il "professore" ci rimprovera per essere nel posto sbagliato, ed improvvisamente compare la ragazza orientale.
Mi sento male, e l'orientale mi sorride, quando sbiascico di voler tornare a casa, rispondendomi con un termine bizzarro che purtroppo non ricordo più, sostenendo che "sono un *nonsocosa*, e che quindi non tornerò più a casa". 

In un battito di ciglia, siamo in un altro corridoio. 
Il ragazzo è sempre più inutilmente disperato, io sono sempre pseudo lobotomizzata, totalmente incapace di agire e anche di pensare. Anche le mie emozioni sono più grezze e gassose.
Siamo di fronte ad un muro di materiale simil cemento armato, grigio scuro, con un enorme porta oblò nera e lucida al suo centro.
Ecco l'immaginehttps://freeimage.host/i/JRfCmP

Entriamo dall'oblò, la stanza non è illuminata ma si vede che ci sono due porte su due facce del cubo perfetto. 
La porta a sinistra, ci dice lei, è quella dove studiano il cervello. E mi ci accompagna dentro. Ricordo di averla varcata.
E poi il buio totale...

Ci sono molti dettagli che ho trascurato di questo sogno: sarebbe una narrativa infinita, ma ricordo che la sua razionale follia mi stupì, e che mi prese molto, molto male. Il giorno seguente, verso sera, ebbi dei forti dolori sulla nuca, proprio a quell'altezza. Ma forse, questa, era la mia suggestione...?....














 



#14 checivuoifare

checivuoifare

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 11 messaggi

Inviato 28 aprile 2020 - 03:24

Ciao, ho avuto un'esperienza con oggetti non identificati anche io.
Il mio paese natale è un borgo isolato in mezzo alle colline toscane. Avevo circa 8 anni e giocavo con una mia amica davanti casa sua.
Ad un certo punto ebbi l'impressione assai netta di essere osservata dall'alto, puntai gli occhi al cielo e a un'altezza di circa 10/15 metri (quindi molto vicino) vidi un oggetto indefinibile. Si muoveva ondeggiando ma allo stesso tempo era fermo, sembrava fatto di gelatina, era trasparente, grande un paio di metri, con una forma tipo cappello di fungo.
Immediatamente richiamai l'attenzione della mia amica che lo vide e mi chiese cosa fosse. Appena lo indicai l'oggetto si moltiplicò in altri 6/7 tutti uguali in una fila perfettamente simmetrica verso il sole. Potevano anche essere altri apparsi dal nulla. Non lo so.
Dopo pochissimo questi scomparvero e rimase solo il primo che vidi, che dopo poco iniziò a muoversi verso l'alto, scomparendo fra le nuvole.

Per quanto riguarda le ragnatele, mia madre ha avuto un'esperienza identica alla tua. Portava fuori il cane la mattina presto e piovevano ragnatele. L'erba, mi disse, era piena.

Non sono riuscita a vedere le immagini dei sogni.
Comunque, di paralisi ne ho avute molte.
Hai mai avuto modo di sognarli? Quelli che hai visto, oppure altri di natura simile?

Ti dico subito che per me non sono alieni nel senso più comune del termine. Sono un'altra cosa, anche quando appaiono solidi e metallici.

Questo non è un sogno, ma una delle esperienze più assurde che mi siano mai capitate. 

Ho 14 anni, e mi trovo sempre in montagna, a Sottoguda, ove qualche anno prima vidi leihttps://freeimage.host/i/JRf52R( mio disegno, riprodotto con un app sul cellulare: oggetto avvistato da preadolescente, dal bordo più definito e rosso, e dall'interno arancio incandescente che nella buia vallata stazionava a pochi metri d'altezza sopra a me ed un altro testimone ).

Questa volta sono in casa, sono circa le 19.30 ed io, mia mamma e mia sorella ( al tempo aveva 4 anni ), abbiamo finito di cenare.

Stiamo giocando a Saltimbanco, sedute a tavola, con la tv in sottofondo che trasmette qualche stupido programma da prima serata. 


___________________________________________
 PREMESSA

La casa è in cima ad un paesello che conta poche centinaia di abitanti, e dalla finestra della nostra cucina, possiamo vedere tutto il paese abitato, lungo meno di un paio di chilometri, "in discesa". Oltre la nostra casa, praticamente c'è il nulla.
In quel luogo ci sono stata ogni anno della mia vita da quando sono nata, fino a pochi anni fa. 
Come me, anche la mia famiglia materna ci ha passato molto, anche più tempo, e conosciamo bene anche gli abitanti, con alcuni dei quali siamo imparentati (Curiosità: una grande percentuale di panche della chiesa del paese, hanno sopra una targhetta con inciso sopra il mio raro cognome materno ) e con altri siamo molto amici.

Conosciamo bene anche i proprietari dei pochi locali del paese che rimangono attivi la sera, e cioè: un garnì ( hotel e bar ) dove i le persone del posto tipicamente sorseggiano la grappa della buonanotte e dove i turisti alloggiano, c'è un altro hotel/gelateria poco più giù, ed un ristorante/pizzeria accanto.
In estate questo luogo è molto visitato, perché conserva la meraviglia naturale dei Serrai di Sottoguda, una profonda e stretta gola di rocce che porta, dopo tre km di passeggiata,  fino ai piedi della Marmolada. Per questo, di fronte a casa nostra c'è anche un piccolo condominio, in stile montagna, con appartamenti per le vacanze, nel periodo estivo sempre  occupati.
 
Di solito, sulle ore 20:00, in piena estate, il paese è sicuramente tranquillo. Ci sono poche persone in giro, perché ci sono pochi abitanti, ma tra i ragazzini del posto che schiamazzano dopo cena al parchetto giochi ( ai quali, al tempo, solitamente mi univo anche io ), tra gli adulti che si fanno la grappetta e chi si mangia il gelato, tra la passeggiata per digerire gli spatzli e quella del turista romantico, di vita se ne scorge senza fatica.

Questo anche perché i lampioni sono accesi, per la strada qualche rara macchina si muove, a zonzo ci sono molti gatti, ci sono rumori, insomma, perché è un luogo civilizzato con tutto ciò che ne consegue,  

___________________________________________



La tv improvvisamente non funzionava più. Il rumore generato dal segnale disturbato della tv era fastidioso, così, non trovando il telecomando nei paraggi, mi alzai e girai intorno al tavolo per andare a spegnerla. 
Fu quando tornai al tavolo che notai lo sguardo di mia madre preoccupato, comunque ricordo che non disse niente di particolare. 
Poco dopo mi suggerì di guardare fuori dalla finestra, ed io lo feci.. e vidi IL NERO. 

Non c'era più nemmeno la sfumatura di una finestra "accesa" lontana, di un lampione, di una stella, di una nuvola, non ho mai visto un nero così nero. Solo noi, abbiamo le luci accese in tutta la casa.

Il condominio a pochi metri da casa da nostra, sembrava sparito, dissolto nel nero assoluto, così come anche tutte le altre case, il bar, gli hotel, qualsiasi ipotetica plausibile fonte di luce era svanita in un buio così perfetto da sembrare denso .

Quando chiesi a mia mamma cosa stesse succedendo, lei si trovava già in stato di panico.
Stava cercando di contattare qualcuno al cellulare, ma i nostri cellulari ( ne avevo uno anche io ) non funzionavano più.
Non proseguo a raccontare più di tanto questa scena per non sfociare nel drammatico, ma mia madre voleva chiudere me e mia sorella ( piccolissima, che piangeva impazzita ) in un armadio senza dirci come mai.  
Dopo aver serrato l'enorme casa e dopo che l'ho convinta a non chiuderci in armadio, siamo andate a letto insieme, per risvegliarci in quella che si sarebbe rivelata una realtà folle ed inspiegabile.

La mattina seguente eravamo felici di ritrovarci lì, "sane e salve". 
Non mi ero ancora fatta un'idea, non sapevo cosa pensare, e con tutta la carica e lo stupore incredulo che può avere un'adolescente dopo un'esperienza così strana, feci il giro del paese chiedendo a vecchi, ragazzetti, proprietari di hotel, baristi, amici, turisti con l'appartamento di fronte al mio, cosa diamine fosse successo quella sera.

Spiegavo loro che avevo assistito ad un totale black out del paese durato dalle 20:00 circa per qualche ora ( presumevo, perché non saprei dire davvero quanto è durato ), in cui non si scorgeva alcun segno di vita, ne di forma, ne di suono, ne di niente. E mi sentivo regolarmente rispondere che "ero in soggiorno a guardare la TV", "il bar era aperto come sempre", "ero giù al bar", "la luce non è mai andata via", ecc. 


Mia mamma ci mise anni prima di riuscire a ritornare in quel posto e non ne vuole parlare...
Io non sono mai riuscita a darmi una spiegazione. Poi qualcuno ha iniziato a parlarmi di fisica quantistica e mi avrebbe risolto il mistero in così poco tempo che non riesco nemmeno ad ipotizzare di accettarla come verità. ma come si fa a credere a qualcosa di tutto questo?...



 



#15 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5986 messaggi

Inviato 28 aprile 2020 - 03:58

Le sensazioni che racconti in merito all'esperienza con la presenza al mattino è una tipica OOBE. La percezione che qualcosa rimanga attaccato al corpo l'ho avuta anche io.
Il mio primo distacco però è avvenuto per "merito" di due grosse ruote laterali che giravano a grande velocità, fino a raggiungere il livello tale da consentirmi il distacco. Il "friggere" dell'aria può essere relativo a questa scarica, che consente l'oobe. Non è insolito percepire fischi, rumori metallici, fruscii, vibrazioni cosi forti da sembrare terremoti. E sono assai comuni anche le presenze, sebbene io non abbia mai fatto esperienza di aiuti umanoidi nel distacco, ma li ho sempre trovati, al massimo, una volta uscita. Anche mostri.
Non ho mai collegato direttamente queste mie esperienze all'avvistamento.
Nemmeno i sogni su vari dischi volanti.

Ho però due altre esperienze che hanno diversi elementi in comune con le tue.
In una ero paralizzata a letto, ma potevo vedere tutta la stanza. Stesso orario, prime ore del mattino. Sono accerchiata da diverse persone vestite con mantello scuro e cappuccio, dalle sembianze totalmente umane, perché ne vedo i volti, di uomini e donne.
Sono lì e non solo non posso muovermi, ma sono anche incapace di provare qualsiasi emozione. Dai miei studi esoterici successivi ho dedotto che mi avevano bloccato il corpo astrale.
Comunque, stesso modo di fare dei tuoi: freddezza, modo di comportarsi come se fossimo in sala operatoria, parlavano fra sé senza considerarmi e avevano uno strano attrezzo metallico, che mi hanno infilato sopra la mano sinistra, per vedere attraverso il sangue se fossi una certa "persona" o altro. Quindi non volevano infilarmi nulla dentro, ma constatare chi fossi o fosse qualcosa che era già in me.

In questi anni ho studiato i miei sogni, le mie paure, i simboli che il mio inconscio tende ad usare, e sono arrivata alla conclusione che quelli non erano affatto mie proiezioni. Mancano gli elementi tipici, in primis la paura, o qualsiasi altra emozione e manca anche il significato. Il sogno, che fra l'altro non sembrava minimamente tale, non ha alcun significato simbolico o educativo, e nemmeno di sfogo.

L'altra esperienza vede la presenza di un essere dalle fattezze orientali, nel mio caso maschio. Ma per me il tutto assume caratteristiche più spirituali. Sono alle porte di un tempio/chiesa e a sinistra c'è questo uomo orientale che fluttua a circa un metro da terra. Mi ferma e mi stende su una specie di roccia piana. Con una specie di luce fatta a spada mi perfora il petto (tipo spada laser). Anche lui per tre volte. Io credevo che sarei morta perché provavo un dolore allucinante. Mai provato niente del genere. Ma resistevo. Alla fine un po' sconsolato dal fatto che non morivo mi lascia passare. Entro in chiesa e poi buio, non ricordo più niente.

Hai mai avuto la sensazione di avere qualcos'altro in te?
È cambiata la tua vita dopo quel sogno?
La mia si, ma in maniera piuttosto lenta. Ho intrapreso un percorso di conoscenza spirituale, su cui comunque ero già indirizzata. Sono impazzita per anni cercando di capire il significato di quel nome, ma non ho mai trovato risposte definitive.

Nel corso del tempo mi sono fatta comunque l'idea che il 99% di queste esperienze, mie comprese, hanno origine da tentativi più o meno goffi di emersione della coscienza, o spirito, contro i demoni interiori. In un piccolo numero di casi vi è l'intervento di entità esterne, al di fuori del proprio sistema psico-energetico, per gli scopi più disparati.

Non credo quindi totalmente nelle versioni malanghiane (per lui siamo sistematicamente preda di entità esterne), anche se credo che molti dei suoi metodi siano stranamente validi a prescindere.

Ma quando siete andate a dormire, nell'episodio del nero, hai avuto sogni insoliti? Non ho capito bene questo punto.

#16 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 10171 messaggi

Inviato 28 aprile 2020 - 04:13

@checivuoifare i tuoi sogni sono molto suggestivi e diciamo anche poco inquietanti, specialmente quelli che riguardano non soltanto gli strani esperimenti, ma in alcuni in cui scrivi di essere in compagnia di altri esseri umani spaventati come te e il fatto che alcuni che hai definito come alieni, avevano soltanto l'aspetto e le sembianze di esseri umani ma nonostante tutto sei riuscita in qualche modo a riconoscere il loro vero aspetto

dietro all'apparenza. (cosa che mi ha inquietato più di tutte) anche se non saprei cosa scriverti a riguardo perchè sogni simili non mi sembra di averli mai fatti o forse se ne avevo fatto qualcuno di simile non me li ricordo.

 

per la tua ultima esperienza che hai raccontato che però come scrivi hai vissuto da sveglia insieme alla tua famiglia e quindi non c'è più la scusante che stavi dormendo ed era frutto soltanto della tua mente e che hai sognato.

l'unica spiegazione possibile che mi sembra plausibile se non era stato un blackout smentito dagli altri abitanti del paesino dove abitavi era per una improvvisa nebbia? o qualcosa di simile, anche se poi ho scartato questa ipotesi, perchè hai scritto che è accaduto questo strano fenomeno inspiegabile a cui hai assistito in piena estate alle 20.00 di sera, in cui è impossibile che era già buio

e tra l'altro se una spiegazione sensata era un fenomeno naturale come la nebbia, immagino che ci avresti già pensato.

 

per cui anche per la tua ultima esperienza che hai descritto non saprei che dirti cosa sia e cosa fosse, non so come ti abbia spiegato che c'entri la fisica quantistica possa spiegare il fenomeno che hai vissuto, perchè da quello che so, la fisica quantistica non dovrebbe avere nessun tipo di effetto possibile nel nostro mondo macroscopico.

 

l'unica rimarrebbe un evento inspiegabile che hai vissuto non ancora scoperto di cui non si sa ancora l'origine.

 

solo in un caso ho avuto un sogno ad occhi aperti, diciamo più una visione perchè ero nello stato di dormiveglia, di un essere o entità? che nonostante le apparenti sembianze umane, sono certo

che non era un essere umano.

non l'ho più sognata da allora e ne avuto altri tipi di visioni simili, ci sarebbe comunque da capire e chiedersi il perchè se questi esseri fossero davvero entità esterne e non frutto del nostro inconscio

onirico. 

si manifestano nei nostri sogni o in visioni durante il dormiveglia e cosa vorrebbero insegnarci manifestando la loro presenza.

 

http://www.cosenasco...ogni/?p=1764537


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.






Anche taggato con abduction, ufo, avvistamento

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi