Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies

Foto
- - - - -

Chi ha addotto il papa?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
19 risposte a questa discussione

#1 Bluefalcon

Bluefalcon

    Utente Senior

  • Utenti
  • 306 messaggi

Inviato 04 marzo 2020 - 07:58

semiseriamente...papa Francesco ha l'aria di uno che sa la verità non solo sul suo ruolo ma anche sul resto!
Una delle cose più interessanti che ha detto:"Avvicinarsi troppo a Cristo è molto pericoloso..."
Infatti,ci si trova a tu per tu con uno dei capolavori storici dell'Interferenza aliena.
Naturalmente questo il papà non poteva dirlo,quindi lo dico io.
Il papa si comporta in parte
"da papa"in parte no,ammicca,sorride,schiaffeggia,fa battute e lancia messaggi come quello citato prima che lasciano la gente stupita senza spiegarlo!
Quindi sembrerebbe un addotto doc,libero di dire certe cose,di accennarne altre,di non dirne molte!!!
Gli alieni specialisti nell'addurre leader sono gli illuminati,i "lux",la luce dei cimiteri!
I loro addotti sembrano vivi e sani di mente e in parte lo sono
MA,PER IL RESTO,PARLANO E AGISVONO COME SE SEGUISSERO DELLE ISTRUZIONI,COME AVESSERO UN CONSIGLIERE,SUGGERITORE,MENTORE CHE LI "ILLUMINA"...
Il papa è un addotto doc,uno dei leader più importanti del pianeta,tanto più che i lux strisciano nelle religioni inquinandole ad hoc!!!
  • Khios piace questo

#2 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Moderatore
  • 3437 messaggi

Inviato 04 marzo 2020 - 08:19

Sei sicuro di quello che ha detto il Papa?

 

Per caso non ti riferisci alla frase "avere un rapporto personale con Gesù è pericoloso e molto dannoso".



#3 Spinoza

Spinoza

    Utente in stand-by

  • Utenti
  • 5500 messaggi

Inviato 04 marzo 2020 - 08:31

La frase proseguiva "...al di fuori della comunione e delle meditazioni della chiesa"

 

Dal punto di vista cattolico mi sembra comprensibile.


  • malia e Il Decimo piace questo

#4 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1207 messaggi

Inviato 04 marzo 2020 - 12:50

Una delle cose più interessanti che ha detto:"Avvicinarsi troppo a Cristo è molto pericoloso..."
Infatti,ci si trova a tu per tu con uno dei capolavori storici dell'Interferenza aliena.


Se cerchi la verità, mai decontestualizzare i discorsi di un fratello, amico o nemico che sia. Tu, forse ti meravigli delle "interferenze" "esterne" provenienti dallo spazio siderale ma quelle fanno parte integrante della spiritualità umana. I cristiani, i musulmani, gli ebrei, i raeliani e molti altri vengono guidati 24 ore su 24 dallo Spirito Santo, da Allah, da YHWH-Elohim etc che è sempre la stessa "entità" o personaggio extraterrestre. D'altra parte opposizione anch'essa viene guidata 24 ore su 24 da Satana, diavolo, beelzebub etc che sarebbe un'altra "entità" o personaggio extraterrestre - entrambi immortali. Nello specifico l'ultimo pontifex "universale" (cattolico) avrebbe dichiarato che non c'è spazio per il fai da te nella sua religione. Secondo lui infatti non basta dire "io credo in dio" o "io credo in gesù" al di fuori della comunione e della meditazione della Chiesa. Non è una novità, la chiesa cattolica come quasi tutte le denominazioni cristiane e paracristiane ha sempre promesso inferno per chi tenta di avvicinarsi al "loro" cristo al di fuori della propria ecclesia assemblea setta o comunità. Una domanda nasce spontanea: il Corpo di Cristo sono solo cattolici fedeli al papa oppure tutti i cristiani? Un'altra domanda nasce spontanea: questo è un vero papa o un impostore? Io non mi esprimo in quanto non appartenente a questa congregazione ma quello delle interferenze dal Cielo e quello dell'autenticità dei sedicenti "sacerdoti dell'Eterno" sono due argomenti distinti e indipendenti, attuali oggi, come lo erano millenni fa. Nessuno viene al Padre se non attraverso un suo Figlio o Profeta autorizzato dalla Sorgente, quindi è necessario capire se le predicazioni di un "figlio di dio" o "suo rappresentante" sono da prendere sul serio o sarebbero da liquidare come una tentazione del Male o presunto tale. Ad ognuno il proprio giudizio/ discernimento. Il fatto è che dietro il 'bene' trovi gli Alieni così come dietro il 'male' trovi gli stessi Alieni, non si sfugge alla realtà. Siamo figli delle stelle. Pope Francis: Relationships With Jesus Are Dangerous



#5 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8730 messaggi

Inviato 04 marzo 2020 - 01:04

Nessuno viene al Padre se non attraverso un suo Figlio o Profeta autorizzato dalla Sorgente, quindi è necessario capire se le predicazioni di un "figlio di dio" o "suo rappresentante" sono da prendere sul serio o sarebbero da liquidare come una tentazione del Male o presunto tale. Ad ognuno il proprio giudizio/ discernimento. Il fatto è che dietro il 'bene' trovi gli Alieni così come dietro il 'male0 trovi gli stessi Alieni, non si sfugge alla realtà. Siamo figli delle stelle. Pope Francis: Relationships With Jesus Are Dangerous
 

Ci sarebbe da capire, secondo me, come  mai, visto che è evidente che persino oggi, all'epoca delle telecamere e delle registrazioni che riprendono e registrano tutto, ci sono persone che estrapolano, fraintendono, manipolano pezzi di frasi pronunciate in mondovisione, come mai appunto si considerano, vincolanti e sacrosante, parole dette non si sa come, interpretate non si sa come, trascritte non si sa come, due millenni fa.

 

Me lo chiedo sempre.



#6 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1207 messaggi

Inviato 04 marzo 2020 - 01:37

si considerano, vincolanti e sacrosante


Il potere che sia militare politico o religioso raramente esprime i concetti in modo chiaro e completo, da qui nasce speculazione del popolo sul non detto e sull'eventuale significato nascosto della parte mancante di un discorso o di una dottrina, incomprensibili a causa dell'autocensura. A questo punto chiunque può selezionare qualsiasi cosa e involontariamente decontestualizzare visto che l'insieme resta al di fuori della portata dei fedeli/ ascoltatori, inaccessibile. Finché non si viene a sapere tutto, ogni interpretazione è possibile. In ogni caso le fonti di informazioni "spirituali" da considerare sono esperienza diretta con la Sorgente e "coscienza superiore", non un testo scritto.



#7 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8730 messaggi

Inviato 04 marzo 2020 - 07:00

Il potere che sia militare politico o religioso raramente esprime i concetti in modo chiaro e completo, da qui nasce speculazione del popolo sul non detto e sull'eventuale significato nascosto della parte mancante di un discorso o di una dottrina, incomprensibili a causa dell'autocensura. A questo punto chiunque può selezionare qualsiasi cosa e involontariamente decontestualizzare visto che l'insieme resta al di fuori della portata dei fedeli/ ascoltatori, inaccessibile.

Un conto è speculare sul non detto, un conto è prendere quel detto per costruirci gabbie o spade, leggi e comportamenti per discriminare, condannare, limitare, ecc.

 

Finché non si viene a sapere tutto, ogni interpretazione è possibile.

 

Ben vengano tutte le interpretazioni: sono sempre fonte di spunti di riflessione. Ma molti considerano già di aver saputo tutto quello che c'era da sapere e pensano che non ci sia più niente su cui riflettere. La morte della ricerca spirituale, in poche parole.

 

In ogni caso le fonti di informazioni "spirituali" da considerare sono esperienza diretta con la Sorgente e "coscienza superiore", non un testo scritto.

 

 

Sono d'accordo. Perchè allora si continuano a riportare versi e versetti? Non c'è niente di spirituale nel riportare versetti.



#8 Bluefalcon

Bluefalcon

    Utente Senior

  • Utenti
  • 306 messaggi

Inviato 06 marzo 2020 - 02:38

Io ho una coscienza,valori, logica ed emozioni ESPERIENZIALI,basate sulla mia esperienza personale,reale di libero soggetto!!!
Quindi,non ho bisogno di autorità,poteri,illuminati o osviri:se la mia esperienza mi dà l'ok va bene se non me lo dà ....niente da fare...avessi davanti Dio o il diavolo...
Io non credo,io penso e se credo credo solo a quello che la MIA esperienza capisce,verifica e approva!!!
Niente e nessuno parla per bocca mia se non IO STESSO,su questo e altro ci potete giurare,ciò non è mai piaciuto praticamente a nessuno o quasi,cosa che non mi ha mai interessato nè preoccupato!!
Piacere o non piacere,fischi o applausi...mondanità varie ...soldi...potere...SONO MENO CHE NIENTE PER ME,NON MI INTERESSANO!
Io sono quello che sono e basta,chi mi vorrebbe migliore o peggiore o diverso con me rischia eccome,quindi meglio che rinunci!
L'unico problema semmai è COME MANDARE ALL'INFERNO "ANGELI" E "DEMONI",la schizofrenia e la paranoia planetaria e,soprattutto la NOIA terrena!
Questo è possibile farlo in un modo paradossale:IGNORANDO E LASCIANDO IL MONDO QUAL È,APPESO A SÈ STESSO!
RITIRATA TATTICA,INDIVIDUALITÀ STRATEGICA,NESSUNA SFIDA,SCONTRO,MIRACOLO O DISASTRO.
Io vado per la MIA STRADA,LA TENGO SGOMBRA E LIBERA,OGNI TANTO INCONTRO ALTRI E ALTRE STRADE COMPATIBILI CON LA MIA,VA BENE COSÌ!
Gli Dei non sono Dio e Dio,per fortuna mia,non è uno di loro...
  • Glianta piace questo

#9 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Moderatore
  • 3437 messaggi

Inviato 06 marzo 2020 - 09:00

Ma vedi... sei tu che hai citato il Papa e una sua presunta affermazione, quindi direi di partire da li.

 

L'affermazione risulta estrapolata da un concetto più vasto e decontestualizzata.

 

Se fondi il tuo concetto su qualcosa che già in partenza è errato o comunque cucito attorno al tuo pensiero, per rafforzare le tue tesi, non ha senso proseguire con il ragionamento. Tale ragionamento, infatti, si basa su qualcosa di travisato, inesatto... e tutto crolla.



#10 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8730 messaggi

Inviato 06 marzo 2020 - 09:18

Se non hai bisogno di autorità, perchè citi un'autorità (manipolando un suo discorso)?



#11 Bluefalcon

Bluefalcon

    Utente Senior

  • Utenti
  • 306 messaggi

Inviato 06 marzo 2020 - 01:10

così come è stata completata ha chiarito semmai quello che intendevo dire.
Io non considero il papa un'autorità per me ma una autorità della sistemica mondiale.
Ho dimostrato che come tale si comporta in modo ambiguo e contraddittorio:da un lato fa il papa a metà,dall'altro rivendica l'imprimatur della chiesa nella questione Cristo affermando che ogni altro rapporto con Cristo fuori da quel contesto è pericoloso...quindi sconsigliabile e sconsigliato!
Quindi tutto logico,perfino iniziando con una frase sola,tutto scontato come ha scritto uno di voi,una autorità tradizionale per metà e inusuale per il resto,il che poi crea una bella confusione nella testa dei fedeli!!!
La relazione con gli alieni è quella con i falsi padreterni e illuminati,che BALLANO MALE IN QUESTO PERIODO PERCHÈ SI STA SGRETOLANDO IL LORO MONDO,LA LORO TERRA;LORO ODIANO L'UOMO SANO,LIBERO,CREATIVO,QUINDI CERCANO DI ADDURRE PIÙ LEADER POSSIBILI IN OGNI CAMPO DELLA VITA UMANA!
Il papa,per loro,è una preda desiderata quanto utile,dato che,oltre ad essere str...i,sanno che influenzare la gente credente è uno dei mezzi di plagio e di manipolazione migliori!
Per me tutto questo è interessante come discorso sociologico e psicologico,informazione e discussione!
Peraltro a me il papa è simpatico,non ce l'ho con le religioni nè con Cristo,sono credente ma non amo la morte e i morti,i sacrifici umani e animali
e tanto meno quelli che operano nel nascondimento giorno e notte per fregare voi e me!
QUELLI E QUELLE ....SE L'ASPETTINO QUANDO MENO SE L'ASPETTANO...SE PENSANO DI FARLA FRANCA...

#12 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1207 messaggi

Inviato 06 marzo 2020 - 01:20

Un conto è speculare sul non detto, un conto è prendere quel detto per costruirci gabbie o spade, leggi e comportamenti per discriminare, condannare, limitare, ecc.


Ok. Qui analizzo il concetto nessuno viene al Padre se non attraverso il Figlio, che troviamo nel canone giudeocristiano e quello raeliano.

Se uno è già con il Padre nello spirito, non ha certo bisogno di andare verso il Padre, essendo i due Uno, pertanto la frase incriminata è stata scritta per quelli che vorrebbero arrivare al Padre ma attualmente ne stanno abbastanza (o troppo) lontani. Per questi vale suddetta regola, secondo la quale uno dei Figli diretti, Yahshua, Rael, etc, diventa l'unica Porta d'ingresso al trono presso il Padre dove tutti siamo chiamati ad entrare, per avere vita eterna come da promessa fin dal Principio. Il concetto qui espresso non condanna i giusti che hanno percorso sentieri alternativi ma sta dicendo ai perduti - quelli ancora recuperabili di affrettarsi ad entrare per quella porta indicata. Anche perché sono i ladri e briganti a tentare di entrare dalla finestra ma vengono fermati e respinti da "Arconti" o chi per loro. Chi è già dentro, è dentro, non sarà buttato fuori, e chi è fuori, è fuori, non si entra dalla finestra oppure rubando chiavi. Occorre essere invitati dal padrone di casa. Se uno si trova nella Casa del Padre per meriti e opere compiute in Terra, è già dentro, simbolicamente e letteralmente, non ha bisogno di "entrare". Solo colui che è fuori (di Sé) ha bisogno di entrare, dunque ha bisogno di conoscere, trovare la Porta (il Figlio). Se qualcuno è sveglio non ha bisogno di svegliarsi. Ma il morto ha bisogno di essere risvegliato. Dal Figlio, appunto. E da nessun altro. Perché se fosse in grado di risvegliarsi "da solo" oppure da ciarlatani e falsi profeti/ scientisti che trovi in giro in grande numero, oggi non sarebbe un Dormiente costretto a mendicare salvezza correndo da un "maestro" ad un altro - per decenni, senza alcun successo e miglioramento apprezzabile. Questa è Logica.
 

Ben vengano tutte le interpretazioni: sono sempre fonte di spunti di riflessione. Ma molti considerano già di aver saputo tutto quello che c'era da sapere e pensano che non ci sia più niente su cui riflettere. La morte della ricerca spirituale, in poche parole.


Se fossero accorti e attenti, i cristiani avrebbero letto/ saputo/ compreso che non è il testo scritto che dev'essere il loro riferimento ma ciò che gli comunica lo Spirito Santo personalmente. La differenza è notevole in quanto il testo scritto accenna un discorso generico senza spiegarlo né adattarlo alla comprensione del fedele/ ricercatore. Mentre lo Spirito Santo spiega il suo significato preciso e spiega come si fa a metterlo in pratica con esempi, in modo da non sbagliare, fraintendere.
 

Sono d'accordo. Perchè allora si continuano a riportare versi e versetti? Non c'è niente di spirituale nel riportare versetti.


Io riporto solo i versetti che confermano le mie scoperte nel campo della logica, madre di tutte le scienze, e nel campo della spiritualità. Ma non saprei dire se questi versetti con la relativa traduzione in italiano sono arrivati fino a noi "per puro caso" oppure perché sono autentici. La cosa non mi riguarda non essendo uno scienziato di professione. Per me sono aperte entrambe le possibilità. Come non ci sono prove sull'esistenza del Gesù storico ma io dico che esiste perché è logico che ci sia.
 

chi mi vorrebbe migliore o peggiore o diverso


E chi è che ci vorrebbe migliori o peggiori o diversi? Da quando il mondo è mondo l'uomo fa ciò che vuole, e questa è una caratteristica fondamentale delle coscienze autoprogrammabili ovvero libere. Se così non fosse, l'uomo non sarebbe uomo bensì animale, invece non è così perché l'uomo fu creato differente dalle bestie, è un progetto distinto e indipendente. Le religioni e alcune correnti filosofiche (la cura per i malati) sono state concepite per quelli che le desiderano non certo per coloro che non ne hanno bisogno. Se una persona ha bisogno di un specifico farmaco che per lui funziona e non ha effetti collaterali, non significa che tutta l'umanità deve prendere quel farmaco - anche perché per loro sarà dannoso. Ma non per questo bisogna vietare il farmaco. Basta leggere le istruzioni, dove è scritto per chi è stato fatto quel farmaco e chi NON deve prenderlo assolutamente. Se uno si rifiuta di leggere le istruzioni ma prende i farmaci a caso e poi muore, la colpa è sua. Una religione non adatta può uccidere lo spirito, la coscienza superiore, l'Essere che siamo. Pertanto ci hanno donato il libero arbitrio in modo da non dipendere da altri, uomini e istituzioni, ma che possiamo scegliere cosa fare o non fare della Vita.
 

Gli Dei non sono Dio e Dio,per fortuna mia,non è uno di loro...


Se permetti dico la mia, sono Ateo al 100% il che vuol dire: non credo in nessuna forma di divinità. Potrei quindi combattere gli Dèi e Dio in quanto parte della truffa globale millenaria ma non lo faccio perché rispetto il desiderio della maggioranza che preferisce sottomettersi e sottostare al diktat di certi usurpatori "divini". Io gli lascio i loro Dèi, il loro Dio, le loro Divinità, mi limito a demistificare religione e spiritualizzare scienza. Perché la vera Scienza è un'altra cosa, e la vera Religione è un'altra cosa. Tra l'altro l'uomo moderno ha esigenze diverse dagli uomini delle epoche prescientifiche. La religione e scienza di oggi non possono essere medesime della religione e "scienza" di 2000 o 8000 anni fa. A me sembra ridicolo seguire le stesse regole sociali morali e "spirituali" che sono state inventate per uomini primitivi e cannibali.



#13 hydrargyrum

hydrargyrum

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 228 messaggi

Inviato 06 marzo 2020 - 02:08

Se permetti dico la mia, sono Ateo al 100% il che vuol dire: non credo in nessuna forma di divinità.

 

[...]

 

Tra l'altro l'uomo moderno ha esigenze diverse dagli uomini delle epoche prescientifiche. La religione e scienza di oggi non possono essere medesime della religione e "scienza" di 2000 o 8000 anni fa. A me sembra ridicolo seguire le stesse regole sociali morali e "spirituali" che sono state inventate per uomini primitivi e cannibali.

 

Gabriel, sei ateo e questa è la tua opinione. Fino a quando vivremo in uno stato democratico hai diritto ad averne una. Ma vedi, io sono di parere opposto: il Divino esiste, anche se non è un signore con la barba né alcuna rappresentazione antropomorfa. Il Divino - sempre secondo me - è dentro e fuori di me, di te, di ciascun essere vivente di questo pianeta; è nell'universo, forse è l'universo stesso. E la divinità è in ciascuno di noi (in alcuni casi molto ben nascosta), anche tu sei Dio, anche io, siamo tutti parte del Divino.

 

Riguardo all'altro punto non sono d'accordo. Sì, forse - ripeto: forse - siamo più evoluti e più o meno raffinati rispetto ai nostri antenati di 6.000 anni fa. Ma siamo essere umani e, prima di filosofare su qualsiasi argomento (e nonostante la scintilla divina dentro di noi) siamo principalmente carne soggetta a quelle 5-6 esigenze fisiologiche come altre specie animali su questa terra: respirare, bere, mangiare, riprodurci, cercare la nostra sopravvivenza. Poi viene tutto il resto.



#14 Bluefalcon

Bluefalcon

    Utente Senior

  • Utenti
  • 306 messaggi

Inviato 07 marzo 2020 - 01:33

Tenete conto anche di questo:

a)anni fa alcuni neurofisiologi hanno scoperto aree nel cervello
umano molto interessanti:

https://www.google.c...Qt7Bn_w8QvDMnfz

b)Viktor Frankl:

https://it.m.wikiped...i/Viktor_Frankl

Adesso mettete in connessione i due temi e ti

riflettete,ciao

#15 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1207 messaggi

Inviato 07 marzo 2020 - 02:34

il Divino esiste,


Ciao. Sì, il Divino esiste, dipende dal significato che vogliamo associare a tale parola molto importante: etimologico, storico, semantico, culturale, filosofico, religioso etc. Sarebbe impossibile parlare di un argomento tanto vasto senza delinearne i confini e ambito.

Io ho sempre detto "quelli che cercano Dio, in realtà stanno cercando coscienza" e quando parlo della coscienza, nel contesto, intendo non quella di base, che ci fa consapevoli che siamo umani e di avere un nome, o un ruolo nella società - ma intendo quella 'superiore' che ci rende liberi di. Liberi di sperimentare la nostra vera natura di Esseri. Liberi di agire al di fuori delle regole del branco di appartenenza casuale. Liberi di sapere "chi io sono donde sono venuto, dove sto andando".

Noi siamo anima e spirito che adopera un corpo, non siamo corpi che 'possiedono' un'anima e uno spirito. Anche se per me anima e spirito che siamo, non sarebbero qualcosa di mistico, e sovranaturale ma piuttosto qualcosa di concreto, e tangibile in qualche modo.

Alcuni parlano di Dio ma pensano all'Arché dei presocratici, principio di Tutto. Altri parlano di Dio ma pensano all'infinito o all'universo stesso che certamente risulta vivo e onnipresente ed è eterno, ma non cosciente di noi. Altri ancora parlano di Dio ma pensano ad una Persona immortale più o meno antropomorfa, la cui descrizione abbonda nei Miti di tutti i popoli, dai Greci agli Ebrei - questi erano culti inizialmente politeisti poi a volte confluiti nei vari monoteismi recenti. Ci sono anche quelli che parlano di Dio ma pensano ad uno "spirito guida" personale o voce interiore che farebbe parte degli esseri umani. Ci sono quelli che parlano di Dio ma pensano ad un "insieme di spiriti" relativamente potenti che governano innumerevoli regni invisibili, oppure altre dimensioni, immateriali.

Nella storia grandi e piccoli pensatori hanno provato a definire il Divino, ognuno in modo diverso.

Come si fa a stabilire chi tra loro ha ragione e chi torto, chi si è avvicinato di più alla Verità Ultima, chi è rimasto indietro, chi ha solo usato fantasticheria tirando a indovinare?

Sarebbe facile dire "Dio esiste perché molti ci credono" quando questi "molti" ai quali ci si riferisce ognuno ha una visione completamente diversa del Divino, tutte rispettabili ma appunto diverse. Talmente diverse che si escludono a vicenda.

Già nella stessa religione Cristiana, pare, "convivono" (si fa per dire) correnti di pensiero inconciliabili nonostante i concili. Come si fa a parlare ancora dello stesso Dio? Come si fa a parlare di Dio, vista la babele di dottrine che si rifanno al "Divino", tutte differenti troppo differenti. I cristiani di questo e di altri secoli hanno vissuto ognuno il proprio concetto del divino in modo diverso ed opposto. Basta ricordare in ordine cronologico il Giuda Iscariota, Saulo di Tarso, Clemente Alessandrino, Teodosio I il Grande, Innocenzo III (Lotario dei conti di Segni), Martin Lutero, Giordano Bruno, Joseph Smith jr, Teilhard de Chardin, Maria Valtorta, Madre Teresa di Calcutta, George Adamski, sono tutti cristiani che credevano in un solo Dio ma il Dio di ognuno era molto differente l'uno dall'altro. Del resto anche molti agnostici e alcuni "atei" credono in qualche forma di Dio ma non osano a chiamarlo Dio.

Così pure ognuna delle grandi religioni esistenti sulla Terra ha mille diramazioni, per non parlare dei Veda e di una infinità di dèi differenti dei culti minori e poco conosciuti. Se ci fosse UN dio, tutti questi dèi e uomini loro adoratori, si sarebbero messi d'accordo e sarebbero UNO. Invece...

Prove? Alcuni dicono di avere prove del divino, addirittura prove scientifiche. Ma quali prove? Quella non è scienza. Quando un mistico ha la visione di Dio, potrebbe benissimo aver visto "soltanto" un alieno. La dimostrazione che quello è Dio dove sta? Il fatto di esperire una pace non di questo mondo, conversione alla giustizia, guarigioni dette "miracoli"? Gli alieni sono capaci di compiere questo e altro. Quando i veggenti di Fatima vedono una signora che credono la Madonna e poi un Sole multicolore roteante che viaggia rapidamente nel cielo sopra quella località, beh è ovvio che fu opera di alieni. Lo sanno tutti e oggi ciò è evidente.

Il che non rende questi avvenimenti e quelle esperienze meno spirituali, meno significativi, o ingannevoli. C'è solo un dislivello spirituale e scientifico tra due civiltà nel cosmo. Non è un inganno volontario, è illusione ottica, mentale e psicologica ma non spirituale. Ieri potevamo credere e basta oggi nell'era scientifica possiamo anche comprendere chi sono loro chi siamo noi, e come siamo stati creati. Cosa significa elevazione spirituale. Da cosa dipende la nostra felicità qui-ed-ora e il nostro futuro. Come non autodistruggersi.

Io dico che anche gli Atei volendo possono essere credenti in qualcosa o Qualcuno, anche gli Atei possono comprendere la Realtà "nascosta" non immediatamente accessibile, possono risvegliarsi ed essere "salvati", tutto ciò non è un'esclusiva dei membri di una fede basata sul soprannaturale, o qualche congregazione/ 'eggregora' ufficialmente riconosciuta dalle masse. Tu puoi sperimentare la coscienza superiore, Essere colui che sei, riconoscerti e pure contattare la Sorgente direttamente o indirettamente, anche senza credere in qualunque forma di divinità, o interpretando le Divinità di cui parla il Mito come Esseri extraterrestri uguali a noi Terrestri pur tuttavia molto più progrediti nella scienza e spiritualità. Infatti l'Ateismo non esclude la vera spiritualità, anzi, la rafforza secondo me.

La mia visione del "Divino" è particolare.
Origine: gli umani sono stati creati, grazie all'ingegneria genetica da una civiltà extraterrestre 25000 anni avanti a noi, a "loro immagine e somiglianza", maschio e femmina.
Infinito: l'universo è infinito nello spazio ed eterno nel tempo, è sempre esistito e sempre esisterà. La parte visibile dalla Terra è vivente e fa parte di qualcosa/ qualcuno immensamente più grande, ed anche quello non è tutto, c'è molto di più.
Immortalità: viene ottenuta tramite un procedimento scientifico chiamato Clonazione (di tipo integrale) che gli antichi chiamarono Resurrezione. In alcune religioni divenne Reincarnazione.
Anima: è ciò che anima l'organismo umano nel suo insieme dunque parliamo di DNA, il Codice Genetico - che è diverso, unico e irripetibile per ogni essere.
Uomo: un robot autoriproducibile e autoprogrammabile fabbricato in laboratorio per essere felice, amare, creare, scoprire, sperimentare la sua vera natura, raggiungere eternità, elevare coscienza, fare ciò che vuole o non fare niente, non per caso nasce libero, è libero.
Dio: un'errata traduzione e interpretazione superficiale della parola Elohim che etimologicamente vuol dire "Coloro che sono venuti dal cielo". Diventò "Theos" in greco, "Deus" in latino, "Dio" in italiano in singolare ma è un plurale.
Paradiso: un luogo paradisiaco (vedere il Corano, a proposito), materiale, sarebbe il pianeta degli eterni, dove già 8400 uomini della Terra sono stati ricreati e dove vivono 700 Eloha eterni. Si trova nella nostra galassia in un altro sistema stellare.
YHWH: è governatore supremo e legislatore della civiltà extraterrestre degli Elohim. E' un Essere di saggezza incommensurabile. E' anche il presidente del consiglio degli eterni, il primo immortale.
Satana: l'addetto alla sicurezza per questa zona dell'infinito che tra l'altro guida l'opposizione (attualmente in minoranza) e colui che testa o "tenta" alcuni Terrestri specialmente i profeti prima di affidargli una missione.
Spirito: sono i centri superiori della coscienza nel cervello umano ma anche fuori dal cervello. A volte va tradotto come "intelligenza" altre volte come "astronave" dipende dal contesto. Di solito s'intende 'Essere'.
Spirito santo: non santo ma sano, si parla dell'Essere o coscienza del rappresentante dei creatori, che per gli Ebrei è YHWH, per altri popoli a volte è sempre lui sotto un altro nome o a volte un altro Eloha immortale.
Razza: sì, le razze esistono, nel Mondo extraterrestre in questione da dove sono partiti gli Elohim, ci sono 7 razze, nera, bianca, rossa, gialla etc e loro hanno riprodotto queste razze anche qui. Non è vero, che derivano l'una dall'altra.
Preghiera: in origine era il tentativo di contatto telepatico con i nostri creatori, o uno di loro, un loro rappresentante, ad esempio YHWH che nella Bibbia (NT) viene chiamato "Padre" perché effettivamente è uno dei nostri Padri. I nostri veri padri non sono quelli terrestri ma quelli celesti.
Amore: è principio di ogni cosa, non c'è progresso né spirituale né materiale senza Amore incondizionato quando si è Amore e non ci si limita ad "amare" un limitatissimo numero di persone/ divinità un giorno sì e due giorni no. I nostri creatori amano noi, le loro creature, infinitamente.
Spiritualità: significa risveglio, il ri-Conoscersi, connettersi alla Sorgente. Nulla a che fare con la credenza o con la sottomissione alle regole arbitrarie di questo o quel culto. Anche se gli esercizi spirituali possono contribuire al risveglio e alla "salvezza" di molti credenti.
Giudizio: universale o finale, sarebbe il ritorno dei profeti, è il momento quando una delle tre umanità create dagli Elohim riceverà la loro eredità scientifica, mentre quella spirituale e politica ci sono già state donate nel 1973 Anno Domini.

Ovviamente quanto scritto è solo "opinione" - e privo di garanzie. Prendere o lasciare.



#16 Bluefalcon

Bluefalcon

    Utente Senior

  • Utenti
  • 306 messaggi

Inviato 07 marzo 2020 - 02:19

si può prendere in parte...
Io non ho mai capito l'ateismo,
non come tale ma come motivazione psicologica: se uno non ha bisogno di Dio perchè ne parla?
Io non ho bisogno di autorità,quindi non ne faccio un tema,un dibattito,una critica:magari qualcuno altro ne ha bisogno,chi sono io per teorizzare una mia caratteristica?
Nel contempo non capisco il credente che si comporta come l'ateo facendo un discorso opposto
Chi è il credente per fare un casino in base a una sua caratteristica?
Sarebbe come se uno non credesse agli occhi blu perchè li ha marroni
Insomma faccio per dire che ognuno è umano alla sua maniera,perchè mai dovrebbe sopravvalutarsi illudendosi che la propria umanità vada bene anche per altri?
OGNUNO HA LA PROPRIA!!!


una reazione ribelle a un fantasma genitoriale

#17 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1207 messaggi

Inviato 07 marzo 2020 - 03:55

si può prendere in parte...
Io non ho mai capito l'ateismo,
non come tale ma come motivazione psicologica: se uno non ha bisogno di Dio perchè ne parla?


Forse, confondi agnosticismo con ateismo.

Nell'agnosticismo la creatura umana non sa nulla della sua origine e struttura "mistica" o almeno non ha certezze sull'argomento (pensa che agli umani non è dato di accedere a tali dati quindi inutile cercare le grandi verità spirituali) ergo sarebbe opportuno non esprimersi.

Nell'ateismo invece si nega esplicitamente non la spiritualità umana, bensì la sua eventuale parte immateriale e sovranaturale. E' coerente dunque parlarne visto che l'ateo ha idee molto precise sull'argomento. Non per caso esistono Atei Gnostici.

Il problema si complica, perché molti si spacciano per atei senza esserlo, inoltre la Gnosi cambia da una corrente all'altra, non c'è un unico gnosticismo cristiano tanto meno extracristiano. Esistono cioè persone che pur non avendo fatto alcuna ricerca e totalmente privi dell'esperienza diretta si esprimono sull'esistenza del Divino o di Dio ad esempio. Negano quello che non sanno. Per ragioni politiche, non religiose o spirituali. Questi in realtà non sono atei ma agnostici.

Tra l'altro bisogna distinguere il credere dal capire. Uno può credere nell'esistenza o inesistenza del Divino o di Dio o delle Divinità, oppure uno potrebbe comprendere perché il Divino o Dio o Divinità esistono o non esistono. Chi fa ricerca seria ha il diritto a esporre i risultati di tali studi e esperienze. Chi non fa ricerca e parla, sta solo giocando con le parole, sta mentendo a se stesso e al prossimo.

Non c'è la stessa motivazione psicologica dietro alle dichiarazioni di un Ateo Gnostico e dietro le affermazioni di un finto/ falso ateo oppure un agnostico che esprime i concetti a caso o che riferisce quello che ha letto e che non ha capito, nemmeno creduto.

Infine, noi possiamo sostenere le stesse idee ma nel tentativo di spiegarle utilizzare parole di significato apparente molto diverso cosicché pur pensando le stesse cose considerare se stessi uno "ateo" l'altro "credente" o comunque possibilista. E' una questione solo linguistica, troppo spesso.

Purtroppo la stessa parola per un scienziato e per un religioso può avere significato diametralmente opposto. E non si può contestualizzare o tradurre perché non si conosce il linguaggio dell'interlocutore. Ci resta intuizione, empatia... e il tirare a indovinare cosa esattamente l'altro voleva dire con una determinata parola, frase, locuzione, modi di dire, battute, ironia e autoironia. Anche simboli e parabole.

Se uno non ha bisogno di Dio perchè ne parla? Probabilmente hai dimenticato che uno potrebbe chiamare Dio con un altro nome. E tante altre combinazioni possibili.

"Che cosa c'è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome di rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo".

Qui sta la chiave. Non basta ascoltare quello che uno dice, la vera comunicazione è vedere oltre le parole. Pochissimi ne sono in grado. Più sì è Sé stessi e più si è Uno, vicini alle altre creature equivalenti. L'uomo non può veramente vivere senza la spiritualità. Solo che - alcuni chiamano questo "fenomeno" il Divino o Dio o Divinità, altri preferiscono parole come coscienza superiore, Essere etc.

Occorre dunque mettersi d'accordo sul significato della parola scritta anche perché lettera uccide lo spirito vivifica.
 

respirare, bere, mangiare, riprodurci, cercare la nostra sopravvivenza.

Poi viene tutto il resto.


Eh, sarebbe sufficiente stabilire se questo "resto" c'è o non c'è, indipendentemente dai nomi e dallo stile di vita.



#18 Bluefalcon

Bluefalcon

    Utente Senior

  • Utenti
  • 306 messaggi

Inviato 07 marzo 2020 - 10:27

Ti dò ragione sul fatto dei nomi e,in questo caso,possiamo riferirci alla programmazione neurolinguistica(PNL)
L'esperienza di ognuno di noi è centrale,noi per descriverla e capirla usiamo dei nomi che dovrebbero farla capire anche agli altri,ma spesso non è così!
Vi faccio un semplice esempio:rispetto
"Bisogna avere rispetto,io rispetto gli altri!"
Parole sacrosante ma...che cosa significa rispetto?Quello che tu definisci come rispetto lo è anche per me?
Bandler e Grinder,ideatori della PNL,propongono un modo interessante per capirlo:dare corpo alla parola e spiegarla in termini di esperienza reale!
"Come sai di rispettare gli altri?" chiedono,vediamo una risposta possibile:
"Beh,prima di tutto,evito aggressioni fisiche"
IL RISPETTO VIENE DEFINITO CON UN REFERENTE FISICO:IL NON FERIRE FISICAMENTE L'ALTRO
"Bene,questo è importante,c'è dell'altro?"
"Si,non invaso la sua prossemica,non mi avvicino più di quel tanto!"
UNA ALTRO BUON REFERENTE FISICO,NON INVADO LO SPAZIO PERSONALE!
"Ok,allora abbiamo chiarito due punti:tu rispetti gli altri non frendoli fisicamente e non invadendo lo spazio personale:c'è dell'altro?"
"Beh...dunque...lo guardo dritto negli occhi...propongo uno sguardo diretto,chiaro!"
QUESTO È UN REFERENTE VISIVO IMPORTANTE
"Ok,lo sguardo diretto,senza tentennamenti o ammiccamenti,un terzo aspetto del rispetto che usi!"
"Si...uhm...a pensarci bene ce ne sarebbe un altro..."
"Quale?"
"Parlo con una voce normale senza gridare o mormorare,mi faccio capire bene!"
QUARTO REFERENTE,QUESTA VOLTA UDITIVO!
"Bene,un tono di voce e un volume gradevole,equilibrato!"
"Si,certo..."
"C'è dell'altro?"
Avete capito che,in questo modo,la parola rispetto diventa 4 comportamenti CHIARI E DEFINITI in termini PERCETTIVI SENSORIALICONTATTO FISICO,SPAZIO FISICO,CONTATTO VISIVO E UDITIVO!
In questo modo può essere capito da chiunque e CONDIVISO O MENO,ma CAPITO!
La stessa cosa si può fare con nomi del genere "amore","odio","violenza","Anima"ecc...
BISOGNA TRADURRE I NOMI IN "PROCESSI" ESPERIENZIALI FISICI,VISIVI,UDITIVI:QUESTO PRIMA DI TUTTO!Poi si può passare a quelli cognitivi e capire bene il significato personale del parola stessa!
In questo modo gli altri possono capire,confrontare con la loro propria esperienza ,condividere o meno!
Perchè vi ho parlato delle aree mistiche del cervello?
Proprio per il discorso che stiamo facendo:stimolando quelle aree tutti gli esseri umani testati HANNO SENSAZIONI,FANTASIE
VISIVE,IMPRESSIONI UDITIVE che possono essere descritte e capite!
Questo indipendentemente dal loro possibile significato religioso:
anche gli atei le sperimentano e questo è davvero interessante per il discorso religioso:il cervello dà esperienze simili in persone credenti o meno!
Allora,le religioni hanno una base cerebrale?Oppure è la cerebralità ad essere interpretata in chiave religiosa o mistica?
E COME MAI CI SONO QUELLE AREE?
La mia risposta potrebbe deludere qualcuno:i nostri antenati hanno fatto uso di droghe naturali intensamente e a lungo,questo è assodato dalla ricerca antropologica e dallo studio delle tribù!
Nel cervello ci sono i recettori del cannabinolo,questo significa che la cannabis è stata talmente usata da creare quei recettori!
Inoltre,il nostro cervello produce le endorfine,droghe naturali similoppiacee e altre sostanze euforizzanti,piacevoli,
stimolanti!
Oltre a questi aspetti gradevoli,il cervello produce anche sostanze ipnotiche e allucinatorie:questo è stato scoperto analizzando il sangue e le urine di malati psicotici!
IL CERVELLO UMANO È UN LABORATORIO BIOCHIMICO ED ELETTRICO
FENOMENALE,CAPACE DI PRODURRE SOSTANZE ED EFFETTI DIVERSI A SECONDA DEL MOMENTO:LA NOSTR ESPERIENZA È ANCHE QUESTO E SEMPRE!
Quindi,quando parliamo di mistica,religione,spiritualità,ma anche di ateismo e altro,dobbiamo tenerne conto,non possiamo astrarcene!!!
Un mio amico medico mi diceva che se noi percepiscono quello che succede nel nostro corpo non potremmo vivere:LE ENDORFINE AGISCONO IN CONTINUAZIONE COME
ANALGESICI,STIMOLANTI,COADIUVANTI
E GRATIFICANTI!!!
E LO FANNO ANCHE NEI PROCESSI MENTALI COGNITIVI:ci sono batteri parassiti che interferiscono con esse al punto da creare la "sindrome della stupidità":

https://www.google.c...xGgcGLVCQXbNhlQ

Questo battero aumenta la produzione delle sostanze di cui vi sto parlando creando una malattia definibile come "instupidimento"
VISTA LA STUPIDITÀ E LA FUTILITÀ DELL'UMANITÀ ATTUALE,IO PENSO CHE DI QUESTI BATTERI NE ESISTANO PARECCHI,FORSE ANCHE VIRUS LENTI:
QUELLI CHE NOI CHIAMIAMO PARASSITI ALIENI,NON SAREBBERO ALTRO CHE EFFETTI MENTALI DI QUESTA PATOLOGIA!
LO DICO CON PIACERE VISTI I PROBLEMI E GLI EFFETTI CAUSATI DA TUTTA QUELLA GENTE MALATA PROVOCA A CHI NON LO È:CERVELLI BACATI IN PROGRESSIONE GEOMETRICA DENTRO CORPI "UMANI" DI "INSETTI
SOCIALI"!!!!

#19 Spinoza

Spinoza

    Utente in stand-by

  • Utenti
  • 5500 messaggi

Inviato 15 aprile 2020 - 12:44

si può prendere in parte...
Io non ho mai capito l'ateismo,
non come tale ma come motivazione psicologica: se uno non ha bisogno di Dio perchè ne parla?
 

 

Dal punto di vista strettamente ontologico, è un argomento che mi interessa poco.

 

Se ne parla per lo più indirettamente perché i seguaci delle varie divinità rompono i coglioni cercando di impedire le libertà innocue altrui.


  • inmezzoalcielo e dodecaedra piace questo

#20 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 367 messaggi

Inviato 26 aprile 2020 - 06:45

forse il papa è stato addotto dai soldi del vaticano






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi