Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Anime dopo la morte


  • Per cortesia connettiti per rispondere
11 risposte a questa discussione

#1 SpaceAce

SpaceAce

    Utente Full

  • Utenti
  • 1285 messaggi

Inviato 15 febbraio 2020 - 06:29

Allora... anni e anni fa avevo raccontato di un'esperienza paranormale dove io e mia madre avevamo visto, entrambi nello stesso momento, l'ombra di mio padre, morto qualche tempo prima, attraversare il corridoio di casa. Poi mia madre, qualche giorno dopo, tutta spaventata era venuta nella mi stanza raccontandomi che, mentre dormiva, si era sentita abbracciata da qualcuno nel letto (ovviamente pensò potesse trattarsi di mio padre).
Poi più nulla.
Ora...sembra che alcuni bambini (e i cani) riescano a vedere tali spiriti (di nonna defunta o altri) che sembrano apparire davanti a loro.

La domanda che vi pongo è: Ipotizzando che sia tutto vero, perché tali spiriti non ci appaiono in maniera evidente?
Cioè...se voi dovreste morire (facciamo le corna) non vi piacerebbe apparire a qualcuno cui avete amato? Ma intendo proprio un'apparizione VIVIDA e non sfuggente o solo verso i bimbi cui, si sa, uno potrebbe dire che è tutta fantasia della sua mente.
Dunque cosa dovrebbe impedire a tali anime di apparire a codeste persone?
Uno direbbe: per non mettergli paura.
Ma...sinceramente, a qualcuno di voi non piacerebbe vedere lo spirito di una persona a voi cara?

Altra questione:
Perché lo spirito di uno finito ammazzato non viene almeno per dirci "è stato tizio, è stato caio" o perlomeno per farci vedere che "adesso sto meglio, non piangete per me" ?

Altra questione:
Perché gli spiriti di personaggi cattivissimi sembrano essere tra quelli che non si fanno vedere mai? Magari per tormentare qualcuno?
Chessò...Hitler o il tipo sotto casa che ha mietuto tante vittime?

In sintesi: se è tutto vero che i bimbi li vedono e che alcuni dicono di "sentirli" cos'è che impedirebbe a uno spirito di mostrarsi con EVIDENZA? Se l'ombra che io e mia madre abbiamo visto allora cosa gli impediva di fermarsi un po' di più per mostrarsi? Forse per evitare di farci spaventare? Facciamo che quest'ultima ipotesi sia vera...beh, non penso che TUTTI si spaventerebbero poiché non reagiamo tutti allo stesso modo, immagino che alcuni vorrebbero vederli. E viceversa, immagino che alcuni di noi, dopo la morte, vorrebbero perlomeno farsi vedere da qualche persona cara...no?


________________________
...non mi importa di tutte le altre persone,ad ogni minimo sobbalzo che sento, io...chiudo gli occhi e PREGO....di poter tornare indietro

#2 Linger

Linger

    Creatore e motivo di discussioni presso Facebook, Forum ed Altri

  • Utenti
  • 1476 messaggi

Inviato 15 febbraio 2020 - 06:53

Purtroppo non ci appaiono mai in maniera nitida perché non si tratta dei nostri cari. Basta il faro di un'auto che passa in strada, una nuvola, un lieve abbassamento della tensione .. qualcosa che cambi la luce in una stanza e con le aspettative, le speranze, le proprie credenze ... si vede ciò che si spera di vedere ... o meglio si INTERPRETA ciò che si vede come più ci piacerebbe che fosse. Poi dipende anche da chi ha visto prima cosa, da chi ha avvisato prima l'altra persona ... la suggestione ... 

 

Mi dispiace, mi dispiace, mi dispiace è solo un mio parere ma ... è ovvio che tua madre si sia sentita abbracciata "nel sonno". Più difficile sarebbe stato s si fosse sentita abbracciata mentre cucina, stira, rassetta ... insomma in faccende più movimentate che necessitano una certa attenzione.


Creatore e motivo di discussioni presso Facebook, Forum ed Altri Social


#3 Frèyja

Frèyja

    Omnia ab uno

  • Utenti
  • 5324 messaggi

Inviato 15 febbraio 2020 - 07:11

Ho una sola esperienza in merito. Il resto lo ipotizzo.
In teoria quello che appare è un residuo dei corpi sottili (banalmente aura). Già questo, avendo presente un po' il loro funzionamento, rende plausibile che
1- non tutti (anzi, ben pochi) abbiano energia necessaria per manifestarsi
2- non è possibile percepirli coi sensi comuni, perché non sono nella realtà fisica
3- non tutti sviluppano ossessione/attaccamento verso la propria vita terrena, e preferiscono usare la propria energia per seguire strade più consone

No. Non mi piacerebbe apparire ai miei cari, sarei più felice se fossimo in grado di lasciarci andare reciprocamente e con serenità.
Penso anche che col distacco permanente dal corpo, si possa avere una visione più completa e più precisa del senso della vita, che sicuramente comprende anche l'esperienza della morte, nostra e/o delle persone che amiamo. Ciò che faremmo ora potrebbe non avere alcun significato e non essere altrettanto interessante una volta morti.

#4 SpaceAce

SpaceAce

    Utente Full

  • Utenti
  • 1285 messaggi

Inviato 15 febbraio 2020 - 07:57

Purtroppo non ci appaiono mai in maniera nitida perché non si tratta dei nostri cari. Basta il faro di un'auto che passa in strada, una nuvola, un lieve abbassamento della tensione .. qualcosa che cambi la luce in una stanza e con le aspettative, le speranze, le proprie credenze ... si vede ciò che si spera di vedere ... o meglio si INTERPRETA ciò che si vede come più ci piacerebbe che fosse. Poi dipende anche da chi ha visto prima cosa, da chi ha avvisato prima l'altra persona ... la suggestione ... 

 

Mi dispiace, mi dispiace, mi dispiace è solo un mio parere ma ... è ovvio che tua madre si sia sentita abbracciata "nel sonno". Più difficile sarebbe stato s si fosse sentita abbracciata mentre cucina, stira, rassetta ... insomma in faccende più movimentate che necessitano una certa attenzione.

Allora, nel caso da me citato l'ombra in questione era più di un ombra. Era un adulto con tanto di cappello (e mio padre portava il cappello). Ho detto "ombra" poiché il soggetto è passato così veloce, da non avere il tempo di identificarlo tutto.
Vuoi sapere chi ha visto dei due per prima? Entrambi.
In pratica io l'ho visto ma credendolo, appunto, una suggestione, stavo decidendo di non dire nulla e invece mia madre esclama subito: "biiii, chi c'è lì"
Dove l'abbiamo visto?
In casa, di sera.
Noi eravamo in cucina illuminata che faceva luce verso una porzione di corridoio da cui si vedeva la porta della sala d'ingresso. L'ombra esce da questa porta (che era aperta) e fila via verso il corridoio(di cui noi, dal nostro punto, vedevamo solo una porzione).
Ovviamente mia madre ha cercato dappertutto (io ero più spaventato e stavo dietro di lei pronto a scappare verso l'uscita) ma non c'era nessuno.
Ah...e ovviamente non c'era nulla che avesse creato ombra in quanto l'unica luce esistente veniva dalla cucina e per creare ombra qualcosa doveva porsi tra la luce e la porta d'ingresso.

L'unica spiegazione che posso darmi in maniera razionale è "suggestione collettiva" ma mancano le cause scatenanti in quanto stavamo lì tranquilli parlando del più e del meno di cose normalissime.


________________________
...non mi importa di tutte le altre persone,ad ogni minimo sobbalzo che sento, io...chiudo gli occhi e PREGO....di poter tornare indietro

#5 tornado

tornado

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 17946 messaggi

Inviato 16 febbraio 2020 - 11:00

Allora, nel caso da me citato l'ombra in questione era più di un ombra. Era un adulto con tanto di cappello (e mio padre portava il cappello). Ho detto "ombra" poiché il soggetto è passato così veloce, da non avere il tempo di identificarlo tutto.
Vuoi sapere chi ha visto dei due per prima? Entrambi.
In pratica io l'ho visto ma credendolo, appunto, una suggestione, stavo decidendo di non dire nulla e invece mia madre esclama subito: "biiii, chi c'è lì"
Dove l'abbiamo visto?
In casa, di sera.
Noi eravamo in cucina illuminata che faceva luce verso una porzione di corridoio da cui si vedeva la porta della sala d'ingresso. L'ombra esce da questa porta (che era aperta) e fila via verso il corridoio(di cui noi, dal nostro punto, vedevamo solo una porzione).
Ovviamente mia madre ha cercato dappertutto (io ero più spaventato e stavo dietro di lei pronto a scappare verso l'uscita) ma non c'era nessuno.
Ah...e ovviamente non c'era nulla che avesse creato ombra in quanto l'unica luce esistente veniva dalla cucina e per creare ombra qualcosa doveva porsi tra la luce e la porta d'ingresso.

L'unica spiegazione che posso darmi in maniera razionale è "suggestione collettiva" ma mancano le cause scatenanti in quanto stavamo lì tranquilli parlando del più e del meno di cose normalissime.

 

In quell'ombra hai riconosciuto tuo padre, senza nessun dubbio? Oppure credi che possa essere stato lui ?

 

Io per 2 volte ho visto mio nonno, ai piedi del letto, durante episodi di paralisi cosciente del sonno, una volta la mattina e una volta il pomeriggio, con la luce atmosferica. Ho visto proprio la sua faccia, a mezzo busto,  immobile. Ci guardavamo entrambi dritti nelle palle degli occhi, lui aveva un'espressione attonita, non abbiamo comunicato e io non avevo nessuna facoltà di pensiero, mi ha provocato solo stupore, ma non paura. Le visioni sono durate pochi secondi, poi è sparito tutto ad un tratto.  In entrambe le esperienze, mi sveglio semplicemente e mi ritrovo paralizzato, ma riesco ad avere gli occhi semi aperti in direzione della posizione di dove si trovava mio nonno, lo vedevo come in carne e ossa, non etereo, non come un ombra, ma completamente riconoscibile. Era abbastanza ringiovanito rispetto ai suoi 90 anni quando è andato via, diciamo intorno ai 75 anni e non indossava nulla nel mezzo busto che vedevo, ma non era neppure nudo, non so come spiegarlo  :icon_eek:  era come rivestito di luce. L'ho sempre distinto dalle allucinazioni ipnagogiche che invece mi è capitato di avere durante le paralisi coscienti, queste sono indefinite, si muovono, interagiscono con me, mi parlano, mi toccano, non svaniscono. Mentre le visioni di mio nonno era chiare, distinte e definite, senza interferenza e comunicazione tra noi due, ed è svanito improvvisamente, ho sempre pensato che si fosse aperta una sorta di finestra astrale  :icon_cool:


330x242_placeholder2.jpg


#6 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 23917 messaggi

Inviato 20 febbraio 2020 - 02:13

Allora, nel caso da me citato l'ombra in questione era più di un ombra. Era un adulto con tanto di cappello (e mio padre portava il cappello). Ho detto "ombra" poiché il soggetto è passato così veloce, da non avere il tempo di identificarlo tutto.
Vuoi sapere chi ha visto dei due per prima? Entrambi.
In pratica io l'ho visto ma credendolo, appunto, una suggestione, stavo decidendo di non dire nulla e invece mia madre esclama subito: "biiii, chi c'è lì"
Dove l'abbiamo visto?
In casa, di sera.
Noi eravamo in cucina illuminata che faceva luce verso una porzione di corridoio da cui si vedeva la porta della sala d'ingresso. L'ombra esce da questa porta (che era aperta) e fila via verso il corridoio(di cui noi, dal nostro punto, vedevamo solo una porzione).
Ovviamente mia madre ha cercato dappertutto (io ero più spaventato e stavo dietro di lei pronto a scappare verso l'uscita) ma non c'era nessuno.
Ah...e ovviamente non c'era nulla che avesse creato ombra in quanto l'unica luce esistente veniva dalla cucina e per creare ombra qualcosa doveva porsi tra la luce e la porta d'ingresso.

L'unica spiegazione che posso darmi in maniera razionale è "suggestione collettiva" ma mancano le cause scatenanti in quanto stavamo lì tranquilli parlando del più e del meno di cose normalissime.

 

 

Come ti ha già spiegato l'utente che hai citato, basta davvero un niente per creare quel genere di suggestioni e non dev'essere per forza un momento in cui si abbia l'aspettativa di vedere qualcosa, anzi è proprio vero il contrario: capita di vedere certe cose proprio nell'attimo in cui ci si distrae, in cui qualcosa cattura la nostra attenzione ai margini del campo visivo e noi, perché è così che funziona il cervello umano, vi proiettiamo sopra ciò che vogliamo vedere - in questo caso, un adulto col cappello.

 

Dire cos'avrebbe potuto essere, a distanza di anni, è impossibile... io però una domanda me la farei: perché tuo padre, anche in forma di spirito, avrebbe dovuto scappare da una parte all'altra così veloce da rendervi impossibile riconoscerlo?

Ammettendo che si abbia abbastanza energia per manifestarsi (prendo a prestito la terminologia di chi mi precede) tanto a lungo da sgattaiolare attraverso un corridoio, perché invece non presentarsi in piedi davanti alla famiglia, fermo abbastanza da farsi vedere bene bene e non lasciare alcun dubbio? 

Che è poi la domanda del 3d e che quindi immagino tu ti sia già fatto, prima di fare a noi  :asdsi:

 

Perché questi spiriti farebbero i fuggiaschi, lasciandoci segni più o meno vagamente interpretabili, sagome che si muovono dove abbiamo appena il tempo di focalizzarci, volti impressi in quella o quell'altra foto che però se li guardi bene magari è quello magari no... insomma, secondo me è una domanda che ha già in sé la risposta, anche se forse non è la risposta che vorremmo darci.

Sul momento non ci capacitiamo razionalmente di quel che abbiamo visto perché, semplicemente, non l'abbiamo visto bene, e dopo anni a rimuginarci sopra l'evento assume caratteristiche che molto probabilmente nemmeno aveva, che lo rendono più coerente con quanto abbiamo già interpretato e ipotizzato su altre basi psicologiche ed emotive, costituendo una narrazione che si auto-giustifica, sicché alla mente non piacciono i 'buchi di trama' e preferisce riempirli anche al costo di inserire una forzatura o due... specie nel confronto con altri testimoni poi, è facilissimo influenzarsi a vicenda.

 

Anche così nascono le leggende ed i miti su larga scala, e nel piccolo del quotidiano di ognuno di noi, le incomprensioni, i raggiri della mente, le esperienze bizzarre che andiamo a collocare sullo sfondo di una presenza culturale e storica che ci appartiene costitutivamente e fonda le basi del nostro trascendere, in termini antropologici, la contingenza della situazione concreta verso un mondo di valori e miti che la spieghino in qualche modo, per non lasciarla come puro dato oggettivo e sensibile...

L'oggettività del mondo esterno è altrimenti come una pietra scagliata contro la stabilità mentale dell'uomo, la sua impossibilità di venir spiegata in sé sarebbe fatale a qualsiasi forma umana del vivere pienamente funzionale.

 

A questo punto dunque la domanda cambia: quale spiegazione hai bisogno di darti? Quale sarebbe la 'migliore', per te e la tua presenza in questo mondo?

Qualunque sia la risposta a tale domanda, per quanto assurda e incoerente con ciò che percepisci come senso comune, o persino con la razionalità e la scientificità, è l'unica verità che abbia senso e valore per te e dunque l'unica che dovresti essere disposto ad accettare.


-Flip Flap-


#7 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3664 messaggi

Inviato 21 febbraio 2020 - 12:18

Concordo con Freyja riguardo alle motivazioni per cui è complesso (perchè è complesso) vedere i defunti. Anche se ritengo che non siano semplici aure ma le vere e proprie anime..poi, non so, a volte potrebbero pure essere residui eterici, non saprei.

Non è semplice vederli perchè dipende sia dalla nostra predisposizione psichica/animica che dalla loro capacità di mostrarsi a noi, dall'energia di cui dispongono, oltre che dal loro livello di esperienza e/o evolutivo.

La stessa cosa vale per i fenomeni uditivi, anche tramite le apparecchiature. Ad esempio io e il mio compagno stiamo utilizzando le registrazioni a onde radio (spirit box) per comunicare con le anime affini e con cui comunque abbiamo a che fare. Un giorno, ad esempio, si è sentita forte e chiara, come fosse assolutamente umana (ciò che poi si è ben notato riascoltando) la voce del fratello del mio compagno, morto una cinquantina di anni fa a soli 23 anni e poi quando il mio compagno gli ha chiesto se era suo fratello, lui ha detto subito un chiarissimo "si" ma aveva faticato molto e si sentiva da questo "si" la fatica che ci aveva messo.

In genere c'è chi si fa capire meglio e chi non riesce quasi per niente (poi mettici anche la qualità delle registrazioni eh) ma ad esempio prova a confrontare l'intervento, di, non so, uno spirito guida rispetto a quello di un'anima meno evoluta, sentiresti certo la differenza.

E lo stesso vale in genere per tutti gli altri fenomeni.


"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#8 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 9485 messaggi

Inviato 21 febbraio 2020 - 03:42

Le parole di Freya mi avevano colpito, non so cosa voglia dire residui dei corpi sottili, aura, penso ad una specie di impronta energetica, non lo so, di certo questo concetto mi rattrista un pò perchè.. quando mi sembra di sentire o percepire la vicinanza di mia mamma, il pensiero che sia solo un suo residuo di energia e non una volontà consapevole, mi smonta. Poi. Se penso a lei vedo con gli occhi della mente le sue mani, mi sembra di sentire il suo profumo, non confondo queste cose con una percezione extrasensoriale, ma è qualcosa che me la fa sentire vicina, così vicina che il concetto di morte mi sfugge nonostante tutto. O voglio che mi sfugga, che è uguale.

Diverse sono altre esperienze con altre persone con le quali ero un pò meno coinvolta, se le comunicazioni trovano un riscontro la prova perlomeno personale anche se valida solo per me c'è stata. Mia mamma no.

Al massimo la sogno e non so nemmeno se sia davvero lei oppure una semplice elaborazione mentale, nell'ultimo sogno mi ha detto "non cercare i morti". Mai cercati. Però mi attengo.

Vorrei capire quanto possa permanere il residuo di un corpo sottile. Mesi. Anni. Secoli. Millenni. Se fosse così saremmo immersi nei residui di corpi sottili di centinaia di miliardi di esseri umani. 

Però tutto questo dovrebbe lasciare residui anche durante la vita degli individui, perlomeno le personalità più intense.


anf puff pant


#9 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 23917 messaggi

Inviato 21 febbraio 2020 - 03:51

L'intero apparato pseudo-teorico dei corpi sottili e dei residui animici è soltanto una metafora teosofica portata troppo per le lunghe da persone senza il dono della sintesi :asdsi:

 

Importa soltanto quello che tu senti sia importante, non lasciarti smontare da impalcature esterne.


  • Pandora piace questo

-Flip Flap-


#10 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 9485 messaggi

Inviato 21 febbraio 2020 - 03:56

L'intero apparato pseudo-teorico dei corpi sottili e dei residui animici è soltanto una metafora teosofica portata troppo per le lunghe da persone senza il dono della sintesi :asdsi:

io non so esattamente che cosa vogliano dire, ma a sensazione intuisco il significato del concetto di residui animici e lo trovo plausibile a livello energetico
(sorvolo sul dono della sintesi perchè non ho capito a chi ti riferisci e non lo voglio neanche sapere)

Importa soltanto quello che tu senti sia importante, non lasciarti smontare da impalcature esterne

forse

anf puff pant


#11 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 23917 messaggi

Inviato 21 febbraio 2020 - 04:09

io non so esattamente che cosa vogliano dire, ma a sensazione intuisco il significato del concetto di residui animici e lo trovo plausibile a livello energetico
(sorvolo sul dono della sintesi perchè non ho capito a chi ti riferisci e non lo voglio neanche sapere)

 

 

Beh ma sono concetti fatti 'apposta' per sembrare vagamente plausibili, eppure se vai più a fondo, questo genere di esperienze non può che sfuggire a qualsiasi sistematizzazione, e scientifica e meramente speculativa.

Te lo dimostrano tutti i forse ed i se che chi propina certi concetti pre-masticati butta nel mezzo delle loro spiegazioni di casi specifici: che valenza ha una teoria che non sappia applicarsi efficacemente all'esperienza presa per sé? Che non è in grado di spiegare alcunché se non in termini generalissimi e di estrema approssimazione?

 

Sarà forse che una teoria, per queste cose, non c'è, non può esserci e nemmeno deve, esserci: pena un loro più o meno totale svilimento.

 

Per questo dicevo del dono della sintesi: è un dono che in fondo anche a me manca :D ma a loro assai di più, e parlo in generale di chi si inalbera in certi baobab e costruzioni senza basi, non possono fare sintesi perché non possono avere una chiara idea di quale concetto ricada sotto quale altro ed in che contesto, non hanno una mappa perché non esiste alcuna teoria sistematica valida, ovviamente... devono tenersi di necessità tutte le proposizioni separate, quasi come un vocabolario di atomi isolati, e applicarle quando sembra loro di scorgere l'occasione propizia :D

 

Sembrerà che abbiano senso, sulle prime e per un po', ma un fiore reciso non vive a lungo in vaso.

 

 

 

 

forse

 

 

Perché, cos'altro importa? :asdsi:

Le bolle di sapone sono belle perché sono leggere e paiono volare, se le tocchi però scoppiano.


-Flip Flap-


#12 Glianta

Glianta

    Utente Junior

  • Utenti
  • 90 messaggi

Inviato 23 febbraio 2020 - 08:21

Il Cristo.
Però...
Ci devo pensare. Io ero la Maddalena, ho pur veduto!
Eppure ti assicuro che sono morta di dolore.
Quindi...
No.
C'è qualcosa d'altro!
Non basta vedere nitidamente.
Occorre anche vedere il risultato di tale sforzo.

Ahahahahahah la Luce va e viene!
Sporco geniaccio!

E comunque troppo prolisso davvero
Ffffffffff
In soldoni.
Tu cosa vuoi da me?
ADIEU




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi