Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Esiste l'angelo custode?

angelo custode

  • Per cortesia connettiti per rispondere
86 risposte a questa discussione

#61 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3664 messaggi

Inviato 28 gennaio 2020 - 05:41

@skynight
Il demone inganna, sia che sia per lusingare sia che sia per schiacciarci con sensi di colpa piuttosto che di portarci verso Dio.
L'Angelo quando ti riprende, non lo fa mai guardandoti storto o in maniera torva, tormentandoti con la continua visione di una veste che giorno per giorno si macchia sempre piu' dei tuoi peccati e mancanze, con l'effetto di cosa? farti stare male, in colpa, schiacciato dal dolore dei tuoi sbagli e della tua imperfezione. Ma per carita'! Non e' un giudice, e' un fratello amorevole e buono che anche quando sbagli ti riprende si ma con amore! la colpa di questo, lo ribadisco perl'ennesima volta, e' il fatto che tendiamo a vedre Dio come un GIUDICE INESORABILE piuttosto che come un PADRE amorevole e di conseguenza anche gli Angeli li vediamo cosi. Non si scappa.
Ionon ho detto che chi ha salvato Pandora non fosse per certo il suo Angelo, ho detto che chi le appariva per rimproverarla non lo era.
Riguardo la questione dei bambini, come dicevo, e' ovvio che i demoni puntano molto alla gioventu' perche' e' piu' malleabile e suscettibile.

Quanto all'altro punto, sono i demoni che si autocondannano ed autogiudicano e non Dio che lo fa.

@purple
quanto alla prima parte concordo con te e no, la via d'uscita c'e' ed e' Gesu' Cristo.
Quanto alla seconda parte, e' giusto che abbiamo discernimento e non che crediamo a tutto cio' che il mondo spirituale ci offre, perche' esiste il male ed il maligno che ingannano e vogliono allontanarci da Dio, dandocene anche una visione distorta. E'come se tu avessi una visione limpidissima di uno spirito che ti dice di essere l'Arcangelo Michele e che ti dicesse di fare un'azione contro le leggi di Dio. Che dici tu, e' l'Arcangelo Michele quello?

@Pandora
Perche' era furbo e si e' mostrato accondiscendente per non destare troppi sospetti ma intanto il suo lavoro lo aveva fatto.
Come ho detto a skynight i demoni ti fanno sembrare di volerti far redimere dai tuoi peccati ma invece no perche' lo fanno in un modo da crearti sensi di colpa e tormenti in modo da trascinarti sempre piu' in basso nella depressione e nella convinzione di essere imperdonabile da Dio.Cosa intendi riguardo alla storia del ricco epulone?

si @celestino sara' proprio cosi', anche il figlio perduto tornera' a Dio, seppur in un tempo lunghissimo ed inimagginabile (la parabola del figliol prodigo era proprio principalmente diretta a lui).
  • celestino piace questo

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )




#62 celestino

celestino

    Guardati e rifletti, stai intraprendendo la via peggiore

  • Utenti
  • 2170 messaggi

Inviato 28 gennaio 2020 - 10:37

Alcune considerazioni al volo.
 
Secondo il pensiero cristiano (riassumo molto) gli uomini nascono già peccatori, cioè inclini al male e verrebbero salvati solo da Dio durante la loro vita. Quindi non ci sarebbe bisogno del demone custode come forza opposta a quella dell'angelo. Si nasce già tarati in quel senso, peggio di così non si può nascere, ci si può solo elevare e per quello servirebbe l'angelo; in poche parole la dannazione è una dotazione di fabbrica, dalla nascita, la  salvezza (la risalita) sarebbe durante la vita con l'aiuto di esseri superiori affiancati alla nascita.
 
......................................................

A questo punto mi vien da pensare che facciamo tutti parte di un programma già elaborato per rendere eccitante l'esistenza per chi ci osserva da lassù, abbiamo l'indole ed il gene del peccare perché ?

 

Diversamente invece, osservare individui dediti esclusivamente al bene, alla preghiera, al non fare nulla di straordinario e diversamente o diabolicamente elaborato, diventa monotono, osservare invece individui che lottano, si azzuffano, si depredano, elaborano strategie di conquista e tutto ciò che è competizione anche fino all'ultimo sangue, rende interessanti le osservazioni, esattamente come seguire una competizione motoristica, calcistica od altro in cui c'è competizione, lotta e strategia, ecco, noi potremmo essere i giocatori attori ignari della vita sulla Terra, programmati per competere e, terminato il programma saremmo tutti premiati al Paradiso e non condannati all'Inferno proprio in virtù del fatto che ognuno di noi ha avuto il suo ruolo a sua stessa scelta, se non c'è il cattivo di turno che rincorre la vittima, non potremmo avere la vittima che cerca di sfuggire al cattivo di turno, il tutto per compiacere forse gli spettatori Celesti che ci osservano e si divertono proprio come guardare un film con la differenza che il copione lo scrivono vivendo, morendo ed improvvisando, gli stessi artisti ed attori e cioè: Noi.



#63 celestino

celestino

    Guardati e rifletti, stai intraprendendo la via peggiore

  • Utenti
  • 2170 messaggi

Inviato 28 gennaio 2020 - 10:53

.............................................................................................................

si @celestino sara' proprio cosi', anche il figlio perduto tornera' a Dio, seppur in un tempo lunghissimo ed inimagginabile (la parabola del figliol prodigo era proprio principalmente diretta a lui).

Credo proprio di si Lunanerina, tutti nessuno escluso ritornerà a Dio, proprio come ho su scritto nel post precedente a questo, se il gene del male ci è stato inoculato come da progetto, questi deve avere un senso, in natura ciò che non è conforme agli standard della creazione, viene automaticamente soppresso, un animale nato deforme o malato, vive poco o addirittura viene soppresso da genitore, persino se un animale nasce sano e magari ha il solo difetto di avere il pelo albino, questo animale rischia di essere soppresso dalla sua stessa specie, a noi Umani invece, il marcio ed il gene del male, ci è stato iniettato dentro e, molto spesso chi più è marcio e malato del gene del MALE, sopprime chi è più BUONO E DI SANI PRINCIPI, sembra un paradosso contro natura, ma, forse ripeto è tutto un programma da ARENA per spettatori CELESTI.



#64 purple

purple

    Utente

  • Utenti
  • 3764 messaggi

Inviato 29 gennaio 2020 - 12:49

Per"guru" intendo le persone che hanno una cultura abbastanza completa sulle tematiche religiose, tipo tu, sky, pandora e qualche altro/a



Detto così, "guru", sa un po' di presa per i fondelli, ma vabbeh...

Alcune considerazioni al volo.

Secondo il pensiero cristiano (riassumo molto) gli uomini nascono già peccatori, cioè inclini al male e verrebbero salvati solo da Dio durante la loro vita. Quindi non ci sarebbe bisogno del demone custode come forza opposta a quella dell'angelo. Si nasce già tarati in quel senso, peggio di così non si può nascere, ci si può solo elevare e per quello servirebbe l'angelo; in poche parole la dannazione è una dotazione di fabbrica, dalla nascita, la salvezza (la risalita) sarebbe durante la vita con l'aiuto di esseri superiori affiancati alla nascita.

Poi, un angelo che protegge tizio è il diavolo per qualcun altro e non può essere altrimenti. Per fare un esempio chiaro a tutti: l'angelo a protezione del popolo ebraico strafulminò tutti quelli che si mettevano di traverso all'impresa appunto del popolo di cui era 'custode'. Quindi probabilmente sin dalla nascita abbiamo come 'diavoli' custodi, gli angeli di qualcun altro. :rotfl: :clap:

Infine, se immagino l'angelo custode come colui che protegge/guida la mia 'ascesa' verso dio (e non colui che mi salva quando cado dal balcone del 7 piano, perchè è noto che gli angeli custodi in quel momento sono sempre distratti) l'unica figura 'corrispondente al negativo', che non appartiene alla tradizione cristiana, che mi viene in mente, è il famoso 'guardiano della soglia' e cioè quella entità, chiaramente percepita da alcuni durante percorsi di un certo tipo, che si oppone al mio progredire.

EDIT. Con qualche forzatura il guardiano può rientrare a far parte della tradizione cristiana, che del resto è campionessa di forzature.



Il guardiano della soglia è il drago più o meno, ma un angelo è per sostanza e gerarchia al di sopra di un umano, mentre il drago è interno o un potente avversario ma comunque alla mercé della volontà umana. Non so se possa trovarsi una simmetria.

@purple
quanto alla prima parte concordo con te e no, la via d'uscita c'e' ed e' Gesu' Cristo.
Quanto alla seconda parte, e' giusto che abbiamo discernimento e non che crediamo a tutto cio' che il mondo spirituale ci offre, perche' esiste il male ed il maligno che ingannano e vogliono allontanarci da Dio, dandocene anche una visione distorta. E'come se tu avessi una visione limpidissima di uno spirito che ti dice di essere l'Arcangelo Michele e che ti dicesse di fare un'azione contro le leggi di Dio. Che dici tu, e' l'Arcangelo Michele quello?

Certo che ci va discernimento. Ma tale discernimento è proprio aderente e parallelo al cammino dell'anima, è personale e unico. È inutile che io venga a dire a te come giudicare una tua visione spirituale, a meno che tu non mi chieda lumi perché col tuo senso critico (il discernimento di cui parlavi) ritieni di avere una percezione offuscata in quel dato momento o su quella data questione. È fondamentale avere il polso di quanto la nostra percezione spirituale sia limpida o offuscata nelle varie fasi, altrimenti si finisce per prendere per un segno o una rivelazione qualsiasi stupidaggine prodotta dal nostro cervello.
Il travestimento, e su questo non ti seguo molto, lo vedo come un fatto non così comune o frequente. I demoni non sono particolarmente timidi e spesso si mostrano come sono. Né c'è da temere di vederli e affrontarli. O almeno non si dovrebbe. La corruzione del principe di questo mondo per logica avviene appunto più tramite le cose di questo mondo che tramite false visioni (che però non sono certo da escludere). Poi sì, le astuzie della vita per realizzare i propri disegni sono molte, ma siamo più noi a vederci minacce di quanto siano davvero tali. Un travestimento di un Dio per carpire un mortale è almeno un evento interessante. Molto più della normale banalità del male.
  • Pandora piace questo

#65 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5459 messaggi

Inviato 29 gennaio 2020 - 07:25

Detto così, "guru", sa un po' di presa per i fondelli, ma vabbeh...
Il guardiano della soglia è il drago più o meno, ma un angelo è per sostanza e gerarchia al di sopra di un umano,


Da un punto di vista esoterico, quindi di ricerca e perfezionamento interiore, non è proprio così.
L'angelo è per gerarchia superiore alla manifestazione materiale, cioè si trova su un piano di esistenza diverso. Ma la natura umana è di per sé potenzialmente in grado di conoscere e veicolare forze di ogni piano.
Del resto affermare che l'angelo sta al di sopra dell'umano come condizione immutabile e distinta, nega l'affermazione biblica sulla natura divina dell'uomo, fatto a immagine e somiglianza di Dio.
Nell'islam l'angelo ribelle divenne tale perché si rifiutò si sottomettersi al primo uomo creato. Io credo che anticamente l'angelo venisse immaginato più come uno strumento, spesso intermedio, fra l'uomo e Dio. Essotericamente questo passaggio ha una sola direzione, quella che vede l'uomo passivo, mentre esotericamente le direzioni sono due, l'uomo può essere veicolo attivo e passivo delle forze angeliche. Il che significa che può incarnare le intelligenze completamente, condizione che coincide con la realizzazione di sé.
  • malia e jericho piace questo

#66 BorderlineZ

BorderlineZ

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 204 messaggi

Inviato 29 gennaio 2020 - 12:58

Detto così, "guru", sa un po' di presa per i fondelli, ma vabbeh...
Il guardiano della soglia è il drago più o meno, ma un angelo è per sostanza e gerarchia al di sopra di un umano, mentre il drago è interno o un potente avversario ma comunque alla mercé della volontà umana. Non so se possa trovarsi una simmetria. Certo che ci va discernimento. Ma tale discernimento è proprio aderente e parallelo al cammino dell'anima, è personale e unico. È inutile che io venga a dire a te come giudicare una tua visione spirituale, a meno che tu non mi chieda lumi perché col tuo senso critico (il discernimento di cui parlavi) ritieni di avere una percezione offuscata in quel dato momento o su quella data questione. È fondamentale avere il polso di quanto la nostra percezione spirituale sia limpida o offuscata nelle varie fasi, altrimenti si finisce per prendere per un segno o una rivelazione qualsiasi stupidaggine prodotta dal nostro cervello.
Il travestimento, e su questo non ti seguo molto, lo vedo come un fatto non così comune o frequente. I demoni non sono particolarmente timidi e spesso si mostrano come sono. Né c'è da temere di vederli e affrontarli. O almeno non si dovrebbe. La corruzione del principe di questo mondo per logica avviene appunto più tramite le cose di questo mondo che tramite false visioni (che però non sono certo da escludere). Poi sì, le astuzie della vita per realizzare i propri disegni sono molte, ma siamo più noi a vederci minacce di quanto siano davvero tali. Un travestimento di un Dio per carpire un mortale è almeno un evento interessante. Molto più della normale banalità del male.


Assolutamente no Purple, è solo un modo di dire,per indicare colui che è ferrato in una determinata tematica, non osereimai mai, nessuna presa per il culo garantito.
  • purple piace questo

111.jpg

 


#67 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3664 messaggi

Inviato 29 gennaio 2020 - 01:42

Credo proprio di si Lunanerina, tutti nessuno escluso ritornerà a Dio, proprio come ho su scritto nel post precedente a questo, se il gene del male ci è stato inoculato come da progetto, questi deve avere un senso, in natura ciò che non è conforme agli standard della creazione, viene automaticamente soppresso, un animale nato deforme o malato, vive poco o addirittura viene soppresso da genitore, persino se un animale nasce sano e magari ha il solo difetto di avere il pelo albino, questo animale rischia di essere soppresso dalla sua stessa specie, a noi Umani invece, il marcio ed il gene del male, ci è stato iniettato dentro e, molto spesso chi più è marcio e malato del gene del MALE, sopprime chi è più BUONO E DI SANI PRINCIPI, sembra un paradosso contro natura, ma, forse ripeto è tutto un programma da ARENA per spettatori CELESTI.

No il male non ci è stato iniettato, perchè in Dio non esiste il male ma questo è nato con Lucifero in quanto il suo amore per Dio è divenuto un amore invertito, un amore egoistico. E' Lucifero che ha dato vita al male, che altro non è che assenza di bene. Il male che è amore egoistico è contrapposto al bene, il quale è Amore altruistico.

Il motivo per cui tutti, Lucifero compreso, torneranno a Dio è perchè noi siamo parte di Dio, siamo scintille divine in quanto allo spirito e lo spirito deve tornare a Dio "che lo ha dato" (Ecclesiaste 12).

E' inevitabile che noi, in quanto sempre allo spirito, siamo attratti verso Dio, dato che siamo parte di Lui, capisci cosa voglio dire? E lo spirito deve compenetrare l'anima, spiritualizzandola a sua volta.

Non c'è nessun gioco di parti, nessuno gioca a scacchi, ma il tutto è un piano affinchè il "figlio perduto" e tutti gli spiriti che con lui sono caduti tornino a Casa..non c'è altro.

 

 

Certo che ci va discernimento. Ma tale discernimento è proprio aderente e parallelo al cammino dell'anima, è personale e unico. È inutile che io venga a dire a te come giudicare una tua visione spirituale, a meno che tu non mi chieda lumi perché col tuo senso critico (il discernimento di cui parlavi) ritieni di avere una percezione offuscata in quel dato momento o su quella data questione. È fondamentale avere il polso di quanto la nostra percezione spirituale sia limpida o offuscata nelle varie fasi, altrimenti si finisce per prendere per un segno o una rivelazione qualsiasi stupidaggine prodotta dal nostro cervello.
Il travestimento, e su questo non ti seguo molto, lo vedo come un fatto non così comune o frequente. I demoni non sono particolarmente timidi e spesso si mostrano come sono. Né c'è da temere di vederli e affrontarli. O almeno non si dovrebbe. La corruzione del principe di questo mondo per logica avviene appunto più tramite le cose di questo mondo che tramite false visioni (che però non sono certo da escludere). Poi sì, le astuzie della vita per realizzare i propri disegni sono molte, ma siamo più noi a vederci minacce di quanto siano davvero tali. Un travestimento di un Dio per carpire un mortale è almeno un evento interessante. Molto più della normale banalità del male.

Ma ovviamente il mio intento non è di costringere Pandora a pensarla diversamente, resta il fatto però che ho espresso la mia ferma opinione su quello che le è accaduto, anche perchè poi ritengo che manifestazioni di questo tipo potrebbero dare adito a cattive interpretazioni su chi è Dio e chi sono gli Angeli, interpretazioni che per me sono altamente svianti.

Il travestimento c'è e personalmente l'ho sperimentato molte volte nei miei sogni in incontri con demoni che addirittura prendevano le sembianze del mio compagno per cercare di confondermi ed ingannarmi. Ed anche le Scritture stesse affermano che "Satana si traveste da Angelo di Luce e i suoi ministri da ministri di giustizia". Gli Angeli, come ti ho risposto nel post precedente, non agiscono mai in maniera contraria alle leggi divine e mai in maniera contraria a come Dio agisce...quindi non accusano e non condannano, non ti vengono a dire "ah ma quanto sei cattiva" lasciandoti per giunta annegare nel tuo brodo, quello lo fanno i diavoli, con estrema goduria e compiacimento. Gli Angeli producono sempre frutti dello Spirito..cioè pace, serenità, amore...anche quando ti dicono che stai sbagliando (dicendoti anche in cosa stai sbagliando).


"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#68 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8768 messaggi

Inviato 29 gennaio 2020 - 06:36

Il guardiano della soglia è il drago più o meno, ma un angelo è per sostanza e gerarchia al di sopra di un umano, mentre il drago è interno o un potente avversario ma comunque alla mercé della volontà umana. Non so se possa trovarsi una simmetria.
 

 

Io  penso che il dentro e il fuori, il sopra e il sotto siano concetti o termini usati per semplificare il discorso, ma spesso fuorvianti o limitanti, ma che purtroppo non si può fare a meno di usare.

 

Se il drago (simbolo) è interno, perchè San Michele, anzi leviamo il san, perchè Mikha-el si sarebbe scomodato per combatterlo?

 

 

Non ho capito cosa intendi con 'essere alla mercè della volontà umana.'

 

Non mi sembra che il guardiano della soglia sia sempre in balia della volontà umana: sicuramente lo diventa quando l'uomo a cui si manifesta capisce perchè questo guardiano è lì, capisce come ''comunicare'' con lui, ma in quel preciso momento cessa di essere il guardiano bau bau.

Sempre in quell'esatto momento quell'uomo fa un passo (in avanti, di lato, non mi va di definire),  non è più lo stesso uomo di prima. Sicuramente incontrerà altri guardiani che rimarranno ''guardiani'' (guardiani come funzione) fino al momento in cui quell'uomo, di nuovo, non avrà compreso (nel senso di capito) e compreso nel senso di 'fatto suo', tipo pacman, quell'ente guardiano.

 

Ma fino a quando l'uomo non comprende, quel guardiano rimarrà lì come una spina nel fianco a svolgere il ruolo di guardiano, dentro fuori, sopra, sotto, come vogliamo collocarlo per comodità.

 

Un guardiano potrebbe essere anche lo stesso 'angelo' che vede il suo protetto sgambettare inconsapevole per terreni impervi e che gli dice:  'ndo vai, che non ti sai neanche allacciare le scarpe, rimani calmino dove sei e non fare il fenomeno.

 

Credo che sia in questo senso il famoso travestimento (@ Lunanerina) raccontato negli annali dell'angelologia/demonologia: compiti diversi, funzioni diverse necessarie per determinate persone in determinati momenti, e non travestimenti. Il travestimento è quella cosa diversa dal vestito, dall'aspetto,  che tu ti aspetti di vedere.

 

Non credo che sia da identificare un'entità che ti fa due moine con l'angelo e una che ti prende a calci col diavolo. A me sembra un'astrazione discutibile.

 

Sei te (generico), credo, che in base al tuo livello di comprensione di te stesso interpreti gli eventi e le entità  e le dividi in buone e cattive, interne o esterne.

 

Se non riconosci/comprendi qualcosa, quella cosa la vedi come esterna a te, se la riconosci/comprendi, quella cosa è interna a te, cioè diventa tua nel senso che la puoi usare, la sai usare bene, quando serve; non è 'tua' come la roba che sta nell'inconscio che, sempre tua è,  ma ti sfugge di mano, ti spaventa, non la vedi, se la vedi pensi che sia roba di qualcun altro, ecc.

 

Considerare angeli e demoni come impiegati delle poste, che stanno lì a fare il loro lavoro e tu sei sempre lì, dall'altra parte dello sportello, a me non sembra compatibile con la speranza/possibilità per gli uomini,  di arrivare a contemplare Dio.


  • Frèyja piace questo

#69 Asterah

Asterah

    Super Utente

  • Utenti
  • 4483 messaggi

Inviato 30 gennaio 2020 - 06:42

Oh. Quando ero piccola per colpa di mia nonna ero convinta di averne uno. L'avevo chiamato Paolo, così. Un giorno gli avevo lasciato un bigliettino sotto un tavolo con su scritto "come ti chiami?" e lo spazio per il nome, ma non mi ha mai risposto. Parlavo con lui (da sola) o meglio rivolgendomi a lui, che ovviamente non mi ha mai cagato.

Però mi era successa una cosa, l'unica di questo "tipo" in 27 anni: andavo all'asilo, mi ero svegliata ed alzata ed ho "visto" davanti a me una vera e propria "mano invisibile" che penso di aver provato a toccare/sfiorare. Ero convinta fosse lui! Ero così emozionata che a scuola ho perso ore a creare diversi bigliettini con una specie di notizia con tanto di disegnino di una presunta mano invisibile del mio angelo fatta con una matita azzurra che poi ho distribuito a tutti. Tutto regolare.

A parte questo ricordo dell'infanzia e col senno di poi, non credo che esistano.
  • purple e BorderlineZ piace questo

We'll long live all those lifes

You tell yourselves

You will be allright

 


#70 BorderlineZ

BorderlineZ

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 204 messaggi

Inviato 30 gennaio 2020 - 08:30

Oh. Quando ero piccola per colpa di mia nonna ero convinta di averne uno. L'avevo chiamato Paolo, così. Un giorno gli avevo lasciato un bigliettino sotto un tavolo con su scritto "come ti chiami?" e lo spazio per il nome, ma non mi ha mai risposto. Parlavo con lui (da sola) o meglio rivolgendomi a lui, che ovviamente non mi ha mai cagato.

Però mi era successa una cosa, l'unica di questo "tipo" in 27 anni: andavo all'asilo, mi ero svegliata ed alzata ed ho "visto" davanti a me una vera e propria "mano invisibile" che penso di aver provato a toccare/sfiorare. Ero convinta fosse lui! Ero così emozionata che a scuola ho perso ore a creare diversi bigliettini con una specie di notizia con tanto di disegnino di una presunta mano invisibile del mio angelo fatta con una matita azzurra che poi ho distribuito a tutti. Tutto regolare.

A parte questo ricordo dell'infanzia e col senno di poi, non credo che esistano.

anche io non credo alla loro esistenza, ma penso che dentro di noi, celata nelle zone più remote della mente c’è sempre una piccola parte del nostro essere disposta a credere nell' esistenza nel divino. L’ateo puro al 100% è molto raro.

 

Sai perchè ho aperto questo post sugli angeli?

 

Avevo circa 25 anni, ed ero in macchina con la mia ex, correvo come un pazzo intraversando le curve come se stessi facendo rally tradizionele. A circa 160 km/h perdo il controllo, l’auto striscia un muro di cemento armato e comincia ad avvitarsi su se stessa , la macchina comincia ad accappottarsi sull’asfalto più volte e molto velocemente come una centrifuga, per poi prendere totalmente fuoco.

 

A questo punto tu ti chiederai come fai ad essere qui a raccontarlo?

 

Alcune volte me lo chiedo pure io, ricordo che mentre l’auto si avvitava su se stessa,  dentro l’abitacolo vedevo tutto a rallentatore (forse e sicuramente lo shock) con i vetri e pezzi di plastica e metallo che mi passavano davanti agli occhi, era proprio in quegli  interminabili istanti che ho avuto la sensazione che fossi avvolto da una sorta di bolla, poi scaraventato fuori dall’auto a circa 15 metri sono atterrato in piedi, totalmente illeso nessun graffio, nessuna macchia sui vestiti o strappo (la mia ex a circa 20 metri dall’altro lato della strada su un prato, ha riportato solo una lievissima abrasione alla chiappa sinistra).

 

Ecco perchè ogni tanto penso nella possibilità che qualcosa possa esistere... ma è una guerra continua, perchè per la maggior parte delle volte penso che ho avuto solo un grandissimo colpo di culo! Resta il fatto che io, proprio in quel giorno dovevo crepare ma per fortuna non è stato così, o per destino, o per culo o per divino non era la mia ora.


111.jpg

 


#71 celestino

celestino

    Guardati e rifletti, stai intraprendendo la via peggiore

  • Utenti
  • 2170 messaggi

Inviato 30 gennaio 2020 - 12:27

Mi domando spesso: Se per una naturale ragione dell'Universo, la Terra e tutti gli esseri viventi, stessimo per essere inghiottiti da un Buco Nero oppure stessimo per essere bombardati da meteoriti o lampi gamma che, segnerebbe l'estinzione di ogni forma di vita sulla Terra stessa oppure, la Terra scomparirebbe del tutto dal piano Galattico, a livello Divino, come saremmo messi ?

 

Il Dio ed il Diavolo, quale ruolo avrebbero in tal caso ?

Cosa farebbero poi ?

Saremmo giudicati, pagheremmo le colpe, riceveremmo i premi o le punizioni, e poi ?



#72 purple

purple

    Utente

  • Utenti
  • 3764 messaggi

Inviato 30 gennaio 2020 - 09:30

Da un punto di vista esoterico, quindi di ricerca e perfezionamento interiore, non è proprio così.
L'angelo è per gerarchia superiore alla manifestazione materiale, cioè si trova su un piano di esistenza diverso. Ma la natura umana è di per sé potenzialmente in grado di conoscere e veicolare forze di ogni piano.
Del resto affermare che l'angelo sta al di sopra dell'umano come condizione immutabile e distinta, nega l'affermazione biblica sulla natura divina dell'uomo, fatto a immagine e somiglianza di Dio.
Nell'islam l'angelo ribelle divenne tale perché si rifiutò si sottomettersi al primo uomo creato. Io credo che anticamente l'angelo venisse immaginato più come uno strumento, spesso intermedio, fra l'uomo e Dio. Essotericamente questo passaggio ha una sola direzione, quella che vede l'uomo passivo, mentre esotericamente le direzioni sono due, l'uomo può essere veicolo attivo e passivo delle forze angeliche. Il che significa che può incarnare le intelligenze completamente, condizione che coincide con la realizzazione di sé.


Sì, è vero. Diciamo che il mio discorso era più focalizzato su una possibile simmetria tra angelo custode e guardiano della soglia. E in quel senso lì, tra ciò che tira l'uomo verso Dio e ciò che lo tira verso il Diavolo non ci può essere uguaglianza altrimenti il cristianesimo sarebbe una religione dualista, non monoteista. La battaglia è continua e pressoché eterna, ma Dio vince sempre (e qui torna il Michele apocalittico).
L'uomo può incarnare e comprendere le intelligenze angeliche come dici, ma non ha potere trasmutatorio su di esse, al massimo può degradarle in se stesso e nel suo agire, scimmiottarle ("Satana è la scimmia di Dio"), senza intaccarle. Esse sono le regole d'ordine della realtà. Mentre sul drago l'uomo ha un potere trasmutatorio: il polo negativo è caotico e scardinabile nelle sue frammentarie manifestazioni, anche se il principio in sé resta immutato. Per inglobare il male nel bene bisogna disgregarne la forma in un certo senso, cioè appunto è soggetto alla volontà umana. Lucifero si ribellò appunto (sembrerebbe dalla Genesi) per non sottomettersi all'uomo, per invidia verso di lui, e per superbia nel voler assomigliare a Dio essendo il più simile a Lui.

Io penso che il dentro e il fuori, il sopra e il sotto siano concetti o termini usati per semplificare il discorso, ma spesso fuorvianti o limitanti, ma che purtroppo non si può fare a meno di usare.

Se il drago (simbolo) è interno, perchè San Michele, anzi leviamo il san, perchè Mikha-el si sarebbe scomodato per combatterlo?


Non ho capito cosa intendi con 'essere alla mercè della volontà umana.'

Non mi sembra che il guardiano della soglia sia sempre in balia della volontà umana: sicuramente lo diventa quando l'uomo a cui si manifesta capisce perchè questo guardiano è lì, capisce come ''comunicare'' con lui, ma in quel preciso momento cessa di essere il guardiano bau bau.
Sempre in quell'esatto momento quell'uomo fa un passo (in avanti, di lato, non mi va di definire), non è più lo stesso uomo di prima. Sicuramente incontrerà altri guardiani che rimarranno ''guardiani'' (guardiani come funzione) fino al momento in cui quell'uomo, di nuovo, non avrà compreso (nel senso di capito) e compreso nel senso di 'fatto suo', tipo pacman, quell'ente guardiano.

Ma fino a quando l'uomo non comprende, quel guardiano rimarrà lì come una spina nel fianco a svolgere il ruolo di guardiano, dentro fuori, sopra, sotto, come vogliamo collocarlo per comodità.

Un guardiano potrebbe essere anche lo stesso 'angelo' che vede il suo protetto sgambettare inconsapevole per terreni impervi e che gli dice: 'ndo vai, che non ti sai neanche allacciare le scarpe, rimani calmino dove sei e non fare il fenomeno.

Credo che sia in questo senso il famoso travestimento (@ Lunanerina) raccontato negli annali dell'angelologia/demonologia: compiti diversi, funzioni diverse necessarie per determinate persone in determinati momenti, e non travestimenti. Il travestimento è quella cosa diversa dal vestito, dall'aspetto, che tu ti aspetti di vedere.

Non credo che sia da identificare un'entità che ti fa due moine con l'angelo e una che ti prende a calci col diavolo. A me sembra un'astrazione discutibile.

Sei te (generico), credo, che in base al tuo livello di comprensione di te stesso interpreti gli eventi e le entità e le dividi in buone e cattive, interne o esterne.

Se non riconosci/comprendi qualcosa, quella cosa la vedi come esterna a te, se la riconosci/comprendi, quella cosa è interna a te, cioè diventa tua nel senso che la puoi usare, la sai usare bene, quando serve; non è 'tua' come la roba che sta nell'inconscio che, sempre tua è, ma ti sfugge di mano, ti spaventa, non la vedi, se la vedi pensi che sia roba di qualcun altro, ecc.

Considerare angeli e demoni come impiegati delle poste, che stanno lì a fare il loro lavoro e tu sei sempre lì, dall'altra parte dello sportello, a me non sembra compatibile con la speranza/possibilità per gli uomini, di arrivare a contemplare Dio.



È vero che noi creiamo la nostra realtà, ma non è proprio un'affermazione da prendere alla leggera, nel senso che l'angelo e il drago individuali stanno in una prospettiva differente rispetto al bene e il male nella storia, dove si colloca la battaglia apocalittica tra le schiere del'Arcangelo Michele e quelle di Lucifero. Comprendere dentro di sé perfettamente le potenze della storia del mondo equivale ai "grandi misteri", una realizzazione umana penso rara. Per quello si scomoda Michele, per l'evoluzione del mondo e non del singolo.

Per il resto un po' ho risposto rispondendo a @Freyja, e sono quasi del tutto d'accordo con la tua impostazione del discorso.
Questi guardiani della soglia alla fin fine, mi pare differiscano dall'angelo custode per essere in qualche modo transitori nella vita, anche se forse delle persone si fermano al primo livello di pacman e ne vedono solo uno, non saprei...



Ma ovviamente il mio intento non è di costringere Pandora a pensarla diversamente, resta il fatto però che ho espresso la mia ferma opinione su quello che le è accaduto, anche perchè poi ritengo che manifestazioni di questo tipo potrebbero dare adito a cattive interpretazioni su chi è Dio e chi sono gli Angeli, interpretazioni che per me sono altamente svianti.
Il travestimento c'è e personalmente l'ho sperimentato molte volte nei miei sogni in incontri con demoni che addirittura prendevano le sembianze del mio compagno per cercare di confondermi ed ingannarmi. Ed anche le Scritture stesse affermano che "Satana si traveste da Angelo di Luce e i suoi ministri da ministri di giustizia". Gli Angeli, come ti ho risposto nel post precedente, non agiscono mai in maniera contraria alle leggi divine e mai in maniera contraria a come Dio agisce...quindi non accusano e non condannano, non ti vengono a dire "ah ma quanto sei cattiva" lasciandoti per giunta annegare nel tuo brodo, quello lo fanno i diavoli, con estrema goduria e compiacimento. Gli Angeli producono sempre frutti dello Spirito..cioè pace, serenità, amore...anche quando ti dicono che stai sbagliando (dicendoti anche in cosa stai sbagliando).


Beh oddio, Dio a volte dà delle mazzate non indifferenti per far comprendere qualcosa nella vita, ma ci va spesso una bella distanza temporale per vedere il disegno. Tipo quando la maestra ti dà 4 e sembra una tragedia e lei cattivissima, poi capisci che è per il tuo bene (a meno di pensare che anche piangere per un 4 da bambini sia il male in azione, Lucifero.. che sul momento forse sì, ma in prospettiva anche no). Mica solo l'insegnante che ti dà sempre 10 fa il tuo bene. L'uomo è un po' bambino, prima vorrebbe un mondo tutto di zucchero filato, e se Dio fosse buono come dici tu, l'uomo morirebbe di diabete a 6 anni. Poi vorrebbe comandare il mondo, avere un castello tutto d'oro... La sensazione che dà una presenza non mente, quello sì, ma quanto al messaggio che ti porta è da vedere in prospettiva anche di tempo. Un momento o una presenza di beatitudine può annunciare l'inizio di un periodo nero, come l'incontro col Diavolo in persona può segnare l'inizio di una rinascita. La loro essenza è inequivocabile, mentre il messaggio, cioè gli effetti prodotti su di noi, molto meno.
  • Frèyja piace questo

#73 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3664 messaggi

Inviato 31 gennaio 2020 - 04:47

Niente, forse non riesco io a farmi comprendere....non ho detto che Dio e gli Angeli non riprendano o correggano, anzi, lo fanno, ma lo fanno con AMORE, senza condannare.
Gesù d'altronde non ha detto "li riconoscerete dai loro frutti?"
E 'l'atteggiamento che è differente: l'Angelo viene con dolcezza e ti spiega in cosa e perché hai sbagliato (più severamente se serve ma sempre come fa un padre amorevole verso i figli)....il demone viene con rudezza e ti tormenta semplicemente con la visione dei tuoi peccati senza finalità educative.
Oppure se abbiamo la visione degli Angeli come giudici, possiamo anche tenercela, ma è sicuramente sbagliata.
Ti prego di leggere meglio i miei post prima di rispondermi come se io non avessi mai detto che correggono ed educano, ciò che ho anche ribadito nel post che hai citato tu stessa.
  • celestino piace questo

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#74 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 12950 messaggi

Inviato 31 gennaio 2020 - 11:00

Niente, forse non riesco io a farmi comprendere....non ho detto che Dio e gli Angeli non riprendano o correggano, anzi, lo fanno, ma lo fanno con AMORE, senza condannare.
Gesù d'altronde non ha detto "li riconoscerete dai loro frutti?"
E 'l'atteggiamento che è differente: l'Angelo viene con dolcezza e ti spiega in cosa e perché hai sbagliato (più severamente se serve ma sempre come fa un padre amorevole verso i figli)....il demone viene con rudezza e ti tormenta semplicemente con la visione dei tuoi peccati senza finalità educative.
Oppure se abbiamo la visione degli Angeli come giudici, possiamo anche tenercela, ma è sicuramente sbagliata.
Ti prego di leggere meglio i miei post prima di rispondermi come se io non avessi mai detto che correggono ed educano, ciò che ho anche ribadito nel post che hai citato tu stessa.

Il male è sempre un male relativo, solo il bene è un assoluto, ed è Dio, e noi siamo spiriti:

 


  • BorderlineZ piace questo

#75 purple

purple

    Utente

  • Utenti
  • 3764 messaggi

Inviato 01 febbraio 2020 - 12:45

Niente, forse non riesco io a farmi comprendere....non ho detto che Dio e gli Angeli non riprendano o correggano, anzi, lo fanno, ma lo fanno con AMORE, senza condannare.
Gesù d'altronde non ha detto "li riconoscerete dai loro frutti?"
E 'l'atteggiamento che è differente: l'Angelo viene con dolcezza e ti spiega in cosa e perché hai sbagliato (più severamente se serve ma sempre come fa un padre amorevole verso i figli)....il demone viene con rudezza e ti tormenta semplicemente con la visione dei tuoi peccati senza finalità educative.
Oppure se abbiamo la visione degli Angeli come giudici, possiamo anche tenercela, ma è sicuramente sbagliata.
Ti prego di leggere meglio i miei post prima di rispondermi come se io non avessi mai detto che correggono ed educano, ciò che ho anche ribadito nel post che hai citato tu stessa.

Ma quindi ciò che tu trovi contrario a una possibile natura angelica è il fatto che nell'episodio di @Pandora quella figura non abbia spiegato? A parole? Capisco che quella sensazione riportata di non capire il perché della disapprovazione possa essere percepita come negativa, ma penso che certe cose profonde che devono essere capite e assimilate in molto tempo, possano essere comunicate solo in quel modo criptico, in modo che uno ci arrivi poi al momento giusto alle ragioni. Forse in certi casi una verità totale sarebbe troppo cruda se esposta apertamente a un'anima che non è pronta a sopportarla. O forse l'importante è l'intuizione, un messaggio che si deve aprire e dispiegare nel tempo.

#76 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5459 messaggi

Inviato 01 febbraio 2020 - 07:37

Niente, forse non riesco io a farmi comprendere....non ho detto che Dio e gli Angeli non riprendano o correggano, anzi, lo fanno, ma lo fanno con AMORE, senza condannare.
Gesù d'altronde non ha detto "li riconoscerete dai loro frutti?"
E 'l'atteggiamento che è differente: l'Angelo viene con dolcezza e ti spiega in cosa e perché hai sbagliato (più severamente se serve ma sempre come fa un padre amorevole verso i figli)....il demone viene con rudezza e ti tormenta semplicemente con la visione dei tuoi peccati senza finalità educative.
Oppure se abbiamo la visione degli Angeli come giudici, possiamo anche tenercela, ma è sicuramente sbagliata.
Ti prego di leggere meglio i miei post prima di rispondermi come se io non avessi mai detto che correggono ed educano, ciò che ho anche ribadito nel post che hai citato tu stessa.

Siamo tutti diversi, e abbiamo necessità diverse a seconda dei periodi.
Proprio perché siamo tutti diversi non può esserci una regola fissa, un unico modo di correggere o ammonire.
Non credo che un angelo abbia dei limiti così rigidi. Dio può essere amorevole o severo a seconda dei casi, e questo è un dato di fatto. Gesù scacciò i mercanti con la frusta, non con una carezza.
Mi sembra arrogante mettersi nella posizione di poter riconoscere un angelo o un demone in virtù del comportamento tenuto con altre persone, di cui non si conoscono le necessità, la storia, il temperamento che aveva al momento dell'incontro.
Questo modo di ragionare così marcatamente dualistico mi sembra un limite, quasi infantile, per dotarsi di uno strumento di discernimento interiore schematico che non ha niente a che vedere con le percezioni reali e vi si sostituisce. Il quadro che ne emerge è una spiegazione estremamente superficiale.
Spiegazione che fra l'altro è ribaltabile. Potrei controbattere dicendo che gli angeli sono sempre severi mentre i demoni sono dolci perché vogliono sedurre e lasciare che la persona non consideri gravi i propri peccati.
È un'affermazione verosimile quanto la tua, ma opposta.

#77 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8768 messaggi

Inviato 01 febbraio 2020 - 10:33


Questi guardiani della soglia alla fin fine, mi pare differiscano dall'angelo custode per essere in qualche modo transitori nella vita, anche se forse delle persone si fermano al primo livello di pacman e ne vedono solo uno, non saprei...

 

Secondo alcuni ce lo avremmo sin dalla nascita e per sempre, perchè sempre necessario (anche se personalmente penso  anche che l'aggettivo ''necessario'' sia una semplificazione).

 

Il discorso della permanenza dell'entità (angelo/guardiano) in una vita si può fare sulla base della fede, o della credenza in una dottrina,  o dell'esperienza, o di tutte e tre le cose insieme, forse.

 

Dell' angelo custode  per esempio, una cosa è quello che dice la tradizione cristiana, e cioè che ne abbiamo tutti uno fin dalla nascita, una cosa è l'esperienza diretta cioè la percezione vera costante nella propria vita di questa entità, un'altra cosa è la credenza su base culturale, che ti fa pensare: ah, visto che mi sono salvato nell'incidente, forse è stato merito dell'angelo custode.

 

Secondo altri anche il guardiano, il doppio, sono dotazioni pure quelle, alla nascita, che ci accompagnano. Anche qui, ci si può credere, si può sperimentare, ecc.

 

Quando parliamo di queste entità, mi chiedo, sulla base di cosa lo facciamo? A cosa diamo più credito? All'esperienza, alla dottrina, a come gira il vento a seconda di quello che vogliamo confermare a noi stessi?

 

C'è il rischio di crearsi delle gabbie ad ogni passo.

 

Io non metterei molte etichette, limiti, ecc; non penso neanche che ci sia divisione di ruoli netta,  questo a tutti i livelli. Anche se le etichette, diciamo così, sono utili per semplificare e per poter discutere, secondo me è utile ricordare che sono etichette appunto. 

 

Una grossa gabbia secondo me è la credenza nella legge di causa-effetto, del prima e del dopo, e nel voler vedere sempre una 'volontà' intelligente che muove solo una parte della realtà e non tutta la realtà insieme.


  • purple piace questo

#78 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 10543 messaggi

Inviato 01 febbraio 2020 - 11:20

@skynight
Il demone inganna, sia che sia per lusingare sia che sia per schiacciarci con sensi di colpa piuttosto che di portarci verso Dio.
L'Angelo quando ti riprende, non lo fa mai guardandoti storto o in maniera torva, tormentandoti con la continua visione di una veste che giorno per giorno si macchia sempre piu' dei tuoi peccati e mancanze, con l'effetto di cosa? farti stare male, in colpa, schiacciato dal dolore dei tuoi sbagli e della tua imperfezione. Ma per carita'! Non e' un giudice, e' un fratello amorevole e buono che anche quando sbagli ti riprende si ma con amore! la colpa di questo, lo ribadisco perl'ennesima volta, e' il fatto che tendiamo a vedre Dio come un GIUDICE INESORABILE piuttosto che come un PADRE amorevole e di conseguenza anche gli Angeli li vediamo cosi. Non si scappa.

A parte che stai enfatizzando di parecchio in negativo il modo in cui l’angelo mi guardava, che era molto serio, non certo torvo o malvagio. Ma dopotutto se tieni alla salvezza dell’anima di qualcuno l’argomento deve essere serio, perché è un discorso serio, non puoi illustrare a qualcuno dei pericoli in maniera ridanciana, ed io non ho mai visto nessuno ammonire un bambino su un pericolo mortale ridendoci su.

Ionon ho detto che chi ha salvato Pandora non fosse per certo il suo Angelo, ho detto che chi le appariva per rimproverarla non lo era.

E chi sei tu per dirlo?
L’albero si vede dai frutti, ed io da quelle visioni ho compreso l’esistenza di una realtà trascendente, nella quale è necessario prendersi cura della propria anima, la propria piccola veste bianca.
Quello che tu non hai capito, è che io sentivo fisicamente il dolore per ogni macchia che si accumulava e che lui mi mostrava sulla veste. Non era un senso di colpa fine a se stesso ne’ un dolore immotivato, era la sensazione fisica di ciò che accade all’anima di ognuno di noi: un insegnamento IMPORTANTE, più efficace di mille parole, proprio perché esperienziale e non pura teoria.
Mi faceva male, è vero: ma mi faceva male perché a nessuno piace sapere, vedere, e tantomeno sentire la realtà di ciò che accade quando un’anima si corrompe, preferiamo ignorarlo, non pensarci, stare sereni spassarcela e pensare che siano tutte fantasie di pecoroni bigotti che la Chiesa domina facendo leva sul senso di colpa.
Ed io non sono diversa dagli altri, non ci volevo pensare perché questo ti indurrebbe a pesare diversamente le azioni, difatti non sono una persona fissata con i sensi di colpa, però ti dico che un conto sono le recriminazioni su un’azione compiuta della quale ci si dispiace, consapevolmente.
Ben altro paio di maniche è la sensazione fisica di una piccola veste viva sulla quale le macchie ti provocano un dolore alla carne.
Quella è un’esperienza forse mistica, sicuramente sinestetica. Che ho chiesto smettesse. Ma che non nego come insegnamento fondante per me in quanto me.

E mi dà anche un po’ fastidio leggere che emetti di certi giudizi su un’esperienza che è mia, non tua, che ha inciso su di me, non su di te, e che con tutti i miei limiti espressivi nel riuscire a comunicarla, di certo non mi fa piacere venga bollata come malefica o perversa

@Pandora
Perche' era furbo e si e' mostrato accondiscendente per non destare troppi sospetti ma intanto il suo lavoro lo aveva fatto.

ma non diciamo hahate supponendo sensazioni di sopraffazione o di drammatica impotenza delle quali non ho mai parlato, sono elucubrazioni tue che attribuisci a me.
A parte che “non si è mostrato accondiscendente”
Non ne consegui’ in me alcuna depressione o sensazione di impotenza, solo consapevolezza di una estensione della vita oltre la dimensione materiale.
  • Ariakemagi piace questo

anf puff pant


#79 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3664 messaggi

Inviato 03 febbraio 2020 - 07:02

Ok, capisco che probabilmente non riesco a spiegare il mio punto di vista che sembra venga puntualmente frainteso perché preferiamo un Dio giudicante e severo. Evidentemente ci piace così come ci hanno insegnato, inferno eterno compreso.
Dato che il mio punto di vista, mi sembra poi portato senza insultare nessuno, senza dare dell'arrogante e presuntuoso a nessuno (oltretutto non abbraccio la visione di chi crede nell'esoterismo) ha dato solo molto fastidio, per rispetto evito di rispondere ancora.
Ripeto, io Dio e gli Angeli non li vedo affatto così e per me quello non era affatto un Angelo anche perché per esperienza e contatto personale (anche con demoni purtroppo) comprendo che non è un comportamento angelico.
Detto questo, siamo in un forum libero ed in quanto tale penso sia lecito esprimere la propria opinione sulle esperienze altrui, altrimenti se non vogliamo essere contraddetti è meglio che evitiamo di raccontarle, secondo me, altrimenti è giusto che accettiamo che altri esprimano il loro parere.

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#80 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 10543 messaggi

Inviato 03 febbraio 2020 - 07:48

Ok, capisco che probabilmente non riesco a spiegare il mio punto di vista che sembra venga puntualmente frainteso perché preferiamo un Dio giudicante e severo. Evidentemente ci piace così come ci hanno insegnato, inferno eterno compreso.
Dato che il mio punto di vista, mi sembra poi portato senza insultare nessuno, senza dare dell'arrogante e presuntuoso a nessuno (oltretutto non abbraccio la visione di chi crede nell'esoterismo) ha dato solo molto fastidio, per rispetto evito di rispondere ancora.
Ripeto, io Dio e gli Angeli non li vedo affatto così e per me quello non era affatto un Angelo anche perché per esperienza e contatto personale (anche con demoni purtroppo) comprendo che non è un comportamento angelico.
Detto questo, siamo in un forum libero ed in quanto tale penso sia lecito esprimere la propria opinione sulle esperienze altrui, altrimenti se non vogliamo essere contraddetti è meglio che evitiamo di raccontarle, secondo me, altrimenti è giusto che accettiamo che altri esprimano il loro parere.

Guarda, non avendo tempo per rispondere puntuale al forum, tornare e vedere che ero stata ancora tirata in ballo una due tre volte come esempio emblema di manifestazione demoniaca ai bambini, quando invece avevo detto tutt’altro, non è stato carino, perché boh.
Per il resto non è che io “preferisca credere in un fatto Dio” così anziché “credere in un Dio fatto cosa’ “, non sarebbe Dio se me lo costruissi su misura e ci credessi oppure no a seconda di cio’ a cui preferirei credere io. So che esiste questa dimensione di peccato e la accetto, tra l’altro il concetto è anche in linea con la dottrina cristiana, la cosa non mi fa comodo di sicuro così come tutto l’insegnamento di Gesù Cristo non faceva comodo a nessuno, ondepercui si vede che amo irresponsabilmente.

Se hai altre domande ne parliamo in pm però.

anf puff pant






Anche taggato con angelo custode

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi