Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

Ermetismo

AlchimiaMagia

  • Per cortesia connettiti per rispondere
32 risposte a questa discussione

#21 Frèyja

Frèyja

    Omnia ab uno

  • Utenti
  • 5145 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 05:37

Metafora.


Abbastanza risaputo che lo è, fra l'altro.

#22 Menkalinan

Menkalinan

    quark charm

  • Utenti
  • 3141 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 05:53

Adesso è risaputo ( mi auguro), però l' alchimia nasce con questi intenti:

 

La dottrina alchemica, in realtà, fondeva insieme elementi di religione, chimica, metallurgia, misticismo, astrologia ecc. e aveva come scopo primario quello di raggiungere tre obiettivi fondamentali: trovare un metodo per tramutare i metalli vili (in particolare il piombo) in oro; creare l’elisir di lunga vita e conquistare l’onniscienza.

Gli alchimisti, dunque, erano dediti a studi e ricerche, che vertevano anche su basi fisiche e chimiche, volte a ottenere la pietra filosofale, un elemento dotato di incredibili proprietà e, soprattutto, in grado di soddisfare i tre obiettivi sopracitati.

 

http://www.sapere.it...alchimisti.html


La scienza non può svelare il mistero fondamentale della natura. E questo perché, in ultima analisi, noi stessi siamo parte dell'enigma che stiamo cercando di risolvere. (Max Planck)


#23 Frèyja

Frèyja

    Omnia ab uno

  • Utenti
  • 5145 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 06:14

Adesso è risaputo ( mi auguro), però l' alchimia nasce con questi intenti:

La dottrina alchemica, in realtà, fondeva insieme elementi di religione, chimica, metallurgia, misticismo, astrologia ecc. e aveva come scopo primario quello di raggiungere tre obiettivi fondamentali: trovare un metodo per tramutare i metalli vili (in particolare il piombo) in oro; creare l’elisir di lunga vita e conquistare l’onniscienza.
Gli alchimisti, dunque, erano dediti a studi e ricerche, che vertevano anche su basi fisiche e chimiche, volte a ottenere la pietra filosofale, un elemento dotato di incredibili proprietà e, soprattutto, in grado di soddisfare i tre obiettivi sopracitati.

http://www.sapere.it...alchimisti.html

La ricerca interiore e il perfezionamento sono sempre stati al centro dell'interesse dell'alchimista. Considerando che molti erano costretti a usare allegorie per evitare persecuzioni, puoi facilmente immaginare che il lavoro materiale sui metalli fosse, in larga parte, una metafora che indicava altro. O meglio, che indicava corrispondenze interne.
Ovviamente ci sono stati innumerevoli alchimisti che hanno fatto, veramente, anche questo. Ma non mi sembra corretto affermare che sia stato l'intento principale in generale.
  • jericho piace questo

#24 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8705 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 06:30

Ma se sei cristiano, se tale ti senti, segui il misticismo cristiano, oh Sky.

Che io, solo per il fatto di dovermi sentire legata in qualsiasi modo, fisico mentale o spirituale, dai dettami di un credo o una religione, mi basterebbe per lasciarla totalmente da parte.

In parole spicce, ragazzo, una per tutte.

O la Verità te la cerchi tu, o altrimenti stai a farti imboccare da qualcun altro. Non c'è altro da dire, secondo me. O cerchi, o no.

 

il tuo ragionamento Fur è giusto e sensato ma se io da credente credo che le sacre scritture siano di ispirazione divina, non sarebbe la verità imboccata da qualcun altro essere umano come me, io una soluzione a questo dilemma l'avrei pensata, cioè visto che sarebbe lo gnosticismo incompatibile con la dottrina cristiana, seguo anzi altre filosofie spirituali che non siano in disaccordo con essa, come per fare un esempio il buddismo tibetano, in cui gli esercizi ascetici proposti mi aiutino a raggiungere una maggiore tranquillità e pace interiore e una maggiore comprensione e chiarezza mentale, senza quindi cercare di riuscire con la trasmutazione di diventare un veicolo consapevole dello spirito divino, anche se almeno parlando per me anche se ci provassi sarebbe un obiettivo impossibile da raggiungere, comunque come giustamente dici Fur ognuno sceglie come intraprendere e che strade prendere da se, cercando la via come meglio crede, senza per questo pretendere che altri se non vogliano seguano per forza la sua strada.

comunque anche se non cambio idea attendo ugualmente la risposta di Ariakemagi per vedere cosa ne penserebbe in proposito.

  

Adesso è risaputo ( mi auguro), però l' alchimia nasce con questi intenti:

 

La dottrina alchemica, in realtà, fondeva insieme elementi di religione, chimica, metallurgia, misticismo, astrologia ecc. e aveva come scopo primario quello di raggiungere tre obiettivi fondamentali: trovare un metodo per tramutare i metalli vili (in particolare il piombo) in oro; creare l’elisir di lunga vita e conquistare l’onniscienza.

Gli alchimisti, dunque, erano dediti a studi e ricerche, che vertevano anche su basi fisiche e chimiche, volte a ottenere la pietra filosofale, un elemento dotato di incredibili proprietà e, soprattutto, in grado di soddisfare i tre obiettivi sopracitati.

 

http://www.sapere.it...alchimisti.html

 

eh insomma se avessi avuto anche dei dubbi questo almeno per me li ha dissipati del tutto, temo che avere l'umana pretesa di conquistare l'onniscienza sia un po' troppo per chiunque,

anche se secondo me era uno dei possibili traguardi ma che dubiterei qualcuno sia mai riuscito sia nel passato che nel presente a raggiungere o almeno a tentare di arrivarci senza 

rischiare la sua sanità mentale, l'onniscienza divina temo che farebbe impazzire qualunque essere umano.

ma magari come hanno scritto sia Fur che Freyja sia per quanto riguarda l'elisir di lunga vita e la pietra filosofale per trasmutare i metalli vili in oro puro erano soltanto metafore a differenza invece dell'onniscienza che in quel caso non si può di certo equivocare.

se non sbaglio tra l'altro uno degli obiettivi degli alchemici non era anche di creare la vita dalla materia inanimata? 

gli homunculus mi pare che si chiamassero.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#25 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8705 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 06:38

La ricerca interiore e il perfezionamento sono sempre stati al centro dell'interesse dell'alchimista. Considerando che molti erano costretti a usare allegorie per evitare persecuzioni, puoi facilmente immaginare che il lavoro materiale sui metalli fosse, in larga parte, una metafora che indicava altro. O meglio, che indicava corrispondenze interne.
Ovviamente ci sono stati innumerevoli alchimisti che hanno fatto, veramente, anche questo. Ma non mi sembra corretto affermare che sia stato l'intento principale in generale.

 

ecco come al solito dalla fretta mi ero persa la tua risposta Freyja, d'accordo con te ma per quanto riguarda invece l'onniscienza divina? ammettendo pure che sia un traguardo per quanto quasi impossibile, ma che qualcuno ci riesca nell'intento, secondo te come riuscirebbe un essere umano a gestire tutta quella conoscenza senza rischiare la sua integrità mentale?

a meno che come onniscienza si intenda poter attingere a comando a conoscenze a seconda della propria necessità senza bisogno di assorbirla tutta in una volta.

una soluzione sarebbe l'uso per chi ci riuscirebbe di attingere in astrale ai registri akashici, ma non di certo anche questa possibilità è alla portata di chiunque.

tra l'altro leggo che ci sarebbero anche altri metodi.

 

L’accesso e la “lettura” dei Registri Akashici può essere ottenuta in diversi modi: meditazione, trance, ipnosi, mantra, simboli, viaggi astrali, orazione sacra…

Ma possiamo anche dire che l’accesso alle informazioni dei Registri Akashici è quello che consente ad ognuno di avere quei lampi di chiarezza, intuizione, conoscenza che aiutano a progredire verso il Risveglio.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#26 Menkalinan

Menkalinan

    quark charm

  • Utenti
  • 3141 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 07:42

La ricerca interiore e il perfezionamento sono sempre stati al centro dell'interesse dell'alchimista. Considerando che molti erano costretti a usare allegorie per evitare persecuzioni, puoi facilmente immaginare che il lavoro materiale sui metalli fosse, in larga parte, una metafora che indicava altro. O meglio, che indicava corrispondenze interne.
Ovviamente ci sono stati innumerevoli alchimisti che hanno fatto, veramente, anche questo. Ma non mi sembra corretto affermare che sia stato l'intento principale in generale.

Ma la ricerca interiore volta al perfezionamento implicava che  gli alchimisti materialmente,  si avvalessero della chimica, della fisica e della metallurgica, quindi operavano nei loro laboratori proprio come fa un chimico moderno, e questo per me non ne inficia lo scopo spirituale.

 

Anche la via materiale, esperienziale serve.


La scienza non può svelare il mistero fondamentale della natura. E questo perché, in ultima analisi, noi stessi siamo parte dell'enigma che stiamo cercando di risolvere. (Max Planck)


#27 Frèyja

Frèyja

    Omnia ab uno

  • Utenti
  • 5145 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 07:56

Ma la ricerca interiore volta al perfezionamento implicava che gli alchimisti materialmente, si avvalessero della chimica, della fisica e della metallurgica, quindi operavano nei loro laboratori proprio come fa un chimico moderno, e questo per me non ne inficia lo scopo spirituale.

Anche la via materiale, esperienziale serve.

Ripeto, è un fraintendimento appositamente voluto, perché i testi sono piuttosto criptici.

"Laddove abbiamo parlato apertamente in realtà non abbiamo detto nulla. Laddove invece abbiamo scritto in modo cifrato o figurato abbiamo nascosto la verità", recita un resto alchemico del XIII secolo. Direi che questa frase racchiude la sostanza di quello che dicevo nell'intervento di sopra.

Come ho già detto c'era anche chi si dedicava al lavoro di laboratorio o entrambi, non sono due cose che si escludono a vicenda, ma non è lo scopo primario reale. Rispondevo inoltre alla tua perplessità in merito alle trasformazioni dei metalli.

@sky: non ha senso parlare di integrità mentale in relazione a persone che hanno raggiunto un livello di consapevolezza simile. Non puoi immaginare di applicarla alla mente che conosci tu.
  • skynight e Ariakemagi piace questo

#28 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8705 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 08:33

@sky: non ha senso parlare di integrità mentale in relazione a persone che hanno raggiunto un livello di consapevolezza simile. Non puoi immaginare di applicarla alla mente che conosci tu.

 

vero non ci avevo proprio pensato.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#29 Ariakemagi

Ariakemagi

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 26 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 08:39

Cari a compagni,

Come è stato già ben detto la maggior parte delle allegorie erano obbligatorie per diversi motivi, a parte l inquisizione era necessario velare i segreti dell arte per i soli iniziati affinché la conoscenza sarebbe rimasta in possesso da chi ritenuto idoneo da venirne iniziato e a chi per dono divino possedeva gia un integrazione con il Nume sviluppata, che a livello sottile svelasse i punti cruciali.

Di libri alchemici ne sono stati scritti all incirca 20.000, potrete ben discernere che non tutti erano veri alchimisti.
Gli autori tradizionali chiamavono soffiatori questi pasticcioni dei fornelli e avvertivano che per compiere l opera non era necessario null altro al di fuori del nostro vaso ( uomo ) è della natura ( la materia prima).
  • Frèyja piace questo

#30 Ariakemagi

Ariakemagi

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 26 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 09:02

Sky per quanto riguarda l incompatibilità di cui parli il tuo è un punto di vista,

Ricordi cosa dice l apostolo Paolo quando parla che l uomo carnale non comprende le cose di Dio, e che solo l uomo spirituale può compremderle?

Ecco l alchimia mira a stabilirti perennemente in quella zona spirituale, quindi a far si che diventi realmente un uomo spirituale,e per spirituale non significa credente , ma un essere diverso da quello che eri.
  • skynight piace questo

#31 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8705 messaggi

Inviato 19 gennaio 2020 - 09:42

Sky per quanto riguarda l incompatibilità di cui parli il tuo è un punto di vista,

Ricordi cosa dice l apostolo Paolo quando parla che l uomo carnale non comprende le cose di Dio, e che solo l uomo spirituale può compremderle?

Ecco l alchimia mira a stabilirti perennemente in quella zona spirituale, quindi a far si che diventi realmente un uomo spirituale,e per spirituale non significa credente , ma un essere diverso da quello che eri.

 

capisco quello che scrivi Ariakemagi ma nonostante tutto non me la sento proprio di seguire un percorso nuovo di cui avrei ancora dei dubbi,

devo rifletterci attentamente sopra.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#32 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19877 messaggi

Inviato 20 gennaio 2020 - 06:12

Ci sono gli esercizi spirituali di Loyola, Sky.
Era un gesuita. "IL" gesuita.

Ma nessuno mai dovrebbe convincerti o farti desistere da quella che deve essere una spinta interiore. E se è una reale spinta interiore, nessuno può, daltrocanto, convincerti o farti desistere.

Ci sono effettivamente molte linee mistiche cristiane, senza andare sulla gnosticismo, senza cercare altrove.

Anzi, se volessi darti un consiglio spassionato, ti direi, Leggi da te i Vangeli. Senza nessun bastone interpretativo, a cuore aperto. Ti metti e te li leggi. E ancora e ancora. Lascia che le parole penetrino dentro di te e non si fermino agli occhi o alla mente.
Ma non cercare nemmeno di capire qualcosa che ti risulta strano o poco chiaro, tu leggi e contempla.

Non fai niente di "eretico", suppongo, facendo così. Anzi. Ne avresti in guadagno.

Non sto la a parlarti del potere del simbolo evocato, o di questo in relazione ai libri sacri.

Tu pensa solo, cerco di cacciarmi in un'ottica cristiana, di quanto può essere potente lasciare che le parole direttamente ispirate dalla divinità possano gocciolare dentro te parola per parola, direttamente, senza i canoni interpretativi superficiali di qualsiasi uomo.

Prova. Hai tutti gli strumenti, se vuoi.
  • skynight piace questo

#33 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8705 messaggi

Inviato 20 gennaio 2020 - 07:09

Ci sono gli esercizi spirituali di Loyola, Sky.
Era un gesuita. "IL" gesuita.

Ma nessuno mai dovrebbe convincerti o farti desistere da quella che deve essere una spinta interiore. E se è una reale spinta interiore, nessuno può, daltrocanto, convincerti o farti desistere.

Ci sono effettivamente molte linee mistiche cristiane, senza andare sulla gnosticismo, senza cercare altrove.

Anzi, se volessi darti un consiglio spassionato, ti direi, Leggi da te i Vangeli. Senza nessun bastone interpretativo, a cuore aperto. Ti metti e te li leggi. E ancora e ancora. Lascia che le parole penetrino dentro di te e non si fermino agli occhi o alla mente.
Ma non cercare nemmeno di capire qualcosa che ti risulta strano o poco chiaro, tu leggi e contempla.

Non fai niente di "eretico", suppongo, facendo così. Anzi. Ne avresti in guadagno.

Non sto la a parlarti del potere del simbolo evocato, o di questo in relazione ai libri sacri.

Tu pensa solo, cerco di cacciarmi in un'ottica cristiana, di quanto può essere potente lasciare che le parole direttamente ispirate dalla divinità possano gocciolare dentro te parola per parola, direttamente, senza i canoni interpretativi superficiali di qualsiasi uomo.

Prova. Hai tutti gli strumenti, se vuoi.

 

grazie Fur seguirò il tuo consiglio.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi