Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies

Foto

Il Vuoto


  • Per cortesia connettiti per rispondere
25 risposte a questa discussione

#21 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8723 messaggi

Inviato 16 settembre 2019 - 10:46

Inquadrare i fenomeni descritti nella narcolessia o disturbi del sonno è confortante? :D

 

Quello è neutro, non confortante: narcolessia o disturbi del sonno è solo un nome dato ad una serie di fenomeni rilevati da diversi tipi di osservazioni, compatibilmente con il nostro grado conoscenza di tutti i fenomeni che si verificano nell'universo.

E' un errore pensare che questa descrizione sia esaustiva, è un errore pensare che sia a priori errata o limitata. E' una descrizione fatta con i mezzi a nostra disposizione. E per tale va presa.

 

Fra l'altro, hai detto che chi descrive questi fenomeni non lo sa. Io per esempio mi rendo conto che a livello scientifico la paralisi e i sogni immediati siano da imputare a una fase Rem precoce, quasi istantanea. Quindi, un'anomalia.
Ma questo non riesce comunque a spiegare interamente la natura di certe esperienze. La scienza ancora non ha tutte le risposte, non sappiamo ancora cosa fa il cervello, come lavora. Non si sa cosa si può escludere e cosa no.
Tutto questo per dire che considerare il fenomeno solo da un'ottica scientifica e farselo bastare è oggettivamente sminuente perché incompleto. Come incompleto sarebbe escludere l'ottica scientifica del tutto, chiaramente, ma non credo che a chi scrive qui interessi molto quest'ultima, anche se la conosce.

 

E infatti sono d'accordo. Il conforto che volevo dare è proprio che non c'è da sentirsi sminuiti per la descrizione fatta da un fenomeno con i mezzi attuali.

 

Poi tu, e su questo non sono d'accordo, forse separi l'ottica scientifica da altro, come se fosse una lente sbagliata con cui guardare la realtà, e pensi,  in più, in base a non so cosa, che chi scrive qui non sia interessato all'ottica scientifica. Per me la realtà è unica, l'ottica scientifica è solo una lente.



#22 Frèyja

Frèyja

    Omnia ab uno

  • Utenti
  • 5435 messaggi

Inviato 16 settembre 2019 - 10:58

Quello è neutro, non confortante: narcolessia o disturbi del sonno è solo un nome dato ad una serie di fenomeni rilevati da diversi tipi di osservazioni, compatibilmente con il nostro grado conoscenza di tutti i fenomeni che si verificano nell'universo.
E' un errore pensare che questa descrizione sia esaustiva, è un errore pensare che sia a priori errata o limitata. E' una descrizione fatta con i mezzi a nostra disposizione. E per tale va presa.
 

E infatti sono d'accordo. Il conforto che volevo dare è proprio che non c'è da sentirsi sminuiti per la descrizione fatta da un fenomeno con i mezzi attuali.
 
Poi tu, e su questo non sono d'accordo, forse separi l'ottica scientifica da altro, come se fosse una lente sbagliata con cui guardare la realtà, e pensi,  in più, in base a non so cosa, che chi scrive qui non sia interessato all'ottica scientifica. Per me la realtà è unica, l'ottica scientifica è solo una lente.


Come " in base a non so cosa"? :D.
È un'ovvietà. Chi vede la questione prevalentemente o solo da un punto di vista scientifico va a scrivere ciò che vive su dica33, o al limite proprio da un medico. O compra un libro sul sonno. Non scrive in "viaggi astrali obe ecc". E se ci scrive lo fa, di solito, chiedendo anche lumi sulle possibili spiegazioni scientifiche. In 11 anni di forum ho capito più o meno le diverse tipologie di utenti. Anche in base a questo si regolano le risposte. E soprattutto tenendo sempre a mente il trend generale di chi arriva a scrivere o leggere qui.

Per il resto no, non separo i due punti di vista. Ma uno descrive solo quello che accade al corpo, quindi per me descrive veramente poco.
  • Lunanerina piace questo

#23 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8723 messaggi

Inviato 16 settembre 2019 - 11:40

Considerare ovvio il fatto che chi scrive in questo forum non prende in considerazione anche altre lenti attraverso cui guardare la realtà e che il punto di vista scientifico descriva solo quello che avviene nel corpo, per me, sono limitazioni alla rilfessione, ingombranti.

 

Le vedo come un limite tra me e quello che potrei comprendere.

 

Ora stiamo trasformando la discussione in uno scambio di visioni personali. La moderazione starà bestemmiando sul piano fisico e quello non fisico.


  • Frèyja piace questo

#24 Frèyja

Frèyja

    Omnia ab uno

  • Utenti
  • 5435 messaggi

Inviato 16 settembre 2019 - 11:46

Considerare ovvio il fatto che chi scrive in questo forum non prende in considerazione anche altre lenti attraverso cui guardare la realtà e che il punto di vista scientifico descriva solo quello che avviene nel corpo, per me, sono limitazioni alla rilfessione, ingombranti.

Le vedo come un limite tra me e quello che potrei comprendere.

Ora stiamo trasformando la discussione in uno scambio di visioni personali. La moderazione starà bestemmiando sul piano fisico e quello non fisico.

Si, capisco.
Magari potranno spostarci in qualche discussione più appropriata, perché in effetti non riesco a non chiedertelo: il punto di vista scientifico sul sonno ha, nel suo campo di indagine, qualcosa che non sia il corpo o inerente ad esso?

#25 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3664 messaggi

Inviato 16 settembre 2019 - 03:33

Non andiamo sul personale però.
Ha detto che i sogni immediati sono solo quelli ipnagogici.
Anche le attività che noi chiamiamo "incontri paranormali in dormiveglia" lui li definisce "allucinazioni ipnagogiche", ma entrambi avvengono con più frequenza all'addormentamento ed al risveglio.
Quindi volendo tutto torna come "schema distributivo": la differenza con quanto dice lui è che non torna l'origine che attribuiamo a determinati fenomeni, che secondo noi due possono essere a volte di origine paranormale e secondo lui sono e possono essere solo fisiologiche.

Ma su quello bah, quando e SE, di determinate esperienze hai dei riscontri nella realtà, il parere "scientifico" di chicchessia lascia un po' il tempo che trova, perché diventa il cercare di forzare in uno schema qualcosa che non ci sta.
Quindi non è che lui ci dia delle bugiarde, lui non crede che determinate esperienze abbiano una natura paranormale, punto. E niente e nessuno lo smuove, perché quando le cose non succedono a te la reazione più comune è questa.

Ho risposto così riguardo a tornado perché l'impressione che mi danno a volte le sue risposte è di dirti, velatamente ed anche non, che non crede a ciò che dici. Lo ha fatto anche con altri utenti.
Ritornando in tema, se io gli dico che anche nel giro di cinque minuti mi capita di sognare dal momento dell'addormentamento al risveglio, dicendo che il mio compagno ne è stato TESTIMONE, e lui mi risponde: "l'unico modo per sapere se si sta sognando è che qualcuno deve vedere se sei in fase REM guardando il movimento delle palpebre" è come dire, secondo me: "eh ma se non ti vedo che muovi gli occhi non posso credere a ciò che dici"... Ma io te lo sto dicendo che è successo così, mica dico cavolate! Paranormale o no. Pure se per lui il sogno è qualcosa di biologico, fisico, ecc...ma io ho sognato! È questo il punto.
Figuriamoci, niente di personale, non sto facendo una critica sulla persona (il che poi sarebbe contro il regolamento) ma piuttosto sul tenore delle risposte che dà.
Se ho sbagliato, chiedo scusa. Però non mi è sembrato di star criticando tornado come individuo.

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#26 Kal

Kal

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 23 messaggi

Inviato 13 marzo 2020 - 11:17

Ciao a tutti.
Alle ore 23.00 del giorno 11 settembre 2019 mi sono messa a letto, ho spento la luce e ho indossato la mia mascherina nera che non lascia passare neanche un filo di luce, apprestandomi a praticare il metodo WILD per ottenere un sogno lucido.
Subito mi sono ritrovata immersa in una dimensione di un nero assoluto, totale, ma soprattutto non piatto!
L'oscurità, a differenza delle altre volte in cui si mostrava carica di forme, colori e scene ipnagogiche, questa volta si è mostrata in tutta la sua nuda e cruda bellezza ed essenza: ne vedevo la profondità abissale! Si trattava di un baratro infinito....
L'ho osservato a lungo, quel precipizio, provando paura (con tachicardia), eppure non emanava nè negatività, nè positività.... Sapevo di essere dinanzi a qualcosa che non avevo mai visto prima, qualcosa di grandioso!
Cosa ne pensate?
Qualcuno di voi ha vissuto un'esperienza analoga?
Grazie.
SUSANNA

Io per mia esperienza personale posso dire che la prima e l'unica volta che sono entrato in questo "nero" ci ho messo circa 30/40 min di meditazione profonda, non so quali fasi o sperimentato, non mi importava il saperlo, in quel momento mi sono concentrato e unito ai colori della mia mente che mi hanno portato verso questo nero, io li mi sono detto, e mo che faccio? Di mia volontà immagino un autobus (solo i bordi erano bianchi, il resto trasparente) e ci finisco dentro ahah, sai che emozione :p indescrivibile, come provare una nuova sensazione.

Detto questo non voglio precisare come si fa o quando, non utilizzo varie tecniche precise o il dormire in orari specifici, sono troppo pigro per queste cose, se non mi sbaglio Leonardo Da Vinci dormiva ogni 4 ore :D

Dico solo che se ci mette la passione e molta concentrazione si può fare tutto senza rispettare gli orari, non importa se si fa la notte o il giorno, con la meditazione si può fare di tutto e di più, basta farla! :p

Non riesco a capire se quella bellissima luce sei tu Angelo mio o sono io che mi sono fumato troppe canne.





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi