Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

Natura, uomo, Dio

natura uomo dio mondo destino

  • Per cortesia connettiti per rispondere
11 risposte a questa discussione

#1 viator1945

viator1945

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 119 messaggi

Inviato 29 luglio 2019 - 07:54

Salve. Altro quesito dei miei così "strani". Mi piacerebbe conoscere a chi od a cosa ciascuno dei lettori attribuirebbe il primato all'interno di un mondo contenente sia la natura che l'uomo (come ovvio) ma anche eventualmente (per chi vi crede) un Dio.

 

Mi spiego : secondo voi il migliore o comunque il più ragionevole dei mondi possibili sarebbe quello il cui funzionamento è regolato esclusivamente o principalmente da :

  • (Mondo N) : dalla natura e dalle leggi fisiche così come ora a noi note;
  • (Mondo U) : dalla volontà e dalle capacità umane così come espresse liberamente da un nostro libero arbitrio;
  • (Mondo D) : dalla scutabile o imperscrutabile volontà di un Dio così come concepito dalle grandi religioni monoteiste (quindi un Dio del quale noi si sia dei "figli" "prediletti").

Chissà se ne nascerà un discussione interessante. Saluti a tutti.

 



#2 nohintavailable

nohintavailable

    Utente Senior

  • Utenti
  • 264 messaggi

Inviato 29 luglio 2019 - 08:01

Bentornato viator, per fortuna non sei sparito!

All'interno di Mondo N tutti gli altri mondi sono regolati.
Obatalá! Obatalá! Entrego nesse instante mais esta ovelha para o teu redio

#3 Pandora

Pandora

    how U doin'?

  • Moderatore
  • 5889 messaggi

Inviato 29 luglio 2019 - 08:26

Voto mondo D che contiene come sottoinsiemi mondo N e mondo U
ecco. gnente firma :bb:

#4 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 808 messaggi

Inviato 29 luglio 2019 - 09:11

(Mondo N) : dalla natura e dalle leggi fisiche così come ora a noi note;


Un mondo il cui funzionamento è regolato dalle leggi fisiche a noi note sarebbe terribile, nel senso terribilmente limitato.

La natura è un'altra cosa. Noi ufficialmente non conosciamo che un minuscolo frammento della natura.

Quindi natura intesa come infinito, è tutto.

Ma la parte da "noi" (umanità) conosciuta è insignificante. Parlo delle conquiste della finta scienza di regime.
 

(Mondo U) : dalla volontà e dalle capacità umane così come espresse liberamente da un nostro libero arbitrio;


L'uomo comune è troppo imbecille per poter regolare i Mondi - che nemmeno conosce.

A cosa servirebbe il libero arbitrio a un Dormiente? Non se ne serve, non ha opzioni, le ignora completamente.
 

(Mondo D) : dalla scrutabile o imperscrutabile volontà di un Dio così come concepito dalle grandi religioni monoteiste (quindi un Dio del quale noi si sia dei "figli" "prediletti").


Parliamo della fantascienza dunque, non della realtà?

Tornando con i piedi per terra in conclusione il migliore dei mondi è quello che c'è, l'infinito autogestito che è molto più di quanto appare.

////EDIT////. Non ho capito se si discute del "mondo" universo o del "mondo" sistema politico. Il miglior amministratore dell'umanità tra: natura, uomo e Dio, è uomo. In quanto, la natura non è cosciente di noi umani, e Dio non esiste. E se esistesse, sarebbe da irresponsabili affidare la gestione della società ad un ente esterno.

#5 Spinoza

Spinoza

    Utente in stand-by

  • Utenti
  • 5183 messaggi

Inviato 30 luglio 2019 - 10:19

Il mondo U è un sottoinsieme del mondo N.

 

Il mondo è regolato dalle leggi a noi note e da quelle ancora NON note, ma comunque presenti.



#6 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8167 messaggi

Inviato 30 luglio 2019 - 10:31

 

secondo voi il migliore o comunque il più ragionevole dei mondi possibili sarebbe quello il cui funzionamento è regolato esclusivamente o principalmente da :

 

Mondo N, con leggi note e non note, però.



#7 viator1945

viator1945

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 119 messaggi

Inviato 30 luglio 2019 - 10:40

Salve. Per G.a.b.r.i.e.l. : La MIA personale definizione di mondo è "il completo insieme di tutto ciò che è".

La MIA personale definizione di "tutto ciò che è" è : "l'insieme di ogni causa e di ogni effetto". Saluti.



#8 Sween

Sween

    chi sei...

  • Utenti
  • 1363 messaggi

Inviato 31 luglio 2019 - 12:59


////EDIT////. Non ho capito se si discute del "mondo" universo o del "mondo" sistema politico. Il miglior amministratore dell'umanità tra: natura, uomo e Dio, è uomo. In quanto, la natura non è cosciente di noi umani, e Dio non esiste. E se esistesse, sarebbe da irresponsabili affidare la gestione della società ad un ente esterno.

Come se la natura fosse un ente che se ne sta la fuori  a guardare e amminstrare che vada tutto bene.

Noi stessi facciamo parte della natura , quindi dire che la natura non è coscente è un non sense.


Siccome io non mi sopporto dovete sopportarmi voi :D


#9 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 808 messaggi

Inviato 31 luglio 2019 - 05:49

Come se la natura fosse un ente che se ne sta la fuori  a guardare e amminstrare che vada tutto bene.
Noi stessi facciamo parte della natura , quindi dire che la natura non è coscente è un non sense.


Se natura sono sistemi stellari, pianeti, galassie, ammassi di galassie, atomi, alberi etc ed una infinità di energie da essi prodotte, ebbene tutti questi "oggetti e soggetti" seppur viventi, non sono coscienti dell'umanità. Esempio. Se io sparisco domani, l'albero che sta in Australia nemmeno si accorge, il gatto che sta in Germania non lo sa, non ne è consapevole, la galassia di Andromeda ignora la mia esistenza. Quindi la coscienza dove sta?

Certo l'uomo "fa parte" della natura, ma l'autore del 3d ha voluto dividere il Mondo (il Tutto) in tre categorie natura uomo e Dio ergo nel contesto della discussione l'uomo non può più far parte della natura.

Detto questo, per me l'uomo è l'unica creatura, l'unico vivente, l'unico essere: che è cosciente non solo di se stesso ma dell'insieme della realtà (di tutto e tutti) del loro ruolo nel Mondo (nell'infinito). Perciò soltanto l'uomo potrebbe amministrare l'umanità e nessun altro. Altri esseri, altre creature, altri "oggetti e soggetti" non possiedono informazioni sufficienti per poter comprendere chi sono loro, chi siamo noi uomini, come gestire il territorio o spaziotempo a noi temporaneamente assegnato.

Il cervello umano è un computer, più potente dell'universo. Non c'è l'essere superiore all'uomo, nell'infinito. Ovviamente non mi riferisco soltanto all'uomo della Terra, parlo di umanoidi che abitano infiniti mondi abitati, umani simili o diversi da noi però paragonabili a noi come struttura della coscienza e caratteristiche "spirituali".


  • Sween piace questo

#10 viator1945

viator1945

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 119 messaggi

Inviato 31 luglio 2019 - 10:02

Salve Sween. Ovvio. La natura è supercosciente IN SENSO FILOSOFICO, mentre G.a.b.r.i.e.l. ragiona in senso umano e psichico.

Supercosciente poichè ha originato e contiene tutte le coscienze, quale che sia il significato che vogliamo dare a questo termine. Saluti.


  • nohintavailable piace questo

#11 Sween

Sween

    chi sei...

  • Utenti
  • 1363 messaggi

Inviato 31 luglio 2019 - 04:19

Se natura sono sistemi stellari, pianeti, galassie, ammassi di galassie, atomi, alberi etc ed una infinità di energie da essi prodotte, ebbene tutti questi "oggetti e soggetti" seppur viventi, non sono coscienti dell'umanità. Esempio. Se io sparisco domani, l'albero che sta in Australia nemmeno si accorge, il gatto che sta in Germania non lo sa, non ne è consapevole, la galassia di Andromeda ignora la mia esistenza. Quindi la coscienza dove sta?

Certo l'uomo "fa parte" della natura, ma l'autore del 3d ha voluto dividere il Mondo (il Tutto) in tre categorie natura uomo e Dio ergo nel contesto della discussione l'uomo non può più far parte della natura.

 

Questo solo se si intentde la natura come oggetti o soggetti . Ma la natura non  è ne un oggetto ne un soggetto. La soggettività della natura sta nella spece. Tutti gli impulsi istintuali  di un animale selvatico sono congeniata dalla natura in modo da volgersi infine a vantaggio suo e della spece a cui appartiene. Nello spazio vitale di un animale non esiste conflitto fra le sue inclinazioni e un certo "dovere naturale" . tutti gli impulsi interiori sono "buoni" . Anche una pianta risponde in modo naturale a quello che è il suo programma naturale. C'è perfetta coesistenza fra soggettività naturale e soggettività del singolo essere vivente.

Per quanto riguarda l'uomo Aristotele sosteneva che l'uomo vive la totalità della natura . Però c'è un problema; le funzioni specificamente umane , come il linguaggio e il pensiero concettuale non che il progresso della scienza e della tecnica hanno permesso l'accumulazione e la trasmissione di un sapere comune. Di conseguenza l'evoluzione storica dell'umanità segue un ritmo enormemente più veloce dell evoluzione puramente organica, filogenetica di tutti gli altri esseri viventi. Però gli istinti , cioè le modalità innate di azione e reazione, rimangono legati anche nell uomo al ritmo evolutivo degli organi, che è molto più lento, e non riescono a tenere il passo con la sua evoluzione storico culturale: quindi le tendenze naturali non sono più perfettamente sincronizzate con le condizioni di civiltà in cui l'uomo è venuto a trovarsi ad opera delle sue attività mentali e non è neppure abbastanza "buono" per corrispondere alle esigenze della società umana colta e civile che egli stesso ha creato. E, a differenza di un animale selvatico , l'uomo civilizzato non può più affidarsi cecamente a quanto gli suggeriscono gli istinti.


Siccome io non mi sopporto dovete sopportarmi voi :D


#12 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 808 messaggi

Inviato 31 luglio 2019 - 04:54

Supercosciente poichè ha originato e contiene tutte le coscienze, quale che sia il significato che vogliamo dare a questo termine.


Ah ecco perché. Ma secondo me la natura non ha originato nulla, gli uomini creano piante animali e altri uomini su altri pianeti dell'universo. Escludendo queste creazioni scientifiche la Terra sarebbe inabitata, tra l'altro niente continenti, solo un oceano che copre intera sua superficie. Il fatto di contenere esseri e coscienze, non rende la natura cosciente di quelle coscienze. Se io vado ad abitare in una casa poi quella casa non diventa cosciente di me. Alcuni hanno dato alla natura i poteri di dio sostituendo le Divinità antiche del Politeismo originario dei vari popoli con un solo 'dio-natura' ma sono teorie. Mentre le Divinità descritte nel Mito e nelle Scritture sono realmente esistite ed esistono sotto qualche forma, il cosiddetto dio-natura potrebbe essere il prodotto della speculazione filosofica e basta, cioè fantasticheria. Le "Divinità" antropomorfe ( che oggi possiamo chiamare Esseri extraterrestri ) nel passato hanno interagito con gli Umani della Terra ed è possibile comunicare con loro tutt'oggi, loro possono "apparire" e/o scendere QUI ed ORA - ma non abbiamo nessuna prova e nemmeno indizi sull'esistenza di un dio-natura cosciente di noi uomini quindi in grado di gestire il tutto. Simbolicamente però DIO è l'insieme di tutti gli Esseri degli INFINITI; a parte che ogni uomo risvegliato effettivamente sarebbe un Dio, e una parte di DIO.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi