Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

L'innocenza di Dio

dio miracoli disgrazie

  • Per cortesia connettiti per rispondere
49 risposte a questa discussione

#1 viator1945

viator1945

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 153 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 02:58

Salve. Mi trovavo a riflettere sul significato di miracolo. Definizione : "Evento imprevedibili ed inspiegabile che coinvolge positivamente una o più persone" (attenzione : esistono anche i prodigi i quali sono però cosa un poco diversa che va separatamente trattata per non fare confusione !).

 

In particolare i miracoli si manifestano - sembra - solo nei confronti di chi nutra una qualche fede religiosa.

 

Quindi davanti ad un miracolo sembra che per il fedele sia sacrosanto e doveroso - oltre che spontaneo - ringraziare il proprio Dio per il beneficio ricevuto.

 

Ora, a me sembra che per fedeli, atei, agnostici etc. etc., esistano anche le disgrazie.

 

Le quali - dal punto di vista di un fedele - dovrebbero essere anch'esse espressione della volontà del proprio Dio.

 

Chiedo a me stesso ed a voi : a cosa è invece dovuto il fatto che il fedele debba benedire Dio per i miracoli mentre si guarda bene dal maledirlo per le disgrazie ?

 

Forse che Dio è responsabile solo per i primi mentre è perfettamente innocente per le altre ?. Saluti





#2 Pandora

Pandora

    scialla oh oh

  • Moderatore
  • 11426 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 03:39

Innanzitutto ti ho cambiato sezione, perché il tuo quesito è più da religione e misteri che filosofia.

Ora invece ti rispondo.
I miracoli non accadono esclusivamente ai credenti, possono accadere anche ai non credenti mettendoli di fronte ad una tale constatazione del Sovrannaturale che si convertono, diventando credenti successivamente, dopo, non prima del miracolo. Esempi ne trovi quanti ne vuoi, da San Paolo a Bruno Cornacchiola.

Devo però dirti una cosa: la tua valutazione di colpa e di merito relative a miracoli e disgrazie sono considerazioni frutto di un'ottica terrena, del tutto materialista.
Se hai fede in Dio invece hai fede nella vita dopo la morte, quindi ti poni in un'ottica molto molto diversa relativamente all'importanza da dare alla vita materiale.

Te lo posso dire con certezza perché io sono una di quelle persone che hanno fede, ed al tempo stesso purtroppo ho appena vissuto una disgrazia.

Certo che anche se hai fede non è che sei felice delle disgrazie: ma non attribuisci alla volontà di Dio una "colpa", il percorso che fai è diverso ed è di accettazione della volontà di Dio, che si nutre della speranza della prospettiva della vita eterna e di tanti altri aspetti che qui non affronterò.

Diciamo che trovo incoerente non credere in Dio ma al tempo stesso volerlo condannare: se vuoi condannarlo credi in Lui, sennò il tuo ragionamento sta cortocircuitando.

A meno che la tua discussione non sia solo un tentativo di provocazione verso i fedeli. :roll:
<p>anf puff pant

#3 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 9030 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 03:57

Risposta A.

Per le disgrazie è colpa del diavolo o del libero arbitrio dell'uomo usato male.

 

Risposta B.

Miracoli e disgrazie sono nomi dati dall'uomo limitato agli eventi. Non si ringrazia nè si incolpa Dio. E' così che deve essere, ogni cosa è perfetta così com'è, che ci piaccia o no, che ci rende felici o no, che la comprendiamo o no. (Sempre se abbiamo fede).



#4 Pandora

Pandora

    scialla oh oh

  • Moderatore
  • 11426 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 04:06

Risposta A.
Per le disgrazie è colpa del diavolo o del libero arbitrio dell'uomo usato male.

Risposta B.
Miracoli e disgrazie sono nomi dati dall'uomo limitato agli eventi. Non si ringrazia nè si incolpa Dio. E' così che deve essere, ogni cosa è perfetta così com'è, che ci piaccia o no, che ci rende felici o no, che la comprendiamo o no. (Sempre se abbiamo fede).

Ni. Gli ebrei sono convinti che Dio li benedica attraverso il benessere materiale.
Ed anche i fedeli cristiani ringraziano Dio quando gli vanno bene le cose.

Il nodo difficile da comprendere (dal di fuori) è che la fede prevede che il credente si affidi a Dio anche nel male, in quanto Dio è Onniscienza che sa ciò che fa, non a caso Gesù lo chiama Padre, ovvero Colui tra le cui braccia ti senti al sicuro e di cui ti fidi anche se vorresti che le cose andassero diversamente.

Però in questo caso si parlava di miracoli, quindi di guarigioni straordinarie eccetera, non avrebbe senso non ringraziare Dio, non sentirsi storditi stupiti in poche parole grati, in presenza di una manifestazione di benevolenza e soprattutto di onnipotenza così eclatante che sovverte le leggi di natura per te che sei una cacchina di mosca.
<p>anf puff pant

#5 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 9030 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 04:15

Ed anche i fedeli cristiani ringraziano Dio quando gli vanno bene le cose.
 

Ma quelli mica so' fedeli cristiani. Sono impostori che si spacciano per fedeli.



#6 Pandora

Pandora

    scialla oh oh

  • Moderatore
  • 11426 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 04:16

Ma quelli mica so' fedeli cristiani. Sono impostori che si spacciano per fedeli.

Ma non è vero! :rotfl:

Le lodi, i ringraziamenti, le preghiere, fanno parte del cristianesimo.
Basta pensare alla storia di Gesù e i dieci lebbrosi: uno solo tornò a ringraziarlo.
<p>anf puff pant

#7 Tamayaf

Tamayaf

    Utente Senior

  • Utenti
  • 477 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 04:39

Salve. Mi trovavo a riflettere sul significato di miracolo. Definizione : "Evento imprevedibili ed inspiegabile che coinvolge positivamente una o più persone" (attenzione : esistono anche i prodigi i quali sono però cosa un poco diversa che va separatamente trattata per non fare confusione !).
 
In particolare i miracoli si manifestano - sembra - solo nei confronti di chi nutra una qualche fede religiosa.
 
Quindi davanti ad un miracolo sembra che per il fedele sia sacrosanto e doveroso - oltre che spontaneo - ringraziare il proprio Dio per il beneficio ricevuto.
 
Ora, a me sembra che per fedeli, atei, agnostici etc. etc., esistano anche le disgrazie.
 
Le quali - dal punto di vista di un fedele - dovrebbero essere anch'esse espressione della volontà del proprio Dio.
 
Chiedo a me stesso ed a voi : a cosa è invece dovuto il fatto che il fedele debba benedire Dio per i miracoli mentre si guarda bene dal maledirlo per le disgrazie ?
 
Forse che Dio è responsabile solo per i primi mentre è perfettamente innocente per le altre ?. Saluti


Mi soffermo sui prodigi, mi affascinano di più..

A quanto pare i prodigi può compierli anche il Demonio, e i suoi accoliti
Apocalisse 16:13-14
13 E vidi uscir dalla bocca del dragone e dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta tre spiriti immondi simili a rane; 14 perché sono spiriti di demoni che fan de’ segni e si recano dai re di tutto il mondo per radunarli per la battaglia del gran giorno dell’Iddio Onnipotente.

#8 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9677 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 04:48


Chiedo a me stesso ed a voi : a cosa è invece dovuto il fatto che il fedele debba benedire Dio per i miracoli mentre si guarda bene dal maledirlo per le disgrazie ?

 

Forse che Dio è responsabile solo per i primi mentre è perfettamente innocente per le altre ?. Saluti

 

I miracoli e le disgrazie sono fatti eccezionali che ogni tanto accadono, le cause che ognuno di noi darà sono riconducibili al proprio livello di spiritualità/fede raggiunto. Comunque abbandonarsi realmente alla fede è molto difficile e richiede fermezza e costanza.

 

Io posso portare l'esempio di una mia zia, ora donna molto anziana, all'epoca dei fatti credente che ha avuto in tarda età un figlio che per una grave malattia (leucemia) è morto all'età di 16 anni. Da allora maledice Dio e lo fa tuttora a distanza di più di 25 anni, per ciò "che ha fatto". Quindi in questo caso gli è crollata la fede dando la colpa esclusiva a Dio per questa disgrazia subìta. Il miracolo della guarigione, che tanto invocava, non si avverò e si porterà dietro fino al suo ultimo giorno, questo tormentoso astio.


  • silvya piace questo

 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#9 Pandora

Pandora

    scialla oh oh

  • Moderatore
  • 11426 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 05:02

Succedono anche queste cose.
<p>anf puff pant

#10 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9677 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 05:04

Concordo. Se fossi credente direi "non possiamo sapere i piani di Dio che ha per noi"....


  • Lunanerina piace questo

 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#11 Guest_ Iaionzi_*

Guest_ Iaionzi_*
  • Ospiti

Inviato 25 luglio 2019 - 05:09

Salve. Mi trovavo a riflettere sul significato di miracolo...

Il diavolo, responsabile di tutti i mali dell'universo, secondo il cattolicesimo, lo si può maledire, se ci pensi.


1.
Invocare su qualcuno una punizione, una condanna, una sorte nefasta (anche + per o per e inf.).
"sii maledetto!"
2.
Riconoscere come infausto o irrimediabilmente dannoso.

Gli esorcismi fungono da maledizione, attraverso di essi si allontana il male personificato condannandolo per sempre.

Il diavolo è l'unico essere a non poter usufruire della misericordia di Dio.
Proprio per questo prospera.

#12 purple

purple

  • Utenti
  • 4219 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 05:17

Ma il paragone non è corretto, perché le disgrazie sono fatti ordinari, che stanno dentro le normali leggi della natura. Quindi al massimo si possono mettere sul piatto della bilancia con le gioie e le fortune ordinarie.
Il miracolo è al di fuori delle normali regole della realtà, quindi va messo a bilancia con una sfiga cosmica che rompa le leggi naturali, tipo che ne so, apparizioni demoniache.
  • Frèyja, Pandora e GufoOscuro piace questo

#13 Pandora

Pandora

    scialla oh oh

  • Moderatore
  • 11426 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 05:51

Ma il paragone non è corretto, perché le disgrazie sono fatti ordinari, che stanno dentro le normali leggi della natura. Quindi al massimo si possono mettere sul piatto della bilancia con le gioie e le fortune ordinarie.
Il miracolo è al di fuori delle normali regole della realtà, quindi va messo a bilancia con una sfiga cosmica che rompa le leggi naturali, tipo che ne so, apparizioni demoniache.

questa è un'osservazione intelligente
<p>anf puff pant

#14 purple

purple

  • Utenti
  • 4219 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 06:11

questa è un'osservazione intelligente

Ti ringrazio. Vorrei anche aggiungere che l'uomo come giudice della propria esistenza non è granché in ogni caso, perché le cose buone, le fortune, di solito non si rende nemmeno conto di averle se non gli vengono tolte, a partire dal piatto di pasta tutti i giorni, fino all'essere giovane e poter camminare o vedere o parlare e ridere. Quindi non è possibile dire per noi se il creatore ci ha dato più gioie che dolori, o meglio è una saggezza che raramente sfioriamo. La nostra consapevolezza è molto limitata.
  • Frèyja e Pandora piace questo

#15 viator1945

viator1945

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 153 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 07:34

Salve. Per nohintavailable (scusa ma che significa il tuo "nick" ? sei un Agente Segreto ?).

Non dirmi che credi all'esistenza contemporanea di dio e del diavolo ! Ma come si fa ? Il Mondo che sarebbe un condominio  tra due (persone? entità ?, enti ? divinità?) che litigano per accappararsi dei tifosi-seguaci (oggi mi sembra si chiamino "followers") inscenando umani stratagemmi per sedurne il maggior numero possibile.................



#16 Guest_ Iaionzi_*

Guest_ Iaionzi_*
  • Ospiti

Inviato 25 luglio 2019 - 08:05

Salve. Per nohintavailable (scusa ma che significa il tuo "nick" ? sei un Agente Segreto ?).
Non dirmi che credi all'esistenza contemporanea di dio e del diavolo ! Ma come si fa ? Il Mondo che sarebbe un condominio  tra due (persone? entità ?, enti ? divinità?) che litigano per accappararsi dei tifosi-seguaci (oggi mi sembra si chiamino "followers") inscenando umani stratagemmi per sedurne il maggior numero possibile.................


Sono un giocatore incallito il mio Nick significa rien ne va plus......

Non credo in divinità personificate, ti esponevo il punto di vista del cattolico medio.

La sfiga cosmica per quanto mi riguarda è esperienza valida quanto qualunque altra.

#17 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 08:25

Concordo. Se fossi credente direi "non possiamo sapere i piani di Dio che ha per noi"....

I piani di Dio sono semplici solo che non ce li vengono a dire.

 

Dio ha dato a tutti noi il libero arbitrio che è un privilegio, (senza questo libero arbitrio saremmo stati dei robot), quindi Dio non può violare la legge del libero arbitrio per il fatto che Lui stesso ha dato questa legge. Allora ogni persona avendo il libero arbitrio può decidere di fare quello che vuole. Ci sono persone che fanno del bene mentre ci sono altre persone che fanno del male al prossimo e dato che Dio ha anche emesso la legge di CAUSA ed EFFETTO, allora ad ognuno in base a come si comporta alla fine avrà ciò che ha seminato.



#18 mystery1967

mystery1967

    Moderatore 2.0

  • Moderatore
  • 9677 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 08:36

Si certo, solo che in questo 3D non si sta parlando del libero arbitrio e nè della legge causa ed effetto.

 

Quella frase che hai quotato era per chiudere il mio discorso precedente, si rischia come solito di andare in OT.


 L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano. (Eckhart Tolle)


#19 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1377 messaggi

Inviato 25 luglio 2019 - 09:55

i miracoli si manifestano - sembra - solo nei confronti di chi nutra una qualche fede religiosa.


No, secondo il cristianesimo i miracoli si manifestano nei confronti di chi ha intenzione di sfruttare quel determinato miracolo per il bene del prossimo o comunque per la propria crescita spirituale, ovvero Dio prevede che il futuro miracolato avrebbe rinunciato allo stile di vita di "quelli del mondo" (larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione) - perciò dedicare la vita a Dio o al prossimo di solito è la condizione indispensabile per ricevere un miracolo. Dio ti ama senza condizioni; ma non ti regala miracoli senza condizioni, e c'è un motivo dietro. Il suo amore è incondizionato, anzi, Lui è Amore, tuttavia non gli è permesso donare alle sue creature coscienti quelle cose materiali o spirituali per le quali non si sono preparate (non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi). E' una questione di equilibrio, giustizia, responsabilità.
 

Ora, a me sembra che per fedeli, atei, agnostici etc. etc., esistano anche le disgrazie. Le quali - dal punto di vista di un fedele - dovrebbero essere anch'esse espressione della volontà del proprio Dio.


Forse non conosci la Bibbia, ma è stato scritto chiaramente: io non godo della morte di chi muore. Le disgrazie sono espressione della Volontà dell'uomo. Il che non è sempre un evento negativo, a volte certe tragedie ti svegliano, dopo sei una persona migliore. In tal caso le cosiddette disgrazie si sono trasformate in benedizione, evidentemente la "vittima" ne aveva bisogno. A causa della sua lontananza dalla realtà-verità, doveva sperimentare le conseguenze di errori passati per capire alcuni aspetti dell'esistenza che ignorava.

Riferimenti: Ezechiele 18,23-32

23 »Forse che io ho piacere della morte del malvagio - dice il Signore Dio - o non piuttosto che desista dalla sua condotta e viva?
24 Ma se il giusto si allontana dalla giustizia e commette l'iniquità e agisce secondo tutti gli abomini che l'empio commette, potrà egli vivere? Tutte le opere giuste da lui fatte saranno dimenticate; a causa della prevaricazione in cui è caduto e del peccato che ha commesso, egli morirà.
25 Voi dite: Non è retto il modo di agire del Signore.
Ascolta dunque, popolo d'Israele: Non è retta la mia condotta o piuttosto non è retta la vostra? 26 Se il giusto si allontana dalla giustizia per commettere l'iniquità e a causa di questa muore, egli muore appunto per l'iniquità che ha commessa. 27 E se l'ingiusto desiste dall'ingiustizia che ha commessa e agisce con giustizia e rettitudine, egli fa vivere se stesso. 28 Ha riflettuto, si è allontanato da tutte le colpe commesse: egli certo vivrà e non morirà. 29 Eppure gli Israeliti van dicendo: Non è retta la via del Signore. O popolo d'Israele, non sono rette le mie vie o piuttosto non sono rette le vostre?
30 Perciò, o Israeliti, io giudicherò ognuno di voi secondo la sua condotta. Oracolo del Signore Dio. Convertitevi e desistete da tutte le vostre iniquità, e l'iniquità non sarà più causa della vostra rovina. 31 Liberatevi da tutte le iniquità commesse e formatevi un cuore nuovo e uno spirito nuovo. Perché volete morire, o Israeliti? 32 Io non godo della morte di chi muore. Parola del Signore Dio. Convertitevi e vivrete».

 

Chiedo a me stesso ed a voi : a cosa è invece dovuto il fatto che il fedele debba benedire Dio per i miracoli mentre si guarda bene dal maledirlo per le disgrazie ?


Se crede in un dio-cretino, certo che deve maledirlo. Ma il vero Cristiano crede in un Dio giusto il quale non compie errori e il quale tramite Gesù ci invita a benedire i nostri nemici. Ma a parte questo consiglio del maestro, il fatto di benedire o maledire qualcosa o qualcuno, dipende da quello che ti succede di volta in volta, occorre valutare caso per caso per trovare sempre il colpevole. Molti sono fedeli del diavolo ma si spacciano per fedeli di Dio. Un vero fedele di Dio sa che nessun male proviene da Dio e che il suo Padre celeste non vuole il suo male, quindi per quale motivo dovrebbe maledire innocenti? Se uno proprio ha voglia di maledire qualcosa o qualcuno a seguito di una presunta dis-grazia, maledica il diavolo, del resto anche Gesù malediceva quando ne sentiva bisogno. La cosa fondamentale è individuare il colpevole di una vera disgrazia - ebbene il colpevole non è mai Dio.
 

A meno che la tua discussione non sia solo un tentativo di provocazione verso i fedeli. :roll:


No, forse cerca le risposte convincenti da parte dei fedeli su argomenti scomodi, prima di iniziare a credere in Dio.
 

Risposta B.
Miracoli e disgrazie sono nomi dati dall'uomo limitato agli eventi. Non si ringrazia nè si incolpa Dio. E' così che deve essere, ogni cosa è perfetta così com'è, che ci piaccia o no, che ci rende felici o no, che la comprendiamo o no. (Sempre se abbiamo fede).


Fatalista? Se già ora tutto il creato è perfetto, perché Dio avrebbe annunciato un altro Diluvio e nuovi cieli, nuove terre?
 

Ma non è vero! :rotfl:

Le lodi, i ringraziamenti, le preghiere, fanno parte del cristianesimo.
Basta pensare alla storia di Gesù e i dieci lebbrosi: uno solo tornò a ringraziarlo.


Infatti era tornato a ringraziarlo un figlio di Dio, altri nove sono figli del demonio.
 

Io posso portare l'esempio di una mia zia, ora donna molto anziana, all'epoca dei fatti credente che ha avuto in tarda età un figlio che per una grave malattia (leucemia) è morto all'età di 16 anni. Da allora maledice Dio e lo fa tuttora a distanza di più di 25 anni, per ciò "che ha fatto". Quindi in questo caso gli è crollata la fede dando la colpa esclusiva a Dio per questa disgrazia subìta. Il miracolo della guarigione, che tanto invocava, non si avverò e si porterà dietro fino al suo ultimo giorno, questo tormentoso astio.


Sono tentazioni, servono per verificare non la quantità, ma la qualità della fede o fiducia di qualcuno. Fidarsi totalmente di Dio non è facile ma è l'unica via efficace, il resto sono tentativi "umani troppo umani" di sopravvivere a una grande sofferenza. Purtroppo il vero cristianesimo non viene insegnato nelle chiese quindi troppi non sanno come comportarsi in certe situazioni.
 

Ma il paragone non è corretto, perché le disgrazie sono fatti ordinari,


Quando le disgrazie sono pianificate, si ha impressione che vengano decise nelle alte sfere - pertanto... da un fedele medio vengono classificate lo stesso come "miracoli" o "interventi divini soprannaturali". Un miracolo donato a Tizio potrebbe danneggiare Caio ergo i miracoli non vengono vissuti nello stesso modo da tutte le creature, lo stesso miracolo per qualcuno è positivo per qualcun altro è negativo o sembra tale.
 

Salve. Per nohintavailable (scusa ma che significa il tuo "nick" ? sei un Agente Segreto ?).
Non dirmi che credi all'esistenza contemporanea di dio e del diavolo ! Ma come si fa ? Il Mondo che sarebbe un condominio tra due (persone? entità ?, enti ? divinità?) che litigano per accappararsi dei tifosi-seguaci (oggi mi sembra si chiamino "followers") inscenando umani stratagemmi per sedurne il maggior numero possibile.................


Dio senza diavolo o diavolo senza Dio è una dottrina rispettabile ma non scritturale.
 

La sfiga cosmica per quanto mi riguarda è esperienza valida quanto qualunque altra.


Giusto. Un essere umano saggio sa trasformare ogni cosa in un'esperienza costruttiva che non ha meno valore di eventi apparentemente buoni. Anzi, a volte il male potrebbe darti più energia e spunti di riflessione del bene. Dipende dalla tipologia del "male" e del "bene" e dalla preparazione dell'Adepto.
 

I piani di Dio sono semplici solo che non ce li vengono a dire.

Dio ha dato a tutti noi il libero arbitrio che è un privilegio, (senza questo libero arbitrio saremmo stati dei robot), quindi Dio non può violare la legge del libero arbitrio per il fatto che Lui stesso ha dato questa legge. Allora ogni persona avendo il libero arbitrio può decidere di fare quello che vuole. Ci sono persone che fanno del bene mentre ci sono altre persone che fanno del male al prossimo e dato che Dio ha anche emesso la legge di CAUSA ed EFFETTO, allora ad ognuno in base a come si comporta alla fine avrà ciò che ha seminato.


Vero, ma molti mentre compiono il male sono convinti di compiere il bene (autoipnosi).



#20 franciscus

franciscus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 607 messaggi

Inviato 26 luglio 2019 - 05:09

Salve. Mi trovavo a riflettere sul significato di miracolo. Definizione : "Evento imprevedibili ed inspiegabile che coinvolge positivamente una o più persone" (attenzione : esistono anche i prodigi i quali sono però cosa un poco diversa che va separatamente trattata per non fare confusione !).

 

In particolare i miracoli si manifestano - sembra - solo nei confronti di chi nutra una qualche fede religiosa.

 

Quindi davanti ad un miracolo sembra che per il fedele sia sacrosanto e doveroso - oltre che spontaneo - ringraziare il proprio Dio per il beneficio ricevuto.

 

Ora, a me sembra che per fedeli, atei, agnostici etc. etc., esistano anche le disgrazie.

 

Le quali - dal punto di vista di un fedele - dovrebbero essere anch'esse espressione della volontà del proprio Dio.

 

Chiedo a me stesso ed a voi : a cosa è invece dovuto il fatto che il fedele debba benedire Dio per i miracoli mentre si guarda bene dal maledirlo per le disgrazie ?

 

Forse che Dio è responsabile solo per i primi mentre è perfettamente innocente per le altre ?. Saluti

 

Ciao viator;

Rispettando coloro che hanno Fede in un Dio-Padre,ho potuto constatare che i "miracoli"ad opera Divina sono veramente pochi;sono più propenso a pensare che sia questa grande Fede incondizionata invece che agisca come un "autoguarigione...

 

Inoltre,questo Dio-Padre,guarisce-privilegia solo alcuni ed altri no.

 

Per quanto riguarda "le disgrazie" invece,il perfetto credente ritiene che quest'ultime siamo per mettere alla prova la loro fede ( tipo il Dio di Abramo che gli ordinò di uccidere il proprio figlio Isacco... Assurda e sadica prova).Per questo non Lo maledice.

 

Nella semplice e disarmante condizione fatalista di essere alla mercè di una Volontà Superiore e senza diritto di appello ( oltre al fatto di non poter comprendere il perchè Egli si accanisca contro alcuni e privilegi altri ) la riposta tipica del perfetto credente è << sia fatta la Volontà divina ( e anche perchè non può essere fatta la mia ) >>.

 

Personalmente ritengo che Dio ( o chi per lui ) non c'entri nulla in tutto questo ragionamento e forse di questo processo,se fosse vero...

 

Ma ti posso anche assicurare che molti,negli ospedali nel proprio letto, muoiono maledicendo Dio :questo perchè non hanno potuto comprendere il "perchè" e nemmeno comprendere cosa sia il Vero Amore Divino.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi