Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

Comunisti, Comunisti ovunque!


  • Per cortesia connettiti per rispondere
107 risposte a questa discussione

#101 madmax

madmax

    Utente Full Optional

  • Utenti
  • 8402 messaggi

Inviato 16 marzo 2019 - 03:37

Non so se ho capito cosa intendi, comunque penso che la paura sia l'altro grande fattore di leva sulle pulsioni delle masse, più usato per fini politico-ideologici o di controllo che commerciali (diretti). Tra l'altro si dice che l'associazione violenza-sesso sia una delle combinazioni più efficaci per la manipolazione emotiva. In teoria la paura induce una reazione di fuga dalla fonte di pericolo verso un "luogo" mentale ritenuto più sicuro, mentre in caso di esposizione molto massiccia, passata una certa soglia, genera passività.

Per condizionare la cosidetta opinione pubblica oppure i singoli  (intesi come categoria di genere razza e tipologie varie) sono  messi in atto da parte del sistema di potere tutte le strategie di Orwelliana memoria o di altra corrente culturale...Casi eclatanti ce ne sono tanti....Mi sembra di capire che il sesso sia qualcosa sempre in voga perchè ci "accomuna tutti".Ma indagherei più che altro cosa del sesso ci piace e cosa no (o tentano di farci piacere o dispiacere)....In fondo anche sul versante "violenza" chi pratica sport violenti o pericolosi per la salute, amatoriali e non, ha delle preferenze specifiche che lo spingono verso quel tipo di manifestazione di scarico della rabbia repressa o di vincere le proprie insicurezze o sentirsi più vivo e altre considerazioni a seguire (tanto per portare un esempio) Eppure sono seguiti da milioni di persone ....Oppure chi frequenta corsi orientati alla crescita personale o spa per rilassarsi e godersi momenti di benessere è considerato moralmente accettabile ma che non si tocchino i genitali o altre zone erogene se no diventa atto sessualmente perseguibile se si evince fenomeno di prostituzione e quel che ne consegue (tanto per fare un esempio).Insomma il limite del lecito e illecito è trattato e abusato ogni istante della giornata da parte dei mass media (politicamente orientati o meno).Per quanto riguarda la "passività" di fronte a certi fenomeni conseguenti al vivere in questa società è di appannaggio del singolo...Siamo immersi in questa società ma puoi anche scegliere,come, quando e perchè rimanere oppure uscirne.Questa capacità di starci o prenderne le distanze (in un modo  pittrost che un altro) rimane una possibilità di esercizio molto molto personale.


  • purple piace questo

"Significa una totale libertà. In questa libertà c'è un'enorme energia, perchè non c'è nessun conflitto, nessuna lotta. Nulla!"


 
 
 
 

#102 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 7875 messaggi

Inviato 16 marzo 2019 - 05:27

.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#103 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2522 messaggi

Inviato 16 marzo 2019 - 05:37

 

Mi faccio spesso una domanda simile. Posto che di base ognuno nasce più o meno intelligente, quanto incidono i condizionamenti “ambientali” e quanto c'è del “proprio” a livello di modi di lettura dei fatti e della realtà che ci circonda ? In politica c'è il detto: “gli elettori hanno i politici che si meritano”, che applicato all'Italia serve ed è servito storicamente a sostenere che se la classe politica è mediamente (se non quasi esclusivamente) marcia è per via del fatto che gran parte degli italiani ha la stessa sostanza; il che magari è vero fino a un certo punto e costituisce pure il motivo per cui, ad esempio, quando determinate cose mi irritano perché noto che molti se ne infischiano o scambiano lucciole per lanterne, concludo che è meglio vada tutto a sfascio. D'altro canto c'è chi fa notare, sempre restando alla politica, che in un certo senso è vero pure il contrario, cioè che la classe dirigente ha gli elettori che si merita, o meglio “che vuole”. Basti pensare al crescente rincoglionimento generalizzato degli anni berlusconiani, con le sue tv, giornali e quant'altro (malgrado i condizionamenti della pubblica opinione preesistessero a Berlusconi ed esistono tutt'ora, al tempo del web).

Tanto per dire, non cogliere che il tipo di illegalità della mia lista-notizie rappresenta una priorità oggettiva (basta leggere i sondaggi di segno opposto), in parte è certamente conseguenza della stupidità innata di molta gente, del ruolo attivo di alcuni o del disinteresse di altri (fintanto si ha il culo coperto), ma in parte credo sia dovuto anche al fatto che la quasi totalità della stampa tratta marginalmente e incidentalmente un fenomeno che in realtà è diffuso e risponde alle stesse logiche, occupandosi in prevalenza di fatti di strada o delitti di sangue (al punto che ormai molti si chiudono in casa). Cioè sappiamo pure quanti capelli aveva in testa l'omicida di turno, ma sui dettagli della recente vicenda Formigoni nessuno ha approfondito più di tanto. Stando così le cose, poi è "normale" che la gente crede che la maggiore criticità italiana sia di sicurezza pubblica e non di amministrazione pubblica, e vota di conseguenza.

Ugualmente sui messaggi subliminali. C'è chi li propone e chi ci casca, inconsapevolmente direi. E' vero che se esistono certi meccanismi, per fini commerciali o di altro tipo, è perché si può far leva sulle persone, perché esistono normalmente pulsioni di fondo, sentimenti, debolezze e aspirazioni di vario tipo connaturate all'essere umano (tra cui rabbia, paura, rancore, egoismo ecc), però è anche vero che se la collettività è “allevata” in un certo modo o viene sollecitata strumentalmente a più riprese, poi è più facile “far leva” all'occorrenza o in termini di costante distrazione di massa (a cui risponde pure lo storico conflitto destra/sinistra). Non a caso in fisica una leva vantaggiosa, cioè con una data conformazione, è sempre meglio di una leva neutra. Perciò tornando alla tua bipartizione coglioni-sfruttatori, magari c'è un concorso tra cause ed effetti.

 

Quoto al 100%. 

Io penso, detta sommariamente, che i paesi in cui si sta meglio sono quelli dove non vige il fatalismo di fondo, ma bensì il popolo si ritiene artefice del proprio destino e agisce di conseguenza. 

Come dice una canzone di Rosa Balistreri: "La sorte non è ostia, non è grazia dei Santi, si conquista con la forza, dalle piazze e si va avanti".

 

 

 

https://www.antiwars...d=10827&lang=it



#104 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2522 messaggi

Inviato 16 marzo 2019 - 06:04

Per condizionare la cosidetta opinione pubblica oppure i singoli  (intesi come categoria di genere razza e tipologie varie) sono  messi in atto da parte del sistema di potere tutte le strategie di Orwelliana memoria o di altra corrente culturale...Casi eclatanti ce ne sono tanti....Mi sembra di capire che il sesso sia qualcosa sempre in voga perchè ci "accomuna tutti".Ma indagherei più che altro cosa del sesso ci piace e cosa no (o tentano di farci piacere o dispiacere)....In fondo anche sul versante "violenza" chi pratica sport violenti o pericolosi per la salute, amatoriali e non, ha delle preferenze specifiche che lo spingono verso quel tipo di manifestazione di scarico della rabbia repressa o di vincere le proprie insicurezze o sentirsi più vivo e altre considerazioni a seguire (tanto per portare un esempio) Eppure sono seguiti da milioni di persone ....Oppure chi frequenta corsi orientati alla crescita personale o spa per rilassarsi e godersi momenti di benessere è considerato moralmente accettabile ma che non si tocchino i genitali o altre zone erogene se no diventa atto sessualmente perseguibile se si evince fenomeno di prostituzione e quel che ne consegue (tanto per fare un esempio).Insomma il limite del lecito e illecito è trattato e abusato ogni istante della giornata da parte dei mass media (politicamente orientati o meno).Per quanto riguarda la "passività" di fronte a certi fenomeni conseguenti al vivere in questa società è di appannaggio del singolo...Siamo immersi in questa società ma puoi anche scegliere,come, quando e perchè rimanere oppure uscirne.Questa capacità di starci o prenderne le distanze (in un modo  pittrost che un altro) rimane una possibilità di esercizio molto molto personale.

 

Alla fine sì, si può fare lo slalom tra le varie richieste, pressioni o stimoli della società, ma sarebbe molto più semplice non essere bombardati e così non dover schivare sprecando tante energie in questo. Perché la crisi di vitalità di certi paesi "occidentali" è abbastanza evidente, anche agli osservatori esterni che ci si trasferiscono.

Il limite tra lecito e illecito, viene più spesso strumentalizzato che usato a fini di progresso trovo. Più per togliere vitalità che metterla ecco. Lo stile di vita occidentale non è certo tutto da buttare, ad esempio gli sport estremi che citi, se praticati con serietà, sono una bella manifestazione di libertà individuale, come tante altre cose. Però appunto la libertà è il problema, quella libertà che non si respira più da tanti anni come in passato in Italia, ma non solo.

Poi dipende dalla vita che si fa, è soggettivo, ma intendo in generale.



#105 madmax

madmax

    Utente Full Optional

  • Utenti
  • 8402 messaggi

Inviato 17 marzo 2019 - 02:26

Alla fine sì, si può fare lo slalom tra le varie richieste, pressioni o stimoli della società, ma sarebbe molto più semplice non essere bombardati e così non dover schivare sprecando tante energie in questo. Perché la crisi di vitalità di certi paesi "occidentali" è abbastanza evidente, anche agli osservatori esterni che ci si trasferiscono.

Il limite tra lecito e illecito, viene più spesso strumentalizzato che usato a fini di progresso trovo. Più per togliere vitalità che metterla ecco. Lo stile di vita occidentale non è certo tutto da buttare, ad esempio gli sport estremi che citi, se praticati con serietà, sono una bella manifestazione di libertà individuale, come tante altre cose. Però appunto la libertà è il problema, quella libertà che non si respira più da tanti anni come in passato in Italia, ma non solo.

Poi dipende dalla vita che si fa, è soggettivo, ma intendo in generale.

Non so di che libertà parli....Forse hai semsso tu di credere di poter fare la differenza.Il limite è quello proposto...Poi sei tu personalmente che puoi scegliere se andare oltre o adueguarti al limite.Idem per il concetto di libertà...C'è chi vede barriere e confini nel proprio orto,chi si sente in prigione nel proprio corpo e c'è chi ama il proprio carceriere o chi si sente libero in cio' che fa....ecc ecc ecc ecc.


"Significa una totale libertà. In questa libertà c'è un'enorme energia, perchè non c'è nessun conflitto, nessuna lotta. Nulla!"


 
 
 
 

#106 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2522 messaggi

Inviato 17 marzo 2019 - 05:36

Sì l'ho detto che è soggettivo, ma fino a un certo punto.



#107 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2378 messaggi

Inviato 18 marzo 2019 - 08:51

Sempre per la storia dei comunisti che sono ovunque:

 

https://bari.repubbl...nera-221910864/

 

"

Al Bano ricorre a Strasburgo contro l'Ucraina: "Lista nera precedente pericoloso, chiederò i danni"

La decisione di ricorrere alla Corte europea dei diritti dell'uomo annunciata dal suo avvocato: "Chiederemo anche al governo di intervenire perché hanno attaccato il simbolo della canzone italiana

"

Speriamo la spunti.


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#108 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2522 messaggi

Inviato 19 marzo 2019 - 09:26

Se avrò un figlio lo chiamerò Karl Friedrich Wilhelm Marx. Se sarà femmina, pure.

 

Carino. Ma come diamine si legge Wilhelm? Mai capito.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi