Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

Il Nulla


  • Per cortesia connettiti per rispondere
40 risposte a questa discussione

#21 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23591 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 06:23

 ma il nulla è un qualcosa che si può sfiorare al massimo col sesto senso, o vedere col terzo occhio, per dire

 

 

Seh, va beh.

Abbiamo sbagliato sezione allora eh.


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#22 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2260 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 06:45

Certo che è un concetto limite, e come dicevo dicevo all'inizio, il limite di ciò che si può capire o concepire può essere spostato, oltre ad essere soggettivo. 

Per me è impossibile cogliere il nulla con le parole e la logica. Le obiezioni che mi fai sono verbali, semantiche, logiche, giuste, ma il nulla è un qualcosa che si può sfiorare al massimo col sesto senso, o vedere col terzo occhio, per dire, cioè si può intuire usando non i sensi né la mente razionale, come tutte le entità metafisiche principiali, ma dilatando la coscienza oltre i propri normali limiti.

Ma non stai parlando del nulla….. stai parlando dei piani superiori…...



#23 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2595 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 06:58

Seh, va beh.

Abbiamo sbagliato sezione allora eh.

 

Perché in che sezione siamo?  :rotfl: Non ci avevo fatto nemmeno caso. Essendo in filosofia, hai ragione tu, però credo che usando la filosofia razionale in senso stretto, non si possa che arrivare a un nulla di fatto, cioè come dici tu, il Nulla non è, quindi non esiste e non è concepibile, per dirla spicciola. Per me la filosofia è anche metafisica pura come quella indù, da cui alcuni filosofi attinsero tra l'altro una volta nota, quindi non ci vedo niente di male a fare un salto nella filosofia "oltre il linguaggio". Ho parlato di terzo ochhio solo a titolo indicativo, per indicare appunto la dismissione del linguaggio per attingere a campi "semantici" più vasti.

 

 

Ma non stai parlando del nulla….. stai parlando dei piani superiori…...

 

Infatti penso che il nulla assoluto sia concepibile solo come un oltre il piano dell'Unità, che è un primo piano divino oltre il quale si può immaginare una nuova polarità: Tutto/eterno/Uno - Nulla. E oltre ancora un altro Uno che è il "senza nome" come si dice nel Tao.



#24 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23591 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 06:59

Perché in che sezione siamo?  :rotfl: Non ci avevo fatto nemmeno caso. Essendo in filosofia, hai ragione tu, però credo che usando la filosofia razionale in senso stretto, non si possa che arrivare a un nulla di fatto, cioè come dici tu, il Nulla non è, quindi non esiste e non è concepibile, per dirla spicciola. Per me la filosofia è anche metafisica pura come quella indù, da cui alcuni filosofi attinsero tra l'altro una volta nota, quindi non ci vedo niente di male a fare un salto nella filosofia "oltre il linguaggio". Ho parlato di terzo ochhio solo a titolo indicativo, per indicare appunto la dismissione del linguaggio per attingere a campi "semantici" più vasti.

 

 

Fantastico. Dismettiamo il linguaggio... e adesso come continuerà la discussione? :dunno:


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#25 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2260 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 07:05

Perché in che sezione siamo?  :rotfl: Non ci avevo fatto nemmeno caso. Essendo in filosofia, hai ragione tu, però credo che usando la filosofia razionale in senso stretto, non si possa che arrivare a un nulla di fatto, cioè come dici tu, il Nulla non è, quindi non esiste e non è concepibile, per dirla spicciola. Per me la filosofia è anche metafisica pura come quella indù, da cui alcuni filosofi attinsero tra l'altro una volta nota, quindi non ci vedo niente di male a fare un salto nella filosofia "oltre il linguaggio". Ho parlato di terzo ochhio solo a titolo indicativo, per indicare appunto la dismissione del linguaggio per attingere a campi "semantici" più vasti.
 
 

 
Infatti penso che il nulla assoluto sia concepibile solo come un oltre il piano dell'Unità, che è un primo piano divino oltre il quale si può immaginare una nuova polarità: Tutto/eterno/Uno - Nulla. E oltre ancora un altro Uno che è il "senza nome" come si dice nel Tao.


Si, ma non è nulla, forse è un nulla a livello percettivo ma nemmeno perché una colta entrati in quello stato comunque esiste l'autocoscienza che si manifesta in potenza sapendo di esistere.

#26 Wish You Were Here

Wish You Were Here

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2847 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 07:34

Non può chiamarsi vuoto o non vuoto,

o entrambe le cose o nessuna;

ma per poterlo indicare,

lo si chiama "il Vuoto".


A un dio fatti il culo non credere mai.


#27 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2595 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 08:41

Fantastico. Dismettiamo il linguaggio... e adesso come continuerà la discussione? :dunno:

 

Boh, con le storielle zen  :icon_smile: .

 

 

Si, ma non è nulla, forse è un nulla a livello percettivo ma nemmeno perché una colta entrati in quello stato comunque esiste l'autocoscienza che si manifesta in potenza sapendo di esistere.

 

Un esercizio all'infinito verso un'astrazione sempre maggiore, tuttavia quel nulla è nulla sul suo piano, solo una volta più su o più giù non è più nulla totale. O no?



#28 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23591 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 08:43

Boh, con le storielle zen  :icon_smile: .

 

 

Bah.

Continuate voi allora.


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#29 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2595 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 08:55

Bah.

Continuate voi allora.

 

Mica volevo stroncare la discussione, penso che se uno può immaginare un Tutto, può immaginare un suo opposto. Ma per me come dicevo i cavilli di parole sono un impiccio per immaginare il Tutto.



#30 Sween

Sween

    Utente Full

  • Utenti
  • 1351 messaggi

Inviato 11 marzo 2019 - 11:42

si tende a pensare che prima della nascita dell'universo ci fosse il nulla ...

 

eppure è quasi comico pensare che, in quel nulla adimensionale e  di ‘non-tempo’ si è poi deciso tutto il resto....di lì, sarebbe partita, iniziata, quella cosa che avrebbero chiamato l’Universo.

 

e come si poteva meglio definire o narrare il nulla, se non pensandone e dicendone ’nulla’…?


Siccome io non mi sopporto dovete sopportarmi voi :D


#31 viator1945

viator1945

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 104 messaggi

Inviato 16 marzo 2019 - 05:27

Salve a tutti. Incredibile quanto sia fertile il nulla. Pur non esistendo riesce a partorire montagne di parole. Ma ciò accade appunto poichè esso è citabile, menzionabile ma non - evidentemente - concepibile.

L'uomo non riesce a concepire il mondo privo di sè stesso, ovvero è incapace di sentire, capire, concepire l'assenza della propria coscienza del mondo stesso.

Figuriamoci se riesce a concepire l'assenza del mondo il quale è privo di una origine esistendo da sempre.

Infatti il mondo include anche la dimensione "tempo", che - se ci fosse stato un "prima del mondo" non avrebbe potuto esistere, impedendo quindi l'esistenza di un "prima di ......". Saluti.


  • Sween piace questo

#32 Sween

Sween

    Utente Full

  • Utenti
  • 1351 messaggi

Inviato 16 marzo 2019 - 11:48

Salve a tutti. Incredibile quanto sia fertile il nulla. Pur non esistendo riesce a partorire montagne di parole. Ma ciò accade appunto poichè esso è citabile, menzionabile ma non - evidentemente - concepibile.

L'uomo non riesce a concepire il mondo privo di sè stesso, ovvero è incapace di sentire, capire, concepire l'assenza della propria coscienza del mondo stesso.

Figuriamoci se riesce a concepire l'assenza del mondo il quale è privo di una origine esistendo da sempre.

Infatti il mondo include anche la dimensione "tempo", che - se ci fosse stato un "prima del mondo" non avrebbe potuto esistere, impedendo quindi l'esistenza di un "prima di ......". Saluti.

 

Salve a tutti. Incredibile quanto sia fertile il nulla. Pur non esistendo riesce a partorire montagne di parole. Ma ciò accade appunto poichè esso è citabile, menzionabile ma non - evidentemente - concepibile.

L'uomo non riesce a concepire il mondo privo di sè stesso, ovvero è incapace di sentire, capire, concepire l'assenza della propria coscienza del mondo stesso.

io credo che per l'intelletto umano (così per come è fatto) non sia possibile avere un concetto di ciò che non è , ma solo di ciò che è. Ed è per questo che immaginiamo il nulla in un modo o nell altro. E sono daccordo con Purple quado dice che è un problema di linguaggio. Infatti se dico che il nulla esiste (o è esistito)  lo distruggo se dico che non è mai esistito entro in contraddizzione perchè il nulla già di per sè non è esistenza.


  • purple piace questo

Siccome io non mi sopporto dovete sopportarmi voi :D


#33 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2260 messaggi

Inviato 17 marzo 2019 - 07:26

Concordo sul frainteso.
Dovremmo cercar di rendere meglio l'idea.
Francamente credo che si faccia confusione tra l'impercepibile e l'incomprensibile col nulla vero e proprio.
Che cosa esistesse prima dell'universo non credo che siamo capace di concepirlo. Ma al tempo stesso lo definiamo nulla.
Molto spesso definiamo nulla anche la materia nera dell'universo. Eppure non è "nulla" ma qualcosa di energeticamente fuori dai nostri sensi.
Siamo troppo piccoli per comprenderlo.... Potremmo aprire nuove vie oltre l'universo.. Infondo non sappiamo cosa esiste ai confini di esso. Addirittura potrebbe esistere un qualcosa che "contiene" l'universo nostro insieme ad altri universi. Il tutto va molto oltre la nostra portata.

#34 Vanesio

Vanesio

    Utente Sexy

  • Utenti
  • 3984 messaggi

Inviato 17 marzo 2019 - 08:52

Volete parlare del nulla in senso assoluto, ma potete solo in senso relativo, questo è quanto.
  • Nehelamite piace questo

#35 celestino

celestino

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 1814 messaggi

Inviato 17 marzo 2019 - 12:13

io infatti mi riferivo al "prima" che esistesse l'universo

   Prima che esistesse questo Universo fatto di materia ed energia, esisteva solo un Universo fatto di energia, questa si sarebbe successivamente trasformata in materia per effetto reversibile della nota legge di Einstein, quindi il NULLA  non è mai esistito, semmai a non esistere è il TEMPO, il tempo tuttora è una definizione umana che diamo al trascorrere degli eventi, se non ci fosse l'uomo con i suoi calendari a misurare il tempo, il tempo stesso non esisterebbe.



#36 viator1945

viator1945

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 104 messaggi

Inviato 21 marzo 2019 - 08:59

Salve Vanesio. Perfettamente. Infatti parliamo del nulla solo perchè abbiamo voglia e possibilità di farlo, non certo per poter affermare qualcosa di concreto circa ciò che rappresenta la negazione di qialsiasi cosa. Saluti.



#37 celestino

celestino

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 1814 messaggi

Inviato 28 marzo 2019 - 07:06

   Il nulla nella mente ed il nulla nello spazio hanno molto in comune quando si parla e si avanzano ipotesi senza alcun fondamento logico, a volte la logica porta lontano per POI collegarsi ad un ragionamento scientifico, spesso sono carenti entrambi e si giunge alla fantascienza !!!



#38 Moroni

Moroni

    Utente Full

  • Utenti
  • 1131 messaggi

Inviato 06 aprile 2019 - 02:02

alla percezione della realtà non ci sono arrivate le scienze iniziatiche figuriamoci noi  :fox:



#39 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23591 messaggi

Inviato 06 aprile 2019 - 04:28

Mica volevo stroncare la discussione, penso che se uno può immaginare un Tutto, può immaginare un suo opposto. Ma per me come dicevo i cavilli di parole sono un impiccio per immaginare il Tutto.

 

 

Ma chi l'ha detto fra l'altro che puoi immaginare il Tutto? Che vuol dire?
Come termini limite, certamente li posso postulare, come "contenuti" e "concetti" pregni di significato, di un contenuto specifico, decisamente no.

 

Al massimo si può intendere il "non essere" alla maniera platonica, non come nulla/non essere assoluto ma come "non essere questo", come differenza e divenire, "A non è B" =/= "A non è."


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#40 ReDiVivo

ReDiVivo

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 42 messaggi

Inviato 15 aprile 2019 - 08:54

Il nulla e il tutto è una illusione data solo dalla nostra mente materiale legata alle percezioni dei nostri sensori biologici.Quando finisce l'esperienza materiale il tutto e nulla si fonde nell'eterno che non ha nulla e ne tutto ne principio ne fine.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi