Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Il TAV della discordia nazionale !


  • Per cortesia connettiti per rispondere
189 risposte a questa discussione

#61 Wish You Were Here

Wish You Were Here

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3150 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 01:14

ma almeno sei capace a distinguere Terzo Valico da Torino-Lione? temo di no.

spetta che ti do un aiutino.

 

I video che ho linkato parlano di Tav E terzo valico. I danni ambientali ci sono per entrambe le opere. Nelle montagne della Val di Susa ci sono enormi quantità di uranio e amianto che, se portate alla luce, provocherebbero un disastro ambientale. Invece di continuare a postare fuffa a nastro, torna a scuola e rimettiti a studiare l'italiano. E in ogni caso, a me dei soldi che gli imprenditori e i politici mafiosi perderannno se l'opera non verrà fatta, non me ne frega un cazzo, a me interessa la salute della gente che lì ci vive.


  • Emanuele piace questo

Dopo Altamira, tutto è decadenza (Pablo Picasso)


#62 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2692 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 01:18

tra tutte le cavolate che ho letto per non fare la Tav questa è la peggiore, come se non ci fossero altre vie volendo per portare rifiuti tossici e radioattivi in Italia, aspettate che adesso sia la mafia  che la malavita organizzata aspettano la Tav per i loro loschi traffici. :asdsi:

E ditemi quali sono le organizzazioni SI TAV e gli appalti finanziate dai mafiosi?

specifico a scanso di equivoci, vorrei delle fonti dirette della magistratura, non quelle dei No-tav.

 

Sta a sentire, io lo lessi da qualche parte, ora non è che stasera non ceno se non ci credi eh..... francamente le persone sono sempre state scettiche su tutto quello che veniva da organi non istituzionali. Poi ci siamo ritrovato in questa situazione per opera e per virtù dello spirito santo. Ci hanno pisciato in testa e ci dicevano che pioveva. Avanti così come un treno.



#63 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 11687 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 01:47

Sta a sentire, io lo lessi da qualche parte, ora non è che stasera non ceno se non ci credi eh..... francamente le persone sono sempre state scettiche su tutto quello che veniva da organi non istituzionali. Poi ci siamo ritrovato in questa situazione per opera e per virtù dello spirito santo. Ci hanno pisciato in testa e ci dicevano che pioveva. Avanti così come un treno.

Concordo, oltrettutto:  https://www.tgcom24....7-201902a.shtml



#64 Anfiarao

Anfiarao

    Oracolo degli scettici.

  • Utenti
  • 782 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 02:12

E fatela!!! Poi ne risponderete al paese se un sacco di altre opere restano incompiute o pericolanti perchè non ci sono i soldi, ma soprattutto se la TAV funzionerà al 10%. La penale massima calcolata è di 1,2 miliardi. Se fosse superiore non la pagheremo, non ha senso, eventualmente imbraccheremo le armi. Tanto c'è poco da preoccuparsi, fra poco l'Europa va in frantumi. E' curioso che sia proprio Salvini a volerla mantenere in piedi con la TAV.

 

Quel giorno, fo dire una messa, sarà un giorno benedetto. 


 
Dietro l'apparente perfezione nostra, serpeggia la vita esclusa.   [cit.]
 
 
 

#65 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 8971 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 03:39

tranquillo tra poco tempo ti passerà la voglia di starti a divertire, gli altri l'antifona l'hanno a quanto pare già capita, te ancora no e a proposito di silenzio assordante 

ho notato che è da un po' di tempo (dopo gli esiti delle votazioni in Abruzzo) che sia Alex che Ignorante hanno smesso di scrivere,

peccato avrei voluto sapere da loro cosa ne pensavano a riguardo, ma se si astengono dallo scrivere si vede che non hanno più niente da dire.

ti piacerebbe, vero? sono rimasto senza monitor e senza connessione per un guasto elettrico, NON sono stato silente per incapacità, quella è la vostra specialità.

poi che ci sarebbe da dire sulla tav, c'è una commissione ministeriale che ha certificato perdite per 7 miliardi di euri, quindi al momento è un'opera inutile, magari si potrà valutare in futuro se riprenderla o meno, al momento le priorità dell'italia sono altre. salvini e i leghisti invece devono rendere conto ai loro amici e per questo fanno gli gnorri di fronte all'analisi, fingendo di NON averla letta, ma gli interessi economici in gioco sono molti e NON possono certo tirarsi indietro.


tumblr_o2z1nr3FQ51qmob6ro1_400.gif


#66 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8331 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 03:48

I video che ho linkato parlano di Tav E terzo valico. I danni ambientali ci sono per entrambe le opere. Nelle montagne della Val di Susa ci sono enormi quantità di uranio e amianto che, se portate alla luce, provocherebbero un disastro ambientale. Invece di continuare a postare fuffa a nastro, torna a scuola e rimettiti a studiare l'italiano. E in ogni caso, a me dei soldi che gli imprenditori e i politici mafiosi perderannno se l'opera non verrà fatta, non me ne frega un cazzo, a me interessa la salute della gente che lì ci vive.

 

fonti come ho fatto io e non come al solito i video su youtube, vedo comunque che non hai nemmeno perso un minuto di tempo a differenza mia, a leggere quello che ho postato, ma non mi aspettavo niente di meno, pazienza leggeranno gli altri utenti e chi segue il foru, poi se la faranno loro una idea su chi dice la verità e su chi invece inventa come al solito menzogne.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#67 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8331 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 03:56

ti piacerebbe, vero? sono rimasto senza monitor e senza connessione per un guasto elettrico, NON sono stato silente per incapacità, quella è la vostra specialità.

poi che ci sarebbe da dire sulla tav, c'è una commissione ministeriale che ha certificato perdite per 7 miliardi di euri, quindi al momento è un'opera inutile, magari si potrà valutare in futuro se riprenderla o meno, al momento le priorità dell'italia sono altre. salvini e i leghisti invece devono rendere conto ai loro amici e per questo fanno gli gnorri di fronte all'analisi, fingendo di NON averla letta, ma gli interessi economici in gioco sono molti e NON possono certo tirarsi indietro.

 

eh meno male che sei ritornato mi stavo già iniziando a preoccupare, pensavo che avevi preso l'influenza anche te come dimaio che stranamante tace, sulle ultime vicende.

perdite calcolate su che cosa? mi sembra che siano state messe in evidenza da più parti che siano state gonfiate le perdite e non invece i guadagni e benefici.

la fai facile te, con l'UE che ci soffia sul collo che nel caso non iniziassimo i lavori oltre a volere i soldi già dati indietro, non finanzierebbe in futuro nessuna altra opera possibile sul territorio, 

a non farla temo che saremo noi a perderci di più in seguito.

Salvini piuttosto che rinunciare alla Tav e alla autonomia delle regioni al Nord fa anzi cadere il governo, che tanto se si ritornasse a nuove elezioni vincerebbe sicuramente, di certo vedrai che farà in modo 

che i M5S facciano tutto quello che vuole.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#68 Guest_metallica_*

Guest_metallica_*
  • Ospiti

Inviato 13 febbraio 2019 - 03:59

eh meno male che sei ritornato mi stavo già iniziando a preoccupare, pensavo che avevi preso l'influenza anche te come dimaio che stranamante tace, sulle ultime vicende.

perdite calcolate su che cosa? mi sembra che siano state messe in evidenza da più parti che siano state gonfiate le perdite e non invece i guadagni e benefici.

la fai facile te, con l'UE che ci soffia sul collo che nel caso non iniziassimo i lavori oltre a volere i soldi già dati indietro, non finanzierebbe in futuro nessuna altra opera possibile sul territorio, 

a non farla temo che saremo noi a perderci di più in seguito.

Salvini piuttosto che rinunciare alla Tav e alla autonomia delle regioni al Nord fa anzi cadere il governo, che tanto se si ritornasse a nuove elezioni vincerebbe sicuramente, di certo vedrai che farà in modo 

che i M5S facciano tutto quello che vuole.

dai dillo che vuoi una commissione che ti dica, il tav serve anche sapendo che perdiamo un casino di soldi facendola. 



#69 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8331 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 04:03

:asdsi: questa analisi intendi?

 

Tav gialla contro Tav verde

Calcoli che portano a soluzioni opposte nonostante molte cifre siano uguali, tassi di inflazione che non coincidono e alla fine il ministero dei Trasporti si accorge anche di un errore "macroscopico" nel calcolo delle penali da pagare. C'è di tutto nelle analisi costi benefici sulla Tav. Una, quella sbandierata dagli M5s e presentata ai francesi, è negativa, mentre l'altra è positiva. Tutto avviene all'interno dello stesso governo gialloverde. La distanza è segnata dal metodo utilizzato e quindi i risultati sono differenti pur avendo esaminato la stessa opera: l'Alta velocità Torino-Lione.

L'analisi costi benefici redatta dalla squadra di Marco Ponti è stata desecretata, al netto del fatto che un commissario, Pierluigi Coppola l'unico non schierato contro la Tav, si è rifiutato di firmarla presentandone un'altra e facendo così lievitare a tre il numero degli studi. Come previsto, l'analisi ufficiale, ha dato esito negativo anche se, a differenza delle dichiarazioni di Luigi Di Maio per il quale "non è stato scavato neanche un centimetro", viene messo nero su bianco che l'opera è stata avviata per il 15% e ci sono penali da pagare in caso di mancata realizzazione. In un primo momento, a leggere l'analisi, le penali ammontavano a oltre 4 miliardi ed è qui quello che è stato definito "errore macroscopico" poiché invece andrebbero da un minimo di 400 milioni a un massimo di 1 miliardo e 700 milioni.

Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, forte dei suoi numeri, ha già detto che le cifre sono "impietose", mentre il suo vice leghista Edoardo Rixi ha confermato che "l'opera va completata". Ma al di là delle dichiarazioni, adesso sono i numeri a parlare.

E ce ne sarebbero alcuni uguali per tutti. Dalle analisi pubblicate dal MIT emerge che bloccare il tunnel della Torino-Lione, cioè il tratto transfrontaliero, comporti all'Italia un costo di 3,5 miliardi: circa 2 miliardi per pagare le penali alle imprese, alla Francia e all'Ue e 1,8 miliardi per mettere in sicurezza le gallerie già realizzate e la linea storica. Tenendo conto che completare il tunnel costa all'Italia circa 3 miliardi, fermare i lavori comporterà al Paese una spesa maggiore.

Tuttavia l'analisi costi-benefici ufficiale e inviata alla Francia, che già ha fatto sapere che ci sono questioni da chiarire, esamina l'intera opera, ovvero i soldi che spenderebbero l'Italia, la Francia e l'Europa per realizzarla. Andiamo subito nel dettaglio. A pagina 48 dell'analisi, nel paragrafo che illustra i parametri adottati, vengono elencati i dati. Per la fase preliminare sono stati stanziati 1,397 miliardi, la quota italiana dei costi già sostenuti è pari a circa 740 milioni, finanziata con 402 milioni di euro di risorse statali e 328 milioni di euro di risorse Ue. E fin qui tutto bene.

Quanti soldi mancano per realizzare l'intera opera? Circa 12 miliardi. Di cui 9,630 miliardi per la tratta transfrontaliera, 1 miliardo e 700 milioni per la tratta nazionale Avigliana-Orbassano e Scalo, e altri 200 milioni per l'adeguamento Bussoleno-Abigliana. C'è però qualcosa che non quadra con lo studio di chi invece, come la Lega, l'opera vuole realizzarla. E il primo a denunciare che i conti non tornano è Stefano Esposito del Pd, torinese, esperto di Tav, che chiede di invalidare il documento. Tanto per iniziare i 9,630 miliardi nella realtà, con l'adeguamento dell'inflazione al 31 dicembre 2018, sarebbero 8,700 miliardi.

E poi c'è una differenza sostanziale. I calcoli nelle mani del Carroccio e dei dem prendono in considerazione solo l'impegno italiano, mentre lo studio di Ponti tira le somme finali prendendo in considerazione i costi per intero. Dunque, dei 9,630 miliardi, che servono a realizzare la tratta transfrontaliera, l'Italia dovrebbe spendere 3,054 miliardi, cifra già adeguata all'inflazione. Senza considerare l'inflazione sarebbero 2,9 mld, ma questo dato risale al 2012. La tratta nazionale da 1700 milioni sarebbe diminuita a 1500. In pratica tenendo conto di tutto, l'Italia andrebbe a spendere poco più di cinque miliardi, comprese le tratte italiane, e non i 12 mld poiché il resto è finanziato dall'Unione europea o è a carico della Francia.

Invece l'analisi di Ponti parte dall'intera cifra dei 12 miliardi. Quindi il documento stabilisce che il "vane" (valore attuale netto, saldo tra i costi dell'opera, lavori e gestione, i costi esterni, i minori benefici per utenti e operatori, e dall'altra parte i benefici economici diretti e indiretti) è pari a 6,995 milioni di euro nello scenario "realistico" di previsioni di traffico (25,2 milioni tonnellate di merci nel 2059) e pari a 7,805 milioni nello scenario "ottimistico" (previsioni osservatorio 2011, 51,8 milioni di tonnellate). In pratica in caso di realizzazione dell'opera ci sarebbero perdite di sette miliardi, che comunque sia sono da ripartire per tre soggetti e non sono tutti a carico dell'Italia.

Non solo. La cifra scende di parecchio perché - come si legge nella stessa analisi - a tale valore devono essere sottratti i costi di ripristino delle opere realizzate finora (messa in sicurezza delle gallerie e rinaturalizzazione dei siti) stimati pari a 347 milioni e quelli della "messa in sicurezza" della linea storica che, a seconda degli scenari di traffico che si intenderà considerare, potrà essere garantita con interventi a basso impatto economico ovvero con altri di maggiore rilievo, da definirsi a seguito di una specifica analisi del rischio nonché dei benefici attesi, per un ammontare massimo di 1,5 miliardi. Al netto di tali costi, il Vane risulterebbe pari a -5,7 miliardi. Sempre da ripartire per tre soggetti. In più l'Italia dovrebbe spendere 1,7 miliardi per realizzare la seconda canna del Frejus.

Nella contro analisi leghista, gli stessi numeri portano invece a più benefici. Per realizzare il tunnel transfrontaliero l'Italia deve spendere 2,9 miliardi (adattati all'inflazione 3.054) e sono necessari undici anni: il primo treno passerebbe nel 2030. Invece per bloccare l'opera e quindi realizzare la seconda canna Frejus, di cui il Movimento ha parlato in alternativa alla Tav, servirebbero in tutto venticinque anni. Nel dettaglio per aprire l'arbitrato tra Francia e Italia, quantificare i risarcimenti, sottoscrivere un nuovo accordo e chiedere la ratifica del Parlamento sarebbero necessari circa due o tre anni per una spesa che può variare dal miliardo ai due. A questi si aggiungono i 400 milioni per chiudere e mettere in sicurezza i cantieri già avviati per un totale di sette anni di tempo, e per finire 1,7 miliardi per realizzare la seconda canna del Frejus (15 anni di lavori). Per un totale di spesa che può arrivare fino a 4,1 miliardi. Alla luce di questo, secondo chi è favorevole all'Alta velocità Torino-Lione, conviene più realizzarla che non farla.

 

Perché i conti non coincidono? Perché nell'analisi di Ponti rientrano cifre molto alte che riguardano il mancato incasso delle accise sulla benzina che portano a far lievitare la cifra delle perdite in caso di realizzazione dell'opera. "Gli Stati - si legge nell'analisi - subiscono una perdita netta di accise che supera 1,6 miliardi e i concessionari una riduzione delle entrate da pedaggio che sfiora i tre miliardi". Tutto ciò farebbe lievitare i costi a oltre 16 miliardi. Quindi alla fine i benefici sono pari a 885 milioni, le 'perdite' a 7 miliardi nello scenario realistico e si può arrivare fino a 7,8 miliardi in un secondo scenario. Vi è poi una lunga analisi sulle perdite dovute al mancato transito dei tir, di cui la Lega non fa menzione, anzi lo considera un aspetto positivo che porterebbe a un minor inquinamento. Le due analisi sono quindi inconciliabili, anche su questo punto.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#70 Guest_metallica_*

Guest_metallica_*
  • Ospiti

Inviato 13 febbraio 2019 - 04:05

non mi sembra, visto che intanto ne te e ne gli altri siete riusciti a smontare i link che ho messo e le perplessità che si fa la gente su questa analisi che non persuade cosi tanto,

non è che dovete convincere me eh, dovete convincere la maggioranza del paese, che non fare la TAV sarà meglio sia sul breve e lungo periodo.

 

 

:asdsi: questa analisi intendi?

 

Tav gialla contro Tav verde

Calcoli che portano a soluzioni opposte nonostante molte cifre siano uguali, tassi di inflazione che non coincidono e alla fine il ministero dei Trasporti si accorge anche di un errore "macroscopico" nel calcolo delle penali da pagare. C'è di tutto nelle analisi costi benefici sulla Tav. Una, quella sbandierata dagli M5s e presentata ai francesi, è negativa, mentre l'altra è positiva. Tutto avviene all'interno dello stesso governo gialloverde. La distanza è segnata dal metodo utilizzato e quindi i risultati sono differenti pur avendo esaminato la stessa opera: l'Alta velocità Torino-Lione.

L'analisi costi benefici redatta dalla squadra di Marco Ponti è stata desecretata, al netto del fatto che un commissario, Pierluigi Coppola l'unico non schierato contro la Tav, si è rifiutato di firmarla presentandone un'altra e facendo così lievitare a tre il numero degli studi. Come previsto, l'analisi ufficiale, ha dato esito negativo anche se, a differenza delle dichiarazioni di Luigi Di Maio per il quale "non è stato scavato neanche un centimetro", viene messo nero su bianco che l'opera è stata avviata per il 15% e ci sono penali da pagare in caso di mancata realizzazione. In un primo momento, a leggere l'analisi, le penali ammontavano a oltre 4 miliardi ed è qui quello che è stato definito "errore macroscopico" poiché invece andrebbero da un minimo di 400 milioni a un massimo di 1 miliardo e 700 milioni.

Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, forte dei suoi numeri, ha già detto che le cifre sono "impietose", mentre il suo vice leghista Edoardo Rixi ha confermato che "l'opera va completata". Ma al di là delle dichiarazioni, adesso sono i numeri a parlare.

E ce ne sarebbero alcuni uguali per tutti. Dalle analisi pubblicate dal MIT emerge che bloccare il tunnel della Torino-Lione, cioè il tratto transfrontaliero, comporti all'Italia un costo di 3,5 miliardi: circa 2 miliardi per pagare le penali alle imprese, alla Francia e all'Ue e 1,8 miliardi per mettere in sicurezza le gallerie già realizzate e la linea storica. Tenendo conto che completare il tunnel costa all'Italia circa 3 miliardi, fermare i lavori comporterà al Paese una spesa maggiore.

Tuttavia l'analisi costi-benefici ufficiale e inviata alla Francia, che già ha fatto sapere che ci sono questioni da chiarire, esamina l'intera opera, ovvero i soldi che spenderebbero l'Italia, la Francia e l'Europa per realizzarla. Andiamo subito nel dettaglio. A pagina 48 dell'analisi, nel paragrafo che illustra i parametri adottati, vengono elencati i dati. Per la fase preliminare sono stati stanziati 1,397 miliardi, la quota italiana dei costi già sostenuti è pari a circa 740 milioni, finanziata con 402 milioni di euro di risorse statali e 328 milioni di euro di risorse Ue. E fin qui tutto bene.

Quanti soldi mancano per realizzare l'intera opera? Circa 12 miliardi. Di cui 9,630 miliardi per la tratta transfrontaliera, 1 miliardo e 700 milioni per la tratta nazionale Avigliana-Orbassano e Scalo, e altri 200 milioni per l'adeguamento Bussoleno-Abigliana. C'è però qualcosa che non quadra con lo studio di chi invece, come la Lega, l'opera vuole realizzarla. E il primo a denunciare che i conti non tornano è Stefano Esposito del Pd, torinese, esperto di Tav, che chiede di invalidare il documento. Tanto per iniziare i 9,630 miliardi nella realtà, con l'adeguamento dell'inflazione al 31 dicembre 2018, sarebbero 8,700 miliardi.

E poi c'è una differenza sostanziale. I calcoli nelle mani del Carroccio e dei dem prendono in considerazione solo l'impegno italiano, mentre lo studio di Ponti tira le somme finali prendendo in considerazione i costi per intero. Dunque, dei 9,630 miliardi, che servono a realizzare la tratta transfrontaliera, l'Italia dovrebbe spendere 3,054 miliardi, cifra già adeguata all'inflazione. Senza considerare l'inflazione sarebbero 2,9 mld, ma questo dato risale al 2012. La tratta nazionale da 1700 milioni sarebbe diminuita a 1500. In pratica tenendo conto di tutto, l'Italia andrebbe a spendere poco più di cinque miliardi, comprese le tratte italiane, e non i 12 mld poiché il resto è finanziato dall'Unione europea o è a carico della Francia.

Invece l'analisi di Ponti parte dall'intera cifra dei 12 miliardi. Quindi il documento stabilisce che il "vane" (valore attuale netto, saldo tra i costi dell'opera, lavori e gestione, i costi esterni, i minori benefici per utenti e operatori, e dall'altra parte i benefici economici diretti e indiretti) è pari a 6,995 milioni di euro nello scenario "realistico" di previsioni di traffico (25,2 milioni tonnellate di merci nel 2059) e pari a 7,805 milioni nello scenario "ottimistico" (previsioni osservatorio 2011, 51,8 milioni di tonnellate). In pratica in caso di realizzazione dell'opera ci sarebbero perdite di sette miliardi, che comunque sia sono da ripartire per tre soggetti e non sono tutti a carico dell'Italia.

Non solo. La cifra scende di parecchio perché - come si legge nella stessa analisi - a tale valore devono essere sottratti i costi di ripristino delle opere realizzate finora (messa in sicurezza delle gallerie e rinaturalizzazione dei siti) stimati pari a 347 milioni e quelli della "messa in sicurezza" della linea storica che, a seconda degli scenari di traffico che si intenderà considerare, potrà essere garantita con interventi a basso impatto economico ovvero con altri di maggiore rilievo, da definirsi a seguito di una specifica analisi del rischio nonché dei benefici attesi, per un ammontare massimo di 1,5 miliardi. Al netto di tali costi, il Vane risulterebbe pari a -5,7 miliardi. Sempre da ripartire per tre soggetti. In più l'Italia dovrebbe spendere 1,7 miliardi per realizzare la seconda canna del Frejus.

Nella contro analisi leghista, gli stessi numeri portano invece a più benefici. Per realizzare il tunnel transfrontaliero l'Italia deve spendere 2,9 miliardi (adattati all'inflazione 3.054) e sono necessari undici anni: il primo treno passerebbe nel 2030. Invece per bloccare l'opera e quindi realizzare la seconda canna Frejus, di cui il Movimento ha parlato in alternativa alla Tav, servirebbero in tutto venticinque anni. Nel dettaglio per aprire l'arbitrato tra Francia e Italia, quantificare i risarcimenti, sottoscrivere un nuovo accordo e chiedere la ratifica del Parlamento sarebbero necessari circa due o tre anni per una spesa che può variare dal miliardo ai due. A questi si aggiungono i 400 milioni per chiudere e mettere in sicurezza i cantieri già avviati per un totale di sette anni di tempo, e per finire 1,7 miliardi per realizzare la seconda canna del Frejus (15 anni di lavori). Per un totale di spesa che può arrivare fino a 4,1 miliardi. Alla luce di questo, secondo chi è favorevole all'Alta velocità Torino-Lione, conviene più realizzarla che non farla.

 

Perché i conti non coincidono? Perché nell'analisi di Ponti rientrano cifre molto alte che riguardano il mancato incasso delle accise sulla benzina che portano a far lievitare la cifra delle perdite in caso di realizzazione dell'opera. "Gli Stati - si legge nell'analisi - subiscono una perdita netta di accise che supera 1,6 miliardi e i concessionari una riduzione delle entrate da pedaggio che sfiora i tre miliardi". Tutto ciò farebbe lievitare i costi a oltre 16 miliardi. Quindi alla fine i benefici sono pari a 885 milioni, le 'perdite' a 7 miliardi nello scenario realistico e si può arrivare fino a 7,8 miliardi in un secondo scenario. Vi è poi una lunga analisi sulle perdite dovute al mancato transito dei tir, di cui la Lega non fa menzione, anzi lo considera un aspetto positivo che porterebbe a un minor inquinamento. Le due analisi sono quindi inconciliabili, anche su questo punto.

ti ho già detto che a te non sta bene l'analisi perché dice che è negativa e questo ti fa rodere il fegato come a tutti quelli di sinistra.

 

Dai facciamo così almeno sei contento:

 

il tav serve

il tav è un'opera utilissima

il tav tra 20 anni farà aumentare il lavoro in italia di 20000000 di posti di lavoro

il tav tra 20 anni farà diventare l'italia la prima potenza economica mondiale

 

il pd è il migliore governo mai avuto

abbasso lega 5 stelle

 

 

contento così?



#71 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 11687 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 04:31

Ma è chiaro che quando ci stà dietro la mafia scrivono il cazzo che vogliono pro-TAV......



#72 Guest_metallica_*

Guest_metallica_*
  • Ospiti

Inviato 13 febbraio 2019 - 04:33

Ma è chiaro che quando ci stà dietro la mafia scrivono il cazzo che vogliono pro-TAV......

scrivono solo e grandi cazzate per far passare quest'opera inutile in opera utile



#73 Guest_metallica_*

Guest_metallica_*
  • Ospiti

Inviato 13 febbraio 2019 - 04:47

Questo video è da guardare fino alla fine, non che i pro tav ne guardano 3 minuti e poi sparano la loro minchiata serale. 

 

Il tav spesa inutile, opera inutile che non farà per nulla aumentare l'economia. L'unica cosa che farà sarà ingrassare le tasche di qualcuno a discapito delle popolazioni che vivono la.

 



#74 Wish You Were Here

Wish You Were Here

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3150 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 05:14

fonti come ho fatto io e non come al solito i video su youtube, vedo comunque che non hai nemmeno perso un minuto di tempo a differenza mia, a leggere quello che ho postato, ma non mi aspettavo niente di meno, pazienza leggeranno gli altri utenti e chi segue il foru, poi se la faranno loro una idea su chi dice la verità e su chi invece inventa come al solito menzogne.

 

Intanto il primo video è un servizio del Fatto Quotidiano, un quotidiano italiano. Ma tu non puoi saperlo, dato il livello di rincoglionimento in cui ti trovi. In ogni caso nei video di youtube alle volte parlano anche persone preparate, sai? Nel primo video ad esempio c'è un ingegnere nucleare del Politecnico di Torino. Il secondo "video di youtube" è sempre un servizio del FQ, e c'è un altro ingegnere che parla (min 0,41). La presenza di materiali estremamente tossici è documentata dall'ARPA, l'agenzia regionale per la protezione ambientale, e da Legambiente. Poi c'è tutto il materiale sul sito del Politecnico di Torino, che avevo già postato tempo fa, e che tu ovviamente non hai nemmeno guardato. Insomma, se proprio vogliamo parlare di fonti, quelle non le hai di certo tu. Tu hai linkato solo fuffa raccattata dai siti e dai giornali da cui ti (dis)informi. Adesso se vuoi vai pure sul forum dei bimbiminkia che frequenti a chiedere ai tuoi ingegneri con le antamila lauree come fare a "spiegarmi" perchè ciò che dicono l'ARPA, Legambiente e il Politecnico di Torino sono cazzate.


Dopo Altamira, tutto è decadenza (Pablo Picasso)


#75 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8331 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 05:43

Intanto il primo video è un servizio del Fatto Quotidiano, un quotidiano italiano. Ma tu non puoi saperlo, dato il livello di rincoglionimento in cui ti trovi. In ogni caso nei video di youtube alle volte parlano anche persone preparate, sai? Nel primo video ad esempio c'è un ingegnere nucleare del Politecnico di Torino. Il secondo "video di youtube" è sempre un servizio del FQ, e c'è un altro ingegnere che parla (min 0,41). La presenza di materiali estremamente tossici è documentata dall'ARPA, l'agenzia regionale per la protezione ambientale, e da Legambiente. Poi c'è tutto il materiale sul sito del Politecnico di Torino, che avevo già postato tempo fa, e che tu ovviamente non hai nemmeno guardato. Insomma, se proprio vogliamo parlare di fonti, quelle non le hai di certo tu. Tu hai linkato solo fuffa raccattata dai siti e dai giornali da cui ti (dis)informi. Adesso se vuoi vai pure sul forum dei bimbiminkia che frequenti a chiedere ai tuoi ingegneri con le antamila lauree come fare a "spiegarmi" perchè ciò che dicono l'ARPA, Legambiente e il Politecnico di Torino sono cazzate.

 

Fatto! ✔ 

 

ah ecco che mi è arrivata la risposta, tieni.

 

il thread della Lega Sud - 5 - 5 - 5

 

skynight, onestamente, chi stracazzo se ne fotte dei ritardati che vai a pescare su altri forum.

 non siamo qua a farti il gobbo per risolvere problemi che avrebbero potuto essere evitati solo grazie ad un'adeguata diagnosi prenatale, abbiamo già i nostri di bambini speciali a cui fare sostegno

Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#76 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 11687 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 05:57

Questo video è da guardare fino alla fine, non che i pro tav ne guardano 3 minuti e poi sparano la loro minchiata serale. 

 

Il tav spesa inutile, opera inutile che non farà per nulla aumentare l'economia. L'unica cosa che farà sarà ingrassare le tasche di qualcuno a discapito delle popolazioni che vivono la.

 

Bellissimo il filmato metallica, più chiaro di così......



#77 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8331 messaggi

Inviato 13 febbraio 2019 - 06:13

comunque dai Wish you were here, voglio essere buono con te, eccoti una risposta sensata da Ngi, dove puoi sempre dire la tua se non sei d'accordo.


Quote:

Originally Posted by Skynight* Immagine inserita
quando gli ho risposto che sono cazzate mi ha detto, " La presenza di materiali estremamente tossici è documentata dall'ARPA, l'agenzia regionale per la protezione ambientale, e da Legambiente.

Questa è una delle critiche piu divertenti dei no tav...
Ti dicono che non si deve bucare la montagna perché ci sono percentuali di amianto in quel tratto di montagna.

A parte che finora non ne sono state ancora trovate tracce e che il percorso fu modificato nel 2011 proprio per ridurre al minimo i rischi ma poi i no tav sostengono che è meglio utilizzare la linea vecchia. Il che significa adeguare, ampliandolo a due canne (misure standard), il traforo che c'è già e indovina un po?
Dovresti scavare comunque e troveresti lo stesso amianto ma ad una altitudine ancora maggiore aumentando persino i rischi per le popolazioni in un'area anche piu estesa.
Oltretutto è curioso che dell'amianto non si siano preoccupati quando la stessa montagna è stata scavata per raddoppiare la galleria dell'autostrada.

[Topic politico] la terza repubblica delle banane.


per cui se ne deduce che per qualche motivo inspiegabile di origine sconosciuta, è solamente costruendo la Tav che si troverebbe in ordine, uranio altamente radioattivo, amianto e altri materiali molto tossici per la salute, invece sia in Val di Susa per convogliare le acque della Dora Riparia verso la centrale elettrica di Pont Ventoux, una delle più grandi d'Italia, dove è stato costruito un lunghissimo tunnel, ed è la stessa montagna. e Idem per il raddoppio della canna del Frejus, in corso di esecuzione: 13 chilometri di scavo, sempre la stessa montagna.
e sia per la costruzione del raddoppio della galleria dell'autostrada che come proposto dai No-TAV di ampliare la linea vecchia scavando di nuovo nella stessa montagna.
misteriosamente le sostanze tossiche, l'amianto, l'uranio non ci sono più!

ecco questa Wish You Were Here & friends© spiegatemela un po' voi questo incredibile mistero!

Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#78 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 11687 messaggi

Inviato 14 febbraio 2019 - 12:37

per cui se ne deduce che per qualche motivo inspiegabile di origine sconosciuta, è solamente costruendo la Tav che si troverebbe in ordine, uranio altamente radioattivo, amianto e altri materiali molto tossici per la salute, invece sia in Val di Susa per convogliare le acque della Dora Riparia verso la centrale elettrica di Pont Ventoux, una delle più grandi d'Italia, dove è stato costruito un lunghissimo tunnel, ed è la stessa montagna. e Idem per il raddoppio della canna del Frejus, in corso di esecuzione: 13 chilometri di scavo, sempre la stessa montagna.

e sia per la costruzione del raddoppio della galleria dell'autostrada che come proposto dai No-TAV di ampliare la linea vecchia scavando di nuovo nella stessa montagna.

misteriosamente le sostanze tossiche, l'amianto, l'uranio non ci sono più!

 

ecco questa Wish You Were Here & friends© spiegatemela un po' voi questo incredibile mistero! 

A parte il fatto che non serve ad un cazzo, e se non l'hai ancora capito peggio per te, il vicesegretario della Lega per le infrastrutture, questa sera od OTTO E MEZZO ha fatto capire chiaramente che non si farà. Del resto è comprensibile, non vogliono rompeere il governo, Salivini ha ottenuto tutti quei consensi per gli immigrati, non certo per la TAV.. Puoi metterti il cuore in pace, e finiscila di intervenire con delle imbecillità.



#79 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 8331 messaggi

Inviato 14 febbraio 2019 - 07:58

A parte il fatto che non serve ad un cazzo, e se non l'hai ancora capito peggio per te, il vicesegretario della Lega per le infrastrutture, questa sera od OTTO E MEZZO ha fatto capire chiaramente che non si farà. Del resto è comprensibile, non vogliono rompeere il governo, Salivini ha ottenuto tutti quei consensi per gli immigrati, non certo per la TAV.. Puoi metterti il cuore in pace, e finiscila di intervenire con delle imbecillità.

 

tutto qui quello che dovevi dire per smontare i miei dubbi? 

ok un altro in ignore. :asdsi:


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#80 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 11687 messaggi

Inviato 14 febbraio 2019 - 08:29

tutto qui quello che dovevi dire per smontare i miei dubbi? 

ok un altro in ignore. :asdsi:

Non c'è bisogno di argomentare nulla, basta guardare il filmato:

 






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi