Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
* * * * * 3 voti

13 notti sante: sogni e lavoro esoterico meditativo


  • Per cortesia connettiti per rispondere
202 risposte a questa discussione

#201 jericho

jericho

    93

  • Utenti
  • 828 messaggi

Inviato 05 gennaio 2020 - 09:19

Woow!
Anche io ho avuto un bel sogno fortemente collegato al Figlio, Arpocrate.
  • Frèyja piace questo
AGLA

#202 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8591 messaggi

Inviato 05 gennaio 2020 - 12:23

...voi Gesù e Arpocrate, e anche io un figlio: la figlia di Spino ed Ele :rotfl:.

 

Sognavo di stare a casa di gggente, forse per una festa, e parlavo con Ele. Notavo che non aveva la bambina vicina, e la bambina non era neanche con Spino. La vedevo un po' in disparte nella sua carrozzina, che dormiva; poi si svegliava e io cominciavo a dondolare delicatamente la carrozzina per cullarla. Lo dicevo ai suoi genitori, e Spino tranquillo diceva: dalle in mano una matita colorata, lei gioca così e si rilassa. Io pensavo: non ci penso nemmeno a darle in mano una matita, è piccola ancora, rischia di conficcarsela in un occhio.  Poi arrivava il momento del cambio pannolino, Ele scherzava sul fatto che si sentiva da lontano quando era necessario il cambio.

Poi di colpo vedevo la bambina cresciuta, tipo uno/due anni: aveva i capelli biondissimi con la frangia e gli occhi azzurrissimi: mi fissava e il suo era uno sguardo da grande. E poi parlava con un linguaggio che non era da bambina piccola. Ne parlavo con Ele.

La bambina veniva lasciata con me, lei mi seguiva ovunque e io mi prendevo cura di lei. Io cercavo qualcosa da mangiare per me e lei voleva assaggiare i salatini che mangiavo io, allora ero attentissima a sceglierne un tipo senza pepe, senza troppo sale, senza spezie piccanti, senza allergeni, alla fine trovavo uno, glielo davo, lei lo mordeva,  e nel salatino c'era una piccola lampadina che lei avrebbe potuto schiacciare ed ingerire ma non succedeva perchè io non la perdevo di vista un secondo. Sconvolta correvo a prendere dell'acqua per farle sciacquare la bocca anche se lei non aveva ingerito nulla e mi aveva anche un po' sfottuto per la mia ansia. Notavo che nella loro famiglia c'era una cugina di circa 8-10 anni e una zia sui 50-60  che era indentiche alla piccola e cioè bionde, occhi azzurri e capelli legati in due codini bassi.

Il sogno continuava con me che avevo fame, cercavo del cibo, e siccome quello era un posto in cui si metteva in comune sugli scaffali ogni cosa, per non correre il rischio di mangiare roba di altri perchè mi dispiaceva anche se quello era il senso, cioè fare tutto in comunione, rimanevo morta di fame.


  • jericho piace questo

#203 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 3224 messaggi

Inviato 11 gennaio 2020 - 02:13

primo riscontro.

 

notte relativa a gennaio:

 

Nella notte ho sognato di andare, insieme ad un'amica ad ascoltare una conferenza in una casetta di legno, la conferenza la teneva un signore che conosco. Lì incontravo quattro persone e mangiavo con loro delle caramelle e dei dolcetti. Poi arrivavano due ragazze che non conoscevo, eravamo subito in ottimi rapporti e ci abbracciavamo calorosamente.

 

notte relativa a febbraio:

2) Ho sognato poi che ero di nuovo a scuola, alle scuole superiori, la professoressa che non conosco mi fa delle domande surreali a cui non so rispondere (quale parte della pentola è la 'rampa'?) e mi dice che mi deve dare molti compiti extra. 

Poi faccio fatica ad integrarmi con i compagni (sono tutti adolescenti). Poi dormiamo a scuola e al mattino andiamo a casa di un mio vecchio amico, che tra l'altro era apparso anche nel sogno di Gennaio. E' un amico che non vedo da almeno un anno, forse due e con cui non ho più contatti.

 

 

 

dopo due anni che non vedevo questa persona, ieri ci siamo incontrati casualmente nello stesso ristorante 


  • Frèyja piace questo

Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi