Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
* * * * * 2 voti

13 notti sante: sogni e lavoro esoterico meditativo


  • Per cortesia connettiti per rispondere
105 risposte a questa discussione

#1 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 2733 messaggi

Inviato 22 dicembre 2018 - 02:24

Quest'anno farò il lavoro esoterico indicato da Rudolf Steiner per le 13 notti sante.
Lo scrivo qua perché penso che qualcuno di voi potrebbe sentire la spinta a farlo a sua volta, e volendo possiamo anche scambiarci impressioni o aiutarci nell'intuire il significato di ciò che ci appare in meditazione, sogni o sincronismi.
Ne sono venuta a conoscenza tramite un bellissimo sito di divulgazione ed elaborazione dei contenuti antroposofici che cito in fondo al post per rimandarvi a maggiori approfondimenti.

 

LE TREDICI NOTTI SANTE:

 

Con il termine 'Notte' si intende dal tramonto del giorno precedente all'alba del giorno successivo, partendo dalla Notte Santa del 24/25 dicembre.
Le prime 12 Notti sono collegate all'anno che verrà: ogni Notte è collegata ad un mese, partendo da Gennaio, la tredicesima Notte, quella dell'Epifania, racchiude in sé tutto l'anno futuro

 

24/25 dicembre: Gennaio     25/26 dicembre: Febbraio     26/27 dicembre: Marzo     27/28 dicembre:  Aprile
28/29 dicembre: Maggio       29/30 dicembre: Giugno       30/31 dicembre: Luglio      31/1 gennaio: Agosto      
1/2 gennaio:  Settembre        2/3 gennaio: Ottobre             3/4 gennaio: Novembre     4/5 gennaio:  Dicembre
5/6 gennaio: Tutto l'anno

 

Ogni Notte Santa è collegata ad un segno zodiacale, ed ogni segno è collegato ad una Virtù che il segno deve sviluppare, che sarà la chiave del lavoro meditativo della notte.
Gennaio: Capricorno: Coraggio    //  Febbraio: Aquario: Discrezione //     Marzo: Pesci: Magnanimità
Aprile: Ariete: Devozione  //        Maggio: Toro: Equilibrio    //    Giugno: Gemelli: Perseveranza
Luglio: Cancro : Altruismo  //   Agosto: Leone: Compassione  // Settembre : Vergine : Cortesia   

Ottobre : Bilancia : Contentezza  //  Novembre : Scorpione : Pazienza   //  Dicembre : Sagittario : Controllo della Parola.
 

Ogni Notte Santa ha un suo SIMBOLO e un suo MISTERO

ad esempio, la prima Notte Santa, quella del 24/25 dicembre:

SIMBOLO: La Stalla di Betlemme, nella cui umiltà e povertà è nata la Luce del Mondo.
La Voce del Silenzio penetra l'anima e insegna ad affermare con gioia il bene in noi e negli altri.
Capricorno. Lo Spirito Divino è nato nella Materia. Spirito e Materia. L'Alfa e l'Omega si toccano e nasce la vita.

MISTERO: L'anima che anela nell'oscurità di una foresta senza sentieri.

 

(Tutti gli altri Simboli e Misteri potete trovarli nei link che ho messo a fine post, con anche il commento approfondito di Giorgio Tarditi Spagnoli)

 

 

Durante queste Notti è possibile mettere i semi di Buona Volontà per l'anno futuro e avere indicazioni spirituali su quello che accadrà.

Le indicazioni si possono avere in due modi:

1) Sogni: i sogni che facciamo durante le Notti Sante rappresentano il significato spirituale di ciò che ci capiterà nel mese corrispondente dell'anno successivo.

2) Meditazioni: chi è in percorso esoterico può usufruire anche di questo strumento. Dopo il tramonto o prima di addormentarsi, ben calati nell'atmosfera della Notte Santa, si medita seguendo queste fasi:

- Concentrazione (liberarsi di pensieri vaganti, emozioni contrastanti, brame..)
- Meditazione immaginativa del Simbolo e del Mistero della Notte Santa (Ogni Notte Santa ha un Simbolo e un Mistero corrispondente)
- Cancellazione dell'immaginazione e contemplazione dello spazio vuoto creatosi, con le sue forze
- Uscita dalla meditazione.

 

Su un diario vanno annotate le immagini e le parole giunte durante o dopo la meditazione, 
vanno annotati anche i sogni e le sincronicità che avvengono nei giorni delle Notti Sante.

 

Qui i link dove ho preso le informazioni e dove potete trovare tutte le indicazioni approfondite per svolgere il lavoro meditativo sulle 13 Notti Sante:

 

PRIMA PARTE -> https://giorgiotardi...24-31-dicembre/

SECONDA PARTE -> https://giorgiotardi...te-1-6-gennaio/


  • Cthulhu, Bobbg, malia e 6 altri piace questo

Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#2 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 7715 messaggi

Inviato 22 dicembre 2018 - 03:47

E' bellina questa cosa. Io la farò. Per altri motivi già mi lascio il tempo per un momento di concentrazione (meditazione è una parola grossa) la notte, perchè mi fa dormire meglio.

Questa sera leggerò meglio tutto.


  • Lamia piace questo

#3 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 7715 messaggi

Inviato 23 dicembre 2018 - 08:11

Ehm...

 

"Durante l’esperienza del Natale, con le sue 12 Notti Sante, seminiamo il seme per i prossimi 12 mesi. Pertanto questi 12 giorni sono importanti, se per esempio facciamo errori il primo giorno, poniamo un seme, che, nel primo mese, germinerà negativamente nel sangue"

 

questa cosa mi terrorizza un po' :arg: :D :sbonk: :shock:



#4 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2909 messaggi

Inviato 24 dicembre 2018 - 11:57

Quest'anno farò il lavoro esoterico indicato da Rudolf Steiner per le 13 notti sante.
Lo scrivo qua perché penso che qualcuno di voi potrebbe sentire la spinta a farlo a sua volta, e volendo possiamo anche scambiarci impressioni o aiutarci nell'intuire il significato di ciò che ci appare in meditazione, sogni o sincronismi.
Ne sono venuta a conoscenza tramite un bellissimo sito di divulgazione ed elaborazione dei contenuti antroposofici che cito in fondo al post per rimandarvi a maggiori approfondimenti.

 

LE TREDICI NOTTI SANTE:

 

Con il termine 'Notte' si intende dal tramonto del giorno precedente all'alba del giorno successivo, partendo dalla Notte Santa del 24/25 dicembre.
Le prime 12 Notti sono collegate all'anno che verrà: ogni Notte è collegata ad un mese, partendo da Gennaio, la tredicesima Notte, quella dell'Epifania, racchiude in sé tutto l'anno futuro

 

24/25 dicembre: Gennaio     25/26 dicembre: Febbraio     26/27 dicembre: Marzo     27/28 dicembre:  Aprile
28/29 dicembre: Maggio       29/30 dicembre: Giugno       30/31 dicembre: Luglio      31/1 gennaio: Agosto      
1/2 gennaio:  Settembre        2/3 gennaio: Ottobre             3/4 gennaio: Novembre     4/5 gennaio:  Dicembre
5/6 gennaio: Tutto l'anno

 

Ogni Notte Santa è collegata ad un segno zodiacale, ed ogni segno è collegato ad una Virtù che il segno deve sviluppare, che sarà la chiave del lavoro meditativo della notte.
Gennaio: Capricorno: Coraggio    //  Febbraio: Aquario: Discrezione //     Marzo: Pesci: Magnanimità
Aprile: Ariete: Devozione  //        Maggio: Toro: Equilibrio    //    Giugno: Gemelli: Perseveranza
Luglio: Cancro : Altruismo  //   Agosto: Leone: Compassione  // Settembre : Vergine : Cortesia   

Ottobre : Bilancia : Contentezza  //  Novembre : Scorpione : Pazienza   //  Dicembre : Sagittario : Controllo della Parola.
 

Ogni Notte Santa ha un suo SIMBOLO e un suo MISTERO

ad esempio, la prima Notte Santa, quella del 24/25 dicembre:

SIMBOLO: La Stalla di Betlemme, nella cui umiltà e povertà è nata la Luce del Mondo.
La Voce del Silenzio penetra l'anima e insegna ad affermare con gioia il bene in noi e negli altri.
Capricorno. Lo Spirito Divino è nato nella Materia. Spirito e Materia. L'Alfa e l'Omega si toccano e nasce la vita.

MISTERO: L'anima che anela nell'oscurità di una foresta senza sentieri.

 

(Tutti gli altri Simboli e Misteri potete trovarli nei link che ho messo a fine post, con anche il commento approfondito di Giorgio Tarditi Spagnoli)

 

 

Durante queste Notti è possibile mettere i semi di Buona Volontà per l'anno futuro e avere indicazioni spirituali su quello che accadrà.

Le indicazioni si possono avere in due modi:

1) Sogni: i sogni che facciamo durante le Notti Sante rappresentano il significato spirituale di ciò che ci capiterà nel mese corrispondente dell'anno successivo.

2) Meditazioni: chi è in percorso esoterico può usufruire anche di questo strumento. Dopo il tramonto o prima di addormentarsi, ben calati nell'atmosfera della Notte Santa, si medita seguendo queste fasi:

- Concentrazione (liberarsi di pensieri vaganti, emozioni contrastanti, brame..)
- Meditazione immaginativa del Simbolo e del Mistero della Notte Santa (Ogni Notte Santa ha un Simbolo e un Mistero corrispondente)
- Cancellazione dell'immaginazione e contemplazione dello spazio vuoto creatosi, con le sue forze
- Uscita dalla meditazione.

 

Su un diario vanno annotate le immagini e le parole giunte durante o dopo la meditazione, 
vanno annotati anche i sogni e le sincronicità che avvengono nei giorni delle Notti Sante.

 

Qui i link dove ho preso le informazioni e dove potete trovare tutte le indicazioni approfondite per svolgere il lavoro meditativo sulle 13 Notti Sante:

 

PRIMA PARTE -> https://giorgiotardi...24-31-dicembre/

SECONDA PARTE -> https://giorgiotardi...te-1-6-gennaio/

Molto interessante, peccato che questi  giorni sia davvero difficile dedicarsi alla cosa o lo farei volentieri.

Mi ricorda il lavoro proposto da un'autrice italiana e basato sui tarocchi (non ricordo il titolo purtroppo), ogni mese si facevano esercizi e meditazioni riguardo una certa carta  per "assimilarne" diciamo anche inconsciamente il significato e si suggeriva di annotare sogni, idee intuizioni ecc. Ne approfitto per augurare a tutti un buon Natale! :)


  • Lamia piace questo

6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”


#5 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 7715 messaggi

Inviato 24 dicembre 2018 - 03:04

Molto interessante, peccato che questi  giorni sia davvero difficile dedicarsi alla cosa

Ma è questo il bello; cioè quando sta per scapparti il bestemmione perchè non trovi la pastasfoglia rettangolare in tutta la città, ti devi ricordare che la   "Voce del Silenzio penetra l'anima e insegna ad affermare con gioia il bene in noi e negli altri"; è questo l'esercizio, da fare minuto per minuto.

E sennò è troppo facile, che lavoro sarebbe altrimenti?  :arg:


  • Cthulhu, Lamia e Frèyja piace questo

#6 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 2733 messaggi

Inviato 24 dicembre 2018 - 06:50

Ma è questo il bello; cioè quando sta per scapparti il bestemmione perchè non trovi la pastasfoglia rettangolare in tutta la città, ti devi ricordare che la   "Voce del Silenzio penetra l'anima e insegna ad affermare con gioia il bene in noi e negli altri"; è questo l'esercizio, da fare minuto per minuto.

E sennò è troppo facile, che lavoro sarebbe altrimenti?  :arg:

 

:sentimental: oggi mentre ero all'opera per dare alla luce i 5 kg di biscotti della vigilia ho rischiato più volte di perdere la pace interiore.

specialmente quando la gatta è saltata sopra i biscotti da infornare.

 

un paio di sincronismi oggi ci sono stati, la meditazione l'ho fatta, vediamo i sogni di stanotte.

 

 

Per Cthulhu:

Interessante il lavoro sui tarocchi, anche quello è un esperimento che si può provare e lanciare in futuro.
Comunque tieni d'occhio i tuoi sogni, anche se non si fanno le meditazioni i sogni di tutti dovrebbero essere in parte premonitori.

Buon Natale anche a te!!  :ghost:


  • Cthulhu e malia piace questo

Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#7 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 2733 messaggi

Inviato 24 dicembre 2018 - 06:52

doppio post 


Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#8 goodlie

goodlie

    Utente Senior

  • Utenti
  • 487 messaggi

Inviato 25 dicembre 2018 - 08:06

buongiorno a tutti e buon Natale! ho iniziato anche io il lavoro descritto in questo post e già stanotte ho fatto dei sogni apparentemente banali ma con dei simbolismi interessanti. A voi com'è andata?
  • skynight e Lamia piace questo

#9 Frèyja

Frèyja

    .L.

  • Utenti
  • 4419 messaggi

Inviato 25 dicembre 2018 - 08:31

buongiorno a tutti e buon Natale! ho iniziato anche io il lavoro descritto in questo post e già stanotte ho fatto dei sogni apparentemente banali ma con dei simbolismi interessanti. A voi com'è andata?


Dovrebbe essere la notte collegata al coraggio. In effetti nel mezzo di un sogno non particolarmente significativo sentivo arrivare qualcosa di molto oscuro e indecifrabile che spegneva i motori e le luci di tutte le auto bloccandole in una fila lunghissima. Penso che il sogno finisca qui, ho il ricordo di me un po' impietrita.
  • Lamia piace questo

#10 goodlie

goodlie

    Utente Senior

  • Utenti
  • 487 messaggi

Inviato 25 dicembre 2018 - 09:16

Dovrebbe essere la notte collegata al coraggio. In effetti nel mezzo di un sogno non particolarmente significativo sentivo arrivare qualcosa di molto oscuro e indecifrabile che spegneva i motori e le luci di tutte le auto bloccandole in una fila lunghissima. Penso che il sogno finisca qui, ho il ricordo di me un po' impietrita.


io ho sognato tra le altre cose una moto che non partiva, e questa moto andava a denaro, io tentavo di inserire una banconota nella moto ma il denaro sembrava falso
  • Lamia e Frèyja piace questo

#11 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 2733 messaggi

Inviato 25 dicembre 2018 - 11:08

buongiorno a tutti e buon Natale! ho iniziato anche io il lavoro descritto in questo post e già stanotte ho fatto dei sogni apparentemente banali ma con dei simbolismi interessanti. A voi com'è andata?

 

 

ciao goodlie, di solito mi ricordo molti sogni, questa mattina anche sforzandomi un po' sono riuscita a ricordarne uno solo.
in questo sogno davo ospitalità ad un cantante famoso di cui ero appassionata anni fa, che è nato nel giorno del mio compleanno, un personaggio sopra le righe, quasi sicuramente una rappresentazione della mia ombra. il viaggio per arrivare a casa mia era un po' faticoso e lui si lamentava. il giorno dopo però, quando entrambi lasciamo casa mia mi porge delle banconote come ringraziamento. 
questo sogno ha un simbolismo abbastanza chiaro

 

Dovrebbe essere la notte collegata al coraggio. In effetti nel mezzo di un sogno non particolarmente significativo sentivo arrivare qualcosa di molto oscuro e indecifrabile che spegneva i motori e le luci di tutte le auto bloccandole in una fila lunghissima. Penso che il sogno finisca qui, ho il ricordo di me un po' impietrita.

 

si era la notte collegata al coraggio e/o alle parti oscure di sé.

 

 

 

per tutti: Ieri Giorgio ha pubblicato un ulteriore commentario scritto da Kristina Kaine e tradotto da Laura Zanutto.
L'ho trovato molto utile per approfondire, vi lascio qui il link:

 

https://giorgiotardi...24-31-dicembre/


Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#12 Frèyja

Frèyja

    .L.

  • Utenti
  • 4419 messaggi

Inviato 25 dicembre 2018 - 03:46

ciao goodlie, di solito mi ricordo molti sogni, questa mattina anche sforzandomi un po' sono riuscita a ricordarne uno solo.
in questo sogno davo ospitalità ad un cantante famoso di cui ero appassionata anni fa, che è nato nel giorno del mio compleanno, un personaggio sopra le righe, quasi sicuramente una rappresentazione della mia ombra. il viaggio per arrivare a casa mia era un po' faticoso e lui si lamentava. il giorno dopo però, quando entrambi lasciamo casa mia mi porge delle banconote come ringraziamento. 
questo sogno ha un simbolismo abbastanza chiaro
 

 
si era la notte collegata al coraggio e/o alle parti oscure di sé.
 
 


Quello che arrivava, nel mio sogno, era palesemente un demone. Anche il cielo, ora che lo ricordo, si scuriva.
La mia parte oscura è spaventosa.
Sono in trepida attesa di altri sogni illuminanti. Grazie ancora per questo thread.
  • Lamia piace questo

#13 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 2733 messaggi

Inviato 25 dicembre 2018 - 05:06

Quello che arrivava, nel mio sogno, era palesemente un demone. Anche il cielo, ora che lo ricordo, si scuriva.
La mia parte oscura è spaventosa.
Sono in trepida attesa di altri sogni illuminanti. Grazie ancora per questo thread.

 

Grazie a te, a Goodlie e Malia, è bellissimo fare questo percorso insieme!


  • malia e Frèyja piace questo

Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#14 goodlie

goodlie

    Utente Senior

  • Utenti
  • 487 messaggi

Inviato 26 dicembre 2018 - 09:46

Buongiorno a tutti, il lavoro prosegue. Io sto procedendo così: la sera prima di mettermi a dormire scrivo su un diario gli spunti della meditazione così mi restano più impressi, sono quelli nei link postati da Lamia però rielaborati a modo mio e sintetizzati. Stanotte che era quella relativa alla discrezione ho fatto prima due sogni normali di cui non ricordo nulla se non queste tre cose: un orologio senza lancette, una stanza piena di gente (credo in pericolo) e un uomo che era mio fratello e che credo dovesse salvarli (non ho fratelli). Mi sembrava di non aver sognato altro invece mi sono ricordata di aver fatto un sogno lucido in cui mi rendevo conto di essere in un sogno e per questo mi buttavo tranquillamente da un palazzo alto nel cuore della notte, iniziavo a volare e svolazzavo qui e là fra le mie cose, attraversando la materia. A un certo punto provavo a sprofondare in basso, nella terra, ma non riuscivo ad accedere alle stanze inferiori, vedevo solo buio, così riemergevo. Mi sono ricordata di aver fatto questo sogno quando ho aperto il forum e ho letto "sogni lucidi" perché nel sogno stesso io mi ripetevo questa frase, quasi che volessi imprimerla nella mia memoria "questo è un sogno lucido e io mi occupo delle mie cose", pensando poi che avrei dovuto ricordarmelo la mattina. A un certo punto di questo sogno si è fatto giorno e io ero immersa nella luce del sole, ero contenta di essere lì, però pensavo nel sogno che non potevo rimanere là perché avevo delle cose da fare sulla terra. Questo mi sembra si colleghi con il tema della meditazione, nella parte in cui si dice che l'anima si incarna nelle precise condizioni di tempo e di luogo perché deve sviluppare certe qualità o forze. Nel sogno ero consapevole di appartenere a un mondo diverso e che però avevo un preciso impegno nella realtà.

Ultima cosa che vorrei annotare sono due episodi sincronici accaduti ieri, entrambi mentre mi ero disposta a fare questa meditazione: il gatto ha fatto una cosa che non aveva mai fatto e che non è minimamente sua abitudine, si è avvicinato alla libreria accanto al mio letto e ha messo una zampetta su un libro, tirandolo giù in modo che sporgesse per metà dagli altri libri, si trattava dei vangeli apocrifi.

Un'altra cosa è che ho ricevuto un messaggio di una persona che non sentivo da molto tempo e che non credevo mi avrebbe scritto e che cominciava con "Perché ti scrivo oggi? non lo so, è una forzatura interiore, lo faccio perché in questo momento me lo sono imposto come se fosse la necessità di qualcuno vicino a me". Ho chiesto spiegazioni di questa cosa ma non ne ho ricevute, non so interpretare questa cosa ma ho trovato singolare che quel momento abbia coinciso proprio con la meditazione che mi accingevo a fare. 

a voi com'è andata?


  • Notte, Lamia e Frèyja piace questo

#15 Frèyja

Frèyja

    .L.

  • Utenti
  • 4419 messaggi

Inviato 26 dicembre 2018 - 11:24

Buongiorno a tutti, il lavoro prosegue. Io sto procedendo così: la sera prima di mettermi a dormire scrivo su un diario gli spunti della meditazione così mi restano più impressi, sono quelli nei link postati da Lamia però rielaborati a modo mio e sintetizzati. Stanotte che era quella relativa alla discrezione ho fatto prima due sogni normali di cui non ricordo nulla se non queste tre cose: un orologio senza lancette, una stanza piena di gente (credo in pericolo) e un uomo che era mio fratello e che credo dovesse salvarli (non ho fratelli). Mi sembrava di non aver sognato altro invece mi sono ricordata di aver fatto un sogno lucido in cui mi rendevo conto di essere in un sogno e per questo mi buttavo tranquillamente da un palazzo alto nel cuore della notte, iniziavo a volare e svolazzavo qui e là fra le mie cose, attraversando la materia. A un certo punto provavo a sprofondare in basso, nella terra, ma non riuscivo ad accedere alle stanze inferiori, vedevo solo buio, così riemergevo. Mi sono ricordata di aver fatto questo sogno quando ho aperto il forum e ho letto "sogni lucidi" perché nel sogno stesso io mi ripetevo questa frase, quasi che volessi imprimerla nella mia memoria "questo è un sogno lucido e io mi occupo delle mie cose", pensando poi che avrei dovuto ricordarmelo la mattina. A un certo punto di questo sogno si è fatto giorno e io ero immersa nella luce del sole, ero contenta di essere lì, però pensavo nel sogno che non potevo rimanere là perché avevo delle cose da fare sulla terra. Questo mi sembra si colleghi con il tema della meditazione, nella parte in cui si dice che l'anima si incarna nelle precise condizioni di tempo e di luogo perché deve sviluppare certe qualità o forze. Nel sogno ero consapevole di appartenere a un mondo diverso e che però avevo un preciso impegno nella realtà.
Ultima cosa che vorrei annotare sono due episodi sincronici accaduti ieri, entrambi mentre mi ero disposta a fare questa meditazione: il gatto ha fatto una cosa che non aveva mai fatto e che non è minimamente sua abitudine, si è avvicinato alla libreria accanto al mio letto e ha messo una zampetta su un libro, tirandolo giù in modo che sporgesse per metà dagli altri libri, si trattava dei vangeli apocrifi.
Un'altra cosa è che ho ricevuto un messaggio di una persona che non sentivo da molto tempo e che non credevo mi avrebbe scritto e che cominciava con "Perché ti scrivo oggi? non lo so, è una forzatura interiore, lo faccio perché in questo momento me lo sono imposto come se fosse la necessità di qualcuno vicino a me". Ho chiesto spiegazioni di questa cosa ma non ne ho ricevute, non so interpretare questa cosa ma ho trovato singolare che quel momento abbia coinciso proprio con la meditazione che mi accingevo a fare. 
a voi com'è andata?


Questa notte non ho fatto nessun sogno che possa collegare a quanto scritto nel link, credo.
In breve, in uno dovevo andare ad intervistare figure del clero, cardinali o proprio lo stesso papa. In realtà nel sogno non ci andavo mai, ma trovavo una donna in una stanza. Una donna molto alta che mi sorride. Parliamo di qualcosa che non ricordo e infine mi dice che le piace il mio sguardo, perché è uno sguardo sottile.

Un altro breve scorcio su un sogno con voce narrante che mi spiega alcune cose sull'amore. Vedo, o mi fa vedere, l'immagine di una stella a 5 punte luminosa da cui discendono altre luci. Mi dice che l'amore nato sotto quella stella è buono. Mi accorgo però che dalla stella discende luce solo da un lato, e quindi risulta a metà.
  • Lamia piace questo

#16 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 2733 messaggi

Inviato 26 dicembre 2018 - 11:30

Buongiorno a tutti, il lavoro prosegue. Io sto procedendo così: la sera prima di mettermi a dormire scrivo su un diario gli spunti della meditazione così mi restano più impressi, sono quelli nei link postati da Lamia però rielaborati a modo mio e sintetizzati. Stanotte che era quella relativa alla discrezione ho fatto prima due sogni normali di cui non ricordo nulla se non queste tre cose: un orologio senza lancette, una stanza piena di gente (credo in pericolo) e un uomo che era mio fratello e che credo dovesse salvarli (non ho fratelli). 
(...)

Ultima cosa che vorrei annotare sono due episodi sincronici accaduti ieri, entrambi mentre mi ero disposta a fare questa meditazione: il gatto ha fatto una cosa che non aveva mai fatto e che non è minimamente sua abitudine, si è avvicinato alla libreria accanto al mio letto e ha messo una zampetta su un libro, tirandolo giù in modo che sporgesse per metà dagli altri libri, si trattava dei vangeli apocrifi.

Un'altra cosa è che ho ricevuto un messaggio di una persona che non sentivo da molto tempo e che non credevo mi avrebbe scritto e che cominciava con "Perché ti scrivo oggi? non lo so, è una forzatura interiore, lo faccio perché in questo momento me lo sono imposto come se fosse la necessità di qualcuno vicino a me". Ho chiesto spiegazioni di questa cosa ma non ne ho ricevute, non so interpretare questa cosa ma ho trovato singolare che quel momento abbia coinciso proprio con la meditazione che mi accingevo a fare. 

a voi com'è andata?

 

La Notte di ieri indicava il mese di Febbraio, potrebbero essere segnali che riguardano quel mese.

Per quanto riguarda il messaggio: la persona che te l'ha mandato è una persona che ha avuto un ruolo importante nel tuo karma di questa vita? Ieri era la giornata dell'aquila-anima che dall'alto guarda la sua vita (e le sue vite), il suo destino. 

 

l'orologio senza lancette essendo un mandala potrebbe essere una rappresentazione del sé, indicando l'eterno ed immutabile senza tempo.
la stanza piena di gente e il fratello potrebbero essere letti come parti di te, anche perché se tu noi hai fratelli il 'fratello' potrebbe rappresentare una parte di te oppure una persona che nella vita reale ha delle qualità che per te potrebbero corrispondere all'essere un tuo fratello.

 

 

 

. Mi sembrava di non aver sognato altro invece mi sono ricordata di aver fatto un sogno lucido in cui mi rendevo conto di essere in un sogno e per questo mi buttavo tranquillamente da un palazzo alto nel cuore della notte, iniziavo a volare e svolazzavo qui e là fra le mie cose, attraversando la materia. A un certo punto provavo a sprofondare in basso, nella terra, ma non riuscivo ad accedere alle stanze inferiori, vedevo solo buio, così riemergevo. Mi sono ricordata di aver fatto questo sogno quando ho aperto il forum e ho letto "sogni lucidi" perché nel sogno stesso io mi ripetevo questa frase, quasi che volessi imprimerla nella mia memoria "questo è un sogno lucido e io mi occupo delle mie cose", pensando poi che avrei dovuto ricordarmelo la mattina. A un certo punto di questo sogno si è fatto giorno e io ero immersa nella luce del sole, ero contenta di essere lì, però pensavo nel sogno che non potevo rimanere là perché avevo delle cose da fare sulla terra. Questo mi sembra si colleghi con il tema della meditazione, nella parte in cui si dice che l'anima si incarna nelle precise condizioni di tempo e di luogo perché deve sviluppare certe qualità o forze. Nel sogno ero consapevole di appartenere a un mondo diverso e che però avevo un preciso impegno nella realtà.

 

Io vedo una grossa affinità con il tema di oggi: siamo nella prima delle tre giornate del giglio bianco dove l'anima sa di non poter soffermarsi in alto e di essere tirata verso il basso perché ha peso terreno: scende per iniziare a purificarsi consapevolmente.
La spiritualità ci eleva ma se andiamo troppo in alto perdiamo di vista i nostri compiti terreni di perfezionamento.

 

 

a voi com'è andata?

 

ieri ho avuto un sincronismo molto piacevole: per fare una piccolo dono, qualche giorno fa avevo fatto un disegno di un animale per una mia parente, da consegnarle come regalo di natale dopo il pranzo. l'animale in questione è un uccello tipico di questo periodo, il pettirosso, non avevo ragionato sulla scelta dell'animale da disegnare, l'ho fatto intuitivamente.
quando arrivo a casa di questi parenti, per fare il pranzo di natale e poi consegnare il mio regalo, vedo che ogni posto a tavola ha un suo segnaposto con disegnato una piccola immagine natalizia, tutti diversi, li ha disegnati la figlia della parente in questione. nel mio segnaposto c'è disegnato il pettirosso.
sono andata a vedere la simbologia e molti significati sia positivi che negativi simboleggiano la situazione familiare in cui mi trovo e parti di me che riconosco da poco e altre su cui devo lavorare.
a livello di sogni invece rispetto alla sera ricordo diversi sogni, dove le ambientazioni sono tutte interni case,biblioteche, aule buie con proiettori, aule di scuola.

Il primo sogno che ho fatto è quello ambientato nelle case, dove cambio due case, la prima la trovo improvvisamente piena di donne che cucinano (ero stata io a dire loro di entrare). Vado poi a cercare una seconda casa, vado da un affittacamere: faccio fatica ad entrare nell'edificio, molte persone mi danno indicazioni, entro dal davanti (per poter entrare uno mi apre la porta dall'interno), poi scopro che dovevo entrare da una porta sul retro.
Questo affittacamere è una donna che poi diventa un uomo, ci mettiamo d'accordo per una stanza per me.
Seduto davanti a me, vicino all'affittacamere c'è un gatto che fa delle fusa molto rumorose, di fianco a me c'è un bambino sorridente.
Quando pago l'affittacamere le mie monete e le monete dell'affittacamere si mischiano tra loro: io provo a separarle ma le monete si trasformano in piccole case, piccole statuette. L'affittacamere mi parla dell'edificio in cui siamo dentro, che ha un alto valore ma non riesce a venderlo.

 

 Accetto suggerimenti interpretativi.

Il gatto potrebbe rappresentare il regno astrale e il bambino l'Io.
Il mischiare delle monete potrebbe simboleggiare un mescolamento di due mie parti interne che poi possono aiutarmi a creare o ottenere (casette, statuette).
Anche la frase dell'affittacamere mi fa pensare ad un possibile mio potenziale che ancora non riesco a sfruttare.
 

Nei sogni successivi sono spesso frustrata e/o arrabbiata, non riesco ad ottenere la conoscenza che desidero: le scale della biblioteca per arrivare alla sezione filosofia sono bloccate, in aula di scuola non riesco a seguire la lezione e non riesco a capire. Invece in un'ambientazione, l'aula buia con proiettore, sono con altri studenti e ci viene chiesto da un maestro di andare a dire messa in paesi molti lontani, ubicati in america. Molti alzano le mani entusiaste ma io non la alzo perché i posti mi sembrano molto lontani, inoltre le persone che hanno alzato le mani non mi sembrano all'altezza del compito.

 

 

Il tutto potrebbe significare che a Febbraio potrebbe arrivarmi un'occasione di insegnare invece che acquisire conoscenza, ma che io vorrei rifiutarla per paura di uscire dalla comfort zone (lontananza) e di non essere all'altezza, perdendo l'occasione di sviluppare un lato mio che ha un alto valore ma che non 'riesco a vendere'. Devo lavorare sul governare l'astrale (rappresentato dal gatto nel sogno dell'affittacamere e nella mia frustrazione di allontanarmi dalle stanze) attraverso l'Io sono (il bambino).


Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#17 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 2733 messaggi

Inviato 26 dicembre 2018 - 11:44

Questa notte non ho fatto nessun sogno che possa collegare a quanto scritto nel link, credo.
In breve, in uno dovevo andare ad intervistare figure del clero, cardinali o proprio lo stesso papa. In realtà nel sogno non ci andavo mai, ma trovavo una donna in una stanza. Una donna molto alta che mi sorride. Parliamo di qualcosa che non ricordo e infine mi dice che le piace il mio sguardo, perché è uno sguardo sottile.

Un altro breve scorcio su un sogno con voce narrante che mi spiega alcune cose sull'amore. Vedo, o mi fa vedere, l'immagine di una stella a 5 punte luminosa da cui discendono altre luci. Mi dice che l'amore nato sotto quella stella è buono. Mi accorgo però che dalla stella discende luce solo da un lato, e quindi risulta a metà.

 

dovrebbero essere sogni legati al mese di Febbraio. Forse a Febbraio otterrai conoscenza e comprensione grazie ad un incontro profondo e fruttuoso con il sé (la donna molto alta), invece che ottenerla attraverso gli scritti di maestri esterni, e otterrai una nuova consapevolezza sull'amore.
 

In realtà io ci trovo un collegamento: la giornata di ieri indicava la Discrezione (che indica anche lasciare che ognuno faccia il proprio percorso capendo che ogni percorso è giusto) che se sviluppata dona il Potere Meditativo (che è quello che ti permette di visitare il sè, la donna molto alta).


  • Frèyja piace questo

Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#18 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 7715 messaggi

Inviato 26 dicembre 2018 - 06:24

Aggiorno anche io.

 

24/25

Sincronicità: nulla.

Tranne un cosetta strana la sera del 24 mentre ero a cena dai miei e già dal mattino mi ero messa d'impegno per questo lavoro esoterico: mia nipote che ha sei anni ed è abbastanza selvatica come persona  :sbonk:  ha detto ad un certo punto della cena, nell'orecchio, a tutti gli invitati, che io facevo le magie ed ero una maga (qualcosa del genere). La cosa è sembrata abbastanza strana a tutti, sia per come è lei (non è il suo genere di argomenti), sia perchè non ci azzeccava niente con le circostanze e neanche con me :arg:.

Sogno: tranne alcune immagini che erano chiaramente il defrag degli avvenimenti della giornata appena trascorsa, ho sognato di trovarmi su una piccola barca di legno, insieme ad altre persone, lanciata a tutta velocità sul mare, al tramonto e d'inverno al freddo. La barca sobbalzava sulle onde, io avevo paura di finire in acqua, o che la barca si ribaltasse, però poi pensavo: il guidatore sarà uno scafista esperto, se guida così è perchè saprà cosa fa, devo fidarmi. E tanto so nuotare, al massimo mi congelo per il freddo.

 

Una costante di quella notte era che mi infastidiva l'idea che i sogni e le immagini avessero qualcosa di premonitore, come appunto dicevano il link.

 

 

25/26

Sincronicità: nulla.

Sogni: tre.

Nel primo c'era una mia amica che è stata molto amica mia fino a poco fa, poi il rapporto si è incrinato in breve tempo. Nel sogno mi voleva coinvolgere nel suo percorso di guarigione/risveglio e per convincermi mi faceva una specie di esame clinico per farmi vedere come il mio corpo avesse segni di intossicazione da droga, diciamo. Mi diceva che dovevo vivere in modo sano come lei, bla bla. A me sembrava invadente e non trovavo un modo gentile per dirle di non preoccuparsi per me. Che è quello che è successo nella realtà.

 

Nel secondo sogno c'era Anarko, ciao Anarko :arg:. Dunque, vedevo la sua vita che si svolgeva, a sua insaputa, in un enorme contenitore di vetro che era posizionato di fronte a me, quindi lui viveva, lavoro, famiglia e tutto il resto, senza sapere di essere osservato da me. Non l'avevo voluta io questa roba e non potevo non vedere perchè questo contenitore occupava buona parte del mio orizzonte. La vivevo male questa cosa perchè io sono fissata con la privacy, allora cercavo di farglielo capire con delle battute, tipo lui mangiava dei biscotti a colazione che io vedevo perfettamente, poi lui mi diceva: "ah, oggi ho mangiato i biscotti tal dei tali, li hai mai visti?" E io: "e come no, li ho visti oggi mentre li mangiavi :roll: ", ma lui non coglieva  :rotfl:. Io ero pure abbastanza nervosa perchè era come se non potessi parlare apertamente di questa cosa e nello stesso tempo mi sembrava una condanna, quindi siccome non sapevo con chi prendermela, scleravo con lui.

In un'altra scena parlavamo di un tizio che era stato arrestato perchè aveva messo per gioco della manette alla sua fidanzata per più di 5 minuti e quindi per la legge era scattato il reato di sequestro di persona.

 

Nel terzo sogno vedevo il solaio di casa dei miei che stava crollando, degli operai scalcagnati che cercavano di sistemarlo, in modo pietoso, e io avevo paura che crollasse anche perchè i miei ci appendevano pure un lampadario.

 

Non ci vedo legami con la meditazione per ora.


  • Lamia piace questo

#19 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 2733 messaggi

Inviato 26 dicembre 2018 - 06:47

ho sognato di trovarmi su una piccola barca di legno, insieme ad altre persone, lanciata a tutta velocità sul mare, al tramonto e d'inverno al freddo. La barca sobbalzava sulle onde, io avevo paura di finire in acqua, o che la barca si ribaltasse, però poi pensavo: il guidatore sarà uno scafista esperto, se guida così è perchè saprà cosa fa, devo fidarmi. E tanto so nuotare, al massimo mi congelo per il freddo.

 

Una costante di quella notte era che mi infastidiva l'idea che i sogni e le immagini avessero qualcosa di premonitore, come appunto dicevano il link.

 

 

25/26

Sincronicità: nulla.

Sogni: tre.

Nel primo c'era una mia amica che è stata molto amica mia fino a poco fa, poi il rapporto si è incrinato in breve tempo. Nel sogno mi voleva coinvolgere nel suo percorso di guarigione/risveglio e per convincermi mi faceva una specie di esame clinico per farmi vedere come il mio corpo avesse segni di intossicazione da droga, diciamo. Mi diceva che dovevo vivere in modo sano come lei, bla bla. A me sembrava invadente e non trovavo un modo gentile per dirle di non preoccuparsi per me. Che è quello che è successo nella realtà.

 

Nel secondo sogno c'era Anarko, ciao Anarko :arg:. Dunque, vedevo la sua vita che si svolgeva, a sua insaputa, in un enorme contenitore di vetro che era posizionato di fronte a me, quindi lui viveva, lavoro, famiglia e tutto il resto, senza sapere di essere osservato da me. Non l'avevo voluta io questa roba e non potevo non vedere perchè questo contenitore occupava buona parte del mio orizzonte. La vivevo male questa cosa perchè io sono fissata con la privacy, allora cercavo di farglielo capire con delle battute, tipo lui mangiava dei biscotti a colazione che io vedevo perfettamente, poi lui mi diceva: "ah, oggi ho mangiato i biscotti tal dei tali, li ha mai visti?" E io: "e come no, li ho visti oggi mentre li mangiavi :roll:", ma lui non coglieva  :rotfl:. Io ero pure abbastanza nervosa perchè era come se non potessi parlare apertamente di questa cosa e nello stesso tempo mi sembrava una condanna, quindi siccome non sapevo con chi prendermela, scleravo con lui.

In un'altra scena parlavamo di un tizio che era stato arrestato perchè aveva messo per gioco della manette alla sua fidanzata per più di 5 minuti e quindi per la legge era scattato il reato di sequestro di persona.

 

Nel terzo sogno vedevo il solaio di casa dei miei che stava crolando, degli operai scalcagnati che cercavano di sistemarlo, in modo pietoso, e io avevo paura che crollasse anche perchè i miei ci appendevano pure un lampadario.

 

Non ci vedo legami con la meditazione per ora.

 

Ciao Malia, se posso:

Prima Notte: il primo sogno è collegato con il Coraggio che era la virtù collegata a quella sera:

Tu avevi paura dell'andazzo pericoloso della nave ma ti fai forza decidendo di fidarti sia del guidatore della nave sia di una tua capacità (sai nuotare). Già questo è coraggioso, inoltre metti come possibilità l'idea di congelarti. Riassunto Coraggio significa fidarsi degli altri, di sé stessi ma mettere anche in conto la possibilità di un evento negativo.

 

Seconda Notte: 
La virtù è la Discrezione che implica il capire i limiti esteriori di ogni situazione e di ogni persona. Ogni persona ha il suo destino da seguire e nemmeno i consigli meglio intenzionati le faranno cambiare idea.
Questo è ben rappresentato  nel sogno dove la tua amica (invadente che è il contrario di discreta) vuole forzare un cambiamento che tu non desideri fare, con il risultato che il vostro rapporto si incrina.

 

Il secondo sogno lo vedo collegato all'aquila che vede dall'alto tutta la vita. Nel tuo caso tu vedi la vita di Anarko che si srotola davanti a te. 
Potrebbe essere collegato all'osservazione interna di sé stessi. 
Il terzo sogno ha una simbologia interessante, spesso la casa viene interpretata come il corpo fisico, il solaio potrebbe indicare la mente. Un crollo del solaio di sicuro può preoccupare ma può indicare una maggiore fusione mente-corpo (il solaio non è più separato dal resto della casa), una maggiore comprensione olistica di sé stessi. Ma vacci con le pinze con questa interpretazione, prova a riflettere anche te su cosa ti può fare venire in mente.

 

 

 

Dato che non posso più modificare il post in alto e non posso aggiungerlo alla lista link, vi riporto nuovamente il link con i commenti di Kristina Kaine perché mi aiutano tantissimo ad interpretare il tema di ogni Notte

 

https://giorgiotardi...24-31-dicembre/


  • malia piace questo

Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#20 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 7715 messaggi

Inviato 27 dicembre 2018 - 11:15

Ciao Malia, se posso:

Prima Notte: il primo sogno è collegato con il Coraggio che era la virtù collegata a quella sera:


Seconda Notte: 
La virtù è la Discrezione che implica il capire i limiti esteriori di ogni situazione e di ogni persona. Ogni persona ha il suo destino da seguire e nemmeno i consigli meglio intenzionati le faranno cambiare idea.
Questo è ben rappresentato  nel sogno dove la tua amica (invadente che è il contrario di discreta) vuole forzare un cambiamento che tu non desideri fare, con il risultato che il vostro rapporto si incrina.

 

Il secondo sogno lo vedo collegato all'aquila che vede dall'alto tutta la vita. Nel tuo caso tu vedi la vita di Anarko che si srotola davanti a te. 
Potrebbe essere collegato all'osservazione interna di sé stessi. 

Non avevo notato tutte queste cose. Concordo su tutte e tre. Come ho fatto a non notarle? :shock:

 

Io però mi trovo sfalsata di un giorno rispetto alle vostre analisi. Non che conti molto alla fine per me, perchè mi piace il lavoro a prescindere. Non riesco a capire quando cominciare a contare la prima notte e di conseguenza la prima virtù.

 

Anyway.

 

26/27

Sincronicità per ora nulla, poi semmai aggiorno. Ah, l'amica del sogno ieri si è fatta sentire timidamente, mi ha chiesto se potevamo vederci (come sempre), ho dato tutta la mia disponibilità come sempre,  mi farà bidone come sempre presa da mille impegni?

 

Sogni. Li scrivo subito perchè devo liberare la memoria :arg:.

 

In un sogno c'era una mia zia defunta che badava a suo padre, mio nonno, anche lui ormai defunto; il nonno era in ospedale. Mia madre stava con loro. Anche io stavo male fisicamente per qualcosa. Poi loro decidevano di lasciare l'ospedale e di portare il nonno a casa, e io, a loro insaputa, decidevo di seguirli per stare con loro. Sapevo come entrare in casa, in silenzio e zoppicando perchè avevo una lunga ferita profonda sulla gamba sinistra, dalla coscia alla caviglia, quasi aperta. Ma non mi interessava, volevo stare con loro e quando mi hanno visto arrivare non credevano ai loro occhi.

Ma non è che sto per morire??? :arg: :arg: La stessa zia buonanima, sempre in sogno, nei primi di dicembre, mi aveva detto che non sarei arrivata a Natale; ora ci sono arrivata, vediamo se arrivo a capodanno  :rotfl:.

 

In un altro sogno guidavo una grossa Mercedes, auto di quelle dimensioni non ne ho mai guidate in città, ma mi dicevo: ahò, mica so scema! Ora mi metto qui calmina calmina e ci riuscirò senza fare danni; ed in effetti arrivavo a destinazione integra. Anche l'auto arrivava integra. Arrivavo in una palestra che ho frequentato per tanti anni quando ero giovine; chiedevo al titolare della palestra di farmi un doppione del portachiavi; lui me lo faceva, il costo era di 17 euro, io avevo paura di non avere i soldi ma quando aprivo la borsa ne trovavo tantissimi. Sempre il titolare della palestra mi diceva che forse nel mio borsone era finito per sbaglio il suo accappatotio puzzolente :sbonk:, io controllavo ma non era vero.

Poi mi spostavo e notavo i titolari dell'ultima palestra che ho frequentato; tra le persone che c'erano in giro notavo un bambino piccolo, biondo che parlava come un illuminato; era così piccolo che non si reggeva neanche in piedi ma diceva cose meravigliose; la titolare della palestra mi diceva: Hai visto? E' il piccolo ----nome simile per significato a Buddha-----, fratello minore di quell'altro ---piccolo buddha---. Io ricordavo anche l'altro bambino.

 

Poi, altro sogno. Due scene visualizzate secondo me a ritroso: prima io che dicevo ad una ragazza: "Fai quello che ti senti di fare, secondo i tuoi tempi e le tue energie, non devi dare conto a nessuno di questa cosa". Poi vedevo Lamia, vestita di nero in segno di lutto, vicino a due donne, anche loro vestite di nero, una la madre e una la zia, forse. Lei chiedeva a loro: "Ma per quanto tempo devo ancora portare questo lutto?"

 

Poi, ultimo sogno, fatto dopo aver avuto la sensazione di essere uscita dal corpo, questa mattina, cioè, mi sono forzata per uscire :mrgreen: perchè avevo sentito le condizioni fisiche adatte. Ma alla fine  percepivo distintamente solo la sensazione di paralisi, il resto attorno a me era normale sogno. Una volta uscita, diciamo, rimanevo sul letto in paralisi; la zia buonanima, sempre lei, e un'altra zia si agiravano in camera da letto rumorosamente, aprivano le tapparelle, parlavano ad alta voce, senza preoccuparsi di me che "dormivo". La cosa mi faceva sclerare ma siccome ero paralizzata scleravo dentro di me. Con gli occhi, che erano l'unica cosa che riuscivo a muovere, guardavo verso i miei piedi e vedevo un paesaggio naturale, desertico, con delle alture e in primo piano un tempio sacro, che aveva la stessa forma delle alture in secondo piano. In pratica il popolo che lo aveva eretto considerava sacro quel monte tanto da farci un tempio uguale.

Poi, finita la paralisi, mi alzavo e andavo a sclerare con le mie zie per la loro mancanza di rispetto. :rotfl:

 

 

Poi, questo è un pensiero arrivato nel cuore della notte, relativo ad un sogno di lamia.

 

Il primo sogno che ho fatto è quello ambientato nelle case, dove cambio due case, la prima la trovo improvvisamente piena di donne che cucinano (ero stata io a dire loro di entrare). Vado poi a cercare una seconda casa, vado da un affittacamere: faccio fatica ad entrare nell'edificio, molte persone mi danno indicazioni, entro dal davanti (per poter entrare uno mi apre la porta dall'interno), poi scopro che dovevo entrare da una porta sul retro.
Questo affittacamere è una donna che poi diventa un uomo, ci mettiamo d'accordo per una stanza per me.
Seduto davanti a me, vicino all'affittacamere c'è un gatto che fa delle fusa molto rumorose, di fianco a me c'è un bambino sorridente.
Quando pago l'affittacamere le mie monete e le monete dell'affittacamere si mischiano tra loro: io provo a separarle ma le monete si trasformano in piccole case, piccole statuette. L'affittacamere mi parla dell'edificio in cui siamo dentro, che ha un alto valore ma non riesce a venderlo.

 

 

Appena l'ho letto, l'altro giorno,  ho pensato a diverse scene di twin peaks. Poi, ho pensato stanotte che il sovrapporsi dell'immagine maschile e delle monete,  e le due case, fossero legati ad un aspetto strettamente sessuale riguardante il corpo. Che sinceramente ora mi sembra non azzeccarci niente, ma questa notte mi sembrava avere il giusto senso.


  • Lamia piace questo




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi