Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Considerazioni sull'amicizia


  • Per cortesia connettiti per rispondere
10 risposte a questa discussione

#1 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Utenti
  • 959 messaggi

Inviato 13 novembre 2018 - 02:35

Avevo già scritto riguardo a questo argomento.

 

Voglio solo fare delle semplici domande e magari ragionare su di esse assieme a voi.

 

Che cos'è l'amicizia?

Secondo voi l'amicizia evolve? Matura con il passare degli anni? Cambia in base all'età ed ai vari momenti della vita?

 

Grazie a chi vorrà partecipare.



#2 Rainbow

Rainbow

    Immaginazione al potere.

  • Utenti
  • 22733 messaggi

Inviato 13 novembre 2018 - 02:58

Posso farti anche io una piccola domanda?;-)
Visto che è la seconda volta che apri un topic sull'argomento, come mai questo tema ti affascina così tanto?

#3 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Utenti
  • 959 messaggi

Inviato 13 novembre 2018 - 03:02

Posso farti anche io una piccola domanda?;-)
Visto che è la seconda volta che apri un topic sull'argomento, come mai questo tema ti affascina tanto?

Semplicemente lo trovo un argomento interessante... parlare dei rapporti tra le persone e la loro evoluzione.

Credo sia normale scontrarsi con questi pensieri.


  • Furor piace questo

#4 Rainbow

Rainbow

    Immaginazione al potere.

  • Utenti
  • 22733 messaggi

Inviato 13 novembre 2018 - 03:07

Semplicemente lo trovo un argomento interessante... parlare dei rapporti tra le persone e la loro evoluzione.
Credo sia normale scontrarsi con questi pensieri.

Capisco. :asdsi:
  • Il Decimo piace questo

#5 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Utenti
  • 959 messaggi

Inviato 13 novembre 2018 - 03:09

Capisco. :asdsi:

Comunque nulla di particolare, semplicemente mi piace sapere anche il parere di altre persone e ragionarci su.



#6 zarina

zarina

    Utente Fricchettona

  • Utenti
  • 7352 messaggi

Inviato 13 novembre 2018 - 04:24

Avevo già scritto riguardo a questo argomento.

Voglio solo fare delle semplici domande e magari ragionare su di esse assieme a voi.

Che cos'è l'amicizia?
Secondo voi l'amicizia evolve? Matura con il passare degli anni? Cambia in base all'età ed ai vari momenti della vita?

Grazie a chi vorrà partecipare.



Direi che l'amicizia è una reciproca attenzione. Uno spazio -scelto, preferenziale- per poter sperimentare e scambiare tutte le esperienze emotive che influenzano le nostre giornate : la fiducia, la confidenza, la condivisione, il confronto, e anche la ricerca di approvazione.

E' anche la forma d'amore più libera e slegata dalla sofferenza, per me. A differenza di persone che si amano di sentimento passionale, gli amici si cercano istintivamente per stare bene, per godere di esperienze divertenti, senza tormento.

Penso che con il passare degli anni poi il tempo personale diminuisca e naturalmente si restringa lo spazio di cui parlavo sopra. L'esperienza di crearsi una famiglia, avere dei figli, è totalizzante, e può capitare che coinvolga ogni energia fisica e mentale di chi la vive prendendo il posto delle precedenti, che si ridimensionano davanti a tale intensità, e si trasformano in piacevoli ricordi. Il lavoro e le responsabilità pratiche di ogni giorno, coprono il resto del tempo.

Se c'è motivazione, certo, credo che un'amicizia possa evolversi, riuscire ad adattarsi agli eventi e a resistere ai colpi di assestamento. Mantenersi salda anche senza invadere i percorsi nuovi.
Anche se in età adulta si tende a preferire le conoscenze credo per pigrizia e per facilità. Sono meno impegnative, non richiedono di abbassare le difese né di fare delle scelte e possono portare un comodo scambio di vantaggi.
  • silvya, Furor, purple e 3 altri piace questo

#7 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Utenti
  • 959 messaggi

Inviato 13 novembre 2018 - 04:35

Direi che l'amicizia è una reciproca attenzione. Uno spazio -scelto, preferenziale- per poter sperimentare e scambiare tutte le esperienze emotive che influenzano le nostre giornate : la fiducia, la confidenza, la condivisione, il confronto, e anche la ricerca di approvazione.

E' anche la forma d'amore più libera e slegata dalla sofferenza, per me. A differenza di persone che si amano di sentimento passionale, gli amici si cercano istintivamente per stare bene, per godere di esperienze divertenti, senza tormento.

Penso che con il passare degli anni poi il tempo personale diminuisca e naturalmente si restringa lo spazio di cui parlavo sopra. L'esperienza di crearsi una famiglia, avere dei figli, è totalizzante, e può capitare che coinvolga ogni energia fisica e mentale di chi la vive prendendo il posto delle precedenti, che si ridimensionano davanti a tale intensità, e si trasformano in piacevoli ricordi. Il lavoro e le responsabilità pratiche di ogni giorno, coprono il resto del tempo.

Se c'è motivazione, certo, credo che un'amicizia possa evolversi, riuscire ad adattarsi agli eventi e a resistere ai colpi di assestamento. Mantenersi salda anche senza invadere i percorsi nuovi.
Anche se in età adulta si tende a preferire le conoscenze credo per pigrizia e per facilità. Sono meno impegnative, non richiedono di abbassare le difese né di fare delle scelte e possono portare un comodo scambio di vantaggi.

Personalmente le trovo parole sagge e abbastanza condivisibili.

Non avevo mai pensato al concetto che esprimi alla fine, quello delle conoscenze in età adulta. Interessante.



#8 Yanez

Yanez

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2497 messaggi

Inviato 13 novembre 2018 - 05:01

Direi che l'amicizia è una reciproca attenzione. Uno spazio -scelto, preferenziale- per poter sperimentare e scambiare tutte le esperienze emotive che influenzano le nostre giornate : la fiducia, la confidenza, la condivisione, il confronto, e anche la ricerca di approvazione.

E' anche la forma d'amore più libera e slegata dalla sofferenza, per me. A differenza di persone che si amano di sentimento passionale, gli amici si cercano istintivamente per stare bene, per godere di esperienze divertenti, senza tormento.

 

 

Perfetto.

 

Il resto, dipende da tant cose.


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#9 Owl

Owl

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3337 messaggi

Inviato 22 novembre 2018 - 02:01

certo che cambia

 

le uniche amicizie vere le ho avute nell'infanzia e nella prima adolescenza 

 

la + importante è stata quella che mi ha legato da bambino con mio cugino: quando evavmo 8 anni la sua famiglia si è trasferita in Emilia e da allora ci siamo potuti rivedere sporadicamente e crescendo siamo cambiati al punto che oggi ci capiamo a stento 

 

le altre 2 sono state amicizie con ex compagni di scuola delle elementari-medie: finite le scuole ci siamo persi di vista progressivamente fino a non esserci + visti 

 

oggi sono rimasto del tutto solo e sembra che con l'età adulta le barriere affettive si siano ulteriormente inspessite  



#10 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23413 messaggi

Inviato 25 novembre 2018 - 03:48

L'ho detto in un altro post che l'amicizia è roba per bambini e adolescenti, al tempo t'incazzasti e adesso invece con la descrizione dei tuoi precedenti, sembri dimostrarlo - sappi che non vale solo per te, quindi, ma ch'è una cosa comune a molti: con gli anni ci si perde di vista, la vita porta a ritagliarsi spazi che entrano in conflitto con quelli dedicati alla vecchia "comitiva" come poteva ancora esistere ai tempi di superiori e università, entrano in ballo soggetti che monopolizzano gli spazi vitali, quali il lavoro e la famiglia, che richiedono un'attenzione 24/7.

Le frequentazioni che esulano da questi ambiti, si riducono a conoscenze occasionali con cui passare massimo un paio d'ore ogni tanto, quando capita l'occasione: non hai più né il tempo né la possibilità di costruire rapporti significativi con altre persone, mentre gli individui con cui avevi rapporti più o meno profondi scompaiono uno dopo l'altro, inglobati nel marasma dei loro universi atomici ed esclusivi :asdsi: 

 

Specie se hai una famiglia, poi, la tua sfera affettiva viene praticamente ipotecata da moglie/marito e figli, diventa difficile coltivare un interesse verso altri esseri umani, per fare un'esagerazione voluta, è il classico "ora che s'è trovato una ragazza non lo si vede più in giro" ma applicato su una scala progettuale e di prospettiva, d'impegno, assai più vasto.

 

Con le donne va così: le amiche smettono di esistere nel momento stesso in cui si trovano un uomo, in genere, poi magicamente ricompaiono quando avviene la rottura ma se questa rottura non avviene, e quindi la relazione si evolve in un matrimonio e successivamente un figlio, ciao ciao, non ne han più per nessuno - si trasferiscono in un'altra città, fanno "conoscenza" con altre mamme della zona, e la loro vita sociale si riduce ad un caffè la mattina dopo aver accompagnato i bambini alle elementari.

Gli uomini quando si sposano invece li vedi al massimo il sabato sera, se la moglie li lascia uscire :rotfl: e non si trattengono mai più di tanto, hanno sempre da fare ecc ecc, già per "natura" l'uomo è meno socievole e aperto della donna, la cui apertura d'altro canto è puramente funzionale agli interessi riproduttivi e alla crescita della prole, per cui l'amicizia femminile è più che altro un riflesso psico-emotivo che si palesa in assenza di altri punti di sfogo (fidanzato, marito, prole.) Cioè, nessuno crede nell'amicizia fra donne, su.
Per l'uomo poi la tendenza ad isolarsi nel proprio nucleo familiare deriva da ataviche necessità evolutive e di conservazione della prole dalle minacce esterne, anche magari da parte di altri umani :dunno: 

 

Del resto, pensiamo bene a quand'è che gli altri mammiferi svolgono la maggior parte delle loro attività sociali "gratuite", cioè quando sono cuccioli o giovani ed imparano esplorando il mondo, giocando e confrontandosi con gli altri esemplari della specie, una volta che hanno formato un nucleo parentale e/o sono adulti, poi dipende da specie a specie, tali scambi si interrompono o comunque si assottigliano di molto, in ogni caso smettono di "servire."

Certo, l'essere umano non è un animale (come gli altri), la sua psiche e le maniere di relazionarsi a livello sociale sono più complesse di quelle di un babbuino, ma a livello di media, le tendenze sono quelle.


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#11 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 590 messaggi

Inviato 25 novembre 2018 - 05:04

Che cos'è l'amicizia?


E' quando qualcuno bussa alla tua porta interiore e tu la apri. Ma se la comunicazione si rivela finta allora la porta si richiude automaticamente.
 

Secondo voi l'amicizia evolve?


Tutte le cose nell'universo evolvono, ma quella porta può essere spalancata o chiusa a chiave, c'è poco margine di cambiamento.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi