Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Rompere il ghiaccio


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
521 risposte a questa discussione

#21 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 03 novembre 2018 - 02:04

secondo me parliamo di due cose diverse.

io parlo di quel senso di calore che si prova quando si sta parlando piacevolmente con uno sconosciuto.

il piacere e la sorpresa di avere aperto la nostra porta relazionale in una maniera improvvisa, non pianificata e piacevole.
quando parli con qualcuno che prima non conoscevi e si è a proprio agio si è in un primo livello di intimità...
è una trasformazione.

certo non tutti sono pronti o disponibili per aprirsi in un dato momento con uno sconosciuto o una sconosciuta. questo è un presupposto di base che dobbiamo accogliere in noi con umiltà. ma molte persone invece sono più che disponibili per una breve connessione. c'è da imparare anche questo e imparare a sentire il proprio intuito.

 

ad esempio, io sono appassionata d'arte quindi per attaccare bottone potrei andare in libreria e direzionarmi verso il reparto arte.
vedo qualcuno con in mano un libro di Chagall: sono appena stata alla mostra, mi avvicino e dico 'a me piace molto. mi ricorda il mondo dei miei sogni. sa che c'è una mostra a Mantova?' e poi vedere la reazione, in quel caso modulo il mio comportamento: posso continuare a conversare, parlando di una cosa che mi appassiona, o posso fare un sorriso ed allontanarmi.

...

 

Se questi sono i tuoi presupposti, io e te potremmo incontrarci e col ghiaccio farci una granatina molto piacevole da mangiucchiare insieme.

 

Ma il problema è dare consigli a chi non ha la stessa disposizione, anzi a chi trova difficoltà a fare ciò che a me o a te sembra così naturale, così facile e divertente.

Ti confesso, oltre tutto, che credo di aver perduto un'amica proprio per averle parlato di questo aspetto del mio carattere, ossia della mia esperienza - senza pensarci troppo - quando lei mi ha raccontato della propria meraviglia nel vedere come fosse diversa la cordialità dimostrata dalla gente in un ambiente diverso da quello da lei frequentato abitualmente: credo proprio che l'abbia presa come una mancanza di delicatezza, di sensibilità da parte mia, come se stessi sottolineando una sua insufficienza umana.

 

Nei tempi più recenti, un'amicizia vera e propria è cominciata davanti al banco del fornaio, con un anziano signore napoletano, da una frasetta buttata là sull'historia longobardorum, in risposta a non ricordo più quale osservazione sul pane - non importa chi disse cosa, ma io e Sergio rimanemmo poi a chiacchierare per un'ora sotto al portico di quel negozietto sperso in campagna.


  • Lamia piace questo

Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#22 Moroni

Moroni

    Utente Full

  • Utenti
  • 1328 messaggi

Inviato 03 novembre 2018 - 02:30

se fosse cane abbaia

se fosse gatto miao

se fosse tardi ciao

 

dici questo alla ragazza e farai colpo 



#23 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19093 messaggi

Inviato 04 novembre 2018 - 09:31

..
d'altra parte bisogna imparare a concentrarsi nel LANCIARE LA FRECCIA, non nel correre a vedere se ha colpito qualcosa.


Che tu sia benedetta. :D

Questo è molto bello. È anche molto difficile. Si tratta essenzialmente di lavorare su se stessi. Di vedere gli altri per quel che sono, semplicemente. Senza voler trarre qualcosa da essi, per forza. Perché se si parte da questo, e qua credo che si torni al "bisogna vedere qual che vuoi eh" si avrà questo.

Se lo scopo di volere una interazione con gli altri è guadagnarci qualcosa, a qualsiasi livello, materiale, emotivo, mentale, non tutti sono adatti e soprattutto non tutti hanno la medesima intenzione di donare. Credo che quelli che chiedono siano molti di più di quelli che danno, essenzialmente. Quando basterebbe dare, senza bisogno di ricevere, e si avrebbe molto di più di quello che si spera.

(segue una luuuuunga storiella che volevo raccontare ma viene troooooppo lunga, e forse è fuori argomento, il succo era cambia te stesso e il resto cambia :rotfl:)
  • Lamia piace questo

#24 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 04 novembre 2018 - 12:25

Questo è molto bello. È anche molto difficile. Si tratta essenzialmente di lavorare su se stessi. Di vedere gli altri per quel che sono, semplicemente. Senza voler trarre qualcosa da essi, per forza. Perché se si parte da questo, e qua credo che si torni al "bisogna vedere qual che vuoi eh" si avrà questo.

Se lo scopo di volere una interazione con gli altri è guadagnarci qualcosa, a qualsiasi livello, materiale, emotivo, mentale, non tutti sono adatti e soprattutto non tutti hanno la medesima intenzione di donare. Credo che quelli che chiedono siano molti di più di quelli che danno, essenzialmente. Quando basterebbe dare, senza bisogno di ricevere, e si avrebbe molto di più di quello che si spera.

 

Troppa carne in pentola.

Si parlava specificamnte di un momento di contatto, non di una relazione, un rapporto continuato tra persone.

 

A parte questo, "lavorare su se stessi" è una bella cosa, ma che significa?

E' in atto sempre un "lavoro" su noi stessi: lo facciamo, appunto, noi pensando, parlando, interagendo con gli altri,  lo fa la vita, lo fa il trascorrere del tempo.

Non è che uno, prima di uscire di casa, si mette a fare il traing autogeno, fa un fioretto, una promessa alla madonna, e si appunta un menu in cui elenca quello che dirà e penserà durante la giornata.

 

E poi, che è quest'idea bislacca di un'umanità - rapporti umani - come un mercato, chi dà, chi riceve, chi vende, chi incarta, chi pretende - per cinque euro che pretendi, un diamante?; io sto qui per venedere caciotte, mica per stare a sentire gli affari tuoi; ahò, mo' solo perché te sei comprato un chilo de pere, pretenni che te faccio un soriso?!

 

Se Bro, o un timidone come lui, la vede così, ha ragione ad avere paura di "approcciare" una donna: non tanto nell'immediato, che lei gli dica no, ma la paura che gli dica sì, con quel che segue  :friendly_wink:

 

PS

Per eventuali dubbi, perplessità e illuminazioni sul "lavorare su se stessi" vedere il topic 'Io sono fatto così', per la serie: comunque, a lavorare su se stessi devono sempre essere gli altri.


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#25 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19093 messaggi

Inviato 04 novembre 2018 - 12:45

Troppa carne in pentola? Meno male che ho tagliato l'aneddoto del supermarket. Ahi ahi.

Il rapporto continuato, relazione e blablabla l'avete messo in mezzo voi altri.

Io sono concorde con Lamia. Uscire di casa e imposizione di sorridere. E questo è lavoro su se stessi.
Cazzo fioretti o promesse alla madonna, maddai.

Tu dici che in ogni momento stiamo lavorando su noi stessi? Ma per carità. I tre quarti dell'umanità si lascia scivolare via il tempo, la vita, senza manco accorgersi di essere vivi. A volte ci sono brevi sprazzi di consapevolezza, che ti fanno chiedere: oh capperi, e mò che faccio? Chi sono? Dove vado? Proviamo ad interagire coscientemente col mondo, vediamo se capisco qualcosa, uhmm aspetta, non ho idea di chi io sia, che gli dico a quell'altro che incontro?

Tutto qua.

#26 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 04 novembre 2018 - 09:07

Troppa carne in pentola? Meno male che ho tagliato l'aneddoto del supermarket. Ahi ahi.

Il rapporto continuato, relazione e blablabla l'avete messo in mezzo voi altri.

Io sono concorde con Lamia. Uscire di casa e imposizione di sorridere. E questo è lavoro su se stessi.
Cazzo fioretti o promesse alla madonna, maddai.

Tu dici che in ogni momento stiamo lavorando su noi stessi? Ma per carità. I tre quarti dell'umanità si lascia scivolare via il tempo, la vita, senza manco accorgersi di essere vivi. A volte ci sono brevi sprazzi di consapevolezza, che ti fanno chiedere: oh capperi, e mò che faccio? Chi sono? Dove vado? Proviamo ad interagire coscientemente col mondo, vediamo se capisco qualcosa, uhmm aspetta, non ho idea di chi io sia, che gli dico a quell'altro che incontro?

Tutto qua.

 

Fatto male a tagliare: un aneddoto, in qualunque verso vada, è sempre utile.

 

No, "noi altri" non abbiamo messo in mezzo né relazione, né rapporto continuato: siamo stati ligi al mandato e si è parlato rigorosamnte di ghiaccio, ghiaccioli e granatine.

Ma effettivamnte alcuni termini - concetti, sentimenti, atteggiamnti personali - evocati possano estendersi a un'intera vita, e quindi il tuo equivoco è giustificato - pace e bene, amica Fu, non è che ogni conversazione è un duello, come celiava il nostro comune amico Nehe.

 

Anche io trovo simpatico, e nient'affatto sbagliato, l'invito al sorriso fatto da Lamia. Naturalmente.

Che però io declinerei a modo mio, sotto la specie dell'ironia: ossia, una disposizione all'ironia, che non è esattamnte una letizia tipo quella serafica dei Testimoni di Geova o eroica dei ss martiri che s'incamminano verso il rogo.

Beninteso, sempre parlando di ghiaccio da rompere e di contatti sociali estemporanei, amica Fu.

Dicesi "disposizione all'ironia" la tendenza/facilità a vedere il lato divertente, curioso, leggero delle cose, delle situazioni, dal quale far scaturire il sorriso, che non rimane una virgola fissa sulla faccia, ma diventa parola, battuta da condividere con qualcuno, fosse pure un passante che ha messo i piedi nella pozzanghera, senza vederla, nello stesso momento in cui l'abbiamo messi noi - o, a proposito del supermercato, la signora che mette sullo scivolo della cassa dieci flaconi di acido muriatico, e uno gli chiede se ha ucciso il marito e l'acido le serve per sciogliere il corpo, e la signora si fa una risata e indica giustappunto il marito che le sta elegantemente porgendo l'undicesimo flacone: "No, l'ho messo a pulire il pavimento del terrazzo, semmai prima di farlo fuori aspetto che abbia finito il lavoro".

 

Il fatto è che questa disposizione non viene a comando. O ce l'hai, o non ce l'hai - in genere la gente ce l'ha, chi di più, chi di meno.

Se è scarsa, o assente, credo che non venga "lavorando", cioè rimuginandoci sopra. Viene vivendo, ossia parlando, avendo rapporti con gli altri, lasciando che questo rapporto ci smussi gli angoli, ci sporchi un po' l'anima.

 

Tu dici l'umanità. L'umanità che si lascia scivolare via il tempo.

Sì, hai ragione. Non solo gli altri, anche noi.

Ma proprio a questo serve quella granatina di cui parlavo a Lamia: un accenno, una parola, un piccolo sgambetto alla mente di chi ci passa vicino perso nel suo tempo che scivola via, per richiamare l'attenzione su un dettaglio, per fargli guardare in faccia un altro essere umano, per far fare "a lui" (o lei) un sorriso quasi di sorpresa - come dici tu, "dove vado?", "che è successo?", per accorgersi che la vita è qui, la vita è ora, in quel gesto, in quel posto, in quella pozzanghera in cui siamo caduti insieme come due polli, che ci ricorda quando eravamo ragazzini e le pozzanghere ce le andavamo a cercare per sguazzarci dentro.

 

Qualche volta è la malinconia ha creare i sorrisi.


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#27 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19093 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 08:51

Perché così tante parole, scusa eh.

Magari lo racconto, dopo, l'aneddoto. Guarda caso è ambientato in fila alla cassa di un supermarket. Che è, sincronicitá?

Amica Fu. E disse il corvo, Mai più.

#28 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 11:28

Perché così tante parole, scusa eh.

 

Perché quando sono poche, come in questo tuo post, ne può essere gracchiata qualcuna superflua.


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#29 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19093 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 01:07

Toglietemi tutto, ma non il superfluo.

#30 metallica

metallica

    Metallica

  • Utenti
  • 8452 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 02:10

se fosse cane abbaia
se fosse gatto miao
se fosse tardi ciao

dici questo alla ragazza e farai colpo

ora dico una poesia.

For whom the bell tolls


#31 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23611 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 04:34

L'autore del post intanto ha già rinunciato a rispondere :D

 

Per il resto, ohibò, dipende dall'obbiettivo: già che devi "rompere il ghiaccio" con una donna, significa che non è un'amica, né una conoscente, ma una perfetta estranea che per un motivo o l'altro s'introduce nella tua visuale e tu senti il dovere d'importunarla :asdsi:
La domanda è: perché? Se la cosa non nasce da sé, che bisogno c'è di forzarla? E che senso ha andare ad "allenarsi" infastidendo gente a caso per strada? Non è mica quello il punto! Per questo dicevo che già partendo così si sbaglia a priori.

 

Può essere una donna seduta al bar a cui tu offri da bere, ma in quel caso le tue intenzioni sono più che evidenti, ti basta una media capacità di dialogo e sei a cavallo, un pizzico di sicurezza di te e alla fine qualcosa lo concludi, a furia di provare - intendiamoci, se approcci una tizia in un bar è evidente, per entrambi, che vuoi scopartela, altrimenti a che pro, per fare conversazione...? Ma per quello bastano gli amici, maschi o femmine che siano.

Bah, in verità le amiche bastano anche per una scopata, in teoria, se hai preso accordi in precedenza :arg:

 

Se invece si tratta di una nuova arrivata in un vecchio gruppo di amici, in quel caso non c'è necessariamente una finalità sessuale nell'approccio, però a quel punto il problema di "rompere il ghiaccio" non devi portelo perché hai il sostegno del gruppo di conoscenti attorno e gli argomenti di conversazione sicuramente non mancano in un contesto condiviso e dinamico.

Il resto lo fa la tua personalità, viene tutto da sé e sulla base di ciò si svilupperà il rapporto futuro che avrai con quella persona, che potrà essere un rapporto più o meno distaccato e scadere in un estremo o nell'altro - da un lato la diffidenza e l'incompatibilità reciproca, dall'altro la comunanza di interessi o una relazione individuale al di là del gruppo sociale, con relativa possibilità per una relazione sentimentale se se ne danno i presupposti.

 

Poi boh non so magari vivendo al nord non avete manco idea di cosa sia una pizzata con gli amici o una birra fuori a un bar, però in genere questo tipo di domande quando hai già una certa età son parecchio da sfigati e se volessimo essere cinici, l'unica risposta che si può dare è: va' e fatti onore  :arg:

Se devi chiedere e non sei un adolescente, ti conviene ripartire proprio dalle basi.

Senza cattiveria eh, lo dico per te, se ancora sei fra noi, che non ti venga in mente di prendere troppo sul serio certe argute argomentazioni :asdsi:


  • SiervaMarìa piace questo
 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#32 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Moderatore
  • 1993 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 04:49

Oddio... al nord non si bevono le birre e non si mangiano le pizze... mi è nuova.



#33 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19093 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 04:50

Oddio... al nord non si bevono le birre e non si mangiano le pizze... mi è nuova.


Come non si bevono le birre?
E come fate quando al bar dovete offrire da bere ad una donna col chiaro intento di portarla a letto? :icon_eek:

#34 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23611 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 04:54

Oddio... al nord non si bevono le birre e non si mangiano le pizze... mi è nuova.

 

 

Come non si bevono le birre?
E come fate quando al bar dovete offrire da bere ad una donna col chiaro intento di portarla a letto? :icon_eek:

 

 

Mi riferivo al farlo di ignoranza. Magari mentre si suppone che tu sia lavorando, mollare un po' tutto, farti un'oretta di relax e appaltare le incombenze al primo giovine che incontri :asdsi:

 

Che poi bah la vostra pizza. Lasciamo perdere.

Ho ancora gli incubi a causa di quella piadina insipida spalmata di sugo che presi ad Arezzo, che roba.

Bon dai che Arezzo non è proprio nord nord, ma ci siamo capiti.


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#35 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Moderatore
  • 1993 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 04:56

Come non si bevono le birre?
E come fate quando al bar dovete offrire da bere ad una donna col chiaro intento di portarla a letto? :icon_eek:

Non lo so... devi chiedere a Neh



#36 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23611 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 04:57

Abbiate pazienza.

Voi, esattamente, quando offrite da bere a una squinzia al bar... cos'è che volete farci? La fermate per parlare del nostro signore e salvatore? Boh.

 

Beh Furor è donna, quindi bisogna chiedere con quali intenzioni offre da bere a uno squinzio al bar (?)


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#37 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 05:18

Toglietemi tutto, ma non il superfluo.

 

Appunto: di' al corvo di tenertelo preziosamnte da parte, al massimo condividerlo con le cornacchie, senza sparpagliarlo in giro.


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#38 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 05:24

Abbiate pazienza.

Voi, esattamente, quando offrite da bere a una squinzia al bar... cos'è che volete farci? La fermate per parlare del nostro signore e salvatore? Boh.

 

 

 

Nehe, ma che mi fai?

Da napoletano, ti metti a fare il paninaro meneghino - la birra, la "squinzia" ... la squinzia !!?


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#39 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19093 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 05:25

Dipende. Poi io sto al sud&isole.
Da me si offre da bere continuamente. È rituale. Se tu sei dentro e entra qualcuno, offri. Si chiama Ospitalità.

Rimorchiare al bar? È che è, una puntata di Friends?
Nei miei bar ci sono, in parti variabili, vecchi che giocano a carte, galeotti, spacciatori, galeotti spacciatori e l'unica femmina di solito è dietro il banco. O se è in giro per il locale è o la tipa di qualcuno, o qualcuna che non ha bisogno di farsi offrire da bere visto che frequenta un bar di galeotti.

CristoSignore. Sta cosa del rimorchiare da tanto ventenni. E parlarne fra presunti trentenni e over per me è, boh, dico strano per non dire altro. Pensiero mio eh. Io sono una che gira in mezzo ai galeotti. :D

Cosa c'è di così sbagliato nel provare porcamiseria a fare un semplice sorriso al prossimo, così, aggratis? Poi vi torna la faccia normale, non è un preludio alla paresi. :arg:

#40 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23611 messaggi

Inviato 05 novembre 2018 - 05:29

Nehe, ma che mi fai?

Da napoletano, ti metti a fare il paninaro meneghino - la birra, la "squinzia" ... la squinzia !!?

 

 

Sono cosmopolita, caro Yanez. Non vedo perché limitare il mio vocabolario alla zona campana :asdsi:

 

Dipende. Poi io sto al sud&isole.
Da me si offre da bere continuamente. È rituale. Se tu sei dentro e entra qualcuno, offri. Si chiama Ospitalità.

Rimorchiare al bar? È che è, una puntata di Friends?
Nei miei bar ci sono, in parti variabili, vecchi che giocano a carte, galeotti, spacciatori, galeotti spacciatori e l'unica femmina di solito è dietro il banco. O se è in giro per il locale è o la tipa di qualcuno, o qualcuna che non ha bisogno di farsi offrire da bere visto che frequenta un bar di galeotti.

CristoSignore. Sta cosa del rimorchiare da tanto ventenni. E parlarne fra presunti trentenni e over per me è, boh, dico strano per non dire altro. Pensiero mio eh. Io sono una che gira in mezzo ai galeotti. :D

Cosa c'è di così sbagliato nel provare porcamiseria a fare un semplice sorriso al prossimo, così, aggratis? Poi vi torna la faccia normale, non è un preludio alla paresi. :arg:

 

 

C'è bar e bar.

Certo non rimorchi al bar di Peppino giù al corso, per dire... chiamiamoli anche "locali", nel senso esteso del termine.
Anche a quarant'anni, chi dice non si possano rimorchiare delle ventenni?
A me poi le mie coetanee non è che facciano troppo sangue, le preferisco più giovani, tipo di vent'anni vah, previa esibizione della carta d'identità :asdsi: se poi non c'è di meglio oh beh ci si accontenta o si chiama Natasha :asdsi:


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi