Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Morirò sola


  • Per cortesia connettiti per rispondere
158 risposte a questa discussione

#141 zarina

zarina

    Utente Fricchettona

  • Moderatore
  • 8457 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 08:51

A quanto sembra stiamo scoprendo che per fare il bagno serve l'acqua calda, che però non dev'essere bollente da ustionare..



Non so quanto siano scontate certe norme di buon senso, spirito critico e capacità di discutere 'bene'. Per quel che sento e leggo, ancora troppo poco.

#142 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 09:08

Non so quanto siano scontate certe norme di buon senso, spirito critico e capacità di discutere 'bene'. Per quel che sento e leggo, ancora troppo poco.

 

Ripeto: qualcuno aveva deragliato dal buon senso, dicendo che bisogna essere sinceri come un colabrodo, sbrodolando fuori ogni più più riposto pensiero, necessariamnte, sempre, ineluttabilmente rozzo, indelicato, offensivo?

 

Tra l'altro, è curioso che questo buon senso elementare sia sponsorizzato con tanto ardore proprio da voi che parlate di "opinioni sincere solo su richiesta": qualcuno vi ha chiesto di parlare in nome del buon senso?

 

E comunque, la sincerità vale soltanto quando si risponde a una domanda?


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#143 Frèyja

Frèyja

    .L.

  • Utenti
  • 4649 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 09:21

Ripeto: qualcuno aveva deragliato dal buon senso, dicendo che bisogna essere sinceri come un colabrodo, sbrodolando fuori ogni più più riposto pensiero, necessariamnte, sempre, ineluttabilmente rozzo, indelicato, offensivo?

Tra l'altro, è curioso che questo buon senso elementare sia sponsorizzato con tanto ardore proprio da voi che parlate di "opinioni sincere solo su richiesta": qualcuno vi ha chiesto di parlare in nome del buon senso?

E comunque, la sincerità vale soltanto quando si risponde a una domanda?

Prima di tutto siamo su un forum, un luogo dove è sottinteso che si debba dare la propria opinione in una discussione, anche se non espressamente richiesta. Inoltre il contesto di cui si parlava sono i rapporti interpersonali intimi, e quindi il giudizio su una persona, non su un concetto o un atteggiamento generico, come può essere quello della sincerità a tutti i costi.

E comunque, anche quando una persona ci chiede un'opinione su qualcosa che la riguarda, bisognerebbe essere sempre in grado di capire quanto e come spingersi.
La sincerità può essere espressa in molte forme senza cessare di essere tale.
Arroganza e sadismo possono riguardare anche solo la forma e l'approccio agli altri, anziché il contenuto.
Anzi spesso è proprio così.
  • Asterah, Anarko e zarina piace questo

#144 purple

purple

    festina lente

  • Utenti
  • 2812 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 09:32

Comunque @Owl parlava di sincerità nel mostrare come si è, più che sincerità nel dire agli altri come sono. Almeno credo. Non so se le due cose sono legate e in che modo. O forse intendeva entrambe?



#145 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19093 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 09:34

Scusate ma a me, fra carciofi e cuori aperti che manco in cardiologia, mi sale la preoccupazione per Astera :(
  • goodlie piace questo

#146 zarina

zarina

    Utente Fricchettona

  • Moderatore
  • 8457 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 09:42

Ripeto: qualcuno aveva deragliato dal buon senso, dicendo che bisogna essere sinceri come un colabrodo, sbrodolando fuori ogni più più riposto pensiero, necessariamnte, sempre, ineluttabilmente rozzo, indelicato, offensivo?

Tra l'altro, è curioso che questo buon senso elementare sia sponsorizzato con tanto ardore proprio da voi che parlate di "opinioni sincere solo su richiesta": qualcuno vi ha chiesto di parlare in nome del buon senso?

E comunque, la sincerità vale soltanto quando si risponde a una domanda?


Ma 'voi' chi?

Io ho detto la mia, credo in modo adeguato al contesto 'forum', che in questo caso coincide con i pensieri di freyja, dato che leggo nell'espressione dei suoi concetti quello che credo e cerco di mettere in pratica anche io. Poi l'ardore negli interventi ce lo hai letto te, forse, proprio a proposito di quello che dicevo prima sulle considerazioni che facciamo sugli altri e che riguardano alla fine solo quel che ci vogliamo trovare noi.
  • Frèyja piace questo

#147 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 10:18

Ma 'voi' chi?

Io ho detto la mia, credo in modo adeguato al contesto 'forum', che in questo caso coincide con i pensieri di freyja, dato che leggo nell'espressione dei suoi concetti quello che credo e cerco di mettere in pratica anche io. Poi l'ardore negli interventi ce lo hai letto te, forse, proprio a proposito di quello che dicevo prima sulle considerazioni che facciamo sugli altri e che riguardano alla fine solo quel che ci vogliamo trovare noi.

 

Certo, hai detto la tua.

Che coincide.

"Voi" potrebbe essere anche un "noi", visto che coincide anche con quello che cercxo di mettere in pratica io, come chiunque altro: tu stessa hai detto che si tratta di semplice buon senso, no?

Potrebbe.

 

L'ardore consiste nella convinzione con la quale si insiste nel sottolineare certi aspetti.

 

Quello che "voglio" trovare io non è oggetto di questa, né di altre pubbliche discussioni, anche perché non sarebbe possibile farle con sincerità - nemmeno quella light, gentile, anzi soprattutto quella light gentile.


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#148 zarina

zarina

    Utente Fricchettona

  • Moderatore
  • 8457 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 11:07

Certo, hai detto la tua.
Che coincide.
"Voi" potrebbe essere anche un "noi", visto che coincide anche con quello che cercxo di mettere in pratica io, come chiunque altro: tu stessa hai detto che si tratta di semplice buon senso, no?
Potrebbe.

L'ardore consiste nella convinzione con la quale si insiste nel sottolineare certi aspetti..



Io ho parlato di buon senso. Che poi sia un'operazione semplice quella di metterlo in atto correttamente, non l'ho mai sostenuto. Anzi. Credo proprio che per alcuni sia difficile astenersi dal buttare fuori certe cose sempre e comunque, spesso in modo sproporzionato alla richiesta (se c'è). Come se fosse un modo per definirsi e dire qualcosa di sé, anche attraverso gli altri.
  • Asterah e Nastassja in eternal sleep piace questo

#149 purple

purple

    festina lente

  • Utenti
  • 2812 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 11:11

Scusate ma a me, fra carciofi e cuori aperti che manco in cardiologia, mi sale la preoccupazione per Astera :(

 

In che senso?



#150 Anarko

Anarko

    L'immancabile Luce dello Spirito

  • Utenti
  • 10874 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 12:33

Se ti interessa comunicare in modo utile con chi ti chiede un parere, secondo me la risposta deve riguardare te e i tuoi criteri, nella forma e nel contenuto.

 
In modo "utile".
Potremmo aprirci un topic se sia più utile parlare apertamente o fare attenzione a ciò che si dice mettendosi nei panni dell'altro.
E se a lungo andare non sia controproducente.
In fondo, i panni dell'altro sono dell'altro. Io già indosso i miei.
 
Spoiler

 
Ma non è questo il topic adatto per continuare a parlare dell'acqua calda. :roll:

Scusate ma a me, fra carciofi e cuori aperti che manco in cardiologia, mi sale la preoccupazione per Astera :(


Io credo stia bene, non mi sembrava di leggere particolari richieste d'aiuto.
E' che dopo 3 giorni che ci legge, deve prendersi una pausa di un mese.
  • Asterah piace questo

Non vorrei mai guardarti negli occhi e non vedere più luce.


#151 zarina

zarina

    Utente Fricchettona

  • Moderatore
  • 8457 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 12:52


In modo "utile".
Potremmo aprirci un topic se sia più utile parlare apertamente o fare attenzione a ciò che si dice mettendosi nei panni dell'altro.
E se a lungo andare non sia controproducente.
In fondo, i panni dell'altro sono dell'altro. Io già indosso i miei..



Io ho scritto proprio che invece di mettersi nei panni dell'altro, sarebbe opportuno rimanere nei propri pur rispondendo a una richiesta. E che per fare questo non è necessario mettere in evidenza dettagli negativi. Forse non mi sono espressa bene.

#152 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 22 ottobre 2018 - 01:05

 
In modo "utile".
Potremmo aprirci un topic se sia più utile parlare apertamente o fare attenzione a ciò che si dice mettendosi nei panni dell'altro.
E se a lungo andare non sia controproducente.
In fondo, i panni dell'altro sono dell'altro. Io già indosso i miei.
 
 

 

Dipende anche dall'argomento e dal contesto.

Se si tratta di una discussione tecnica, bisogna parlare apertamente.

Se si tratta di rapporti personali, "l'apertura" è sempre misurata: spesso prevale la sincerità dell'amicizia/affetto su quella del puro contenuto - comunque, con un po' di buona volontà, possono coesistere tutt'e due.

 

Però, come ho già detto, la casistica è infinita, e non deve far perdere di vista il fatto che la sincerità è fondamentalmente positiva, in sè, perché è un'espressione di "verità".


  • Asterah e Anthony Van De Boer piace questo

Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#153 Asterah

Asterah

    Super Utente

  • Utenti
  • 4461 messaggi

Inviato 24 ottobre 2018 - 08:35

Patatini, vi eravate preoccupati per me?  :flu: Sono solo un po' presa da altro, ma ogni tanto vi leggo!

Ho notato che ultimamente nel momento in cui mi "pongo un problema" è praticamente già troppo tardi/inutile perché è già risolto (o mi sono resa conto non fosse davvero tale). Dubbi a scoppio ritardato, starò invecchiando. :asdsi: Per esempio, ero finita a riflettere sull'argomento amicizia proprio mentre stavo iniziando a conoscere tante persone nuove mentre fino al giorno prima non mi importava e non ci pensavo proprio. 

Siamo finiti a parlare di una specie di edulcoramento della verità? Ma neanche, è colpa dell'esempio traviante del "come mi sta questo vestito?". Concordo con chi ha detto che la sincerità vada usata con intelligenza e, soprattutto, quando e se richiesta.
 

In modo "utile".
Potremmo aprirci un topic se sia più utile parlare apertamente o fare attenzione a ciò che si dice mettendosi nei panni dell'altro.
E se a lungo andare non sia controproducente.
In fondo, i panni dell'altro sono dell'altro. Io già indosso i miei.


Il problema è che fin troppo spesso il "mettersi nei panni dell'altro" non è reale, ma la solita proiezione egocentrica (del tipo "IO mi offenderei se mi dicesse una cosa simile -inconsciamente do per scontato sia lo stesso anche per lui- quindi ometto"). Se invece si ha la certezza che si ferirebbe il prossimo... eh. Non è facile. Dipende. Potrebbe fargli bene essere ferito, più del contrario momentaneo? O forse non dovremmo nemmeno arrogarci il diritto di evitare di ferire qualcuno. Non dovrebbero essere affari nostri? È molto difficile. 


  • Anarko piace questo

We'll long live all those lifes

You tell yourselves

You will be allright

 


#154 Moroni

Moroni

    Utente Full

  • Utenti
  • 1328 messaggi

Inviato 24 ottobre 2018 - 09:41

Patatini, vi eravate preoccupati per me?  :flu: Sono solo un po' presa da altro, ma ogni tanto vi leggo!

Ho notato che ultimamente nel momento in cui mi "pongo un problema" è praticamente già troppo tardi/inutile perché è già risolto (o mi sono resa conto non fosse davvero tale). Dubbi a scoppio ritardato, starò invecchiando. :asdsi: Per esempio, ero finita a riflettere sull'argomento amicizia proprio mentre stavo iniziando a conoscere tante persone nuove mentre fino al giorno prima non mi importava e non ci pensavo proprio. 

Siamo finiti a parlare di una specie di edulcoramento della verità? Ma neanche, è colpa dell'esempio traviante del "come mi sta questo vestito?". Concordo con chi ha detto che la sincerità vada usata con intelligenza e, soprattutto, quando e se richiesta.
 


Il problema è che fin troppo spesso il "mettersi nei panni dell'altro" non è reale, ma la solita proiezione egocentrica (del tipo "IO mi offenderei se mi dicesse una cosa simile -inconsciamente do per scontato sia lo stesso anche per lui- quindi ometto"). Se invece si ha la certezza che si ferirebbe il prossimo... eh. Non è facile. Dipende. Potrebbe fargli bene essere ferito, più del contrario momentaneo? O forse non dovremmo nemmeno arrogarci il diritto di evitare di ferire qualcuno. Non dovrebbero essere affari nostri? È molto difficile. 

io per risolvere i miei problemi seguo il consiglio della mia maestra di yoga cioè un respiro e passa tutto a volte è preciso a volte no 



#155 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 25 ottobre 2018 - 05:41

Prima di tutto siamo su un forum, un luogo dove è sottinteso che si debba dare la propria opinione in una discussione, anche se non espressamente richiesta. Inoltre il contesto di cui si parlava sono i rapporti interpersonali intimi, e quindi il giudizio su una persona, non su un concetto o un atteggiamento generico, come può essere quello della sincerità a tutti i costi.

E comunque, anche quando una persona ci chiede un'opinione su qualcosa che la riguarda, bisognerebbe essere sempre in grado di capire quanto e come spingersi.
La sincerità può essere espressa in molte forme senza cessare di essere tale.
Arroganza e sadismo possono riguardare anche solo la forma e l'approccio agli altri, anziché il contenuto.
Anzi spesso è proprio così.

 

Tutto questo che dici è ovvio, e io stesso ho cercato di dirlo in tutti i modi.

 

Contestavo soltanto l'estremizzazione del concetto di sincerità, quando si vuole concentrare ostinatamnte il discorso su la "sincerità a tutti i costi", sadica, esasperata.

Soprattutto tenendo conto del fatto che nessuno aveva tessuto le lodi di una sincerità di questo tipo: io, per esempio, avevo cercato di far capire a Owl (proprio con la delicatezza che tu invochi) che la sua tendenza alla sincerità era positiva, a patto di accompagnarla col senso del limite, il quale nella concreta realtà dei "rapporti interpersonali intimi" prende la forma di una ragionevole, utile, funzionale "ipocrisia".


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#156 Furor

Furor

    Cave Canem

  • Utenti
  • 19093 messaggi

Inviato 25 ottobre 2018 - 06:02

Patatini, vi eravate preoccupati per me? :flu: Sono solo un po' presa da altro, ma ogni tanto vi leggo!


Solo io tesoro. Solo io. Forse anche Anarko. Ma lui di meno :bb:

Sono contenta sia Okkei :flu:
  • Asterah e Anarko piace questo

#157 Moroni

Moroni

    Utente Full

  • Utenti
  • 1328 messaggi

Inviato 25 ottobre 2018 - 10:04

Patatini, vi eravate preoccupati per me?  :flu: Sono solo un po' presa da altro, ma ogni tanto vi leggo!

siamo destini 

emm e sin e sin?

I patatin i patatin po po!



#158 Anarko

Anarko

    L'immancabile Luce dello Spirito

  • Utenti
  • 10874 messaggi

Inviato 25 ottobre 2018 - 11:30

Siamo finiti a parlare di una specie di edulcoramento della verità? Ma neanche, è colpa dell'esempio traviante del "come mi sta questo vestito?". Concordo con chi ha detto che la sincerità vada usata con intelligenza e, soprattutto, quando e se richiesta.

Forse volevi dire: esempio ILLUMINANTE del "come mi sta questo vestito". :asdsi:
 
Premesso che ogni nostra azione dovrebbe essere svolta con intelligenza, credo che qui siamo di fronte ad un classico esempio in cui è la domanda stessa, ossia "è sempre il caso di essere sinceri?", ad essere fuorviante.
Un po' come quando ci si domanda se togliere o no il crocifisso dalle scuole; la domanda giusta sarebbe " c'è un motivo valido per mettere un crocifisso in una scuola?". Il fatto che ora ci siano, dovrebbe essere del tutto irrilevante.
 
Nel nostro caso, dovremmo chiederci "quando bisogna mentire?" o se preferiamo il politicamente corretto "quando è il caso di glissare/non dire tutta la verità/edulcorare?". Il fatto che le convenzioni sociali e il quieto vivere ci portano costantemente ad essere "accomodanti", non vuole dire che questo sia il modo "corretto e normale" di porsi.
 
Quindi ad essere richiesta dovrebbe essere a rigor di logica la "non sincerità".
 
"Uh come mi piace questo vestito, dimmi che mi sta bene!"
"Si, sei bellissima".  (almeno torniamo a casa :roll: )
 

Il problema è che fin troppo spesso il "mettersi nei panni dell'altro" non è reale, ma la solita proiezione egocentrica (del tipo "IO mi offenderei se mi dicesse una cosa simile -inconsciamente do per scontato sia lo stesso anche per lui- quindi ometto"). Se invece si ha la certezza che si ferirebbe il prossimo... eh. Non è facile. Dipende. Potrebbe fargli bene essere ferito, più del contrario momentaneo? O forse non dovremmo nemmeno arrogarci il diritto di evitare di ferire qualcuno. Non dovrebbero essere affari nostri? È molto difficile.

Si, esattamente, è decisamente molto difficile.

Ognuno di noi la può vedere nel modo diverso e nessuno sta nella testa dell'altro.

Lo stesso atteggiamento può essere visto come un pregio o come un difetto.

 

L'unica cosa che è in nostro potere, credo, parlando di rapporti personali "stretti", a cui teniamo, è di cercare di capire e perchè no, di farsi dire dall'altra persona cosa sente, cosa prova quando si trova di fronte a magari cose spiacevoli dette sinceramente. Renderla partecipe del come e perchè in quell'occasione si è ritenuto giusto dirle una morbida bugia o una dura verità.

 

 

Solo io tesoro. Solo io. Forse anche Anarko. Ma lui di meno :bb:

 

Anche io, anche io. :asdsi:

 

Siete sempre al centro delle mie preoccupazioni.


  • Asterah piace questo

Non vorrei mai guardarti negli occhi e non vedere più luce.


#159 Ombra gitana

Ombra gitana

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2996 messaggi

Inviato 25 ottobre 2018 - 11:39

Ho notato che ultimamente nel momento in cui mi "pongo un problema" è praticamente già troppo tardi/inutile perché ...

 

Avrai anche notato che, tutto sommato, saresti più adatta alla parte di chi chi risponde alle domande, più che a quella di farle.


  • Asterah piace questo

Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi