Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Giorni in cui sembra di conoscere tutti?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
8 risposte a questa discussione

#1 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2501 messaggi

Inviato 17 settembre 2018 - 10:58

Mi sembra di ricordare che parlando con altre persone avevo scoperto che è una cosa che succede a molti, ma non ne sono più sicura... Anche a voi capitano delle giornate in cui quasi tutti quelli che incontrate vi sembra di averli già visti da qualche parte? Non parlo ovviamente di quando si gira al paesino o al lavoro dove è probabile che il 99 per cento delle facce siano già viste, ma in posti "nuovi" diciamo, dove è impossibile che ci siano davvero così tanti conoscenti, e quindi alla quarta o quinta persona che guardi e pensi "questo l'ho già visto" poi pensi: "ma che ho oggi? non è possibile che siano davvero tutte facce note qui...". Se vi capita, avete un'idea della possibile spiegazione?
Io ho pensato che sia un momentaneo tilt dell'area cerebrale del riconoscimento facciale (che nel mio caso è già scarsa di suo), magari per stress, però non lo so...
  • Scottchaky piace questo

#2 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 590 messaggi

Inviato 17 settembre 2018 - 11:50

<<<
un momentaneo tilt dell'area cerebrale del riconoscimento facciale
>>>

Ma no, è che in quei momenti ci sentiamo Uno ergo ci riconosciamo dentro, e per il gioco di associazione ci sembra di conoscere tutte le facce, che inconsciamente richiamano archetipi Universali.

#3 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2501 messaggi

Inviato 18 settembre 2018 - 09:57

<<<

un momentaneo tilt dell'area cerebrale del riconoscimento facciale
>>>

Ma no, è che in quei momenti ci sentiamo Uno ergo ci riconosciamo dentro, e per il gioco di associazione ci sembra di conoscere tutte le facce, che inconsciamente richiamano archetipi Universali.

 

 

 

Potrei darti ragione se il tutto fosse accompagnato da una sensazione di tranquillità, e credo che mi sia anche successo nel modo in cui lo intendi tu, in momenti di benessere. Ma altre volte invece la sensazione per me è fastidiosa, come se qualcosa non mi tornasse (ci sono anche quelle giornate in cui in modo generico si è accompagnati dalla sensazione che "qualcosa non torni", che poi credo sia una forma di ansia o straniamento o comunque un segno che qualche pezzo dentro di noi non è al suo posto). Mi ricorda un po' la sensazione dei deja vu, che ho avuto solo da bambina: non mi piacevano perché mi sembrava che ci fosse qualche momentaneo cortocircuito in testa  :icon_confused: .



#4 Guest_cimychan_*

Guest_cimychan_*
  • Ospiti

Inviato 18 settembre 2018 - 11:06

no.

a me capita di riconoscere tipi fisici endemici, soprattutto in zone nelle quali c'è stato poco ricambio genetico, ma suppongo tu dicessi qualcosa di completamente diverso.



#5 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2501 messaggi

Inviato 18 settembre 2018 - 12:08

no.

a me capita di riconoscere tipi fisici endemici, soprattutto in zone nelle quali c'è stato poco ricambio genetico, ma suppongo tu dicessi qualcosa di completamente diverso.

 

Sì, intendo una cosa diversa. Hai presente quando incontri per caso in strada, che ne so, una tipa con cui hai fatto un corso di intarsio con bacchette cinesi per pacchi di natale in decoupage ( insomma qualche breve corso inutile ) senza stringere particolare amicizia mesi o anni fa? Ci sono quei tre - quattro - x - secondi in cui la guardi in viso e il criceto in testa gira a manetta e ti dici "l'ho vista, l'ho già vista, la conosco, ma dove? quando? perché?", E ti viene una sorta di concentrazione automatica finché non ti sovviene l'informazione di chi cavolo è e dove vi eravate conosciute etc.. oppure te lo dice lei chi è e quello sforzo mentale si attenua del tutto. 

Ecco, certi giorni (rarissimi) a me succede di essere in posti al di fuori del mio habitat naturale e ad ogni viso su cui mi soffermo parte quel lavorio mentale conseguente a un lontano riconoscimento della memoria di quel viso. Eppure è improbabilissimo se non impossibile che siano persone davvero presenti nel "catalogo" di quelle con cui si è già interagito, che si conoscono insomma. Chissà se si capisce  :sbonk: .



#6 Guest_cimychan_*

Guest_cimychan_*
  • Ospiti

Inviato 18 settembre 2018 - 12:10

Sì, intendo una cosa diversa. Hai presente quando incontri per caso in strada, che ne so, una tipa con cui hai fatto un corso di intarsio con bacchette cinesi per pacchi di natale in decoupage ( insomma qualche breve corso inutile ) senza stringere particolare amicizia mesi o anni fa? Ci sono quei tre - quattro - x - secondi in cui la guardi in viso e il criceto in testa gira a manetta e ti dici "l'ho vista, l'ho già vista, la conosco, ma dove? quando? perché?", E ti viene una sorta di concentrazione automatica finché non ti sovviene l'informazione di chi cavolo è e dove vi eravate conosciute etc.. oppure te lo dice lei chi è e quello sforzo mentale si attenua del tutto. 

Ecco, certi giorni (rarissimi) a me succede di essere in posti al di fuori del mio habitat naturale e ad ogni viso su cui mi soffermo parte quel lavorio mentale conseguente a un lontano riconoscimento della memoria di quel viso. Eppure è improbabilissimo se non impossibile che siano persone davvero presenti nel "catalogo" di quelle con cui si è già interagito, che si conoscono insomma. Chissà se si capisce  :sbonk: .

ho capito ma non mi è mai successo.

ci sono persone che hanno visi iconici che interpretano benissimo un dato tipo fisico.

tipo anche la bellezza ha una sua iconograficità riconoscibile.

Ma così con gente comune mai successo.



#7 purple

purple

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2501 messaggi

Inviato 18 settembre 2018 - 12:37

ho capito ma non mi è mai successo.

ci sono persone che hanno visi iconici che interpretano benissimo un dato tipo fisico.

tipo anche la bellezza ha una sua iconograficità riconoscibile.

Ma così con gente comune mai successo.

 

È interessante quel che dici, perché in effetti a pensarci un viso molto bello fa scattare qualcosa di molto simile, ma il "riconoscimento"  sembra riguardare un archetipo che è nella mente e non un'esperienza. La corrispondenza del viso con l'archetipo attiva un meccanismo mentale simile a quello che dicevo di persone conosciute, ma al tempo stesso una spinta naturale automatica verso quel "viso" e un vago "desiderio". Questa componente emotiva è invece assente nel meccanismo che intendo io, ci può essere forse una vaga predisposizione emotiva alla "simpatia", perché in genere chi conosciamo ci genera una simpatia o comunque un legame, ma è molto in stand by in quanto la parte emotiva rimane come in sospensione del giudizio in attesa di richiamare l'esperienza, positiva o negativa, di questa persona (sospensione ancora maggiore nel mio caso in quanto l'esperienza è inesistente poi nel database alla fin fine  :dunno: ).



#8 ReDiVivo

ReDiVivo

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 41 messaggi

Inviato 26 dicembre 2018 - 10:47

Puo essere che in sogno tu abbia già visto il vissuto di un momento del futuro ma al mattino lo hai dimenticato rivivendolo tu lo percepisci come una cosa familiare perchè nel tuo subconscio tu hai già interagito con fatti cose e persone  


  • purple piace questo

#9 Il Decimo

Il Decimo

    Signore del Tempo

  • Utenti
  • 959 messaggi

Inviato 28 dicembre 2018 - 07:13

Si, capita... Credo sia solo suggestione... Vedi il primo volto comune e ti sembra di conoscere tutti.
  • purple piace questo




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi