Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Noi esseri siamo Angeli caduti


  • Per cortesia connettiti per rispondere
418 risposte a questa discussione

#21 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 9811 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 10:32

Il nulla non esiste. In questo pianeta terra ci sono tante ingiustizie il motivo è proprio il perché troppe persone sono senza Dio, chi riconosce Dio e lo serve non arriva a dividere o a fare del male. Infatti alla seconda venuta di Gesù Cristo la stragrande maggioranza della popolazione saranno giudicati e faranno la morte seconda, proprio per il motivo che rifiutano Gesù Cristo e Dio.

 

solo nella tua limitata mente e modo di pensare chiusa entro invisibili mura che ti sei costruito attorno.


  • Lexusmavavto piace questo

Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.




#22 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 10:34

Eh ma infatti, io ci parlo con Dio. E mi dice che sta roba del peccato originale è una sciocchezza. E sarebbe ora di smetterla pure. :D

Il peccato della caduta di noi Angeli è stato gravissimo, in quei tempi se non ci staccavamo da Dio oggi non saremmo qui con un corpo materiale dove quasi tutti muoiono di malattia e la vita terrena è piena di ingiustizie, dominano i potenti, con Dio stavamo bene, lo abbiamo abbandonato, ora stiamo subendo quello che è stato il nostro errore ad ascoltare Lucifero. Ma abbiamo la possibilità di ritornare nuovamente con Dio, Gesù Cristo ha sofferto per tutti, basta che noi chiediamo perdono del nostro grande peccato che abbiamo fatto.


  • Lunanerina piace questo

#23 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 9811 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 10:35

Eh ma infatti, io ci parlo con Dio. E mi dice che sta roba del peccato originale è una sciocchezza. E sarebbe ora di smetterla pure. :D

 

il peccato originale è servito per far iniziare TUTTO, senza la conoscenza del bene e del male, l'essere umano sarebbe rimasto fermo, bloccato, congelato in un mondo utopico di esistenza eterna, senza nessuna riflessione, evoluzione e comprensione delle cose, il peccato originale bisogna comprenderlo come non un evento reale, ma un evento pieno di simboli e metafore riguardanti l'animo umano in tutte le sue sfaccettature.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#24 Il Morto

Il Morto

    .

  • Utenti
  • 20677 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 10:44

Chissà cosa ne pensa Iaù
Samsara 1 - Nirvana 0

#25 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5699 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 10:58

il peccato originale è servito per far iniziare TUTTO, senza la conoscenza del bene e del male, l'essere umano sarebbe rimasto fermo, bloccato, congelato in un mondo utopico di esistenza eterna, senza nessuna riflessione, evoluzione e comprensione delle cose, il peccato originale bisogna comprenderlo come non un evento reale, ma un evento pieno di simboli e metafore riguardanti l'animo umano in tutte le sue sfaccettature.


L'essere umano non ha conoscenza del bene e del male. Spesso chi fa del male ritiene sia bene, e viceversa.
Sono concetti così soggettivi che è impossibile farne una regola universale.
Alla luce di ciò, ci sono solo due possibilità.
O l'albero era un fake, nel senso che non avrebbe apportato alcuna conoscenza reale, oppure il bene e il male che rappresenta non sono da considerarsi assoluti, ma soggettivi. Come se l'uomo avendo voluto decidere in piena libertà che cosa fosse bene e che cosa fosse male, abbia creato una moltitudine di idee soggettive e distanti dall'unica verità.
  • skynight e arjanedda piace questo

#26 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 01:19

Ma no! E' tornato/a Pianura... 

:king:

 

L'essere umano non ha conoscenza del bene e del male. Spesso chi fa del male ritiene sia bene, e viceversa.

 

 

Io non credo nell'esistenza del male assoluto in quanto tale, come entità metafisica quasi, ma nella "banalità del male", citando la Arendt: chiunque è in grado di compiere il male, non c'è bisogno di essere dei mostri da film dell'orrore, bastano "pochi piccoli gesti" che si accumulano, piccole credenze che si sedimentano man mano che la linea di ciò ch'è accettabile viene spinta più in là e ad un certo punto ci si trova con le mani sporche di sangue senza sapere nemmeno il perché, o meglio, sapendolo, ma ritenendo di star semplicemente facendo "il proprio dovere" o "ciò ch'è giusto/dovuto."

Dipende poi se s'intende il male "istituzionalizzato" come nei casi del nazismo e dei fondamentalismi nelle teocrazie, o il male individuale, "privato", come quello dei singoli che commettono un atto malvagio qualsiasi nonostante la condanna e punizione della società.


-Flip Flap-


#27 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5699 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 01:40

Ma no! E' tornato/a Pianura...
:king:



Io non credo nell'esistenza del male assoluto in quanto tale, come entità metafisica quasi, ma nella "banalità del male", citando la Arendt: chiunque è in grado di compiere il male, non c'è bisogno di essere dei mostri da film dell'orrore, bastano "pochi piccoli gesti" che si accumulano, piccole credenze che si sedimentano man mano che la linea di ciò ch'è accettabile viene spinta più in là e ad un certo punto ci si trova con le mani sporche di sangue senza sapere nemmeno il perché, o meglio, sapendolo, ma ritenendo di star semplicemente facendo "il proprio dovere" o "ciò ch'è giusto/dovuto."
Dipende poi se s'intende il male "istituzionalizzato" come nei casi del nazismo e dei fondamentalismi nelle teocrazie, o il male individuale, "privato", come quello dei singoli che commettono un atto malvagio qualsiasi nonostante la condanna e punizione della società.

Sicuramente il male ha una componente di banalità. L'accumularsi di azioni e atteggiamenti che spingono in una direzione è il risultato apparente, ma la radice è l'inconsapevolezza, l'ignoranza, il non sapere ciò che realmente si fa e perché lo si fa. È in quest'ottica, credo, che andrebbe letta la Genesi. Il racconto ruota purtroppo attorno al concetto di disobbedienza, ma sarebbe più semplice riportarlo nella sfera della nascita dell'io, del soggetto che decide il bene e il male avendo sé come punto di riferimento, e non l'intera esistenza. In questo senso dare al male una connotazione assoluta è scorretto. In primis per la mancanza di volontà reale nel compierlo (Per me la volontà umana è condizionata dalla natura imperfetta e dunque non realmente tale), e secondo, perché si applica su una parte relativa di ciò che esiste, limitata nel tempo e lo spazio, come del resto lo è l'essere umano.
E questo vale sia per l'individuo che per le istituzioni, essendo anch'esse una piccola parte dell'intero.

#28 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 01:49

Sicuramente il male ha una componente di banalità. L'accumularsi di azioni e atteggiamenti che spingono in una direzione è il risultato apparente, ma la radice è l'inconsapevolezza, l'ignoranza, il non sapere ciò che realmente si fa e perché lo si fa. È in quest'ottica, credo, che andrebbe letta la Genesi. Il racconto ruota purtroppo attorno al concetto di disobbedienza, ma sarebbe più semplice riportarlo nella sfera della nascita dell'io, del soggetto che decide il bene e il male avendo sé come punto di riferimento, e non l'intera esistenza. In questo senso dare al male una connotazione assoluta è scorretto. In primis per la mancanza di volontà reale nel compierlo (Per me la volontà umana è condizionata dalla natura imperfetta e dunque non realmente tale), e secondo, perché si applica su una parte relativa di ciò che esiste, limitata nel tempo e lo spazio, come del resto lo è l'essere umano.
E questo vale sia per l'individuo che per le istituzioni, essendo anch'esse una piccola parte dell'intero.

 

 

Momento momento momento.

Stiamo parlando del male in che prospettiva? Se mi citi la Genesi debbo immaginare che sia un discorso interno all'orizzonte religioso, in quel caso Bene e Male assoluti lo sono eccome, perché è Dio che decide cos'è Bene e cosa no, anche quando la sua parola cozza con l'interpretazione umana del soggetto e della comunità morale.

Se invece parliamo del "male" da un punto di vista laico, non dico ateo, c'è una puntualizzazione da fare sul fatto che il male sia frutto dell'ignoranza (del bene) in senso lato: questa è una concezione occidentale che ci deriva direttamente o quasi dalla filosofia greca, per cui chi compie il male è semplicemente una persona che non conosce il bene, tradizione che riprende anche il cristianesimo con Sant'Agostino, però nella teoria etica moderna il concetto è più complesso di così.


-Flip Flap-


#29 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5699 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 01:56

Momento momento momento.
Stiamo parlando del male in che prospettiva? Se mi citi la Genesi debbo immaginare che sia un discorso interno all'orizzonte religioso, in quel caso Bene e Male assoluti lo sono eccome, perché è Dio che decide cos'è Bene e cosa no, anche quando la sua parola cozza con l'interpretazione umana del soggetto e della comunità morale.
Se invece parliamo del "male" da un punto di vista laico, non dico ateo, c'è una puntualizzazione da fare sul fatto che il male sia frutto dell'ignoranza (del bene) in senso lato: questa è una concezione occidentale che ci deriva direttamente o quasi dalla filosofia greca, per cui chi compie il male è semplicemente una persona che non conosce il bene, tradizione che riprende anche il cristianesimo con Sant'Agostino, però nella teoria etica moderna il concetto è più complesso di così.

Eh beh, avevo precedentemente citato l'albero della conoscenza, per cui davo per scontato che l'argomento fosse improntato alla spiritualità.
Detesto ragionare a compartimenti stagni comunque. Le mie conclusioni sulla Genesi le uso per la comprensione del mondo in cui vivo, laico o meno che sia, perché la mia lettura si riferisce a un fenomeno interno comune a tutti gli esseri umani.

Non leggo il male come ignoranza del bene, ma come ignoranza e basta.
Il risultato dell'ignoranza è il caos interno, da cui possono derivare il bene e il male, sempre visti in un'ottica relativa per i motivi che ho spiegato sopra.

#30 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 02:11

Eh beh, avevo precedentemente citato l'albero della conoscenza, per cui davo per scontato che l'argomento fosse improntato alla spiritualità.
Detesto ragionare a compartimenti stagni comunque. Le mie conclusioni sulla Genesi le uso per la comprensione del mondo in cui vivo, laico o meno che sia, perché la mia lettura si riferisce a un fenomeno interno comune a tutti gli esseri umani.

Non leggo il male come ignoranza del bene, ma come ignoranza e basta.
Il risultato dell'ignoranza è il caos interno, da cui possono derivare il bene e il male, sempre visti in un'ottica relativa per i motivi che ho spiegato sopra.

 

 

Ignoranza di cosa però? Cosa c'è da conoscere e cosa succederebbe se conoscessimo questa cosa?


-Flip Flap-


#31 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5699 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 02:44

Ignoranza di cosa però? Cosa c'è da conoscere e cosa succederebbe se conoscessimo questa cosa?

L'ignoranza è insita nella condizione umana. L'uomo non può conoscere la totalità dell'esistenza e soprattutto non può conoscere né le conseguenze né le cause delle sue azioni su larga scala. Quindi ha una visione per forza di cose ignorante e limitata, circoscritta alla sua soggettività, a ciò che può esperire il suo io.
Se così non fosse tornerebbe ad essere Dio, ma la creazione non ci sarebbe mai stata, non come la conosciamo.

#32 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 02:50

L'ignoranza è insita nella condizione umana. L'uomo non può conoscere la totalità dell'esistenza e soprattutto non può conoscere né le conseguenze né le cause delle sue azioni su larga scala. Quindi ha una visione per forza di cose ignorante e limitata, circoscritta alla sua soggettività, a ciò che può esperire il suo io.
Se così non fosse tornerebbe ad essere Dio, ma la creazione non ci sarebbe mai stata, non come la conosciamo.

 

 

Ma il bene e il male dipendono dalle conseguenze delle azioni, allora? Non dalle intenzioni per cui le si compie?

Sono due concezioni etiche diverse.


-Flip Flap-


#33 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5699 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 03:08

Ma il bene e il male dipendono dalle conseguenze delle azioni, allora? Non dalle intenzioni per cui le si compie?
Sono due concezioni etiche diverse.


Le intenzioni contano il giusto. Anche gli assassini hanno ottime intenzioni, uccidono per il bene (per il loro bene). Nessuno compie il "male" sapendo quel che fa effettivamente in quel preciso momento.

#34 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 03:25

Le intenzioni contano il giusto. Anche gli assassini hanno ottime intenzioni, uccidono per il bene (per il loro bene). Nessuno compie il "male" sapendo quel che fa effettivamente in quel preciso momento.

 

 

Beh, le norme morali esistono proprio per questo, per stabilire cos'è giusto e cos'è sbagliato - il punto fondamentale di una morale è che essa deve regolare i rapporti fra individui, quindi ci si può arrivare da soli che se il risultato di un'azione è unicamente a proprio vantaggio (o, a seconda della concezione etica, se tale azione è compiuta unicamente in vista del proprio vantaggio) e a totale svantaggio dell'altra persona, ciò che si fa è "male.

C'è una linea oltre cui il risultato non è prevedibile, a livello microscopico o nel "quadro generalissimo" e allora lì fa niente, si "pecca di ingenuità" ma tanto vale... ed una entro cui invece è chiaro o almeno evidente: stai uccidendo una persona, la stai privando della vita e non lo stai certo facendo per suo bene o per il bene di qualcun altro, ma per il tuo. Questo è male.

Se poi la tua azione evita, che so, che da quella persona nasca un futuro serial killer (tu non lo sai) è un conto, ma nel momento attuale ciò che fai ha già valore e può già essere giudicato.


-Flip Flap-


#35 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3664 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 03:50

Il nulla non esiste, skynight. Mai sentito parlare di Matrix Divina? ( ti consiglio il libro di Gregg Braden che parla dell'argomento ).
Lo Spirito di Dio è ovunque, dappertutto, come fai a parlare di nulla?

Cristo non è solo vero Dio ma anche vero Uomo. Mi spieghi perché non possiamo comunicare con Lui come figli con il proprio Padre, qual tale Lui è?
Sempre con la dovuta lode ed adorazione ovviamente. Invece di vederLo come un Dio irrangiungibile e a cui dobbiamo avere timore ad avvicinarci? È anche per questo che è sceso tra di noi, per avvicinarsi a noi e mostrarci che Lui non è così lontano come credevamo.
Lui è Padre e Fratello. Perché non possiamo parlare con Lui come facciamo tra noi, tra padri e figli e fratelli che si amano?

@Pianura
La Dudde la conosco 😊Non l'ho ancora letta ( l'ha fatto un po il mio compagno ) ma in questo periodo stiamo leggendo un mistico a lei molto affine, Jacob Lorber, con cui la Dudde si trova in accordo e condivide la stessa fede. Mi pare si conoscessero personalmente. Te lo consiglio vivissimamente, se già non lo conosci. E devo dire che mi ha aperto un nuovo mondo e fatto comprendere moltissime cose che prima non comprendevo. Al momento siamo a circa metà lettura.
Quindi credi nella divinità di Cristo come anche afferma la Dudde?
Mi piacerebbe, se ti va in mp, confrontarmi con te su queste tematiche ☺Ripeto, sempre se ti va, ovviamente ☺
  • skynight piace questo

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#36 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 9811 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 04:41

Il nulla non esiste, skynight. Mai sentito parlare di Matrix Divina? ( ti consiglio il libro di Gregg Braden che parla dell'argomento ).
Lo Spirito di Dio è ovunque, dappertutto, come fai a parlare di nulla?

Cristo non è solo vero Dio ma anche vero Uomo. Mi spieghi perché non possiamo comunicare con Lui come figli con il proprio Padre, qual tale Lui è?
Sempre con la dovuta lode ed adorazione ovviamente. Invece di vederLo come un Dio irrangiungibile e a cui dobbiamo avere timore ad avvicinarci? È anche per questo che è sceso tra di noi, per avvicinarsi a noi e mostrarci che Lui non è così lontano come credevamo.
Lui è Padre e Fratello. Perché non possiamo parlare con Lui come facciamo tra noi, tra padri e figli e fratelli che si amano?

@Pianura
La Dudde la conosco Non l'ho ancora letta ( l'ha fatto un po il mio compagno ) ma in questo periodo stiamo leggendo un mistico a lei molto affine, Jacob Lorber, con cui la Dudde si trova in accordo e condivide la stessa fede. Mi pare si conoscessero personalmente. Te lo consiglio vivissimamente, se già non lo conosci. E devo dire che mi ha aperto un nuovo mondo e fatto comprendere moltissime cose che prima non comprendevo. Al momento siamo a circa metà lettura.
Quindi credi nella divinità di Cristo come anche afferma la Dudde?
Mi piacerebbe, se ti va in mp, confrontarmi con te su queste tematiche ☺Ripeto, sempre se ti va, ovviamente ☺

 

no non ne avevo mai sentito parlare dovrei informarmi, proverò a cercare qualcosa in rete.

 

quello è il Dio manifesto, io invece stavo parlando secondo la cabala ebraica della divinità prima della sua manifestazione, immantinente e sconosciuta originaria, Ein sof.

 

Ein Sof, En Sof o Ayn Sof, nella Cabala ebraica viene concepito come Dio prima della sua auto manifestazione nella produzione di un qualsiasi reame;

 

possiamo comunicare facendoci ascoltare con le preghiere, ma Dio materialmente con la sua immensa potenza divina, se cercasse di risponderci potrebbe causarci uno shock talmente forte da rischiare di ucciderci, forse è per questo che nell'antichità con i profeti suoi prescelti è sempre apparso tramite intercessione dei suoi servitori, gli angeli, come disse un angelo a Mosè nel monte Sinai dove ricevette le tavole dei dieci comandamenti, nessuno può vedermi e vivere, da qui di certo Dio non intendeva faccia a faccia ma come sua manifestazione divina di fronte ai mortali.

 

uhm potrebbe farlo ripensandoci probabilmente grazie alle sue diverse manifestazioni con cui si è avvicinato alle sue creature terrene, avevo dimenticato infatti che uno degli attributi di Dio è l'onnipotenza, per cui niente è impossibile, di certo però nel caso ci comunicasse qualcosa, imho lo farebbe tramite sogni dal linguaggio simbolico, avendo l'accortezza di diminuire la sua potenza divina a livelli accettabili e sopportabili umani, perchè dubito fortemente che con la sua conoscenza infinita, nel caso comunicasse con noi, le nostre piccolissime e limitate menti potrebbero sopportarlo.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#37 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3664 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 04:45

Skynight però il Signore pure ci parla attraverso lo Spirito Santo, il Suo Spirito.

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#38 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 9811 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 05:01

Skynight però il Signore pure ci parla attraverso lo Spirito Santo, il Suo Spirito.

 

uhm l'avevo dimenticato, ecco comunque perchè nella cabala ebraica non viene riportato lo spirito santo come mezzo per comunicare di Dio con i suoi figli mortali.

 

La teologia sullo Spirito Santo si differenzia molto tra le religioni, le confessioni e i movimenti dentro e fuori il mondo cristiano. La religione ebraica e l'islam riconoscono lo Spirito Santo solo come Spirito di Dio. Tra le religioni cristiane, alcune riconoscono lo Spirito Santo come terza persona della Trinità, mentre altre confessioni, dette antitrinitarie, negano questo aspetto.

 

ecco perchè non capivo, come mai nell'insegnamento ebraico e nella cabala mistica l'essere umano non potesse comprendere pienamente la natura divina del creatore.

in questo caso però lo spirito santo essendo identificato nella religione cristiana come una terza persona e non solamente divinità allora è possibile comunicare con essa.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#39 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5699 messaggi

Inviato 09 settembre 2018 - 05:11

Beh, le norme morali esistono proprio per questo, per stabilire cos'è giusto e cos'è sbagliato - il punto fondamentale di una morale è che essa deve regolare i rapporti fra individui, quindi ci si può arrivare da soli che se il risultato di un'azione è unicamente a proprio vantaggio (o, a seconda della concezione etica, se tale azione è compiuta unicamente in vista del proprio vantaggio) e a totale svantaggio dell'altra persona, ciò che si fa è "male.
C'è una linea oltre cui il risultato non è prevedibile, a livello microscopico o nel "quadro generalissimo" e allora lì fa niente, si "pecca di ingenuità" ma tanto vale... ed una entro cui invece è chiaro o almeno evidente: stai uccidendo una persona, la stai privando della vita e non lo stai certo facendo per suo bene o per il bene di qualcun altro, ma per il tuo. Questo è male.
Se poi la tua azione evita, che so, che da quella persona nasca un futuro serial killer (tu non lo sai) è un conto, ma nel momento attuale ciò che fai ha già valore e può già essere giudicato.

Il giudizio è applicabile anche quando il bene e il male sono relativi, e deve essere per forza così in questo contesto. Questo si tradurrà in un giudizio relativo, non per questo inapplicabile.

Si parlava di concetti assoluti.
Un conto è l'aspetto pratico, un altro l'aspetto filosofico e spirituale.

#40 Pianura

Pianura

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 712 messaggi

Inviato 10 settembre 2018 - 06:07

Il nulla non esiste, skynight. Mai sentito parlare di Matrix Divina? ( ti consiglio il libro di Gregg Braden che parla dell'argomento ).
Lo Spirito di Dio è ovunque, dappertutto, come fai a parlare di nulla?

Cristo non è solo vero Dio ma anche vero Uomo. Mi spieghi perché non possiamo comunicare con Lui come figli con il proprio Padre, qual tale Lui è?
Sempre con la dovuta lode ed adorazione ovviamente. Invece di vederLo come un Dio irrangiungibile e a cui dobbiamo avere timore ad avvicinarci? È anche per questo che è sceso tra di noi, per avvicinarsi a noi e mostrarci che Lui non è così lontano come credevamo.
Lui è Padre e Fratello. Perché non possiamo parlare con Lui come facciamo tra noi, tra padri e figli e fratelli che si amano?

@Pianura
La Dudde la conosco Non l'ho ancora letta ( l'ha fatto un po il mio compagno ) ma in questo periodo stiamo leggendo un mistico a lei molto affine, Jacob Lorber, con cui la Dudde si trova in accordo e condivide la stessa fede. Mi pare si conoscessero personalmente. Te lo consiglio vivissimamente, se già non lo conosci. E devo dire che mi ha aperto un nuovo mondo e fatto comprendere moltissime cose che prima non comprendevo. Al momento siamo a circa metà lettura.
Quindi credi nella divinità di Cristo come anche afferma la Dudde?
Mi piacerebbe, se ti va in mp, confrontarmi con te su queste tematiche ☺Ripeto, sempre se ti va, ovviamente ☺

Ho letto diversi messaggi di Jakob Lorber, questo è uno dei miei Blog che avevo aperto:

http://www.ilnostroa...altervista.org/

.......................

Mentre il libro di Bertha Dudde lo condivido pienamente, ed ho letto moltissimi suoi messaggi e lo sto completando come lettura i quali messaggi sono a pari passo delle profezie, e secondo me tutto quello che ha scritto avverrà, questo è un mio Blog di Bertha Dudde:

http://www.lapocalisse.altervista.org/

.......................

Io credo che tutto quello che sono gli scritti di Bertha Dudde avverrà, ed in più i suoi scritti sono importantissimi, spiegano come dobbiamo essere preparati in questi ultimi tempi ed è un nostro bene che siamo preparati, altrimenti se non sappiamo ciò che succede potremmo essere ingannati, perché più ci avviciniamo agli ultimi tempi l'inganno sarà sempre maggiore, infatti tutte le apparizioni della Madonna, non è la vera Madonna che ci appare ma sono gli inganni di Lucifero e servono perché le persone non fanno  il giusto atto della salvezza, Lucifero non vuole che si staccano i suoi Angeli caduti, allora fa di tutto per ingannare, pure gli avvistamenti degli Ufo è un abbaglio che sta facendo Lucifero, infatti gli scritti di Bertha Dudde ci mettono in guardia che non avverranno i contatti degli extra terrestri. Giorgio Bongiovanni dice giusto riguardo alla seconda venuta di Gesù Cristo, ma  ciò che diffonde dei messaggi della Madonna e dei contatti che avverranno degli extra terrestri è ingannato pure lui, probabilmente non ne è cosciente di questo inganno, ma purtroppo troppa molta gente gli crede, mentre la sola verità è quella che siamo ai tempi della seconda venuta di Gesù Cristo, quindi è necessariamente utile leggere il libro di Bertha Dudde se vogliamo salvarci.

.......................

Riguardo ai messaggi privati mi va bene se vuoi che ci comunichiamo, comunque trovi anche le mie email anche sui miei Blog.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi