Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

43 euro per due caffè, e l'acqua.


  • Discussione bloccata Questa discussione è bloccata
217 risposte a questa discussione

#1 Yanez

Yanez

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2360 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 08:48

http://www.repubblic...0-C6-P7-S1.6-T1

 

Venezia torna a far parlare di sé per uno scontrino molto salato: due caffè e due bottigliette d'acqua per un conto da 43 euro, ovvero 10 euro per bottiglietta e 11,50 euro per il caffè. A rilanciare il tema dei prezzi di chi si siede a piazza San Marco è stato un attivista del Movimento 5 Stelle, Juan Carlos Bustamante, già candidato consigliere a Fiano Romano. "Non so che ne pensate voi, ma 43 euro non si può sentire".

... Dalla pubblicazione della foto - spiega Massimo Milanese, direttore del bar Lavena - il telefono ha iniziato a squillare ininterrottamente, e abbiamo ricevuto moltissimi insulti e offese". Un tema, quello dei costi di chi fa una sosta nella piazza più celebre della città, che torna spesso. E il problema è quasi sempre lo stesso: sul menu sono riportati i costi - indubbiamente alti per acqua e caffè - ma chi ordina non li controlla.
Milanese si difende: "
È tutto nella legalità. Se hai la possibilità ti siedi e consumi, altrimenti è possibile prendere anche un caffè al bancone al costo di 1,20 euro". Il bar Lavena non è l'unico bar storico della piazza, ce ne sono tre in totale e tutti hanno gli stessi prezzi.
Per il gestore quindi non c'è niente di anomalo in quello scontino, e non è l'unico a pensarla così. Molti commenti sotto la foto sottolineano l'importanza di leggere i prezzi esposti: "Ma leggere prima di sedersi no? I prezzi in questi posti sono esposti e segnalati bene. È una vita che si parla dei caffè a Venezia"...

 

Si parla sempre, si parla troppo sempre di governo e partiti.

Ma della cosiddetta "società civile", cittadini, commercianti, imprenditori: ne vogliamo parlare?

 

"Cittadini" sono i proprietari di questi bar e ristoranti. Forse.

Cittadini sono i baristi e quelli che lavano le tazzine del caffè.

E cittadini quelli dei bar di periferia, proprietari e baristi.


  • arjanedda e Shory piace questo

Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#2 Furor

Furor

    Guest Mode

  • Utenti
  • 17443 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 10:18

E perché sarebbe in Politica questo 3ad?
  • malia piace questo

#3 Shory

Shory

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 182 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 11:20

E perché sarebbe in Politica questo 3ad?

perche'la politica e'in primis il popolo che fa queste schifezze..... troppo facile dare tutta la colpa solo ai politici........


  • rsorrt piace questo

#4 Furor

Furor

    Guest Mode

  • Utenti
  • 17443 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 11:22

perche'la politica e'in primis il popolo che fa queste schifezze..... troppo facile dare tutta la colpa solo ai politici........


Non ho capito.
  • EleChan piace questo

#5 Shory

Shory

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 182 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 11:23

leggi le ultime righe di yanez che sicuramente si spiega meglio di me e capirai.........



#6 LuxiferMaximus

LuxiferMaximus

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 32 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 11:26

Ma della stupidità di chi si siede sapendo i prezzi?

 

La colpa è di chi ti vende una bottiglietta d'acqua a 10 euro o di chi la compra consapevolmente?

 

Se nessuno compra in quel bar,quel bar sarà obbligato ad abbassare i prezzi.


  • arjanedda e Lunanerina piace questo

#7 Shory

Shory

    Utente Junior Plus

  • Utenti
  • 182 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 11:35

deduco che la clientela saranno in maggior parte dei turisti stranieri.....



#8 Rainbow

Rainbow

    Immaginazione al potere.

  • Utenti
  • 21832 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 11:40

Non ne parliamo, mi fa venire un conto salatissimo ad Amalfi, quando da ragazzina io e i miei ci sedemmo in piazza per bere qualcosa e ne uscì fuori uno sproposito. :asdsi:

#9 Yanez

Yanez

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2360 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 01:04

leggi le ultime righe di yanez che sicuramente si spiega meglio di me e capirai.........

 

Ci fu un tempo, un lungo tempo, nel quale ero convinto - per riscontro immediato ed evidente - di spiegarmi bene.

Poi, a un certo punto, sono diventato improvvisamente stupido.

E' un'espererienza interessante, anche questa.


  • vanny, Spinoza e Shory piace questo

Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#10 metallica

metallica

    Metallica

  • Utenti
  • 7388 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 01:07

La gente va senza guardare quanto costa. Prima di entrare si è obbligati a guardare i prezzi che tutti gli esercenti mettono. Se poi ti lamenti del prezzo cazzi tua dovevi pensarci prima

For whom the bell tolls


#11 Yanez

Yanez

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2360 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 01:14

E perché sarebbe in Politica questo 3ad?

 

Non "sarebbe": è.

 

Dai, ti aiuto: vado a mettere due parole in neretto, quelle che sono la sostanza del discorso, o almeno l'embrione di una risposta alla tua domanda.


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#12 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 6647 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 01:18

perche'la politica e'in primis il popolo che fa queste schifezze..... troppo facile dare tutta la colpa solo ai politici........

la politica è lo specchio dei cittadini e i siccome questi sono, solitamente, avvezzi a fare i furbetti (eppoi si lamentano della politica) allora certo che questo argomento è politica.... ed è anche la base della politica perchè risponde alla domanda del motivo della politica disonesta.

 

Non risolve allora il problema il sanzionare i politici, il mani pulite ecc...

il problema è la base ossia da dove vengono i politici

il problema è la cittadinanza che viene formata nelle scuole e nelle famiglie.

 

Alla base allora c'è un insegnamento scolastico che non forma buoni cittadini (e per buoni intendo anche dotati di amor di patria... non vedo bandiere italiane alle finestre, negli USA invece ognuno ne ha una) e le famiglie che, in buona parte, allevano fancazzisti viziati che vanno in culo alla famiglia stessa e alla società intera accampando poi diritti e pretese.

 

Quanto ai prezzi criminali la colpa non è certo di chi si siede ad un tavolino e ritiene, GIUSTAMENTE, di pagare un sovrapprezzo di pochi euro (meno di 10€ mi aspetterei) e poi si ritrova bottiglie d'acqua a 10€ !!!!

Io farei una multa al locale da fargli passare la voglia di prendere per il culo la gente oltre al rimborso di quei turisti truffati perchè di truffa si tratta con la scusa che "c'era scritto sul cartello dei prezzi".

 

Ma gente onesta che non usa questi mezzi da imbroglioni ce n'è ancora in questo paese allo sfascio ?

Bisogna assolutamente prendere per il culo i turisti dandosi oltretutto la zappa sui piedi ?


  • Shory piace questo

Non avere una meta è comunque una meta, e cercare è di per sé un obiettivo, al di là del contenuto. La vita non ha uno scopo, è solo un viaggio.
[Gao XingJian]


#13 Furor

Furor

    Guest Mode

  • Utenti
  • 17443 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 01:35

http://www.repubblic...0-C6-P7-S1.6-T1

Venezia torna a far parlare di sé per uno scontrino molto salato: due caffè e due bottigliette d'acqua per un conto da 43 euro, ovvero 10 euro per bottiglietta e 11,50 euro per il caffè. A rilanciare il tema dei prezzi di chi si siede a piazza San Marco è stato un attivista del Movimento 5 Stelle, Juan Carlos Bustamante, già candidato consigliere a Fiano Romano. "Non so che ne pensate voi, ma 43 euro non si può sentire".
... Dalla pubblicazione della foto - spiega Massimo Milanese, direttore del bar Lavena - il telefono ha iniziato a squillare ininterrottamente, e abbiamo ricevuto moltissimi insulti e offese". Un tema, quello dei costi di chi fa una sosta nella piazza più celebre della città, che torna spesso. E il problema è quasi sempre lo stesso: sul menu sono riportati i costi - indubbiamente alti per acqua e caffè - ma chi ordina non li controlla.
Milanese si difende: "
È tutto nella legalità. Se hai la possibilità ti siedi e consumi, altrimenti è possibile prendere anche un caffè al bancone al costo di 1,20 euro". Il bar Lavena non è l'unico bar storico della piazza, ce ne sono tre in totale e tutti hanno gli stessi prezzi.
Per il gestore quindi non c'è niente di anomalo in quello scontino, e non è l'unico a pensarla così. Molti commenti sotto la foto sottolineano l'importanza di leggere i prezzi esposti: "Ma leggere prima di sedersi no? I prezzi in questi posti sono esposti e segnalati bene. È una vita che si parla dei caffè a Venezia"...


Si parla sempre, si parla troppo sempre di governo e partiti.
Ma della cosiddetta "società civile", cittadini, commercianti, imprenditori: ne vogliamo parlare?

"Cittadini" sono i proprietari di questi bar e ristoranti. Forse.
Cittadini sono i baristi e quelli che lavano le tazzine del caffè.
E cittadini quelli dei bar di periferia, proprietari e baristi.


In neretto trovo "piazza più celebre della città" e sarò mancante io ma non mi dice niente di politica. Semmai di urbanistica.
Poi in rosso trovo "tutto nella legalità" e vabbè che di politica ci si può parlare infilando quello che ci pare che tanto è un tritacarne, Continuerò a essere mancante, ma mi pare al massimo un discorso finanziario.


E nelle ultime righe del post,

Si parla sempre, si parla troppo sempre di governo e partiti.

***Accenno alla politica.
Ma della cosiddetta "società civile", cittadini, commercianti, imprenditori: ne vogliamo parlare?
**** Sociologia.

"Cittadini" sono i proprietari di questi bar e ristoranti. Forse.
Cittadini sono i baristi e quelli che lavano le tazzine del caffè.
E cittadini quelli dei bar di periferia, proprietari e baristi.

Ancora sociologia. O finanza.


Potevate sprecarvi un attimo di più a farmi capire il punto politico preciso, visto che so leggere gli scritti ma nelle menti ancora mi risulta difficile.

Qualsiasi sia comunque l'impronta che si voglia dare a questo discorso, è chiaro che i prezzi, alti e immotivati che siano, sono esposti.
È come andarsi a mangiare un etto di Patanegra e poi lamentarsi perché d'altronde il San Daniele costa meno.
Questa è cucina, ad esempio. Anche se a lamentarsi fosse un politico qualsiasi.

#14 Nehelamite

Nehelamite

    Fiat Iustitia et pereat Mundus

  • Utenti
  • 21842 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 01:36

Ma per te la politica è parlare di Renzi, Salvini e Di Maio ebbasta?  :icon_confused:

Va beh.

 

Sia quel che sia, se fai pagare un caffè e un coperto più di tre euro (e già mi sbilancio) sei un ladro, senza se e senza ma, così come è un fesso chi li paga.


tumblr_n87fw4H4EV1tdab6go2_500.gif

 
Infandum, regina, iubes renovare dolorem -
Mens immota manet, lachrimae volvuntur inanes.

 


#15 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 6647 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 01:37

In neretto trovo "piazza più celebre della città" e sarò mancante io ma non mi dice niente di politica. Semmai di urbanistica.
Poi in rosso trovo "tutto nella legalità" e vabbè che di politica ci si può parlare infilando quello che ci pare che tanto è un tritacarne, Continuerò a essere mancante, ma mi pare al massimo un discorso finanziario.


E nelle ultime righe del post,

Si parla sempre, si parla troppo sempre di governo e partiti.

***Accenno alla politica.
Ma della cosiddetta "società civile", cittadini, commercianti, imprenditori: ne vogliamo parlare?
**** Sociologia.

"Cittadini" sono i proprietari di questi bar e ristoranti. Forse.
Cittadini sono i baristi e quelli che lavano le tazzine del caffè.
E cittadini quelli dei bar di periferia, proprietari e baristi.

Ancora sociologia. O finanza.


Potevate sprecarvi un attimo di più a farmi capire il punto politico preciso, visto che so leggere gli scritti ma nelle menti ancora mi risulta difficile.

Qualsiasi sia comunque l'impronta che si voglia dare a questo discorso, è chiaro che i prezzi, alti e immotivati che siano, sono esposti.
È come andarsi a mangiare un etto di Patanegra e poi lamentarsi perché d'altronde il San Daniele costa meno.
Questa è cucina, ad esempio. Anche se a lamentarsi fosse un politico qualsiasi.

la gente si lamenta della politica poi fa esattamente, e peggio, di quello di cui si lamenta.

 

Non è il lamentarsi il punto (se io mi lamento che il vino che bevo fa schifo non è certo politica)

ma il punto è che buonissima parte dei cittadini impreca contro la politica e chiede onestà e diritti

eppoi fa di queste porcate... non mi sembra difficile da capire.

 

Il punto (e nella politica si manifesta chiarissimo e lampante), è che gli italiani sono un popolo di furbetti che poi alla fine se lo fanno mettere in c... dalle loro stesse furbatine. Il punto è tutto qui.

Ognuno pensa di tirare l'acqua al suo mulino fottendo il prossimo e poi ci rimane fottuto in primis egli stesso 

perchè la "ruota" gira gira. Non è questo il riassunto della stragrande maggioranza dei dibattiti politici cui tristemente si assiste da non so più quanto ? 

 

Il punto è tutto il "retrobottega" delle menti italiote

e più squallido non può essere e il tutto si riversa poi nella politica... c'è poco da fare.


  • Furor e Yanez piace questo

Non avere una meta è comunque una meta, e cercare è di per sé un obiettivo, al di là del contenuto. La vita non ha uno scopo, è solo un viaggio.
[Gao XingJian]


#16 Furor

Furor

    Guest Mode

  • Utenti
  • 17443 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 01:40

Ma per te la politica è parlare di Renzi, Salvini e Di Maio ebbasta? :icon_confused:


Asco, pure tu.
Ho chiesto perché fosse in Politica.
Bastava spiegarlo, tutto qua, invece di fare tutt'altro. Rssort almeno l'ha fatto, dal suo punto di vista, l'ho visto dopo aver scritto.

E se proprio vuoi saperlo, proprio parlare di Salvini DiMaio Renzi e tutti gli altri per me è quanto di più lontano dall'idea che ho di un discorso politico.

Vabbò. Ciao ragazzi.

#17 Furor

Furor

    Guest Mode

  • Utenti
  • 17443 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 01:41

la gente si lamenta della politica poi fa esattamente, e peggio, di quello di cui si lamenta.

Non è il lamentarsi il punto (se io mi lamento che il vino che bevo fa schifo non è certo politica)
ma il punto è che buonissima parte dei cittadini impreca contro la politica e chiede onestà e diritti
eppoi fa di queste porcate... non mi sembra difficile da capire.

Il punto (che poi nella politica si manifesta chiarissimo), è che gli italiani sono un popolo di furbetti che poi alla fine se lo fanno mettere in c...
dalle loro stesse furbatine. Il punto è tutto qui.


Grazie Rrsort. Ho capito il tuo punto di vista.
  • rsorrt piace questo

#18 Yanez

Yanez

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2360 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 04:14

Ho chiesto perché fosse in Politica.
Bastava spiegarlo, tutto qua, invece di fare tutt'altro. Rssort almeno l'ha fatto, dal suo punto di vista, l'ho visto dopo aver scritto.

E se proprio vuoi saperlo, proprio parlare di Salvini DiMaio Renzi e tutti gli altri per me è quanto di più lontano dall'idea che ho di un discorso politico.

 

 

Però, a quanto sembra anche altri aspetti sono per te lontani dalla politica: una cosa è "sociologia", un'altra "economia", un'altra "urbanistica".

 

La piazza più celebre semmai è cultura o storia, più che urbanistica.

Ma rientra nella politica come "bene comune"  che viene sfruttato a fini economici privatissimi.

E come sfruttamnto a fini economici da parte di soggetti non sempre selezionati con trasparenza: può esserci un problema di corruzione, ma anche di una legalità poco democratica, o privilegiata - le famose rendite di posizione, in questo caso in senso letterale.

 

La differenza di prezzi e tariffe (sfruttamento a fin economici) si riflette - quanto, come - nel puro profitto, o anche nel salario dei dipendenti? O nell'imposizione fiscale?

E quando le cose vanno male, perchè cala il flusso turistico, che succede: anche questi esercizi beneficiano dello "stato di calamità", o come si chiama l'intervento dello Stato? E licenziano i dipendenti, mentre i titolari hanno accumulato qualche milione in banca?

Etc, etc.

 

Non è necessareio entrare nella mente, bastano le parole: a patto di non immaginare subito che siano scritte da uno sprovveduto - anche perché questo è uno di quei favori che possono essere ricambiati facilmente.


  • arjanedda e Spinoza piace questo

Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale


#19 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 7422 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 04:37

Ho guglato il caffè guardando lo scontrino. E' un caffè storico. Non paghi il caffè, paghi l'esperienza di prendere in caffè in un caffè storico in quel preciso posto. E' come entrare in un museo. A me sembra evidente.

 

https://www.lavena.i...architettura-2/

 

Per curiosità, che prezzo sareste disposti a pagare per un caffè (che ovviamente non sarebbe solo il caffè) in un posto così e non gridare allo scandalo?

 

Il proprietario sarà furbetto esattamente nella misura in cui i clienti sono polli. Secondo me.


  • skynight, Lunanerina e EleChan piace questo

#20 Nehelamite

Nehelamite

    Fiat Iustitia et pereat Mundus

  • Utenti
  • 21842 messaggi

Inviato 09 agosto 2018 - 05:52

Un euro e cinquanta, massimo due per il coperto.

Ecco quanto sarei disposto a pagare.

 

2 e 50 con il posacenere e stuzzichini.


tumblr_n87fw4H4EV1tdab6go2_500.gif

 
Infandum, regina, iubes renovare dolorem -
Mens immota manet, lachrimae volvuntur inanes.

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi