Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

assecondare il karma


  • Per cortesia connettiti per rispondere
38 risposte a questa discussione

#21 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1267 messaggi

Inviato 21 luglio 2020 - 10:04

E come riconoscere quindi il karma negativo da riparare?


Qualsiasi cosa che ti fa avvicinare al sistema, e all' "ordine" costituito o matrix e ti allontana dalla tua "scintilla divina", la tua missione sulla Terra in quanto Essere degli infiniti, senza limiti dell'attuale "cultura" e "scienza" piuttosto primitiva e oscura/ oscurantista.
 

Karma significa "azione". Quindi è la sommatoria di tutte le azioni, che determinano poi eventi specifici.


Forse loro intendono il peso, le conseguenze su piano fisico, mentale, astrale, spirituale della parte negativa delle azioni e pensieri di un soggetto.
 

L'azione è frutto del pensiero, a volte estremamente sottile e inafferabile, quindi sarebbe più giusto tradurlo con "impulso", o, per dirla alla Freud, pulsione. Pulire il karma di per sé non significa assolutamente niente. Bisogna pulire la mente, (...)


Sì, ma una volta pulita la mente, le azioni e pensieri del passato restano come "sospesi" nell'universo; non solo come effetto diretto di una causa ma prendono "vita" propria anche come riflesso da ogni cosa e aggregati. Infatti il Cattolicesimo ad esempio -non per caso- insiste sul fatto che la società moderna evita accuratamente insegnamenti e discorsi sul cosiddetto "peccato", come se tutti gli uomini fossero illuminati, perfetti e risvegliati incapaci di generare "demòni". La realtà però è esattamente l'opposto. Niente scompare, in modo autonomo, ed ha il "potere" di incatenarti a livello sottile/ invisibile a meno che quello che viene creato ieri e oggi non viene anche distrutto dal suo autore. Soltanto così si è liberi.

P.S.: Ancora meglio del "controllare" il pensiero è assenza di pensiero.





#22 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 415 messaggi

Inviato 21 luglio 2020 - 11:53

Qualsiasi cosa che ti fa avvicinare al sistema, e all' "ordine" costituito o matrix e ti allontana dalla tua "scintilla divina", la tua missione sulla Terra in quanto Essere degli infiniti, senza limiti dell'attuale "cultura" e "scienza" piuttosto primitiva e oscura/ oscurantista.
 


Forse loro intendono il peso, le conseguenze su piano fisico, mentale, astrale, spirituale della parte negativa delle azioni e pensieri di un soggetto.
 


Sì, ma una volta pulita la mente, le azioni e pensieri del passato restano come "sospesi" nell'universo; non solo come effetto diretto di una causa ma prendono "vita" propria anche come riflesso da ogni cosa e aggregati. Infatti il Cattolicesimo ad esempio -non per caso- insiste sul fatto che la società moderna evita accuratamente insegnamenti e discorsi sul cosiddetto "peccato", come se tutti gli uomini fossero illuminati, perfetti e risvegliati incapaci di generare "demòni". La realtà però è esattamente l'opposto. Niente scompare, in modo autonomo, ed ha il "potere" di incatenarti a livello sottile/ invisibile a meno che quello che viene creato ieri e oggi non viene anche distrutto dal suo autore. Soltanto così si è liberi.

P.S.: Ancora meglio del "controllare" il pensiero è assenza di pensiero.

tu per esempio sei posseduto dal demonio visto che hai un avatar con un robot :p


  • G.a.b.r.i.e.l piace questo

#23 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1267 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 12:41

tu per esempio sei posseduto dal demonio visto che hai un avatar con un robot :p


Tecnicamente l'uomo è un robot, un robot biologico fatto di cellule.

Solo che è un robot particolare.

A differenza di tutti gli altri robot, è autoprogrammabile. Sei tu a scrivere i tuoi software mentali.

E' quanto volgarmente viene detto coscienza ("superiore").

Il programma mentale migliore è quello che disattiva se stesso cioè la mente.

Scrivere un tale programma, i mistici lo chiamano trasmutazione interiore (illusione che diventa realtà).

#24 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 415 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 12:52

Tecnicamente l'uomo è un robot, un robot biologico fatto di cellule.

Solo che è un robot particolare.

A differenza di tutti gli altri robot, è autoprogrammabile. Sei tu a scrivere i tuoi software mentali.

E' quanto volgarmente viene detto coscienza ("superiore").

Il programma mentale migliore è quello che disattiva se stesso cioè la mente.

Scrivere un tale programma, i mistici lo chiamano trasmutazione interiore (illusione che diventa realtà).

la trasformazione non è una cosa che richiede tecnica particolare

non devi far niente non devi far movimenti con le emozioni

devi cantare e basta

canta, intona un brano, musica, suona uno strumento musicale

non ci vuole filosofia o altro



#25 dodecaedra

dodecaedra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 4541 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 03:13

la trasformazione non è una cosa che richiede tecnica particolare
non devi far niente non devi far movimenti con le emozioni
devi cantare e basta
canta, intona un brano, musica, suona uno strumento musicale
non ci vuole filosofia o altro

Oppure medita... su quello che ti viene detto.

#26 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5462 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 06:43

Qualsiasi cosa che ti fa avvicinare al sistema, e all' "ordine" costituito o matrix e ti allontana dalla tua "scintilla divina", la tua missione sulla Terra in quanto Essere degli infiniti, senza limiti dell'attuale "cultura" e "scienza" piuttosto primitiva e oscura/ oscurantista.
 

Forse loro intendono il peso, le conseguenze su piano fisico, mentale, astrale, spirituale della parte negativa delle azioni e pensieri di un soggetto.
 

Sì, ma una volta pulita la mente, le azioni e pensieri del passato restano come "sospesi" nell'universo; non solo come effetto diretto di una causa ma prendono "vita" propria anche come riflesso da ogni cosa e aggregati. Infatti il Cattolicesimo ad esempio -non per caso- insiste sul fatto che la società moderna evita accuratamente insegnamenti e discorsi sul cosiddetto "peccato", come se tutti gli uomini fossero illuminati, perfetti e risvegliati incapaci di generare "demòni". La realtà però è esattamente l'opposto. Niente scompare, in modo autonomo, ed ha il "potere" di incatenarti a livello sottile/ invisibile a meno che quello che viene creato ieri e oggi non viene anche distrutto dal suo autore. Soltanto così si è liberi.
P.S.: Ancora meglio del "controllare" il pensiero è assenza di pensiero.


Ma infatti mica scompaiono in maniera autonoma.
Il discorso è un tantino più complesso del vuoto mentale, tant'è che ho parlato di impulsi. Se ci si limita a controllare il pensiero di superficie, o il dialogo interiore, non è sufficiente. È già molto ma non basta a evitare di attrarre, per "simpatia", eventi o persone che facciano da specchio alle proprie contraddizioni interne e inconsce.
Ma proprio perché ogni cosa riproduce la condizione interna, affinare la percezione fino a raggiungere le radici profonde dei propri disagi può mettere fine alla loro messa in scena esteriore, perché si contemplano direttamente. L'osservazione degli impulsi sottili non è per niente facile, comunque. Siamo strutturati per averli automaticamente senza poterli né controllare, né disciplinare, né trasformare.
Esotericamente si mira sempre a creare una forza interna in grado di contrastarli, e sovrastarli. Una persona normale è priva di questa forza. Si inizia a produrla con l'osservazione. Si rafforza con la percezione sottile, e si impara così a manovrare il proprio mondo interiore.
Attraverso questa forza si impara anche ad accettare, eventualmente, eventi inevitabili.

#27 Triplo

Triplo

    Stella del Mattino

  • Utenti
  • 20069 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 07:17

e si impara così a manovrare il proprio mondo interiore

 

questa frase mi ha fatto contemplare per un istante una specie di abisso interiore, ovvero quello che siamo nella nostra totalità "osservato".

 

è durato poco ma è stato molto interessante.

grazie


  • Frèyja piace questo
Samsara 1 - Nirvana 0

#28 annodava mele

annodava mele

    Utente Senior

  • Utenti
  • 360 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 08:57

 

 

Karma significa "azione". Quindi è la sommatoria di tutte le azioni, che determinano poi eventi specifici.
L'azione è frutto del pensiero, a volte estremamente sottile e inafferabile, quindi sarebbe più giusto tradurlo con "impulso", o, per dirla alla Freud, pulsione. Pulire il karma di per sé non significa assolutamente niente. Bisogna pulire la mente, assumere una posizione di dominio rispetto agli impulsi.

si certo condivido questo ragionamento ma non al 100X100

 

 

L'azione è frutto del pensiero,
quindi sarebbe più giusto tradurlo con "impulso",

qui entrano in campo le ossessioni.. è pur vero che chi sono persone molto impulsive perche hanno perso i freni inibitori...io in famiglia ho avuto persone impulsive da far paura...partivano con una idea di fare una cosa senza pensare a cosa poteva portare poi quell azioni in futuro...i futuri effetti...se provavi ad ostacolarle ti urlavano in faccia e ti facevano minacce velate o possibili ritorsioni o ripicche

 

 

Pulire il karma di per sé non significa assolutamente niente. Bisogna pulire la mente, assumere una posizione di dominio rispetto agli impulsi.

per me sono cose molto simili, pulire il karma ti permette al l ambiente esterno in tutte le cose che fai ti risponda in maniera piu positiva possibile...significa armonizzarci con l ambiente che ci circonda...pulire le mente ci libera dal combinare continui casini...se siamo governati da pulsioni o ossessioni facciamo delle azioni che poi in futuro comporteranno problemi....ho dovuto combattere mio fratello per 25 anni con questo problema......ma non tutti siamo uguali...difronte a queste pulsioni alcuni riescono a limitare i danni non seguendo al 100X100 cio che la mente ci dice di fare, mentre altre persona come mio fratello era totalmente a balia di queste pulsioni.

io ad esempio ho da 20 anni una passione per il gioco cominciata nel 1998...al inizio diventava una droga, ma al tempo quando lo facevo  una parte dello stipendio lo spendevo li...ma perdendo non sono mai andato in banca a giocarmi tutti i risparmi....facendo molta fatica governando a fatica l impulso di farlo... non mi sono rovinato.... non ho chiesto l aiuto ai  giocatori anonimi.....oggi controllo perfettamente il gioco...gioco sono 4- 5 volte all anno...quindi come vedete ci sono persone che riescono a controllare se pur a fatica gli impulsi...altri invece proprio no. :icon_confused:


Immagine inserita

#29 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5462 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 09:52

Nel tuo caso dovresti capire che tipo di condizione interna ti porta a desiderare di giocare. Quali mancanze o eccessi ci siano. Probabilmente è una questione familiare, cioè condivisa da più membri.
Tu magari (ipotizzo) sei in grado di reprimerlo maggiormente, contrastarlo con una certa razionalità. Quando ho parlato di dominio però non intendevo questo, non significa reprimere, ma controllarne totalmente l'espressione. Questo vuol dire che si può decidere in totale libertà di agire secondo l'impulso oppure renderlo completamente silenzioso, senza che nulla di tutto ciò si ripercuota interiormente dando luogo a una vasta gamma di emozioni.
Ovviamente ci vuole una certa dose di saggezza e capacità discriminatoria. Tutte cose che si acquisiscono col tempo.

#30 annodava mele

annodava mele

    Utente Senior

  • Utenti
  • 360 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 10:24

 

 

Probabilmente è una questione familiare, cioè condivisa da più membri.

no.. ci sono solo io con l interesse del gioco non ci sono altri in famiglia.

 

 

Nel tuo caso dovresti capire che tipo di condizione interna ti porta a desiderare di giocare

te lo spiego.....intanto facciamo distinzioni nette...    io non sono affatto un giocatore provetto che si basa sulla fortuna nel riuscire.... se fosse cosi allora sarebbe una follia nel credere che prima o poi la fortuna verra dalla mia parte...io mi interesso di lotto...scrivo nei forum dedicati e sono un sistemista puro...lo so perfettamente che ci sono tantissimi detrattori che non credono a queste cose...ma suddetti detrattori danno opinioni basate sul NULLA O SUL SENTITO DIRE... io mi baso sui miei 20 anni di studi ed osservazioni perche i numeri hanno un comportamento ripetitivo....che puo diventare quasi prevedibile aumentando le tue probabilita di successo....quindi nel mio caso la fortuna al gioco ha un dosaggio molto minore con numeri calcolati rispetto a chi gioca numeri a caso dove invece la fortuna in quel caso deve avere il dosaggio maggiore.....poi i primi 12-15 anni ho capito che avevo un approccio sbagliato e quindi perdevo.

oggi da 4 anni ho cambiato approccio e sto ultimando una strategia vincente che sto provando e riprovando senza giocare finche mi saro reso conto di avere raggiunto quasi la perfezione... :smug: . 


Immagine inserita

#31 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 5462 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 12:04

Vabbè, non mi sembra il caso di approfondire ulteriormente, visto che sembra una sorta di passatempo, da come lo dici.
E nemmeno di andare troppo sul personale. Quel che ho scritto si basa sulla mia esperienza, spero possa essere utile ad altri.

#32 annodava mele

annodava mele

    Utente Senior

  • Utenti
  • 360 messaggi

Inviato 22 luglio 2020 - 02:30

 

 

Tu magari (ipotizzo) sei in grado di reprimerlo maggiormente, contrastarlo con una certa razionalità. Quando ho parlato di dominio però non intendevo questo, non significa reprimere, ma controllarne totalmente l'espressione. Questo vuol dire che si può decidere in totale libertà di agire secondo l'impulso oppure renderlo completamente silenzioso, senza che nulla di tutto ciò si ripercuota interiormente dando luogo a una vasta gamma di emozioni.
Ovviamente ci vuole una certa dose di saggezza e capacità discriminatoria. Tutte cose che si acquisiscono col tempo.            

gira e rigira si ritorna sempre li... i comportamenti di mio fratello erano generati dalle ossessioni...finche non arriviamo a capire da cosa sono generate le ossessioni possiamo parlarne per ore

 

 

Ovviamente ci vuole una certa dose di saggezza e capacità discriminatoria.

appunto, quanto la mente è disturbata questa saggezza viene a mancare

 

 

Tutte cose che si acquisiscono col tempo. 

in casi normali si.... mio fratello è stato ossesionato dal divertimento ad ogni costo sperperando soldi al dila di ogni limite...ora non lo è piu le ossessioni per qualche motivo sono cessate. :icon_smile:


Immagine inserita

#33 byrus

byrus

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 745 messaggi

Inviato 23 luglio 2020 - 08:41

Qualsiasi cosa che ti fa avvicinare al sistema, e all' "ordine" costituito o matrix e ti allontana dalla tua "scintilla divina", la tua missione sulla Terra in quanto Essere degli infiniti, senza limiti dell'attuale "cultura" e "scienza" piuttosto primitiva e oscura/ oscurantista.

E quindi la domanda seguente è: come conoscere la propria missione sulla Terra?

 

- - - - - - - - - - - - -

 

Comunque si leggono già diversi punti di vista riguardo la faccenda del karma, ne prendo nota e, come il solito, cercherò di usare il mio buon senso. Spunti interessanti ce ne sono.



#34 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1267 messaggi

Inviato 23 luglio 2020 - 09:43

E quindi la domanda seguente è: come conoscere la propria missione sulla Terra?


E' scritto nella Parola.

"Voi sapete che quando eravate pagani eravate trascinati dietro agli idoli muti secondo come vi si conduceva."

Questi idoli muti sono dottrine e ideologie create dal mondo e adorate da quelli del mondo.

"Vi è varietà di operazioni, ma non vi è che un medesimo Dio, il quale opera tutte le cose in tutti."

Qui dice che nessuno è superiore ma siamo tutti diversi, come da progetto.

"Ora a ciascuno è data la manifestazione dello Spirito per il bene comune. Infatti, a uno è data, mediante lo Spirito, parola di sapienza; a un altro parola di conoscenza, secondo il medesimo Spirito; a un altro, fede, mediante il medesimo Spirito; a un altro, doni di guarigione, per mezzo del medesimo Spirito; a un altro, potenza di operare miracoli; a un altro, profezia; a un altro, il discernimento degli spiriti; a un altro, diversità di lingue e a un altro, l'interpretazione delle lingue; ma tutte queste cose le opera quell'unico e medesimo Spirito, distribuendo i doni a ciascuno in particolare come vuole."

Come scoprire la tua missione? E' quello che sai fare meglio.

"Poiché, come il corpo è uno e ha molte membra, e tutte le membra del corpo, benché siano molte, formano un solo corpo, così è anche di Cristo. Infatti noi tutti siamo stati battezzati in un unico Spirito per formare un unico corpo, Giudei e Greci, schiavi e liberi; e tutti siamo stati abbeverati di un solo Spirito."

Aggiungo che uomini giusti di tutte le grandi religioni rivelate sono stati abbeverati di un solo Spirito.

"Infatti il corpo non si compone di un membro solo, ma di molte membra. Se il piede dicesse: «Siccome io non sono mano, non sono del corpo», non per questo non sarebbe del corpo. Se l'orecchio dicesse: «Siccome io non sono occhio, non sono del corpo», non per questo non sarebbe del corpo. Se tutto il corpo fosse occhio, dove sarebbe l'udito? Se tutto fosse udito, dove sarebbe l'odorato? Ma ora Dio ha collocato ciascun membro nel corpo, come ha voluto. Se tutte le membra fossero un unico membro, dove sarebbe il corpo? Ci sono dunque molte membra, ma c'è un unico corpo; l'occhio non può dire alla mano: «Non ho bisogno di te»; né il capo può dire ai piedi: «Non ho bisogno di voi». Al contrario, le membra del corpo che sembrano essere più deboli, sono invece necessarie; e quelle parti del corpo che stimiamo essere le meno onorevoli, le circondiamo di maggior onore; le nostre parti indecorose sono trattate con maggior decoro, mentre le parti nostre decorose non ne hanno bisogno; ma Dio ha formato il corpo in modo da dare maggior onore alla parte che ne mancava, perché non ci fosse divisione nel corpo, ma le membra avessero la medesima cura le une per le altre. Se un membro soffre, tutte le membra soffrono con lui; se un membro è onorato, tutte le membra ne gioiscono con lui."

Qui spiega l'importanza di sinergia e armonia tra "missioni" differenti.



#35 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 415 messaggi

Inviato 24 luglio 2020 - 07:06

E' scritto nella Parola.

"Voi sapete che quando eravate pagani eravate trascinati dietro agli idoli muti secondo come vi si conduceva."

Questi idoli muti sono dottrine e ideologie create dal mondo e adorate da quelli del mondo.

"Vi è varietà di operazioni, ma non vi è che un medesimo Dio, il quale opera tutte le cose in tutti."

Qui dice che nessuno è superiore ma siamo tutti diversi, come da progetto.

"Ora a ciascuno è data la manifestazione dello Spirito per il bene comune. Infatti, a uno è data, mediante lo Spirito, parola di sapienza; a un altro parola di conoscenza, secondo il medesimo Spirito; a un altro, fede, mediante il medesimo Spirito; a un altro, doni di guarigione, per mezzo del medesimo Spirito; a un altro, potenza di operare miracoli; a un altro, profezia; a un altro, il discernimento degli spiriti; a un altro, diversità di lingue e a un altro, l'interpretazione delle lingue; ma tutte queste cose le opera quell'unico e medesimo Spirito, distribuendo i doni a ciascuno in particolare come vuole."

Come scoprire la tua missione? E' quello che sai fare meglio.

"Poiché, come il corpo è uno e ha molte membra, e tutte le membra del corpo, benché siano molte, formano un solo corpo, così è anche di Cristo. Infatti noi tutti siamo stati battezzati in un unico Spirito per formare un unico corpo, Giudei e Greci, schiavi e liberi; e tutti siamo stati abbeverati di un solo Spirito."

Aggiungo che uomini giusti di tutte le grandi religioni rivelate sono stati abbeverati di un solo Spirito.

"Infatti il corpo non si compone di un membro solo, ma di molte membra. Se il piede dicesse: «Siccome io non sono mano, non sono del corpo», non per questo non sarebbe del corpo. Se l'orecchio dicesse: «Siccome io non sono occhio, non sono del corpo», non per questo non sarebbe del corpo. Se tutto il corpo fosse occhio, dove sarebbe l'udito? Se tutto fosse udito, dove sarebbe l'odorato? Ma ora Dio ha collocato ciascun membro nel corpo, come ha voluto. Se tutte le membra fossero un unico membro, dove sarebbe il corpo? Ci sono dunque molte membra, ma c'è un unico corpo; l'occhio non può dire alla mano: «Non ho bisogno di te»; né il capo può dire ai piedi: «Non ho bisogno di voi». Al contrario, le membra del corpo che sembrano essere più deboli, sono invece necessarie; e quelle parti del corpo che stimiamo essere le meno onorevoli, le circondiamo di maggior onore; le nostre parti indecorose sono trattate con maggior decoro, mentre le parti nostre decorose non ne hanno bisogno; ma Dio ha formato il corpo in modo da dare maggior onore alla parte che ne mancava, perché non ci fosse divisione nel corpo, ma le membra avessero la medesima cura le une per le altre. Se un membro soffre, tutte le membra soffrono con lui; se un membro è onorato, tutte le membra ne gioiscono con lui."

Qui spiega l'importanza di sinergia e armonia tra "missioni" differenti.

allora il discorso è tutto molto semplice

per fin troppo

io sposo sempre la scuola dei guerrieri e di castaneda

castaneda partiva dal presupposto che l'uomo non ha nessuna missione, l'unica missione da fare è il guerriero e sfidare la realtà

quindi i toltechi propongono delle tecniche

io a tal proposito sto trovando un processo semplice

mi dicono concentrati sul lato positivo delle persone

invece credo che sia svantaggioso perchè da importanza alle persone

invece concentrandoti sulla negatività fai in modo che ti sleghi dalle persone e li lasci andare

e così migliori di forza man mano che vai avanti 

 

non sto facendo questo da molto

lo sto facendo da poco tempo e mi sto trovando benino 



#36 G.a.b.r.i.e.l

G.a.b.r.i.e.l

    Utente ragionevole

  • Utenti
  • 1267 messaggi

Inviato 24 luglio 2020 - 08:14

allora il discorso è tutto molto semplice
per fin troppo
io sposo sempre la scuola dei guerrieri e di castaneda
castaneda partiva dal presupposto che l'uomo non ha nessuna missione, l'unica missione da fare è il guerriero e sfidare la realtà


Vero. Nelle condizioni ottimali non c'è alcuna missione. Ma non ci troviamo nelle condizioni ottimali anzi: c'è molta gente infelice in giro e il sistema che regge la civiltà terrestre sta per cadere rovinosamente, mentre l'estinzione di massa è dietro l'angolo.

Vista la situazione tragicomica, direi che oggi sulla Terra convivono tre specie di umani

¹* quelli che cercano se stessi - la loro missione è trovarsi...

²* quelli che hanno trovato se stessi e stanno bene così - la loro "missione" è semplicemente vivere...

³* quelli che hanno trovato se stessi e desiderano risvegliare i dormienti - la loro missione è diffondere la gnosi...
 

quindi i toltechi propongono delle tecniche
io a tal proposito sto trovando un processo semplice
mi dicono concentrati sul lato positivo delle persone
invece credo che sia svantaggioso perchè da importanza alle persone
invece concentrandoti sulla negatività fai in modo che ti sleghi dalle persone e li lasci andare
e così migliori di forza man mano che vai avanti

non sto facendo questo da molto
lo sto facendo da poco tempo e mi sto trovando benino


Io non guardo né il lato positivo né il lato negativo di una persona-maschera perché totalmente inaffidabili, piuttosto osservo la scintilla divina di ognuno, quella non sbaglia essendo impersonale e si trova al di là del tempo e dello spazio convenzionali. Questa è semplice da agganciare, cosicché se il tuo interlocutore è un uomo giusto, è una meraviglia comunicare con lui, se invece è delinquente lo controlli con estrema facilità.



#37 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 415 messaggi

Inviato 24 luglio 2020 - 08:29

Vero. Nelle condizioni ottimali non c'è alcuna missione. Ma non ci troviamo nelle condizioni ottimali anzi: c'è molta gente infelice in giro e il sistema che regge la civiltà terrestre sta per cadere rovinosamente, mentre l'estinzione di massa è dietro l'angolo.

Vista la situazione tragicomica, direi che oggi sulla Terra convivono tre specie di umani

* quelli che cercano se stessi - la loro missione è trovarsi...

* quelli che hanno trovato se stessi e stanno bene così - la loro "missione" è semplicemente vivere...

* quelli che hanno trovato se stessi e desiderano risvegliare i dormienti - la loro missione è diffondere la gnosi...
 


Io non guardo né il lato positivo né il lato negativo di una persona-maschera perché totalmente inaffidabili, piuttosto osservo la scintilla divina di ognuno, quella non sbaglia essendo impersonale e si trova al di là del tempo e dello spazio convenzionali. Questa è semplice da agganciare, così se il tuo interlocutore è un uomo giusto, è una meraviglia comunicare con lui, se invece è delinquente lo controlli con estrema facilità.

la mia missione è trovarmi una moglie e un lavoro

fatto questo sto meglio

la base l'ho costruita nel 2011 ora sono più consapevole

mi manca solo la tecnica e l'ho trovata

poi devo trovarmi un hobby per sfogarmi con la tecnica 

e anche quello ho trovato è il mio videogioco di calcio

in attesa della chitarra

poi come ho detto a sylvia io canto e ballo e questo pure mi aiuta

per quanto riguarda il lavoro e la moglie aspetto che si creino le circostanze adatte non posso andare io a forzare la cosa altrimenti resto deluso

ho avuto anni fa il primo anno di superiori di prendermi una ragazza mi lasciai sfuggire l'occasione

mi voleva bene perchè mi rispettava rispetto a tutti i compagni di classe che ho avuto per 5 anni

è un peccato


  • silvya piace questo

#38 dodecaedra

dodecaedra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 4541 messaggi

Inviato 25 luglio 2020 - 03:41

Insomma ti serve solo una moglie, un lavoro e un hobby. Poi arriverà anche la chitarra e sarai al top.
Aiutiamo una potenziale moglie ad avvicinarsi, una casa e una macchina ce l'hai o, è meglio se le ha lei?

#39 Karver

Karver

    Utente Senior

  • Utenti
  • 415 messaggi

Inviato 25 luglio 2020 - 12:37

Insomma ti serve solo una moglie, un lavoro e un hobby. Poi arriverà anche la chitarra e sarai al top.
Aiutiamo una potenziale moglie ad avvicinarsi, una casa e una macchina ce l'hai o, è meglio se le ha lei?

al momento mi serve solamente arrestare il circolo vizioso del malessere 

 

cerco di colpire i punti deboli delle persone 

per cambiare tendenza

 

le altre cose sono situazioni che si presenteranno man mano a quello che mi spetta

 

per il resto gli hobby sono cose che vanno rispettati 






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi