Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Segni


  • Per cortesia connettiti per rispondere
106 risposte a questa discussione

#21 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Captain Maravigghia 😁

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 02 luglio 2018 - 01:51

io conosco un sacco di persone che si danno un gran da fare ed ottengono ciò per cui sudano..
dallo sport al lavoro è veramente difficile ottenere risultati senza impegno.
Casomai diventa difficile quando le cose dipendono dagli altri, e allora se metti in fila A+B+C non diventa uguale a D perché col loro loro contributo ottieni â+B+ Ndinulla, ed lì che io mi pongo il problema di accettazione zen e del l'impossibilità di controllo.
Alle volte poi sono proprio io che non mi impegno abbastanza nella sequenza, o non sono in grado di impegnarmici proprio perché non ho un rapporto sereno con il controllo e in certi settori mi terrorizza più che in altri proprio il pensiero che se le cose debbano andare storte ci andranno, indipendentemente dal mio impegno, quindi penso che è inutile impegnarmici proprio perché "non ho il privilegio della capacità di controllo" che va lasciata al destino all'universo.
E questo proprio perché tendo a leggere i segni relativamente al controllo in chiave negativa, tipo se anche mi impegno a fare tutte le cose in tempo succede qualcosa, tipo l'assicurazione mi garantisce che ho rispettato tutti i passi da compiere per fare un intervento, ma quando arrivo in ospedale scopro che non sanno chi sono e che mancano dei pezzi alla documentazione perché l'assicurazione non ha effettuato la presa in carico, chiamandoli al telefono dicono che mancano documenti mai sentiti nominare, insomma hanno fatto i furbi.
Oppure il muratore fa un lavoro malfatto, o il cliente modifica il progetto in cantiere fregandosene della normativa che tu hai rispettato e lui non conosce e devi intervenire, oppure semplicemente fai conto sul guadagno di un lavoro perché hai dei pagamenti a catena e niente, quei soldi non ti arrivano nei tempi giusti in cui divevi riceverli o non arrivano proprio e ti mandano tutto il tuo schema di pagamento a puttane, e niente io tutti questi "segni" che non puoi controllare l'universo alla fine li prendo più con rassegnazione che con filosofia, cioè alla fine me li prendo in saccoccia e basta, ed anche il mio discorso interiore sul fatto che devo accettare i segni dell'universo che non si possa controllare tutto ha anche una sfumatura mica tanto zen, più che altro a volte vittimistica.
Va anche detto che sono una che non si scompone e cerco di essere felice lo stesso nel caos, perché il nostro buon umore deve attingere comunque da qualsiasi minimo segnale positivo, e questa è la mia unica ricchezza.
Anche se ogni tanto mi dico: "ok io i segnali che non posso controllare tutto li ho capiti e digeriti, vivo bene anche senza controllo e con tutto che va alla rovescia, adesso non possiamo fare che una cosa UNA vada dritta come dovrebbe andare dritta sulla carta, senza stramberie?"
Che poi cose che vanno così ci sono eccome e ora che mi sto concentrando sul discorso segnali me ne rendo conto, il mio problema forse è quello di costruire una filosofia basandomi solo sui segnali negativi che ricevo dalla vita, e allora forse la lezione sui segni non l'ho ancora imparata per davvero.
:asdsi:

Cimy, temo che questa faccenda del controllo ti mandi in tilt e non poco. Lo si nota anche dal modo in cui hai espresso il concetto, di solito scrivi in maniera cristallina e scorrevole. In questo caso, hai buttato giu' delle frasi in preda al caos. O magari andavi semplicemente di fretta, pero' il controllo e' sicuramente la tua nota dolente e ti condiziona pesantemente

#22 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Captain Maravigghia 😁

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 02 luglio 2018 - 02:19

Questa discussione mi piace molto per tutti gli interventi letti fino ad ora, che poi commenterò: mi serve tempo e coraggio. Acute, tutte.
 
Questa frase di Cimy

mi fa riflettere: esistono segnali positivi e negativi o solo segnali? Il positivo e il negativo, le cose cose che vanno dritte o storte, esistono o sono solo quelle che non sono in linea con i nostri progetti? (Ci sarebbe anche da aprire una discussione a parte sul controllo: secondo me a parole è facile a dirsi "molla il controllo", ma concretamente...boh).
Perchè alcune persone vedono solo segni positivi e altre segni negativi? I primi hanno una vita migliore? E' giusto mettere gli aggettivi? Penso sempre ad una frase di Malanga, che so, non è amato, ma per me, merita. Diceva di provare a parlare senza usare aggettivi, ovviamente prima si deve provare a pensare senza aggettivi. E' difficilissimo. Mettere gli aggettivi è già "controllo"?
 
Ho divagato.

In fondo usare aggettivi e' una forma di giudizio. Credo che gli uomini giudichino finche' c'è vita. Bisogna piuttosto imparare a capire che se a un segno negativo seguira' un evento altrettanto negativo, di fatto l'aver forato una gomma o aver tardato a un appuntamento importante potrebbe servirci e indirizzarci a qualcosa che ci tornera' utile nell'immediato o a lunga scadenza. E questo prescinde dal ritenere tutto una jella. Credo che l'UniversoSesuperioreBlabla - come lo definisce Furor- ci giustifichi in quanto esseri umani a patto che non si resti eccessivamente ancorati a maledizioni e improperi :D
  • malia e Furor piace questo

#23 Furor

Furor

    Guest Mode

  • Utenti
  • 17557 messaggi

Inviato 02 luglio 2018 - 02:27

L'universoDestinoFatoSeSuperiore secondo me se ne frega altamente di quanto pestiamo i piedi a terra quando buchiamo. Che se dovesse dar retta a noi e ad ogni altalenante stato d'animo o pensiero che manifestiamo, passeremmo la vita a vomitare per l'ondeggiare del cosmo. :asdsi:
Ho amato molto l'intervento di Frèyja, dove siamo inseriti in un flusso/schema/disegno perfettamente combinato e intersecato anche se a volte è manco a volte vediamo solo il nostro filino che tira e non vediamo enormi corde a noi parallele o legate. Non ho capito molto il discorso del flusso energetico che si scarica ma va bene, l'ho capito in qualche modo tramite il simbolo che ha evocato inconsciamente, e credo che valga anche per i "segni" che spesso non cogliamo razionalmente ma impattano simbolicamente e quindi più efficacemente su di noi e sugli altri. :D
  • Frèyja piace questo

#24 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Captain Maravigghia 😁

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 02 luglio 2018 - 02:37

Ho amato molto l'intervento di Frèyja, dove siamo inseriti in un flusso/schema/disegno perfettamente combinato e intersecato anche se a volte è manco a volte vediamo solo il nostro filino che tira e non vediamo enormi corde a noi parallele o legate.


Oh si, fantastico :)

Non ho capito una cosa del tuo post di prima. Gli uccelli in trappola li trovi davvero o sono solo visioni?

#25 Furor

Furor

    Guest Mode

  • Utenti
  • 17557 messaggi

Inviato 02 luglio 2018 - 02:50

Oh si, fantastico :)

Non ho capito una cosa del tuo post di prima. Gli uccelli in trappola li trovi davvero o sono solo visioni?


:rotfl: Domanda lecita. Sono veri anche carne cruda e assassini, la morte è che ci penso spesso ma oh, più vera di quella poche robe.
Gli uccellini perché dopo aver visto che rubavano le briciole del cibo del cane dal balcone, ho iniziato a mettergli cibo nei vasi sospesi, ed è bello bellissimo vederli pigolare sui fili del bucato aspettando di fregare il riso al cane :rotfl: L'altro giorno però, pulendo una scala condominiale, mi trovo un passerotto sul pianerottolo sopra il mio. Ero appena scesa e sapevo benissimo che non c'erano finestre aperte su, e non capisco da dove sia uscito. Allora pian piano son salita per portarlo a uscire, finestre chiuse, e lui faceva una rampa alla volta, manco mi aspettasse. Arrivo su e gli apro la porta del terrazzo, e via. Spero sia uscito altrimenti lo troverò secco venerdì. E allora ho pensato ai miei passerotti di casa, che voglio tenere per il mio godimento a cinguettarmi sui fili del bucato in cambio di cibo, che tu dici: ah ma loro si nutrono, mica sono in gabbia! mentre se ci penso la verità è che non ho mai pensato ai passerotti prima d'ora, ma voglio quelli e li voglio a mangiare il mio cibo. Coercizione di passerotto. È quello che abitualmente si chiama "proposito egoista dietro azione apparentemente disinteressata". Accorgersene è brutto, ma meglio esserne coscienti :arg:
  • skynight piace questo

#26 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Captain Maravigghia 😁

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 02 luglio 2018 - 05:01

:rotfl: Domanda lecita. Sono veri anche carne cruda e assassini, la morte è che ci penso spesso ma oh, più vera di quella poche robe.
Gli uccellini perché dopo aver visto che rubavano le briciole del cibo del cane dal balcone, ho iniziato a mettergli cibo nei vasi sospesi, ed è bello bellissimo vederli pigolare sui fili del bucato aspettando di fregare il riso al cane :rotfl: L'altro giorno però, pulendo una scala condominiale, mi trovo un passerotto sul pianerottolo sopra il mio. Ero appena scesa e sapevo benissimo che non c'erano finestre aperte su, e non capisco da dove sia uscito. Allora pian piano son salita per portarlo a uscire, finestre chiuse, e lui faceva una rampa alla volta, manco mi aspettasse. Arrivo su e gli apro la porta del terrazzo, e via. Spero sia uscito altrimenti lo troverò secco venerdì. E allora ho pensato ai miei passerotti di casa, che voglio tenere per il mio godimento a cinguettarmi sui fili del bucato in cambio di cibo, che tu dici: ah ma loro si nutrono, mica sono in gabbia! mentre se ci penso la verità è che non ho mai pensato ai passerotti prima d'ora, ma voglio quelli e li voglio a mangiare il mio cibo. Coercizione di passerotto. È quello che abitualmente si chiama "proposito egoista dietro azione apparentemente disinteressata". Accorgersene è brutto, ma meglio esserne coscienti :arg:

Creare un legame mi sembra lecito dato che il godimento e' reciproco. Uno scambio che conviene a entrambi ;) e non ci trovo nulla di brutto, anzi!
  • Furor piace questo

#27 Guest_cimychan_*

Guest_cimychan_*
  • Ospiti

Inviato 02 luglio 2018 - 06:54

:rotfl: Domanda lecita. Sono veri anche carne cruda e assassini, la morte è che ci penso spesso ma oh, più vera di quella poche robe.
Gli uccellini perché dopo aver visto che rubavano le briciole del cibo del cane dal balcone, ho iniziato a mettergli cibo nei vasi sospesi, ed è bello bellissimo vederli pigolare sui fili del bucato aspettando di fregare il riso al cane :rotfl: L'altro giorno però, pulendo una scala condominiale, mi trovo un passerotto sul pianerottolo sopra il mio. Ero appena scesa e sapevo benissimo che non c'erano finestre aperte su, e non capisco da dove sia uscito. Allora pian piano son salita per portarlo a uscire, finestre chiuse, e lui faceva una rampa alla volta, manco mi aspettasse. Arrivo su e gli apro la porta del terrazzo, e via. Spero sia uscito altrimenti lo troverò secco venerdì. E allora ho pensato ai miei passerotti di casa, che voglio tenere per il mio godimento a cinguettarmi sui fili del bucato in cambio di cibo, che tu dici: ah ma loro si nutrono, mica sono in gabbia! mentre se ci penso la verità è che non ho mai pensato ai passerotti prima d'ora, ma voglio quelli e li voglio a mangiare il mio cibo. Coercizione di passerotto. È quello che abitualmente si chiama "proposito egoista dietro azione apparentemente disinteressata". Accorgersene è brutto, ma meglio esserne coscienti :arg:



l'unica cosa che ho pensato è bruttissima e non è degna della tua poesia

Spoiler

e questa che penso adesso è peggio ancora
Spoiler


:tajo:
  • Furor piace questo

#28 Furor

Furor

    Guest Mode

  • Utenti
  • 17557 messaggi

Inviato 03 luglio 2018 - 05:54

Creare un legame mi sembra lecito dato che il godimento e' reciproco. Uno scambio che conviene a entrambi ;) e non ci trovo nulla di brutto, anzi!


Ciao. Sono Furor. Ho 30 anni, vivo in Sardegna, e per tutta la mia vita non ho mai accettato di poter godere di qualcosa in maniera non colpevolizzante, e quando mai figurati mi sono data il beneficio di non includere per forza una parte negativa in qualcosa di esclusivamente positivo. :asdsi:
Forse i "segni" ogni tanto mi spingono a mutare questi pensieri. Forse. Mmh..

@Cimmyna, ci sei. Mi hanno bombardato il corrimano di cacchette. Wtf. Ma tanto non stendo da quella parte della casa. È peggio dall'altra, che arrivano i piccioni. Che si, mi hanno scagazzato gli strofinacci regalati da mia nonna mai usati appena lavati e zac!

#29 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 7510 messaggi

Inviato 03 luglio 2018 - 09:56

 in quel giorno l'energia di quel luogo aveva bisogno di quel nome per raggiungere il suo equilibrio karmico.

 

 

 

 Bisogna piuttosto imparare a capire che se a un segno negativo seguira' un evento altrettanto negativo, di fatto l'aver forato una gomma o aver tardato a un appuntamento importante potrebbe servirci e indirizzarci a qualcosa che ci tornera' utile nell'immediato o a lunga scadenza. E questo prescinde dal ritenere tutto una jella.

 

A proposito di jella e di equilibri.

 

Capita di osservare che a volte, quando dobbiamo fare qualcosa, ci si mette di traverso l'impossibile fino a far saltare tutto. Tipo: devo andare a comprare il pane, cose che faccio tutti i giorni in 2 minuti, ma una serie di eventi alla fine me lo impedisce: prima stranamente non si apre il cancello, poi la strada è interrotta, poi mi ferma la polizia, poi mi cade dal cielo un alieno e mi blocca la macchina, alla fine il forno chiude e  rimango senza pane.

Esempio stupidissimo e circostanza che ognuno di noi ha vissuto senza darci peso, probabilmente.

Nel corso degli anni ho osservato che dietro ad una serie incredibile di sfortunati eventi, c'era ad aspettarmi la fortuna. Può sicuramente essere una percezione sbagliata o un errata conclusione dettata dalla voglia di consolazione per aver vissuto quella serie di sfortunati eventi (esempio: mentre levavo l'alieno spiaccicato dal parabrezza ho visto che era di oro, ho rivenduto i resti alieni  e o ho ottenuto 1000 euro, mentre se non fosse successo niente, avrei avuto solo un panino all'olio).

Nel corso degli anni ho sviluppato una certa sensibilità :shocked: , non so come chiamarla:  sento già quando non devo fare una cosa, prima ancora di mettermi in movimento e andare incontro ad una catena di sfortunati eventi. E quello che sento è che, come dice Freyja,  c'è bisogno di quella cosa, in questo caso del mio non fare niente. Ora so che detto così sembri roba da psicopatica che cerca giustificazioni o consolazioni, ma è una sensazione precisa che sento. E' come vedere un semaforo rosso, mi fermo, mi si accumulano un sacco di cose e fremo, poi di colpo, il semaforo diventa verde e faccio tutto subito, recupero ecc. Però ormai lo so, è necessario fermarsi, aspettare il momento giusto e poi fare. (Il momento giusto non è: piove aspetto che smetta di piovere x poi uscire; è: c'è sole, aspetto non so cosa fino a quando non sento che ....)

 

Poi, sempre per la serie "reparto psichiatria" non solo sento quando non devo fare una serie di cose, ma sento anche cosa e quando non devo pensare un determinato pensiero :arg: :sbonk: , e questa è una abilità/necessità/stronzata ancora più vecchia :D. E qui rientriamo nel campo della jella: pensare o non pensare una determinata cosa, per me,  è come toccarsi o non toccarsi dopo aver visto il gatto nero, cioè è l'azione che ristabilisce l'equilibrio o l'azione che tiene su un certo equilibrio.

 

Aprire questa discussione e parlare di queste cose è per me come quello che sarebbe per uno scaramantico passare addosso al gatto nero con l'auto. Molto difficile :D.

 

Ritengo che, per me, il discorso segni sia ormai da affrontare e non da continuare a costruirci più su comportamenti senza capire fino in fondo il perchè (come diceva Cimy una filosofia di vita basata sui segni "negativi",  che poi, a furia di mettere in atto comportamenti evitanti si finisce per creare gabbie altissime).

 

Ecco, l'ho messo per iscritto.

 

Che un luogo o una circostanza abbia bisogno di questa o quell'azione per il suo equilibrio, è realtà? O se io percepisco questa cosa è solo una mia enorme sega mentale?



#30 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Captain Maravigghia 😁

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 03 luglio 2018 - 10:08

A proposito di jella e di equilibri.
 
Capita di osservare che a volte, quando dobbiamo fare qualcosa, ci si mette di traverso l'impossibile fino a far saltare tutto. Tipo: devo andare a comprare il pane, cose che faccio tutti i giorni in 2 minuti, ma una serie di eventi alla fine me lo impedisce: prima stranamente non si apre il cancello, poi la strada è interrotta, poi mi ferma la polizia, poi mi cade dal cielo un alieno e mi blocca la macchina, alla fine il forno chiude e  rimango senza pane.
Esempio stupidissimo e circostanza che ognuno di noi ha vissuto senza darci peso, probabilmente.
Nel corso degli anni ho osservato che dietro ad una serie incredibile di sfortunati eventi, c'era ad aspettarmi la fortuna. Può sicuramente essere una percezione sbagliata o un errata conclusione dettata dalla voglia di consolazione per aver vissuto quella serie di sfortunati eventi (esempio: mentre levavo l'alieno spiaccicato dal parabrezza ho visto che era di oro, ho rivenduto i resti alieni  e o ho ottenuto 1000 euro, mentre se non fosse successo niente, avrei avuto solo un panino all'olio).
Nel corso degli anni ho sviluppato una certa sensibilità :shocked: , non so come chiamarla:  sento già quando non devo fare una cosa, prima ancora di mettermi in movimento e andare incontro ad una catena di sfortunati eventi. E quello che sento è che, come dice Freyja,  c'è bisogno di quella cosa, in questo caso del mio non fare niente. Ora so che detto così sembri roba da psicopatica che cerca giustificazioni o consolazioni, ma è una sensazione precisa che sento. E' come vedere un semaforo rosso, mi fermo, mi si accumulano un sacco di cose e fremo, poi di colpo, il semaforo diventa verde e faccio tutto subito, recupero ecc. Però ormai lo so, è necessario fermarsi, aspettare il momento giusto e poi fare. (Il momento giusto non è: piove aspetto che smetta di piovere x poi uscire; è: c'è sole, aspetto non so cosa fino a quando non sento che ....)
 
Poi, sempre per la serie "reparto psichiatria" non solo sento quando non devo fare una serie di cose, ma sento anche cosa e quando non devo pensare un determinato pensiero :arg: :sbonk: , e questa è una abilità/necessità/stronzata ancora più vecchia :D. E qui rientriamo nel campo della jella: pensare o non pensare una determinata cosa, per me,  è come toccarsi o non toccarsi dopo aver visto il gatto nero, cioè è l'azione che ristabilisce l'equilibrio o l'azione che tiene su un certo equilibrio.
 
Aprire questa discussione e parlare di queste cose è per me come quello che sarebbe per uno scaramantico passare addosso al gatto nero con l'auto. Molto difficile :D.
 
Ritengo che, per me, il discorso segni sia ormai da affrontare e non da continuare a costruirci più su comportamenti senza capire fino in fondo il perchè (come diceva Cimy una filosofia di vita basata sui segni "negativi",  che poi, a furia di mettere in atto comportamenti evitanti si finisce per creare gabbie altissime).
 
Ecco, l'ho messo per iscritto.
 
Che un luogo o una circostanza abbia bisogno di questa o quell'azione per il suo equilibrio, è realtà? O se io percepisco questa cosa è solo una mia enorme sega mentale?


Mmm negli incastri del fato, attenzione, non c'è solo Malia. Se allarghi la veduta, ci sono tante altre persone che dalle tue piccole sfortune giornaliere potrebbero trarre giovamento. Nel caso del tuo panino all'olio, che era l'ultimo, sarà magari finito nelle mani di un papà che aveva promesso al suo piccolo di portargliene uno per la merenda
  • malia e Lunanerina piace questo

#31 Furor

Furor

    Guest Mode

  • Utenti
  • 17557 messaggi

Inviato 03 luglio 2018 - 10:12

:asdsi:
Sta cosa dei segni, del flusso. Mi accorgo ora che è qualche settimana che oltre a leggere qua e a pensarci, mi trovo davanti proprio a esplicazioni dei concetti che stiamo tirando in ballo qua. Il flusso è Malia che apre la discussione, noi che interveniamo, anche quelli che non lo fanno ma leggono, tutto è intrecciato collegato e il mio udfss mi comunica anche che "quello che ti accade non è quello che vuoi ma quello che ti serve", i segni si palesano quando bisogna che siano man mano più evidenti perché troppo spesso Jon ci basta ascoltare la nostra intuizione, o budella (ciao Notte, anche tu nel flusso yehhh), e anche che negativo e positivo siamo solo noi a polarizzare mentre tentiamo di combattere fra quello che egoicamente e falsamente vogliamo e quello che invece è meglio, e accade sempre e solo il meglio, inutile puntarsi.
E anche se sta cosa del flusso, visto che siamo tutte donne, suona molto tipo quelle robe di ciclo sincronizzato :arg:, fa niente. Vi mando flussi di amore e pace. E un grazie enorme, perché ho capito delle cose che se aspettavo ancora ciaone :flu:
  • malia e UffaLaMuffa piace questo

#32 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Captain Maravigghia 😁

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 03 luglio 2018 - 11:21

:asdsi:
Sta cosa dei segni, del flusso. Mi accorgo ora che è qualche settimana che oltre a leggere qua e a pensarci, mi trovo davanti proprio a esplicazioni dei concetti che stiamo tirando in ballo qua. Il flusso è Malia che apre la discussione, noi che interveniamo, anche quelli che non lo fanno ma leggono, tutto è intrecciato collegato e il mio udfss mi comunica anche che "quello che ti accade non è quello che vuoi ma quello che ti serve", i segni si palesano quando bisogna che siano man mano più evidenti perché troppo spesso Jon ci basta ascoltare la nostra intuizione, o budella (ciao Notte, anche tu nel flusso yehhh), e anche che negativo e positivo siamo solo noi a polarizzare mentre tentiamo di combattere fra quello che egoicamente e falsamente vogliamo e quello che invece è meglio, e accade sempre e solo il meglio, inutile puntarsi.
E anche se sta cosa del flusso, visto che siamo tutte donne, suona molto tipo quelle robe di ciclo sincronizzato :arg:, fa niente. Vi mando flussi di amore e pace. E un grazie enorme, perché ho capito delle cose che se aspettavo ancora ciaone :flu:

Che poi se proprio vuoi sentirti tanto di più in colpa :D puoi sempre organizzare un robino così con la rete

Screenshot_2018-07-03-13-12-44.pngimag

Altre foto sul link qui sotto

http://www.zooplus.i...elvatici/196031

Non sono meraviLLiosi?? :love:
  • Lunanerina piace questo

#33 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2845 messaggi

Inviato 03 luglio 2018 - 12:52

Io e il mio compagno siamo quelli del "quasi" :boardmod_main: stile Napalm51 di Crozza "stavo per...."  :tajo:  :pomodoro: 

Tipo "proprio oggi".....il negozio è chiuso....quella cosa che interessava tanto è stata venduta....e via di seguito.

Se non fossi cristiana direi che è sfiga...invece dico che è "sfiga" :D


  • malia piace questo

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#34 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Captain Maravigghia 😁

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 03 luglio 2018 - 05:10

Io e il mio compagno siamo quelli del "quasi" :boardmod_main: stile Napalm51 di Crozza "stavo per...."  :tajo:  :pomodoro: 
Tipo "proprio oggi".....il negozio è chiuso....quella cosa che interessava tanto è stata venduta....e via di seguito.
Se non fossi cristiana direi che è sfiga...invece dico che è "sfiga" :D

Beh qui sta a te capire se la "sfiga" altro non è che un invito a desistere dall'acquisto o piuttosto ad acquistare altrove, anche on line. Magari con l'occasione lo trovate pure a un prezzo inferiore, chi può dirlo.

Comunque potresti pure dirci di che si tratta, sono CURIOSISSIMA ufff

#35 Guest_iaionzi_*

Guest_iaionzi_*
  • Ospiti

Inviato 04 luglio 2018 - 11:49

OBESI

Oggi mentre trasferivo i miei libri da alcune borse ad uno scaffale mi salta l'occhio su questa copertina a causa dell'ultimo crop circle di cui si discute in questo forum e che ha attirato la mia attenzione.

20180704_133551.jpg

L'immagine è simile. Allora lo apro e lo rileggo. Non ricordo nemmeno quando l'ho acquistato o dove l'ho trovato.

Mi colpisce la parte dove si tratta dell'obeso: "Se è vero che ottocento milioni di uomini soffrono la fame, è altrettanto vero che gli altri miliardi sembrano voler smussare ad ogni costo l'acuto desiderio del loro cuore, nutrendo i propri sensi al di là di ogni limite.
Una delle ultime poesie-canzoni di G. Gaber ha appunto per titolo L'Obeso, e descrive l'uomo che ingurgita tutto, perfino gli orrori del mondo, per sfuggire al terrore di non essere nessuno ".

Di seguito il testo:

L'obeso - Giorgio Gaber

S'aggira per il mondo un individuo osceno
così diverso che sembra quasi disumano
è un essere inquietante e forse non è un caso
che a poco a poco diventi contagioso.

L'obeso,
l'obeso
l'obeso ha un aspetto
imperturbabile e imponente
è un grosso uomo che si muove lentamente
mangia sempre dalla sera alla mattina
con l'isterica passione
per qualsiasi proteina
l'obeso è imprigionato
nel suo corpo assai opulento
sembra un uomo generato
da un enorme allevamento.
L'obeso aumenta di peso.
L'obeso aumenta di peso.

L'obeso
è una strana anomalia della natura
è l'uomo nuovo che assomiglia a un grosso uovo
è felice, vive in pace nel suo stato
e s'ingurgita di tutto
sembra quasi lievitato
l'obeso s'è creato
quel suo corpo così pieno
per sfuggire dal terrore
di non essere nessuno. L'obeso aumenta di peso.
L'obeso aumenta di peso.

L'obeso siamo tutti magri e grassi
siamo i nuovi paradossi
l'obeso è una presenza a tutto tondo
è il simbolo del mondo. L'obeso mangia idee mangia opinioni
computer, cellulari
dibattiti e canzoni
mangia il sogno dell'Europa
le riforme, i parlamenti
film d'azione e libri d'arte
mangia soldi e sentimenti
e s'ingravida guardando e mangiando
gli orrori del mondo.

L'obeso è ormai un destino senza scampo
è la follia del nostro tempo
l'obeso è un pachiderma nauseabondo
è il simbolo del mondo. L'obeso mangia gruppi finanziari
mangia spot e informazioni
aiuti umanitari
mangia slogan e ideologie
vecchie idee e nuovi miti
mangia tutti i bei discorsi
dei politici e dei preti
e s'ingurgita la pace, la guerra
la pace, la guerra.

L'obeso aumenta di peso.
L'obeso aumenta di peso. L'obeso ha un aspetto
imperturbabile e imponente
è un futuro che è sempre più presente
mangia tutto, mangia il mondo come noi
senza il minimo disturbo
senza vomitarlo mai
l'obeso è il segreto
di un gonfiarsi disumano
l'obeso è l'infinito
di un Leopardi americano
l'obeso è l'infinito
di un Leopardi americano
l'obeso è l'infinito
di un Leopardi americano.
L'obeso
L'obeso
L'obeso...

Ecco. Riguardo ai ciccioni di malia ma anche ai crop circles e all'ultimo scritto di Anarko, io ci ho visto un segno, un legame, una direzione.

L'aumento di peso dell'anima in chi digerisce qualunque orrore non fa liberare lo spirito da terra.
Ma non è per tutti così.

C'è chi non nutre più a dismisura i propri sensi e riesce ad aver controllo sugli elementi.
  • malia e UffaLaMuffa piace questo

#36 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2845 messaggi

Inviato 04 luglio 2018 - 09:24

Beh qui sta a te capire se la "sfiga" altro non è che un invito a desistere dall'acquisto o piuttosto ad acquistare altrove, anche on line. Magari con l'occasione lo trovate pure a un prezzo inferiore, chi può dirlo.

Comunque potresti pure dirci di che si tratta, sono CURIOSISSIMA ufff


No era per fare un esempio generico.
Comunque...varie volte ho notato che nella "sfiga" ci può stare pure una bella benedizione...tipo...l'anno scorso mi si è rotto un cellulare di quelli un po "antidiluviani" ma se non fosse stato per questo non ci sarebbe stata l'occasione di aver avuto regalato questo Galaxy che la persona in questione non usava più e con cui vado su internet, leggo i pdf e varie altre cose. Per fare un esempio.

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#37 Guest_iaionzi_*

Guest_iaionzi_*
  • Ospiti

Inviato 06 luglio 2018 - 06:23

Questo segno è stra interessante.

Sono in autostrada, corsia di sorpasso a tavoletta. Mi accorgo che la macchina davanti a me ha queste ultime tre cifre della targa: 666.

Penso: che figata, adesso ci faccio una foto!
Ma non faccio nemmeno in tempo a toccare il telefono che un'altra macchina dalla seconda corsia mi si piazza davanti. Freno!

E mi accorgo che sulla targa lettere e cifre compongono la parola OWL.

Che vor dì?

#38 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Captain Maravigghia 😁

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 06 luglio 2018 - 07:30

Questo segno è stra interessante.
Sono in autostrada, corsia di sorpasso a tavoletta. Mi accorgo che la macchina davanti a me ha queste ultime tre cifre della targa: 666.
Penso: che figata, adesso ci faccio una foto!
Ma non faccio nemmeno in tempo a toccare il telefono che un'altra macchina dalla seconda corsia mi si piazza davanti. Freno!
E mi accorgo che sulla targa lettere e cifre compongono la parola OWL.
Che vor dì?

Il primo segno è che devi stare calma e non correre, ecco!
Il secondo è inconcludente, su internet collega il gufo al 666 solo su un sito che vende tshirt o su amazon che vende la marionetta Eulalie :mm:
https://www.amazon.i...6/dp/B017HEUIL2

P.s. hai doti ventriloque per caso? :D

#39 Guest_iaionzi_*

Guest_iaionzi_*
  • Ospiti

Inviato 06 luglio 2018 - 07:46

"Nella cultura Maya ad esempio il gufo con le corna era associato alla fine dei tempi mentre nello Yucatan era addirittura soprannominato “l’uccello del lamento” e preannunciava la morte. Anche nella tradizione ebraica e quella biblica il gufo viene associato alla desolazione e all’abbandono. I Romani lo reputavano un uccello annunciatore di sventure e in molti casi direttamente associato alla magia nera: maghi e indovini lo
sceglievano tra i loro animali preferiti"

Comunque è periodo di uccelli.

Uno mi ha osservato dalla finestra per 5 minuti.
Uno se l'è mangiato il mio cagnolino.
20180706_113204.jpg
Due sono caduti dal nido e li ho salvati
20180706_204509.jpg
20180706_210204.jpgforum image hosting

#40 UffaLaMuffa

UffaLaMuffa

    Captain Maravigghia 😁

  • Utenti
  • 1493 messaggi

Inviato 06 luglio 2018 - 08:16

Al di là del fatto che gufi e civette sono sempre stati considerati uccelli di malaugurio (ma lo trovo ingiusto perche' sono animali meravigliosi), probabilmente il messaggio era proprio quello che ti dicevo: "rallenta che ti fai male!"

Quanto agli uccelli che ti osservano, ti credo. Ti riconoscono come loro simile. Come loro sei libera da costrizioni e legami stretti. Ogni tanto però hai bisogno di una mano che ti raccolga e ti metta al sicuro, sempre come loro ;)

P.s.
Per il cane lasciamo stare, guarda. Io devo combattere con un boia .... di topi però :bb:

IMG_20180706_215818_498.jpg




1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 visitatori, 0 utenti anonimi