Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

Perchè l'Euro??


  • Per cortesia connettiti per rispondere
239 risposte a questa discussione

#221 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 8172 messaggi

Inviato 23 dicembre 2018 - 02:19

se ci si deve affidare ai commenti ovviamente senza capo e ne coda, oltre a essere palesemente falsi come la storia del blocco delle assunzioni (che riguarda solo una parte della pa, ma tanto che lo spiego a fare). spero ti paghino bene per scrivere certe cazzate, perchè se così NON fosse, saresti più stupido dell'ultimo scemo del villaggio.


la nobiltà dello schiavo è la ribellione

#222 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 23 dicembre 2018 - 02:27

Altro che euro, meglio il doblone celto longobardo (3:08 min):

 


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#223 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 8172 messaggi

Inviato 23 dicembre 2018 - 02:45

forse il vero problema è che in svizzera sono finiti tranquillanti e ansiolitici.


la nobiltà dello schiavo è la ribellione

#224 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 10535 messaggi

Inviato 27 dicembre 2018 - 05:27

Diego Fusaro qui è fantastico:

 



#225 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 27 dicembre 2018 - 08:14

"Che cosa abbiamo fatto per meritarci Diego Fusaro?

di Raffaele Alberto Ventura pubblicato martedì, 7 aprile 2015"
 

http://www.minimaetm...i-diego-fusaro/

 

 

 

"IL “FENOMENO” FUSARO E IL NARCISISMO PATOLOGICO: L’ “EXEMPLUM” DI UN’EPOCA."

 

http://www.psychiatr...ne.it/node/7499

 

 

Il punto di vista del corriere:

 

https://torino.corri...2988440be.shtml


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#226 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 8172 messaggi

Inviato 27 dicembre 2018 - 09:09

mi sembra giusto attaccare un interlocutore dal punto di vista personale piuttosto che degli argomenti che tratta, d'altronde guai a nominarli, gli argomenti, sono tabù, sia mai che qualcuno inizia a porsi qualche domanda sullo status quo e si renda conto di essere stato preso per il culo da decenni. 


la nobiltà dello schiavo è la ribellione

#227 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 10535 messaggi

Inviato 28 dicembre 2018 - 12:14

"Che cosa abbiamo fatto per meritarci Diego Fusaro?

di Raffaele Alberto Ventura pubblicato martedì, 7 aprile 2015"
 

http://www.minimaetm...i-diego-fusaro/

 

 

 

"IL “FENOMENO” FUSARO E IL NARCISISMO PATOLOGICO: L’ “EXEMPLUM” DI UN’EPOCA."

 

http://www.psychiatr...ne.it/node/7499

 

 

Il punto di vista del corriere:

 

https://torino.corri...2988440be.shtml

Ovviamente tu non sai ascoltare, devi ragionare, anzi non ragioni, sempre con la testa di altri. Poi quelli che citi sono siti palesemente faziosi che sostanzialmente non dicono un cazzo. Patologica è l'analisi di Raffaele Alberto Ventura, che oltre a scrivere un papiro per analizzare il fenomeno Fusaro, dimostra di non aver capito niente, o volutamente finge di non capire niente. Paragonare Fusaro a CasaPaund è il colmo dei colmi, visto che si tratta dell'esatto opposto. Chiaramente il fenomeno Fusaro è scomodo perchè va contro il sistema ed è solo in questo senso che possiamo trovare una valanga di critiche da parte di quelli che vogliono restare nel sistema senza alcuna analisi critica, ma per analizzare un fenomeno diverso devono arrampicarsi sugli specchi.Ma Fusaro è estremamente lucido nelle sue analisi, anche se non sa ancora che Cypras avrebbe tradito il referendum in Grecia e si sarebbe nuovamente sottoposto ai dettami dell'Europa. Però troviamo qualcuno che dice le stesse cose, anche se in modo diverso, anzi ne dice anche di peggio anche se non si chiama Fusaro:



#228 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 28 dicembre 2018 - 09:13

"Luciano Barra Caracciolo: il sottosegretario che vuole uscire dall’euro

"

 

https://www.nextquot...itiche-europee/


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#229 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 29 dicembre 2018 - 04:05

Ovviamente tu non sai ascoltare, devi ragionare, anzi non ragioni, sempre con la testa di altri. Poi quelli che citi sono siti palesemente faziosi che sostanzialmente non dicono un cazzo. Patologica è l'analisi di Raffaele Alberto Ventura, che oltre a scrivere un papiro per analizzare il fenomeno Fusaro, dimostra di non aver capito niente, o volutamente finge di non capire niente. Paragonare Fusaro a CasaPaund è il colmo dei colmi, visto che si tratta dell'esatto opposto. Chiaramente il fenomeno Fusaro è scomodo perchè va contro il sistema ed è solo in questo senso che possiamo trovare una valanga di critiche da parte di quelli che vogliono restare nel sistema senza alcuna analisi critica, ma per analizzare un fenomeno diverso devono arrampicarsi sugli specchi.Ma Fusaro è estremamente lucido nelle sue analisi, anche se non sa ancora che Cypras avrebbe tradito il referendum in Grecia e si sarebbe nuovamente sottoposto ai dettami dell'Europa. Però troviamo qualcuno che dice le stesse cose, anche se in modo diverso, anzi ne dice anche di peggio anche se non si chiama Fusaro:

 

 

 

 "è scomodo perchè va contro il sistema": quale sistema ? Ma se sta sempre in Tv, sul web, etc etc ? Se era contro il sistema aveva tutta sta libertà di manovra ?

 

 

"Quelli del sistema"

 

Il sistema era che ogni manovra finaziaria era un bel giro di vite su chi manteneva in piedi la baracca.  Bene, rinnovarsi nella continuità è una regola sempre valida e le cose continuano in coerenza con il sistema di prima: un altro bel giro di vite su chi lavora e produce.

 

Ma fin qui passi, è sempre stato così, la novità sta nell' uso dei termini, delle parole; ormai siamo ben oltre agli occhiali a raggi x , al "due fustini al posto di uno ? no grazie", siamo alla presa per i fondelli non piu' celata dietro un' ingenuo spot prubblicitario,  ma esplicita e palese.

 

Due esempi :

 

https://www.ilfattoq...tadini/4861122/

 

"

Manovra, la chiamano ‘finanziaria del popolo’. Nel senso che a pagarla saranno i cittadini

 

Come direbbe Crozza nella sua perfetta imitazione di Di Maio, prima di  tutto auguri. Auguri per queste feste ma soprattutto per gli effetti di questa finanziaria del popolo, nel senso che verrà pagata dai cittadini. Bisognerebbe smettere di fare i tifosi e analizzare i numeri e i provvedimenti inseriti nel maxi emendamento per il bilancio dello Stato anno 2019. Dopo mesi e buffonate contro l’Europa e contro tutti quelli che facevano notare il pericolo di una finanziaria completamente in deficit e senza sviluppo è arrivata in parlamento una manovra economica blindata
e scritta sotto dettatura da Bruxelles.

 

Nel frattempo grazie alle sceneggiate di Salvini e Di Maio abbiamo bruciato milioni di euro dovuti all’aumento dello spread. Se tutto ciò fosse accaduto con altri Governi ci sarebbe stata la rivoluzione grillino piena di demagogia. Per non parlare dei grandi Costituzionalisti che avrebbero urlato al colpo di stato. Invece stiamo assistendo ad una forzatura istituzionale senza precedenti. Come se non bastasse i provvedimenti che pian piano si stanno scoprendo segnano definitivamente la fine delle bugie continue di questo Governo pericoloso e ipocrita.

 

Partiamo con alcuni esempi.

Il Governo Salvini-Di Maio ha inserito il condono fiscale e guarda il caso probabilmente potranno usufruirne (per i noti problemi di lavoro nero e debiti aziendali) gli stessi genitori di Di Maio e Di Battista. Le pensioni dai 1.200 euro in su verranno bloccate e non ci saranno più gli aumenti automatici per adeguare al costo della vita (indicizzazione). Ossia un taglio alle pensioni degli italiani per 253 milioni. Un furto vero è proprio. Verranno aumentate le tasse per tutte le associazioni di volontariato no profit. Le imprese, grazie all’abolizione Salvini/Di Maio del credito d’imposta Irap e del credito di imposta su investimenti per beni strumentali, dovranno rinunciare a 317 milioni nel 2019 che aumentano negli anni successivi. Vi sarà aumento dell’Iva dal 2020 e anche delle accise delle benzina.

 

Andiamo avanti, 100 milioni arrivano nel 2019 dal rinvio delle assunzioni nella Pubblica amministrazione e quindi niente posti di lavoro per giovani e vincitori di concorso. Ci sarà il rinvio di buona parte degli investimenti per 700 milioni nel 2019. Non basta, ci sarà la web tax e verrà consentito ai Comuni di dare incarichi diretti per lavori fino a 150 mila euro. Prima era 40 mila euro. Una follia che ha trovato il dissenso anche del grillino Morra. E per concludere come non evidenziare la follia di voler legittimare gli abusivi nel campo sanitario.

 

Insomma questa la realtà della manovra. Nessuna abolizione della Fornero ma tagli alle pensioni di tutti gli italiani. Nessun reddito di cittadinanza ma solo tasse, nessun nuovo lavoro e nessun investimento. Questa doveva essere la manovra che aboliva la povertà e faceva gli interessi dei cittadini. Non c’è nulla di trasparente e di deciso dal parlamento. Una vergogna che ben presto colpirà anche i belli addormentati dei grillini e dei leghisti. Sentire oggi le continue balle di Di Maio e Salvini è veramente imbarazzante.

 

"

 

Ancora:

 

https://www.huffingt...ref=it-homepage

 

"

Protestano per pochi euro. Con la Fornero restarono in silenzio"

 

I sindacati di categoria: "Ci usano come bancomat". Il premier: "Neppure l'avaro di Molière forse si accorgerebbe di qualche euro al mese in meno"

 

"Neppure l'avaro di Molière forse si accorgerebbe di qualche euro al mese in meno", ha ironizzato Conte, che poi rivolto ai pensionati ha aggiunto: "Ora scendono in campo, ma li ricordo silenti per la legge Fornero. Facciano la loro protesta in strada, ma non c'è un attentato alle pensioni, abbiamo operato con discernimento per una redistribuzione".L'esternazione del presidente del Consiglio non è piaciuta al Pd: "La battuta di conte contro i pensionati ricorda molto le brioches di Maria Antonietta. Tagliano i soldi dei pensionati per finanziare le loro marchette e hanno il coraggio di ironizzare sulle proteste dei pensionati. Diciamo la verità: Casalino, questa non ti è venuta bene",

 

"

 

"qualche euro al mese in meno" => 

 

https://www.facebook...?type=3

 

 

https://www.facebook...?type=3


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#230 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 29 dicembre 2018 - 01:57

.... è scomodo perchè va contro il sistema ed è solo in questo senso che possiamo trovare una valanga di critiche da parte di quelli che vogliono restare nel sistema ....

 

Il sistema, quale sistema poi non è dato saperlo .  Ma è ovvio che si tratta di retorica o meglio d' aria fritta ( e ineffetti basta poco per aprire una friggitoria di aria sul web, ma non è da tutti poi conquistare il mercato dell' aria fritta , questo si)  . 

Ma sempre a proposito di sistema , leggiamo

 

https://thevision.co...pocrisia-casta/

 

"

L’insopportabile ipocrisia di chi ieri faceva l’anti-casta e oggi è la Casta

 

 

Non è facile smettere i panni degli urlatori, camuffare la natura di chi nasce per andare contro qualcosa o qualcuno, e non per costruire. Così la Lega e il M5S, volenti o nolenti, si sono ritrovati a svolgere un ruolo che rappresenta un unicum nella storia politica italiana degli ultimi decenni: continuare a essere forze d’opposizione, pur essendo al governo.

Se per anni il filo conduttore della narrazione si è ridotto a una lotta senza quartiere contro “il sistema”, viene spontaneo far luce su una propaganda che continua imperterrita, nonostante adesso il sistema siano loro. La funzione dell’anti-establishment si esaurisce quando si passa dall’altra parte della barricata. La storia ci insegna che, in gran parte dei casi, le forze rivoluzionarie che rovesciano una dittatura, poi ne instaurano un’altra. In questo contesto, Lega e M5S non sono una forza rivoluzionaria, quanto più un rigurgito da tastiera o un semplice e democratico voto di protesta. Ma soprattutto, non hanno defenestrato nessun dittatore. In caso, utilizzando un termine che hanno usato e abusato brandendolo come un’arma, hanno sostituito un’ipotetica vecchia casta con un’altra. La loro.

 

 

Ricordiamo tutti le filippiche contro le spese folli, l’incontro tra morale e retorica dietro il punto: “usate i soldi della gente”. Ecco, la nuova casta si è presto adeguata. Una volta insediato al Viminale, Matteo Salvini ha assunto come collaboratori tutti membri del suo team di comunicazione, aumentando loro lo stipendio. Con i “nostri soldi”, ovviamente. I post di Salvini che mangia Nutella o le invettive contro il clandestino di turno, “le paghiamo noi”. Per l’esattezza mille euro al giorno, come spiega un’inchiesta de L’Espresso. Sul versante Cinque Stelle la musica non cambia. Il ministero che spende più soldi (pubblici) è quello per lo Sviluppo Economico, con a capo Luigi Di Maio. Per viaggi, missioni ed extra, l’esborso arriva a 76,5 milioni di euro, che diventano 86,5 se si aggiungono le spese del Ministero del Lavoro, sempre in mano a Di Maio. Alla faccia dei viaggi in seconda classe.

 

La promessa di battersi contro l’occupazione coatta delle posizioni di potere, di quei ruoli chiave nelle aziende statali e nelle istituzioni, non è stata ovviamente mantenuta. Se prima la lottizzazione della Rai era una piaga da contrastare, adesso mettere Marcello Foa al vertice della televisione  pubblica è diventata la più naturale delle mosse. Non solo un uomo che gira palesemente nella loro orbita quindi, ma anche uno avvezzo alla diffusione di bufale e complotti di bassa lega. Allo stesso modo, è naturale posizionare alla direzione delle reti e dei telegiornali figure amiche. Inoltre, il figlio di Foa è stato assunto nello staff di Salvini, ed è il paradigma di un clientelismo non più celato, ma rivendicato con orgoglio. Il M5S non si è limitato a piazzare gli uomini di fiducia, vuole anche controllare gli argomenti da trattare. Ha chiesto infatti per la Rai una Commissione per la divulgazione scientifica, per selezionare i temi da trasmettere attraverso il servizio pubblico.

Salta all’occhio anche la proposta di confinare Fabio Fazio su Rai3, togliendogli la prima serata sulla rete ammiraglia, in seguito ad anni di forti critiche sul web, sia da parte dei Cinque Stelle che della Lega. Si scrive ricollocazione, si legge editto bulgaro.

 

...

 

La nuova casta prevede inoltre la demonizzazione di svariate categorie (giornalisti, politici avversari, l’Europa come entità astratta) per mantenere lo status di opposizione, e cioè mostrare al popolo la lunga scia di una battaglia che non si conclude una volta ottenuta la vittoria elettorale. Non a caso continuano a fare manifestazioni in piazza, oppure insistono nell’attaccare i politici del passato come se fossero ancora al comando. Perché una volta creato il nemico, la sacca del boxeur resta utile per ogni stagione. Non è possibile rinnegare un’avversione o cambiare i connotati della propria identità: forze distruttrici erano, forze distruttrici rimangono. Dunque la campagna elettorale continua, diventa permanente, sposta la politica dai luoghi abituali (un Parlamento che sta diventando un simulacro inutile) a quelli a loro cari, cioè l’arena della rete. Un intervento in Parlamento è meno efficace di una diretta su Facebook: è questa la logica che muove la loro strategia comunicativa.

 

 

..

 

Per un movimento idealista senza ideali (i Cinque Stelle) e un partito patriottico senza patria (a meno che non si voglia considerare la Padania una nazione, la Lega), trovarsi immersi nel sistema fino al collo è la peggiore punizione che potessero affrontare. Risultare dei credibili ribelli dalla stanza dei bottoni è compito arduo. Loro darebbero un rene per far passare il messaggio: “Siamo l’umore del popolo che prende il potere, come se i gilet gialli conquistassero l’Eliseo”. Ma non è così. Il loro governo è farcito di personaggi che rappresentavano il sistema (quello che volevano combattere) già da quando Salvini era seduto su un banco di scuola e Di Maio non era nemmeno nato. Basti pensare a Paolo Savona, fatto passare per rivoluzionario ma per decenni a capo delle più importanti multinazionali, nonché a stretto contatto con Berlusconi.

 

Si rassegnino: non sono più (o non sono mai stati) la chiave per aprire la scatoletta di tonno, o qualunque altra metafora fantasiosa abbiano voluto usare. Adesso sono il potere, un ruolo che a quanto pare gli piace parecchio.

 

"


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#231 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 30 dicembre 2018 - 11:32

Le varie manove finaziarie degli ultimi decenni sono state alla fine sempre un buco in piu' alla cintura, l' ultima poi non è da meno,  altro che il doblone celto longobardo promesso in campagna elettorale (beato chi dopo tanti anni, campagna elettorale dopo campagna elettorale, ci crede ancora) .

 

E così sui media comapiono sempre di piu' i sottoprodotti conseguenti dell' edonismo reganiano - che in mutate vesti continua a mietere consensi incredibili specialmente tra i poveri -, quelli che insegnano al prossimo come arrabbattarsi per sbarcare il lunario;  l'audiences prima di tutto. 

 

E così assistiamo a serie televisive che mostrano gente che va in posti sperduti a scavare in cerca di oro e altri minerali pregiati, o gente che compra implausibili vecchie auto , le sistema alla meglio e riesce a rifilarle poi a qualcuno; ancora ci sono servizi su come preparae a loro dire succulenti piatti con pochi ingredienti poveri.

 

Insomma la povertà che si vede in giro, povertà indotta sia dalla politica sempre meno seria, sia dalle varie crisi economiche,  oltre alla letteratura distopica, a cui cinematogarfia e fumettistica da tempo ci hanno abituati ormai da tempo, viene colta dal marketing come un ' opportunità per una nuova nicchia di mercato.

 

Il mondo va cosi',  non ci possiamo mica fare niente e così leggiamo :

 

https://www.linkiest...e-vivere/40576/

 

"

Propositi per l’anno nuovo: ecco come fare fronte alla scarsità, e vivere felici.

 

La scarsità non è solo povertà di danaro o di risorse, ma anche di tempo. E soprattutto di attenzione. Due economisti comportamentali spiegano le strategie per riconoscere, fare fronte, e uscire dal problema della scarsità. Sia a livello personale che collettivo

 

Per combattere la povertà – la scarsità cronica di denaro – occorre cogliere il filo che la lega a tanti altri esempi di scarsità: dalla mancanza di tempo di chi è oberato dagli impegni lavorativi alla solitudine di chi si trasferisce in una nuova città. Sendhil Mullainathan e Eldar Shafir dimostrano che la scarsità influenza, a un livello subconscio, incontrollabile, le capacità cognitive e i comportamenti. Concentra tutte le energie intellettuali sulle risorse che mancano, migliorando la prontezza e l’efficienza nel rispondere alle esigenze più pressanti. Ma così facendo «cattura» la mente: se siamo preoccupati per la scarsità, abbiamo meno attenzione da dedicare a tutto il resto. Diventiamo meno intuitivi, meno lungimiranti, meno controllati: affrontare ristrettezze economiche riduce le capacità cognitive di una persona più di un’intera notte insonne. In quest’ottica non solo la povertà globale, ma anche i problemi della nostra vita quotidiana acquistano nuova luce.

...

"

 

Pazienza, ci dovremo abituare a ste storie di "bande " sempre piu' strette , vista la politica sempre meno seria che ci stiamo man mano dando .


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#232 Alexandɘr

Alexandɘr

    Utente Senior

  • Utenti
  • 261 messaggi

Inviato 31 dicembre 2018 - 10:40

Le varie manove finaziarie degli ultimi decenni sono state alla fine sempre un buco in piu' alla cintura

Quindi sei in grado di fare un raffronto critico, dettagliato e motivato delle leggi di bilancio degli ultimi anni (anzi "decenni") ? Bene, esponi pure.

 

quelli che insegnano al prossimo come arrabbattarsi per sbarcare il lunario

Beh, non è così difficile. Ci saranno robe tipo scivoli, carrucole ecc. E poi dipende da quanto pesa 'sto lunario. L'importante è che non sfiori la massa di alcune grandi rocce marziane, che tuttavia (come ben sappiamo) spostandosi da sole danno esse stesse un aiuto nello sbarcarsi.

Per lo sbarco de “il uranio” invece si fa con più cautela, ovviamente. Leggiamo. Ma sorvoliamo.

 

E così assistiamo a serie televisive che mostrano gente che va in posti sperduti a scavare in cerca di oro e altri minerali pregiati, o gente che compra implausibili vecchie auto , le sistema alla meglio e riesce a rifilarle poi a qualcuno; ancora ci sono servizi su come preparae a loro dire succulenti piatti con pochi ingredienti poveri

Ecco cosa fai quando non sei qui a copiaincollare. Stai a vedere tutte le serie tv di Dmax. Peccato che nel discutere di politica non ti ispiri a Vero o Fake?

 

povertà indotta sia dalla politica sempre meno seria, sia dalle varie crisi economiche...viene colta dal marketing come un ' opportunità per una nuova nicchia di mercato

Meno male, stavo in pensiero. Ancora non lo avevi scritto “marketing”...

 

leggiamo : https://www.linkiest...e-vivere/40576/

"Propositi per l’anno nuovo: ecco come fare fronte alla scarsità, e vivere felici"

Mmmh, preferisco i consigli di Corona

Spoiler

 

affrontare ristrettezze economiche riduce le capacità cognitive di una persona più di un’intera notte insonne

Perciò, se tanto mi dà tanto, tu che posti spesso alle tre del mattino...

Lo dice la comunitah scientificah, eh !

 

Pazienza, ci dovremo abituare a ste storie di "bande " sempre piu' strette , vista la politica sempre meno seria che ci stiamo man mano dando

Ma “stiamo” chi ? Tu non stai a Lugano ? Che te ne importa di quello che accade in Italia o dell'euro ? Pensa a fare le maratone, così smaltisci pure la cioccolata.



#233 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 10535 messaggi

Inviato 31 dicembre 2018 - 10:57

Quindi sei in grado di fare un raffronto critico, dettagliato e motivato delle leggi di bilancio degli ultimi anni (anzi "decenni") ? Bene, esponi pure.

 

Beh, non è così difficile. Ci saranno robe tipo scivoli, carrucole ecc. E poi dipende da quanto pesa 'sto lunario. L'importante è che non sfiori la massa di alcune grandi rocce marziane, che tuttavia (come ben sappiamo) spostandosi da sole danno esse stesse un aiuto nello sbarcarsi.

Per lo sbarco de “il uranio” invece si fa con più cautela, ovviamente. Leggiamo. Ma sorvoliamo.

 

Ecco cosa fai quando non sei qui a copiaincollare. Stai a vedere tutte le serie tv di Dmax. Peccato che nel discutere di politica non ti ispiri a Vero o Fake?

 

Meno male, stavo in pensiero. Ancora non lo avevi scritto “marketing”...

 

Mmmh, preferisco i consigli di Corona

Spoiler

 

Perciò, se tanto mi dà tanto, tu che posti spesso alle tre del mattino...

Lo dice la comunitah scientificah, eh !

 

Ma “stiamo” chi ? Tu non stai a Lugano ? Che te ne importa di quello che accade in Italia o dell'euro ? Pensa a fare le maratone, così smaltisci pure la cioccolata.

Bellissimo Alexander, concordo in pieno.....



#234 madmax

madmax

    Utente Full Optional

  • Utenti
  • 8282 messaggi

Inviato 01 gennaio 2019 - 02:15

Si ma il fenomeno Fusaro è di un cattedratico di filosofia spicciola da tal shhow per ammansire od orientare il consenso.Tutto qui....Ci dovrebbe essere il giusto equilibrio fra il dire e il fare.Non che dici bene e poi razzoli male....Comunque sia i problemi non si risolvono con la "dialettica"...questo è poco ma sicuro...


"Significa una totale libertà. In questa libertà c'è un'enorme energia, perchè non c'è nessun conflitto, nessuna lotta. Nulla!"


 
 
 
 

#235 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 09 gennaio 2019 - 03:12

Sulla nazionalizzazione delle banche:

 

https://www.uominieb...nchiatediDiMaio

 

"

Nazionalizziamo le banche, con soldi che arrivano dal cielo. Sul Web fedina penale dei deputati, dice Grillo: cominciano dalla sua, è interessante, anche se non è deputato.

 

di Giuseppe Turani |

 

 

09/01/2019

 

La Germania, la più grande economia europea, verso la recessione. Ma la Germania è il nostro miglior cliente. Se va in recessione, le possibilità dell’Italia di seguirla sono pari esattamente al 100 per cento. In questo caso la manovra (tutta spago e colla di Tria) salta per aria e viene inghiottita dalla necessità di nuove tasse. Si riparte da zero. Magari con Cottarelli. Tutto questo, però, non sembra scalfire la serena determinazione di Bibi e Bibò. Loro si divertono con altre cose, come il guru sognante che sta sulla collina di genovese:

 

1- Grillo pensa che, in questa situazione, sarebbe interessante pubblicare i casellari giudiziari dei deputati: ai cittadini interesserebbe molto, dice. Sì, alle sue tricoteuse. Tutti gli altri vorrebbero un lavoro e di che vivere. E cosa ci sarà mai in questi casellari giudiziari, visto che nemmeno un deputato è in galera? L’unico con una condanna in terzo grado (quindi definitiva) per omicidio colposo è lo stesso Grillo e questa, fino a oggi, sembra essere la condanna più grave nel mondo della politica. Il primo a silenziarsi (se questo era lo scopo) dovrebbe essere lui: la scienza, il buonsenso e la pace in terra ne trarrebbero grandissimo beneficio.

 

2- Intanto, il suo allievo prediletto (forse), e cioè Luigi Di Maio, concede grande intervista a “Il fatto quotidiano” per affermare grandissima minchiata: le banche diventino statali. Lo erano Giggino, lo sono state per decenni, perché avevano finanziato imprese poi andate a male. Le possedeva l’Iri, poi sciolto. E non appena è stato possibile, le banche sono state rimesse sul mercato, come in tutti i paesi del mondo, meno forse quelli comunisti. Nessuno ha le banche statali. Come nessuno ha le aziende statali per fare le scarpe o i giubbotti del suo amico Dibba. Riprova domani, con un’altra minchiata: al “Fatto” ti aspettano e ti daranno di nuovo la prima pagina, meriti di essere valorizzato.

 

3- In attesa di nazionalizzare tutte le banche (che oggi sono sul mercato e che quindi costano miliardi, nemmeno uno sceicco le può comprare) Di Maio e i suoi amici salvano la banca Carige, con provvedimento fotocopia rispetto a quello fatto dai governi precedenti con Mps. Ma, dicono, è tutto diverso. Peccato che invece sia tutto uguale. Se ne sta accorgendo anche la base grillina: per anni tu e il guru della collina avete spiegato che le banche sono l’inferno, luoghi di malaffare e di truffa, e che i loro dirigenti andavano messi in galera. Adesso le salvate: la vostra gente non vi capisce più. Teme colossale presa per il culo (e in effetti…), ciò che era vero ieri è falso oggi, e domani?

 

4- La verità ì che avete predicato cose senza senso e oggi ve ne state accorgendo. Pd e Forza Italia non fanno una grande opposizione, va detto, ma la realtà sì.

Alla fine, vincerà la realtà.

 

 

"

 

No, la realtà non vincerà,  perchè essa è stata sostituita da tante realtà create ad hoc proiettate dal web e dai media sulle pareti della bolla, fatta di pregiudizio di conferma,  in cui i medesimi ci hanno rinchiuso  buttando poi via la chiave .

 

Altro che fasce di Van Allen che ci tengono prigionieri  su questo pianeta.


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#236 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 8172 messaggi

Inviato 10 gennaio 2019 - 03:07

No, la realtà non vincerà,  perchè essa è stata sostituita da tante realtà create ad hoc proiettate dal web e dai media sulle pareti della bolla, fatta di pregiudizio di conferma,  in cui i medesimi ci hanno rinchiuso  buttando poi via la chiave .
 
Altro che fasce di Van Allen che ci tengono prigionieri  su questo pianeta.

queste perle di NON sense andrebbero segnalate alla gialappa's per la sezione delle interviste possibili, NON certo in una discussione politica seria, ma ovviamente lo schiavo, ormai scevro di ogni propria capacità critica o logica, segue il trend comportamentale imposto dal padrone.
la nobiltà dello schiavo è la ribellione

#237 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 12 gennaio 2019 - 01:45

"Non ci sarà nessun boom anni '60"

 

https://www.uominieb...ssunboomanni'60

 

"

Di Maio e Casaleggio non sanno niente, ma in compenso delirano. La rivoluzione informatica c'è già stata. Sono loro due a essere in ritardo.

 

di Giuseppe Turani |

 

 

12/01/2019

 

Impossibile dare torto a Umberto Minopoli, quando scrive che: “Di Maio è il simbolo del sonno italiano: il Titanic affonda e lui, ubriaco sulla tolda, straparla di boom economico alle porte. Delirio. Il 2019 si presenta come l'anno dello sprofondo: la produzione industriale si è fermata. Anche in Europa si difende il premier Conte. Non ci dice che se l'Europa ha il raffreddore, l'Italia ha la polmonite: sta entrando nella recessione conclamata. E non per virtu' dello Spirito Santo.”.

1- Ma c’è di più. La dichiarazione di Di Maio conferma che quelli che stanno alle sue spalle (la Casaleggio) sono ignoranti quanto lui. Solo chi non sappia niente, ma proprio niente, di storia economica può immaginare nell’immediato futuro un altro boom anni ’60.

2- Quel boom avvenne in un contesto di economia mondiale post-bellica in crescita.

3- E fu trascinato all’interno da alcuni drive importantissimi:

- Rete infrastrutturale da costruire (strade, telefoni, energia elettrica)

- motorizzazione del paese (motorette, scooter, automobili)

- disponibilità di mano d’opera meridionale a costi bassi

- avvio di case popolari e welfare

- popolazione italiana in crescita

- flusso di grandi innovazioni tecnologiche

4- Di tutto questo oggi non resta nulla. Semmai abbiamo quasi l’esatto contrario di tutto. La popolazione è in diminuzione costante. La mano d’opera del Sud non cerca una fabbrica al Nord, ma un reddito di cittadinanza da incassare sul proprio divano.

5- Ma - Dice Di Maio – se gli anni ’60 sono stati gli anni delle autostrade, noi faremo quelle informatiche. Si calmi: nella civiltà informatica siamo dentro da qualche decennio. Amazon esiste già, come Google e tutto il resto. I risultati, per noi, finora sono stati molto modesti: provi a chiedersi perché.

6- Tutti gli anni i governi indiano e cinese mandano una commissione nella Silicon Valley per studiare quel fenomeno. E tutti gli anni la risposta è la stessa: non imitabile. La Silicon è un misto di altissima istruzione, di centri di ricerca straordinari (al Jpl progettano le missioni spaziali, mica le piattaforme Rousseau, hanno mandato ai confini del sistema solare delle sonde caricate con computer equivalenti a un Commodore per ragazzi, nessuno sa come abbiano fatto, ma quelle sonde ancora trasmettono…), di capital venture disposti a rischiare, di gente che inventa cose fantastiche nei garage. Di libertà quasi assoluta. Siamo all’opposto di un mondo dominato da una setta fanatica e diretta da ignoranti.

7- Ancora: nella Silicon Valley trovi tutti, compreso il nostro Federico Faggin, l’inventore del microchip (ma è andato alla Intel a inventarlo…), non chiedono il passaporto a nessuno, basta che siano bravi e hanno subito un posto a tavola.

8- Non è, come si vede, il ritratto dell’Italia di oggi e meno ancora dell’Italia immaginata e rappresentata dallo svalvolato Di Maio, che fatica con i congiuntivi.

9- A Pasadena, sede del Jpl, i ricercatori vivono in villette sparse sulle colline che circondano la sede principale. Ogni domenica sera vengono visitati dai responsabili di Microsoft e delle altre big dell’informatica: vogliono essere sicuri che nel week end non abbiano inventato qualcosa di potenzialmente catastrofico per i loro affari. A Pomigliano, giovane Di Maio, non va nessuno, solo tu e Dibba.

10- In conclusione. Il grande boom tipo anni ’60, trascinato dall’informatica, non ci sarà perché la rivoluzione informatica c’è già stata. Altrove."

 

"


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#238 madmax

madmax

    Utente Full Optional

  • Utenti
  • 8282 messaggi

Inviato 12 gennaio 2019 - 06:49

"Non ci sarà nessun boom anni '60"

 

https://www.uominieb...ssunboomanni'60

 

"

Di Maio e Casaleggio non sanno niente, ma in compenso delirano. La rivoluzione informatica c'è già stata. Sono loro due a essere in ritardo.

 

di Giuseppe Turani |

 

 

12/01/2019

 

Impossibile dare torto a Umberto Minopoli, quando scrive che: “Di Maio è il simbolo del sonno italiano: il Titanic affonda e lui, ubriaco sulla tolda, straparla di boom economico alle porte. Delirio. Il 2019 si presenta come l'anno dello sprofondo: la produzione industriale si è fermata. Anche in Europa si difende il premier Conte. Non ci dice che se l'Europa ha il raffreddore, l'Italia ha la polmonite: sta entrando nella recessione conclamata. E non per virtu' dello Spirito Santo.”.

1- Ma c’è di più. La dichiarazione di Di Maio conferma che quelli che stanno alle sue spalle (la Casaleggio) sono ignoranti quanto lui. Solo chi non sappia niente, ma proprio niente, di storia economica può immaginare nell’immediato futuro un altro boom anni ’60.

2- Quel boom avvenne in un contesto di economia mondiale post-bellica in crescita.

3- E fu trascinato all’interno da alcuni drive importantissimi:

- Rete infrastrutturale da costruire (strade, telefoni, energia elettrica)

- motorizzazione del paese (motorette, scooter, automobili)

- disponibilità di mano d’opera meridionale a costi bassi

- avvio di case popolari e welfare

- popolazione italiana in crescita

- flusso di grandi innovazioni tecnologiche

4- Di tutto questo oggi non resta nulla. Semmai abbiamo quasi l’esatto contrario di tutto. La popolazione è in diminuzione costante. La mano d’opera del Sud non cerca una fabbrica al Nord, ma un reddito di cittadinanza da incassare sul proprio divano.

5- Ma - Dice Di Maio – se gli anni ’60 sono stati gli anni delle autostrade, noi faremo quelle informatiche. Si calmi: nella civiltà informatica siamo dentro da qualche decennio. Amazon esiste già, come Google e tutto il resto. I risultati, per noi, finora sono stati molto modesti: provi a chiedersi perché.

6- Tutti gli anni i governi indiano e cinese mandano una commissione nella Silicon Valley per studiare quel fenomeno. E tutti gli anni la risposta è la stessa: non imitabile. La Silicon è un misto di altissima istruzione, di centri di ricerca straordinari (al Jpl progettano le missioni spaziali, mica le piattaforme Rousseau, hanno mandato ai confini del sistema solare delle sonde caricate con computer equivalenti a un Commodore per ragazzi, nessuno sa come abbiano fatto, ma quelle sonde ancora trasmettono…), di capital venture disposti a rischiare, di gente che inventa cose fantastiche nei garage. Di libertà quasi assoluta. Siamo all’opposto di un mondo dominato da una setta fanatica e diretta da ignoranti.

7- Ancora: nella Silicon Valley trovi tutti, compreso il nostro Federico Faggin, l’inventore del microchip (ma è andato alla Intel a inventarlo…), non chiedono il passaporto a nessuno, basta che siano bravi e hanno subito un posto a tavola.

8- Non è, come si vede, il ritratto dell’Italia di oggi e meno ancora dell’Italia immaginata e rappresentata dallo svalvolato Di Maio, che fatica con i congiuntivi.

9- A Pasadena, sede del Jpl, i ricercatori vivono in villette sparse sulle colline che circondano la sede principale. Ogni domenica sera vengono visitati dai responsabili di Microsoft e delle altre big dell’informatica: vogliono essere sicuri che nel week end non abbiano inventato qualcosa di potenzialmente catastrofico per i loro affari. A Pomigliano, giovane Di Maio, non va nessuno, solo tu e Dibba.

10- In conclusione. Il grande boom tipo anni ’60, trascinato dall’informatica, non ci sarà perché la rivoluzione informatica c’è già stata. Altrove."

 

"

Ma qui si fa una critica sterile però...Come se "il gruppo casaleggio" non sappia cosa sta facendo...Quindi gli si imputa una lungimiranza miope figlia di altri tempi.Poi "il gruppo" non finisce sull'ingresso della casaleggio associati...Sembra che facciano finta di non voler ammettere che il regista del film della casaleggio associati non sia l'alterego di Kubrick che per poter fare cio' che faceva aveva bisogno di essere sostenuto e foraggiato.Allora sarebbe interessante capire fin dove arrivano gli interessi di una società a responsabilità limitata che ha a contratto politici e "altro" ingerendo come gruppo di pressione  nella vita istituzionale del paese.

 

Il registro dei lobbisti

Nel marzo 2012 la Presidenza del Senato italiano aveva annunciato[28] l'intenzione di istituire un registro dei lobbisti, intendendo con questo termine i soggetti che, con trasparenza, hanno il compito di rappresentare ai poteri amministrativi o a quelli legislativi le richieste dei gruppi di pressione[29]. I media si sono ampiamente occupati della questione[30], anche se da diversi parti si sottolinea la necessità di porre una distinzione, basata sulla trasparenza e sulla deontologia nei contatti, tra la figura del lobbista e quella del faccendiere[31][32][33].

Sono attivi 4 registri nazionali (MIPAAF dal 2015, MISE da settembre 2016, Camera dei deputati da marzo 2017, MISPA da maggio 2017), 5 registri regionali (Toscana, Abruzzo, Lombardia, Calabria, Puglia), la cui struttura riprende il modello del Registro della Trasparenza della UE (con sezioni dedicate a lobbisti interni, lobbisti esterni, ong, think tank, soggetti della rappresentanza territoriale; e con incentivi selettivi per la registrazione), mentre sembra ancora impraticabile l'ipotesi di emanazione di una legge nazionale sul tema.

 

https://it.wikipedia...po_di_pressione


"Significa una totale libertà. In questa libertà c'è un'enorme energia, perchè non c'è nessun conflitto, nessuna lotta. Nulla!"


 
 
 
 

#239 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 13 gennaio 2019 - 08:02

Il registro dei lobbisti

Nel marzo 2012 la Presidenza del Senato italiano aveva annunciato[28] l'intenzione di istituire un registro dei lobbisti, intendendo con questo termine i soggetti che, con trasparenza, hanno il compito di rappresentare ai poteri amministrativi o a quelli legislativi le richieste dei gruppi di pressione[29]. I media si sono ampiamente occupati della questione[30], anche se da diversi parti si sottolinea la necessità di porre una distinzione, basata sulla trasparenza e sulla deontologia nei contatti, tra la figura del lobbista e quella del faccendiere[31][32][33].

Sono attivi 4 registri nazionali (MIPAAF dal 2015, MISE da settembre 2016, Camera dei deputati da marzo 2017, MISPA da maggio 2017), 5 registri regionali (Toscana, Abruzzo, Lombardia, Calabria, Puglia), la cui struttura riprende il modello del Registro della Trasparenza della UE (con sezioni dedicate a lobbisti interni, lobbisti esterni, ong, think tank, soggetti della rappresentanza territoriale; e con incentivi selettivi per la registrazione), mentre sembra ancora impraticabile l'ipotesi di emanazione di una legge nazionale sul tema.

 

https://it.wikipedia...po_di_pressione

 

 

Il registro del lobbisti , ossia schedare il prossimo dal punto di vista ideologico .

 

Se è così, se portare un legittimo interesse per i propri affari significa essere lobbisti e finire schedati, Io dico che siamo alla frutta proprio ( o alla pazzia, ma entrambe le cose inquietano ) .

 

Già la deinstruzializzazione procede spedita da decenni,  se il propietario di una fabbrica , oltre a dover combatere conro la cattiva politica, contro la criminalità, contro invasati di ogni tipo che appena vedono qualcosa simile ad una attività produttiva gli viene un coccolone , c'è mica da stupirsi se poi scappano in Cina*  o altrove  a gambe levate.

 

 

*

I paradossi della storia, il capitalismo fugge in Cina  - e i ricchi a Mosca -


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#240 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 13 gennaio 2019 - 08:05

"È vero, Di Maio: siamo alla vigilia di un boom economico. Peccato ci stiate portando nella direzione opposta"

 

https://www.linkiest...-ci-stia/40716/

 

"


Se davvero volessimo diventare una smart nation, come dice il vicepresidente del consiglio dovremmo spendere tutto in scuola, ricerca, innovazione, semplificazione digitale, partecipazione femminile al mercato del lavoro. E invece in manovra ci sono tagli all’istruzione e soldi ai pensionati*

 

"

 

 

https://www.linkiest...e-numeri/40714/

 

"

Aiuto, la recessione è in arrivo. E la manovra del cambiamento farà ancora più disastri
Nel 2018 si è arrestata la crescita dei due anni precedenti, e ora l’industria risente della frenata congiunturale. Se il pil non aumenterà come pronosticato dal governo, ci ritroveremo di nuovo in piena crisi (altro che Quota 100 e reddito di cittadinanza). Un’inversione di marcia è d’obbligo

 

"

 

Ci salverà il doblone celto longobardo?

 

 

*

E a chi fa sindacato:
 

https://rep.repubbli...0-C8-P1-S1.8-T1

 

https://www.globalis...oi-2035995.html

 

"La recessione è alle porte e il capetto M5s cavalca un po' di rancore da dare in pasto alla gente: "dopo i parlamentari taglieremo le pensioni ai sindacalisti"."


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi