Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

Perchè l'Euro??


  • Per cortesia connettiti per rispondere
239 risposte a questa discussione

#1 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 10535 messaggi

Inviato 12 maggio 2018 - 10:46

Le posizioni politiche si capiscono bene: c’è l’inversione della rappresentanza. Chi ha voluto l’euro è stata la sinistra internazionale, dai Delors ai Blair, con Clinton e fino a Prodi; la socialdemocrazia tedesca e l’azionismo italiano dei Ciampi e Padoa Schioppa. Ma così questa sinistra ha condannato alla povertà la classe media, nella sua definizione americana, cioè con dentro anche gli operai. Insomma, tutta la gente onesta. Quindi ora non la può più rappresentare. Chi ci può pensare? La destra moderata. Ecco perché hanno fatto fuori Berlusconi, nel 2011. E direi che lo stesso è appena accaduto a Fillon: i magistrati francesi hanno fatto un piacere agli eurocrati

 

Giulio Sapelli, ordinario di storia economica all’Università Statale di Milano

Per Amoroso, che ha scritto “Euro in bilico”, le radici della crisi dell’eurozona affondano oltre oceano, nelle sedi delle cinque grandi banche d’affari, GoldmanSachs in testa, e delle tre agenzie di rating americane, che hanno lanciato una vera e propria offensiva «per riprendere il controllo del sistema economico e politico mondiale perso dagli Usa» nell’ultima decade.

 

Bruno Amoroso è docente di Economia Internazionale presso l’Università Roskilde in Danimarca, coordina programmi di ricerca e cooperazione con i Paesi dell’Asia e del Mediterraneo

Se lasciamo l' euro i risparmiatori si impoveriscono...

 

«Chi lo dice fa terrorismo. Se usciamo dall' euro, sul mercato interno non cambia il potere d' acquisto del singolo. La svalutazione poi pomperebbe il mercato».

 

Prof. Alberto Bagnai docente di economia a Chieti ed a Pescara

 

La campagna elettorale ci ha restituito il professor Alberto Bagnai, economista docente a Chieti e Pescara, massimo esponente italiano della critica all’euro, anche concertista di pregio (clavicembalo, soprattutto), sicuramente prontissimo a suonare in una marcia funebre per la detestata moneta unica europea. Bagnai è candidato in Centro Italia per la Lega e così pure un altro antieuro, Claudio Borghi Aqulini, più organico alla Lega di quanto non sia Bagnai e di cui però non mette conto parlare troppo, perché più folcloristico che altro, e pronto a spararle alla grande. Bagnai invece mette il suo lavoro accademico di buon livello, anche per chi non ne approva affatto le conclusioni, a servizio di una battaglia di idee che conduce a una sola conclusione: l’euro deve morire, se vogliamo salvarci.

 



#2 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 10535 messaggi

Inviato 13 maggio 2018 - 10:38

Prima di adottare l'euro, l'Italia aveva un debito pubblico di 2000 miliardi di lire, che equivalgono grosso modo a 100 milioni di euro. Attualmente dopo 15 anni il debito è di 4350 miliardi di euro, il che significa che in 15 anni il debito è aumentato di 43 volte



#3 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 14 maggio 2018 - 04:04

Tranquillo.

 

"l conto finale del programma Salvini-Di Maio sarà sopra i 100 miliardi. Stamperemo moneta, dicono. Ma l'Italia non stampa moneta da anni. I soldi li stampa solo Draghi."

 

 

di Giuseppe Turani

 

13/05/2018

 

Si sente dire che Bibi e Bibò abbiano già raggiunto l’accordo su 7-8 argomenti, ma che intendano arrivare almeno a dieci. Secondo i primi calcoli, la parte ci accordo già raggiunta costerebbe sui 60-70 miliardi. Il gran finale dovrebbe superare i 90. Poi ci sono i 20 miliardi di euro per evitare lo scatto dell’Iva e qualche arretrato. E siamo sui 110 miliardi.

A domanda “ma chi paga”, uno di quelli addetti alla stesura del “contratto per il governo del cambiamento” avrebbe risposto: faremo come il Giappone, stamperemo soldi.

 

http://www.uominiebu...overnocolabrodo

 

110 miliardi.

 

Il doppio della manovra economcia  del governo amato negli anni 90

 

"Stamperemo moneta"

 

Ma dicono sul serio ?

 

i debiti si sanano così ? In tipografia?

 

Pare di si, o meglio, hanno trovato il cappotto di Napoleone :

 

https://www.corriere...66002592e.shtml

 

"Per Flat Tax, pensioni e reddito di cittadinanza le risorse arriverebbero da un condono fiscale, dal taglio delle agevolazioni e dalla crescita."

 

"Il problema è quello di sempre: dove trovare i soldi. Ma anche come costruire in concreto le coperture.

 

Nel primo anno la flat tax dovrebbe essere finanziata con un condono che consentirebbe di chiudere i conti aperti con il Fisco pagando il 10% del dovuto. Una misura una tantum che porterebbe in dote circa 30 miliardi di euro. Nel primo anno basterebbe, sempre che funzioni. Negli anni successivi il condono verrebbe sostituito da un’altra voce: l’aumento del gettito portato dalla crescita dei consumi, spinti a loro volta proprio dal taglio delle tasse. Si resterebbe in pari, o quasi. Con un problema però.

Il minore incasso legato al taglio delle tasse sarebbe una certezza. Il maggiore incasso che lo dovrebbe compensare solo una probabilità. Il costo reale della flat tax, quindi, potrebbe essere più alto. Ma soprattutto condono e crescita non possono essere utilizzate come coperture."

 

In sintesi sai che novità, meno tasse per i ricchi.

 

E nell' immagginario collettivo  passano pure per dei Robin Hood che lottano contro i poteri forti.

 


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#4 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 1754 messaggi

Inviato 14 maggio 2018 - 07:13

 

Tranquillo.

 

"l conto finale del programma Salvini-Di Maio sarà sopra i 100 miliardi. Stamperemo moneta, dicono. Ma l'Italia non stampa moneta da anni. I soldi li stampa solo Draghi."

 

 

di Giuseppe Turani

 

13/05/2018

 

Si sente dire che Bibi e Bibò abbiano già raggiunto l’accordo su 7-8 argomenti, ma che intendano arrivare almeno a dieci. Secondo i primi calcoli, la parte ci accordo già raggiunta costerebbe sui 60-70 miliardi. Il gran finale dovrebbe superare i 90. Poi ci sono i 20 miliardi di euro per evitare lo scatto dell’Iva e qualche arretrato. E siamo sui 110 miliardi.

A domanda “ma chi paga”, uno di quelli addetti alla stesura del “contratto per il governo del cambiamento” avrebbe risposto: faremo come il Giappone, stamperemo soldi.

 

http://www.uominiebu...overnocolabrodo

 

110 miliardi.

 

Il doppio della manovra economcia  del governo amato negli anni 90

 

"Stamperemo moneta"

 

Ma dicono sul serio ?

 

i debiti si sanano così ? In tipografia?

 

Pare di si, o meglio, hanno trovato il cappotto di Napoleone :

 

https://www.corriere...66002592e.shtml

 

"Per Flat Tax, pensioni e reddito di cittadinanza le risorse arriverebbero da un condono fiscale, dal taglio delle agevolazioni e dalla crescita."

 

"Il problema è quello di sempre: dove trovare i soldi. Ma anche come costruire in concreto le coperture.

 

Nel primo anno la flat tax dovrebbe essere finanziata con un condono che consentirebbe di chiudere i conti aperti con il Fisco pagando il 10% del dovuto. Una misura una tantum che porterebbe in dote circa 30 miliardi di euro. Nel primo anno basterebbe, sempre che funzioni. Negli anni successivi il condono verrebbe sostituito da un’altra voce: l’aumento del gettito portato dalla crescita dei consumi, spinti a loro volta proprio dal taglio delle tasse. Si resterebbe in pari, o quasi. Con un problema però.

Il minore incasso legato al taglio delle tasse sarebbe una certezza. Il maggiore incasso che lo dovrebbe compensare solo una probabilità. Il costo reale della flat tax, quindi, potrebbe essere più alto. Ma soprattutto condono e crescita non possono essere utilizzate come coperture."

 

In sintesi sai che novità, meno tasse per i ricchi.

 

E nell' immagginario collettivo  passano pure per dei Robin Hood che lottano contro i poteri forti.

 

 

 

Ma di quali debiti parli?  Lo sai che è tutta una montatura vero?

La BCE ha dentro di se le banche europee private come soci.

Le banche private possono prestare fino a 9 volte la somma depositata. Senza considerare che la BCE presta alle banche private (cioè agli stessi soci) ad una somma fissa pari al 1% (forse oggi 2 non ricordo)

Mentre sul circuito nazionale sono arrivati a prestare a tassi di usura ed a cani e porci generando una serie di crack bancari a cascata. 

In pratica i soldi prestati non esistono. Anche loro fanno come i falsari senza nemmeno preoccuparsi della carta. Inseriscono la moneta elettronicamente e PUFF si è messo in atto un bluff.

Quindi l'Italia cosa deve restituire? la fuffa? Il virtuale? quello che non esiste? E dai......


  • arjanedda piace questo

#5 metallica

metallica

    Metallica

  • Utenti
  • 7501 messaggi

Inviato 14 maggio 2018 - 07:21

È tutto una fregatura. La BCE, che ha sotto di se le banche italiane, presta soldi creati virtualmente tramite il computer alle banche italiane. Il popolo italiano poi si vede addebitare interessi reali su un prestito virtuale. Ma come l'hanno studiata bene

For whom the bell tolls


#6 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 1754 messaggi

Inviato 14 maggio 2018 - 07:36

È tutto una fregatura. La BCE, che ha sotto di se le banche italiane, presta soldi creati virtualmente tramite il computer alle banche italiane. Il popolo italiano poi si vede addebitare interessi reali su un prestito virtuale. Ma come l'hanno studiata bene

 

Loro ti prestano il nulla e tu in cambio gli dai la tua vita ed i tuoi beni.

Hanno inventato il monopoli su scala europea.



#7 Ignorante

Ignorante

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 8172 messaggi

Inviato 14 maggio 2018 - 07:54

 

...

 

E nell' immagginario collettivo  passano pure per dei Robin Hood che lottano contro i poteri forti.

 

 

nell'immaginario collettivo, quello di cn per lo meno, passi solo per un cialtrone. tutto quello che riporti sono voci e ipotesi fatte per vendere copie, finora nessuno sa cosa stiano decidendo di maio e salvini, da te ribattezzati bibi e bibo a dimostrazione che pensi per monosillabi, quindi sarebbe interessante (ma nemmeno tanto sinceramente) capire su quali basi muovi le tue critiche, tu che ti cospargevi il capo di cenere piagnucolando lo scadere della dialettica politica. guardati allo specchio piuttosto.


la nobiltà dello schiavo è la ribellione

#8 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 14 maggio 2018 - 10:03

Ma di quali debiti parli?  Lo sai che è tutta una montatura vero?

La BCE ha dentro di se le banche europee private come soci.

Le banche private possono prestare fino a 9 volte la somma depositata. Senza considerare che la BCE presta alle banche private (cioè agli stessi soci) ad una somma fissa pari al 1% (forse oggi 2 non ricordo)

Mentre sul circuito nazionale sono arrivati a prestare a tassi di usura ed a cani e porci generando una serie di crack bancari a cascata. 

In pratica i soldi prestati non esistono. Anche loro fanno come i falsari senza nemmeno preoccuparsi della carta. Inseriscono la moneta elettronicamente e PUFF si è messo in atto un bluff.

Quindi l'Italia cosa deve restituire? la fuffa? Il virtuale? quello che non esiste? E dai......

 

Se lo dici a me io ci posso anche credere ed posso essere anche d'accordo (tanto alla fine non ho prestato mai nulla a nessuno, figurarsi dei soldi  poi).

 

Il problema è dirlo a dire a tutti quelli che in questi anni ci ha prestato i soldi, saranno d'accordo con questa curiosa teoria?


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#9 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 14 maggio 2018 - 10:10

Loro ti prestano il nulla e tu in cambio gli dai la tua vita ed i tuoi beni.

Hanno inventato il monopoli su scala europea.

 

Sarà, intanto le prospettive non è che siano delle piu' allegre.

 

"https://www.huffingt...ref=it-homepage

 

"La flat tax è eversiva

 

i contribuenti sopra i 75.000 euro sono "appena" 917.000, cioè il 2,25% del totale, ma il loro contributo alla "cassa comune" dello Stato è sostanziale, e dalle aliquote più alte sui loro redditi proviene più di un quarto di tutte le entrate Irpef. In sostanza, lo smisurato beneficio fiscale che Salvini e Di Maio vogliono dare ai contribuenti più ricchi costerebbe (limitandosi solo alle fasce più alte di reddito e con una stima prudente) almeno 25 miliardi, cosicché per mettere decine di migliaia di euro in tasca al 2,25% più fortunato degli italiani (15.000 euro a chi ne guadagna 110.000, 68.000 euro a chi ne guadagna 300.000 e via crescendo) si colpirebbe in modo irrimediabile il già difficile finanziamento del nostro stato sociale e dei servizi pubblici (basti pensare che l'intero fondo ordinario di finanziamento dell'università ammonta a 7 miliardi, e che tutta la sanità pubblica costa circa 114 miliardi).

 

Per realizzare questa operazione vergognosa si offrono al ceto medio le briciole di una riduzione delle imposte molto inferiore (469 euro per due coniugi che guadagnano 25.000 euro l'uno, 8.700 per due che arrivano a 40.000 a testa) che sarebbe più che compensata dalla necessità di pagarsi di tasca propria i servizi che oggi lo stato fornisce gratuitamente (peraltro, garantire questo beneficio ai redditi medi e medio-bassi non richiederebbe in ogni caso la soppressione dell'aliquota al 43% per la quota dei redditi superiore ai 75.000 euro). Per i più poveri poi la beffa sarebbe completa, e il beneficio sarebbe zero o perfino negativo (cioè un aggravio). Quando i cittadini normali scopriranno che dovranno dotarsi di una costosa assicurazione per aver diritto al pronto soccorso, mentre con i loro soldi si sta consentendo a Salvini e Di Maio (il cui stipendio lieviterebbe, come quello di tutti i parlamentari) di concedersi un paio di viaggi esotici in più l'anno, e si stanno letteralmente inondando di denaro per decine o centinaia di migliaia di euro calciatori e star dello spettacolo, notai e grandi manager, forse sarà più chiaro a tutti che il "sovranismo" è, nel bene e nel male, una categoria del tutto fuorviante."

 

"il cui stipendio lieviterebbe, come quello di tutti i parlamentari":   cioè da una parte dicono di ridursi lo stipendio e poi si fanno una manovra con recuperano piu' ch eabbondantemente i soldi persi .

 

Quando si dice coerenza.


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#10 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 1754 messaggi

Inviato 15 maggio 2018 - 03:29

Se lo dici a me io ci posso anche credere ed posso essere anche d'accordo (tanto alla fine non ho prestato mai nulla a nessuno, figurarsi dei soldi  poi).

 

Il problema è dirlo a dire a tutti quelli che in questi anni ci ha prestato i soldi, saranno d'accordo con questa curiosa teoria?

 

Forse non hai capito… chi presta i soldi agli stati sono le stesse Banche.

 

Avevo spiegato male un po di passaggi, ti rimando direttamente ad un link.

 

http://signoraggioin...-le-banche.html



#11 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 15 maggio 2018 - 08:04

Forse non hai capito… chi presta i soldi agli stati sono le stesse Banche.

 

Avevo spiegato male un po di passaggi, ti rimando direttamente ad un link.

 

http://signoraggioin...-le-banche.html

 

Ah, il sig. Aggio*, non lo consocevo .

 

 

*

http://nonciclopedia...wiki/Sig._Aggio


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#12 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 15 maggio 2018 - 08:19

"Perchè l'Euro??"
 

Tranquillo Claudio,  stanno provvedendo:

 

"Il contratto di governo: Uscita dall'Euro"

 

http://www.repubblic...0-C8-P2-S1.8-T1

 

 

Poi:

"Prevede la chiusura dell'Ilva"

"chiedere a Draghi di cancellare 250 miliardi del debito italiano"

 

In pratica non ci sono soldi per nè risanare l'ilva  nè per onorare i debiti, figurasi per il resto.

 

Tant' è che dice l'articolo:  "Il primo a commentare il contratto pubblicato da HuffPost è Carlo Calenda che su Twitter scrive: "Il contratto M5S Lega oltre a contenere il più enorme cumulo di baggianate economiche mai scritte a memoria d'uomo prevede la chiusura dell'Ilva".

 

In pratica con la chiusura dell' Ilva si chiude l'era industriale in questo paese; di cosa vivranno le decine di miglaia di perone che vi lavoravano tra fabbrica ed indotto non lo so.

 

E se l'epoca delle grandi industrie è finita in questo paese non so che prospettive ci possono mai essere: il territorio non è infinito per vivere di speculazione edilizia , materia prima a parte il sole , il mare e un paio di vulcani non ne abbiamo; pazienza chiederemo a vladimir se ci puo' ospitare da qualche parte (donald ha chiuso la porta da un pezzo, inutile andare a bussare lì) .


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#13 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 10535 messaggi

Inviato 15 maggio 2018 - 11:01

"Perchè l'Euro??"
 

Tranquillo Claudio,  stanno provvedendo:

 

"Il contratto di governo: Uscita dall'Euro"

 

http://www.repubblic...0-C8-P2-S1.8-T1

 

 

Poi:

"Prevede la chiusura dell'Ilva"

"chiedere a Draghi di cancellare 250 miliardi del debito italiano"

 

In pratica non ci sono soldi per nè risanare l'ilva  nè per onorare i debiti, figurasi per il resto.

 

Tant' è che dice l'articolo:  "Il primo a commentare il contratto pubblicato da HuffPost è Carlo Calenda che su Twitter scrive: "Il contratto M5S Lega oltre a contenere il più enorme cumulo di baggianate economiche mai scritte a memoria d'uomo prevede la chiusura dell'Ilva".

 

In pratica con la chiusura dell' Ilva si chiude l'era industriale in questo paese; di cosa vivranno le decine di miglaia di perone che vi lavoravano tra fabbrica ed indotto non lo so.

 

E se l'epoca delle grandi industrie è finita in questo paese non so che prospettive ci possono mai essere: il territorio non è infinito per vivere di speculazione edilizia , materia prima a parte il sole , il mare e un paio di vulcani non ne abbiamo; pazienza chiederemo a vladimir se ci puo' ospitare da qualche parte (donald ha chiuso la porta da un pezzo, inutile andare a bussare lì) .

La chiusura dell'Ilva era stata solo prospettata, poi l'idea è stata abbandonata.Ed era stata prospettata perchè quella fabbrica comporta un altissimo tasso di inquinamento con un aumento esponenziale dei tumori in una zona vastissima. Comunque non avrebbe rappresentato la chiusura di tutte le grandi industrie, ce ne sono molte alte che operano. Ma più che alle grandi industrie bisogna guardare alle piccole industrie che sono il 95%d del totale e sono quelle da sburocratizzare perchè pagano un 67%di tasse. Moltissime hanno chiuso anche per quello, lasciando a casa gli operai. Ma tu credi che quelli che compongono la commissione Lega-M5S siano degli imbecilli che prendono decisioni a caso tanto che qualche imbecille vero ha definito il "contratto" "il piu grande cumulo di baggianate economiche mai scritte a memoria d'uomo? Ma sei così illuso da credere che le decisioni che hanno preso le abbiano prese di testa loro? Sei così illuso da credere che se hanno chiesto la restituzione di 250 miliardi da parte dell'Europa, sia un idea che è balzata in mente a Salvini? Non ti sfiora neppure l'idea che abbiano interpellato, prima di prendere delle decisioni degli esperti economisti che ne sanno qualcosina più di te? Non ti sfora neppure il dubbio che tutti o quasi tutti i giornalisti che ci danno cronto, non ragionino per testa loro, ma con la testa di De Benedetti e di Berlusconi che pagano i loro giornali. Non ti sfiora neppure l'idea che l'Europa ci stà spolpando a favore delle banche tedesche e della Germania? E' vero, all'inizio mi ero sbagliato, il nostro debito pubblico in 15 anni è aumentato di 23 volte e non di 43, è stata una piccola svista. Ma dal 1960 al ingresso dell'Euro , il debito era aumentato solo di 3 volte, poi in 15 anni di 23 volte, chissà perchè? Io spero che si mettano d'accordo, solo per il bene dell'Italia. L'importante è fare le riforme e sburocratizzare questo paese, poi se creiamo altro debito agli occhi degli economisti europei (Draghi è una mummia), tanto meglio, gli Stati Uniti ne hanno molto più di noi, e vanno a gonfie vele.

 

http://www.econopoly...rdi-di-dollari/

 

Il debito degli Stati Uniti, non 2300 miliardi di dollari come ha l'Italia, ma 20.000 miliardi di dollari, però nessuno ne parla. Pare che il debito Italiano, quasi 10 volte inferiore sia una catastrofe, tale da non prendere più nessuna decisione in campo economico e di investimenti. Il debito, ricordalo, è l'ultima cosa che devi guardare.



#14 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 16 maggio 2018 - 01:06

La chiusura dell'Ilva era stata solo prospettata, poi l'idea è stata abbandonata.Ed era stata prospettata perchè quella fabbrica comporta un altissimo tasso di inquinamento con un aumento esponenziale dei tumori in una zona vastissima. Comunque non avrebbe rappresentato la chiusura di tutte le grandi industrie, ce ne sono molte alte che operano. Ma più che alle grandi industrie bisogna guardare alle piccole industrie che sono il 95%d del totale e sono quelle da sburocratizzare perchè pagano un 67%di tasse. Moltissime hanno chiuso anche per quello, lasciando a casa gli operai. Ma tu credi che quelli che compongono la commissione Lega-M5S siano degli imbecilli che prendono decisioni a caso tanto che qualche imbecille vero ha definito il "contratto" "il piu grande cumulo di baggianate economiche mai scritte a memoria d'uomo? Ma sei così illuso da credere che le decisioni che hanno preso le abbiano prese di testa loro? Sei così illuso da credere che se hanno chiesto la restituzione di 250 miliardi da parte dell'Europa, sia un idea che è balzata in mente a Salvini? Non ti sfiora neppure l'idea che abbiano interpellato, prima di prendere delle decisioni degli esperti economisti che ne sanno qualcosina più di te? Non ti sfora neppure il dubbio che tutti o quasi tutti i giornalisti che ci danno cronto, non ragionino per testa loro, ma con la testa di De Benedetti e di Berlusconi che pagano i loro giornali. Non ti sfiora neppure l'idea che l'Europa ci stà spolpando a favore delle banche tedesche e della Germania? E' vero, all'inizio mi ero sbagliato, il nostro debito pubblico in 15 anni è aumentato di 23 volte e non di 43, è stata una piccola svista. Ma dal 1960 al ingresso dell'Euro , il debito era aumentato solo di 3 volte, poi in 15 anni di 23 volte, chissà perchè? Io spero che si mettano d'accordo, solo per il bene dell'Italia. L'importante è fare le riforme e sburocratizzare questo paese, poi se creiamo altro debito agli occhi degli economisti europei (Draghi è una mummia), tanto meglio, gli Stati Uniti ne hanno molto più di noi, e vanno a gonfie vele.

 

http://www.econopoly...rdi-di-dollari/

 

Il debito degli Stati Uniti, non 2300 miliardi di dollari come ha l'Italia, ma 20.000 miliardi di dollari, però nessuno ne parla. Pare che il debito Italiano, quasi 10 volte inferiore sia una catastrofe, tale da non prendere più nessuna decisione in campo economico e di investimenti. Il debito, ricordalo, è l'ultima cosa che devi guardare.

 

 

Allora dici che "la chiusura dell'Ilva era stata solo prospettata, poi l'idea è stata abbandonata.Ed era stata prospettata perchè quella fabbrica comporta un altissimo tasso di inquinamento con un aumento esponenziale dei tumori in una zona vastissima".

 

Esiste una cosa chiamata "valutazione del danno sanitario", in base all'esito del quale una data autorizzazione viene prorogata o revocata. Ora immagino che alla base della tua affermazione ci sia appunto non il bias di conferma ma una consocenza della valutazione del danno saniatrio del caso inquestione basato su misure reali e concrete (livello di inquinamento, aumento delle patologie, studi che dimostrano la correlazione patologie-attività produttive e quant'altro). Bene, finora  nelle cronache del caso ilva non ho mai sentito parlare nè di valutazione del danno sanitario, nè di autorizzazioni revocate. Su che base si poggia allora sta storia di voler chidere l'ilva ? Sul pregiudizio di conferma ? Se le decisioni economiche di quella portata le si poggia sul pregiudizio di conferma siamo a posto, non abbiamo futuro, speriamo che Vladimir ci possa ospitare.

 

 

Dici poi " più che alle grandi industrie bisogna guardare alle piccole industrie che sono il 95%d del totale e sono quelle da sburocratizzare perchè pagano un 67%di tasse"; la sburocratizzazione esiste già e da un pezzo pure, tutto l' iter amministartivo è stato da decenni ridotto all' osso e poggia sul semplice concetto che una data attività produttiva nel momento in cui si insedia "contratta" con i rappresentanti del territorio le regole da rispettare e le regole da rispettare sono essenzialemente le seguenti: pagare gli operai, garantire la sicurezza del lavoro e non inquinare il circondario. Mi pare che lo stato non stia chiedendo la luna ma semplicemente chiede che le stesse regole siano rispettate da parte di tutti. Quindi quando parlate di "sburocatizzare" fateci il favore di dire che cosa volete sburocratizzare: le norme anti inquinamento ? le norme sulla sicurezza del lavoro ? le norme a tutela della dignità del lavoro ?  le norme antincendio ? le norme anti evasione fiscale ? le norme sulla tracciabilità dei flussi finanziari ? le norme sui rifiuti che impongono la tracciabilità degli stessi per non ingrassare le ecomafie ? Non lo  so , spiegate.

 

"Ma sei così illuso da credere che le decisioni che hanno preso le abbiano prese di testa loro?". perchè, non è farina del loro sacco ? spero che la mulino non abbaimo fatto confusione.

 

"Non ti sfora neppure il dubbio che tutti o quasi tutti i giornalisti che ci danno cronto, non ragionino per testa loro, ma con la testa di De Benedetti e di Berlusconi che pagano i loro giornali":  a parte l' hostile media effect quale quint'essenza di questo discorso non ho mai capito perché la portate con De Benedetti.

 

 

"Il debito degli Stati Uniti, non 2300 miliardi di dollari come ha l'Italia, ma 20.000 miliardi di dollari":  due torti non fanno una ragione.


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#15 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 16 maggio 2018 - 01:33

Per ora niente uscita dall'euro:

 

"Sull’euro, ad esempio, le parti hanno già deciso di non mettere in discussione la moneta unica. La versione pubblicata, dunque, non è fedele a quella attuale."

 

http://www.lastampa....iVL/pagina.html


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#16 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 10535 messaggi

Inviato 16 maggio 2018 - 08:39

Allora dici che "la chiusura dell'Ilva era stata solo prospettata, poi l'idea è stata abbandonata.Ed era stata prospettata perchè quella fabbrica comporta un altissimo tasso di inquinamento con un aumento esponenziale dei tumori in una zona vastissima".

 

Esiste una cosa chiamata "valutazione del danno sanitario", in base all'esito del quale una data autorizzazione viene prorogata o revocata. Ora immagino che alla base della tua affermazione ci sia appunto non il bias di conferma ma una consocenza della valutazione del danno saniatrio del caso inquestione basato su misure reali e concrete (livello di inquinamento, aumento delle patologie, studi che dimostrano la correlazione patologie-attività produttive e quant'altro). Bene, finora  nelle cronache del caso ilva non ho mai sentito parlare nè di valutazione del danno sanitario, nè di autorizzazioni revocate. Su che base si poggia allora sta storia di voler chidere l'ilva ? Sul pregiudizio di conferma ? Se le decisioni economiche di quella portata le si poggia sul pregiudizio di conferma siamo a posto, non abbiamo futuro, speriamo che Vladimir ci possa ospitare.

 

 

Dici poi " più che alle grandi industrie bisogna guardare alle piccole industrie che sono il 95%d del totale e sono quelle da sburocratizzare perchè pagano un 67%di tasse"; la sburocratizzazione esiste già e da un pezzo pure, tutto l' iter amministartivo è stato da decenni ridotto all' osso e poggia sul semplice concetto che una data attività produttiva nel momento in cui si insedia "contratta" con i rappresentanti del territorio le regole da rispettare e le regole da rispettare sono essenzialemente le seguenti: pagare gli operai, garantire la sicurezza del lavoro e non inquinare il circondario. Mi pare che lo stato non stia chiedendo la luna ma semplicemente chiede che le stesse regole siano rispettate da parte di tutti. Quindi quando parlate di "sburocatizzare" fateci il favore di dire che cosa volete sburocratizzare: le norme anti inquinamento ? le norme sulla sicurezza del lavoro ? le norme a tutela della dignità del lavoro ?  le norme antincendio ? le norme anti evasione fiscale ? le norme sulla tracciabilità dei flussi finanziari ? le norme sui rifiuti che impongono la tracciabilità degli stessi per non ingrassare le ecomafie ? Non lo  so , spiegate.

 

"Ma sei così illuso da credere che le decisioni che hanno preso le abbiano prese di testa loro?". perchè, non è farina del loro sacco ? spero che la mulino non abbaimo fatto confusione.

 

"Non ti sfora neppure il dubbio che tutti o quasi tutti i giornalisti che ci danno cronto, non ragionino per testa loro, ma con la testa di De Benedetti e di Berlusconi che pagano i loro giornali":  a parte l' hostile media effect quale quint'essenza di questo discorso non ho mai capito perché la portate con De Benedetti.

 

 

"Il debito degli Stati Uniti, non 2300 miliardi di dollari come ha l'Italia, ma 20.000 miliardi di dollari":  due torti non fanno una ragione.

Dici che sui tumori causati dall'Ilva non sono state fatte delle statistiche??

 

http://www.linkiesta...-taranto/12873/

 

C'è inoltre la questione del turismo, l'Ilva comporta una caduta drastica del turismo non solo a Taranto, ma anche in tutte le spiagge limitrofe e questo a causa dell'inquinamento che genera, la sabbia e gli scogli sono neri.

Per quanto riguarda le piccole imprese è una solenne baggianata che sono già state sburocratizzate, il PD non ha fatto nulla in questo senso, ed infatti moltissime hanno dovuto chiudere per eccesso di burocrazia e soprattutto di tasse. Mi pare che Di Maio abbia promesso agli industriali del Nord di togliere 400 leggi inutili, se lo ha promesso significa che quelle 400 leggi ci sono ancora.

Ultima cosa, se non ho capito male il Tg di questa mattina, nel programma ci stà proprio l'uscita dall'euro e l'aiuto ad altri paesi a raggiungere la sovranità monetaria. Non so però, se questo si voglia fare solo in accordo con altri paesi che sono titubanti sull'euro.



#17 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 17 maggio 2018 - 04:09

 

C'è inoltre la questione del turismo, l'Ilva comporta una caduta drastica del turismo non solo a Taranto, ma anche in tutte le spiagge limitrofe e questo a causa dell'inquinamento che genera, la sabbia e gli scogli sono neri.

 

Non mi risulta che spiaggie e scogli da quelle parti siano neri  siano neri.

 

Tant'è che se fosse stato così gli avrebbero tolto l'autorizzazione da un pezzo, e invece l'hanno sempre rinnovata.


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#18 Piter

Piter

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2037 messaggi

Inviato 17 maggio 2018 - 04:16

Prima di adottare l'euro, l'Italia aveva un debito pubblico di 2000 miliardi di lire, che equivalgono grosso modo a 100 milioni di euro. Attualmente dopo 15 anni il debito è di 4350 miliardi di euro, il che significa che in 15 anni il debito è aumentato di 43 volte

 

 

Tranquillo, non avremo piu' un euro, ne avremo due:

 

"Grillo propone un doppio Euro, proprio come i tedeschi,

Due euro diversi e separati, uno per l’Europa del Nord e uno per quella del Sud: la proposta di Grillo assomiglia al piano, mai confermato, della Germania."

 

https://www.money.it...-un-doppio-Euro

 

Bè è un affare, due uero al posto di uno; poi  altro che sovranità:  "Vuolsi così colà dove si puote (in allemania) / ciò che si vuole, e più non dimandare".


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#19 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 7344 messaggi

Inviato 17 maggio 2018 - 11:20

:rotfl:  :cry:


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#20 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 10535 messaggi

Inviato 17 maggio 2018 - 02:37

Tranquillo, non avremo piu' un euro, ne avremo due:

 

"Grillo propone un doppio Euro, proprio come i tedeschi,

Due euro diversi e separati, uno per l’Europa del Nord e uno per quella del Sud: la proposta di Grillo assomiglia al piano, mai confermato, della Germania."

 

https://www.money.it...-un-doppio-Euro

 

Bè è un affare, due uero al posto di uno; poi  altro che sovranità:  "Vuolsi così colà dove si puote (in allemania) / ciò che si vuole, e più non dimandare".

Ma io direi non due Euro, ma uscire dall'Euro. Prima di dire cavolate leggiti questo. E' stato scritto su Libero, giornale di Berlusconi, ma pare che Berlusconi adesso abbia cambiato idea, definendo il governo M5S-Lega un pericolo.

 

http://www.liberoquo...i-dragoni-.html

 

 

""

Mentre tutti i giornali sono pieni e zeppi di Italicum - condito ormai nelle salse più diverse - e di ragioni per il sì o il no ad un referendum su una revisione costituzionale da vero sballo, vi offriremo un piccolo manuale di salvezza nazionale su due temi che riteniamo veramente decisivi per la sorte del nostro Paese e di cui solo Libero parla. L’euro da una parte e l’Unione Europea dall'altra.

Il primo è un cappio al collo che sta inesorabilmente umiliando e devastando un Paese che nel dopoguerra ha dimostrato - invece - di saper brillantemente camminare e correre sulle sue gambe fino a diventare una delle principali potenze manifatturiere del pianeta. La seconda è una gabbia soffocante che limita la nostra sovranità in spregio ai più elementari principi di libertà.

Riconquistare la propria indipendenza monetaria è condizione necessaria - anche se non sufficiente - per tornare a crescere. Senza questo scatto di orgoglio e libertà ogni altro meritevole sforzo per rilanciare l'economia del Paese si rivelerà purtroppo inutile. Ecco perché abbiamo deciso di elencare “nero su bianco” 50 buoni motivi per dire NO all’euro e NO all’Unione Europea. E lo faremo sfatando uno per uno tutti i luoghi comuni più radicati di volta in volta tirati in ballo da chi sostiene che non ci sia alternativa.""






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi