Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Marcello Bacci


  • Per cortesia connettiti per rispondere
19 risposte a questa discussione

#1 Bartimeus

Bartimeus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 272 messaggi

Inviato 09 aprile 2018 - 01:33

Ciao a tutti, leggevo con interesse la vicenda di Marcello Bacci, ora deceduto. 

A Grosseto, pensionato, aveva un negozio di elettrodomestici, asseriva di sentire delle voci dalle radio "non sintonizzate". Guardando i video effettivamente si sentono delle voci tremolanti parlare e fare dei brevi discorsi. 

Da quello che ho letto Bacci non ha voluto incontrare il CICAP, anzi, quando lo proposero sembra che abbia reagito piuttosto male. 

Qualcuno ne sa di più? 

 

 


  • tornado e HanukM piace questo

#2 Cremisi

Cremisi

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3620 messaggi

Inviato 09 aprile 2018 - 09:01

Metafonia..sono in tanti a praticarla i più famosi al momento sono i coniugi Desideri, se non ricordo male alcuni esponenti del cicap assistettero alle registrazioni di Bacci ovviamenete confutarono tutto



#3 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7383 messaggi

Inviato 10 aprile 2018 - 06:09

Negli anni sessanta in casa c'era una radio che prendeva canali strani,tipo "banda marina " e mi divertivo a intercettare messaggi, alcuni davvero strani.
Una volta ho sentito il mio nome.
Ne io né mia madre, abbiamo mai pensato che quel messaggi appartenessero a persone morte, ma piuttosto a persone lontane, sconosciute.
Ora,pensare alla morte, anche quando la vita si colora di suoni...
I morti vanno a spasso, entrano in una stazione radio e trasmettono messaggi in codice...???

#4 max123

max123

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 5 messaggi

Inviato 10 aprile 2018 - 09:13

Gli esperimenti di Marcello Bacci, andarono avanti per decenni, alla presenza di centinaia di testimoni, autorevoli, come gli studiosi del gruppo di scole http://www.marcellobacci.it/1index.htm, riportando risultati sorprendenti. La ricezione avveniva nelle condizioni più strane, togliendo le valvole ed anche con la radio spenta. Ovviamente non erano trasmissioni di "banda marina", anche  perchè ovviamente, furono fatti esperimenti con una seconda radio accesa sulla stessa frequenza che non riceveva messaggi. Non liquidiamo tutto così' semplicemente. I migliaia di messaggi erano coerenti, chiari e comprensibili, a differenza di molta metafonia moderna che va interpretata. Le voci parlavano senza interruzione, senza prendere fiato, come se non avessero un apparato fonatorio.

Per chi volesse approfondire https://www.youtube....h?v=0BnkM7RX1fI . Il Cicap non fu presente all'esperimento, ma il fenomeno fu osservato da persone come:

 

Anabela Cardoso: Editore di ITC Joumal, Direttore dell' ITC Joumai Research Centre;

Mario Salvatore Festa: Fisico c/o l'università di Napoli;

David Fontana: ex-Presidente della Socíety for Psychícal Research;

Paolo Presi: Perito aeronautico, Ricercatore in ITC. 



#5 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7383 messaggi

Inviato 10 aprile 2018 - 09:48

Anche avessero assistito il signor Nobel in persona e altri arcinoti e autorevoli personaggi, cosa potrebbero dire? Che si sentono voci? E allora? Appartengono ai morti?
Come e perché si propagano i suoni intelligibili dalla pioggia,dal rubinetto,dal frigorifero, addirittura dalla pipì che scende, e non scherzo e non dimentichiamo il vento.
Se vogliamo per forza trovare una frase riferita a un morto, la troveremo di sicuro, ma non vorrà dire che il morto si è trasferito nel vento o nel frigo.
Se voglio comunicare con un morto,basta che lo pensi.
Che bisogno c'è di medium e sensitivi e indovini?
Ma soprattutto, perché, questa morbosa curiosità di sapere cosa c'è oltre la morte?
Tanto lo scopriremo dopo morti, forse.
O passeremo semplicemente a un'altra realtà e di questa non avremo ricordo??
Che ne sappiamo?
Ma nel frattempo, i morti andrebbero lasciati in pace!
O ricordati con simpatia e con un sorriso.
Tutti abbiamo persone care che ricordiamo con affetto.

#6 Bartimeus

Bartimeus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 272 messaggi

Inviato 10 aprile 2018 - 09:49

Gli esperimenti di Marcello Bacci, andarono avanti per decenni, alla presenza di centinaia di testimoni, autorevoli, come gli studiosi del gruppo di scole http://www.marcellobacci.it/1index.htm, riportando risultati sorprendenti. La ricezione avveniva nelle condizioni più strane, togliendo le valvole ed anche con la radio spenta. Ovviamente non erano trasmissioni di "banda marina", anche  perchè ovviamente, furono fatti esperimenti con una seconda radio accesa sulla stessa frequenza che non riceveva messaggi. Non liquidiamo tutto così' semplicemente. I migliaia di messaggi erano coerenti, chiari e comprensibili, a differenza di molta metafonia moderna che va interpretata. Le voci parlavano senza interruzione, senza prendere fiato, come se non avessero un apparato fonatorio.

Per chi volesse approfondire https://www.youtube....h?v=0BnkM7RX1fI . Il Cicap non fu presente all'esperimento, ma il fenomeno fu osservato da persone come:

 

Anabela Cardoso: Editore di ITC Joumal, Direttore dell' ITC Joumai Research Centre;

Mario Salvatore Festa: Fisico c/o l'università di Napoli;

David Fontana: ex-Presidente della Socíety for Psychícal Research;

Paolo Presi: Perito aeronautico, Ricercatore in ITC. 

 

Bè, effettivamente la presenza di un' altra radio sintonizzata sulla stessa frequenza di quella utilizzata da Bacci è già qualcosa, ma se uno dovesse pensare con sospetto magari il Bacci poteva aver manomesso la scala delle frequenze traendo in inganno chiunque. 

I miei piu grandi dubbi sono due. Il primo Bacci poteva esser d'accordo con qualcuno che trasmetteva ad una data frequenza e la radio settata per ricevere su quella frequenza. 

Il secondo è che la circuiteria della radio fosse baypassata, quindi anche spegnendola gli altoparlanti potevano ancora funzionare. 

Certo, Bacci non faceva psicofonia per profitto, quindi perche organizzare una cosa del genere? Quindi non bisognerebbe pensare con malizia, ma il rifiuto categorico della presenza del CICAP mi insospettisce un po. 



#7 Bartimeus

Bartimeus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 272 messaggi

Inviato 10 aprile 2018 - 09:53

Anche avessero assistito il signor Nobel in persona e altri arcinoti e autorevoli personaggi, cosa potrebbero dire? Che si sentono voci? E allora? Appartengono ai morti?
Come e perché si propagano i suoni intelligibili dalla pioggia,dal rubinetto,dal frigorifero, addirittura dalla pipì che scende, e non scherzo e non dimentichiamo il vento.
Se vogliamo per forza trovare una frase riferita a un morto, la troveremo di sicuro, ma non vorrà dire che il morto si è trasferito nel vento o nel frigo.
Se voglio comunicare con un morto,basta che lo pensi.
Che bisogno c'è di medium e sensitivi e indovini?
Ma soprattutto, perché, questa morbosa curiosità di sapere cosa c'è oltre la morte?
Tanto lo scopriremo dopo morti, forse.
O passeremo semplicemente a un'altra realtà e di questa non avremo ricordo??
Che ne sappiamo?
Ma nel frattempo, i morti andrebbero lasciati in pace!
O ricordati con simpatia e con un sorriso.
Tutti abbiamo persone care che ricordiamo con affetto.

 

La curiosità, nel mio caso, mi porta ad informarmi, ad indagare. Lo scopriremo dopo la morte, questo è vero, ma personalmente sono curioso di scoprire adesso un po di più di come funziona "la faccenda". 



#8 max123

max123

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 5 messaggi

Inviato 10 aprile 2018 - 09:54


Ti dirò: delle centinaia di comunicazioni che ho letto e studiato, di medium di un certo calibro, vedi Setti, Vedi Piancastelli, Vedi Jane Roberts, nessun trapassato si è mai "arrabbiato" per essere stato disturbato, tutt'altro, quando il contatto c'è stato, i trapassati erano oltremodo desiderosi del contatto e di poter comunicare. Vedo questa visione del non disturbare i morti un po' obsoleta.
Le comunicazioni avvengono per portare evoluzione, se e quando serve, sono molto più rare di quanto si possa pensare, ma alcune comunicazioni hanno portato insegnamenti oltre l'umano.
 
 

Anche avessero assistito il signor Nobel in persona e altri arcinoti e autorevoli personaggi, cosa potrebbero dire? Che si sentono voci? E allora? Appartengono ai morti?
Come e perché si propagano i suoni intelligibili dalla pioggia,dal rubinetto,dal frigorifero, addirittura dalla pipì che scende, e non scherzo e non dimentichiamo il vento.
Se vogliamo per forza trovare una frase riferita a un morto, la troveremo di sicuro, ma non vorrà dire che il morto si è trasferito nel vento o nel frigo.
Se voglio comunicare con un morto,basta che lo pensi.
Che bisogno c'è di medium e sensitivi e indovini?
Ma soprattutto, perché, questa morbosa curiosità di sapere cosa c'è oltre la morte?
Tanto lo scopriremo dopo morti, forse.
O passeremo semplicemente a un'altra realtà e di questa non avremo ricordo??
Che ne sappiamo?
Ma nel frattempo, i morti andrebbero lasciati in pace!
O ricordati con simpatia e con un sorriso.
Tutti abbiamo persone care che ricordiamo con affetto.



#9 max123

max123

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 5 messaggi

Inviato 10 aprile 2018 - 09:57


A vantaggio di chi falsificare una esperienza di svariati decenni, portata avanti con amore e passione? Di fronte a ricercatori, testimoni di certo non stupidi e non sprovveduti? Il Cicap è un comitato come un altro, non un organismo ministeriale di controllo, ne esistono molti altri. Bacci non ha mai voluto il Cicap e Morocutti, ma ha accettato un controllo e una sperimentazione non pre concetta.


Bè, effettivamente la presenza di un' altra radio sintonizzata sulla stessa frequenza di quella utilizzata da Bacci è già qualcosa, ma se uno dovesse pensare con sospetto magari il Bacci poteva aver manomesso la scala delle frequenze traendo in inganno chiunque. 
I miei piu grandi dubbi sono due. Il primo Bacci poteva esser d'accordo con qualcuno che trasmetteva ad una data frequenza e la radio settata per ricevere su quella frequenza. 
Il secondo è che la circuiteria della radio fosse baypassata, quindi anche spegnendola gli altoparlanti potevano ancora funzionare. 
Certo, Bacci non faceva psicofonia per profitto, quindi perche organizzare una cosa del genere? Quindi non bisognerebbe pensare con malizia, ma il rifiuto categorico della presenza del CICAP mi insospettisce un po.
 
i.



#10 Bartimeus

Bartimeus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 272 messaggi

Inviato 10 aprile 2018 - 11:39

Ci tengo a precisare che non condanno il Bacci che non accettò il CICAP ad un suo sperimento in  quanto ritengo anche io l' organizzazione preconcetta proprio nei confronti del suo campo di indagine. La mia forte curiosità sta proprio nel fatto della sensazionalità delle comunicazioni che risultano nette e non necessitano di nessuna elaborazione e/o interpretazione. 

Non sapevo che fosse stato visitato da un comitato vicino a Scole (The Scole experiments). 

Per il fatto che non si debba disturbare "i morti" anche a mio giudizio è un vecchio preconcetto, da quello che si legge dai vari contatti medianici e psicofonici sembrerebbe che di là ci siano proprio dei gruppi di studio intenti a trovare il modo di comunicare con questo piano, quindi vedo una sorta di curiosità scientifica in ambedue i piani. 


  • jimmy58 e max123 piace questo

#11 Il Decimo

Il Decimo

    Utente Senior

  • Utenti
  • 486 messaggi

Inviato 11 aprile 2018 - 09:27

Se Bacci per più di dieci anni è riuscito ad inventare e trasmettere messaggi così elaborati è un vero genio. Non mi stupirei se lo fosse, d'altronde non tutti i geni devono per forza elaborare la teoria della relatività. La genialità si manifesta in vari modi.

Comunque le comunicazioni sono davvero sorprendenti, a differenza di altre di scarsa comprensione. Potrebbe essere anche un caso reale di metafonia. Non credo siano più di dieci anni di coincidenze in cui Bacci beccava la stazione radio della "signora maria" che guarda caso parlava in modo coerente come fosse una defunta ed addirittura gli rispondeva.


  • jimmy58 e max123 piace questo

#12 SixCN

SixCN

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 27 messaggi

Inviato 15 aprile 2018 - 09:17

Ti dirò: delle centinaia di comunicazioni che ho letto e studiato, di medium di un certo calibro, vedi Setti, Vedi Piancastelli, Vedi Jane Roberts, nessun trapassato si è mai "arrabbiato" per essere stato disturbato, tutt'altro, quando il contatto c'è stato, i trapassati erano oltremodo desiderosi del contatto e di poter comunicare. Vedo questa visione del non disturbare i morti un po' obsoleta.
Le comunicazioni avvengono per portare evoluzione, se e quando serve, sono molto più rare di quanto si possa pensare, ma alcune comunicazioni hanno portato insegnamenti oltre l'umano.
 
 

 

Ti dirò: delle centinaia di comunicazioni che ho letto e studiato, di medium di un certo calibro, vedi Setti, Vedi Piancastelli, Vedi Jane Roberts, nessun trapassato si è mai "arrabbiato" per essere stato disturbato, tutt'altro, quando il contatto c'è stato, i trapassati erano oltremodo desiderosi del contatto e di poter comunicare. Vedo questa visione del non disturbare i morti un po' obsoleta.
Le comunicazioni avvengono per portare evoluzione, se e quando serve, sono molto più rare di quanto si possa pensare, ma alcune comunicazioni hanno portato insegnamenti oltre l'umano.
 
 

Infatti. Saluti



#13 tornado

tornado

    Utente Tettone

  • Utenti
  • 16528 messaggi

Inviato 08 maggio 2018 - 02:27

 Certo, Bacci non faceva psicofonia per profitto, quindi perche organizzare una cosa del genere? Quindi non bisognerebbe pensare con malizia, ma il rifiuto categorico della presenza del CICAP mi insospettisce un po. 

 

Dici che non ha ricavato profitti? :bb:  lui e i suoi collaboratori?  :icon_eek:

 

Marcello Bacci ha scritto un libro, o almeno appare essere come l'autore

 

il-mistero-delle-voci-dell-aldila-libro.

 

 

Anche la sua più stretta e fedele collaboratrice, Silvana Pagnotta, ha scritto un libro

 

risveglio-alla-vita-libro.jpg

 

 

Poi c'è Paolo Presi, il professore esperto in Transcomunicazione Strumentale che era presente agli esperimenti di Bacci, il Complice numero uno :asdsi: che ha scritto un libro

 

51cAWIig7%2BL._SX347_BO1,204,203,200_.jp

 

Poi c'è Luciano Capitani (indicato come avvocato, che ha collaborato con Bacci) che assieme a Silvana Pagnotta, hanno scritto un libro

 

9788827205853_0_200_0_0.jpg

 

 

Poi c'è anche Felice Masi, che ha avuto contatti con Bacci, che ha scritto un libro, dettato però da un morto  :icon_eek:

 

Spoiler

 

Il giro è lungo, meglio fermarsi qui :asdsi: Ma ovvio che ci troviamo di fronte a varie associazioni paragnostiche, intrecciate e sostenute fra loro, come quella a cui appartenevano i Coniugi Desideri, e sicuramente i fondatori e collaboratori di queste associazioni ottengono dei guadagni, tra convegni e seminari vari :asdsi: e libri che vendono :asdsi:


29ej8mv.jpg


#14 Bartimeus

Bartimeus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 272 messaggi

Inviato 09 maggio 2018 - 05:56

Non voglio trovare un giustificativo, la mia è una semplice dissertazione giusto per non arrivare a conclusioni dall' apparenza ovvie e magari chiudere porte interessanti.  

Non conosco bene e non posso quantificare i guadagni del pubblicare un libro, sopratutto se si parla di "paranormale" dove si pesca in un mare di lettori piuttosto piccolo, so però che pubblicare un libricino a volte si coprono giusto le spese editoriali. E poi, non trovo la malizia nel pubblicare un testo a scopo divulgativo per mettere a conoscenza le persone che vogliono interessarsi di un argomento, come ripeto, un libro che si trova in libreria ha giustamente un costo. 

Parliamo di pubblicazioni di poco piu di 10 euro, non credo che queste persone abbiano cercato di arricchirsi con pubblicazioni del genere.  

Se si vuol fare soldi con i libri bisogna scrivere molto, e di argomenti di piu largo interesse per pescare in un mare piu grande. 

Condanno di piu il costo e, di conseguenza, gli autori di libri di testi scolastici che con argomenti triti e ritriti fanno pagare libri dai 30 euro in su e pescano in un mare facile, essendo le persone obbligate a comprare. Ma qui andiamo OT. 



#15 Il Decimo

Il Decimo

    Utente Senior

  • Utenti
  • 486 messaggi

Inviato 09 maggio 2018 - 07:24

Per arricchirti con un libro devi pubblicare con la Mondadori o la Feltrinelli e vendere migliaia di copie. Inoltre se ti fermi al primo libro non ti arricchisci, al massimo guadagni qualcosina. Nella maggior parte dei casi chi scrive libri non campa di quello (per vivere solo con la scrittura dovresti scrivere un best seller e tradurlo in 50 lingue). 

Puoi anche autopubblicare ma in quel caso forse ci rimetti soldi e lo fai solo a scopo divulgativo e come soddisfazione personale.

 

Comunque sicuramente la pubblicazione di un libro porta visibilità (lettori, presentazioni in librerie e biblioteche ecc.). Secondo me è questo il vero scopo dei libri pubblicati da Bacci e la sua crew, acquisire visibilità e credibilità.



#16 Bartimeus

Bartimeus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 272 messaggi

Inviato 09 maggio 2018 - 08:41

Però perche acquisire visibilità e credibilità su un falso?Il rischio sarebbe troppo grande in confronto alla contropartita. 

Con questo non dico che sia tutto vero, purtroppo ormai nessuno può piu verificare, ma non credo che basti un chiacchiera con la metafonia e una piuttosto ristretta cerchia di persone che bazzica gli sperimentatori per ottenere fama e gloria. Personalmente al Bacci ci sono arrivato essendo io stesso incuriosito al fenomeno e dopo aver "googlato" sull' argomento. Non sono arrivato al Bacci dopo averne sentito parlare al TG o a qualche canale di informazione piu o meno rilevante. 



#17 Il Decimo

Il Decimo

    Utente Senior

  • Utenti
  • 486 messaggi

Inviato 09 maggio 2018 - 09:01

Certamente, anche a me interessa la materia e ritengo che Bacci sia uno dei pochi degni di nota.

Non sto dicendo che sia un falso, ho detto che a mio avviso i libri gli servivano per acquisire visibilità. Parlare di fama e gloria mi sembra esagerato però se una persona svolge un lavoro e vuole divulgarlo deve avere un po' di visibilità. Deve farsi conoscere in qualche modo ed a questo servivano le pubblicazioni.

 

Comunque scrivere un libro sulla metafonia affermando cose false al massimo ti rende un babbeo, di certo non finisci in carcere. Non ci vedo un gran rischio.



#18 Bartimeus

Bartimeus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 272 messaggi

Inviato 09 maggio 2018 - 09:51

Condivido appieno e aggiungo, scrivere cose false è vero che non ti manda in galera, ma in caso "la fuffa" non riuscisse il contraccolpo sarebbe grande per la notorietà. 



#19 max123

max123

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 5 messaggi

Inviato 11 maggio 2018 - 07:59

Non si guadagna con libri che hanno una tiratura molto limitata, e come è successo a molti gruppi che hanno ricevuto comunicazioni, si è sempre sentito il desiderio di comunicare agli altri le proprie esperienze. Adesso è più semplice con internet, prima c'era solo la stampa specializzata

#20 tiempodemisterio

tiempodemisterio

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 1 messaggi

Inviato 13 maggio 2018 - 06:58

Hola a todos, leí con interés la historia de Marcello Bacci, ahora fallecido. 

En Grosseto, retirado, tenía una tienda de electrodomésticos, afirmaba escuchar voces de radios "sintonizadas". Al mirar los videos, escuchas voces parpadeantes hablando y dando discursos cortos. 

Por lo que leí, Bacci no quería encontrarse con la CICAP, de hecho, cuando lo propusieron parece que reaccionó bastante mal. 

¿Alguien sabe más? 

 

Mi scusi, sono spagnolo. Studio la transcomunicazione. Sono uno specialista nella vita di Marcello. Conosco Marcello Bacci e non è morto. Lui ha 91 anni. Qui puoi vedere immagini inedite di lui che ho registrato poche settimane fa. https://youtu.be/4s3ed8sX0hw  e   https://youtu.be/AGF_YtduqYo






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi