Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
* - - - - 1 voti

Comunismo e famiglia/società, è davvero cosi?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
236 risposte a questa discussione

#1 flyzmarco

flyzmarco

    Utente Senior

  • Utenti
  • 2082 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 01:11

Leggevo un blog schierato a destra quando mi sono imbattuto in questo commento:

"I Comunisti hanno sempre lavorato alla distruzione della famiglia in quanto cellula primaria della nostra società capitalista che loro volevano abbattere ad ogni costo. Percio' hanno cavalcato la contestazione giovanile (figli contro genitori) femminismo (donne contro uomini) liberalizzazione droghe (figli fottuti e genitori distrutti) antimilitarismo (per minare l'esercito e le forze dell'ordine) etc.".

Cosa ne pensate?! Visione eccessiva o no?!



#2 Cremisi

Cremisi

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3620 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 01:35

Forse e anche vero, il femminismo, la contestazione giovanile, i centri sociali, l'antimilitarismo, le unioni omo sono..."valori"  tipicamente di sinistra?  la mia impressione e che la sinistra quella estrema significa disordine la destra ordine, niente contestazioni, niente lgbt, niente unioni omosessuali, niente cannabis  e via dicendo, o sbaglio? 



#3 flyzmarco

flyzmarco

    Utente Senior

  • Utenti
  • 2082 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 01:45

Forse e anche vero, il femminismo, la contestazione giovanile, i centri sociali, l'antimilitarismo, le unioni omo sono..."valori"  tipicamente di sinistra?  la mia impressione e che la sinistra quella estrema significa disordine la destra ordine, niente contestazioni, niente lgbt, niente unioni omosessuali, niente cannabis  e via dicendo, o sbaglio? 

 

Può darsi, la destra sembrerebbe piu legata ai valori tradizionali, la sinistra sembrerebbe voler sovvertire questi valori tradizionali e quindi abbattere la famiglia tradizionale. Cos'è maggiormente auspicabile?!



#4 skynight

skynight

    Utente Senior

  • Utenti
  • 6103 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 01:52

guarda Flizmarco che il primo di aprile era ieri non è oggi, rimetti a modo la data dell'orologio.


L'universo è la mia casa... la voce sommessa di questo mare infinito mi invoca e mi invita a vivere senza catene... la mia bandiera è un simbolo di libertà.


#5 Cremisi

Cremisi

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3620 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 01:56

guarda Flizmarco che il primo di aprile era ieri non è oggi, rimetti a modo la data dell'orologio.

descrivi secondo te  la ideologia  tipicamente di sinistra e il suo contrario, se ti và



#6 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7383 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 02:37

Gesù era di sinistra!
Gandhi era di sinistra!
Mussolini era di sinistra ed è passato a destra.
Ma mi pare chiaro: dove c'è la plebe rumorosa e povera,capace di passioni straordinarie, dove esiste la vena artistica più pura, La voglia di libertà, c'è la sinistra, e di contro,una destra militare, religiosa, attaccata a valori retrogradi che non comprendono né la famiglia né le donne che si devono adeguare alle direttive del capofamiglia.
La destra non ama la famiglia in genere,ama la sua famiglia in modo mafioso e insano.
E pratica l'omosessualità da sempre ma in gran segreto perché in pubblico la condanna.
Ovviamente non si può demonizzare la destra o la sinistra.
Le persone si orientano verso certe scelte e sono le scelte che vanno criticate.
Mi pare.

#7 Piter

Piter

    Utente Full

  • Utenti
  • 1247 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 02:41

Per me siamo nella solita falsa dicotomia, come se esitessero solo e soltanto destra e sinistra, come se non esistessero alternative.


E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero
Le labbra si macchiano e le macchie sono un segno di riconoscimento
E' con la sola volontà che metto in moto il mio pensiero


#8 Cremisi

Cremisi

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3620 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 02:41

@arjanedda,  No, lui era oltre la politica: Date e Cesare quello che è di Cesare...



#9 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7383 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 03:08

Eh,destra e sinistra, non possono racchiudere tutto quel che è negativo o positivo.
Scusa Cremisi, in effetti io non conosco Gesù che per sentito dire,tu lo hai conosciuto? Io non credo.
Era il mio vedere la sinistra e la destra,
Il povero e il ricco.
Ma,Gesù è stato accusato di un delitto politico in quanto diceva di essere il re dei giudei.
Mi pare
E forse non era di sinistra.

#10 flyzmarco

flyzmarco

    Utente Senior

  • Utenti
  • 2082 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 03:10

Eh,destra e sinistra, non possono racchiudere tutto quel che è negativo o positivo.
Scusa Cremisi, in effetti io non conosco Gesù che per sentito dire,tu lo hai conosciuto? Io non credo.
Era il mio vedere la sinistra e la destra,
Il povero e il ricco.

 

La sinistra ha abdicato al suo ruolo di difesa dei lavoratori e dei poveri mi sembra, che infatti alle ultime elezioni non hanno votato nè PD ne Liberi e Uguali...



#11 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 1679 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 03:20

Nella sinistra ce un grande errore di fondo, pretende che tutti siano messi sullo stesso livello, ovvero: devono essere tutti "uguali" quando non è affatto così.

Ce differenza tra una persona che si costruisce piano piano nell'arco della sua vita con estrema fatica migliorandosi costantemente mirando alla perfezione, ed un hippie drogato. 

Uno costruisce la civiltà, porta innovazioni, conoscenze, e valore aggiunto, l'altro vive per perder tempo.

La sinistra non riconosce la differenze di "fatica" tra uno ed un altro individuo, che in una società per forza di cose deve esserci.

Poi ci sono cose buone in entrambe le filosofie di pensiero, tutto dipende dalla società che ci si immagina nel futuro.



#12 flyzmarco

flyzmarco

    Utente Senior

  • Utenti
  • 2082 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 03:23

Nella sinistra ce un grande errore di fondo, pretende che tutti siano messi sullo stesso livello, ovvero: devono essere tutti "uguali" quando non è affatto così.

Ce differenza tra una persona che si costruisce piano piano nell'arco della sua vita con estrema fatica migliorandosi costantemente mirando alla perfezione, ed un hippie drogato. 

Uno costruisce la civiltà, porta innovazioni, conoscenze, e valore aggiunto, l'altro vive per perder tempo.

La sinistra non riconosce la differenze di "fatica" tra uno ed un altro individuo, che in una società per forza di cose deve esserci.

Poi ci sono cose buone in entrambe le filosofie di pensiero, tutto dipende dalla società che ci si immagina nel futuro.

 

Una volta lessi che uguaglianza e libertà sono in antitesi... Se siamo tutti uguali per forza allora non siamo liberi e del resto se abbiamo libertà allora non possiamo essere uguali... Mi ha fatto riflettere!!


  • Emanuele piace questo

#13 Cremisi

Cremisi

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3620 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 03:51

Ma,Gesù è stato accusato di un delitto politico in quanto diceva di essere il re dei giudei.

Quello e stato il movente per condannarlo a morte  e far si che fossero i romani a ucciderlo, la bestemmia da sola non bastava.

 

Il comunismo se applicato in modo perfetto non è affatto male, tutti uguali stesso  trattamento economico e lo stato a prendersi  cura della popolazione e di  tutti i suoi bisogni, fornisce la casa, il lavoro,  senza distinzione di ceto sociale.

 

Insomma una vita senza problemi.



#14 flyzmarco

flyzmarco

    Utente Senior

  • Utenti
  • 2082 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 05:26

Quello e stato il movente per condannarlo a morte  e far si che fossero i romani a ucciderlo, la bestemmia da sola non bastava.

 

Il comunismo se applicato in modo perfetto non è affatto male, tutti uguali stesso  trattamento economico e lo stato a prendersi  cura della popolazione e di  tutti i suoi bisogni, fornisce la casa, il lavoro,  senza distinzione di ceto sociale.

 

Insomma una vita senza problemi.

 

Da quello che ho letto il comunismo è stato finanziato dall'elite, oltre che per distruggere il cristianesimo (istituendo l'ateismo di stato), anche per dar vita al sogno di Rotschild, che sognava una società costituita da un gran numero di proletari poveri piu un ristretto numero di militari sufficienti a tutelare gli interessi dell'elites. Un mondo proprio "perfetto", basti vedere l'ex URSS.



#15 cimychan

cimychan

    polpetta

  • Utenti
  • 13997 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 09:35

In realtà i comunismi che sono stati realmente applicati sono stati semplicemente delle tremende dittature oppressive, che in nome dell'uguaglianza ciercitiva cancellavano il diritto all'individualita' ed alla libertà di pensiero e di religione.
L'ideologia che stava alla base era filosoficamente interessante, ma i frutti di quell'albero si sono rivelati veramente indigesti.
Diverso è il caso del comunismo italiano, un tizio che conosco affermava che un giorno verrà riconosciuto per ciò che è stato realmente: ovvero un'eresia cattolica. E questo per rispondere a chi vuole identificare il pensiero di Gesù Cristo con una forma di comunismo (cosa che non è, il cristianesimo parte da un'ottica di fede nel sovrannaturale di Dio e di libero arbitrio dell'individuo, non certo di militarizzazione ed oppressione del popolo). Comunque il comunismo non è il pd.

#16 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 1679 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 11:16

Quello e stato il movente per condannarlo a morte  e far si che fossero i romani a ucciderlo, la bestemmia da sola non bastava.
 
Il comunismo se applicato in modo perfetto non è affatto male, tutti uguali stesso  trattamento economico e lo stato a prendersi  cura della popolazione e di  tutti i suoi bisogni, fornisce la casa, il lavoro,  senza distinzione di ceto sociale.
 
Insomma una vita senza problemi.


Come puoi mettere sullo stesso piano un ingegnere, un dottore, una persona che da un alto valore aggiunto alla società rispetto ad un semplice nullafacente? Non può esistere uguaglianza tra le persone. L'uguaglianza livella tutti verso il basso. L'essere umano per andare avanti ha visogno di motivazioni personali, se non lo motivi non rende. Figurati quanto sarà contento un professionista se deve esser messo sullo stesso piano di uno che non si è sacrificato per nulla nella vita. La faccenda lo demoralizzerebbe fino a diventare esso stesso un nullafacente.
L'uguaglianza può esistere solo tra persone dello stesso livello.

#17 Owl

Owl

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2613 messaggi

Inviato 02 aprile 2018 - 11:50

siamo ancora condizionati da concetti che si sono andati consolidando nel corso del XIX secolo, dovremmo cominciare a guardare avanti e circoscrivere i termini destra e sinistra e le loro definizioni estremizzate, perché altrimenti rischieremmo di dare per scontato che questi concetti abbiano una validità quasi metafisica o diacronica 

 

io ho trascorso un periodo non breve della mia adolescenza e prima gioventù a tentare di capire sempre meglio in cosa consistessero questi concetti per stabilire se avrei dovuto schierarmi da una parte o dall'altra, ma poi sono giunto alla conclusione che è meglio diffidare di qualsiasi ideologia o fede perché nessuna è immune dalla sua degenerazione in fanatismo. Mi limito a riconoscere la validità di determinati valori e a difenderli con la maggiore obiettività che mi riesce possibile avere e mi oppongo ogniqualvolta qualcuno tende a etichetttarmi politicamente: accade non di rado che taluni mi etichettino spregiativamente come marxista, ma talora capita anche qualcuno che mi etichetta spregiativamente come un avversario alla sua destra. Le poche etichette "politicanti" che non rigetto sono quella di ecologista e di giustizialista, ma ciò non comporta un'automatica collocazione a destra o a sinistra. Ci tengo sempre invece a puntualizzare che fondamentalmente sono uno scettico e un nichilista, mentre i valori che condivido hanno un'attinenza relativa al mondo in cui vivo, non in altri ambiti: dunque li considero valori e non ideologie (che invece tendono a totalizzare la realtà).    

 

questo topic è malformulato perché pone un quesito che da già per scontate diverse etichette come se fossero state appiccicate una volta per tutte a determinati valori     

 

dinanzi a un estratto di un sito estremista sarebbe più costruttivo soffermarsi ad analizzare la psicologia dell'estremista, non il mero contenuto di un suo proclama come se fosse una cosa a sé  


  • Emanuele, malia, arjanedda e 4 altri piace questo

#18 Iasonis

Iasonis

    Utente Full

  • Utenti
  • 2452 messaggi

Inviato 03 aprile 2018 - 06:11

La sinistra vive di utopie

#19 Owl

Owl

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 2613 messaggi

Inviato 03 aprile 2018 - 05:45

La sinistra vive di utopie

tutte le fedi e ideologie si reggono su utopie



#20 Yanez

Yanez

    Utente Full

  • Utenti
  • 1759 messaggi

Inviato 04 aprile 2018 - 10:35

Non ci sono commenti nel merito che venga voglia di fare, circa le affermazioni esposte fin dal messaggio iniziale e poi in quelli successivi - fatta eccezione per Owl, assai più ragionevole, benché discutibile.

 

Nel sottotitolo del 3d bisognerebbe scrivere: La Storia vista, interpretata e raccontata secondo un bignamino di destra fascio-clericale.

O in alternativa: Fallimento totale della scuola dell'obbligo.


Storie diverse per gente normale, storie comuni per gente speciale





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi