Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto
- - - - -

Abbattere l'Ego :)


  • Per cortesia connettiti per rispondere
117 risposte a questa discussione

#1 Maxwelly

Maxwelly

    Utente Junior

  • Utenti
  • 90 messaggi

Inviato 26 gennaio 2018 - 07:41

Quanto ognuno di noi vive la propria vita in dipendenza del proprio Ego?

Quanto questo ci rende schiavi? Quanto ci impedisce di connetterci realmente ai VERI noi stessi e al prossimo? Ogni volta che mi fermo a rifletterci lo percepisco lì imponente a gestire lui la mia vita per me, fin quando non mi rimbocco di nuovo le maniche nel cammino della Consapevolezza e Presenza. :)

 

Voi invece come lo vivete? :)


  • Cthulhu piace questo



#2 Flyer

Flyer

    عزرائیل

  • Utenti
  • 3215 messaggi

Inviato 26 gennaio 2018 - 08:18

Vivo fuori dall'egomondo, che piace tanto ai pavidi robotini sociali pieni di fumo trascendentale, vivo in braccio all'Ego sum, ovvero Dio.
  • tornado piace questo
Io raccolgo dove non ho seminato.

#3 Guest_cimychan_*

Guest_cimychan_*
  • Ospiti

Inviato 26 gennaio 2018 - 11:49

non so a me spaventano le signore Consapevolezza e Presenza con le maiuscole, se fossero più umili forse mi avvicinerei ad annusarle, ma così con l'abito della festa mi mettono soggezione.
  • tornado piace questo

#4 Maxwelly

Maxwelly

    Utente Junior

  • Utenti
  • 90 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 08:06

Vivo fuori dall'egomondo, che piace tanto ai pavidi robotini sociali pieni di fumo trascendentale, vivo in braccio all'Ego sum, ovvero Dio.

 

Non credi che l'inciso "che piace tanto ai pavidi robotini sociali pieni di fumo trascendentale" sia forte espressione giudicante del tuo ego? Se ne vivessi fuori non giudicheresti nemmeno ciò che gli altri fanno, perché colui che giudica e sentenzia su cose, fatti e persone è sempre l'Ego nella sua maschera più solita che svilisce gli altri per accrescere se stesso.

 

Preciso che non è un attacco personale nè nulla, è semplicemente una domanda che ti pongo senza alcun tipo di critica verso di te o chiunque altro faccia ciò, del resto è un modo di fare assai comune che ognuno di noi adotta quotidianamente.


  • Cthulhu piace questo

#5 Maxwelly

Maxwelly

    Utente Junior

  • Utenti
  • 90 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 08:08

non so a me spaventano le signore Consapevolezza e Presenza con le maiuscole, se fossero più umili forse mi avvicinerei ad annusarle, ma così con l'abito della festa mi mettono soggezione.

 

Ahahahahah hai proprio ragione, dall'esterno queste due signore possono intimorire davvero davvero tanto, ma se ci si accinge a conoscerle un piccolo passetto alla volta sono tra le più affabili di questo mondo! :D



#6 tornado

tornado

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 18521 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 01:48

Ogni volta che mi fermo a rifletterci lo percepisco lì imponente a gestire lui la mia vita per me, fin quando non mi rimbocco di nuovo le maniche nel cammino della Consapevolezza e Presenza. :)

 

Una volta si dava sempre la colpa al diavolo, non che adesso non lo si faccia più, ora si da la colpa all'ego  :icon_eek: che è lui a gestire la nostra vita per noi  :icon_twisted: e che dobbiamo combatterlo  :poke:

 

Comunque rassegnati, sei sempre e solo tu ad agire, sia che ti senta gestito, sia che senti di avere tu il controllo  :asdsi:

 

Dare la colpa di certe (nostre) azioni ad una cosa che non esiste, è molto grave, poiché tale pensiero abolisce il peccato, e soprattutto deresponsabilizza l'uomo dalle sue azioni  :icon_cool:


  • Flyer piace questo

330x242_placeholder2.jpg


#7 tornado

tornado

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 18521 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 01:58

non so a me spaventano le signore Consapevolezza e Presenza con le maiuscole, se fossero più umili forse mi avvicinerei ad annusarle, ma così con l'abito della festa mi mettono soggezione.


Ma cosa ci possiamo fare? :icon_cry: Ormai queste false dottrine anticristiane, promuovono una via a proprio piacimento. Per queste dottrine non è Cristo la Via :bb: ma è l'uomo stesso la nuova "via"  :icon_confused: chiamata la via della "consapevolezza" :lode:

 

Seguendo però la propria via, tutte queste portano al medesimo risultato, cadere da un precipizio per annegare in un lago, fiume o mare sottostante che sia, come hanno fatto i porci nell'episodio dell'indemoniato di Gesara  :icon_cry:

 

demon_possessed_swine.jpg


  • Flyer piace questo

330x242_placeholder2.jpg


#8 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2922 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 02:38

Quanto ognuno di noi vive la propria vita in dipendenza del proprio Ego?

Quanto questo ci rende schiavi? Quanto ci impedisce di connetterci realmente ai VERI noi stessi e al prossimo? Ogni volta che mi fermo a rifletterci lo percepisco lì imponente a gestire lui la mia vita per me, fin quando non mi rimbocco di nuovo le maniche nel cammino della Consapevolezza e Presenza. :)

 

Voi invece come lo vivete? :)

La penso come te sia chiaro, ma proprio il parlare di annientare l'ego, il dargli una connotazione eccessivamente negativa porta ai vari fraintendimenti che si possono leggere. Per me l'ego è uno strumento che va guidato e non deve lui stesso guidare, per comprendere questo l'ego va percepito, compreso e integrato a quello che possiamo chiamare sè, Dio, atman ecc. e solo allora si capirà davvero di cosa si sta parlando. Se si vuole dare una connotazione negativa all'ego sia importante far capire il perchè, è un problema di percezione, di comprensione, se crediamo di essere solo il corpo, solo l'ego, solo la mente ecc. cadiamo in quella che buddisti e indiani chiamano falsa identificazione. Va capito che noi siamo quelli che usano los trumento e non LO strumento. Per intenderci rispondendo al tuo quesito:

 

 

 

Quanto ci impedisce di connetterci realmente ai VERI noi stessi e al prossimo?

Moltissimo! Ma lo capiamo solo quando anche per breve tempo lo abbiamo trasceso, se questo non è avvenuto non possiamo capire davvero cosa si intende e arrivano tutte le varie seghe mentali che ben conosciamo.


  • madmax piace questo

6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”


#9 Maxwelly

Maxwelly

    Utente Junior

  • Utenti
  • 90 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 03:02

La penso come te sia chiaro, ma proprio il parlare di annientare l'ego, il dargli una connotazione eccessivamente negativa porta ai vari fraintendimenti che si possono leggere. Per me l'ego è uno strumento che va guidato e non deve lui stesso guidare, per comprendere questo l'ego va percepito, compreso e integrato a quello che possiamo chiamare sè, Dio, atman ecc. e solo allora si capirà davvero di cosa si sta parlando. Se si vuole dare una connotazione negativa all'ego sia importante far capire il perchè, è un problema di percezione, di comprensione, se crediamo di essere solo il corpo, solo l'ego, solo la mente ecc. cadiamo in quella che buddisti e indiani chiamano falsa identificazione. Va capito che noi siamo quelli che usano los trumento e non LO strumento. Per intenderci rispondendo al tuo quesito:

 

Moltissimo! Ma lo capiamo solo quando anche per breve tempo lo abbiamo trasceso, se questo non è avvenuto non possiamo capire davvero cosa si intende e arrivano tutte le varie seghe mentali che ben conosciamo.

 

Assolutamente d'accordo con te. L'Ego nonostante ci limiti enormemente è al tempo stesso ciò che ha permesso oggi all'uomo di raggiungere tutti i traguardi ottenuti, senza questo probabilmente non saremmo arrivati tanto lontano. Allo stesso tempo però assieme a progresso ed evoluzione ha portato anche all'alienazione dall'Essere e dall'altro, creando un forte senso di disconnessione da ciò che veramente siamo. Per questo motivo è sempre importante l'autosservazione, affinché possiamo annotare quando questo prende il sopravvento e devia il nostro percorso. Dobbiamo sempre essere noi a decidere, perché come tu stesso dicevi "noi siamo quelli che usano lo strumento". :)


  • Cthulhu piace questo

#10 Guest_Meditante_*

Guest_Meditante_*
  • Ospiti

Inviato 27 gennaio 2018 - 03:06

il miglior modo per abbattere l'ego è quello di spendere l'energia in azioni e pensieri puliti

le tecniche non servono a nulla salvo rari casi



#11 Guest_cimychan_*

Guest_cimychan_*
  • Ospiti

Inviato 27 gennaio 2018 - 03:44

Ma cosa ci possiamo fare? :icon_cry: Ormai queste false dottrine anticristiane, promuovono una via a proprio piacimento. Per queste dottrine non è Cristo la Via :bb: ma è l'uomo stesso la nuova "via" :icon_confused: chiamata la via della "consapevolezza" :lode:

Seguendo però la propria via, tutte queste portano al medesimo risultato, cadere da un precipizio per annegare in un lago, fiume o mare sottostante che sia, come hanno fatto i porci nell'episodio dell'indemoniato di Gesara :icon_cry:

demon_possessed_swine.jpg

ah è una roba new age?
pensavo che fosse un discorso psicologico

#12 Flyer

Flyer

    عزرائیل

  • Utenti
  • 3215 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 04:09

Non credi che l'inciso "che piace tanto ai pavidi robotini sociali pieni di fumo trascendentale" sia forte espressione giudicante del tuo ego? Se ne vivessi fuori non giudicheresti nemmeno ciò che gli altri fanno, perché colui che giudica e sentenzia su cose, fatti e persone è sempre l'Ego nella sua maschera più solita che svilisce gli altri per accrescere se stesso.

Vedi, il Giudizio non lo faccio io, ma Dio Padre, e serve a pulire la Terra da tutta la marmaglia putrescente che si da un tono di "uno cosmico", ovvero un branco di sporcaccioni criminali, pervasi ognuno dalle sue tare, che pretendono di essere in "pace", mentre si scazzottano vendendosi per due soldi, per due libri e per imporre inoltre ai pochi fuori dal branco la loro panacea spirituale, ossia:

Adeguati al marciume, non giudicare ed ubriacati insieme a noi, che siamo "uno", bravi e buoni, a prescindere dalle porcate personali che amiamo compiere, ma tutti concordi nel branco.

Questo branco di indemoniati idioti, gonfiati di sonnifero, di droga, di New Age ed infine da Bergoglio, dimostra tutta la sua violenza ed arroganza contro il singolo, com'è stato ampiamente dimostrato con insulti diretti e mancato ban di parte in tutto il web, solo perchè il singolo preferisce Dio a loro e li descrive esattamente come Lui li vede da eoni e quali sono, ma pretendono pure di insegnare il perdono e la non belligeranza questi "ascesi"?

Ti sembrano "non giudicanti" questi "pacifici" sciacalli che si adunano contro i singoli solo perchè li smascherano nel loro essere ed agire? Non hanno "ego" perchè agiscono in branco e non singolarmente? Tu da che parte stai? Dimmi.

Piacerebbe si a costoro che il mondo diventasse la festa di Halloween, dove possono fare i comodacci propri tutti in branco, per questo temono e negano il Giudizio di Dio che tuttavia è decretato, sai?

Lucifero vuole un mondo di porci in cui rotolarsi, ma i suoi fedeli adepti non sono nè "pacifici" nè "trascendenti", fingono di ascendere al Nirvana mollando la spugna della Giustizia celeste, perchè a loro piace qui, e mi vengono a demonizzare l'Ego questi egoici demoni conglomerati?

Se fossero spiriti eletti sarebbero simili al Cristo, che perdona alla sua prima venuta ed annienta i renitenti alla seconda, ovvero starebbero nelle sue schiere in battaglia, non a fumare canapa inerti e compiaciuti del branco umano, grufolante o silente dinanzi allo scempio in corso con la divina etichetta di "spiritualisti" zen, cattolici, scientisti, atei ecc.

Io non vivo lì, perchè non sono della Terra, ho solo una missione da compiere che riguarda proprio questi "bonini", la cui fama si è sparsa ovunque.

Pare che non vogliano intendere la semplice verità, ma si sa, i demoni fanno finta di non capire e mordono finchè non si rompono i denti su qualche Angelo di Dio. Puri dementi.
Io raccolgo dove non ho seminato.

#13 tornado

tornado

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 18521 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 04:21

ah è una roba new age?
pensavo che fosse un discorso psicologico

 

Uno psicologo ti manderebbe da uno psichiatra  :icon_eek:  se gli racconti che sei in profonda riflessione perché vuoi abbattere l'ego, capito l'antifona?  :frog:


330x242_placeholder2.jpg


#14 Guest_Meditante_*

Guest_Meditante_*
  • Ospiti

Inviato 27 gennaio 2018 - 04:33

sono la legale di agostino



#15 Maxwelly

Maxwelly

    Utente Junior

  • Utenti
  • 90 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 04:40

il miglior modo per abbattere l'ego è quello di spendere l'energia in azioni e pensieri puliti

le tecniche non servono a nulla salvo rari casi

Certo, nessuna tecnica è efficace quanto quella dell'introspezione. Solo attraverso questa possiamo ritrovare i veri noi stessi e da lì poi tutto verrà da sè. Per farlo però è importante essere vigili e presenti il più possibile, che è ciò che di più difficile ci sia al mondo.



#16 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 10821 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 04:47

imho abbattere l'ego è impossibile perché siamo schiavi dei nostri stimoli fisici e psicologici mentali, solo esistendo senza un corpo fisico si potrebbe abbattere l'ego, cosa impossibile 

finchè siamo in vita almeno.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#17 skynight

skynight

    Remember on November 5th

  • Utenti
  • 10821 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 04:51

Certo, nessuna tecnica è efficace quanto quella dell'introspezione. Solo attraverso questa possiamo ritrovare i veri noi stessi e da lì poi tutto verrà da sè. Per farlo però è importante essere vigili e presenti il più possibile, che è ciò che di più difficile ci sia al mondo.

noi stessi lo potremmo essere senza nessun tipo di influenza fisica, istintuale, sociale, culturale e mentale che ci vengono imposte dalla nascita cioè prima di nascere e dopo la morte in quel luogo di non esistenza, limbo, imho un essere senza un ego è come un corpo senza un'anima.

è l'ego che ci rende unici e ci permette di distinguerci dagli altri rendendoci tutti diversi e insostituibili, potrebbe essere che l'ego sia la manifestazione fisica della nostra anima? 

chissà.


Sotto questa maschera c'è più di semplice carne, c'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile.


#18 Maxwelly

Maxwelly

    Utente Junior

  • Utenti
  • 90 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 04:55

ah è una roba new age?
pensavo che fosse un discorso psicologico

 

Non è nessuna roba new age Cimychan, è semplice autosservazione. :)

Se non ci comprendiamo a fondo come possiamo capire cosa NOI vogliamo veramente? Quante volte ci impediamo di evolvere per timore del giudizio altrui? Per paura che scoprano che siamo più deboli della facciata che ci siamo costruiti? Quante volte in una discussione attacchiamo l'altro per sentirci meglio, finendo per fare però molto più male all'altra persona? Quante volte preferiamo inventarci di tutto pur di non ammettere che l'altra persona ha ragione? Finendo per perdere probabilmente un'altra delle tante occasioni di crescita che la vita ci offre.

In ognuno di questi momenti è il nostro Ego che parla per noi, ecco perché è importante rendersene conto, attraverso l'osservazione, affinchè possiamo gestire noi la nostra vita e non lui.



#19 Frèyja

Frèyja

    Super Utente

  • Utenti
  • 6969 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 04:57

Quanto ognuno di noi vive la propria vita in dipendenza del proprio Ego?
Quanto questo ci rende schiavi? Quanto ci impedisce di connetterci realmente ai VERI noi stessi e al prossimo? Ogni volta che mi fermo a rifletterci lo percepisco lì imponente a gestire lui la mia vita per me, fin quando non mi rimbocco di nuovo le maniche nel cammino della Consapevolezza e Presenza. :)

Voi invece come lo vivete? :)


Dipende.
Spesso con eccessiva mania di controllo, forse.
Comunque annientare il dolore, in ogni sua forma, è un'impresa titanica.

#20 Maxwelly

Maxwelly

    Utente Junior

  • Utenti
  • 90 messaggi

Inviato 27 gennaio 2018 - 05:07

noi stessi lo potremmo essere senza nessun tipo di influenza fisica, istintuale, sociale, culturale e mentale che ci vengono imposte dalla nascita cioè prima di nascere e dopo la morte in quel luogo di non esistenza, limbo, imho un essere senza un ego è come un corpo senza un'anima.

è l'ego che ci rende unici e ci permette di distinguerci dagli altri rendendoci tutti diversi e insostituibili, potrebbe essere che l'ego sia la manifestazione fisica della nostra anima? 

chissà.

 

Un essere senza un ego è un Essere puro e semplice, libero nella sua prima essenza, che vive qui ed ora e non è giudicante, semplicemente accetta tutto ciò che c'è in quanto è.

Ciò che ci rende unici è ciò con cui siamo nati e cioè il nostro Essere, poi l'ego interviene a costruire una o molte più immagini fasulle di noi, impedendoci di vivere liberamente nella nostra unicità.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi