Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

L'Esperienza inspiegabile che mi ha cambiato radicalmente.


  • Per cortesia connettiti per rispondere
48 risposte a questa discussione

#21 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2909 messaggi

Inviato 30 settembre 2017 - 01:21

Infatti se tutto mi tornasse non avrei di certo aperto la questione. :icon_biggrin:

Anche se più che arrogante lo definirei un espressione determinata.

Chiaramente non è facile riportare "le sensazioni" che ho vissuto io personalmente verso te, non si può "pretendere" di immaginare che l'altro possa capirle.

O forse l'ipnosi ha evocato sia la personalità che la parte più profonda non saprei....

Cosa sia successo esattamente io non te lo saprei dire, o forse è solo il mio ego che vuole condividere questa esperienza con voi per giocherellare :icon_biggrin:

Ma il mio angelo custode non può essere perché con il tempo ho "riconosciuto" i concetti che si sono espressi in ipnosi "manifestarsi" attraverso la mia persona. 

Brevemente ho riconosciuto quella parte di me perché si manifesta "tale e quale" nella realtà in forme diverse ma concettualmente uguale.

Ad esempio quando dico che sono tra gli umani "per studiare la morte" se ne deduce che il "preconcetto originale" fosse che cercassi la soluzione.

Ebbene mi ci rispecchio dentro.

La prima cosa che mi ha aperto verso il mistero (a parte l'universo a livello intellettuale) a "livello emotivo" è stata proprio la crudeltà della morte.

Ad esempio Rimanevo enormemente "disgustato" da quei documentari della savana che facevano vedere la brutalità delle specie animali, e la mia repulsione si manifestava tutta e la percepivo

come stortura, come un "effetto collaterale" della vita stessa. La mia forma più antica "potrebbe" essere in lotta con la morte. Se così fosse mi ci rispecchio dentro e mi ci fondo. Perchè sono esattamente io, così come "quando dico in ipnosi che portavo alla luce gli umani" la mia sensazione "seguita dalla risposta" era come se mi dovessi giustificare affermando che se li prendevo per portarli verso la luce la colpa non era la mia che li uccidevo, ma la causa era nella stessa natura umana perché essi inevitabilmente muoiono.

Ebbene come spiegavo anche sopra questo "fare" mi appartiene, e l'ho dimostrato in vita "anche prima dell'ipnosi stessa" quando mi premuravo di far trapassare dolcemente tutti gli animaletti malconci che trovavo e che erano in fin di vita riscaldandoli o cercando di fare in modo che il trapasso avvenisse più dolcemente possibile.

Quando questo non accadde "una sola volta capitò" stetti talmente male da non riuscire nemmeno a descrivertelo.

Non vorrei che fraintendessi, con quel "qualcosa non mi torna" voglio solo dire che non saprei dare risposte precise o precise spiegazioni al fenomeno, perchè ci sono troppi dettagli che rimandano a situazioni diverse, tutto qui! Ho solo una impressione, credo che parte della confusione venga dalla tua successiva "reinterpretazione", conosco bene la cosa. Ricordo spesso specie nelle prime uscite o anche nelle prime meditazioni intuizioni e grandi rivelazioni  che svanivano pochi minuti dopo, o venivano travisate, salvo poi tornare col ripetersi di quello "stato di coscienza" o finire completamente dimenticate.

Probabilmente l'unico vero modo con cui avresti risposta è proprio rivivendo quello stato. Tornando alla veglia esattamente come avviene coi sogni (viaggi astrali, sogni comuni, lucidi, l'intero panorama onirico) la tua parte razionale deve "tradurre" e la cosa non è sempre facile, per questo in certi ambienti è cosa risaputa che la difficoltà non è fare una viaggio astrale o avere una visione ma saperla usare e interpretare, questa è la parte più importante e difficile.


  • Emanuele, MichaelAnype e MalcolmMoody piace questo

6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”


#22 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2099 messaggi

Inviato 30 settembre 2017 - 06:04

Non vorrei che fraintendessi, con quel "qualcosa non mi torna" voglio solo dire che non saprei dare risposte precise o precise spiegazioni al fenomeno, perchè ci sono troppi dettagli che rimandano a situazioni diverse, tutto qui! Ho solo una impressione, credo che parte della confusione venga dalla tua successiva "reinterpretazione", conosco bene la cosa. Ricordo spesso specie nelle prime uscite o anche nelle prime meditazioni intuizioni e grandi rivelazioni  che svanivano pochi minuti dopo, o venivano travisate, salvo poi tornare col ripetersi di quello "stato di coscienza" o finire completamente dimenticate.
Probabilmente l'unico vero modo con cui avresti risposta è proprio rivivendo quello stato. Tornando alla veglia esattamente come avviene coi sogni (viaggi astrali, sogni comuni, lucidi, l'intero panorama onirico) la tua parte razionale deve "tradurre" e la cosa non è sempre facile, per questo in certi ambienti è cosa risaputa che la difficoltà non è fare una viaggio astrale o avere una visione ma saperla usare e interpretare, questa è la parte più importante e difficile.


Non preoccuparti per i fraintendimenti, in queste situazioni è sempre nolto difficile spiegare e anche recepire quello che si vuole intendere.
  • Cthulhu piace questo

#23 Guest_Daniele Zummo_*

Guest_Daniele Zummo_*
  • Ospiti

Inviato 08 ottobre 2017 - 03:48

@Emanuele, non è stata un regressione normale, ma questo lo sai pure tu. Io ho questa teoria: l'ipnosi ti ha portato alla tua vera essenza, al tuo vero io e lo dimostra il fatto che tu non provavi emozioni, perché essendo coscienza, non avevi un corpo emozionale.
Per quanto la materia (che tu hai chiamato natura), vero fu uno sbaglio, un grosso sbaglio, non siamo mai stati destinati a nascere. Siamo caduti e abbiamo perso la memoria, dopo di ché, ci siamo fatti schiavizzare dell'ego.
  • Emanuele piace questo

#24 Frèyja

Frèyja

    .L.

  • Utenti
  • 4429 messaggi

Inviato 14 ottobre 2017 - 11:19

Oggi racconterò la mia seduta di l'ipnosi.
Da premettere però che chi l'ha effettuata è un neofita e mi faceva delle domande sbagliate, stupide e spesso inappropriate, d'altronde non si aspettava una seduta del genere e nemmeno io.
La seduta è stata registrata, ma ci sono dei momenti che la videocamera è andata in stop, peccato perchè erano i momenti migliori, alcune cose non le ricordo e chi ha ascoltato
non vuole dirmele. Mi hanno solo detto che ho incominciato a parlare un linguaggio molto tecnico.
Veniamo al dunque, ricordo le sensazioni provate mentre parlavo, quindi cercherò di dividere il discorso in 2 tempi, 1° le sansazioni (che dirò in un secondo momento) e quanto detto.
Allora comincio col dire che era nato tutto per caso, io addirittura pensavo che volessero farmi uno scherzo, quindi stavo in palese disagio e mal disposto, poi mi hanno
raccontato che me l'hanno fatta perché secondo loro non mi vedevano mai felice.
Intanto mi sistemo e cominciano a farmi addormentare, non riuscendoci decido di usare una mia tecnica di meditazione così inizio a rilassarmi,
all'inizio sento un dolore al braccio e come se qualcosa mi tirasse fuori per i piedi, decido di intensificare la meditazione quando inizio a
sentire un fischio nelle orecchie intensificarsi fino a vedere una luce al centro della testa espandersi.
Io ricordo soltanto di focalizzarmi sulla luce ed ad un certo punto mi sento fusa ad essa, ma non me ne rendo conto.

Durante le domande recepivo meravigliosamente, ma ero in trance quando rispondevo.

Ricordo che visualizzavo delle immagini che al risveglio non ho ricordato, nemmeno una, ma che in quel momento sapevo cosa fossero.

Durante la registrazione si vedeva un puntino bianco all'altezza del torace.  
Passiamo alle domande: ricorda che alcune sono stupide e fuori luogo ma che per completezza non trascurerò, ma salterò le domande classiche tipo come ti chiami, anni e bla bla bla.
Domanda: Ricordi quando eri bambino?
Risposta: si
Domanda: quanti anni avevi
Risposta: 12
Domanda: cosa facevate?
Risposta: Giochiamo a pallone
Domanda: chi era il piu forte
Risposta: piu o meno tutti sullo stesso livello
Domanda: eri felice?
Risposta: no
Domanda: perchè non eri felice?
Risposta: ma io non ero infelice
Domanda: Andiamo indietro
Vuoto
Domanda: Cosa vedi?
Risposta: Luce
Domanda: sei luce?
Risposta: non lo sò
Domanda: cerca di vedere tua nonna
Risposta: non la vedo
Domanda: focalizza bene
Risposta: non mi è dato sapere
Domanda: perchè no?
Domanda: cè qualcuno superiore a te?
Risposta: no
Domanda: allora perchè non ti è dato sapere?
Risposta: Io vedo tutti indistintamente
Domanda: cosa sei
Risposta: luce
Domanda: Emanuele è nella luce?
Risposta: no la luce è dentro Emanuele
Domanda: ??????? cosa sei?
Risposta: luce
Domanda: quanti anni hai?
Risposta: non ho età
Domanda: come ti chiami?
Risposta: Non ho nome
Domanda: Hai vite precedenti?
Risposta: non ho vite precedenti
Domanda: sei slegato dal karma?
Risposta: che parola mortale e banalizzata segue un sorriso
Domanda: qual'è il tuo karma?
Risposta: io non ho karma
Domanda: perchè sei qui nel corpo di emanuele?
Risposta: perchè il corpo è sofferenza e noi stiamo qui per studiare.
Domanda: vedi a 360°?
Risposta: si
Domanda: quale sarà il destino degli umani?
vuoto
domanda:  hai karma?
risposta: ma io sono slegato dal ciclo del destino
domanda quale ciclo?
risposta: nascita e morte.
Domanda: allora verrà qualcuno a salvarci?
Risposta: no loro (gli umani) sono liberi...... liberi di scegliere il loro destino
Domanda: cosa facevi prima di essere Emanuele?
Risposta: prendevo gli umani e li portavo alla luce
Domanda: Come?
Risposta: non è colpa mia....è la natura!
Domanda: la natura è cattiva?
Risposta: la natura è la natura..........
Domanda: ti piace la natura?
Risposta: senza risposta
Domanda: la natura è perfetta?
Risposta: no
Domanda: perchè la natura non è perfetta? la natura è perfetta!
Risposta: no la natura non è perfetta!
Domanda: perchè non è perfetta?
Risposta: perchè la natura muore
Domanda: parlami della natura
Risposta: la natura è il caos ed il caos è la natura.......... voi non capite.....non era prevedibile....e successo tutto all'improvviso non era prevedibile....
Domanda: cosa non era prevedibile?
Risposta: il caos.....non era prevedibile........ è successo tutto all'improvviso......
Domanda: la natura è cattiva?
Domanda: la natura è sia bellissima che bruttissima nello stesso momento.
Domanda: ma ti piace la natura
Risposta: Io darei la vita per la natura
Domanda: vuoi continuare?
Risposta: mi è indifferente
Domanda: ??????? cosa sei?
Risposta: luce
Domanda: come si chiama nella tua lingua?
Risposta: Neschiù (o qualcosa del genere non so cosa sia)
Domanda: come?
Risposta: Ne...schiù
vuoto
Domande: come ti chiami: emanuele bla bla bla bla
Domanda: Quanti anni hai?
Risposta: 2
Domanda: cosa noti di strano?
Risposta: penso...e vedo.....
Adesso ti puoi svegliare.
Alcune mie risposte molto brevi (ad esempio si o no) avvenivano in contemporanea ad alcune domande che purtroppo non ricordo, e non sono state registrate.
Questo sunto sarà a sommi capi circa il 30/40% della registrazione e del ricordo che ho di questa esperienza. Ricordo di una domanda molto importante
a cui non ho saputo rispondere a causa del fatto che era stata formulata male..... in quello stato dicevo all'ipnotista di riformulare correttamente perchè
essa non era corretta, e non potevo utilizzare la mente per dirgli come porre la domanda. Pena il risveglio dall'Ipnosi.
Allora...ricordo nel mio inconscio che quando parlavo della natura intendevo la materia la vita che ne è scaturita dopo.
Quando dicevo: "non era prevedibile" la sensazione era come se fosse successo qualche cosa che non ci aspettavamo nemmeno noi....  voi direte: noi chi?
eh....bella domanda... non lo so nemmeno io.........ma che comunque non riguarda il genere umano, ed eravamo meravigliati in positivo ma che questo "caos" ci aveva colto di sorpresa, sapevamo che dovevamo interevenire per rettificare alcune storture (come ad esempio lo è la morte in questa seduta) e di quel ne è scaturito dopo ma non sapevamo ne cosa era, ne come dovevamo intervenire, quindi eravamo in questi corpi per comprendere meglio la vita (o natura) per poi poter affrontare queste storture.
Quando ero immerso in questa luce dorata ma dallo sfondo nero ricordo la splendida sensazione di eterno presente, ma non avevo emozioni, ero semplicemente sereno in un eterno presente avvolto da un fievole calore.  
e quando la vedevo allontanarsi "a causa delle domande stupide" sembravo un drogato che tentava di raggiungerla di nuovo.
Quel che potrei definire il paradiso dei cristiani, ma che è decisamente tutt'altro da quel che si possa aspettare/immaginare.

Ho tentato invano di replicare la seduta con qualche esperto vero, ma niente.... dopo di quell'esperienza sono chiuso anzi direi blindato e nessuno riesce più a penetrare nel mio inconscio.

Vi sarei grato se qualcuno sapesse spiegarmi che tipo di trance o di esperienza sia stata. Appare chiaro che non si tratti di una regressione normale, ce da premettere che prima di questa seduta "importante" sotto ipnosi non sono mai andato in regressione.

Grazie a tutti.

Ammesso che sia emersa davvero la parte più profonda di te (cioè lo spirito o atman), è normale sia che sostenga di essere slegato dal karma, sia di non avere vite precedenti.

Colui che vive le vite ed è sottoposto alla legge karmica è solo l'ego, che oltretutto muta nel tempo essendo un soggetto in divenire.

Lo spirito oltre a essere immutabile, vive l'eterno presente, non nasce e non muore, per cui non ha vite precedenti o future.

Il tempo, cosi come la sua percezione, è legato all'ego.


  • Emanuele piace questo

#25 SimonGiulio

SimonGiulio

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 1025 messaggi

Inviato 20 ottobre 2017 - 01:42

Ciao emanuele, il fatto che tu non sia riuscito a ripetere l'esperienza penso sia dovuto al fatto che quella volta non fu affatto una ipnosi, ma un profondo stato meditativo autoindotto, che ti ha fatto vivere una vera e propria premorte: infatti hai udito prima il caratteristico suono che preannuncia l'uscita astrale, poi una piccola luce che diventa sempre più grande, ed infine lo stato di beatitudine una volta che si entra dentro la luce. Spesso questo stato è accompagnato dall'assorbimento di una conoscenza divina, cosmica, un sapere che riguarda la vera natura dell'uomo, dell'universo ecc ecc.

Per rivivere l'esperienza quindi, devi rientrare in quello stato meditativo, e non invece farti ipnotizzare.

Alla luce di questo, provo a interpretare il testo della tua "ipnosi":

 

Domanda: ??????? cosa sei?
Risposta: luce
Domanda: quanti anni hai?
Risposta: non ho età
Domanda: come ti chiami?
Risposta: Non ho nome

 

quando il testimone di una premorte raggiunge la luce, assume le vere sembianze di un uomo, diventa cioè un essere di luce e non percepisce più il tempo. Percepisce la sua reale essenza, il suo vero io.

 

Domanda: Hai vite precedenti?
Risposta: non ho vite precedenti
Domanda: sei slegato dal karma?
Risposta: che parola mortale e banalizzata segue un sorriso
Domanda: qual'è il tuo karma?
Risposta: io non ho karma

 

io penso che tu abbia voluto intendere che la reincarnazione e il karma non esistono

 

Domanda: perchè sei qui nel corpo di emanuele?
Risposta: perchè il corpo è sofferenza e noi stiamo qui per studiare.

 

molte persone, durante la premorte, hanno imparato che noi veniamo sulla terra per evolverci spiritualmente, e che l'unico modo affinchè ciò accada è sperimentare la sofferenza. La vita terrena è una scuola, veniamo sulla terra per apprendere.

 

domanda:  hai karma?
risposta: ma io sono slegato dal ciclo del destino
domanda quale ciclo?
risposta: nascita e morte.

 

forse intendevi che il tuo vero io, come quello di tutti gli umani, è spirito, qualcosa cioè che sopravvive alla morte

 

Domanda: cosa facevi prima di essere Emanuele?
Risposta: prendevo gli umani e li portavo alla luce

 

forse era la tua mansione spirituale prima di nascere.

Spesso infatti si dice che ognuno di noi abbia vissuto una vita spirituale prima di nascere, durante la quale si svolgevano compiti di natura spirituale, riguardanti l'aiutare gli altri.

Forse il tuo compito era quello di aiutare alcune persone a raggiungere la luce nel momento del trapasso.

 

Risposta: no la natura non è perfetta!
Domanda: perchè non è perfetta?
Risposta: perchè la natura muore
Domanda: parlami della natura
Risposta: la natura è il caos ed il caos è la natura.......... voi non capite.....non era prevedibile....e successo tutto all'improvviso non era prevedibile....
Domanda: cosa non era prevedibile?
Risposta: il caos.....non era prevedibile........ è successo tutto all'improvviso......

 

ti cito un passo della premote di Betty j eadie, dove le viene rivelato questo:

 

Le nostre cellule sono state programmate per rigenerarsi in eterno, per-

ché le nuove sostituissero quelle vecchie o malate af-

finché la vita non avesse mai fine. Ma poi è successo

qualcosa, qualcosa che non mi è stato mostrato, ma

compresi che nel Giardino dell’Eden era entrata la

«morte». Mi è stato mostrato che c’era un Giardino

dell’Eden e che lì sono state create le condizioni per

cui l’umanità è stata privata dell’immortalità.

 

Sembra tu alluda a come sia subentrata la morte nell'universo.

 

Che ne pensi?

 

 

 

 


  • Emanuele piace questo

#26 Bartimeus

Bartimeus

    Utente Senior

  • Utenti
  • 290 messaggi

Inviato 20 ottobre 2017 - 05:52

Buongiorno, se si vuole approfondire in termini di ipnosi regressiva in Italia c'è il Dott. Angelo Bona: 

 

https://www.ipnosiregressiva.it/

 

Saluti 



#27 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2099 messaggi

Inviato 20 ottobre 2017 - 08:21

Ciao emanuele, il fatto che tu non sia riuscito a ripetere l'esperienza penso sia dovuto al fatto che quella volta non fu affatto una ipnosi, ma un profondo stato meditativo autoindotto, che ti ha fatto vivere una vera e propria premorte: infatti hai udito prima il caratteristico suono che preannuncia l'uscita astrale, poi una piccola luce che diventa sempre più grande, ed infine lo stato di beatitudine una volta che si entra dentro la luce. Spesso questo stato è accompagnato dall'assorbimento di una conoscenza divina, cosmica, un sapere che riguarda la vera natura dell'uomo, dell'universo ecc ecc.
Per rivivere l'esperienza quindi, devi rientrare in quello stato meditativo, e non invece farti ipnotizzare.
Alla luce di questo, provo a interpretare il testo della tua "ipnosi":
 

 
quando il testimone di una premorte raggiunge la luce, assume le vere sembianze di un uomo, diventa cioè un essere di luce e non percepisce più il tempo. Percepisce la sua reale essenza, il suo vero io.
 

 
io penso che tu abbia voluto intendere che la reincarnazione e il karma non esistono
 

 
molte persone, durante la premorte, hanno imparato che noi veniamo sulla terra per evolverci spiritualmente, e che l'unico modo affinchè ciò accada è sperimentare la sofferenza. La vita terrena è una scuola, veniamo sulla terra per apprendere.
 

 
forse intendevi che il tuo vero io, come quello di tutti gli umani, è spirito, qualcosa cioè che sopravvive alla morte
 

 
forse era la tua mansione spirituale prima di nascere.
Spesso infatti si dice che ognuno di noi abbia vissuto una vita spirituale prima di nascere, durante la quale si svolgevano compiti di natura spirituale, riguardanti l'aiutare gli altri.
Forse il tuo compito era quello di aiutare alcune persone a raggiungere la luce nel momento del trapasso.
 

 
ti cito un passo della premote di Betty j eadie, dove le viene rivelato questo:
 
Le nostre cellule sono state programmate per rigenerarsi in eterno, per-
ché le nuove sostituissero quelle vecchie o malate af-
finché la vita non avesse mai fine. Ma poi è successo
qualcosa, qualcosa che non mi è stato mostrato, ma
compresi che nel Giardino dell’Eden era entrata la
«morte». Mi è stato mostrato che c’era un Giardino
dell’Eden e che lì sono state create le condizioni per
cui l’umanità è stata privata dell’immortalità.
 
Sembra tu alluda a come sia subentrata la morte nell'universo.
 
Che ne pensi?


Direi che è veramente affascinante quello che hai esposto. Cercherò di approfondire.
  • SimonGiulio piace questo

#28 SimonGiulio

SimonGiulio

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 1025 messaggi

Inviato 20 ottobre 2017 - 11:21

il primo è stato quando ho visto per un attimo la morte del mio cagnolino, ed ho ripercorso tutta la strada che mi separava da lui in un istante.  

 

ciao emanuele, cosa accadde esattamente? cosa vedesti? 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



#29 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2099 messaggi

Inviato 21 ottobre 2017 - 06:13

Vidi il suo ultimo respiro. Fu una cosa atroce. Per fortuna che all'epoca non credevo a niente e la presi soltanto come un allucinazione. Ma il giorno dopo alla prima luce dell'alba lo trovai morto.

#30 Guest_Daniele Zummo_*

Guest_Daniele Zummo_*
  • Ospiti

Inviato 22 ottobre 2017 - 03:22

@SimonGiulio, la reincarnazione e il karma esistono, ma sono relativi come il tempo. Mi spiego: il destino (o karma) esiste dal momento della nostra nascita fisica, e sarà così finché non cesseremo di vivere. Quando una persona muore, l'anima comincia un processo di purificazione per dissolvere ogni attaccamento che la persona ha avuto in vita, con una serie di prove. Se l'anima supera tutte le prove, entrerà nella luce e ci resterà oppure potrà scegliere di rinascere per aiutare chi è ancora nella sofferenza.
La reincarnazione è un ciclo di sofferenza perenna, sia che tu nasca animale, umani o divinità, non importa. L'anima deve evolversi e la reincarnazione fa si che questo possa accadere, ma siamo noi con le nostre azioni a determinarlo.

Inizialmente eravamo nella luce, ma poi siamo caduti ed é nata questa dimensione fisica. Non é mai stata programmata la nostra nascita. É tutto avvenuto all'improvviso.

#31 SimonGiulio

SimonGiulio

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 1025 messaggi

Inviato 25 ottobre 2017 - 08:00

.. 



#32 SimonGiulio

SimonGiulio

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 1025 messaggi

Inviato 25 ottobre 2017 - 08:05

Vidi il suo ultimo respiro. Fu una cosa atroce. Per fortuna che all'epoca non credevo a niente e la presi soltanto come un allucinazione. Ma il giorno dopo alla prima luce dell'alba lo trovai morto.

 

ma fu una visione mentale? in che senso ripercorresti tutta la strada che ti separava da lui?



#33 SimonGiulio

SimonGiulio

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 1025 messaggi

Inviato 03 novembre 2017 - 07:45

@SimonGiulio, la reincarnazione e il karma esistono, ma sono relativi come il tempo. Mi spiego: il destino (o karma) esiste dal momento della nostra nascita fisica, e sarà così finché non cesseremo di vivere. Quando una persona muore, l'anima comincia un processo di purificazione per dissolvere ogni attaccamento che la persona ha avuto in vita, con una serie di prove. Se l'anima supera tutte le prove, entrerà nella luce e ci resterà oppure potrà scegliere di rinascere per aiutare chi è ancora nella sofferenza.
La reincarnazione è un ciclo di sofferenza perenna, sia che tu nasca animale, umani o divinità, non importa. L'anima deve evolversi e la reincarnazione fa si che questo possa accadere, ma siamo noi con le nostre azioni a determinarlo.

Inizialmente eravamo nella luce, ma poi siamo caduti ed é nata questa dimensione fisica. Non é mai stata programmata la nostra nascita. É tutto avvenuto all'improvviso.

 

c'è chi dice una cosa, c'è chi dice un'altra, ed un'altra ancora....

nessuno sa la verità, nemmeno te

come fai ad essere così sicuro che la reincarnazione ed il karma esistono, e che le cose vadano come hai descritto? 


  • Lunanerina piace questo

#34 Emanuele

Emanuele

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2099 messaggi

Inviato 03 novembre 2017 - 09:45

c'è chi dice una cosa, c'è chi dice un'altra, ed un'altra ancora....

nessuno sa la verità, nemmeno te

come fai ad essere così sicuro che la reincarnazione ed il karma esistono, e che le cose vadano come hai descritto? 

 

La reincarnazione non lo so se esiste, ma si va per intuito che sia una cosa meccanica, ovvero che per forza di cose le anime debbano reincarnarsi per vivere.

Riguardo al karma non te l'ho detto l'altra volta ma la sensazione che provai quando recepii il messaggio fu che esisteva e che noi la banalizzavamo come concetto.



#35 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23414 messaggi

Inviato 04 novembre 2017 - 02:06

Ammesso che sia emersa davvero la parte più profonda di te (cioè lo spirito o atman), è normale sia che sostenga di essere slegato dal karma, sia di non avere vite precedenti.

Colui che vive le vite ed è sottoposto alla legge karmica è solo l'ego, che oltretutto muta nel tempo essendo un soggetto in divenire.

Lo spirito oltre a essere immutabile, vive l'eterno presente, non nasce e non muore, per cui non ha vite precedenti o future.

Il tempo, cosi come la sua percezione, è legato all'ego.

 

 

L'ego alla morte del corpo è dissolto ai minimi termini, non si "reincarna."

Almeno per le dottrine orientali, certe dottrine orientali, manco tutte.

Cioè, in realtà non è affatto chiaro, perché l'Ego contingente ed empirico degli occidentali in teoria è null'altro che fenomeno illusorio, come tutto il resto, quindi "cosa" si reincarna? Il sé superiore o atman come dici tu persiste, ma non si può dire che accanto a questo Sé ci sia un ego che saltella di corpo in corpo e vive le vite, perché l'Ego è legato *ad una* vita specifica, non a tutte, se non attraverso la rotella sgangherata del Karma :D

E' tutto un altro modo di pensare e intendere la spiritualità, difficilmente un occidentale ci arriva con facilità, quindi non è strano sentirti dire che "l'ego vive le vite e si sottopone al karma" ma... non è esatto.


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#36 Guest_Daniele Zummo_*

Guest_Daniele Zummo_*
  • Ospiti

Inviato 05 novembre 2017 - 01:20

@SimonGiulio.

Il destino esiste perché l'ho percepito. In un certo senso posso dire di averlo "visto" con la mente.
È stato un attimo, ma ho sentito i meccanismi cosmici che agivano sulle persone che vedevo.
La vita che tu hai ora, l'hai scelta prima di rinascere, e il tuo destino è partito, dalla tua vita immediatamente precedente. Ciò che sei ora, è ciò che eri prima.

Il punto è questo: nella vita noi tutti siamo soggetti alla materialità di questa vita, ci imbarchiamo di problemi, corriamo alla velocità della luce e soprattutto agiamo in maniera sconsiderata.
Tutto questo ingrossa l'ego che a sua volta, appesantisce l'anima. Quando una persona muore, verrà sottoposto a delle prove che il morto dovrà superare. tutte! Influisce molto anche l'impreparazione alla morte.
L'anima verrà purificata per un tempo complessivo di 49 giorni. Dopo questo tempo l'anima ha raggiunto la purificazione e l'anima raggiunge la luce e smette di reincarnarsi (a meno che non voglia rivivere per aiutare il prossimo).
Se l'anima non supera delle prove, o si stanca prima dei 49 giorni, l'anima è obbligata a rivivere una nuova vita.
Queste sono le esistenze: piante, animali, umani, semi-dei e dei.
Più il tempo di rimanenza nel bardo è stato lungo, e migliori saranno le esistenze che si potranno scegliere, anche se solo l'essere umano può raggiungere l'illuminazione.
Se invece il tempo è stato breve (tipo una settimana), l'anima si reincarnerà nel corpo di animale o di insetto.
In questo tipo di esistenze, l'anima avrà bisogno di parecchie vite prima di illuminarsi e quindi illuminarsi.
Noi eravamo cellule, piante, animali e ora siamo umani. Il prossimo passo sarà l'illuminazione di tutta l'umanità. Dopo di noi, ci sarà la prossima umanità, che ora veste i panni di insetti, animali e piante.

#37 Myfriend

Myfriend

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3824 messaggi

Inviato 06 novembre 2017 - 01:00

Esiste la "Coscienza Universale"....e poi c'è il tuo corpo che è una "frequenza particolare" della Coscienza Universale e poi c'è il cervello che crea l'ego e la "Coscienza individuale". Cioè il tuo cervello manifesta la "Coscienza individuale" e l'ego a partire dalla "frequenza particolare" della Coscienza universale di cui tu sei manifestazione.

E' probabile che tu ti sia sintonizzato con la "frequenza particolare" di Coscienza di cui tu sei manifestazione prima che venga distorta dall'ego. E hai lasciato che la "frequenza particolare" di Coscienza universale di cui tu sei manifestazione, parlasse.

 

Faccio un esempio per chiarire. La Coscienza universale è come l'oceano. Il nostro corpo è un'onda dell'oceano (l'oceano ha tante onde che si formano in superficie). Noi siamo un'onda dell'oceano...cioè una "frequenza particolare" della Coscienza Universale. L'onda che noi siamo ha un cervello, affinchè l'onda che noi siamo acquisisca una "coscienza individuale" e l'ego. Quindi il cervello da forma all'ego...e alla nostra "Coscienza individuale".

Quello che è successo è che probabilmnete tu hai "spento l'ego" o hai "superato l'ego" e hai fatto in modo che l'onda che noi siamo (cioè la frequenza particolare di Coscienza universale che noi siamo) si sia potuta esprimere liberamente, senza passare dal filtro distorcente dell'ego.

Ti sei sintonizzato direttamente con la "fonte" (la frequenza particolare di Coscienza universale che ciascuno di noi è), bypassando il filtro distorcente dell'ego.

 

Non abbiamo nessun karma...e non abbiamo nessun bisogno di cicli di nascita-morte e rinascita. Per il semplice motivo che noi siamo già una scintilla della Coscienza universale, siamo già un'onda della Coscienza univesrale, siamo già una frequenza partcolare della Coscienza universale. Dobbiamo solo acquisirne la consapevolezza superando e andando oltre la distorsione dell'ego. E possiamo farlo qui e ora. Adesso. Chiunque può farlo qui e adesso. Non abbiamo nessun karma e non abbiamo bisogno di nessuna "purificazione" e, quindi, di nessun ciclio di nascita-morte e rinascita. Dobbiamo solo acquisirne la consapevolezza, qui e ora. Adesso.

 

E ne acquisiamo la consapevolezza attraverso un processo psichico di maturazione. Attraverso un processo di maturazione psichica basato sull'apprendimento e sull'esperienza qui in questa vita. Adesso.

Non c'è bisogno di nessuna reincarnazione. Dobbiamo solo rimboccarci le maniche e imparare a crescere. Altro che karma e reincarnazione. Altro che paradisi e inferni. Tutte chiacchiere per sfuggire alla responsabilità di crescere che abbiamo qui e ora. Sono inganni dell'ego che non vuole farsi da parte. Karma, reincarnazioni, paradisi e inferni sono concetti prodotti dall'ego per evitare di farci crescere. Perchè solo crescendo...solo maturando psichicamente si arriva a comprendere l'ego e, quindi, a superarlo.

 

Occorre imparare a crescere. E per crescere occorre studiare, indagare, analizzare, mettere in dubbio, cercare, farsi domande sulla Realtà e cercare le risposte. E possiamo e dobbiamo farlo qui e ora. E il modo per iniziare a farlo è proprio quello di superare le balle inventate dalle religioni. Balle che sono un blocco alla crescita psichica. Le religioni bloccano la crescita psichica, invece di favorirla, perchè uno passa tutta la vita bloccato a credere a karma e reincarnazioni, a paradisi e inferni e non cresce. Non si pone domande, non approfondisce, non si interroga, non analliza. Rimane bloccato nelle sue credenze e nelle sue fedi e non matura, non cresce.

 

Chissà....prima o poi, magari, gli si apre la mente. :icon_biggrin:


Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.

#38 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23414 messaggi

Inviato 06 novembre 2017 - 02:02

La differenza fra chi parla per ipotesi e chi si vanta di avere certezze, è così evidente quanto disarmante se Myfriend entra in discussione :bb:


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~

#39 Myfriend

Myfriend

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3824 messaggi

Inviato 06 novembre 2017 - 02:16

:icon_biggrin:

Quando fai così mi fai sorridere. Questa è una certezza, ma non è un vanto.  :icon_biggrin: 


Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.

#40 Nehelamite

Nehelamite

    Parcere subiectis et debellare superbos

  • Utenti
  • 23414 messaggi

Inviato 06 novembre 2017 - 02:17

:icon_biggrin:

Quando fai così mi fai sorridere. Questa è una certezza, ma non è un vanto.  :icon_biggrin:

 

 

Dall'alto della tua laurea in scienza delle merendine, io ti faccio sorridere. Che onore.


 Z40h.gif
 
~ Of all the things I've lost, I miss my Heart the most ~




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi