Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

I dinosauri non sono mai esistiti ?


  • Per cortesia connettiti per rispondere
14 risposte a questa discussione

#1 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior

  • Utenti
  • 495 messaggi

Inviato 13 settembre 2017 - 10:43

Vi posto questo video : https://youtu.be/kwUTW6u4M7E

Oltre a questo visto che sto facendo delle ricerche, volevo chiedere a qualcuno se ha mai sentito parlare di dinosauri nelle culture di qualche antica civiltà ?
Io non ne ho trovata nessuna, ma se si sono estinti 65 milioni di anni fa come facciamo a essere stati i primi a parlarne o a trovarne ipotetici resti? Qualcosa non torna
  • BleatmestBora, o.kidirov1987, hogan2017 e 3 altri piace questo

#2 Guest_Meditante_*

Guest_Meditante_*
  • Ospiti

Inviato 14 settembre 2017 - 11:57

Vi posto questo video : https://youtu.be/kwUTW6u4M7E

Oltre a questo visto che sto facendo delle ricerche, volevo chiedere a qualcuno se ha mai sentito parlare di dinosauri nelle culture di qualche antica civiltà ?
Io non ne ho trovata nessuna, ma se si sono estinti 65 milioni di anni fa come facciamo a essere stati i primi a parlarne o a trovarne ipotetici resti? Qualcosa non torna

 

due bot ti hanno messo il mi piace

ma questi bot mettono i mi piace a cazzo asd

 

te l'ho messo anche io perchè mi interessava l'intervento



#3 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 6901 messaggi

Inviato 18 settembre 2017 - 08:58

Se ne parla più o meno qui.

 

http://www.cosenasco...i/?hl=dinosauri



#4 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior

  • Utenti
  • 495 messaggi

Inviato 19 settembre 2017 - 06:31

Se ne parla più o meno qui.

http://www.cosenasco...i/?hl=dinosauri


Grazie, non l'avevo notato. Allora non sono l'unico su questo forum ad aver fatto questa deduzione
  • tnt74 piace questo

#5 Nehelamite

Nehelamite

    Fiat Iustitia et pereat Mundus

  • Utenti
  • 19169 messaggi

Inviato 20 settembre 2017 - 01:44

Non è che prima si avesse tutta questa consapevolezza storico-scientifica, manco si sapeva cosa fosse, un "fossile."

Se veniva trovato un grosso scheletro fossilizzato - per puro culo, perché non è che ti spunta un tirannosauro dalla buchetta per piantare le begonie in giardino, bisogna comunque aprire un campo e fare uno scavo più o meno serio - ecco, al massimo si pensava alla carcassa di qualche mostro mitologico. Draghi, viverne, giganti... hai voglia che se ne parlava.


  • Tyrande Soffiabrezza e Il Decimo piace questo

2fd643c1284a92c1050926b02fc5071098712edd

 
Os tua venera sapientiae fons est, at potestas tua qua saevit ingenter mortifera sit veneno mentis

 


#6 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior

  • Utenti
  • 495 messaggi

Inviato 21 settembre 2017 - 02:18

Non è che prima si avesse tutta questa consapevolezza storico-scientifica, manco si sapeva cosa fosse, un "fossile."
Se veniva trovato un grosso scheletro fossilizzato - per puro culo, perché non è che ti spunta un tirannosauro dalla buchetta per piantare le begonie in giardino, bisogna comunque aprire un campo e fare uno scavo più o meno serio - ecco, al massimo si pensava alla carcassa di qualche mostro mitologico. Draghi, viverne, giganti... hai voglia che se ne parlava.

Ok , però civiltà sviluppate come gli egiziani in grado di costruire piramidi avevano problemi con gli scavi ?

#7 Il Decimo

Il Decimo

    Utente Senior

  • Utenti
  • 486 messaggi

Inviato 21 settembre 2017 - 02:29

Mi ripeto, l'avevo già scritto nell'altro post:

Probabilmente in antichità a nessuno fregava una mazza dei dinosauri. Le comunicazioni erano talmente lente e difficoltose che per annunciare un ritrovamento a chi di dovere potevano passare mesi, se si riusciva a raggiungere il destinatario. Molti ritrovamenti che oggi sono semplici una volta erano quasi impossibili per la difficoltà di raggiungere il sito e lavorarci. Altre volte invece i ritrovamenti sono stati fatti ma al posto di studiare i reperti hanno inventato una storia di draghi o di esseri mitologici, eventualità che non mi stupirebbe dato che la cosa più vicina alla scienza era l'alchimia e prima di quest'ultima si parlava di magia. Quindi oltre alla difficoltà di fare certi ritrovamenti (non è che i fossili si trovano nel giardino di casa) c'era anche la mentalità che non aiutava, attribuendo certe scoperte ad entità mitologiche.

Anche le piramidi sono sempre state sotto agli occhi di tutti ma i veri studi sono iniziati solo in epoca moderna.


  • Usékar, RedRose777 e Tyrande Soffiabrezza piace questo

#8 Nehelamite

Nehelamite

    Fiat Iustitia et pereat Mundus

  • Utenti
  • 19169 messaggi

Inviato 22 settembre 2017 - 02:20

Ok , però civiltà sviluppate come gli egiziani in grado di costruire piramidi avevano problemi con gli scavi ?

 

 

Ti ha risposto il Decimo.

Il problema è che forse non riesci a calarti nella mentalità, non riesci a calarti nella visione che gli antichi avevano della storia e dell'evoluzione del mondo.

A tal proposito, ti consiglio le opere di un antropologo un po' datato, ma si sa che in antropologia, al contrario che in altre scienze, il vecchio non è pura curiosità nozionistica ma rappresenta sempre un'importante fonte di dati e osservazioni utili: Lévi-Strauss. Ma anche altri eh.

In particolare, il concetto di "pensiero selvaggio" e la distinzione fra società "calde", dinamiche e proiettate, per farla breve, in un flusso storico costante, come lo sono (state) le società occidentali ad un certo punto dell'evoluzione sociale, e "fredde", che come dice il nome, congelano la storia, imprigionandola in un'intesa rete di significati; si parla delle società primitive, o comunque delle prime civiltà degne di tal nome.

Questione di mentalità, per l'appunto, prima ancora che tecnologica e di risorse.

 

Anche gli egiziani, come i romani etc, in una certa misura, condividevano una certa visione del mondo e della storia, basata su mitologie certamente e su reti di significati metastorici: il pensiero magico, come lo chiamava invece De Martino, autore nostrano che ti consiglio di leggere, non è nemmeno tanto lontano da noi, bastava farsi un giro nelle campagne pugliesi degli anni '50 per raccogliere tutto un catalogo di storie, leggende, spiegazioni pseudo-scientifiche a eventi naturali, o malattie, reali o "inventate", come la taranta no? Ma va beh, ce ne sarebbe di roba da dire... è tardi, e rischio di andare OT, quindi tagliamo corto :D

Il punto è che in una società com'era quella di un tempo, una società non globale, o almeno in cui la comunicazione non era semplice né immediata, ogni micro-società, esattamente come le tribù degli indigeni, sviluppava il proprio modo di pensare e di concepire il mondo, e quindi la sua storia, pur secondo schemi simili.

 

Per la società X il mondo era stato creato da Tizio in tot tempo ed era fatto così e cosà, uno schema di pensiero insomma, che prima della scienza serviva a dare significato a ciò che esisteva e collocare ogni evento, ogni cosa, in un chiuso quadro concettuale: in un contesto del genere, se ti spuntava fuori un evento, un dato nuovo, tutto quello che facevi era collocarlo nel quadro concettuale del mondo che già avevi. E bella lì.

Persino la concezione della storia del mondo, una storia necessariamente antropocentrica e che quindi non ammetteva periodi precedenti all'umanità, era appiattita su questo schema fisso con cui l'indigeno/antico spiega/spiegava la realtà che aveva attorno.

Oggi invece l'illuminismo, la secolarizzazione e la scienza ci hanno abituati, insieme in parte anche al cristianesimo eh, ad una visione del mondo e della storia più aperta, in cui è compresa anche la preistoria: appunto, pre-istoria, ciò che viene prima della nostra storia.

Una cosa del genere, un pensiero tanto "retrodatato", era impossibile per un antico.


  • arjanedda, Usékar, RedRose777 e 2 altri piace questo

2fd643c1284a92c1050926b02fc5071098712edd

 
Os tua venera sapientiae fons est, at potestas tua qua saevit ingenter mortifera sit veneno mentis

 


#9 RedRose777

RedRose777

    Utente Senior

  • Utenti
  • 495 messaggi

Inviato 22 settembre 2017 - 09:57

Ti ha risposto il Decimo.
Il problema è che forse non riesci a calarti nella mentalità, non riesci a calarti nella visione che gli antichi avevano della storia e dell'evoluzione del mondo.
A tal proposito, ti consiglio le opere di un antropologo un po' datato, ma si sa che in antropologia, al contrario che in altre scienze, il vecchio non è pura curiosità nozionistica ma rappresenta sempre un'importante fonte di dati e osservazioni utili: Lévi-Strauss. Ma anche altri eh.
In particolare, il concetto di "pensiero selvaggio" e la distinzione fra società "calde", dinamiche e proiettate, per farla breve, in un flusso storico costante, come lo sono (state) le società occidentali ad un certo punto dell'evoluzione sociale, e "fredde", che come dice il nome, congelano la storia, imprigionandola in un'intesa rete di significati; si parla delle società primitive, o comunque delle prime civiltà degne di tal nome.
Questione di mentalità, per l'appunto, prima ancora che tecnologica e di risorse.

Anche gli egiziani, come i romani etc, in una certa misura, condividevano una certa visione del mondo e della storia, basata su mitologie certamente e su reti di significati metastorici: il pensiero magico, come lo chiamava invece De Martino, autore nostrano che ti consiglio di leggere, non è nemmeno tanto lontano da noi, bastava farsi un giro nelle campagne pugliesi degli anni '50 per raccogliere tutto un catalogo di storie, leggende, spiegazioni pseudo-scientifiche a eventi naturali, o malattie, reali o "inventate", come la taranta no? Ma va beh, ce ne sarebbe di roba da dire... è tardi, e rischio di andare OT, quindi tagliamo corto :D
Il punto è che in una società com'era quella di un tempo, una società non globale, o almeno in cui la comunicazione non era semplice né immediata, ogni micro-società, esattamente come le tribù degli indigeni, sviluppava il proprio modo di pensare e di concepire il mondo, e quindi la sua storia, pur secondo schemi simili.

Per la società X il mondo era stato creato da Tizio in tot tempo ed era fatto così e cosà, uno schema di pensiero insomma, che prima della scienza serviva a dare significato a ciò che esisteva e collocare ogni evento, ogni cosa, in un chiuso quadro concettuale: in un contesto del genere, se ti spuntava fuori un evento, un dato nuovo, tutto quello che facevi era collocarlo nel quadro concettuale del mondo che già avevi. E bella lì.
Persino la concezione della storia del mondo, una storia necessariamente antropocentrica e che quindi non ammetteva periodi precedenti all'umanità, era appiattita su questo schema fisso con cui l'indigeno/antico spiega/spiegava la realtà che aveva attorno.
Oggi invece l'illuminismo, la secolarizzazione e la scienza ci hanno abituati, insieme in parte anche al cristianesimo eh, ad una visione del mondo e della storia più aperta, in cui è compresa anche la preistoria: appunto, pre-istoria, ciò che viene prima della nostra storia.
Una cosa del genere, un pensiero tanto "retrodatato", era impossibile per un antico.


Si comprendo quello che dici , ha senso

#10 waitec

waitec

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3166 messaggi

Inviato 21 novembre 2017 - 04:23

Quando si fanno operazioni di scavo per ricercare ossa fossili bene o male si sa dove andare a scavare. E poi ci vogliono occhi esperti per distinguere un femore di qualche dinosauro da una roccia scura. Nella Storia non si legge di un ritrovamento nell'arenaria ( la pietra dove basta colpire un punto ben preciso per far rivelare un fossile di un pesce o di un fiore) I pochi ritrovamenti ad culam di fossili di mammuth per gli antichi erano la prova dell'esistenza dei ciclopi e immagino anche se difficilissimo il teschio di un triceratopo poteva essere benissimo scambiato per la testa di un drago. Va da sè che nell'era moderna bisogna scavare parecchio in profondità e in punti ben precisi. A quei tempi simili ritrovamenti erano prove più o meno concrete di esseri soprannaturali o animali fantastici.




#11 flyzmarco

flyzmarco

    Utente Senior

  • Utenti
  • 2082 messaggi

Inviato 26 novembre 2017 - 04:09

Sembra che la Bibbia menzioni davvero i dinosauri, sebbene non impieghi mai, effettivamente, il termine “dinosauro”. Invece, essa utilizza la parola ebraica tanniyn , la quale viene tradotta in alcuni modi diversi nelle nostre Bibbie, talvolta con “mostro marino” talaltra con “serpente”. Più comunemente, essa viene tradotta con “dragone”. Sembra che il tanniyn fosse una sorta di rettile gigantesco. Queste creature sono menzionate quasi trenta volte nell’Antico Testamento e si trovano sia sulla terra ferma che in acqua.
Oltre a menzionare in generale questi giganteschi rettili quasi trenta volte lungo tutto l’Antico Testamento, la Bibbia descrive un paio di creature in modo tale che alcuni studiosi credono che gli autori si riferiscano ai dinosauri. Si dice che behemoth, tradotto con “ippopotamo”, è la più potente fra tutte le creature di Dio, un gigante la cui coda è paragonata a un albero di cedro (Giobbe 40:15ss). Alcuni studiosi hanno cercato di identificare in behemoth o un elefante o un ippopotamo. Altri fanno notare che gli elefanti e gli ippopotami hanno code sottilissime, per nulla paragonabili a un albero di cedro. Dinosauri come il brachiosauro e il diplodoco, per altro, avevano grosse code che si sarebbero potute facilmente paragonare a dei cedri.

Oltre alla mole sostanziosa di prove antropiche e storiche sulla coesistenza del dinosauro e dell’uomo, esistono altre prove fisiche come le orme fossilizzate di esseri umani e dinosauri ritrovate insieme in alcuni siti dell’America del Nord e dell’Asia Centro-occidentale.



#12 Nehelamite

Nehelamite

    Fiat Iustitia et pereat Mundus

  • Utenti
  • 19169 messaggi

Inviato 26 novembre 2017 - 04:49

L'ultimo dei grandi rettili e quando dico grandi dico grandi, ma che già *non* c'entra coi dinosauri, fu il Megalania, estintosi 40k anni fa, in Australia.

Non so cosa possano aver visto i pastorelli ignoranti di una popolazione indoeuropea (quella ebraica del VT) vecchia appena di qualche migliaio di anni, ma dubito fosse un brachiosauro :asdsi:

Che giganteschi mostri marini o lucertoloni, draghi ed amenità varie di sorta siano presenti della memoria collettiva umana, anche a giudicare dalla quantità di miti in proposito, sembra però indubbio: molte sono le immagini che ci richiamano a periodi antichi della nostra storia come umanità, ad esempio i boschi delle fiabe (ricordo inconscio della buia ed estesa foresta Europea, ormai andata perduta), la paura quasi innata di serpenti e rettili, il disagio atavico nei confronti del buio, i fenomeni di pareidolia visiva e uditiva ecc ecc.

E però, da qui a dire che nella Bibbia si parlasse di dinosauri, beh... ce ne passa.

 

Sulle impronte che citi, sarebbe opportuno avere un link di riferimento.


2fd643c1284a92c1050926b02fc5071098712edd

 
Os tua venera sapientiae fons est, at potestas tua qua saevit ingenter mortifera sit veneno mentis

 


#13 flyzmarco

flyzmarco

    Utente Senior

  • Utenti
  • 2082 messaggi

Inviato 26 novembre 2017 - 07:51

E' un'ipotesi secondo me verosimile; un link puo' essere questo http://labibbiatrast...temporanei.html



#14 Nehelamite

Nehelamite

    Fiat Iustitia et pereat Mundus

  • Utenti
  • 19169 messaggi

Inviato 26 novembre 2017 - 09:16

Labibbiatrastoriaescienza non è un link che ritengo valido :asdsi:
Ne hai altri?


2fd643c1284a92c1050926b02fc5071098712edd

 
Os tua venera sapientiae fons est, at potestas tua qua saevit ingenter mortifera sit veneno mentis

 


#15 Flyer

Flyer

    عزرائیل

  • Utenti
  • 3076 messaggi

Inviato 19 dicembre 2017 - 05:11

Vi posto questo video : https://youtu.be/kwUTW6u4M7E
Oltre a questo visto che sto facendo delle ricerche, volevo chiedere a qualcuno se ha mai sentito parlare di dinosauri nelle culture di qualche antica civiltà ?
Io non ne ho trovata nessuna, ma se si sono estinti 65 milioni di anni fa come facciamo a essere stati i primi a parlarne o a trovarne ipotetici resti? Qualcosa non torna

I dinosauri non sono mai esistiti? Guardati meglio intorno.
23lgvbb.jpg

A te, onnipotenza ditalica, avendo tu al posto degli occhi due uova sode, quelle che avresti voluto altrove, ma che non hai, rimani solo una larva cieca e persa nell'eterna noia del tuo vuoto interiore, tormentata dalla tua lunga coda di paglia, poichè il fuoco t'insegue fino alla Geenna ed è proprio inutile che ti nascondi.

Uno dei tuoi tanti proginici fakes scrisse: "E' lecito che sul forum si insultino gli sconosciuti".

Vediamo se è vero.

"Insindacabile" idiota, la tua demenza perniciosa da mancata identità sessuale ti costringe a censurare tutto ciò che mette in luce le tue abominevoli e amorfe tare congenite, non potendo affrontare di persona chi dice la verità, essendo una vile ameba persa tra miliardi di microbi a te solidali.
Non importa se ti piace difendere l'evangelismo da strapazzo, pratichi Zenzero, Putakastra, Fumakanapa, Pranamurti o vai a nozze con Morfeo, sei e resterai una sacca vuota fino alla fine dei tuoi giorni sulla Terra, perchè così l'Eterno ha deciso, il Solo ed unico le cui decisioni sono insindacabili, Giudizio esteso a tutte le larve spiritiche della tua sudicia specie, emerita scimmia stragonfia di pseudo-onnipotenza e costretta a nasconderti dietro un touchpad per evitare una scarica di ceffoni a 200Kv.

Poichè il tuo misero cervelletto da gallina non ti permette di vedere oltre la tua infima natura infernale, pur vantando i tuoi super-poteri hai bisogno di sparare a ripetizione alla schiena Uomini e Angeli che giudicano i crimini dell'umanità, ciò per sopire i tuoi atroci complessi di inferiorità e di colpa, così lo fai celatamente per non mostrare alla platea del web il tuo pessimo stato interiore di demente irrecuperabile, praticante l'arte del plagio con l'illusione di rubare informazioni.

Ho solo due guance e stavolta non sono girato di spalle, su coraggio, dimostrala a tutti la tua "emancipata sanità spirituale", la tua "divina superiorità alla Maya illusoria", il "potere ancestrale del tuo occhio", va' nel tuo tempio telematico, metti il tuo ditino onnipotente sul tasto grilletto, carica e spara.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi