Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies

Il problema del male


  • Per cortesia connettiti per rispondere
398 risposte a questa discussione

#21 Guest_cimychan_*

Guest_cimychan_*
  • Ospiti

Inviato 24 agosto 2017 - 07:37

Io la vedo più semplice sempre dal punto di vista cristiano

Chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato

Questo per quello che capisco suppone un qualcosa da parte tua, quella accoglienza che implica la tua scelta

Ecco perché ritengo che bene e male usati o meno per spiegare o meno la possibilità di un Dio non servano ad una mazza

Perché non è questo il punto

Per farla pane al pane per un padre cos'è meglio che un figlio lo ami perché costretto o perché sente di amarlo?

Male e bene non sono metri di giudizio per ragionare su Dio

Almeno secondo me
Che dico un sacco di cazzate quindi non è che mi illudo di averci azzeccato :asdsi:

non sono per niente cazzate.
"Chi accoglie me accoglie Colui che mi ha mandato" presuppone infatti una scelta dell'interlocutore. Quella scelta che è fondamentale nel Libero arbitrio.
E in realtà non si discosta dalla scelta tra Bene e Male, perché il presupposto di Cristo in questa frase è che scrgliere Colui che lo ha mandato, cioè Dio, corrisponda al Bene Assoluto.
Quel Bene assoluto di cui sopra, non quello relativo.

Secondo me comunque discorrendo si fa molta confusione tra il concetto di bene inteso come benessere materiale , ed il concetto di Bene Assoluto che è ciò che Dio vorrebbe da noi, la volontà di Dio.

Nel momento in cui Gesù Cristo infatti ci esorta a seguire comportamenti che non corrispondono al benessere materiale, come per esempio l'elogio della vedova che dà ai poveri tutto quello che ha, l'esortazione al ricco di lasciare tutti i suoi beni, la lode a chi si renda eunuco per il Regno dei Cieli, invece ci sta dicendo che il raggiungimento del Bene Assoluto, cioè il Regno dei Cieli, può seguire logiche molto molto molto diverse da quelle del benessere materiale spicciolo.

#22 Triplo

Triplo

    Stella del Mattino

  • Utenti
  • 19898 messaggi

Inviato 24 agosto 2017 - 08:47

Su quello non ho idea
Purtroppo non ho mai ragionato in questi termini :cry:
Samsara 1 - Nirvana 0

#23 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 24 agosto 2017 - 10:53

Potrei lanciarmi in una non molto ardua ed appassionata spiegazione del concetto di "bene" e "male" e dell'idea di un Dio misericordioso, potrei stupirvi con effetti speciali :asdsi: forse, ma... naaaah.

Mi limito a far notare qualcosa di fondamentale che molto spesso si dimentica in questo genere di discussioni, si finisce per viaggiare così lontano e così a lungo basandosi su meri presupposti teorici, e questo vale sia per i credenti che per i non credenti, che ci si scorda da dove si era partiti, il problema originario e oserei dire, fondamentale.

Quale esso sia, signori e signori, vi verrà rivelato nella prossima puntata :asdsi:

Hah! Scherzo. Lo rivelerò adesso.

E' necessario postulare un Dio necessariamente buono per cercare un'etica fondamentalmente oggettiva? :D

Ovvero. Serve Dio per forza, nel senso che Gli attribuite, come l'idea di un controllore metafisico che decida cos'è giusto e cosa no in termini assoluti ed insindacabili, e pur questa è un'assunzione senza fondamento eh, se non si vuole rischiare di cadere nel più becero relativismo morale?

Quando il folle annunciava la morte di Dio non ha mica mai detto "ohibò, ora che il gatto non c'è più, noi topi si può pure ballare."

Si può discutere di etica anche senza tirare in ballo divinità varie ed eventuali, senza che per questo si stia emettendo un'inutile flautus vocis. Giusto per farlo notare :asdsi:


-Flip Flap-


#24 Guest_cimychan_*

Guest_cimychan_*
  • Ospiti

Inviato 24 agosto 2017 - 11:27

Potrei lanciarmi in una non molto ardua ed appassionata spiegazione del concetto di "bene" e "male" e dell'idea di un Dio misericordioso, potrei stupirvi con effetti speciali :asdsi: forse, ma... naaaah.
Mi limito a far notare qualcosa di fondamentale che molto spesso si dimentica in questo genere di discussioni, si finisce per viaggiare così lontano e così a lungo basandosi su meri presupposti teorici, e questo vale sia per i credenti che per i non credenti, che ci si scorda da dove si era partiti, il problema originario e oserei dire, fondamentale.
Quale esso sia, signori e signori, vi verrà rivelato nella prossima puntata :asdsi:

Hah! Scherzo. Lo rivelerò adesso.
E' necessario postulare un Dio necessariamente buono per cercare un'etica fondamentalmente oggettiva? :D
Ovvero. Serve Dio per forza, nel senso che Gli attribuite, come l'idea di un controllore metafisico che decida cos'è giusto e cosa no in termini assoluti ed insindacabili, e pur questa è un'assunzione senza fondamento eh, se non si vuole rischiare di cadere nel più becero relativismo morale?
Quando il folle annunciava la morte di Dio non ha mica mai detto "ohibò, ora che il gatto non c'è più, noi topi si può pure ballare."
Si può discutere di etica anche senza tirare in ballo divinità varie ed eventuali, senza che per questo si stia emettendo un'inutile flautus vocis. Giusto per farlo notare :asdsi:

si può certamente discutere di etica senza tirare in ballo Dio, però non si può discutere di un'etica condivisa perché a quel punto ci si infrange sullo scoglio delle differenze di cultura e sensibilità soggettive onde per cui ciò che è giusto per me non lo sarà per te, nel momento in cui si rifiuta a priori l'idea di un Giusto o Sbagliato assoluto, a meno che si auspichi un Unico Ordine Mondiale che imponga per legge i limiti ai quali attenersi, ma solo fino a quando non ne imporrà di nuovi.
  • Nefertari piace questo

#25 Nehelamite

Nehelamite

    Flip Flap

  • Utenti
  • 24028 messaggi

Inviato 24 agosto 2017 - 11:31

si può certamente discutere di etica senza tirare in ballo Dio, però non si può discutere di un'etica condivisa perché a quel punto ci si infrange sullo scoglio delle differenze di cultura e sensibilità soggettive onde per cui ciò che è giusto per me non lo sarà per te, nel momento in cui si rifiuta a priori l'idea di un Giusto o Sbagliato assoluto, a meno che si auspichi un Unico Ordine Mondiale che imponga per legge i limiti ai quali attenersi, ma solo fino a quando non ne imporrà di nuovi.

 

 

Non c'è alcun bisogno di ciò: come diceva il caro Rssort, basta un po' di buon senso.

C'è un fattore oggettivo, direi, che ci accomuna tutti: la sofferenza... ed è uguale un po' per tutti, a dispetto dei costumi religiosi, culturali e sociali.

Se ti picchio ti fa male, ergo, credo sia buona creanza in ogni popolo e in ogni nazione, che io eviti di picchiarti. A me pare semplice.

 

Se poi vuoi intavolare una discussione sui diritti umani e la dichiarazione universale, le organizzazioni sovranazionali, il problema dell'etica universalistica e i risvolti del paternalismo, dispostissimo eh :asdsi: Ma a me pare che come risposta vada bene anche questa :D


-Flip Flap-


#26 Guest_Owl_*

Guest_Owl_*
  • Ospiti

Inviato 25 agosto 2017 - 12:16

vorrei ribadire a chi crede in un dio benevolo e insieme onnipotente tutte le contraddizioni in cui rischia d'incappare:

 

basterebbe elencare tutte le sofferenze che si provano senza colpa alcuna

 

l'insensatezza del libero arbitrio giacché poi si paventa una punizione

 

se il male dipendesse solo da noi allora un dio benevolo lo preverrebbe, altrimenti non sarebbe onnipotente   

 

 
Distinguere il bene dal male non è facile poiché i confini tra questo e quello siamo noi a tracciarli.
(Roberto Gervaso)

  • G70 piace questo

#27 Guest_cimychan_*

Guest_cimychan_*
  • Ospiti

Inviato 25 agosto 2017 - 06:47

vorrei ribadire a chi crede in un dio benevolo e insieme onnipotente tutte le contraddizioni in cui rischia d'incappare:

basterebbe elencare tutte le sofferenze che si provano senza colpa alcuna

l'insensatezza del libero arbitrio giacché poi si paventa una punizione

se il male dipendesse solo da noi allora un dio benevolo lo preverrebbe, altrimenti non sarebbe onnipotente

eri assente ingiustificato o mi avevi messo in ignore quando qui si è parlato del Principe del mondo e del Libero Arbitrio?
certe volte boh. a parlare sembra di dare aria au denti.


Distinguere il bene dal male non è facile poiché i confini tra questo e quello siamo noi a tracciarli.

(Roberto Gervaso)

Roberto Gervaso? :tajo: no simpatico e decisamente acuto eh, ma non è che lo porterei ad esempio come grande pensatore dell'ultimo millennio, sennò poi finisce che ti rispondo con Cossiga. :asdsi:

#28 Guest_cimychan_*

Guest_cimychan_*
  • Ospiti

Inviato 25 agosto 2017 - 07:05

Non c'è alcun bisogno di ciò: come diceva il caro Rssort, basta un po' di buon senso.

il buon senso è qualcosa di così arbitrario che diventa difficile anche riconoscerlo.

C'è un fattore oggettivo, direi, che ci accomuna tutti: la sofferenza... ed è uguale un po' per tutti, a dispetto dei costumi religiosi, culturali e sociali.
Se ti picchio ti fa male, ergo, credo sia buona creanza in ogni popolo e in ogni nazione, che io eviti di picchiarti. A me pare semplice.

e io a questo ti rispondo che se neanche sono riuscite le religioni ad evitare che la gente si picchiasse, potrà mai riuscirci l'appello al semplice buon senso?
Apprezzo l'ottimismo eh.

Se poi vuoi intavolare una discussione sui diritti umani e la dichiarazione universale, le organizzazioni sovranazionali, il problema dell'etica universalistica e i risvolti del paternalismo, dispostissimo eh :asdsi: Ma a me pare che come risposta vada bene anche questa :D

secondo me invece non va affatto bene come risposta.
Il buon senso è qualcosa di così soggettivo che se per te è buon senso che le donne si coprano la faccia per me non lo è, se per te è buon senso che ai facenti richiesta venga praticata l'eutanasia per me non lo è, se per te è buon senso fare arrivare barconi di migranti ad cazzum senza la garanzia di un lavoro in un paese dal quale i giovani emigrano per trovare lavoro per me non lo è, se per te è buon senso che le tasse strozzino la libera professione per me non lo è, ma la verità è che tutte queste cose rispondono ad un FINE, ad uno scopo, all'ottenimento di qualcosa, che le rende di "buon senso" sia in un caso che nell'altro, e questo perché il buon senso è semplicemente uno strumento dell'applicazione pratica che risponde ad UN obiettivo preciso tra i tanti obiettivi possibili, che quindi non è necessariamente universale o condivisibile.
ovvero è relativo.

faccio un esempio: risparmiare all'osso per comprarsi la casa è di buon senso tanto quanto spendersi tutto per fare una vacanza perché altrimenti che lavoro a fare.
chiudere un casa una donna e negarle il contatto con altri esponenti di sesso maschile per impedirle di tradirti è logico e di buon senso tanto quanto mandarla a prostituirsi per mantenerti nel lusso.
il buon senso risponde solo a delle scelte personali e non a dei principi universali, in poche parole non è Dio che non esiste, è il buon senso non esiste.

Altrimenti dovrei richiederti la prova ontologica dell'esistenza del buon senso. :asdsi:
  • Nefertari piace questo

#29 G70

G70

    utente usato sicuro

  • Utenti
  • 1212 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 09:36

 

vorrei ribadire a chi crede in un dio benevolo e insieme onnipotente tutte le contraddizioni in cui rischia d'incappare:

 

basterebbe elencare tutte le sofferenze che si provano senza colpa alcuna

 

l'insensatezza del libero arbitrio giacché poi si paventa una punizione

 

se il male dipendesse solo da noi allora un dio benevolo lo preverrebbe, altrimenti non sarebbe onnipotente   

 

 
 

 

 

Il credente si contraddice e contraddice anche il suo dio, invalidandolo della sua onnipotenza per convenienza.

 

Dio per egli è la forza creatrice unica e prima, di conseguenza ha creato anche le regole del gioco.

Quindi, qualora noi, creati a sua immagine e somiglianza non lo adorassimo, la causa di tale scelta sarebbe sempre lui.

Quello che noi definiamo arbitrariamente come male,  rimane comunque e per forza di cose imputabile ad una sua scelta.

Questo per correttezza nell'onnipotenza di dio.

 

Tale contraddizione è comunemente liquidata con il tanto sbandierato libero arbitrio, contraddicendosi a sua volta con ->>dobbiamo fare le SUA volontà <<

ossia .....(dio); >>come osi fare ciò che avevo già previsto? <<    azzerando la libertà di scelta e cosi via.    

dicasi...referenze circolari.


  • arjanedda e alexx90 piace questo

Dio è solo un buon affare e come tale crea buoni profitti


#30 Triplo

Triplo

    Stella del Mattino

  • Utenti
  • 19898 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 10:07

secondo me sbagli.

 

perchè non mi risulta da nessuna parte la definizione di onnipotenza equiparata alla definizione di un dio che vive la tua vita al posto tuo.

da qualche parte il tuo ragionamento non mi quadra e te lo dico da uno che non ha fede


Samsara 1 - Nirvana 0

#31 G70

G70

    utente usato sicuro

  • Utenti
  • 1212 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 10:22

Dove ho detto che dio vive la vita al posto tuo?....ho detto che viviamo la vita che lui ha deciso che vivessimo, ma bada che non son io a dirlo

ma coloro che credono in lui.

 

Se poi da qualche parte trovi un credente che dichiari che Egli non ha previsto tutto e che noi comuni mortali possiamo vivere la nostra vita come meglio ci aggrada, senza pagarne le conseguenze, allora ho detto delle minchiate.


Dio è solo un buon affare e come tale crea buoni profitti


#32 Triplo

Triplo

    Stella del Mattino

  • Utenti
  • 19898 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 10:52

Dove ho detto che dio vive la vita al posto tuo?....ho detto che viviamo la vita che lui ha deciso che vivessimo, ma bada che non son io a dirlo

ma coloro che credono in lui.

 

Se poi da qualche parte trovi un credente che dichiari che Egli non ha previsto tutto e che noi comuni mortali possiamo vivere la nostra vita come meglio ci aggrada, senza pagarne le conseguenze, allora ho detto delle minchiate.

 

in realtà non è del tutto così.

 

il sia fatta la tua volontà è un abbandonarsi alle cure di dio. la prospettiva è davvero ben diversa.

 

e tu puoi vivere la tua vita come meglio ti aggrada perchè ne paghi già le conseguenze adesso. oppure non le paghi. dipende da come ti va.

a me la pula non ha mai beccato quindi continuo a fare uno stile di vita dissoluto.

 

davvero farsi problemi per un giudizio universale in cui on crediamo è un controsenso.

inoltre non puoi farti condizionare da un credente che ti dice "se fai così andrai all'inferno". dai cazzo, è assurdo.

 

pensa che se commetti un reato la paghi.

cosa c'è di diverso da un giodizio divino in termini di sostanza nessuno me lo ha ancora spiegato.

allora prigione ok, mentre inferno no.

questo vuole dire che allora un po' ci credi se ti da fastidio sta cosa.

 

inoltre anche io che sono laico potrei non essere d'accordo con il tuo stile di vita e romperti i coglioni.

solo che io sarei più sopportabile perchè sono ateo?

 

aggiungo anche che se tu dovessi scoparti il mondo, ebbene tutte le scopate che ti sei fatto sono un qualcosa di limitato.

credo proprio che quando si parli di salvezza vera non entrino in gioco certe stronzate.

però non ne ho idea, non so come la pensa un prete sulla fornicazione.

 

la politica della chiesa e le sue ingerenze con lo stato è un altro 3D mi sa. solo lì effettivamente potresti avere problemi in cui le tue scelte sono limitate a causa di pressioni che fanno loro.

ma le avresti in ogni caso in cui un governo non legifera secondo quello che tu reputi saggio. ma la chiesa in effetti non è molto vivi e lascia vivere.

 

è ancora un altro 3D il fatto di essere in opposizione con la chiesa per motivi personali.

lì si fa tutta un'erba un fascio condannando una religione solo per il fatto di aver avuto a che fare con degli stronzi.

 

insomma ci sono innumerevoli motivi per odiare la chiesa, ma addurre il male come scusa di un pensiero fallato non è cosa.

vivi e lascia vivere.

tanto più che non praticate nemmeno lo stesso sport.

c'è chi fa nuoto, e c'è chi fa calcio.

se un calciatore mi venisse a dire come nuotare gli riderei in faccia


Samsara 1 - Nirvana 0

#33 G70

G70

    utente usato sicuro

  • Utenti
  • 1212 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 11:18

 

in realtà non è del tutto così.

 

il sia fatta la tua volontà è un abbandonarsi alle cure di dio. la prospettiva è davvero ben diversa.

 

e tu puoi vivere la tua vita come meglio ti aggrada perchè ne paghi già le conseguenze adesso. oppure non le paghi. dipende da come ti va.

a me la pula non ha mai beccato quindi continuo a fare uno stile di vita dissoluto.

La pula non è mai stato un problema, tranne quando ma fatto la multa per le gomme lisce. Per me erano buone.. mha

 

 

davvero farsi problemi per un giudizio universale in cui on crediamo è un controsenso.

inoltre non puoi farti condizionare da un credente che ti dice "se fai così andrai all'inferno". dai cazzo, è assurdo.

infatti è assurdo dal momento che non mi condiziona ne mi fa problemi, tranne quando vengono a bussarmi alla porta la domenica mattina per dirmelo.

..e che cazzo!

 

 

pensa che se commetti un reato la paghi.

cosa c'è di diverso da un giodizio divino in termini di sostanza nessuno me lo ha ancora spiegato.

allora prigione ok, mentre inferno no.

questo vuole dire che allora un po' ci credi se ti da fastidio sta cosa.

Prigione si, esistono delle regole da rispettare in una società, dio non e indispensabile per me, io argomento solamente, se questo da fastidio a te o a qualcun altro non è un mio problema.

 

 

 

inoltre anche io che sono laico potrei non essere d'accordo con il tuo stile di vita e romperti i coglioni.

solo che io sarei più sopportabile perchè sono ateo?

No, sei sopportabile qualora non rompi i coglioni, poi che tu abbia un drago sotto il letto che ti porta in giro per la città ben per te.

 

 

 

aggiungo anche che se tu dovessi scoparti il mondo, ebbene tutte le scopate che ti sei fatto sono un qualcosa di limitato.

credo proprio che quando si parli di salvezza vera non entrino in gioco certe stronzate.

però non ne ho idea, non so come la pensa un prete sulla fornicazione.

non esageriamo già la seconda inizia a richiedere il suo tempo, tutto il mondo poi..

credo che il prete sia ferrato anche su come farsi una buona scopata, mia impressione eh..

 

 

 

la politica della chiesa e le sue ingerenze con lo stato è un altro 3D mi sa. solo lì effettivamente potresti avere problemi in cui le tue scelte sono limitate a causa di pressioni che fanno loro.

ma le avresti in ogni caso in cui un governo non legifera secondo quello che tu reputi saggio. ma la chiesa in effetti non è molto vivi e lascia vivere.

 

è ancora un altro 3D il fatto di essere in opposizione con la chiesa per motivi personali.

lì si fa tutta un'erba un fascio condannando una religione solo per il fatto di aver avuto a che fare con degli stronzi.

 

insomma ci sono innumerevoli motivi per odiare la chiesa, ma addurre il male come scusa di un pensiero fallato non è cosa.

vivi e lascia vivere.

tanto più che non praticate nemmeno lo stesso sport.

c'è chi fa nuoto, e c'è chi fa calcio.

se un calciatore mi venisse a dire come nuotare gli riderei in faccia​

 

..è insensato anche consigliare di credere per ricompensa, sarebbe meglio per fede per dire.

 

ps. scusa ma ho sbagliato ad editare, e son entrato nel tuo spazio :)


Dio è solo un buon affare e come tale crea buoni profitti


#34 Guest_Owl_*

Guest_Owl_*
  • Ospiti

Inviato 25 agosto 2017 - 11:18

eri assente ingiustificato o mi avevi messo in ignore quando qui si è parlato del Principe del mondo e del Libero Arbitrio?
certe volte boh. a parlare sembra di dare aria au denti.
Roberto Gervaso? :tajo: no simpatico e decisamente acuto eh, ma non è che lo porterei ad esempio come grande pensatore dell'ultimo millennio, sennò poi finisce che ti rispondo con Cossiga. :asdsi:

cominci ad essere in difficoltà dinanzi a certe obiezioni e quindi ripieghi sminuendo i loro autori

 

se una citazione è utile a confutare quello che dicono altri il suo autore può essere chiunque, anche Wanna Marchi, la sua validità resterebbe purché detta con sincerità     


  • malia, arjanedda e G70 piace questo

#35 Triplo

Triplo

    Stella del Mattino

  • Utenti
  • 19898 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 11:34

G70 è quello che intendo io

Mai sentito io un credente che creda per ricompensa

Cioè più ipocrita di così non so cosa ci sia
Credere per ricompensa non è proprio fede o religione

Siamo su due piani diversi secondo me

Chi crede per davvero e li vedi anche qui
Sono tanto diversi da quelli che dici tu

E qui mica in giro per il mondo
Samsara 1 - Nirvana 0

#36 G70

G70

    utente usato sicuro

  • Utenti
  • 1212 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 11:36

Mai sentito io un credente che creda per ricompensa

 

do cazzo vivi? :)


Dio è solo un buon affare e come tale crea buoni profitti


#37 Triplo

Triplo

    Stella del Mattino

  • Utenti
  • 19898 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 11:42

do cazzo vivi? :)


Ho specificato sopra scusa

Comunque dove cazzo vivo? Dove vivi tu semmai :tajo:
Samsara 1 - Nirvana 0

#38 G70

G70

    utente usato sicuro

  • Utenti
  • 1212 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 12:03

G70 è quello che intendo io

Mai sentito io un credente che creda per ricompensa

Cioè più ipocrita di così non so cosa ci sia
Credere per ricompensa non è proprio fede o religione

Siamo su due piani diversi secondo me

Chi crede per davvero e li vedi anche qui
Sono tanto diversi da quelli che dici tu

E qui mica in giro per il mondo

 

Però se aggiungete , dopo aver postato dai.. va bè comunque, mai sentito parlare di paradiso, vita eterna e dintorni?

Io si, è anche qui, non solo in giro per il mondo


Dio è solo un buon affare e come tale crea buoni profitti


#39 Triplo

Triplo

    Stella del Mattino

  • Utenti
  • 19898 messaggi

Inviato 25 agosto 2017 - 12:30

Però se aggiungete , dopo aver postato dai.. va bè comunque, mai sentito parlare di paradiso, vita eterna e dintorni?

Io si, è anche qui, non solo in giro per il mondo

 

chiedo scusa.

mi era partito l'invio dal cellulare.

ho editato immediatamente ma nel tempo che ci ho messo a scrivere hai risposto.

 

chiedo venia  :cower:

 

eh ma paradiso e vita eterna etc.

è proprio quello a cui non si deve aspirare per convenienza.

perchè tra i vari insegnamenti c'è la spontanea adesione.

 

credere non ha una doppia valenza.

se ci credi perchè c'è ricompensa non credi: hai delle aspettative e nel frattempo ti metti in testa che dio esiste.

 

credere è credere.

non credere in cambio di qualcosa. perchè in quel caso non è fede.

 

la fede è inequivocabile.

cioè pensaci: come cazzo fa una persona a credere in dio. se ci pensi è assurdo che sia possibile.

eppure nemmeno per un istante convincerai quella persona che dio non esiste.

quella persona sente che è così.

 

io onestamente non riesco a capacitarmene di questo fatto.

mi colpisce ogni volta.

 

la base della fede è quella, mica il fatto di bruciare all'inferno dopo morti.

perchè sennò quella io la chiamo paura. che è molto diverso, secondo me.


Samsara 1 - Nirvana 0

#40 Guest_Owl_*

Guest_Owl_*
  • Ospiti

Inviato 25 agosto 2017 - 12:45

La teoria del libero arbitrio è inventata in sostanza allo scopo del castigo, ossia del voler-trovare-colpevole.

(Friedrich Nietzsche)






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi