Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

I Vaccini.


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1882 risposte a questa discussione

#41 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 5585 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 11:16

http://www.emergenza...nt/view/859/48/
 
Nuova revisione di studi sul Journal of Immunotoxicology
 
Visto che facciamo diffusione la rivista mi pare autorevole:
Metto solo in evidenza questo punto riportata dall'autorevole rivista: Journal of Immunotoxicology
Nel 1988, l'MMR II venne usato anche in Inghilterra nella quale oggi il tasso di diffusione è arrivato a 1 ogni 64. Anche in Canada, Danimarca e Giappone si sono avuti importanti incrementi della diffusione dell'autismo. E' importante notare che diversamente dal primo MMR, la componente per la rosolia dell' MMR II è stata propagata in membrana cellulare umana derivata da tessuti dei polmoni embrionali (Merck and Co., Inc., 2010).
Il vaccino  MMR II è contaminato con DNA umano proveniente dalla membrana cellulare. Questo DNA umano potrebbe essere la causa del picco nella diffusione dell'autismo.  Un successivo picco si ebbe poi nel 1995 quando il vaccino per la varicella venne fatto crescere in tessuti fetali umani  (Merck and Co., Inc., 2001; Breuer, 2003). L'attuale incidenza negli Stati Uniti è approssima tivamente di 1 su 100.
Il DNA umano dai vaccini può essere inserito casualmente nei geni di chi ha fatto il vaccino da ricombinazioni omologhe, un processo che avviene spontaneamente solo all'interno di una specie. Punti caldi per l'inserimento di questo DNA sono stati trovati nel cromosoma X in otto geni associati all'autismo coinvolti nella formazione di sinapsi nei nervi, nello sviluppo del sistema nervoso centrale e nella funzione mitocondriale (Deisher, 2010). Tutto questo potrebbe fornire delle spiegazioni del perchè l'autismo è predominantemente una malattia che colpisce maggiormente  i maschi. Messi assieme, questi dati sostengono l'ipotesi che residui di DNA umano in alcuni vaccini possano provocare autismo.

 
In Giappone il vaccino trivalente MPR (MMR in inglese) è stato eliminato proprio a causa delle voci allarmanti che circolavano sul suo conto.
Nonostante questo i casi di autismo aumentarono come previsto statisticamente (l'aumento è dovuto soprattutto all'affinamento delle diagnosi).
Ecco un grafico che mostra l'aumento dei casi di autismo paragonati alla diminuzione delle vaccinazioni infantili:
 
noMMR.jpg
Dimunuiscono le vaccinazioni (in giallo), aumentano i casi di autismo, in Giappone
 
Lo studio che riportavi indica nelle conclusioni:
Conclusion Autism has been documented to be caused by genetic defects and/or inflammation of the brain.
The inflammation could be caused by a wide variety of environmental toxicants, infections, and co-morbidities in individuals genetically prone to the developmental disorder.
 
Si parla anche di encefalite in seguito a vaccinazioni ma non si dichiara la vaccinazione come causa dell'autismo... 
Sempre del 2001 vedo studi che lo dichiarano infondato:
 
I risultati di due studi scientifici recentemente pubblicati su una delle riviste mediche più accreditate a livello mondiale, il British Medical Journal (uno il 5 gennaio 2011 BMJ 2011; 342: c5347; l’altro pubblicato l’11 gennaio 2011 – BMJ 2011; 342: c5258) hanno decretato l’infondatezza di questa associazione e, tra l’altro, che i pazienti sono stati reclutati attraverso attivisti anti-vaccinali, e che lo studio è stato commissionato e finanziato con un preciso scopo connotato da pregiudizi ideologici e interessi economici. Troppo spesso e senza riscontri scientificamente sostenibili, la sola correlazione temporale tra la somministrazione di un vaccino ed un evento avverso o una patologia dovuta a cause ignote viene considerata di per sé stessa sufficiente a decretare che la colpa sia della vaccinazione. Il Board raccomanda che prima di compiere azioni che direttamente o indirettamente esitano in senso negativo su tutta la comunità rimettendo a rischio di malattia bambini e adulti per riflessi negativi sulla adesione ai programmi nazionali di prevenzione, chi è chiamato a giudicare – Commissioni ex Legge 210/92 comprese – assuma il massimo rigore scientifico e soprattutto la sostenibilità delle affermazioni, delle sentenze e dei giudizi basata su acquisizioni universalmente riconosciute.
 
  
https://www.ncbi.nlm...pubmed/11331734
CONCLUSIONS:
Although the possible association with MMR vaccine has received much public and political attention and there are many who have derived their own conclusions based on personal experiences,
the available evidence does not support the hypothesis that MMR vaccine causes autism or associated disorders or IBD.
Separate administration of measles, mumps, and rubella vaccines to children provides no benefit over administration of the combination MMR vaccine and would result in delayed or missed immunizations. Pediatricians need to work with families to ensure that children are protected early in the second year of life from these preventable diseases. Continued scientific efforts need to be directed to the identification of the causes of ASD.
 
 
Inoltre, dati interessanti:
 
Secondo il Centro per il Controllo delle Malattie Infettive di Atlanta (USA), il morbillo causa polmonite in un caso su 20, encefalite in uno su 2.000 e morte in uno su 3.000 nei Paesi industrializzati (in un caso su 5 nei Paesi in via di sviluppo). La parotite causa encefalite in un caso su 300, mentre la rosolia contratta durante la gravidanza causa la sindrome da rosolia congenita in un caso su 4.

La vaccinazione trivalente MMR, invece, può causare encefalite o reazioni allergiche gravi in un caso su un milione.

(e da qui ciò che diceva lo studio che indicavi tu.... ossia encefalite che può essere causata da reazioni alla vaccinazione e che può provocare autismo ma una caso su 1 milione !)

http://www.superando...e-vaccinazioni/


... che strana creatura l'essere umano, brancola nel buio con espressione intelligente...

#42 Frèyja

Frèyja

    hesperus

  • Utenti
  • 2523 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 11:38

Se è per questo ho visto anche grafici che evidenziano come alcune malattie abbiano iniziato un declino di diffusione molto prima dell'avvento dei rispettivi vaccini, presumibilmente per un miglioramento generale delle condizioni igieniche e alimentazione.
Ci sono grafici per tutto e il contrario di tutto, a dimostrazione che non c'è chiarezza sull'argomento.
  • Cthulhu piace questo

#43 Frèyja

Frèyja

    hesperus

  • Utenti
  • 2523 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 11:40

Il Morbillo può in rari casi favorire infezioni delle vie respiratorie,(staffilococchi, streptococchi) che rispondono benissimo ai comuni antibiotici.
L'encefalite da Morbillo è rarissima.


Io invece vorrei i dati sulla varicella, visto che ci hanno infilato pure quella.
  • Lamia piace questo

#44 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2835 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 11:49

Se è per questo dalla critica che ha inserito è evidente che neanche ha letto l'articolo e le conclusioni. Parlo di quello inserito da Sauro ovviamente.


  • Frèyja piace questo

6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”


#45 Lamia

Lamia

    sono andato a letto presto

  • Utenti
  • 2251 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 11:57

mi sento vicina alla visione steineriana della faccenda, alcune malattie servono per essere forgiati dal fuoco durante il primo e il secondo settennio.. ma questa è una società (esterna e interna) che non tollera alcun genere di sofferenza e in cui la paura (di soffrire) è La forma di controllo.

vediamo tra qualche anno se l'opinione pubblica cambierà.


  • Anarko e Frèyja piace questo

Noctes atque dies patet atri ianua Ditis: sed revocare gradum superasque ecadere ad auras, hoc opus, hic labor est.


 

 


#46 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 5585 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 11:58

Se è per questo dalla critica che ha inserito è evidente che neanche ha letto l'articolo e le conclusioni. Parlo di quello inserito da Sauro ovviamente.

a dire il vero chi non ha letto niente sei tu, ne quello che aveva postato sauro ne il mio altrimenti avresti compreso come la vaccinazione relazionata all'autismo (citata in quell'articolo di Sauro) si riferisce a casi di encefalite successiva alla vaccinazioni in 1 caso su 1 milione (lo studio cui mi riferivo io).  Capisci che dire autismo provocato dalla vaccinazione è una cavolata pazzesca che solo chi non legge le cose, come te, prende per buono.


... che strana creatura l'essere umano, brancola nel buio con espressione intelligente...

#47 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 5585 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 12:07

Se è per questo ho visto anche grafici che evidenziano come alcune malattie abbiano iniziato un declino di diffusione molto prima dell'avvento dei rispettivi vaccini, presumibilmente per un miglioramento generale delle condizioni igieniche e alimentazione.
Ci sono grafici per tutto e il contrario di tutto, a dimostrazione che non c'è chiarezza sull'argomento.

la mancanza di chiarezza ce l'hai tu e chi, come te, si fa abbindolare dalle cavolate internettiane.... in quel caso si che puoi leggere tutto e il contrario di tutto.

 

Sulla varicella ovvio che anche qui, la vaccinazione, è importante:

 

https://www.medicoeb...ne_sorveglianza

Durante i 25 anni, che hanno preceduto la vaccinazione contro la varicella (dal 1970 al 1994) il numero dei morti negli Stati Uniti per varicella ha variato fra 47 e 138 per anno, con una mortalità dallo 0,29 allo 0,46 per milione di popolazione. In quegli anni la distribuzione delle morti ha dimostrato che l'80% di esse riguardava soggetti di 20 anni o più di età: la più alta concentrazione di morti, fra il 1970 e il 1994 si è avuta tuttavia nei bambini di età inferiore a 1 anno (da 1,1 a 3,6 morti per 1 milione). In Italia negli stessi anni di sono avuti da 2 a 8 morti, per la maggior parte in età di 20 anni o più (ISTAT).
La maggior parte delle morti (89% fra i bambini e 75% fra gli adulti) riguarda persone che appartengono alle categorie a rischio.
Dopo l'introduzione della vaccinazione contro la varicella nel 1995, l'incidenza della malattia si abbassò dal 71 all'84% nelle aree nelle quali è stata fatta una sorveglianza attiva e dal 67 all'82% nelle aree sottoposte a sorveglianza passiva.
In questa pubblicazione vengono determinate le morti per varicella, dopo l'introduzione della vaccinazione; tutti gli autori appartengono al CDC di Atlanta (Nguyen HQ, Jumaan AO, Steward JF. Decline of mortalità due to varicella after implementation of varicella vaccination in the United States. N Engl J Med 2005, 352:450-8).
Negli anni 1999-2002 le morti per varicella caddero a 66 per anno: da 0,41 morti per milione di abitanti dal 1990 al 1994 allo 0,14 negli anni dal 1999 al 2001 (P<0,001). Questa caduta si è verificata in tutti i gruppi di età al di sotto dei 50 anni, con la maggiore riduzione (92%) nei bambini da 1 a 4 anni, la maggior parte dei quali era stata sottoposta alla vaccinazione. Inoltre dopo la vaccinazione universale contro la varicella si è assistito a un'uguaglianza nella mortalità in tutti i gruppi etnici, con una caduta al di sotto dello 0,15 morti per milione di abitanti, in confronto a percentuali che andavano negli anni precedenti la vaccinazione dallo 0,37 per milione fra i bianchi allo 0,66 per milione fra le altre razze.
Viene concluso che la vaccinazione universale contro la varicella negli Stati Uniti ha portato a un rapido abbassamento delle morti per varicella, anche nelle classi di età non sottoposte alla vaccinazione (herd immunity).

 

Non ti basta ?

La varicella è una malattia virale, il virus si trasmette per via aerea e per contatto diretto. Generalmente non grave, ma può diventare grave ed essere letale anche in bambini sani (< 1 ogni 10.000 casi).

La varicella può causare polmonite (5-14% dei casi), sovrainfezioni batteriche cutanee (36% dei pazienti ospedalizzati), infiammazione del fegato e complicazioni neurologiche (0,4-10,1 % dei pazienti ospedalizzati). La letalità e di 4-9/100.000.

Le complicanze sono molto più comuni tra gli adolescenti e gli adulti e tra le persone con problemi del sistema immunitario.

Il vaccino contro la varicella è costituito da virus vivo e attenuato, è sicuro ed efficace.

In alcuni casi può determinare lievi effetti collaterali in sede di iniezione, dopo circa 7 giorni può dare effetti sistemici, malessere, febbre che si risolvono in qualche giorno senza alcun esito.
Il rischio di ammalarsi per queste malattie e per le altre prevenibili con i vaccini è ancora molto presente, non solo per i bambini ma anche per gli adulti non vaccinati.

http://www.genitorip...llo-e-varicella

 

 

ma ancora:

Le morti causate dalla varicella negli USA durante i 25 anni prima dell'introduzione del vaccino sono state 2.262.
Dal 1994 la mortalità causata dalla varicella è diminuita in modo considerevole.
L'incidenza di mortalità è risultata più alta nei bambini, tuttavia è stata riscontrata anche negli adulti.
La maggior parte dei decessi da varicella era precedentemente sana.
La mortalità per varicella si può attualmente prevenire sottoponendosi a vaccinazione.
(Meyer PA et al, J Infect Dis 2000; 182: 383-390)

http://www.xagena.it/news/e-infettivologia_it_news/de9621d4c6fa69ce8aaa90f00e9110c5.html

 

e ancora:

Nelle future mamme, l'infezione da virus della varicella può colpire il feto e causare cicatrici cutanee, anomalie dello sviluppo cerebrale, lesioni oculari, nonché anomalie dei muscoli e delle ossa (varicella congenita). Tuttavia, il danno al feto non avviene in modo sistematico. Estrapolando i dati raccolti negli Stati Uniti, è possibile stimare che sarebbero circa 700 i casi di varicella nelle donne incinte registrati ogni anno in Francia. Il rischio esiste per il feto quando la madre viene infettata dal virus tra l'8a e la 24a settimana di amenorrea. In questo caso la varicella congenita colpirebbe una percentuale compresa tra lo 0,7 e il 2,8% dei feti delle madri infette. Se la varicella insorge nelle tre settimane prima del parto, una percentuale compresa tra il 25% e il 50% dei neonati contrae l'infezione, che rischia di essere molto grave se le eruzioni cutanee si sono conclamate nella madre cinque giorni prima del parto o nei due giorni successivi.

http://bambini.doctissimo.it/salute-bambino/la-varicella/varicella-adulti-quali-complicanzioni.html


... che strana creatura l'essere umano, brancola nel buio con espressione intelligente...

#48 Frèyja

Frèyja

    hesperus

  • Utenti
  • 2523 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 12:11

la mancanza di chiarezza ce l'hai tu e chi, come te, si fa abbindolare dalle cavolate internettiane.... in quel caso si che puoi leggere tutto e il contrario di tutto.


Ma veramente sono pubblicazioni scientifiche a quel che ricordo

#49 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2835 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 12:54

a dire il vero chi non ha letto niente sei tu, ne quello che aveva postato sauro ne il mio altrimenti avresti compreso come la vaccinazione relazionata all'autismo (citata in quell'articolo di Sauro) si riferisce a casi di encefalite successiva alla vaccinazioni in 1 caso su 1 milione (lo studio cui mi riferivo io).  Capisci che dire autismo provocato dalla vaccinazione è una cavolata pazzesca che solo chi non legge le cose, come te, prende per buono.

E io ti ripeto che se leggi la critica del tuo e le conclusioni dell'altro la cose sono due, o fingi di non capire che la risposta è automatica e insita nelle conclusioni del primo o ti ci lascio arrivare da solo a quale è l'alternativa. Per inciso, nessuno ha detto che vaccinandosi tra anni l'intera popolazione sarà autisitica, nè che l'unica causa del problema sia da ricercare nei vaccini, ancora una volta, se fai finta almeno lo fai con stile, altrimenti................................


6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”


#50 Shadowman89

Shadowman89

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 3071 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 12:59

Domanda da ignorante :

Perché il tetano, che non è contagioso, è obbligatorio?
  • vanny piace questo

“In Virginia il signor Brown era l'uomo più antirazzista, un giorno sua figlia sposò un uomo di colore, lui disse: "Bene" ma non era di buonumore.”

( G. Gaber - 1972)


#51 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2835 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 01:02

Domanda da ignorante :

Perché il tetano, che non è contagioso, è obbligatorio?

Per quanto la domanda sia giusta e la motivazione chiara diciamo che sull'antitetanica c'è poco da valutare, non farla è cmq da pazzi! :)


6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”


#52 Shadowman89

Shadowman89

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 3071 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 01:05

Vabbe, potevano mettere l'antitetanica nelle vaccinazioni raccomandate. Tutto qui.
  • Cthulhu e Frèyja piace questo

“In Virginia il signor Brown era l'uomo più antirazzista, un giorno sua figlia sposò un uomo di colore, lui disse: "Bene" ma non era di buonumore.”

( G. Gaber - 1972)


#53 Frèyja

Frèyja

    hesperus

  • Utenti
  • 2523 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 02:25

la mancanza di chiarezza ce l'hai tu e chi, come te, si fa abbindolare dalle cavolate internettiane.... in quel caso si che puoi leggere tutto e il contrario di tutto.

 

Sulla varicella ovvio che anche qui, la vaccinazione, è importante:

 

https://www.medicoeb...ne_sorveglianza

Durante i 25 anni, che hanno preceduto la vaccinazione contro la varicella (dal 1970 al 1994) il numero dei morti negli Stati Uniti per varicella ha variato fra 47 e 138 per anno, con una mortalità dallo 0,29 allo 0,46 per milione di popolazione. In quegli anni la distribuzione delle morti ha dimostrato che l'80% di esse riguardava soggetti di 20 anni o più di età: la più alta concentrazione di morti, fra il 1970 e il 1994 si è avuta tuttavia nei bambini di età inferiore a 1 anno (da 1,1 a 3,6 morti per 1 milione). In Italia negli stessi anni di sono avuti da 2 a 8 morti, per la maggior parte in età di 20 anni o più (ISTAT).
La maggior parte delle morti (89% fra i bambini e 75% fra gli adulti) riguarda persone che appartengono alle categorie a rischio.
Dopo l'introduzione della vaccinazione contro la varicella nel 1995, l'incidenza della malattia si abbassò dal 71 all'84% nelle aree nelle quali è stata fatta una sorveglianza attiva e dal 67 all'82% nelle aree sottoposte a sorveglianza passiva.
In questa pubblicazione vengono determinate le morti per varicella, dopo l'introduzione della vaccinazione; tutti gli autori appartengono al CDC di Atlanta (Nguyen HQ, Jumaan AO, Steward JF. Decline of mortalità due to varicella after implementation of varicella vaccination in the United States. N Engl J Med 2005, 352:450-8).
Negli anni 1999-2002 le morti per varicella caddero a 66 per anno: da 0,41 morti per milione di abitanti dal 1990 al 1994 allo 0,14 negli anni dal 1999 al 2001 (P<0,001). Questa caduta si è verificata in tutti i gruppi di età al di sotto dei 50 anni, con la maggiore riduzione (92%) nei bambini da 1 a 4 anni, la maggior parte dei quali era stata sottoposta alla vaccinazione. Inoltre dopo la vaccinazione universale contro la varicella si è assistito a un'uguaglianza nella mortalità in tutti i gruppi etnici, con una caduta al di sotto dello 0,15 morti per milione di abitanti, in confronto a percentuali che andavano negli anni precedenti la vaccinazione dallo 0,37 per milione fra i bianchi allo 0,66 per milione fra le altre razze.
Viene concluso che la vaccinazione universale contro la varicella negli Stati Uniti ha portato a un rapido abbassamento delle morti per varicella, anche nelle classi di età non sottoposte alla vaccinazione (herd immunity).

 

Non ti basta ?

La varicella è una malattia virale, il virus si trasmette per via aerea e per contatto diretto. Generalmente non grave, ma può diventare grave ed essere letale anche in bambini sani (< 1 ogni 10.000 casi).

La varicella può causare polmonite (5-14% dei casi), sovrainfezioni batteriche cutanee (36% dei pazienti ospedalizzati), infiammazione del fegato e complicazioni neurologiche (0,4-10,1 % dei pazienti ospedalizzati). La letalità e di 4-9/100.000.

Le complicanze sono molto più comuni tra gli adolescenti e gli adulti e tra le persone con problemi del sistema immunitario.

Il vaccino contro la varicella è costituito da virus vivo e attenuato, è sicuro ed efficace.

In alcuni casi può determinare lievi effetti collaterali in sede di iniezione, dopo circa 7 giorni può dare effetti sistemici, malessere, febbre che si risolvono in qualche giorno senza alcun esito.
Il rischio di ammalarsi per queste malattie e per le altre prevenibili con i vaccini è ancora molto presente, non solo per i bambini ma anche per gli adulti non vaccinati.

http://www.genitorip...llo-e-varicella

 

 

ma ancora:

Le morti causate dalla varicella negli USA durante i 25 anni prima dell'introduzione del vaccino sono state 2.262.
Dal 1994 la mortalità causata dalla varicella è diminuita in modo considerevole.
L'incidenza di mortalità è risultata più alta nei bambini, tuttavia è stata riscontrata anche negli adulti.
La maggior parte dei decessi da varicella era precedentemente sana.
La mortalità per varicella si può attualmente prevenire sottoponendosi a vaccinazione.
(Meyer PA et al, J Infect Dis 2000; 182: 383-390)

http://www.xagena.it/news/e-infettivologia_it_news/de9621d4c6fa69ce8aaa90f00e9110c5.html

 

e ancora:

Nelle future mamme, l'infezione da virus della varicella può colpire il feto e causare cicatrici cutanee, anomalie dello sviluppo cerebrale, lesioni oculari, nonché anomalie dei muscoli e delle ossa (varicella congenita). Tuttavia, il danno al feto non avviene in modo sistematico. Estrapolando i dati raccolti negli Stati Uniti, è possibile stimare che sarebbero circa 700 i casi di varicella nelle donne incinte registrati ogni anno in Francia. Il rischio esiste per il feto quando la madre viene infettata dal virus tra l'8a e la 24a settimana di amenorrea. In questo caso la varicella congenita colpirebbe una percentuale compresa tra lo 0,7 e il 2,8% dei feti delle madri infette. Se la varicella insorge nelle tre settimane prima del parto, una percentuale compresa tra il 25% e il 50% dei neonati contrae l'infezione, che rischia di essere molto grave se le eruzioni cutanee si sono conclamate nella madre cinque giorni prima del parto o nei due giorni successivi.

http://bambini.doctissimo.it/salute-bambino/la-varicella/varicella-adulti-quali-complicanzioni.html

Non l'ho chiesto a te ma all'unico laureato in medicina qui dentro.

Visto che blateri tanto di competenze e gente che crede a sciocchezze, se permetti accetto risposte da chi ne sa qualcosa in più.

Puoi riportare tutti i dati che vuoi, per me è abbastanza evidente che la pericolosità della varicella è sovrastimata. 

Facendo un rapido calcolo con i dati da te messi, negli stati uniti, prima dell' "epidemia vaccinale" morivano circa 80 persone l'anno su una popolazione di 200 milioni (? non so esattamente quanti fossero nel 94, ma più erano più il dato si abbassa, ovviamente).

Praticamente è più probabile schiattare uscendo di casa per qualsiasi motivo. 

Un numero del genere non è un numero che giustifichi l'obbligatorietà, perchè non è un numero per il quale si possa parlare di epidemia o di mortalità elevata.

Poi ognuno, ripeto, è libero di fare quel che vuole. Se una donna vuole vaccinarsi prima di rimanere incinta, è libera di farlo ad esempio. 



#54 SauroClaudio

SauroClaudio

    Super Utente

  • Utenti
  • 9291 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 02:29

Lascio questo visto che siamo in tema:  http://www.movimento...n-15-paesi.html



#55 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 5585 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 02:52

Non l'ho chiesto a te ma all'unico laureato in medicina qui dentro.
Visto che blateri tanto di competenze e gente che crede a sciocchezze, se permetti accetto risposte da chi ne sa qualcosa in più.

ma come adesso invochi la competenza scientifica dopo che ti ho messo fior di articoli e dichiarazioni di eminenti professori ?
Se fai come dici ossia "accetti risposte da chi ne sa di più" allora cosa stai contestando ?
 

Puoi riportare tutti i dati che vuoi, per me è abbastanza evidente che la pericolosità della varicella è sovrastimata. 
Facendo un rapido calcolo con i dati da te messi, negli stati uniti, prima dell' "epidemia vaccinale" morivano circa 80 persone l'anno su una popolazione di 200 milioni (? non so esattamente quanti fossero nel 94, ma più erano più il dato si abbassa, ovviamente).
Praticamente è più probabile schiattare uscendo di casa per qualsiasi motivo. 
Un numero del genere non è un numero che giustifichi l'obbligatorietà, perchè non è un numero per il quale si possa parlare di epidemia o di mortalità elevata.
Poi ognuno, ripeto, è libero di fare quel che vuole. Se una donna vuole vaccinarsi prima di rimanere incinta, è libera di farlo ad esempio.

Guarda che 80 morti evitate l'anno sono una grande conquista a fronte di una vaccinazione sicura che fai una tantum, e parliamo di varicella....

se invece ci riferiamo al morbillo abbiamo qualcosa di molto più rilevante, come avevo scritto:

Le ultime stime certe dell’Organizzazione Mondiale della Sanità si riferiscono al 2012:
"la mortalità per i colpiti dal morbillo è scesa dai 570 mila casi del 2000 a poco più di 120 mila del 2013.
In particolare in Europa nel 2013 sono stati registrati 10.271 casi di morbillo mortale,
il 91% dei quali in Paesi come Germania, Italia, Regno Unito Paesi Bassi e Romania."

 

E' incredibile come da un lato vuoi minimizzare e dall'altro esaltare...... 

 

Ognuno NON è libero di fare quello che vuole e meno male che le vaccinazioni saranno d'obbligo

quindi fattene una ragione, la tua preziosa libertà dovrà fare a meno di qualcosina.


... che strana creatura l'essere umano, brancola nel buio con espressione intelligente...

#56 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 5585 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 02:58

E io ti ripeto che se leggi la critica del tuo e le conclusioni dell'altro la cose sono due, o fingi di non capire che la risposta è automatica e insita nelle conclusioni del primo o ti ci lascio arrivare da solo a quale è l'alternativa. Per inciso, nessuno ha detto che vaccinandosi tra anni l'intera popolazione sarà autisitica, nè che l'unica causa del problema sia da ricercare nei vaccini, ancora una volta, se fai finta almeno lo fai con stile, altrimenti................................

nessun articolo scientifico lega in modo certo autismo e vaccinazione e gli articoli citati da me a da Sauro lo confermano.

 

Quindi la tua frase "nessuno ha detto che vaccinandosi tra anni l'intera popolazione sarà autisitica" che vorrebbe lasciare invece lasciare spazio a dubbi è del tutto fuori luogo, quindi o ci fai o ci sei.

Secondo me ci fai...

 

Guarda ti riscrivo ciò che avevo postato così magari lo leggi:

 

"Conclusion Autism has been documented to be caused by genetic defects and/or inflammation of the brain. 
che inflammation could be caused by a wide variety of environmental toxicants, infections, and co-morbidities in individuals genetically prone to the developmental disorder.
Si parla   anche   di encefalite in seguito a vaccinazioni ma non si dichiara la vaccinazione come causa dell'autismo... "

 

Capisci che se ho scritto 

Si parla anche di encefalite in seguito a vaccinazioni ma non si dichiara la vaccinazione come causa dell'autismo... "

non posso aver scirtto come scrivi che "l''unica causa del problema sia da ricercare nei vaccini,"


... che strana creatura l'essere umano, brancola nel buio con espressione intelligente...

#57 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2835 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 03:05

Non riesci neanche a ironizzare senza copiare l'ironia altrui! :)

 

nessun articolo scientifico lega in modo certo autismo e vaccinazione

Io ho scritto:

 

" [..]nè che l'unica causa del problema sia da ricercare nei vaccini", cioè non sono l'unica causa anche da quanto dicono gli articoli. L'articolo di Sauro dice (nella parte che ovviamente non avrai letto perchè aprire il link è una faticata):

 

 

I dati sull'incidenza e prevalenza indicano che il momento di introduzione dei vaccini e le modificazioni nel tipo e nell'incremento del numero dei vaccini inoculati contemporaneamente implica che i vaccini sono causa di autismo. La tabella attuale raccomandata per l'immunizzazione per bambini dai 0 ai 6 anni negli Stati Uniti include sei vaccini ai due mesi di età e 9 a 12-15 mesi, un incremento che va oltre le raccomandazioni di sei anni prima.

Il sistema immunitario è particolarmente sensibile a due mesi di età. In questo modo, il sistema immunitario di un neonato viene compromesso a due mesi. Una minaccia attraverso così tanti vaccini nel momento in cui il sistema immunitario è compromesso può contribuire all'insorgenza dell'autismo.

 

Ora ti faccio un favore, non ti rispondo più così potrai ricopiare le battute e addirittura avere l'ultima parola! :friendly_wink:


6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”


#58 Frèyja

Frèyja

    hesperus

  • Utenti
  • 2523 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 03:05

ma come adesso invochi la competenza scientifica dopo che ti ho messo fior di articoli e dichiarazioni di eminenti professori ?
Se fai come dici ossi "accetti risposte da chi ne sa di più" allora cosa stai contestando ?
 

Guarda che 80 morti evitate l'anno sono una grande conquista a fronte di una vaccinazione sicura che fai una tantum.
E parliamo di varicella.... se invece ci riferiamo al morbillo abbiamo qualcosa di molto più rilevante, come avevo scritto:
Le ultime stime certe dell’Organizzazione Mondiale della Sanità si riferiscono al 2012:
"la mortalità per i colpiti dal morbillo è scesa dai 570 mila casi del 2000 a poco più di 120 mila del 2013.
In particolare in Europa nel 2013 sono stati registrati 10.271 casi di morbillo mortale,
il 91% dei quali in Paesi come Germania, Italia, Regno Unito Paesi Bassi e Romania."

 

E' incredibile come da un lato vuoi minimizzare e dall'altro esaltare...... 

 

Ognuno NON è libero di fare quello che vuole e meno male che le vaccinazioni saranno d'obbligo

quindi fattene una ragione, la tua preziosa libertà dovrà fare a meno di qualcosina.

Sto contestando la tua incoerenza.

Se tu fossi coerente non dovresti neanche interpretarli i dati di cui parli, ma lasciarlo fare a chi di dovere.

Se posto io un articolo di due ricercatori scientifici tu hai l'arroganza di contestarlo pur non avendo le competenze necessarie, e se mi riferisco io a pubblicazioni scientifiche è perchè sono una stupida che si fa abbindolare. Tu invece sei libero di pubblicare i dati che vuoi e io ti devo credere, compreso un vademecum per ritardati. Ti devo credere e devo considerare i tuoi dati più giusti perchè sei superiore al popolo bue di internet sulla base di che cosa?

Ognuno pubblica i dati che ritiene maggiormente interessanti e in linea col suo pensiero, visto che, come ti ho già fatto notare, ne esistono per tutti i gusti. Ti faccio anche presente che il mondo scientifico non è tutto schierato a favore di questo decreto. Vi è una discreta quantità di medici che sono contrari all'obbligatorietà e temono un'applicazione disordinata e pericolosa della legge. Tutti idioti? Perchè dall'alto del tuo pulpito non vai a giudicare anche loro , con le tue pubblicazioni scientifiche (che hai chiesto a me, ti ricordo, una pagina fa)?

Una ragione non me la farò. Esiste l'obiezione e anche l'emigrazione, se dovesse risultare necessario. Di certo non sto qua a farmi prendere per i fondelli da Lorenzin e tutta la massa di corrotti al seguito. 


  • madmax piace questo

#59 rsorrt

rsorrt

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 5585 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 03:16

 

" [..]nè che l'unica causa del problema sia da ricercare nei vaccini", cioè non sono l'unica causa anche da quanto dicono gli articoli. L'articolo di Sauro dice (nella parte che ovviamente non avrai letto perchè aprire il link è una faticata):

 

 

Ora ti faccio un favore, non ti rispondo più così potrai ricopiare le battute e addirittura avere l'ultima parola! :friendly_wink:

evidentemente non leggi ciò che scrivo:

io ho citato l'articolo scientifico, non quello che scrivono gli autori del sito http://www.emergenzautismo.org

e nell'articolo non si dice affatto che l'autismo è causato dai vaccini.

Magari se lo leggi tutto invece di fermarti alla prima cosa che ti pare dica quello che vuoi è meglio.

 

 

Nell'articolo si legge:

The incidence and prevalence data indicate the timing of introduction of vaccines and changes in the type and increasing
number of vaccines given at one time implicate vaccines as a cause of autism.
 
ma si legge anche (magari leggi tutto)
Although the timing of the introduction of Thimerosal
in vaccines in the 1930s coincides with the discovery and
rise in prevalence of autism, a review of 10 epidemiologic
studies, seven of which were cohort studies, concluded that
the data do not unequivocally demonstrate a link between
Thimerosal-containing vaccines and autism.
 
Nelle conclusioni non c'è infatti traccia di ciò che invece tu vuoi significare:
Autism has been documented to be caused by genetic defects
and/or inflammation of the brain. The inflammation could be
caused by a wide variety of environmental toxicants, infections,
and co-morbidities in individuals genetically prone to
the developmental disorder.
 
 
 

... che strana creatura l'essere umano, brancola nel buio con espressione intelligente...

#60 Cthulhu

Cthulhu

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 2835 messaggi

Inviato 26 maggio 2017 - 03:29

evidentemente non leggi ciò che scrivo:

io ho citato l'articolo scientifico, non quello che scrivono gli autori del sito http://www.emergenzautismo.org

e nell'articolo non si dice affatto che l'autismo è causato dai vaccini.

 

 

Oltretutto ciò che è scritto si contraddice perchè da una parte si scrive

 nell'incremento del numero dei vaccini inoculati contemporaneamente implica che i vaccini sono causa di autismo

poi subito dopo

Una minaccia attraverso così tanti vaccini nel momento in cui il sistema immunitario è compromesso può contribuire all'insorgenza dell'autismo.

se è causa non si può poi scrivere "può contribuire...."

Il punto è che aldilà di un possibile uso improprio dei termini non si dice che siano l'unica causa ne che matematicamente portino autismo in chi si vaccina, ma che tra un insieme di fattori anche quello dei vaccini incide e questo lo deducono da dati statistici e da indagini inserite nell'articolo di Sauro. Inoltre non sono neanche certo che il termine sia improprio, perchè gli effetti non si vedono in tutti i bambini ma solo in una piccola parte, quindi sarebbe corretto dire che "può contribuire". Nel primo esempio invece aggiungendo un "anche" sarebbe stato corretto, anche i vaccini sembrano essere causa di autismo. Ma leggendo tutto il testo e non estrapolando è tutto chiaro, scaricando poi il pdf con l'intera indagine e l'intero resoconto lo è ancora di più.


6588708.jpgCiò che non si vede non significa necessariamente che non esista, anche l’aria per esempio, non si può vedere, ma non per questo bisogna smettere di respirare.
 
 
leftquote.pngL'anima non è di oggi; essa conta milioni di anni. Ma la coscienza individuale è solo il fiore e il frutto di una stagione.rightquote.png  - Carl Gustav Jung
 
 

D: in che cosa il sogno differisce dallo stato di veglia?
M: nel sogno si prendono corpi differenti, che rientrano nel corpo fisico quando si sognano le percezioni dei sensi.
Dialoghi con Sri Ramana Maharshi vol. 2

 

La mente è un buon servitore, ma è un padrone crudele”  cit. Blavatsky

 

“Quando l'ultimo albero sarà abbattuto, l'ultimo pesce mangiato, e l'ultimo flusso d'acqua contaminato, vi renderete conto che non potete mangiare il denaro”





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi