Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



Foto

Telepatia con gesu o angeli


  • Per cortesia connettiti per rispondere
87 risposte a questa discussione

#21 Ancan

Ancan

    Roditore di Narnia

  • Utenti
  • 1816 messaggi

Inviato 27 gennaio 2017 - 03:26

Ciao a tutti io ho 28 anni mi chiamò Federica e parlo da 13 anni con un angelo più che parlare sono telepatica con lui 24 ore su 24 ce qualcuno con il dono come il mio?


io parlo con me stesso e avvolte mi insulta o fa battute veramente brutte .

mai pensato che non sia un angelo ma un diavoletto malvagio che attente ? io avrei fatto la stessa cosa se fossi stato un diavoletto avrei fatto finta di essere buono fino all'ultimo per poi mostrare tutta la mia malvagità in una volta lasciando il chaos , sembra anche un buona trama per un film horror con un buon potenziale .
 

qui ci sono solo sensitivi,medium,veggenti ma niente telepatici,mi dispiace


lunga viva ai sensitivi , abbasso i medium , guerra fra fazioni , bruciate medium , anche questo potrebbe essere un buon film se non fatto dalla disney .
 

Allora vuol dire che sono l'unica


la tua fazione è piccola .

Davvero?


no .

come si chiama questo tuo amico?ci parla ancora? Io si


Gesu
 

Certo che ci sono, ma difficilmente chi ha esperienze autentiche e non dimostrabili le spiattella su questo forum, a meno che non sia molto giovane, molto inesperto oppure molto desideroso di far sapere a tutti che è "speciale".


nessuno è speciale .
 

Non era Gesù, era proprio Dio padre.

 
misericordioso :lode:
 

Gli parlava del suo futuro e del destino del mondo, della sua missione sulla Terra.

In modo particolare di alcune organizzazioni segrete, del Templarismo e del futuro del papato.


e com'è finita ?
 

Quindi Dio "parla."
Buono a sapersi.


la maggior parte di pesca , colpa di Gesu che gli ha attaccato la passione .
 

E come lo sai?


spie , spie dappertutto e qualche cimice .
  • Scheira piace questo
( MI SCUSO PER EVENTUALI ERRORI GRAMMATICALI )



#22 leone80

leone80

    Nuovo Utente

  • Utenti
  • 2 messaggi

Inviato 31 gennaio 2017 - 04:47

Ciao a tutti io ho 28 anni mi chiamò Federica e parlo da 13 anni con un angelo più che parlare sono telepatica con lui 24 ore su 24 ce qualcuno con il dono come il mio?

ciao scheira , scusami se ti disturbo vorrei sentirti e parlare con te in pvt perfavore non evitarmi


  • Scheira piace questo

#23 byrus

byrus

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 510 messaggi

Inviato 26 febbraio 2017 - 10:52

Parlo per me e le mie esperienze, nessuna si senta coinvolto personalmente.

 

1. Ho conosciuto pure io gente che parlava con Dio in vari forum, poi riuscì a farsi una cerchia di seguaci in chat, diffondeva messaggi, pregavano in chat e casualmente fece uscire un suo libro su Amazon e sparì di scena invitando tutti a leggere.

 

2. Diffido sempre di chi parla in un certo modo di Dio e Angeli (soprattutto di Dio), pretendo non nuovi dogmi della fede o fornisca intuizioni già presenti nei best seller della letteratura recente come prove in futuro verificabili. Quando vedo del narcisismo o interessi materiali evito.

 

3. Per rispondere a Scheira, non conosco nessuno che parli con Dio e se qualcuno lo conosco lo tiene per sé. Non escludo che possa essere possibile e che usi quel dono in buona fede. Avrei una domanda, a che serve parlare con Dio, o meglio, che messaggi da? Cosa dovresti compiere? Da che so io, quando qualcuno sente il volere di Dio compie azioni ben precise, chi si fa prete (lasciando da parte certe critiche), chi fa altro... A te e gli altri cosa chiede di fare dato che riuscite a sentirlo chiaramente? Sicuri che non si altro a parlarvi?

 

4. Che centra questo con la sezione "Chat"?



#24 VanPersie

VanPersie

    Scetticosamente scettico

  • Utenti
  • 2261 messaggi

Inviato 27 febbraio 2017 - 03:23

Io parlo ogni giorno con gesu'

se le bestemmie valgono



#25 Myfriend

Myfriend

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3824 messaggi

Inviato 01 marzo 2017 - 11:01

Ciao a tutti io ho 28 anni mi chiamò Federica e parlo da 13 anni con un angelo più che parlare sono telepatica con lui 24 ore su 24 ce qualcuno con il dono come il mio?

 

Visto che ci parli...prova a chiedergli come mai la Bibbia è piena di testi FALSI e di menzogne.

Poi, quando ti risponde, torna qua a riferirmelo. ;)


  • arjanedda e dodecaedra piace questo
Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.

#26 byrus

byrus

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 510 messaggi

Inviato 02 marzo 2017 - 08:33

Beh per quello non serve chiedere a Dio in persona, sono testi copiati e tradotti nell'arco di migliaia di anni, in un passaparola così lungo è impensabile che tutto sia rimasto identico a come fu concepito. Senza contare che in alcune versioni ci sono stati degli aggiustamenti per avere una Bibbia più vendibile, questa cosa la sentii in un documentario fu un Re inglese o francese a lucrarci sopra.

 

A me fa pensare invece come la gente si perda nei cavilli delle virgole e parole, senza notare i contenuti... e questo accade in ogni religione.


  • Lunanerina piace questo

#27 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3527 messaggi

Inviato 03 marzo 2017 - 05:41

Beh per quello non serve chiedere a Dio in persona, sono testi copiati e tradotti nell'arco di migliaia di anni, in un passaparola così lungo è impensabile che tutto sia rimasto identico a come fu concepito. Senza contare che in alcune versioni ci sono stati degli aggiustamenti per avere una Bibbia più vendibile, questa cosa la sentii in un documentario fu un Re inglese o francese a lucrarci sopra.

 

A me fa pensare invece come la gente si perda nei cavilli delle virgole e parole, senza notare i contenuti... e questo accade in ogni religione.

Sono d' accordo, è il contesto che va esaminato, studiato, verificato..perchè come dici tu e come anche a me è capitato di leggere, sono state fatte varie traduzioni ( anche con la partecipazione di qualche massone ) che, certo, non intaccano il senso generale delle Scritture, ma che non sono certo fedelissime all' originale..va a capire quale di queste lo è, se lo è.

Anche se Dio ha permesso che fosse fatto questo, di certo non ha permesso che non arrivasse comprensione delle Scritture a quelli che chiedono a Lui questa comprensione, perchè senza lo Spirito la Bibbia è "lettera morta", come anche è detto nella Bibbia stessa.

 


  • byrus piace questo

"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#28 Myfriend

Myfriend

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3824 messaggi

Inviato 04 marzo 2017 - 08:42

Se consideriamo solo le lettere di Paolo abbiamo questa assoluta certezza:

 

- Le scritture (quelle autentiche di Paolo) sono SBAGLIATE.

- Le scritture (quelle dei falsi Paolo) sono una MENZOGNA.

 

I vangeli, che riprendono la stessa teologia Paolina, sono SBAGLIATI. E sono stati successivamente modificati con delle MENZOGNE.

 

Questo, ormai, è del tutto ovvio.

E non è un problema di traduzione, visto che i testi sono stati e vengono tutt'ora analizzati da studiosi seri esperti in lingue antiche.

 

Ormai non ci sono più appigli. Nè giusitifcazioni.

E' stata appurata la verità: le scritture sono SBAGLIATE e per correggere quegli errori sono state riempite di MENZOGNE.

 

So benissimo che per un credente è difficile da accettare.

Ma è anche vero che un credente dovrebbe essere un seguace della Verità.

E la Verità è inequivocabile: le scritture sono SBAGLIATE e sono state riempite di MENZOGNE dai preti.


  • arjanedda piace questo
Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.

#29 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8391 messaggi

Inviato 04 marzo 2017 - 09:20


Ma è anche vero che un credente dovrebbe essere un seguace della Verità.

E la Verità è inequivocabile: le scritture sono SBAGLIATE e sono state riempite di MENZOGNE dai preti.

Ma le presunte menzogne perchè avrebbero avuto più seguito della presunta verità?



#30 Myfriend

Myfriend

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3824 messaggi

Inviato 04 marzo 2017 - 10:05

Tu ragioni come una persona del XXI secolo.

 

Per rispondere alla tua domanda devi calarti nella mentalità di un uomo e di una donna del I secolo.

Gente analfabeta che pensava che una malattia fosse dovuta alla presenza di uno spirito immondo o che fosse un castigo degli dèi.

 

Nel I secolo tutti pensavano che la realtà fosse governata dal volere di dio o da quello degli dèi.

Se avevi una malattia era a causa di dio o degli dèi.

Se gli affari andavano male era a causa di dio o degli dèi.

Si facevano offerte a dio o agli dèi per ingraziarsi il loro favore prima di fare un viaggio, o prima di seminare i campi o prima di fare una guerra.

 

La gente era profondamente ignorante e totalmente in balia della "paura". La paura di trovarsi in una realtà in completa balia di eventi che non capivano: il male, le malattie, i terremoti, le inondazioni, le eruzioni, la siccità. la carestia.

La gente viveva nel terrore, inserita in una realtà "ignota" della quale ignorava totlamente le dinamiche.

La gente era in balia della natura e della paura.

 

In un contesto del genere è del tutto ovvio che un messagio basato sulla affermazione "pentiti perche l'ira divina si sta abbatendo sull'umanità" venisse ritenuto fondato e valido: era un messaggio che scaturiva dalla "paura" e che faceva leva sulla "paura".

E l'umanità del I secolo viveva nella paura e nella ignoranza. Viveva nella superstizione e nel terrore.

 

Nè va dimenticato che il cristianesimo delle origini, quello propagandato da Paolo e basato su un ERRORE, riguardava essenzialmente la classe più "popolare" dell'impero, priva di istruzione, analfabeta, ignorante e totalmente soggiogata dalla paura. La paura dell'ignoto.

 

Paolo era una persona altamente istruita. Faceva parte della elite. Non aveva nessun problema a convincere degli analfabeti soggiogati dalla paura e dalla superstizione.


  • dodecaedra piace questo
Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.

#31 dodecaedra

dodecaedra

    Utente Senior Plus

  • Utenti
  • 3906 messaggi

Inviato 04 marzo 2017 - 10:16

Il bello è che c'è ancora oggi chi crede che terremoti e calamità -ben note- siano causate da Dio.
Del resto, come aspettarsi la maturità del genere umano se fino a ieri si credeva che l'epilessia fosse opera del demonio?

Ci vorranno ancora secoli per debellare l'ignoranza.

#32 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8391 messaggi

Inviato 04 marzo 2017 - 10:44

Tu ragioni come una persona del XXI secolo.

 

Per rispondere alla tua domanda devi calarti nella mentalità di un uomo e di una donna del I secolo.

Gente analfabeta che pensava che una malattia fosse dovuta alla presenza di uno spirito immondo o che fosse un castigo degli dèi.

 

Nel I secolo tutti pensavano che la realtà fosse governata dal volere di dio o da quello degli dèi.

Se avevi una malattia era a causa di dio o degli dèi.

Se gli affari andavano male era a causa di dio o degli dèi.

Si facevano offerte a dio o agli dèi per ingraziarsi il loro favore prima di fare un viaggio, o prima di seminare i campi o prima di fare una guerra.

 

La gente era profondamente ignorante e totalmente in balia della "paura". La paura di trovarsi in una realtà in completa balia di eventi che non capivano: il male, le malattie, i terremoti, le inondazioni, le eruzioni, la siccità. la carestia.

La gente viveva nel terrore, inserita in una realtà "ignota" della quale ignorava totlamente le dinamiche.

La gente era in balia della natura e della paura.

 

In un contesto del genere è del tutto ovvio che un messagio basato sulla affermazione "pentiti perche l'ira divina si sta abbatendo sull'umanità" venisse ritenuto fondato e valido: era un messaggio che scaturiva dalla "paura" e che faceva leva sulla "paura".

E l'umanità del I secolo viveva nella paura e nella ignoranza. Viveva nella superstizione e nel terrore.

 

Nè va dimenticato che il cristianesimo delle origini, quello propagandato da Paolo e basato su un ERRORE, riguardava essenzialmente la classe più "popolare" dell'impero, priva di istruzione, analfabeta, ignorante e totalmente soggiogata dalla paura. La paura dell'ignoto.

 

Paolo era una persona altamente istruita. Faceva parte della elitè. Non aveva nessun problema a convincere degli analfabeti soggiogati dalla paura e dalla superstizione.

Quindi stai dicendo che io, donna del I sec. in balia dell'ignoranza e della paura, ho ritenuto più valido  e fondato il messaggio di Paolo basato su un errore invece del messaggio di Cristo che era verità? Allora il messaggio di Paolo ha incontrato il favore della ggggente più del messaggio di Cristo, nonostante fosse menzogna?

 

Tu credi che Gesù Cristo abbia detto cose gaiarde, che poi sono state stravolte, e quindi i credenti hanno sempre avuto a che fare con delle menzogne.

 

Io penso che saranno state anche menzogne, ma sono piaciute più della verità a quanto pare, visto che oggi, dopo 2000 anni, le menzogne le conosciamo bene e la verità no.

 

La Verità non ha avuto la forza di emergere:  io vedo questo nel tuo ragionamento. Sbaglio?


  • Dallas piace questo

#33 Dallas

Dallas

    Utente Full

  • Utenti
  • 1199 messaggi

Inviato 04 marzo 2017 - 11:34

Quindi stai dicendo che io, donna del I sec. in balia dell'ignoranza e della paura, ho ritenuto più valido e fondato il messaggio di Paolo basato su un errore invece del messaggio di Cristo che era verità? Allora il messaggio di Paolo ha incontrato il favore della ggggente più del messaggio di Cristo, nonostante fosse menzogna?

Tu credi che Gesù Cristo abbia detto cose gaiarde, che poi sono state stravolte, e quindi i credenti hanno sempre avuto a che fare con delle menzogne.

Io penso che saranno state anche menzogne, ma sono piaciute più della verità a quanto pare, visto che oggi, dopo 2000 anni, le menzogne le conosciamo bene e la verità no.

La Verità non ha avuto la forza di emergere: io vedo questo nel tuo ragionamento. Sbaglio?

malia, la verità emerge anche dal tuo bellissimo ragionamento soggettivo, se intendiamo la verità come realtà oggettiva a sé, cioè la verità viene fuori anche attraverso te, si fa strada attraverso i ragionamenti degli individui, e quindi è un processo, il mio docente di filosofia del diritto diceva che essa è il travaglio della Ragione, e che solo alla fine di questo processo essa si mostra per quello che è.
  • malia piace questo

#34 Myfriend

Myfriend

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3824 messaggi

Inviato 04 marzo 2017 - 12:12

@Malia

 

C'è un problema nel tuo discorso.

E il problema sta nella tua frase: Allora il messaggio di Paolo ha incontrato il favore della ggggente più del messaggio di Cristo, nonostante fosse menzogna?

 

In realtà, la gente (gli abitanti di Corinto, Tessalonica, Roma etc etc) non ha mai conosciuto il messaggio di Cristo. Nessuno di loro aveva mai visto Gesù. La gente conosceva SOLO il messaggio di Paolo che girava le città del mediterraneo fondando le "sue" comunità e portando il "suo" vangelo, cioè la "sua" versione dei fatti. La sua comprensione dei fatti. Una comprensione che Paolo aveva maturato attraverso profonde riflessioni personali ed anche dal confronto che aveva avuto con i discepoli.

 

Anche chi ha scritto i vangeli non ha mai conosciuto il Gesù storico.

I vangeli sono testi anonimi, scritti dieci o venti anni dopo la predicazione di Paolo (Paolo predicò tra il 50dc e il 64dc; i vangeli vennero scritti dopo il 70dc). Gli autori dei vangeli hanno ereditato la visione teologica di Paolo, si sono basati sulla visione teologica di Paolo e sono stati influenzati dalla visione teologica di Paolo.

 

Quindi la gente del I secolo (i pagani convertiti che furono poi i fondatori della chiesa cristiana) non ha mai conosciuto il Gesù storico. Ha conosciuto il Gesù storico attraverso la narrazione che ne ha fatto Paolo.

E di certo non potevano sapere che ciò che pensava Paolo fosse SBAGLIATO.

Per loro, il messaggio di Gesù era ciò che Paolo gli ha raccontato. Proprio perchè nessuno dei convertiti aveva mai visto Gesù che era morto 20 o 30 anni prima in Palestina.

 

Di fatto, il cristianesimo che è giunto fino a noi si basa sulla visione teologica di Paolo.

E la visione teologica di Paolo era basata sul fatto che il mondo sarebbe finito nel I secolo. Il Gesù "salvatore", secondo Paolo, era salvatore in quanto avrebbe salvato i credenti nell'imminente giudizio divino. Il Cristo, secondo Paolo, era Cristo in quanto avrebbe regnato sul Regno instaurato sulla Terra dopo il giudizio di Dio.

Tutta la teologia di Paolo NON era indirizzata a creare un cristianesimo che sarebbe durato secoli, ma era indirizzata a "salvare" le persone dall'imminente ira divina e a preparare le persone a entrare nell'imminente Regno che Dio avrebbe costituito nel I secolo.

Il cristianesimo di Paolo e la sua teologia si basavano sulla fine del mondo entro il I secolo e si giustificavano solo con la fine imminente.

Se si toglie la fine imminente, tutta le teologia Paolina (che prevedeva anche una chiesa "carismatica" senza capi) crolla miseramente.

 

Quindi, non è corretto dire che la gente ha scelto la menzogna invece che la verità. La gente (la maggioranza) ha conosciuto solo la predicazione di Paolo e ha ritenuto che quella fosse la verità.

 

Quella di Paolo non era la sola visione teologica cristiana presente nel I secolo.

C'erano anche gli gnostici che pensavano che non ci sarebbe stato nessun "giudizio divino". E ritenevano il messaggio di Paolo totalmente fuorviante.

C'erano anche gli ebioniti che pensavano che il Regno era destinato solo agli ebrei (il primato di Israele) e non anche ai pagani. E pensavano che Paolo fosse un eretico.

 

Queste altre visioni teologiche furono combattute ferocemente da Paolo e dai suoi seguaci nel I secolo.

Furono combattute dalla chiesa "ortodossa" che si basava sulla teologia Paolina.

E la vittoria della teologia Paolina si basò anche sulla maggiore forza che le comunità Paoline avevano.

Di fatto, i libri che diffondevano le teologie alternative a un certo punto non vennero più copiati. E quelli che già c'erano vennero distrutti. E con la distruzione dei libri vennero distrutte anche le idee che essi contenevano.

 

Tuttavia, alcuni di questi libri sono giunti fino a noi e ci testimoniano lo scontro feroce di teologie che ci fu nel I secolo (lo scontro è anche testimoniato da alcuni brani delle lettere di Paolo).

La Verità, quindi, non ha avuto la forza di emergere perchè venne soffocata dalla chiesa "ortodossa" che si basava sulla teologia Paolina.


Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.

#35 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3527 messaggi

Inviato 04 marzo 2017 - 05:42

Ma le presunte menzogne perchè avrebbero avuto più seguito della presunta verità?

 


Perchè, come ha detto Gesù, il diavolo è "principe di questo mondo"..Dio permette che, per il momento, abbia libertà di ingannare la maggior parte delle persone che sono su questa Terra e quindi, per conseguenza, le menzogne hanno più successo della verità.


"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#36 malia

malia

    malia

  • Utenti
  • 8391 messaggi

Inviato 05 marzo 2017 - 10:36

 

Perchè, come ha detto Gesù, il diavolo è "principe di questo mondo"..Dio permette che, per il momento, abbia libertà di ingannare la maggior parte delle persone che sono su questa Terra e quindi, per conseguenza, le menzogne hanno più successo della verità.

 

Sarebbe grave se fosse così: vorrebbe dire che tutti i cristiani stanno appresso alle chiacchere del diavolo.

 

@Myfriend

 

Tu dici (e io sono abbastanza d'accordo):

i primi cristiani non hanno mai conosciuto Gesù Cristo, manco gli evangelisti, manco Paolo, e di fatto tutto quello che di certo ci è giunto, è la visione teologica di Paolo su cui è stata fondata la Chiesa. Lui viaggiava, scriveva, partecipava attivamente alle discussioni teologiche, faceva la voce grossa, gli menavano, insomma, si faceva il mazzo, dico io. Diceva e scriveva le cose mettendoci del suo, è vero, però si esponeva.

 

Gesù Cristo, invece, dententore della Verità dal tuo punto di vista, non scrive, non viaggia, di un certo periodo della sua vita non si sa nulla, lo ammazzano, risorge e che fa? Niente. Lascia che le sue parole vengano interpretate, strumentalizzate, non conosciute. Scelta sua, eh, nessuno lo ha obbligato. Se avesse voluto lasciare delle indicazioni certe, lo avrebbe potuto fare esattamente come Paolo. Tanto, uno che risorge, non lo ammazzi facilmente. Invece ha scelto di agire in modo diverso: niente scritti, niente missioni, una volta risorto ha tolto il disturbo pensando che sarebbe bastato (e non è bastato)...scelte.

 

Quindi le cose sono andate così perchè lo ha voluto Dio se credi in Dio o perchè vince il più forte e i filosofeggiamenti stanno a zero, tra la gggente comune, se non credi in Dio.

 

Se Gesù Cristo avesse voluto lasciare dei messaggi chiari e inequivocabili, lo avrebbe fatto, perchè uno che risorge può fare tutto.

 

Ora dopo 2000 anni affermiano o sospettiamo di non conoscere le vere parole di Gesù Cristo; però:

se non siamo credenti, non ce ne frega niente delle vere parole;

se siamo credenti, lo siamo perchè  ci è piaciuto  quello che abbiamo letto in 2000 anni, quindi il problema del vero o del falso non si pone;

se invece crediamo solo a Gesù e ci incazziamo se il messaggio è stato manomesso (poi come facciamo a credere a Gesù se non conosciamo il vero messaggio? Mistero), sorge un problema, perchè il vero messaggio non lo conosciamo, possiamo ipotizzarlo, e possiamo ricadere però nell'errore di Paolo.

 

Non se ne esce, secondo me.


  • Dallas piace questo

#37 Myfriend

Myfriend

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3824 messaggi

Inviato 05 marzo 2017 - 11:48

@malia

 

Quello che dici è assolutamente corretto. Da un punto di vista logico non fa una grinza.

Lo sottoscrivo al 100%, parola per parola.

 

Però proviamo a partire da un altro presupposto. E cioè, non dal punto di vista della "fede", ma dal punto di vista "storico-scientifico".

 

Gesù è un personaggio storico, molto importante per la cultura dell'occidente (come lo furono, ad esempio, Giulio Cesare o Platone...solo per citare due nomi).

Quindi l'analisi storica e filologica dei testi prescinde da un discorso di fede, ma vuole stabilire "che cosa accadde" a partire da tutti i documenti storici in nostro possesso.

 

E cosa accadde - sulla base dell'analisi dei documenti storici in nostro possesso?

 

1. Sappiamo che il Gesù storico non lasciò dei testi suoi (non ne abbiamo).

2. Sappiamo che la sua figura storica e il suo insegnamento furono interpretati in vari modi da diverse correnti di pensiero teologico e da diversi autori.

3. Sappiamo che la lettura che Paolo fece della figura storica di Gesù e del suo insegnamento (con la sua visione teologica apocalitticista del "ritorno imminente", del "giudizio imminente", della "resurrezione imminente", del "Regno imminente") era SBAGLIATA.

4. Sappiamo che la maggioranza dei primi credenti (pagani convertiti) seguirono la visione teologica SBAGLIATA di Paolo.

5. Sappiamo che la visione teologica di Paolo venne adottata anche dagli evangelisti Marco, Matteo e Luca (che scrissero le loro biografie di Gesù dai 10 ai 20 anni dopo la morte di Paolo) e, quindi, - proprio come era SBAGLIATA la visione teologica di Paolo - anche la visione teologica contenuta nelle biografie dei tre evangelisti era SBAGLIATA.

6. Sappiamo che, una volta morto Paolo e una volta che fu chiaro che la sua visione apocalitticista era SBAGLIATA (fine I secolo), chi venne dopo di lui modificò la visione apocalitticista di Paolo creando la nuova visione teologica oggi adottata dalle chiese cristiane.

7. Sappiamo che tale operazione di "restyling" venne effettuata attraverso la creazione di FALSE lettere attribuite a Paolo e dalla manipolazione/correzione dei Vangeli.

8. Sappiamo che la visione teologica di Paolo e la nuova visione teologica Paolina "modificata" sono alla base delle chiese cristiane moderne

9. Sappiamo che la chiesa "ortodossa" del I e II secolo basata sulla teologia Paolina (sia quella originaria sia quella del restyling successivo) soffocarono e cancellarono le altre visioni teologiche e interpretative alternative sulla figura del Gesù storico

10. Sappiamo che tali visioni teologiche e interpretative alternative esistevano già nel I secolo (soprattutto dopo la scoperta della biblioteca di Nag Hammadi avvenuta nel 1945)

 

Detto questo, chi è interessato alla figura storica di Gesù ha molto materiale a disposizione per fare le sue ricerche.

Chi invece non è interessato, può tranquillamente prendere tutto questo materiale e buttarlo nel cesso.

Come sempre avviene, da che mondo è mondo, ognuno fa quello che vuole e crede in ciò che più gli piace credere.

 

Ma non è che possiamo, per questo motivo, non considerare il lavoro scientifico o dobbiamo ritenerlo inutile.

Altrimenti saremmo ancora qui a credere che l'universo gira attorno alla terra.

Il lavoro scientifico interessa a chi cerca la Verità.

E la ricerca della Verità è insita nella specie umana.

A chi non frega nulla della Verità e vuole credere nei demoni, negli angeli, in satana, nella fine del mondo etc etc non interesserà nemmeno il lavoro scientifico e può tranquillamente credere a quello che più gli è comodo.

 

Quindi, non è vero che non se ne esce.

Chi vuole fare una ricerca seria ha tutti gli elementi per farla.

Non è semplice e, sicuramente, è più semplice abbracciare una fede (qualunque essa sia) ad occhi chiusi.

Ma se oggi l'umanità è quello che è, è perchè è esistito qualcuno nel passato che non si è accontentato di abbracciare una fede ad occhi chiusi. Ed è proprio grazie a loro che noi, oggi, siamo quello che siamo.

 

Per cui...ben venga chi è in contatto telepatico con Gesù e con gli angeli.

Può aiutarci in questo lavoro di ricerca. :icon_biggrin:

 

P.S. E se al Gesù storico non interessava affatto elaborare e propagandare una sua teologia e una sua dottrina - quindi scriverla e divulgarla tramite testi e parole - ma interessava unicamente "mostrarcela con la sua vita"? Con i FATTI della sua vita e NON con le sue PAROLE? Te lo sei mai chiesta?

Essendo Gesù un maestro spirituale doveva ben sapere che nel momento stesso in cui tu rendi "idea concettuale" (quindi scrivendola) "la Verità", la stai - al tempo stesso - rendendo inaccessibile.

 

Mi viene sempre in mente la prima scimmia che decise di scendere dagli alberi e di camminare stando eretta. E con questo ha dato il via al percorso evolutivo che ha portato fino a noi.

Quella prima scimmia non ha creato una teologia, non l'ha propagandata, non ha cercato di convincere le altre scimmie della bontà e giustezza delle sue idee (ammesso e non concesso che potesse farlo). Si è limitata a FARLO.

Le altre scimmie hanno VISTO. Ed è stato proprio in quel VEDERE il gesto della prima scimmia scesa dagli alberi che si è aperta una nuova via per tutte le altre scimmie (o, almeno, in quelle che hanno VISTO in quel gesto la "novità potenziale" e "la Verità" in esso contenute).

 

Mai dimenticare questa profonda dinamica della vita, che i maestri spirituali di tutti i tempi ben conoscono.


Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.

#38 Lunanerina

Lunanerina

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3527 messaggi

Inviato 05 marzo 2017 - 04:47

Sarebbe grave se fosse così: vorrebbe dire che tutti i cristiani stanno appresso alle chiacchere del diavolo.

Infatti, il punto è questo: sono quelli che non sono cristiani che stanno appresso alle chiacchere del diavolo, e la grandissima parte delle persone nel mondo non lo sono. Non basta definirsi "cristiano", bisogna anche esserlo veramente.


"Il Signore ha dato, il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore" ( Giobbe 1:21 )


#39 Guest_cimena_*

Guest_cimena_*
  • Ospiti

Inviato 05 marzo 2017 - 09:07

Se consideriamo solo le lettere di Paolo abbiamo questa assoluta certezza:

- Le scritture (quelle autentiche di Paolo) sono SBAGLIATE.
- Le scritture (quelle dei falsi Paolo) sono una MENZOGNA.

I vangeli, che riprendono la stessa teologia Paolina, sono SBAGLIATI. E sono stati successivamente modificati con delle MENZOGNE.

Questo, ormai, è del tutto ovvio.
E non è un problema di traduzione, visto che i testi sono stati e vengono tutt'ora analizzati da studiosi seri esperti in lingue antiche.

Ormai non ci sono più appigli. Nè giusitifcazioni.
E' stata appurata la verità: le scritture sono SBAGLIATE e per correggere quegli errori sono state riempite di MENZOGNE.

So benissimo che per un credente è difficile da accettare.
Ma è anche vero che un credente dovrebbe essere un seguace della Verità.
E la Verità è inequivocabile: le scritture sono SBAGLIATE e sono state riempite di MENZOGNE dai preti.

Tu parli di cosa "dovrebbe" credere un credente.
E gia sul DOVREBBE marchi male.

Ma stai parlando un credente in COSA? O in CHI?
Cominciamo col chiarire che se TU sei un credente, si, ma credente in questo signore bolso di nome Bart Ehrman, per quanto lo stesso possa essere plurititolato (dal mondo e secondo le logiche della mondo) non puoi metterti a confronto con un credente in Cristo.
Non per la qualità tua ne' di un cristiano.

Ma per le qualità della persona in cui è riposta le fede.
Tu credi in un semplice uomo: un essere miserabile tronfio di se stesso.
Un cristiano crede in Cristo: Dio fattosi uomo.

Con queste credenziali misere, come puoi porti a sentenziare in cosa o in CHI "dovrebbe"credere un cristiano?
Dovrebbe? E perché mai? Tu ha mai fatto esperienza del divino? Hai mai avuto un'estasi? Sai cosa significa pregare avere fede?

Di COSA stai parlando, della religione delle virgole di cui vorresti ergerti a sacerdote?

Sei completamente digiuno di fede in Cristo, ed altrettanto completamente digiuno di mistica, non la capisci anzi non la contempli proprio, perché a te BASTA la realtà dei mondo: propria quella governata dal Principe di questa mondo.
Magari non è nemmeno un limite tuo, è che immerso come sei nella materia fisica, ritieni la mistica irrilevante e non l'hai studiata ne' approfondita, e come il più classico degli ignoranti disprezzi ciò a cui non arrivi. Perché tu nemmeno hai mai APERTO o letto i Vangeli: a te bastano i libri dell'ultimo arrivato pluridecorato di onorificenze, che non dubito che il pensiero massone di ansia desacralizzante si sia affrettato a riconoscergli, ora a lui, e prima di lui è toccato a a Biglino, quindi ritieni di averne abbastanza dei Vangeli, che conosci per sentito dire, e ti basta per credere di sapere già tutto quello che ci sia da sapere sui Vangeli e lo vuoi pure insegnare a chi ha fede? :rotfl:

Cioè TU vuoi insegnare la fede?
Il che a ben pensarci sembra un controsenso. :asdsi:
  • Lunanerina piace questo

#40 Myfriend

Myfriend

    Utente Esperto

  • Utenti
  • 3824 messaggi

Inviato 05 marzo 2017 - 10:17

Mi occupo di scienza e di verità storica.

La fede la lascio a te.

E la verità storica che emerge dalla analisi dei testi è inequivocabile e incontestabile:

- la teologia Paolina su cui si basa la chiesa cristiana era SBAGLIATA

- tale teologia è stata corretta successivamente con dei testi FALSI e quindi con delle MENZOGNE

 

Credimi, non c'è nulla di personale in questo.

 

Se la tua fede si basa su ERRORI e su MENZOGNE questo è un problema tuo.

Che tu devi risolvere con te stessa.

Per me puoi credere pure a babbo natale, se ti piace.

Quello in cui credi sono affari tuoi.


Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi