Vai al contenuto

CoseNascoste Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



La bufala di Ofiuco

Ofiuco Astrologia Al Rami zodiaco costellazioni

  • Per cortesia connettiti per rispondere
24 risposte a questa discussione

#1 Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*

Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*
  • Ospiti

Inviato 05 dicembre 2016 - 06:53

<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube....ed/mTW7hi-UF0g"frameborder="0" allowfullscreen></iframe>

La Nasa presume di sapere quali sono le basi astronomiche su cui si fonda il pensiero astrologico e per questo sbaglia clamorosamente
Nonostante l’equivoco sia stato chiarito numerose volte, si continua a diffondere sempre la solita falsa notizia circa il fatto che bisognerebbe aggiungere un tredicesimo segno zodiacale: Ofiuco.
In verità l’astrologia non si basa sulle costellazioni zodiacali come erroneamente lasciano a intendere quegli articoli di fine anno. Segni zodiacali e costellazioni hanno lo stesso nome, ma sono due cose diverse e questo era risaputo sin dai tempi di Ipparco di Nicea, quasi 200 anni prima di Cristo. Ne abbiamo testimonianza attraverso la lettura del Tetrabiblos di Tolomeo.
Vediamo di capire qual è la differenza tra costellazioni e segni zodiacali. Le costellazioni zodiacali sono la divisione dell’eclittica in parti disuguali a queste costituiscono lo zodiaco siderale che è usato dall’astrologia Indiana, ma non dagli astrologi occidentali. Il movimento di rivoluzione della Terra attorno al Sole fa sì che in un preciso momento dell’anno esso si frapponga a una precisa costellazione. Durante l’equinozio di primavera, Sole e Terra sono allineati verso la costellazione dei Pesci, e non dell’Ariete, a causa del fenomeno denominato precessione degli equinozi.
Tutto diverso è lo zodiaco tropico che invece è usato dagli astrologi occidentali, e che si basa sulla diversa inclinazione dei raggi solari rispetto all’asse terrestre. A seconda del punto dello spazio in cui la Terra si trova rispetto al Sole, i raggi solari saranno perpendicolari all’equatore o ai due tropici: quello del Cancro quando è estate nell’emisfero boreale, e quello del Capricorno, quando è inverno, sempre a nord equatore.
In questo video didattico possiamo notare che i raggi del Sole sono perpendicolari all’equatore e questo dà origine al segno dell’Ariete. Questo istante corrisponde all’equinozio di primavera ed è indipendente dalle stelle che ci sono sullo sfondo. Dopo circa un mese la Terra sarà avanzata ancora e i raggi del Sole giungeranno sulla Terra con un’inclinazione leggermente diverse rispetto alla precedente, e questo darà inizio al segno zodiacale del Toro e poi dei Gemelli e così via.
In estate (sempre rispetto all’emisfero boreale), i raggi solari saranno perpendicolari al tropico del Cancro e nasceranno persone sotto il segno del Cancro, a prescindere dalle costellazioni che ci sono sullo sfondo. Poi in inverno, quando la Terra sarà passata dall’altro lato del Sole avremo i raggi solari perpendicolari al tropico del Capricorno. Quindi nasceranno persone sotto questo segno zodiacale. Ogni segno nasce dalla diversa inclinazione dei raggi solari rispetto all’asse terrestre; il punto di inizio di questo zodiaco avviene all’equinozio di primavera e ciò corrisponde al segno dell’Ariete.
I segni sono dodici perché gli antichi astrologi usavano un calendario solilunare, cioè quello basato sul fatto che a un ciclo annuale corrispondono 12 lunazioni complete. Attraverso degli studi a carattere antropologico sono giunto alla conclusione che lo zodiaco siderale fosse usato prevalentemente nelle regioni equatoriali della Terra, mentre quello tropico fosse usato prevalentemente nelle regioni a nord dell’equatore. Infatti è chiaro che solo a latitudini superiori a quelle equatoriali è possibile accorgersi che, durante il corso dell’anno, il Sole sorge in luoghi differenti: da nordest a sudest. Questo evidentemente ha portato gli antichi a porre attenzione al Sole (e alla Luna), mentre l’attenzione per le stelle nasce in luoghi in cui le stagioni sono meno evidenti.
È altrettanto chiaro che durante il corso della storia vi sono state delle contaminazioni che hanno portato gli antichi astronomi-astrologi a fondere i due sistemi. Fatto sta che la visione siderale permane tutt’ora presso gli astrologi Indiani, mentre l’astrologo occidentale utilizza quest’altro punto di riferimento che invece si basa sull’inclinazione dei raggi solari. Pertanto, non ha alcun senso la pretesa di aggiungere un tredicesimo segno zodiacale visto che Ofiuco è una costellazione che attraversa l’eclittica dello zodiaco siderale. E abbiamo visto che l’astrologo occidentale non usa lo zodiaco siderale ma quello tropico.
Tuttavia solo alcuni astrologi che praticano l’astrologia Indiana stanno rivedendo il loro zodiaco per inserirvi Ofiuco. Noi altri ci dissociamo totalmente da questa pratica, dato che la nostra astrologia si basa su regole completamente diverse.
Bibliografia:
Astri e disastri -T. Neuberg- Fazi editore
Babilonia -P. Brusasco- Raffaello Cortina Editore
Lo zodiaco -F. Cumont- Adelphi
Storia dell’astrologia -Bold, Bezold, Gundel- Laterza
Dèi e miti -AA VV- S. Di Fraia Editore
Dispense di Antropologia culturale Prof.ssa Cardinali (facoltà di Psicologia)
Storia dell’astrologia -K. Von Stuckrad- Oscar Mondadori
Ciro Discepolo, lo scienziato delle stelle -P. Gargano- Guida editori
Mito e modernità -J. Campbell- Red edizioni
Antropologia strutturale -C.L. Strauss- Il Saggiatore
Il pensiero selvaggio -C.L. Strauss- Il Saggiatore
La nascita dell’astrologia -N. Campion- Astrolabio
La scrittura celeste -G. Pettinato- Mondadori
Nascita delle divinità e nascita dell’agricoltura -J. Cauvin- Jaca Book edizioni
L’Egitto degli astrologi -F. Cumont- Mimesis
Astroarcheologia, una scienza eretica -J. Michell- L’età dell’Acquario edizioni
Calendario lunario -G. Paltrinieri- Calderini editore
Archeoastronomia, la conoscenza del cosmo delle popolazioni antiche -A.Gaspani- Fonte di Connla edizioni
Dendera, la sacra terra della dea -A. Crasto- Ugiat
La storia volume 1, dalla preistoria all’antico Egitto -AA- De Agostini editore
Il cielo di Babilonia -M. Baigent- Marco Tropea Editore
Le origini dello zodiaco -R. Lentini- Iuppiter edizioni
Preistoria, l’alba della mente umana -C. Renfrew- piccola biblioteca Einaudi
Storia dell’astronomia -M. Hoskin- Bur edizioni
L’astronomia Egizia -C. Gallo- Muzzio editore
Gli architetti del tempo -Z. Sitchin- Pickwick Piemme edizioni
I Sumeri -G. Pettinato- Bompiani
Astrologia e religione presso i greci e i romani -F. Cumont- Mimesis edizioni
Astrologia storia e apocalisse -N.Campion- Astrolabio
La coscienza religiosa -J. Ries- Jaca Book
Impronte degli Dei -G. Hancoock- Tea edizioni
Catasterismi, l’origine la storia il mito delle costellazioni -G. Vanin- Edizioni Rheticus
Dio d’acqua -M. Griaule- Bompiani
La matematica delle civiltà arcaiche -L. Giacardi, C.S. Roero- Università popolare di Torino editore
Città scomparse -H.&G. Schreiber- Garzanti
L’ambiente nel mondo antico -L. Thommen- Il Mulino
Il mistero della genesi -R.Bauval & T. Brophy- Corbaccio
La scoperta dell’ombra -R. Casati- Editori Laterza
La Bibbia non parla di Dio -M. Biglino- Mondadori
Dizionario dei numeri -F.C. Endres & A.Schimmel- Red edizioni
La Bibbia in cielo H. Hurnard- Gribaudi edizioni
Il culto del sole -R. David- Arnoldo Mondadori editore
I misteri di Mithra -D.Ulansey- Edizioni mediterranee
                                                                                                Giuseppe Al Rami Galeota

  • Cthulhu e BleatmestBora piace questo

#2 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7526 messaggi

Inviato 06 dicembre 2016 - 08:13

Me ne farò una ragione! Ma dire che ofiuco è una bufala potrebbe far sorgere il dubbio che non esista, e invece c'è, eccome.
Però è vero che da secoli l'astrologia si basa su 12 segni zodiacali e tante ipotesi e tanta letteratura su questi segni, non si possono cambiare.
Restano i segni "classici" che però, guarda caso, ricordano, anzi, rispecchiano le costellazioni: pesci, bilancia, sagittario, vergine...etc.

#3 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 808 messaggi

Inviato 06 dicembre 2016 - 03:24

In realtà basta usare una comunissima mappa del cielo, o un'applicazione per il cellulare tipo skymap, per rendersi conto che l'Ofiuco non rientra nella cintura zodiacale ma si trova molto più all'esterno; solo un paio di stelle facenti parte della coda del serpente si infilano tra Scorpione e Sagittario. Quindi la bufala non è tanto l'esistenza della costellazione, ma il fatto che faccia parte dello Zodiaco.

 

Poi, ho l'impressione che il dividere le costellazioni dai segni sia un po' una paraculata da parte degli astrologi, così come lo è il fatto di negare che i segni abbiano una corrispondenza stagionale.

Il fatto è che la genesi dell'astrologia e i suoi meccanismi sono in parte misteriosi: non sappiamo esattamente come sia nata (presumiamo in epoca caldaica), come fosse strutturata al tempo, non sappiamo se segni e pianeti esercitino un'influenza di tipo magnetico o siano in correlazione quantistica con noi, o se siano semplicemente uno specchio simbolico e sincronico della nostra interiorità. Ognuno propende per una diversa ipotesi, ma la risposta certa non la abbiamo, e qualunque astrologo millanti di averla, sta solo millantando una conoscenza che non ha per agganciare proseliti.

 

Quello che sappiamo dall'osservazione pratica e che, sebbene i segni abbiano una simbologia legata alle stagioni, funzionano allo stesso modo anche a diverse latitudini (quindi il Cancro resta Cancro anche se in Argentina a Luglio fa freddo), e sappiamo che, nonostante i punti vernali si siano spostati, chi è nato dal 23 novembre al 23 dicembre presenta caratteristiche da Sole in Sagittario, e non in Scorpione (a meno di non ridefinire le caratteristiche stesse dei segni).

 

La deduzione, quindi, è che i segni siano una divisione dello spazio (c'è anche la teoria dei sette raggi della Bailey) che un tempo coincideva con certe costellazioni e ora non più, ma questo non spiega come mai in origine i nomi corrispondessero.

Personalmente, studiando la mitologia delle costellazioni, non trovo molte analogie con i segni; l'Aquario, secondo Hygino, è Ganimede, che con il segno c'entra ben poco, il Capricorno sarebbe il dio Pan, mentre lo Scorpione sarebbe quello che punse Orione dopo che egli violentò Artemide, e anche in questo caso le analogie sono poche. Per altri segni, come i Gemelli e il Sagittario, c'è effettivamente una corrispondenza di significati, anche se non esatta, però mi sembra un po' poco per far coincidere il tutto.

Può darsi che gli antichi, nominando ad esempio il segno dell'Ariete, sotto-intendessero: "la porzione dell'eclittica in cui si trova la costellazione dell'Ariete".

 

Quando Al Rami dice che "quando i raggi solari sono perpendicolari al tropico del Cancro nascono persone sotto il segno del Cancro", il rischio è di sottointendere che quell'inclinazione dei raggi ha UN'INFLUENZA sull'individuo, ma questo non è assolutamente provato. Jung ad esempio non la pensava così.

 

Morale della favola: studiamo l'astrologia con mente aperta, curiosa, fiduciosa, ma soprattutto CRITICA, non facciamoci accecare dai dogmi, e cerchiamo di stabilire da soli cosa ha senso per noi (che potrebbe pure essere il fatto che l'astrologia è una fregnaccia), anche perché gli astrologi sono quasi tutti in disaccordo tra loro e spesso, visto che sono in gran parte comari litigiose, non hanno nessuna intenzione di collaborare in nome della conoscenza, preferiscono porsi al di sopra degli altri per accaparrarsi una fetta di clienti più grande.


  • Bobbg e arjanedda piace questo

"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#4 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7526 messaggi

Inviato 06 dicembre 2016 - 04:02

Tutto è in movimento.
Dovremmo semplicemente seguire il movimento, adeguando il nostro passo
Stare fermi a informazioni che non cambiano è come seguire un oroscopo stilato alla nascita ma tenuto in gran conto per tutta la vita...
Eppure cambiamo per tutta la vita.
Penso che una fitta rete elettromagnetica, unisca tra di loro tutti i punti dell'universo, compresi noi.

Non vedo un'influenza strattonante, o che spinge a fare o a dire.
Ma
delicate sensazioni che ognuno percepisce a modo suo.
L'universo è vasto e comprende altro che pianeti e costellazioni.
Tanto altro.

#5 Anfiarao

Anfiarao

    Oracolo degli scettici.

  • Utenti
  • 782 messaggi

Inviato 07 dicembre 2016 - 11:27

Qualcosa non mi torna e cioè: premessa: io non me ne intendo di astrologia, tanto per  esser chiari. Poi...in pratica, è errato quindi quando si tracciano carte del cielo, oroscopi e roba varia usare 12 costellazioni e case? Alla fine si dovrebbe comprendere questo Ofiuco come tredicesimo segno  con tanto di casa? Ho fatto qualche ricerchina, i greci antichi la conoscevano e con tanto di indentikit...


 
Dietro l'apparente perfezione nostra, serpeggia la vita esclusa.   [cit.]
 
 
 

#6 Anthony Van De Boer

Anthony Van De Boer

    Utente Senior

  • Utenti
  • 808 messaggi

Inviato 08 dicembre 2016 - 01:32

No che non è errato. La costellazione certamente era conosciuta dai greci, era collegata ad Asclepio. Allo stesso modo conoscevano il Cigno, la Lira, l'Aquila e così via, ma non per questo facevano parte dei segni zodiacali. Lo zodiaco è una convenzione, volendo considerare tecnicamente tutte le costellazioni che i pianeti attraversano, dovremmo avere addirittura 22 segni, non solo l'Ofiuco.


"How did it go so fast", we'll say as we are looking back.


#7 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7526 messaggi

Inviato 08 dicembre 2016 - 03:58

http://www.oroscopo....simo-segno.html

Una costellazione dedicata a un uomo di scienza, merita!
E il serpente addomesticato?
Queste, secondo me, sono belle e utili storie o leggende.
Ma 12 era un numero perfetto....
Dietro l'apparente perfezione nostra, serpeggia la vita esclusa.
  • Anfiarao piace questo

#8 purple

purple

    Utente Per Aspera

  • Utenti
  • 3358 messaggi

Inviato 08 dicembre 2016 - 12:46

Questa questione dell'Ofiuco è abbastanza superficiale, anche se i detrattori dell'astrologia ci marciano da quasi un secolo. I segni usati dagli astrologi dell'antichità, erano pensati anche in rapporto alla scienza dei numeri, matematica e geometria. Si era costruito un sistema che rispecchiava le conoscenze esoteriche legate ai numeri: 12 segni, divisi in 4 elementi (3 segni di fuoco, 3 di terra etc...), 3 qualità (cardinale, fisso mobile). Il tutto messo in rapporto geometrico all'interno dei 360° del cerchio (opposizioni=diametro, quadrature=quadrato inscritto nel cerchio etc...). Per la questione delle armoniche date dalle corde nel cerchio zodiacale, ne hanno parlato Newton e Keplero.

Il discorso che l'Ofiuco si trovi nello zodiaco, nasce fondamentalmente nel 1922, quando l'Unione Astronomica Internazionale (scienziati cioè), ha stabilito i confini delle costellazioni in un certo modo. Per come li hanno costruiti loro, l'Ofiuco risulta essere sia nella fascia zodiacale che sull'eclittica. Metto un'immagine, dove si vede che nel disegnare i confini hanno tagliato una chela dello Scorpione. Se avessero deciso di disegnare il confine diversamente, l'Ofiuco non sarebbe sull'eclittica. E non è che i confini delle costellazioni abbiano ragioni fisiche, tipo che le stelle di una costellazione sono legate gravitazionalmente tra loro, ma sono perfettamente arbitrari.

 

https://www.google.i...0-UjmcyfmDKl0M:


  • Anthony Van De Boer piace questo

#9 Anfiarao

Anfiarao

    Oracolo degli scettici.

  • Utenti
  • 782 messaggi

Inviato 08 dicembre 2016 - 10:33

http://www.oroscopo....simo-segno.html

Una costellazione dedicata a un uomo di scienza, merita!
E il serpente addomesticato?
Queste, secondo me, sono belle e utili storie o leggende.
Ma 12 era un numero perfetto....
Dietro l'apparente perfezione nostra, serpeggia la vita esclusa.

 

Questa è poesia, me la metto in firma  :icon_smile: Comunque, in un certo senso, questa frase ha una profonda verità: Asclepio osò resuscitare un morto, Zeus lo folgorò per questo, ma non per la resurrezione in se, più che altro avrebbe dato inizio ad " un ordine nuovo".


  • arjanedda piace questo
 
Dietro l'apparente perfezione nostra, serpeggia la vita esclusa.   [cit.]
 
 
 

#10 arjanedda

arjanedda

    Utente Senior

  • Utenti
  • 7526 messaggi

Inviato 09 dicembre 2016 - 05:20

Grazie Anfiarao!
  • Anfiarao piace questo

#11 Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*

Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*
  • Ospiti

Inviato 13 gennaio 2017 - 07:19

Me ne farò una ragione! Ma dire che ofiuco è una bufala potrebbe far sorgere il dubbio che non esista, e invece c'è, eccome.
Però è vero che da secoli l'astrologia si basa su 12 segni zodiacali e tante ipotesi e tanta letteratura su questi segni, non si possono cambiare.
Restano i segni "classici" che però, guarda caso, ricordano, anzi, rispecchiano le costellazioni: pesci, bilancia, sagittario, vergine...etc.

Ofiuco esiste come costellazione, ma non come segno. I nomi delle costellazioni e dei segni sono gli stessi e proprio per questo motivo che in effetti si è creato l'equivoco. E i nomi sono gli stessi perché prima di scoprire lo zodiaco tropico gli antichi conoscevano solo quello siderale. 



#12 Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*

Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*
  • Ospiti

Inviato 13 gennaio 2017 - 07:24

In realtà basta usare una comunissima mappa del cielo, o un'applicazione per il cellulare tipo skymap, per rendersi conto che l'Ofiuco non rientra nella cintura zodiacale ma si trova molto più all'esterno; solo un paio di stelle facenti parte della coda del serpente si infilano tra Scorpione e Sagittario. Quindi la bufala non è tanto l'esistenza della costellazione, ma il fatto che faccia parte dello Zodiaco.

 

Poi, ho l'impressione che il dividere le costellazioni dai segni sia un po' una paraculata da parte degli astrologi, così come lo è il fatto di negare che i segni abbiano una corrispondenza stagionale.

Il fatto è che la genesi dell'astrologia e i suoi meccanismi sono in parte misteriosi: non sappiamo esattamente come sia nata (presumiamo in epoca caldaica), come fosse strutturata al tempo, non sappiamo se segni e pianeti esercitino un'influenza di tipo magnetico o siano in correlazione quantistica con noi, o se siano semplicemente uno specchio simbolico e sincronico della nostra interiorità. Ognuno propende per una diversa ipotesi, ma la risposta certa non la abbiamo, e qualunque astrologo millanti di averla, sta solo millantando una conoscenza che non ha per agganciare proseliti.

 

Quello che sappiamo dall'osservazione pratica e che, sebbene i segni abbiano una simbologia legata alle stagioni, funzionano allo stesso modo anche a diverse latitudini (quindi il Cancro resta Cancro anche se in Argentina a Luglio fa freddo), e sappiamo che, nonostante i punti vernali si siano spostati, chi è nato dal 23 novembre al 23 dicembre presenta caratteristiche da Sole in Sagittario, e non in Scorpione (a meno di non ridefinire le caratteristiche stesse dei segni).

 

La deduzione, quindi, è che i segni siano una divisione dello spazio (c'è anche la teoria dei sette raggi della Bailey) che un tempo coincideva con certe costellazioni e ora non più, ma questo non spiega come mai in origine i nomi corrispondessero.

Personalmente, studiando la mitologia delle costellazioni, non trovo molte analogie con i segni; l'Aquario, secondo Hygino, è Ganimede, che con il segno c'entra ben poco, il Capricorno sarebbe il dio Pan, mentre lo Scorpione sarebbe quello che punse Orione dopo che egli violentò Artemide, e anche in questo caso le analogie sono poche. Per altri segni, come i Gemelli e il Sagittario, c'è effettivamente una corrispondenza di significati, anche se non esatta, però mi sembra un po' poco per far coincidere il tutto.

Può darsi che gli antichi, nominando ad esempio il segno dell'Ariete, sotto-intendessero: "la porzione dell'eclittica in cui si trova la costellazione dell'Ariete".

 

Quando Al Rami dice che "quando i raggi solari sono perpendicolari al tropico del Cancro nascono persone sotto il segno del Cancro", il rischio è di sottointendere che quell'inclinazione dei raggi ha UN'INFLUENZA sull'individuo, ma questo non è assolutamente provato. Jung ad esempio non la pensava così.

 

Morale della favola: studiamo l'astrologia con mente aperta, curiosa, fiduciosa, ma soprattutto CRITICA, non facciamoci accecare dai dogmi, e cerchiamo di stabilire da soli cosa ha senso per noi (che potrebbe pure essere il fatto che l'astrologia è una fregnaccia), anche perché gli astrologi sono quasi tutti in disaccordo tra loro e spesso, visto che sono in gran parte comari litigiose, non hanno nessuna intenzione di collaborare in nome della conoscenza, preferiscono porsi al di sopra degli altri per accaparrarsi una fetta di clienti più grande.

Infatti molto di quel che lei afferma è sensato. Il suo commento è molto lungo ma in parte ho risposto nel commento precedente al dubbio circa il nome dei segni e delle costellazioni. Perciò non è una "paraculata" ma qualcosa accaduta ai tempi di Ipparco di Nicea.



#13 Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*

Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*
  • Ospiti

Inviato 13 gennaio 2017 - 07:27

Qualcosa non mi torna e cioè: premessa: io non me ne intendo di astrologia, tanto per  esser chiari. Poi...in pratica, è errato quindi quando si tracciano carte del cielo, oroscopi e roba varia usare 12 costellazioni e case? Alla fine si dovrebbe comprendere questo Ofiuco come tredicesimo segno  con tanto di casa? Ho fatto qualche ricerchina, i greci antichi la conoscevano e con tanto di indentikit...

Se lei legge l'articolo di cui sopra capirà ogni cosa e si leverà ogni dubbio. 



#14 Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*

Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*
  • Ospiti

Inviato 13 gennaio 2017 - 07:28

http://www.oroscopo....simo-segno.html

Una costellazione dedicata a un uomo di scienza, merita!
E il serpente addomesticato?
Queste, secondo me, sono belle e utili storie o leggende.
Ma 12 era un numero perfetto....
Dietro l'apparente perfezione nostra, serpeggia la vita esclusa.

Mi pare di aver spiegato il motivo del 12. Nulla di mistico e trascendentale: solo che 12 è il numero delle lunazioni complete in un anno a partire dal solstizio d'estate.



#15 Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*

Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*
  • Ospiti

Inviato 13 gennaio 2017 - 07:31

Questa questione dell'Ofiuco è abbastanza superficiale, anche se i detrattori dell'astrologia ci marciano da quasi un secolo. I segni usati dagli astrologi dell'antichità, erano pensati anche in rapporto alla scienza dei numeri, matematica e geometria. Si era costruito un sistema che rispecchiava le conoscenze esoteriche legate ai numeri: 12 segni, divisi in 4 elementi (3 segni di fuoco, 3 di terra etc...), 3 qualità (cardinale, fisso mobile). Il tutto messo in rapporto geometrico all'interno dei 360° del cerchio (opposizioni=diametro, quadrature=quadrato inscritto nel cerchio etc...). Per la questione delle armoniche date dalle corde nel cerchio zodiacale, ne hanno parlato Newton e Keplero.

Il discorso che l'Ofiuco si trovi nello zodiaco, nasce fondamentalmente nel 1922, quando l'Unione Astronomica Internazionale (scienziati cioè), ha stabilito i confini delle costellazioni in un certo modo. Per come li hanno costruiti loro, l'Ofiuco risulta essere sia nella fascia zodiacale che sull'eclittica. Metto un'immagine, dove si vede che nel disegnare i confini hanno tagliato una chela dello Scorpione. Se avessero deciso di disegnare il confine diversamente, l'Ofiuco non sarebbe sull'eclittica. E non è che i confini delle costellazioni abbiano ragioni fisiche, tipo che le stelle di una costellazione sono legate gravitazionalmente tra loro, ma sono perfettamente arbitrari.

 

https://www.google.i...0-UjmcyfmDKl0M:

Ma siccome l'astrologia non si basa sulle stelle e sulle costellazioni, questo ragionamento non è pertinente anche se è corretto. Tutto giusto, ma dei confini delle costellazioni all'astrologia non interessa. Grazie comunque del suo prezioso contributo.



#16 Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*

Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*
  • Ospiti

Inviato 14 gennaio 2017 - 10:54

 

Quando Al Rami dice che "quando i raggi solari sono perpendicolari al tropico del Cancro nascono persone sotto il segno del Cancro", il rischio è di sottointendere che quell'inclinazione dei raggi ha UN'INFLUENZA sull'individuo, ma questo non è assolutamente provato. Jung ad esempio non la pensava così.

 

Morale della favola: studiamo l'astrologia con mente aperta, curiosa, fiduciosa, ma soprattutto CRITICA, non facciamoci accecare dai dogmi, e cerchiamo di stabilire da soli cosa ha senso per noi (che potrebbe pure essere il fatto che l'astrologia è una fregnaccia), anche perché gli astrologi sono quasi tutti in disaccordo tra loro e spesso, visto che sono in gran parte comari litigiose, non hanno nessuna intenzione di collaborare in nome della conoscenza, preferiscono porsi al di sopra degli altri per accaparrarsi una fetta di clienti più grande.

Non so quale possa essere il rischio sottinteso, ma se così fosse sarebbe un po' come affermare che il suono della campanella è causa dell'uscita dei ragazzini dalla scuola. È solo un segnale. 

 

In realtà studiare le cose con mente aperta non corrisponde al fatto che l'astrologia potrebbe essere una fregnaccia perché gli astrologi moderni (non tutti ma il sottoscritto sì) sono ricercatori e scienziati, non maghi e fatticchieri che credono a una fede. Ed è verissimo che gli astrologi siano comari litigiose e primedonne dalla presunzione smisurata. Ma lo stesso si trova nelle fazioni opposte: quando la NASA dice che l'astrologia dovrebbe includere un 13° segno abusa di un potere che non dispone, ossia non ne sa assolutamente nulla di astrologia e per questo inganna e disinforma. Quale presunzione maggiore di chi parla di ciò che non conosce? Quindi il problema è da entrambe le parti: da un lato la superbia della scienza ufficiale; e dall'altro l'ignoranza di certi (quasi tutti) gli astrologi.



#17 tornado

tornado

    Utente Intergalattico

  • Utenti
  • 17727 messaggi

Inviato 14 gennaio 2017 - 05:43

Giuseppe Galeota Al Rami

 

Non solo non mi ha mai convinto questa storia di Ofiuco, ma leggendo un articolo sul 13° segno, vengono fatte date e periodi che non ne capisco la logica :nono:

 

Infatti il mio segno Vergine, che corrispondo al 100% in carattere e personalità, dato che sono nato il 1* settembre e quindi sono una Vergine Pura  :o l'articolo in questione http://www.rainews.i...071e898d51.html asserisce che la Vergine sarebbe dal 17 settembre al 31 ottobre  :icon_eek:  Io posso capire che con l'inclusione del 13° segno, i periodi di riferimento ad ogni segno dovrebbero essere più brevi rispetto a quelli che sono con i soliti 12 segni, ossia 28 giorni circa (365 diviso 13)  Ma con il 13° segno addirittura il periodo della Vergine non solo sarebbe ritardato di quasi un mese, ma addirittura durerebbe 44 giorni  :huh:


330x242_placeholder2.jpg


#18 Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*

Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*
  • Ospiti

Inviato 19 gennaio 2017 - 11:50

Giuseppe Galeota Al Rami

 

Non solo non mi ha mai convinto questa storia di Ofiuco, ma leggendo un articolo sul 13° segno, vengono fatte date e periodi che non ne capisco la logica :nono:

 

Infatti il mio segno Vergine, che corrispondo al 100% in carattere e personalità, dato che sono nato il 1* settembre e quindi sono una Vergine Pura  :o l'articolo in questione http://www.rainews.i...071e898d51.html asserisce che la Vergine sarebbe dal 17 settembre al 31 ottobre  :icon_eek:  Io posso capire che con l'inclusione del 13° segno, i periodi di riferimento ad ogni segno dovrebbero essere più brevi rispetto a quelli che sono con i soliti 12 segni, ossia 28 giorni circa (365 diviso 13)  Ma con il 13° segno addirittura il periodo della Vergine non solo sarebbe ritardato di quasi un mese, ma addirittura durerebbe 44 giorni  :huh:

La cosa dimostra ancor di più la disinformazione di certi astrologi e di chi diffonde queste notizie. Le costellazioni hanno dimensione disuguale e perciò la terra impiega, a seconda della loro estensione, più o meno tempo rispetto ad altre per percorrerle. Per esempio quella della Vergine è una costellazione molto lunga rispetto a quella dell Ariete che è cortissima. Quindi, per logica, per attraversare una più lunga ci vuole più tempo. Già questo dovrebbe far comprendere che l'astrologia non si basa sulle costellazioni se il tempo che la Terra impiega per percorrere ogni segno è uguale per ogni segno: un mese. Se venissero usate le costellazioni allora sarebbe giusto e sensato che ogni segno durasse in maniera disuguale. Ma gli antichi, che non erano stupidi come certi scienziati di oggi, lo sapevano che i confini delle costellazioni sono arbitrari, che possono anche cambiare col tempo.E allora da quale punto bisogna far cominciare una data costellazione? Gli antichi scelsero di far cominciare lo zodiaco dalla stella più luminosa del Toro, Aldebaran. Poi divisero il cielo in 12 parti uguali. Questo significa che già anticamente i settori si compenetravano, che nello stesso settore potevano cadere anche pezzi di altre costellazioni adiacenti. Quindi era relativo il discorso delle stelle. I Greci in periodo ellenistico vollero risolvere tutto questo pasticcio e perciò compresero che il punto d'inizio dello zodiaco non doveva essere una stella, ma l'equinozio di primavera. E delle stelle che in quel momento si trovavano sullo sfondo non le usarono più. E da ciò deriva l'astrologia di oggi. 


  • tornado piace questo

#19 Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*

Guest_Giuseppe Galeota Al Rami_*
  • Ospiti

Inviato 19 gennaio 2017 - 11:52

Quindi: è giusto dire che chi diffonde certe notizie false è ignorantissimo e non conosce la storia dello zodiaco?



#20 silvya

silvya

    kkkhhh??

  • Utenti
  • 9411 messaggi

Inviato 20 gennaio 2017 - 03:47

..hm io il dio pan a suo tempo lo riconoscevo abbastanza però nel capricorno, mi ricordo, 50% , forse quando si parla di miti la parte più difficile è che, si intendono le cose migliori di quel carattere con annessi situazioni ideali


s.






Anche taggato con Ofiuco, Astrologia, Al Rami, zodiaco, costellazioni

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi